53921–53936 di 75864 risultati

I guardiani dell’oscurità + Tutte le mie vite in una

Ultimi 2 racconti della serie ”5 Piccole ombre”
C’è un mondo intorno a noi, impalpabile, il più delle volte invisibile, che ci avvolge e ci avviluppa in una sorta di eterea nebbia. Ne abbiamo coscienza solo in rare occasioni o in posti particolari, ma sappiamo che esiste, anche se non riusciamo a spiegarcelo. Undici racconti aprono un piccolo spiraglio sul lato oscuro della nostra esistenza, una piccola finestra su fenomeni inspiegabili che non dovrebbero esistere, ma ci sono.
(source: Bol.com)

Guardami, toccami, stringimi

New York Times bestseller Tradotto in 10 Paesi Dall’autrice di Peccato originale Prima di diventare la più famosa dominatrice di Manhattan, Nora Sutherlin era solo una ragazza di nome Eleanor: profondi occhi verdi, poco incline alle regole, grande appassionata di scrittura. A sedici anni Elle ha già dovuto fare i conti con una madre ossessionata dalla religione e con un padre ben poco interessato a lei. L’educazione cattolica a cui è stata introdotta l’ha allontanata dalla chiesa, tuttavia lo sguardo magnetico di padre Stearns, ovvero Søren, su di lei è come un’epifania. Nonostante sappia che non sia lecito amare un sacerdote, Eleanor è divorata dal desiderio. Quando però si ritrova nei guai e rischia di perdere tutto quello che ha, è Søren a intervenire per salvarla. Per ricambiare tanta generosità, la ragazza giura di ripagarlo con la propria totale obbedienza: davanti a lei si spalancano quindi le porte di un mondo del quale Søren decide di rivelarle tutti i più intimi e inconfessabili segreti… Ogni peccato sarà perdonato Un bestseller shock che ha infranto ogni tabù Tradotto in 10 Paesi ‘Si inizia alla grande e si finisce alla grande. Il miglior libro di Tiffany Reisz.’ ‘6 stelle! Questo libro mi ha fagocitato. Ero ipnotizzata e completamente affascinata al punto da dimenticarmi di respirare.’ ‘Sono in adorazione davanti all’altare di Tiffany Reisz! Peccato originale mi ha davvero messo in ginocchio.’ Tiffany ReiszVive a Lexington, Kentucky. Si è laureata in Inglese e ha scritto diversi romanzi e racconti erotici. Ha cinque piercing, un tatuaggio ed è stata arrestata due volte. La Newton Compton ha già pubblicato, della serie Peccato originale, L’innocenza, Il gioco, Il padrone, Il ritorno e Guardami, toccami, stringimi.

(source: Bol.com)

Le grotte nelle montagne

Dopo “La grotta di cristallo”, in cui sono narrate l’infanzia e la giovinezza del veg-gente Merlino, “Le grotte nelle montagne” parte da un evento che cambierà per sempre il destino di Merlino e del regno: la nascita di Artù. La brughiera inglese e scozzese, prati sconfinati e foreste nere fanno da sfondo al ritratto del futuro re, raccontato dalla tenera età all’ascesa al trono di Britannia. Accanto a lui, sempre pronto a difenderlo e consigliarlo, c’è il saggio Merlino, il maestro di vita che, nonostante le doti divinatorie, non può prevenire la violenza e l’inquietudine dei suoi tempi.

La grotta di cristallo

chi era merlino? il buon mago delle favole dall’occhio gentile e la barba lunga, oppure il chiaroveggente delle antiche leggende bretoni e gallesi, figlio del diavolo, inquietante e calcolatore, o addirittura un bardo, un pazzo, un saltimbanco che scelse un’esistenza da reietto? questa è la storia di una vita tra luci e ombre, nell’inghilterra del v secolo dopo cristo, il racconto di un bambino senza padre, sovrastato da poteri che non conosce, di una famiglia in cui regna l’intrigo, di una terra difficile da governare. la grotta di cristallo costituisce il primo capitolo di una trilogia best seller dedicata a merlino, che inizia dal caos provocato dalla caduta dell’impero di roma e arriva all’ascesa al trono di artù, narrata in modo magistrale da una scrittrice di culto che ha saputo fondere il romanzo storico e la narrativa fantasy con una esattezza di dettagli e un’eleganza di scrittura a cui tutti gli autori contemporanei guardano ancora con ammirazione.

