53985–54000 di 74503 risultati

Buio

Cos’è il buio per un bambino se non l’immagine dell’altro che si insinua nel suo sguardo infantile quando la fiducia si trasforma drammaticamente in timore e paura? Cos’è il buio se non l’afasia di un corpo ancora non sviluppato nel momento in cui esso incontra quel qualcosa di incomprensibile e misterioso che costituisce il comportamento sessuale dell’adulto? E’ possibile cancellare questo buio senza uccidere il bambino che è in ciascuno di noi? Dodici storie che raccontano della violenza sull’infanzia e sull’adolescenza.
**

Bugie greche

Un milionario greco che ha perso la memoria, un figlio segreto, un matrimonio di convenienza: ecco gli ingredienti perfetti per una ricetta a base di amore, passione e colpi di scena.
Il giorno delle nozze dovrebbe essere il più felice di tutta l’intera vita di una donna, tanto più che il suo futuro marito non solo è affascinante almeno quanto ricco, ma è anche il padre di suo figlio. Il problema è che Alexis Drakos soffre di amnesia, non ha il benché minimo ricordo dell’incredibile notte che ha passato con Billie, quindi non immagina certo di essere il padre del suo bambino. Billie sa perfettamente che un matrimonio basato sulla menzogna non può durare a lungo, ma trovare il modo di far sapere ad Alexis la verità, e convincerlo della sua innocenza, è un’impresa più che ardua alla prima notte di nozze.
**
### Sinossi
Un milionario greco che ha perso la memoria, un figlio segreto, un matrimonio di convenienza: ecco gli ingredienti perfetti per una ricetta a base di amore, passione e colpi di scena.
Il giorno delle nozze dovrebbe essere il più felice di tutta l’intera vita di una donna, tanto più che il suo futuro marito non solo è affascinante almeno quanto ricco, ma è anche il padre di suo figlio. Il problema è che Alexis Drakos soffre di amnesia, non ha il benché minimo ricordo dell’incredibile notte che ha passato con Billie, quindi non immagina certo di essere il padre del suo bambino. Billie sa perfettamente che un matrimonio basato sulla menzogna non può durare a lungo, ma trovare il modo di far sapere ad Alexis la verità, e convincerlo della sua innocenza, è un’impresa più che ardua alla prima notte di nozze.

Buddha: La luce dell’Asia

Nei millenni che furono, accadde questo. Un giovane principe indiano, Siddhartha, rampollo di una potente dinastia, scambiò la sontuosa regia in cui era nato insieme ai suoi privilegi per la fredda solitudine di una foresta. Ne seguirono lunghi anni di studio e di meditazione finché, all’improvviso, non giunse l’illuminazione a dimostrare a chiunque avesse dubitato delle scelte di Siddharta quanto fosse stato giusto lasciare tutto pur di scoprire se stesso. Da quel momento in poi, il nome di quel principe, Buddha, sarebbe stato mormorato da milioni di persone in tutto il mondo nei momenti di sconforto o di ispirazione. Ma la fede non serve a dimenticare come la storia del principe indiano fu soprattutto la storia di un uomo: una biografia avventurosa e poetica che, con umiltà e ammirazione, Edwin Arnold ricostruisce sulla base della sua profonda conoscenza dei testi orientali e di una realtà che, con il trascorrere dei secoli, non ha fatto che continuare a svelare l’attualità del pensiero del Buddha insieme al grande fascino di un personaggio senza tempo.
**

Buchi

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un’angoliera – tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia – e trovarci dentro “un richiamo come all’indietro”. Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Peppo, lo zio Arrigo…
Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare “un piccolo centro d’ordine in mezzo alle forze del caos”. E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l’aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, la prima volta a far l’amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po’ di sollievo. Sennonché chi racconta ha l’abitudine di evitare, di scantonare, di “slaterare”, perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari. “E altri smantellamenti ci saranno ancora, nell’universale e continuo smantellamento di tutte le cose.”
Con una comicità intrisa di nostalgia, Ugo Cornia affronta il “mistero grande delle emozioni” attraverso un romanzo nutrito di scarti spiazzanti e docili riprese, restituendoci le contraddizioni e le seducenti insensatezze del nostro mondo interiore.
**
### Sinossi
Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un’angoliera – tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia – e trovarci dentro “un richiamo come all’indietro”. Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Peppo, lo zio Arrigo…
Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare “un piccolo centro d’ordine in mezzo alle forze del caos”. E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l’aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, la prima volta a far l’amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po’ di sollievo. Sennonché chi racconta ha l’abitudine di evitare, di scantonare, di “slaterare”, perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari. “E altri smantellamenti ci saranno ancora, nell’universale e continuo smantellamento di tutte le cose.”
Con una comicità intrisa di nostalgia, Ugo Cornia affronta il “mistero grande delle emozioni” attraverso un romanzo nutrito di scarti spiazzanti e docili riprese, restituendoci le contraddizioni e le seducenti insensatezze del nostro mondo interiore.

