53489–53504 di 72802 risultati

Spock, il vulcaniano

A causa di una serie di tempeste ioniche, la ZONA NEUTRALE che separa la federazione dall’Impero Romulano si sposterà e il pianeta Arachnae si troverà completamente sotto lo spazio Romulano.
L’Enterprise si trova così impegnata a cercare le forme di vita intelligente ivi presente e a offrire la protezione della Federazione.
Ma a bordo della possente *Enterprise*c’è anche la dottoressa Katalyna Tremain, un’esperta di esobilogia che prova un fanatico odio verso tutto ciò che è Vulcaniano e specialmente contro Spock… il primo ufficiale dell’*Enterprise*…
La situazione è delicata. Gli equilibri di politica interplanetaria richiedono interventi precisi e ponderati. Ma sarà possibile agire con oculatezza quando la stessa situazione a bordo dell’*Enterprise* è così incandescente?

Una splendida farfalla

Anna è tanto giovane, poco più di una bambina eppure ha un amore grande di nome Evan.
Trentaquattro anni di esperienza, fascino e simpatia di chi sa come prendere le donne, lui l’ha fatta innamorare perdutamente, ma la considera solo una ragazzina.
Finché un giorno Evan si rende conto che quella crisalide sta per trasformarsi in una splendida farfalla, capace di regalargli sensazioni nuove e una felicità inimmaginabile.
E forse anche di convincerlo a… sposarsi?

Spirito ribelle

Inghlitera 1820
Tempi duri per le principesse, sopratutto se orfane! Lo sa bene la bellissima Alexandra, costretta a fuggire precipitosamente dal convento che la ospitava in Austria per scampare ai malintenzionati che vedono nel matrimonio con l’erede la strada più diretta per il trono. Ma la fuga non è certo un espediente sufficiente a fermare quegli individui senza scrupoli. Che fare allora? Per il tutore della giovane la risposta è una sola: maritarla a un gentiluomo inglese privo di ambizioni reali.
L’impresa non dovrebbe essere difficile, visto il successo che la fanciulla riscuote nel salotti della Londra aristocratica d’inizio ottocento. Ma gli eventi precipitano e Alexandra si ritrova sposata a forse l’unico giovane britannico che non ambiva affatto a tale privilegio: l’affascinante, determinato, brillante e insopportabile Colin. Coinvolto suo malgrado in un unione indesiderata, Colin giura a se stesso che quel matrimonio sarà solo di nome… finchè la sua tenera, dolce, intraprendente mogliettina si getterà a capofitto in un’indagine assai pericolosa, un vortice letale. La paura di perderla aprirà finalmente gli occhi dell’uomo sulla vera natura dei suoi sentimenti, rendendolo pronto a combattere contro il più subdolo dei nemici.

Le spirali del tempo

“Le astronavi avevano continuato a slanciarsi fuori di Lortas. Ma le mete erano state sempre più distanti nascoste in angoli cosi remoti della galassia che, durante i viaggi, i soli e i Pianeti non erano stati altro che numeri nei grandi cataloghi astronomici. Le astronavi s’erano spinte sempre più lontano, sempre più lontano, ma sinora non avevano trovato nulla, anzi, avevano trovato peggio del nulla…”. Che cosa cercano le astronavi di Lortas? Che cosa le spinge a solcare gli oceani sconfinati, dello spazio? Cercano la speranza, la soluzione del problema più angoscioso di fronte, al quale si siano mai trovati gli uomini di tutti i mondi e di tutti i tempi. Un problema cui bisogna trovare a tutti i costi una risposta definitiva e rasserenante, se non si vuole che l’amareggiato Nlesine abbia ragione quando definisce l’uomo “il peggior morbo del cosmo”. Le Spirali Del Tempo non è solo un romanzo di pura fantasia, di semplice avventura avveniristica: è anche, e soprattutto, un’autentica parabola moderna, un racconto col quale Chad Oliver, brillante rivelazione nel campo della fantascienza, oltre ad appassionarci con la vicenda allucinante del dottor Weston Chasel, di Los Angeles, e di un gruppo di uomini “naufragati” sulla Terra, presenta in tutta la sua drammaticità il più grande dilemma dei nostri giorni, e con penna incisiva, spietata, verga un atto d’accusa davanti al quale ci sentiamo indotti a meditare.
Copertina di Carlo Jacono