Il Grillo canta sempre al tramonto

Tre voci per cambiare. Un dialogo inaspettato che mette in campo esperienze e sensibilità diverse. La sfida è guardare là dove nessuno vuole arrivare, cambiare davvero le regole del gioco e fare della politica non l’arte del potere ma un modo di essere cittadini autentici, responsabili, attivi.
Nell’ideale passeggiata tra Atene e il Pireo, richiamandosi alla classicità degli Ateniesi che ci hanno tramandato un modello di democrazia, Dario Fo provoca i suoi interlocutori invitandoli a parlare dei traguardi che si prefigge il MoVimento, affrontando anche le polemiche e le critiche di questi ultimi mesi. Il lavoro, gli immigrati, l’euro, le tasse, una nuova spending review, le elezioni…
Per tutte le persone che vogliono saperne di più sul “comico” Grillo e sul misterioso Casaleggio, ecco un documento che fa vedere il MoVimento per quello che è. Basta leggere per farsi un’opinione.
(source: Bol.com)

La grigia criniera del mattino

Una terra, sterminata e meravigliosa, su cui un impero, grazie alla forza delle mura che circondano le sue città e grazie alla qualità delle sue armi, ha imposto il proprio predominio. Immense pianure, ed alte erbe piegate dalla brezza, attraversate da tribù di Nomadi, che adorano il Sole e la Luna, che sono guidate da un Dio incarnato in un cavallo e che cavalcano Unicorni. Questa terra è Vandarei, un universo aspro e dolcissimo assieme, fondato sui grandi equilibri della natura. Così, che gli aurei guerrieri dell’Impero prendessero donne dei Nomadi – dei Khentorei – come schiave, era cosa normale, che succedeva da sempre e che sarebbe sempre successa. Ma quando essi presero con la forza Nai, la prescelta del Dio, sorella di Mor’anh, il Lampo, egli non accettò il corso del fato.
Comincia così una straordinaria avventura, reale ed esistenziale nello stesso tempo, che farà di Mor’anh la bocca di Dio e il condottiero del suo popolo nello stesso tempo, e che segnerà la fine di un’epoca.

Un grido fino al cielo

Un grandioso affresco dell’Italia del Settecento, che mette a fuoco un mondo sconosciuto ai più, quello dei cantori castrati. Tonio, erede di una nobile famiglia veneziana, a quindici anni viene drogato, rapito e castrato: da quel momento vivrà solo per coltivare la sua passione per la musica… e per la vendetta. Guido è il suo insegnante: anch’egli educato alla lirica, ha però perso la voce e Tonio rappresenta la sua unica vera speranza di riscatto. Insieme, soffrono e lottano per vivere e amare non come emarginati, ma come veri uomini.

Green

«Sono davvero contento di aver chiarito le cose. In ogni caso resteremo sempre buoni amici, giusto?» Quando un ragazzo dice così a una ragazza non è che la renda pazzamente felice. Se poi il ragazzo in questione è Gideon de Villiers, occhi verdi e capelli corvini, Gwendolyn Shepherd, la destinataria del messaggio, si sente precipitare decisamente negli abissi dell’infelicità. E sì, perché, nelle due settimane che le hanno sconvolto la vita, facendole quasi dimenticare di essere una normale studentessa di sedici anni di una normale scuola londinese, Gideon le era sembrato la sua unica ancora di salvezza. Solo da due settimane, infatti, Gwen ha scoperto di essere predestinata a viaggiare nel tempo per portare a termine una missione pericolosissima da cui dipende il destino dell’umanità intera.
Una faccenda che, in realtà, non le interessa affatto, diversamente dalla cugina Charlotte, che era convinta di essere lei la predestinata e che era stata educata ad affrontare situazioni e persone di ogni tempo e ogni luogo. Solo per Gideon, il suo compagno di viaggi nel passato, Gwen ha trovato sopportabile l’essere sballottata da un secolo all’altro alla ricerca di un cronografo perduto, ma ora perché dovrebbe continuare a lasciarsi tiranneggiare dall’implacabile setta dei Guardiani? D’altra parte, è vero che a poco a poco sta scoprendo segreti insospettabili sulla propria famiglia che la riguardano molto da vicino. E poi, finché è sostenuta da amiche come Leslie e da piccoli gargoyle impiccioni e simpatici come Xemerius, la sua vita, oltre a essere piena di pericoli, può essere anche molto eccitante…