Buccinasco

Come è potuto accadere che la ‘ndrangheta si sia insediata alle porte di Milano? Come è potuto accadere che Buccinasco, la ‘Platí del nord’, ne sia diventata una delle capitali?

La mafia al Nord. L’espansione della ‘ndrangheta alle porte di Milano. Come è potuto accadere? L’indagine sull’hinterland sud della città, Buccinasco, Corsico, Cesano Boscone, Rozzano e Trezzano sul Naviglio, ha al suo centro Buccinasco, niente piú che un piccolo gruppo di cascine, diventato, negli anni delle grandi emigrazioni, culla dei clan calabresi. Fino a guadagnarsi il soprannome di ‘Platí del Nord’ – il centro dell’Aspromonte da cui proviene il nucleo piú significativo di immigrati. Buccinasco è stato uno degli epicentri della terribile stagione dei sequestri di persona degli anni Settanta, poi uno dei fortini strategici dello spaccio di stupefacenti, quindi il regno del boss Antonio Papalia, a lungo considerato il piú potente esponente della ‘ndrangheta in Lombardia. Proprio lí dove la sinistra allestiva efficienti servizi sociali – e moltiplicava vie dedicate agli eroi dell’antifascismo – i gruppi calabresi lavoravano per il monopolio del ciclo del cemento, contando sul silenzio degli imprenditori e su complicità crescenti. Eppure nulla accade per caso. Cosí la storia di Buccinasco è ricostruita in stretto rapporto con i cicli delle migrazioni, lo sviluppo e il declino delle grandi fabbriche e con l’occhio sempre rivolto a ciò che accade ai piani alti dell’economia e della politica milanese e alla crisi morale di una classe dirigente.

(source: Bol.com)

Brutti incontri al chiaro di luna

Creta, 26 aprile 1944. Due ufficiali inglesi travestiti da tedeschi e tre partigiani cretesi rapiscono il generale Kreipe nei pressi di Villa Ariadne, la sua residenza ufficiale, e a bordo della sua automobile, come in un sogno, riescono a superare ventidue posti di blocco e a raggiungere le pendici del Monte Ida. Là si scatenerà una delle più epiche e rocambolesche cacce all’uomo di tutta la seconda guerra mondiale: venti giorni in fuga, braccati da migliaia di soldati, al termine dei quali, grazie all’aiuto della resistenza cretese, il commando lascerà miracolosamente l’isola alla volta del Cairo. Quei due ufficiali inglesi erano il capitano William Stanley Moss, detto Billy, un ragazzone di ventidue anni dai modi non proprio cordiali e che non sapeva una parola di tedesco, e il maggiore Patrick Leigh Fermor, detto Paddy, solo di qualche anno più vecchio, ma che già aveva attraversato a piedi l’Europa come un cavaliere errante e presto sarebbe diventato uno dei grandi scrittori di viaggio del Novecento. Molte storie sono state raccontate su questa impresa leggendaria – e Fermor stesso scrisse sull’episodio alcune pagine memorabili –, ma soltanto il libro di Moss permette di ricostruire dall’interno come siano andate veramente le cose: un resoconto asciutto e dettagliato dei fatti, annotati in forma di diario mentre stavano accadendo, che ancora oggi non ha perso nulla della sua forza romanzesca.

(source: Bol.com)