Spinoza. Un libro serissimo

Spinoza.it è un sito che non ha grande bisogno di presentazioni. Nato nel 2005 per sorridere sulla contemporaneità, il progetto di satira collettiva curato da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino è diventato il punto d’incontro delle penne più affilate del web, considerato una rivelazione dentro e fuori dalla rete. Letteralmente esploso nell’ultimo anno (è stato eletto miglior blog italiano alla Blogfest del 2009) e saccheggiato spesso e volentieri da giornali e tv, con la sua satira fulminante e scorretta Spinoza.it è un luogo di culto per gli amanti dell’umorismo più spietato. Coadiuvati da un manipolo di fedelissimi, i curatori filtrano, assemblano e coordinano l’intenso lavoro di una community di migliaia di appassionati che sfornano senza sosta battute su politica, cronaca e attualità, dando vita al primo notiziario satirico collettivo della rete. Questo libro contiene gli esempi più geniali, caustici e irriverenti della comicità spinoziana e un’irresistibile selezione di battute inedite mai pubblicate sul sito. Prefazione di Marco Travaglio.
**

Spinoza. Qualcosa di completamente diverso

È ormai impossibile parlare di satira in Italia senza fare i conti con Spinoza. Eletto per tre anni consecutivi miglior blog italiano e vincitore del Premio Satira di Forte dei Marmi, Spinoza.it è ormai la fonte principale a cui milioni di lettori attingono ogni giorno in cerca di un contrappunto sarcastico e irriverente a cronaca, politica e attualità. Incurante del passare degli anni (e dei governi), il collettivo guidato da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino – frequentato dalle menti migliori e peggiori della nostra generazione – svela ogni giorno l’assurdità dei fatti e dei loro protagonisti, offrendo una visione obliqua e tutta da ridere delle notizie di ogni tipo, dalle più importanti alle più bizzarre, attraverso l’arma suprema dell’ironia. Questa nuovissima e titanica raccolta, frutto della fantasia di centinaia di navigatori, è composta da più di duemila battute, in gran parte inedite. Duemila sassolini che spogliano la realtà da convenzioni e censure per mostrarcela come non l’abbiamo mai vista: nuda, cruda, e esilarante. Questo libro è qualcosa di completamente diverso.
**

Spinoza una risata vi disseppelirà

Vincitore del Premio Satira Forte dei Marmi, miglior blog italiano dal 2009, Spinoza.it è ormai il punto di riferimento della satira in rete. Ogni giorno la community coordinata da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino offre a centinaia di migliaia di lettori un controcanto satirico alle notizie di cronaca, politica e attualità, conquistando un numero sempre crescente di fan con il suo stile scorretto e irriverente, che ha dato vita a innumerevoli tentativi d’imitazione. Dopo “Spinoza. Un libro serissimo”, il collettivo satirico più saccheggiato del web torna a raccontarci il mondo con una nuova raccolta. 2.500 battute (in gran parte mai pubblicate sul sito) più velenose che mai in cui oltre seicento autori, con dissacrante verve, fanno deflagrare la realtà: un’ironia che non si ferma davanti a nulla, travolgendo convenzioni e barriere. Una risata che vi disseppellirà.
**

Spicchi di Realta

Dallo stesso autore di **Punto di rottura** una antologia con diciannove racconti brevi – emozionanti e vari per tematiche e stile.

Spicchi

Quattro spicchi. Quattro momenti di una giornata in cui si muovono storie e persone diverse, per un affresco plausibile e intrigante, tratteggiato con stile. Dall’autrice del romanzo Progetto Butterfly.

La spiaggia

Due amici, una donna, un paesaggio che muta dalle colline piemontesi alla spiaggia ligure: in questo breve romanzo che Pavese scrisse nel ’42 prendono vita alcuni tra i motivi piu singolari della narrativa pavesiana, con personaggi che sono vibrazioni di un mondo ferito e luoghi che, come gli uomini, nascondono un segreto, le radici di intimi drammi.

La spiaggia infuocata

Per gli aviatori alleati che partono ogni mattina in missione contro i tedeschi, la giovane e bella Centaine de Thiry è una sorta di talismano: non scorgerla sul poggio accanto al castello dei suoi avi può essere un segno di pessimo auspicio per i piloti che si levano in volo sul territorio francese in quella prima, sanguinosissima guerra mondiale. La tentazione di conoscerla più da vicino è irresistibile, e la sorte favorisce un giovane asso sudafricano, Michael Courteney, che intreccia una relazione con Centaine e fa nascere in lei, raccontandole della propria terra, un amore per l’Africa che è superato soltanto da quello che la ragazza nutre per il bel pilota. Sarà questo duplice amore a indurre l’aristocratica e spregiudicata francesina a partire verso una fortunosa ma splendida avventura. Portando in grembo il frutto della sua relazione con Michael, Centaine s’imbarca per l’Africa e affronta i mille pericoli che l’attendono: il naufragio, gli squali, la fame e la sete; decisa a tutto, anche a compiere le azioni più efferate, pur di sopravvivere e far nascere il suo bambino. Poi la sorte, fino a quel momento avversa, volge per un istante a suo favore, inviandole due piccoli geni benefici sotto le fattezze di un’anziana coppia di boscimani che s’inoltrano con lei nel deserto del Kalahari. Ed è qui che ha inizio la vera, grande avventura…
**ENTRA A FAR PARTE DEL CLUB DEI LETTORI DI WILBUR SMITH SU:
WWW.WILBURSMITH.IT
CURIOSITÀ, ANTEPRIME, GADGET E CONTENUTI GRATUITI IN ESCLUSIVA**
(source: Bol.com)