Grazie per quella volta. Confessioni di una donna difettosa

Di cosa è fatta una vita? Di domeniche pigre in cui non rispondiamo al telefono per rimanere sul divano abbracciando un libro appena iniziato. Di ore spese inutilmente a cercare le sigarette, le chiavi della macchina, gli occhiali da sole, perché si sa che spesso e volentieri le cose si spostano per farci dispetto e divertirsi alle nostre spalle. Di pomeriggi adolescenziali passati a guardare le gocce di pioggia che rimbalzano sul vetro, sognando di sposare Mick Jagger. Di quei bomboloni sganciati da un razzo su un letto di zucchero che papà ti portava a mangiare per insegnarti i piaceri della vita. Di mattine in cui scopri allo specchio che in una notte hai preso cinque anni e non ti resta che tifare per un po’ d’indulgenza, in un Paese in cui dimostrare la propria età è più grave che fare una rapina a mano armata. Di salti della quaglia da uno schieramento a un altro nella più autentica suddivisione tra esseri umani: quella tra coppie e single. Di momenti in cui basta un calzino con l’elastico moscio per far emergere tutte le nostre insicurezze. Di quel preciso giorno in cui si spezza il tempo alla fine dell’estate. E di tutto quello che non ricordiamo più ma ogni tanto affiora dalle misteriose stanze della nostra memoria difettosa. In questi racconti che spaziano tra ricordi e riflessioni chiamando a testimoni Borges e la moglie di Tolstoj, Grace Kelly e Gaber, Simenon e la zia Lella, Ovidio e gli U2, Serena Dandini torna alla scrittura dopo il successo di *Dai diamanti non nasce niente*. *Grazie per quella volta* esplora con tenerezza, ironia e sincerità una catena di debolezze di cui andare fieri, di fragilità nostre e del mondo: è il tempo di autoassolverci, di fare pace con i nostri difetti imparando a conviverci tra alti e bassi, proprio come succede a ogni coppia pluricollaudata.

Grazie a te

James Durham, visconte di Sanburne, è l’affascinante briccone del bel mondo londinese, eppure Lydia Boyce è immune al suo fascino. Quando l’ultima trovata di Sanburne minaccia di infangare il nome del padre, Lydia decide di risolvere il problema da sola, senza neppure coinvolgere quel perditempo il cui unico scopo nella vita è dare scandalo. Ma dietro la facciata di gaudente, Sanburne nasconde una mente sveglia e un passato più doloroso di quanto ci si aspetti. Sarà grazie a lui
e al suo focoso temperamento che Lydia, ben presto, scoprirà di avere a sua volta sopito dentro di sé un fuoco che nessun uomo era mai riuscito ad accendere.

