54113–54128 di 63547 risultati

Storia dei magazine di fantascienza P2

Per festeggiare il primo numero di Pulp cosa poteva essere più adatto della Storia dei Magazine di Fantascienza raccontata da Mike Ashley? Le quattro lunghe introduzioni, che da sole equivalgono ad un libro, raccontano in modo particolareggiato 40 anni di vita dei Magazine. Ad accompagnarle 40 racconti, uno per ciascun anno trattato. In Italia sono stato pubblicati in tre volumi dell’Enciclopedia della Fantascienza Fanucci: Porte Sul Futuro, Astronavi Alla Conquista e I Mondi Del Possibile. Ecco i racconti presentati: 1926 (Amazing Stories): G. PEYTON WERTENBAKER: E vennero i ghiacci 1927 (Amazing Stories): FRANCIS FLAGG: L’Uomo-Macchina di Ardathia 1928 (Amazing Stories Quarterly): R. F. STARZL: Venuti dal sub-universo 1929 (Science Wonder Stories): D. D. SHARP: L’uomo eterno 1930 (Astounding Stories of Super-Science): CHARLES WILLARD DIFFIN: Il potere e la gloria 1931 (Amazing Stories): LLOYD ARTHUR ESHBACH: Un messaggio dall’etere 1932 (Wonder Stories Quarterly): CLIFFORD D. SIMAK: La voce nel vuoto 1933 (Wonder Stories): EDMOND HAMILTON: L’uomo dagli occhi a raggi X 1934 (Wonder Stories): PHILIP BARSHOFSKY: Una notte preistorica 1935 (Astounding Stories): RAYMOND Z. GALLUN: Relitto 1936 (Astounding Stories): STANLEY G. WEINBAUM: L’isola di Proteo 1937 (Astounding Stories): ERIC FRANK RUSSELL – LESLIE J. JOHNSON: Il Cercatore del Domani 1938 (Marvel Science Stories): JACK WILLIAMSON: Il Punto Morto 1939 (Amazing Stories): WILLIAM F. TEMPLE: Il triangolo quadrilatero 1940 (Planet Stories): NEIL R. JONES: L’eremita degli anelli di Saturno 1941 (Stirring Science Stories): ROBERT A. W. LOWNDES: L’abisso 1942 (Science Fiction Quarterly): DONALD A. WOLLHEIM: Lassù 1943 (Super Science Stories): ROBERT BLOCH: Il pianeta della paura 1944 (Startling Stories): JOHN RUSSELL FEARN: Vagabondo del tempo 1945 (Astounding Science Fiction): MURRAY LEINSTER: Situazione difficile 1946 (Astounding): THEODORE STURGEON: Monumento 1947 (Fantasy): ARTHUR C. CLARKE: I Fuochi dell’Abisso 1948 (Startling Stories): HENRY KUTTNER: Adesso non guardi 1949 (Thrilling Wonder): RAY BRADBURY: Caleidoscopio 1950 (Galaxy): DAMON KNIGHT: Come servire l’uomo 1951 (Super Science Stories): POUL ANDERSON: Grido alle stelle 1952 (Amazing Stories): ROSS ROCKLYNNE: Volare più in alto 1953 (Amazing Stories): RICHARD MATHESON: L’ultimo giorno 1954 (Galaxy): ROBERT SHECKLEY: Giù le mani 1955 (Science Fantasy): E.C. TUBB: La scommessa 1956 (Authentic Science Fiction): KENNETH BULMER: Il figlio del Signor Culpeper 1957 (Nebula): BRIAN W. ALDISS: Tutte le lacrime del mondo 1958 (Infinity): ROBERT SILVERBERG: Ozymandias 1959 (Future): KATE WILHELM: L’amore e le stelle 1960 (Fantasy And Science Fiction): DANIEL KEYES: Maro il pazzo 1961 (New Worlds): J. G. BALLARD: L’uomo sovraccarico 1962 (New Worlds): HARRY HARRISON: Le strade di Ashkelon 1963 (If): A. E. VAN VOGT: I sacrificabili 1964 (Analog): ARTHUR PORGES: Un bambino difficile 1965 (Amazing Stories): JOHN BRUNNER: La parola è d’argento

