53537–53552 di 72034 risultati

Ragazze del Nordest

A nove giovani donne viene data voce per raccontare, con immediata e palpitante verità, la loro vita, i loro amori, le speranze, le delusioni, i progetti realizzati o abbandonati. Le loro storie compongono un ritratto collettivo di grande forza e impatto, nel quale possiamo riconoscere la vera sostanza di felicità e smarrimento, coraggio e senso di colpa; e possiamo riconoscere, anche, il paesaggio e il respiro di un Nordest in tumultuosa trasformazione, dove l’aspetto delle città, delle campagne e della vita stessa muta più velocemente della capacità delle persone di metabolizzare il nuovo orizzonte. Dalla drammatica esperienza dell’aborto alla liberazione dalla violenza, dall’anoressia al felice lavoro di scoperta e costruzione della propria identità: con una straordinaria scrittura a quattro mani Romolo Bugaro e Marco Franzoso danno vita a una sorta di reportage narrativo dove protagonista è il paesaggio interiore, la sensibilità stessa, e dove il confine tra letteratura e vita vissuta sfuma fino a risultare irrintracciabile.

(source: Bol.com)

La ragazza senza volto

La città di Oslo è sommersa da una spessa coltre di neve e tutti, come ogni anno, aspettano con impazienza il Natale. L’Esercito della Salvezza lavora a tempo pieno per raccogliere fondi per i tossici, i rifugiati, i senzatetto, e i bravi cittadini si affrettano a fare donazioni per sentirsi in pace con la coscienza. Solo Harry Hole non si accorge di tutta la smania di bontà che lo circonda; il suo pensiero fisso è come sempre il whisky. Quando, però, durante un concerto di beneficenza, un membro dell’Esercito della Salvezza viene giustiziato in mezzo alla folla, il commissario decide di occuparsi delle indagini. E sulle tracce di un omicida senza scrupoli anche questa volta Harry Hole si immergerà negli angoli piú bui e insospettabili dell’animo umano.
«La ragazza senza volto mi ha tenuto col fiato sospeso dall’inizio alla fine».
**Michael Connelly**
(source: Bol.com)

La ragazza senza volto

La città di Oslo è sommersa da una spessa coltre di neve e tutti, come ogni anno, aspettano con impazienza il Natale. L’Esercito della Salvezza lavora a tempo pieno per raccogliere fondi per i tossici, i rifugiati, i senzatetto, e i bravi cittadini si affrettano a fare donazioni per sentirsi in pace con la coscienza. Solo il commissario Harry Hole pare non accorgersi di tutta la smania di bontà che lo circonda; il suo pensiero fisso è come sempre il whisky. Quando, però, durante il concerto di Natale, un membro dell’Esercito della Salvezza viene giustiziato in mezzo alla folla festosa, Hole decide di occuparsi delle indagini: un caso senza movente e senza arma è forse l’unico modo per lui per stare lontano dalla bottiglia per qualche ora. In breve scopre che ci sono delle riprese della serata e che anche l’omicida è stato catturato dalla telecamera. Ma, sorprendentemente, i suoi tratti non risultano identificabili neppure dall’efficientissima Beate Lonn, in grado di ricordare una faccia anche dopo averla vista un’unica volta. La sola cosa che si riesce a stabilire è che l’assassino è un ragazzo, i cui lineamenti però sono differenti in ogni ripresa, come se cambiasse travestimento in una frazione di secondo. Sulle tracce dell’omicida Hole finirà a Zagabria, dove un bambino ha giustiziato per anni i soldati serbi senza essere mai identificato. Anche questa volta la soluzione lo porterà a immergersi negli angoli più bui e insospettabili dell’animo umano.

La ragazza di stelle e inchiostro

C**osa c’è oltre la foresta? Chi abita i Territori Dimenticati? Isabella, figlia del cartografo che ha mappato la misteriosa isola di Joya fin dove lo spietato governatore Adori permette di esplorarla, sogna di poter disegnare su una cartina la risposta a queste domande.