Grassi, dolci, salati

Alla fine degli anni Novanta, in America, le
grandi multinazionali del cibo pronto sono sotto
attacco: il dilagare epidemico dell’obesità le
chiama in causa come corresponsabili di quella
che è ormai una preoccupante emergenza sanitaria.
Che fare per evitare un disastroso crollo
di immagine (e quindi di profitti)?
Nella sua approfondita indagine, il premio
Pulitzer Michael Moss, giornalista investigativo
del ‘New York Times’, ricostruisce le
strategie dispiegate dai colossi dell’industria
alimentare per accreditarsi come partner affidabili
nelle campagne governative contro la
cattiva nutrizione. Moss analizza i vari tentativi
intrapresi dalle grandi aziende alimentari
per ridurre nei loro prodotti la cospicua presenza
di zucchero, sale e grassi, le sostanze incriminate.
Ma¿ ‘niente zucchero, niente grassi,
niente vendite’: percorrere strade virtuose
portava a questi risultati. Per vendere non è
possibile prescindere da una buona dose dei
tre ingredienti di elezione, perché lo zucchero,
oltre a addolcire, aggiunge volume e consistenza;
i grassi esaltano la sensazione al palato;
con poco sale, molti prodotti perdono la
loro ‘magia’. Per questo le società del settore
alimentare ne studiano e controllano l’utilizzo
in maniera sistematica e nei loro laboratori
gli scienziati calcolano il bliss point (il punto
di beatitudine), ossia ‘l’esatta quantità di zucchero,
grassi o sale che spedirà i consumatori
al settimo cielo’.
È ingenuo pensare che i colossi del settore intendano
comportarsi con particolare sensibilità
sociale: l’obiettivo della grande produzione è
unicamente quello di fare profitti e conquistare
nuove quote di mercato battendo i concorrenti.
Tale obiettivo è però raggiunto a un prezzo
che il consumatore non è cosciente di pagare,
creando cioè comportamenti compulsivi e
vere e proprie dipendenze alimentari. I clienti
fedeli vengono definiti dalle aziende ‘forti
utilizzatori’: un termine, osserva l’autore,
‘che evoca un’immagine di tossici alla ricerca
della loro dose’.
Se noi consumatori siamo schiavi di zucchero,
sale e grassi, che rendono irresistibili i cibi
pronti, i produttori stessi non possono rinunciare
alla loro presenza: in mano loro, ‘il sale,
lo zucchero e i grassi – non sono sostanze nutritive
quanto piuttosto armi, armi che certo
sfoderano per sconfiggere la concorrenza, ma
anche per indurci a tornare ancora per altri
acquisti’. Con buona pace delle conseguenze
per la nostra salute.
(source: Bol.com)

Grandi speranze

Più che un romanzo sull’educazione sentimentale e morale di un giovane sconsiderato o sulle grandi speranze, appunto, della società vittoriana, quest’opera è un grande affresco visionario che attinge alla realtà notturna. È l’opposto della fiaba, che prende la realtà e la trasforma in leggenda. Qui Dickens, al contrario, prende le fiabe e le adatta alla realtà sua contemporanea. Il risultato non è un romanzo di impianto morale o sociale, umoristico o satirico, bensì favoloso. Le avventure di Pip, il protagonista, si svolgono nei luoghi deputati alla fiaba: la palude, la nave dei pirati, la prigione, l’antro della strega, la tana dell’orco, il castello fatato. Si tratta di una ragnatela di immagini oniriche grottescamente e grandiosamente adattate alla realtà.

I grandi romanzi

• Il piacere• L’innocente• Trionfo della morte• Il fuocoA cura di Gianni OlivaSaggio introduttivo di Giovanni Antonucci e Gianni OlivaEdizioni integraliÈ forse con Il piacere, pubblicato nel 1889, che ha inizio il moderno romanzo italiano: con la vicenda degli amori del giovane aristocratico Andrea Sperelli, raffinato esteta, «tutto impregnato d’arte», avido di piacere, il decadentismo dannunziano si contrappone frontalmente al verismo di Capuana e Verga (Mastro-don Gesualdo è dello stesso anno). Ne L’innocente (1892), il protagonista Tullio Hermil racconta in prima persona la propria storia di adultero impenitente che, riavvicinatosi alla moglie, scopre che lei ha in grembo il frutto di un unico tradimento. L’odio verso questa innocente creatura, colpevole di rappresentare l’infrangersi del suo assurdo e crudele sogno di «essere costantemente infedele a una donna costantemente fedele», lo porterà lucidamente a meditarne e poi a metterne in atto l’assassinio. Altro personaggio decadente è il Giorgio Aurispa di Trionfo della morte (1894), nobile ereditiero che tenta di fare della propria vita un’opera d’arte, abbandonandosi alla passione amorosa, senza riuscire a liberarsi di un letale male di vivere, che lo porterà al suicidio. Il fuoco (1900), infine, ha una sensuale Venezia come scenario dell’appassionato amore tra il geniale poeta Stelio Effrena e l’attrice Foscarina: una relazione che ricorda quella, assai nota e discussa, tra il Vate ed Eleonora Duse. Gabriele D’Annunzio(Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938) esordì giovanissimo con la raccolta di versi Primo Vere. La sua vastissima produzione poetica, narrativa, drammatica, tradotta in tutte le lingue, ebbe risonanza mondiale. Dopo la composizione delle Laudi, divenne il “vate nazionale”. Eroe della prima guerra mondiale e “comandante” di Fiume, fu considerato a lungo un “maestro di vita”. La Newton Compton ha pubblicato Il piacere, L’innocente, Il fuoco – Forse che sì forse che no, Tutti i romanzi, novelle, poesie, teatro e I grandi romanzi.
(source: Bol.com)