Storia dei magazine di fantascienza P1

Per festeggiare il primo numero di Pulp cosa poteva essere più adatto della Storia dei Magazine di Fantascienza raccontata da Mike Ashley? Le quattro lunghe introduzioni, che da sole equivalgono ad un libro, raccontano in modo particolareggiato 40 anni di vita dei Magazine. Ad accompagnarle 40 racconti, uno per ciascun anno trattato. In Italia sono stato pubblicati in tre volumi dell’Enciclopedia della Fantascienza Fanucci: Porte Sul Futuro, Astronavi Alla Conquista e I Mondi Del Possibile. Ecco i racconti presentati: 1926 (Amazing Stories): G. PEYTON WERTENBAKER: E vennero i ghiacci 1927 (Amazing Stories): FRANCIS FLAGG: L’Uomo-Macchina di Ardathia 1928 (Amazing Stories Quarterly): R. F. STARZL: Venuti dal sub-universo 1929 (Science Wonder Stories): D. D. SHARP: L’uomo eterno 1930 (Astounding Stories of Super-Science): CHARLES WILLARD DIFFIN: Il potere e la gloria 1931 (Amazing Stories): LLOYD ARTHUR ESHBACH: Un messaggio dall’etere 1932 (Wonder Stories Quarterly): CLIFFORD D. SIMAK: La voce nel vuoto 1933 (Wonder Stories): EDMOND HAMILTON: L’uomo dagli occhi a raggi X 1934 (Wonder Stories): PHILIP BARSHOFSKY: Una notte preistorica 1935 (Astounding Stories): RAYMOND Z. GALLUN: Relitto 1936 (Astounding Stories): STANLEY G. WEINBAUM: L’isola di Proteo 1937 (Astounding Stories): ERIC FRANK RUSSELL – LESLIE J. JOHNSON: Il Cercatore del Domani 1938 (Marvel Science Stories): JACK WILLIAMSON: Il Punto Morto 1939 (Amazing Stories): WILLIAM F. TEMPLE: Il triangolo quadrilatero 1940 (Planet Stories): NEIL R. JONES: L’eremita degli anelli di Saturno 1941 (Stirring Science Stories): ROBERT A. W. LOWNDES: L’abisso 1942 (Science Fiction Quarterly): DONALD A. WOLLHEIM: Lassù 1943 (Super Science Stories): ROBERT BLOCH: Il pianeta della paura 1944 (Startling Stories): JOHN RUSSELL FEARN: Vagabondo del tempo 1945 (Astounding Science Fiction): MURRAY LEINSTER: Situazione difficile 1946 (Astounding): THEODORE STURGEON: Monumento 1947 (Fantasy): ARTHUR C. CLARKE: I Fuochi dell’Abisso 1948 (Startling Stories): HENRY KUTTNER: Adesso non guardi 1949 (Thrilling Wonder): RAY BRADBURY: Caleidoscopio 1950 (Galaxy): DAMON KNIGHT: Come servire l’uomo 1951 (Super Science Stories): POUL ANDERSON: Grido alle stelle 1952 (Amazing Stories): ROSS ROCKLYNNE: Volare più in alto 1953 (Amazing Stories): RICHARD MATHESON: L’ultimo giorno 1954 (Galaxy): ROBERT SHECKLEY: Giù le mani 1955 (Science Fantasy): E.C. TUBB: La scommessa 1956 (Authentic Science Fiction): KENNETH BULMER: Il figlio del Signor Culpeper 1957 (Nebula): BRIAN W. ALDISS: Tutte le lacrime del mondo 1958 (Infinity): ROBERT SILVERBERG: Ozymandias 1959 (Future): KATE WILHELM: L’amore e le stelle 1960 (Fantasy And Science Fiction): DANIEL KEYES: Maro il pazzo 1961 (New Worlds): J. G. BALLARD: L’uomo sovraccarico 1962 (New Worlds): HARRY HARRISON: Le strade di Ashkelon 1963 (If): A. E. VAN VOGT: I sacrificabili 1964 (Analog): ARTHUR PORGES: Un bambino difficile 1965 (Amazing Stories): JOHN BRUNNER: La parola è d’argento