Bruciare la frontiera

Questo giorno lo si attende tutta la vita. È il diciottesimo compleanno di Francesco: a scuola lo aspettano gli amici. Loro non lo sanno, ma lui sta preparando un viaggio.
Perché lo ha promesso a Kappa, il suo migliore amico di sempre: una volta scattata l’ora x sarebbero partiti insieme. Vogliono andare a vedere come è fatta una frontiera.
C’è un altro ragazzo, Abdullah – Ab –, di qualche mese più giovane di Francesco e Kappa, che nel frattempo ha lasciato casa sua. È partito dalla Tunisia: vuole arrivare in Francia, vuole incontrare nel mondo reale Céline, che per lui è solo virtuale, ma non può più farne a meno.
Ab cerca la via della costa ligure, dove tanti anni fa passavano gli ebrei in fuga e gli italiani nella speranza di un lavoro lontano. Ma la frontiera, oggi, è sprangata, impenetrabile. Che stia cercando protezione o l’amore, chi rie­sce a bruciare la frontiera viene respinto.
La strada di Francesco e Kappa è un percorso di conoscenza. Sulle montagne che separano l’Italia e la Francia trovano le tracce di storie antiche eppure così attuali, e nella memoria di Francesco riemergono i racconti del nonno. Ab, invece, rimane incagliato. Incontra ragazzi sperduti come lo è lui, ragazzi di ogni parte del mondo, e trova una guida. Deve risalire verso nord, e provare la via dei monti. Anche se dicono che ogni mese, lassù, muore qualcuno.
**
### Sinossi
Questo giorno lo si attende tutta la vita. È il diciottesimo compleanno di Francesco: a scuola lo aspettano gli amici. Loro non lo sanno, ma lui sta preparando un viaggio.
Perché lo ha promesso a Kappa, il suo migliore amico di sempre: una volta scattata l’ora x sarebbero partiti insieme. Vogliono andare a vedere come è fatta una frontiera.
C’è un altro ragazzo, Abdullah – Ab –, di qualche mese più giovane di Francesco e Kappa, che nel frattempo ha lasciato casa sua. È partito dalla Tunisia: vuole arrivare in Francia, vuole incontrare nel mondo reale Céline, che per lui è solo virtuale, ma non può più farne a meno.
Ab cerca la via della costa ligure, dove tanti anni fa passavano gli ebrei in fuga e gli italiani nella speranza di un lavoro lontano. Ma la frontiera, oggi, è sprangata, impenetrabile. Che stia cercando protezione o l’amore, chi rie­sce a bruciare la frontiera viene respinto.
La strada di Francesco e Kappa è un percorso di conoscenza. Sulle montagne che separano l’Italia e la Francia trovano le tracce di storie antiche eppure così attuali, e nella memoria di Francesco riemergono i racconti del nonno. Ab, invece, rimane incagliato. Incontra ragazzi sperduti come lo è lui, ragazzi di ogni parte del mondo, e trova una guida. Deve risalire verso nord, e provare la via dei monti. Anche se dicono che ogni mese, lassù, muore qualcuno.

Brucia per me

***Sudden Storm* è uscito in sei episodi che si sono intervallati ogni due settimane dal 16 maggio al 7 luglio 2013. Gli episodi contenuti nel romanzo sono *L’uomo proibito, Proposta Allettante, Dipendente da Te, Brucia per Me, Rubino di Sangue, La Tua Eccezione*.**
Cosa può esserci di più intrigante di un gala in un hotel di prestigio? Forse un abito elegante con accessori in coordinato… o un uomo di una bellezza ultraterrena che si presenta in smoking a bordo di una Maserati. Così, Cristina Cabrisi non può che accompagnare l’irresistibile Matt Staton a questo evento mondano, ben consapevole che lui ha intenzione di movimentare la serata con qualche giochetto stuzzicante.
Ma quando Matt commette l’errore di lasciarla sola per un istante, ecco che un guaio inaspettato si frappone tra lui e Cris. Il ‘guaio’ porta il nome di Stefano Diamanti, un giovane che riesce a insinuarsi sotto la pelle di lei con il suo sguardo profondo e il suo charme da gentiluomo.
Percependo l’inspiegabile e intensa sintonia tra i due, Matt sfida Cristina a fare qualcosa che sa che la segnerà irrimediabilmente. Lei, d’altra parte, non può permettersi di perdere, anche se significasse superare un confine molto pericoloso…
Le danze sono aperte.
L’uragano è pronto a esplodere.
Ma entrambi sanno che nessuno ne uscirà vincitore.

Brucia con Me (Volume 1)