I grandi romanzi e i racconti

Il richiamo della foresta • Il lupo dei mari • Zanna bianca e altre storie di cani • Il Tallone di ferro • Martin Eden • I racconti del Grande Nord e della corsa all’oro • Racconti della pattuglia guardiapesca • La sfida e altre storie di boxe • I racconti del Pacifico e dei Mari del SudSaggio introduttivo generale di Mario PicchiIntroduzioni di Goffredo Fofi, Walter Mauro, Mario PicchiEdizioni integraliNell’opera di Jack London, di cui questa raccolta ripercorre le tappe principali, si riflettono le sue pluriformi esperienze di vita: nel capolavoro Il richiamo della foresta e in Zanna bianca, come nei racconti dedicati alla corsa all’oro nelle desolate vastità del Grande Nord americano, risuonano tutti i temi e le atmosfere a lui cari, la lotta per la sopravvivenza, la legge dura e inflessibile della natura che accomuna esseri umani e animali, la solidarietà e il coraggio. E sono storie di sogni impossibili, di indiani e cercatori d’oro, di uomini soli con se stessi nel momento della prova più difficile. Quando poi le desolate distese ghiacciate cedono il posto alle calde correnti del Pacifico, London accoglie nei suoi racconti insoliti eroi provenienti da civiltà diverse, abitanti di isole incantate, portatori di nuovi valori, che affrontano le loro prove sfidando il mare. Ma c’è un’altra violenza, oltre quella senza soggetto della natura, contro cui bisogna lottare, stavolta dentro la società civile: London incita alla rivolta contro le convenzioni e le ingiustizie, alla ricerca di un’autenticità perduta e di un ideale sociale intuito attraverso l’esperienza della propria e altrui ribellione. È il tema di Martin Eden e del Tallone di ferro. Di London Mario Picchi scrive: ‘Americano fino al midollo, persino nella ricerca delle sue (nobili) origini, London resta ancor oggi, con Edgar A. Poe, il più universale degli scrittori americani, che mischia nella sua opera, con ugual potenza di energia e di speranza, la sua vita vera e idealizzata insieme con lo slancio per l’avvenire’.Jack Londonpseudonimo di John Griffith Chaney, nacque nel 1876 a San Francisco. Viaggiò moltissimo ed esercitò i più svariati mestieri, da mozzo a cacciatore di foche, a lustrascarpe a commerciante. Riuscì tuttavia, da autodidatta, a crearsi una solida cultura con lo studio disordinato dei grandi autori europei. La lettura di Marx, il contatto con i vagabondi americani, la sua stessa vita spesso miserabile lo spinsero verso un socialismo istintivo. Esordì come scrittore pubblicando i suoi racconti su periodici locali. Morì, forse suicida, nel 1916. Di Jack London la Newton Compton ha pubblicato in questa collana Il richiamo della foresta, Zanna Bianca e altre storie di cani; Il Tallone di ferro; Il lupo dei mari e Racconti della pattuglia guardiapesca, Martin Eden e nella collana “I Mammut” I grandi romanzi e i racconti.

(source: Bol.com)

Grandi peccatori, grandi cattedrali

Grandi peccatori Grandi cattedrali è un libro dello scrittore e personaggio televisivo italiano Cesare Marchi scritto nel 1987. Il libro è stato premiato con il Premio Bancarella nel 1988.
Come precisa l’autore nell’introduzione Due parole al lettore: “Questo libro non è un trattato di storia politica né un manuale di architettura né un testo di liturgia sacra, ma un po’ di tutte queste cose con in più qualcos’altro: il proposito di raccontare in forma piacevolmente divulgativa … alcuni avvenimenti di quindici cattedrali europee. … La storia della cattedrale aiuta a capire quella della città e viceversa. Talvolta si identificano”