Così quando Lupe, la sua migliore amica nonché figlia del governatore, sparisce proprio in quei territori, è Isabella a guidare la spedizione di ricerca. Le mappe di famiglia la guidano attraverso villaggi deserti, nere foreste e fiumi prosciugati, e le stelle che suo padre le ha insegnato a osservare la accompagnano dall’alto. Ma il vero pericolo del suo viaggio appare presto chiaro: nelle viscere bollenti della terra Yote, un demone di fuoco, si sta risvegliando

‘Delicato e dark allo stesso tempo, un romanzo sul potere dei miti e della narrazione.’ THE FINANCIAL TIMES

(source: Bol.com)

La ragazza di carta

In piena crisi di ispirazione, solo e senza un soldo, lo scrittore Tom Boyde non riesce a terminare il suo ultimo romanzo. Proprio quando tutto sembra perduto, nella sua vita entra Billie. Misteriosa e bellissima, compare all’improvviso in una notte di pioggia, con una storia incredibile da raccontare. Gli dice infatti di essere la protagonista del suo romanzo, caduta nel mondo reale da una frase che lui ha lasciato in sospeso. Se ora Tom non riprenderà a scrivere, lei morirà. Sembra assurdo, eppure… Eppure, Tom le crede. Perché è già follemente innamorato. Insieme Billie e Tom affronteranno un’avventura straordinaria, in cui nulla è ciò che sembra. E scopriranno che la vita, a volte, può essere un gioco pericoloso…

La ragazza dello Sputnik

Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar.

***

Sumire è una ragazza impulsiva, disordinata, generosa, con il mito di Kerouac e della scrittura. Myu è una donna matura, sposata, molto ricca e molto bella. Sumire ama Myu come non ha mai amato nessun ragazzo. E Myu parrebbe provare lo stesso sentimento, ma uno schermo invisibile sembra separarla dal sesso, e forse dal mondo. Riusciranno a incontrarsi o si perderanno senza lasciare traccia come lo Sputnik, condannato a vagare nello spazio per sempre? A raccontarci la storia è un giovane senza nome, prima studente, poi maestro elementare, innamorato di Sumire innamorata di Myu. E cosí i destini dei nostri tre protagonisti s’inseguono ma non si congiungono mai, simili a satelliti alla deriva per l’eternità.

(source: Bol.com)

RAGAZZA DEL 2051

I viaggi hanno sempre formato la gioventù e tanto più la formano nel 2051, quando le ragazze vengono educate sessualmente mediante escursioni temporali di quindici giorni nella mente e nel corpo di donne vissute in secoli precedenti. Con la stessa tecnica i giovani vengono istruiti anche in altre materie, mentre gli adulti approfittano di analoghe escursioni a scopo principalmente di relax. Ma a nessuno viene in mente che la faccenda può avere anche un lato molto pericoloso, finché una giovane studentessa di sesso, Angie Patterson…
Copertina di Karel Thole

Una ragazza chiamata Disastro

Nhamo vive in un villaggio del Mozambico e sin da piccolo si è resa conta che attorno a lei c’è un mistero. Perché nessuno parla mai di suo padre? È stato davvero un leopardo ad uccidere sua madre? Perché le zie la maltrattano? E, infine, perché le hanno dato un nome che significa “disastro”? Di fronte alla durezza della vita quotidiana non resta che rifugiarsi nei sogni che una sfrenata fantasia le fa sembrare veri.
Ma poi accade qualcosa di terribile e Nhamo deve affrontare da sola un lungo viaggio vero lo Zimbabwe, attraversando fiumi, laghi e foreste con l’unica compagnia di spiriti dell’acqua, fantasmi e animali selvatici.
Un romanzo straordinario che racconta l’Africa di ieri e di oggi, e che nel 1997 ha vinto la Newbury Medal.

La Radiosveglia

Cosa succederebbe se, appena svegli, sentiste per radio che potete vincere un viaggio – semplicemente salendo su una limousine parcheggiata sotto casa vostra? Un racconto brillante, che scivola tra il giallo e la fantascienza, firmata dal padre fondatore di Racconti&Letteratura.