Storia d’Italia. Il cammino tormentato di una nazione 1861-2016

Dall’evoluzione dell’Italia unita dalle origini fino ai primi anni Novanta del XX secolo emergono tre principali caratteristiche reciprocamente correlate in un contesto che ha visto il succedersi di tipi di Stato e di regimi politici (il liberale, il fascista, entrambi monarchici, e il democratico-repubblicano) opposti per le loro caratteristiche politiche e istituzionali. La prima è che la contrapposizione delle forme di governo ha impresso alla storia dello Stato un segno di profonda discontinuità. La seconda è che in ciascuno dei tre tipi di Stato le forze di opposizione d’impronta radicale sono state costantemente considerate dalle forze di governo come pericolosi soggetti «anti-sistema», ai quali occorreva sbarrare la strada al potere; e che le forze escluse dall’area del potere hanno individuato in quelle dominanti gli strumenti di classi dirigenti oppressive. Conseguenza è stata che per oltre centotrent’anni i sistemi politici hanno protratto la propria esistenza in una condizione di «eccezionalità »: l’impossibilità per l’opposizione di accedere alla guida del Paese. La terza caratteristica è che le classi politiche di governo e i ceti più elevati hanno sistematicamente reagito arroccandosi in blocchi di potere oligopolistici (nei casi del regime liberale monarchico e di quello democratico-repubblicano) o monopolistici (nel caso del regime fascista) contro le forze ritenute non legittimate a governare. Il venir meno dei blocchi di potere agli inizi degli anni Novanta e il formarsi di schieramenti in competizione non ha prodotto né stabilità né la necessaria innovazione istituzionale.
**

Storia d’amore

Paola è una ragazza serena: non ci sono traumi nella sua vita, non ci sono passioni e nemmeno colpi di testa. Le sue giornate scorrono tranquille tra le lezioni all’università e il lavoro di illustratrice.Finché il commento di un’amica non le mette una strana smania addosso: stufa di essere la classica brava ragazza, Paola accetta un incarico che la porta in Grecia, dritta tra le braccia di Alfredo, il suo primo, infiammato amore. Da quell’avventura scapestrata però nasce una bambina, Michela, che cambia di colpo le carte in tavola. Soprattutto quando il lavoro del padre mette in pericolo la vita della piccola e il dramma improvvisamente arriva a sconvolgere la placida esistenza di Paola.
**
### Sinossi
Paola è una ragazza serena: non ci sono traumi nella sua vita, non ci sono passioni e nemmeno colpi di testa. Le sue giornate scorrono tranquille tra le lezioni all’università e il lavoro di illustratrice.Finché il commento di un’amica non le mette una strana smania addosso: stufa di essere la classica brava ragazza, Paola accetta un incarico che la porta in Grecia, dritta tra le braccia di Alfredo, il suo primo, infiammato amore. Da quell’avventura scapestrata però nasce una bambina, Michela, che cambia di colpo le carte in tavola. Soprattutto quando il lavoro del padre mette in pericolo la vita della piccola e il dramma improvvisamente arriva a sconvolgere la placida esistenza di Paola.

Storia catastrofica di te e di me

«E lui ti dice che sei bella e tutt’a un tratto lo sei.
Ma ho una notizia da darvi: è un gran casino, in realtà, un gigantesco incubo che vi esploderà in mano. Non avete idea del pasticcio in cui vi siete ficcate. L’amore non è un gioco.
Le persone ci si tagliano le orecchie.
Ci si buttano dalla Torre Eiffel, oppure vendono tutto quello che hanno per trasferirsi tipo in Alaska e vivere con gli orsi grizzly, e poi finiscono sbranate e nessuno le sente urlare aiuto. Ecco com’è: innamorarsi è più o meno come essere divorati da un grizzly.
E credetemi, io lo so».
Brie muore all’improvviso. A sedici anni.
Col cuore, letteralmente, spezzato in due.
Nell’istante esatto in cui si sente dire da Jacob che non la ama più.
Ma questo è solo l’inizio della storia.
Dal suo punto di osservazione in Paradiso Brie finalmente capisce un sacco di cose.
Che il matrimonio dei suoi sta proprio andando a rotoli.
Che il fratello Jack non riesce a perdonarle di essere morta.
Ricominciare da capo quando si ha il cuore a pezzi non è facile. Specie in un posto tutto nuovo. Ma una figura davvero celestiale comparirà presto ad accompagnare Brie nel suo paradisiaco futuro.