I lettori di Amazon e Goodreads adorano la serie Brucia con Me: più di 1.000 recensioni da 5 stelle e più di un milione di libri venduti in tutto il mondo, tradotti in sei lingue diverse!
Gli affari d’amore sono pericolosi.
Per Jennifer Kent, che ha da poco ottenuto il suo MBA e sta cercando lavoro a Manhattan da quattro lunghi mesi, tempo e denaro stanno giungendo al termine. Se non trova un’occupazione al più presto sarà costretta a tornare al paese natale, il Maine, dove la situazione lavorativa è ancora peggiore.
E dove i genitori sregolati attendono la sua disfatta.
Quando le viene fatta una proposta di lavoro poco ortodossa, Jennifer decide di accettare. Sarà la “fidanzata” di Alexander Wenn, il riluttante miliardario a capo della Wenn Enterprises, così straordinariamente attraente da aver bisogno di una bella donna come Jennifer al suo fianco per “tenere a bada i lupi”.
In questo caso, i lupi sono altre donne, così smaniose di attirare l’attenzione di Alex da impedirgli di concentrarsi sugli affari agli eventi esclusivi ai quali deve partecipare. In queste occasioni lui ha bisogno di concludere accordi di lavoro, mentre le donne intendono circuirlo per i suoi soldi e il suo potere. Ancora scosso da un evento successo tempo prima, tutto quello che Alex desidera è di potersi concentrare sul lavoro. E dimenticare il passato.
Ma Jennifer riuscirà a controllare la reazione incandescente tra loro? Mentre si inserisce in questo scintillante mondo fatto di alta società e grandi affari, la ragazza si trova a lottare con se stessa per non innamorarsi di Alex, un compito praticamente impossibile al quale però si deve attenere.
Forte del suo MBA, Jennifer Kent è ben preparata sull’economia degli affari. Quello che non sa è ciò che potrebbe distruggerla: l’affare di proteggere il proprio cuore. E forse anche la sua vita.
**
### Sinossi
I lettori di Amazon e Goodreads adorano la serie Brucia con Me: più di 1.000 recensioni da 5 stelle e più di un milione di libri venduti in tutto il mondo, tradotti in sei lingue diverse!
Gli affari d’amore sono pericolosi.
Per Jennifer Kent, che ha da poco ottenuto il suo MBA e sta cercando lavoro a Manhattan da quattro lunghi mesi, tempo e denaro stanno giungendo al termine. Se non trova un’occupazione al più presto sarà costretta a tornare al paese natale, il Maine, dove la situazione lavorativa è ancora peggiore.
E dove i genitori sregolati attendono la sua disfatta.
Quando le viene fatta una proposta di lavoro poco ortodossa, Jennifer decide di accettare. Sarà la “fidanzata” di Alexander Wenn, il riluttante miliardario a capo della Wenn Enterprises, così straordinariamente attraente da aver bisogno di una bella donna come Jennifer al suo fianco per “tenere a bada i lupi”.
In questo caso, i lupi sono altre donne, così smaniose di attirare l’attenzione di Alex da impedirgli di concentrarsi sugli affari agli eventi esclusivi ai quali deve partecipare. In queste occasioni lui ha bisogno di concludere accordi di lavoro, mentre le donne intendono circuirlo per i suoi soldi e il suo potere. Ancora scosso da un evento successo tempo prima, tutto quello che Alex desidera è di potersi concentrare sul lavoro. E dimenticare il passato.
Ma Jennifer riuscirà a controllare la reazione incandescente tra loro? Mentre si inserisce in questo scintillante mondo fatto di alta società e grandi affari, la ragazza si trova a lottare con se stessa per non innamorarsi di Alex, un compito praticamente impossibile al quale però si deve attenere.
Forte del suo MBA, Jennifer Kent è ben preparata sull’economia degli affari. Quello che non sa è ciò che potrebbe distruggerla: l’affare di proteggere il proprio cuore. E forse anche la sua vita.

Brooklyn senza madre

Lionel Essrog, per tutti Testadipazzo, ha la tendenza a cacciarsi nei guai: la sindrome di Tourette lo rende un ribelle dalle frasi sconnesse, violento e pieno di imprevedibili tic. Senza genitori e senza pace, la sua esistenza è colorata da urla e pugni sferrati all’improvviso. La sua salvezza si chiama Frank Minna, un mafioso di poco conto a Brooklyn, che lo tira fuori dall’orfanotrofio e lo trasforma nel suo tirapiedi. Quando però Minna viene pugnalato e il suo corpo senza vita gettato in un cassonetto, Testadipazzo si mette sulle tracce dell’assassino per difendere il suo fragile mondo, ingabbiato dalla malattia ma assetato di giustizia. Un noir appassionante e commovente che consegna alla letteratura contemporanea un personaggio indimenticabile, esploratore dei bassifondi di New York con la stessa caotica determinazione con cui affronta il labirinto della propria mente. VINCITORE DEL GOLD DAGGER AWARD 2000
(source: Bol.com)