Radio Aliena Hasselblad

Tutto comincia quando un fulmine stordisce Kimberley, la cantante dei Radical Belt. Ora Kim sembra posseduta da un’entità estranea. Si tratta di un ex agente dello Smersh, il russo Alpers, che tramite Kim rivela terribili fatti della Seconda guerra mondiale e afferma di essere tenuto artificialmente in vita da esseri sconosciuti. Benchè sembri tutto pazzesco, una fotografa, Roberta, cerca di ritrovare il bandolo della matassa e l’indagine pone domande sempre più inquietanti… Hitler ed Eva Braun somo morti davvero? Dov’è finito il clone della donna del Füher? Ma la soluzione del mistero affonda nel tempo, a un tragico giorno del 1941, quando in Polonia scese un velivolo non di questa Terra…
Copertina di Furanko

Le radici

Il ritorno del narratore al paese d’origine, da una vita ricostruita all’estero, provoca la necessità di rievocare “le radici”. Mito e storia si mescolano nel viaggio memoriale verso un’infanzia e una giovinezza ripercorse ad occhi chiusi in questo libro pubblicato per la prima volta nel 1957. Ma non c’è spazio per la pura nostalgia nella potenza analitica che sempre accompagna la nel scrittura di Maria Giacobbe. Dall’escursione del passato gli occhi si schiudono sull’oggi – un oggi di trenta anni fa ma non lontano dal nostro oggi – in una militante meditazione su una Nuoro e su una Sardegna che “forse perirono sotto il ciclone del cosiddetto miracolo petrolchimico-edilizio-televisivo”.
**
### Sinossi
Il ritorno del narratore al paese d’origine, da una vita ricostruita all’estero, provoca la necessità di rievocare “le radici”. Mito e storia si mescolano nel viaggio memoriale verso un’infanzia e una giovinezza ripercorse ad occhi chiusi in questo libro pubblicato per la prima volta nel 1957. Ma non c’è spazio per la pura nostalgia nella potenza analitica che sempre accompagna la nel scrittura di Maria Giacobbe. Dall’escursione del passato gli occhi si schiudono sull’oggi – un oggi di trenta anni fa ma non lontano dal nostro oggi – in una militante meditazione su una Nuoro e su una Sardegna che “forse perirono sotto il ciclone del cosiddetto miracolo petrolchimico-edilizio-televisivo”.

Le Radici del Male

Le Radici del Male contiene tre lunghi racconti: “Giù, nel delirio”, “Specchi di sangue” e “Soluzione finale”. L’autrice in questa opera storica del noir italiano presenta un viaggio crudele e violento nella psiche umana, tra solitudine e delirio. Un testo ultra-violento, denso di un sesso esposto e sfrenato, la parola non fa sconti a niente e a nessuno, sputa in faccia le sordide, perverse pieghe che l’uomo cerca di mantenere sotterranee, e tenta di nascondere anche ai propri occhi. Radici che ci serrano nella loro morsa, s’incuneano sempre più a fondo, anche dentro di noi, nel nostro animo. E ci trascinano giù, nel delirio. Ilustrazione di copertina realizzata da Alan M. Clark. Le Radici del Male è già stato pubblicato in edizione cartacea, per Granata Press nel 1993 e Addiction nel 2002. L’opera è stata ampiamente editata e aggiornata per questa nuova edizione digitale.

Radici

Nella seconda metà del Settecento il giovane Kunta Kinte viene strappato dal suo villaggio africano e portato in America come schiavo. La sua vita cambierà, come quella dei suoi discendenti: Bell, Kizzy, Chicken George e tutti gli altri, fino a giungere ad Alex Haley, l’autore di queste pagine.
**

Radical Chic. Il fascino irresistibile dei rivoluzionari da salotto

Negli anni Sessanta e Settanta diventò estremamente di moda, per gli intellettuali newyorchesi ricchi e affermati, ospitare nei propri salotti ogni possibile rivoluzionario radicale, dalle Pantere Nere agli antimilitaristi agli hippy psichedelici. In questo libro Tom Wolfe mette in ridicolo quegli ambienti (di cui esiste anche una versione italiana), descrivendo una serie di serate mondane all’insegna di “Invita-una-Pantera-Nera-al-Cocktail”. Quando il libro apparve per la prima volta nel giugno del 1970 sul “New York Magazine”, lo scandalo fu grande: fu una dura e sana presa in giro della Buona Coscienza Progressista, tuttora attuale.
**