Stirpe di lupo

Quando questa serie apparve su Weird Tales all’inizio degli anni Trenta, riscosse immediatamente un enorme successo. Un alieno proveniente da una lontana galassia, atterrato in prossimità di Babilonia, viene raggirato da una strega locale che, con un incantesimo, lo racchiude nel corpo di un essere umano. Uccisa la strega in un impeto di furia irrazionale, egli non ha più la possibilità di fare ritorno al natio pianeta di Nitrhys e, da questo momento, sfoga la sua rabbia e il suo odio contro tutto il genere umano, in particolare contro i discendenti della strega che lo ha incatenato alla Terra. La narrazione copre un vastissimo arco di tempo, e ci porta attraverso tutta una serie di grandi avvenimenti storici quali la disfatta della Grande Armada, la Guerra dei Trent’Anni, l’Inquisizione e la scoperta del Nuovo Mondo, per arrivare a concludersi ai giorni nostri con un finale veramente singolare.

Stiamo lavorando per voi

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, durante un viaggio stressante verso una località di villeggiatura, con la macchina diventata un forno crematorio per il clima canicolare, non ha dovuto sopportare almeno un paio d'ore di coda perché un cantiere — spesso misteriosamente deserto — riduceva l’autostrada a una mezza corsia, con un trionfante cartello che ammoniva, falsamente consolatorio, «Stiamo lavorando per voi». Sì, «Stiamo lavorando per voi» è un motto inflazionato in Italia, paese dove tutti sembrano aver consacrato la propria vita a beneficio degli altri. Operai dell’Enel, netturbini, addetti alle Usi, politici, negozianti, pubblici ufficiali tutti lavorano per noi facendoci impazzire con trovate che solo una mente maligna può concepire, perseguitandoci con l’aria di volere pensare al nostro bene. Qualche esempio? Presto fatto. L’acqua di una grande città è inquinata in maniera preoccupante? Niente paura: si può sempre alzare la soglia di bacteri, pesticidi & company. Ottenere un certificato è diventata la tredicesima fatica d’Èrcole e ci costringe a file interminabili sotto lo sguardo indifferente di cinici burocrati? Non perdiamo la calma e soprattutto ricordiamoci che chi è al di là dello sportello sta lavorando per noi… In questo suo nuovo libro Luca Goldoni ci conduce con sarcasmo e ironia nell’Italia degli scioperi, dei mondiali di calcio, dei saldi di fine stagione, delle polemiche sull’ora di religione, dell'ecologia, delle colf, dei medicinali che finiscono gettati in una pattumiera. Un viaggio in un paese dove spesso l’illogico, il grottesco e il paradossale sono la regola e dove gli altri passano la maggior parte del loro tempo a lavorare per noi. Ma se lavorassero meno, ci ammonisce sorridendo Luca Goldoni, probabilmente staremmo molto meglio.

Stelle di cannella

Berlino, 1932. Il partito nazista partecipa alle elezioni e vince con un forte consenso: da questo momento la vita di tutti, anche delle persone più tranquille, viene sconvolta dalla propaganda antisemita. David e Fritz, fino a pochi mesi prima amici per la pelle, non si frequentano più, perché il primo è ebreo e il secondo entra nella Jungvolk, un’associazione giovanile fortemente razzista e paramilitare. Con i suoi commilitoni, Fritz compie gesti di violenza nei confronti del ragazzo e della sua famiglia. Anche Lene, la sorellastra, affezionatissima a David e al patrigno, a poco a poco si allontana dalla famiglia, influenzata dal marito. Gli unici che non subiscono i condizionamenti della propaganda hitleriana sono due gatti, il nero Koks, che appartiene a David, e la bianca Muschi, che appartiene a Fritz. Ma la crudeltà di questi finirà per colpire anche Koks, colpevole, lui gatto “ebreo”, di aver sedotto la gattina “ariana”, che ha dato alla luce cuccioli neri.

Stelle come polvere

Dov’è il pianeta della rivolta? Nel mondo dei Regni Nebulari, immenso arcipelago spaziale di pianeti abitati, di là della nebulosa nera chiamata Testa di Cavallo, tutti sono alla sua ricerca. I Tyrannici, rude popolo di dominatori, lo cercano per distruggerlo. L’Autarca di Lingane lo cerca per farne il punto di appoggio della sua congiura. Il giovane Biron – un semplice studente, anche se di famiglia illustre – lo cerca perché non può farne a meno, inseguito dagli eventi che lo portano, per così dire, “fuori della propria pelle”. Solo quando avrà definitivamente e completamente risolto l’enigma egli potrà tornare ad essere veramente se stesso.