Una spia per marito

Aurelia Farnham conduce una vita serena nella sua casa di Cavendish Square, ma dopo il matrimonio delle amiche Livia e Cornelia, talvolta le capita di desiderare di più. Finché un giorno arriva il colonnello Greville Falconer, con l’incredibile rivelazione che il defunto marito di Aurelia era un agente segreto alle sue dipendenze. Greville ha bisogno di aiuto per smascherare alcune spie spagnole, così le propone di corteggiarla come copertura nella missione. Desiderosa di un pizzico di avventura, nonché di mezzi per consolidare la propria indipendenza, Aurelia acconsente. Che poi l’affascinante spia possa tramutare una finzione in qualcosa di reale come la passione, lei proprio non se l’aspettava…

Lo spettro

Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla polizia, via dalla donna che amava. Ma ora ha un valido motivo per tornare: Oleg, il ragazzo che ha cresciuto come un figlio, è in carcere, con l’accusa di aver ucciso il suo migliore amico. Secondo gli investigatori è un regolamento di conti nel mondo della droga, ma Hole non ci crede. E per dimostrare l’innocenza del ragazzo deve lottare contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde nelle maglie dei sentimenti piú profondi e nei quartieri dello spaccio, con l’ombra di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

(source: Bol.com)

Spedizione Sundiver

Le Maree di Kithrup e I Signori di Garth, sono state opere vincitrici dei Premi Hugo e Nebula, ma il prequel dei due fortunati libri è questo “Sundiver”, opera prima di David Brin, anch’esso collocato nel vasto universo futuro delle Cinque Galassie, popolato da una moltitudine di razze aliene. La premessa di questa grande creazione è che, viaggiando tra le stelle e incontrando altre razze progredite, l’uomo abbia scoperto che ogni specie aliena ha raggiunto l’intelligenza grazie all’aiuto di una razza ancor più evoluta, che l’ha introdotta nella comunità galattica tramite l’ingegneria genetica e l’addestramento, e quindi con un processo chiamato di “elevazione”. L’umanità invece sembra l’unica a non aver avuto “patroni” e ad aver seguito un’evoluzione autonoma. Questo fatto è alla radice del conflitto tra due fazioni, la prima delle quali insiste per conservare tale autonomia ampliando gli orizzonti scientifici, nonostante l’apparente onniscienza dell’immensa Biblioteca Galattica, mentre l’altra fazione è invece convinta della dipendenza da ignoti “patroni”, da conoscere a tutti i costi. All’epoca dei fatti narrati in questo romanzo (anteriori a quelli degli altri due episodi del ciclo) il conflitto è acuto; ma tuttavia un nuovo elemento viene ad animare la disputa: infatti, strane forme di vita vengono avvistate sul Sole… potrebbe davvero trattarsi della razza di “patroni” che elevò l’umanità guidandola verso l’intelligenza e la civiltà. Un grande meeting multirazziale viene subito convocato presso la base Sundiver su Mercurio, e tra essi vi è un personaggio chiave dell’appassionante vicenda: Jacob Demwa, specialista in delfini (che insieme agli scimpanzé sono la specie animale che l’uomo sta a sua volta cercando di “elevare”). Qualcosa dl molto grave e importante sta per accadere… forse è la risposta a un grande quesito, e cioè: se i nostri “patroni” iniziarono l’Elevazione della razza umana molti secoli fa, perché poi hanno deciso di abbandonarci? Ed è questo l’obiettivo della Spedizione Sundiver, che si prepara ad un viaggio sensazionale, perché il destino dell’umanità tra le più progredite razze dell’universo si può decidere nel cuore fiammeggiante della stella chiamata Sole.

La spedizione della V flotta

Come *Gli incappucciati d’ombra* pubblicati la primavera scorsa, anche questo nuovo romanzo di Hamilton è una storia di guerra. E la spettacolare battaglia che la Quinta Flotta combatte all’interno del Sistema solare, in piena Fascia degli Asteroidi, non ha nulla da invidiare alle migliori prove che in questo genere di FS ha fornito, per esempio, un Campbell. Ma ciò che più spicca in questa Spedizione è un senso umano, anzi specificatamente “umanistico”, che raramente di riscontra nelle narrazioni di conflitti astronavali: forse perchè, qui, non si tratta di difendere un qualsiasi Impero Galattico, ma la vecchia Terra.