Il brivido della passione

Lady Maria Winter è la “vedova di ghiaccio”. I suoi due sfortunati mariti erano agenti della Corona e membri dell’aristocrazia, e pertanto disponevano di enormi ricchezze che, dopo la loro prematura scomparsa, sono andate a lei. Tutti sanno che i due uomini non sono morti per cause naturali, ma nessuno ha mai avuto le prove per incolpare lady Winter… Christopher St John è un uomo di una bellezza fuori dal comune e altrettanto pericoloso: pirata e contrabbandiere di professione, da molti anni riesce a sfuggire alla giustizia. Ora l’autorità vuole fare chiarezza su entrambi, e i due si ritrovano coinvolti in una situazione tra le più subdole: St John, incastrato e arrestato, deve avvicinare la giovane vedova e carpirne i segreti, mentre lady Winter deve trovare le prove dei loschi affari del pirata. Se uno di loro avrà successo, l’altro verrà impiccato. In un pericoloso gioco di sotterfugi, menzogne e ricatti, nasce però inaspettata una travolgente passione. E quando il cerchio comincerà inesorabilmente a stringersi, Maria e Christopher dovranno scegliere tra la loro libertà e il loro amore.
**

Brigate rosse. Una storia italiana

Mario Moretti è stato l’anima delle Brigate Rosse, il principale artefice del sequestro Moro, l’uomo che nei cinquantacinque giorni di prigionia è stato più vicino allo statista, colui che gli ha sparato. In carcere dal 1981, nell’estate del 1993 incontra per sei giorni le giornaliste Carla Mosca e Rossana Rossanda e risponde alle loro domande. Il risultato è questo eccezionale libro-intervista che ripercorre la storia delle BR: la scelta della lotta armata, le prime colonne, la lotta contro lo Stato, il sequestro Moro, la fine. Prefazione di Rossana Rossanda.

La brigata. Una storia di guerra, di vendetta e di redenzione

Novembre 1944, la guerra in Europa si avvicina a una svolta decisiva. Il governo britannico, dopo molte esitazioni autorizza la formazione di una brigata di cinquemila ebrei volontari da inviare in Europa a combattere l’esercito tedesco. La loro vera battaglia comincia dopo la resa della Germania, quando ai loro occhi e a quelli del mondo intero si rivelano le proporzioni spaventose della Shoah, l'”Annientamento”. E così alcuni di questi soldati si organizzano in squadre di giustizieri che, sotto il naso degli eserciti alleati, scovano e uccidono ufficiali nazisti entrati in clandestinità. Traduzione di E.M. Morin

IL BRIGANTE

In questo libro unico, di cui J.M. Coetzee ha scritto che «se fosse stato pubblicato nel 1926 avrebbe mutato il corso della moderna letteratura tedesca», Walser spinge all’estremo la sua arte della dissociazione, che è insieme stilistica e psichica. Il racconto cambia direzione quasi a ogni passo, le immagini si inseguono e sovrappongono, l’ironia e il pathos rischiano di coincidere. È un azzardo ultimo della scrittura, che prelude al silenzio.
Scritto nel 1925, Il Brigante è rimasto inedito fino al 1972.

Il brigante

Sullo sfondo dell’aspro paesaggio della Calabria, sul finire della Seconda guerra mondiale si dipana la vicenda di Michele Rende, contadino e agitatore politico che, ingiustamente accusato dell’assassinio del fidanzato della sua amante Giulia, si dà alla macchia. Una storia d’avventura, d’amore e morte, di fughe e rivolte contadine, ma soprattutto di un giovane reduce che diventa fuorilegge, forzato dall’impossibilità di ottenere giustizia. Insieme all’amata Meliella, Michele fronteggerà il suo destino verso l’inevitabile martirio, in una vicenda tragica ed epica piena di passione e verità. Pubblicato da Einaudi nel 1951, il romanzo suscitò un grande dibattito in Italia, e riscosse ammirazione incondizionata in America, dove fu acclamato come un capolavoro. Nel 1961 Renato Castellani ne trasse un fortunato film.
**

Il brigante

Antony Newton, Tony per gli amici, deve supplire con l’ingegno e l’astuzia alla mancanza di quattrini. Ma pur deciso a procurarsi quel che gli manca, ha un proprio codice morale che lo porta a fare guerra ai profittatori e a tutti coloro che si sono arricchiti illecitamente. Denaro, potere e amore sono gli ingredienti di questo romanzo, che fin dal suo primo apparire ha riscosso un grandissimo successo.Edgar Wallacenacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo; a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo, nonché la sceneggiatura del celeberrimo King Kong. Definito “il re del giallo”, è morto nel 1932.
(source: Bol.com)