Stelle & stellette

Nel 1976 la casa editrice Quadragono libri chiese ad Umberto Eco di scrivere un vivace testo di fantascienza per affiancarlo a delle illustrazioni di Philippe Druillet, raffiguranti guerrieri galattici di ogni sorta.
Un libretto in cui la fantasia dell’autore, mista a un sottile senso di ironia verso le “stellette” ed ogni forma di gerarchia militare, trascina il lettore fra pianeti sconosciuti abitati da creature di ogni forma e dimensione, così abituate alla guerra che ormai essa viene considerata uno sport. Come nelle antiche arene romane in cui i gladiatori combattevano per la gioia del pubblico assetato di sangue, così le popolazioni intergalattiche schieravano eserciti e flotte stellari, preparando veri e propri incontri di morte come se fossero partite di calcio amichevoli fra padroni di casa ed ospiti. In genere i padroni di casa, dopo l’incontro, erano costretti a ricostruire integralmente il loro pianeta distrutto, ma questo faceva parte del gioco (o dovrei dire della guerra?)
Un intero universo diventa così un immenso stadio in cui la morte non è nient’altro che un gioco quotidiano. Tuttavia, nel momento in cui un nemico esterno minaccia di voler invadere l’universo, ecco che lo spirito patriottico e di autoconservazione fa in modo da unire le popolazioni vicine e li spinge a combattere, questa volta fianco a fianco, per contrastare lo spietato invasore.

Stella distante

«La prima volta che vidi Carlos Wieder fu nel 1971 o forse nel 1972 quando Allende era presidente del Cile». Chi è Carlos Wieder? È un poeta, un aviatore che scrive versi nel cielo, un killer di poeti, un torturatore, un fotografo surrealista delle vittime, e poi un fuggiasco in Europa, poeta d’avanguardia e forse operatore-assassino di film hard core criminali (quelli in cui si commettono omicidi). Questo è il racconto delle sue imprese, ma soprattutto della caccia condotta, dopo la caduta di Pinochet, da un vecchio poliziotto esiliato: e diventa un viaggio palpitante, seguito come una cronaca dal narratore, nelle diverse identità fittizie del poeta-torturatore. In un’intervista a proposito del suo primo libro tradotto in italiano (*La letteratura nazista in America*, una narrativa grottesca stranamente trascurata appena giunta in Italia) Roberto Bolaño dichiara il suo debito verso Borges e i suoi sogni letterari, e verso l’Alfonso Reyes delle *Vite reali e immaginarie*. Sicché non è facile dire se Carlos Wieder sia un personaggio reale o immaginario. Viene da un incubo, e gli incubi – come sapevano Borges e Reyes – conservano un nucleo di verità più reale della realtà.

Stella del Nord

Un thriller avvincente ed elettrico che alza il velo sui segreti del regime più inaccessibile al mondo. Nella foto satellitare che Jenna Williams mostra agli studenti dell’università di Georgetown, la Corea del Sud è un reticolo scintillante di città e villaggi. Ma sopra Seoul, oltre il 38° parallelo, le luci cedono il posto a una terra d’ombra in cui solo la capitale, Pyongyang, emette una cupa incandescenza. Tutti conoscono il prestigioso curriculum di Jenna, all’anagrafe Jeemin, una delle massime esperte mondiali della Corea del Nord; ciò di cui nessuno è al corrente è il dramma che l’ha irreparabilmente segnata: la scomparsa, dodici anni prima, della sorella gemella Soo-min, rapita sulla spiaggia di Baengnyeong da un sottomarino del regime. Nella piazza antistante la Grande Casa del Popolo, il tenente colonnello Cho contempla i cinquantamila cittadini che attendono in trepidante silenzio l’apparizione di Kim Jong-il. Ma una scoperta sconcertante sta per abbattersi sulla sua carriera e sul suo futuro, e presto Cho si troverà ad affrontare la più inconcepibile delle scelte: tradire tutto ciò in cui ha sempre creduto o perdere ogni cosa. Quello che la signora Moon, cittadina modello sotto il regime del Caro Leader Kim Jong-il, vede piovere dal cielo in un bosco della contea di Baekam non è uno spirito. È qualcosa di ancora più strano , un piccolo pallone aerostatico che proviene ‘dal Paese giù in basso’ e che deposita tra le sue braccia due paia di calze di lana, una torcia e una scatola di deliziosi biscotti al cioccolato. E un biglietto: Ai fratelli e alle sorelle del Nord. Sollevatevi contro colui che vi inganna! Tre vite, tre destini apparentemente distanti si intrecciano e conflagrano in un thriller in gran parte basato su fatti reali. Un’immersione adrenalinica e quanto mai attuale nei misteri di un Paese destinato a condizionare ancora a lungo i fragili equilibri internazionali. ‘Se leggerete un solo thriller quest’anno fate in modo che sia Stella del nord.’ – LEE CHILD

(source: Bol.com)

Stella

Sognare è naturale come respirare per Stella. Amare intensamente ogni attimo e accettare con coraggio le avversità della vita lo è altrettanto. Ed è proprio per questo suo modo di essere che si lascia travolgere senza riserve dai sentimenti che quel ragazzo con uno scarso senso dell’orientamento risveglia in lei entrando improvvisamente nel suo negozio.
Tutto è perfetto… Ma non ci si può nascondere per sempre… La realtà è le difficoltà che ciò comporta, prima o poi devono essere affrontate.
Lui vuole sapere… Lei non lo comprende ma nonostante ciò sceglie di esserle accanto.
Ma basterà?
Sopravvivere non è un’opzione… E Stella questo lo sa molto bene!

Stato Di Accusa: La Verità Non Basta

Martini è un neurologo di successo e ha tutto nella vita: una carriera eccezionale, la stima dei colleghi, la fiducia dei pazienti. È uno dei massimi esperti di brain-computer interfaces, sistemi che permettono di collegare sensori e protesi direttamente al cervello, e che promettono di cambiare radicalmente la vita delle persone con disabilità.
Perché allora i carabinieri trovano droga e metadone nascosti nel suo garage? Nonostante lui si dichiari innocente, gli inquirenti sono convinti del contrario e lo mettono sotto torchio. Martini si trova sospeso dal lavoro e catapultato in un incubo: è veramente colpevole? Oppure qualcuno sta cercando di incastrarlo? Quello che sembra un caso banale diventa un giallo incalzante, in cui scienza e tecnologia fanno da sfondo alla vertiginosa ricerca del colpevole, mentre Martini e i suoi colleghi sono seguiti molto da vicino.

Starman Jones

In una Terra sovraffollata dove lavorare è un privilegio, le occupazioni più ambite sono trasmesse per via ereditaria, secondo una complicata e rigorosa gerarchia di corporazioni.
Se a qualcuno non piace il proprio lavoro, l’unica possibilità è pagare per averne un altro, e quindi per chi non ha denaro o non è membro di una Gilda il futuro appare tutt’altro che roseo.
È questo il caso del giovane Maximilian Jones, che vive nello struggente ricordo dello zio Chet, appartenente alla prestigiosa Gilda degli Astrogatori, il quale morì prima di designare ufficialmente Max come suo successore. Il giovane coltiva un solo grande desiderio: viaggiare nello spazio interstellare e diventare astrogatore, un magnifico sogno che riempie tutte le sue giornate. Ma quando anche la fuga a Earthport per rivendicare i suoi diritti presso la Gilda degli Astrogatori si rivela un insuccesso, a Max non rimane che accettare l’aiuto e l’amicizia di un personaggio destinato a cambiare radicalmente la sua vita: Sam Anderson, spregiudicato furfante e avventuriero spaziale dalle mille risorse, grazie al quale il nostro giovane protagonista riuscirà finalmente a imbarcarsi su di un’astronave in partenza, l’Asgard. Ma anche se ha finalmente coronato il suo sogno, Max ignora l’incredibile avventura di cui dovrà essere protagonista… poiché infatti quando l’Asgard per una serie d’incidenti si trova perduta nello spazio, toccherà proprio all’abilità di Max Jones, genio matematico che conosce a memoria tutti i segreti dell’astrogazione, salvare dal disastro l’astronave e il suo equipaggio, diventando l’eroe di un’epopea spaziale tra le più memorabili.