5313–5328 di 72034 risultati

Incredible Love

Elizabeth non era mai riuscita a definire il sentimento che l’aveva legata ad Alysia.
Erano passati anni e di lei era rimasto solo un pallido ricordo.
Aveva dimenticato praticamente tutto di quella ragazzina.
Persino quelle ultime parole, leggere e sussurrate nel suo orecchio, erano state sepolte in un angolo della memoria.
Fu quando, anni dopo, i suoi occhi incontrarono quelli di Alexa, che tutto divenne finalmente chiaro.
Primo volume

In principio era KAOS: Gli dei dell’Olimpo e i loro progenitori come non ve li hanno mai raccontati! Tutta la verità sulle storie divine

**Eroico** come solo la mitologia sa essere
Avventuroso come **Percy Jackson**
**Divertente** e **ironico** perché sarà l’ironia a salvare il mondo
Da due autrici di **Bestseller** come *Il vampiro di Venezia* e *Acqua Passata* un libro documentatissimo e pur spassoso che racconta come si sia arrivati dal Kaos primordiale agli dei dell’Olimpo in un excursus veloce e coinvolgente illustrato da icone-tattoo che toccano la parola scritta trasformandola in simbolo visivo.
Che cos’è “In principio era KAOS”? Un viaggio.
Un viaggio sì, avete capito bene, e per compierlo vi basterà leggere.
Le pagine di questo libro vi apriranno le porte di un mondo leggendario accompagnandovi in un cammino in cui avrete come compagni fidati esseri sorprendenti e divini, un itinerario inconsueto e prodigioso che inizierà dagli albori del mondo e vi porterà, fra gli altri, a cavallo di Pegaso alato alla ricerca di Amore e della sua Psiche, conducendovi lungo un percorso in cui dovrete stare ben attenti e schivare le pericolose folgori di Zeus, i morsi della terribile capigliatura di Medusa o il canto delle sirene.

Il violino di Auschwitz

Un violino costruito nell’inferno del lager, “assurdo come una pianta di rose in un porcile”. Un violino per ritrovare la dignità violata e. forse, per sopravvivere. Quando Daniel, liutaio a Cracovia, viene deportato ad Auschwitz, dei gesti e delle sensazioni di quel mestiere così amato gli resta solo il ricordo. Finché un giorno viene convocato dal comandante del campo, il maggiore Sauckel: dovrà riparare il violino del suo amico Bronistaw, celebre musicista ridotto ora a esibirsi davanti ai suoi carnefici. Di fronte all’abilità del liutaio, il sadico e raffinato maggiore decide di commissionargli uno strumento nuovo. Un violino che dovrà essere “perfetto come uno Stradivari”: altrimenti sia Daniel che l’amico andranno incontro a una fine peggiore della morte. Solo cinquant’anni dopo, in una Cracovia invernale che celebra il secondo centenario della morte di Mozart, la storia segreta e miracolosa di quel violino verrà finalmente svelata.

Il vecchio e i fanciulli

Romanzo d’ambientazione tipicamente sarda, come molta della produzione di Deledda, che si svolge nell’ovile di un pastore, Melis, dove giunge un misterioso ragazzo, Luca, che si offre come inserviente. Per affinità di temi, personaggi e ispirazione, questa prova narrativa della scrittrice nuorense è stata spesso letta dalla critica in simmetria parallela con un romanzo di quasi trent’anni prima,*Il vecchio della montagna (*1900).
Dall’incipit del libro:
*Da cinque mesi il vecchio proprietario Ulpiano Melis cercava inutilmente un servo per il suo ovile: tutti erano alla guerra, ed i padroni che ancora ne avevano uno, si guardavano bene dal lasciarselo pigliare.
Durante l’inverno, il vecchio Ulpiano aveva fatto tutto da sé, nell’ovile, ma con l’avvicinarsi della buona stagio- ne e lo sgravarsi delle pecore, la cosa diventava sempre più difficile: ed ecco, ai primi di quaresima, come invia- to da Dio, si presentò un giovine in cerca di lavoro.
Era alto, con le spalle quadrate, i piedi e le mani da gigante; ma dal viso liscio, sebbene guarnito di forunco- li, quasi a metà occupato dai grandi occhi neri e dalle foltissime sopracciglia che andavano a perdersi sotto i capelli ondulati, si sarebbe giudicato un bambino. Vesti- va bene, di fustagno marrone; aveva le scarpe nuove, ed uno zaino invece di bisaccia. Il vecchio Ulpiano cominciò ad interrogarlo:
— Di dove sei?
— Di Arbius, – rispose il giovine, guardando verso i monti dove biancheggiava come un rimasuglio di neve questo piccolo paese di pastori.
— Ho un compare, ad Arbius, Francesco Stefano Fa- rina: lo conosci?
— Lo conosco. Era compare anche del mio povero padre.
— Tuo padre è morto?
— È morto da tre settimane: il giorno dopo è morta anche mia madre. Anche un mio fratello è morto in guerra.*

Il vangelo della scimmia

Diciottesimo secolo. Un’isoletta al largo dell’Inghilterra, avvolta dalle brume del nord, così remota che nessuno straniero vi approda da generazioni. Una nave da guerra dove i marinai tengono una scimmia come portafortuna, libera come uno spiritello e vezzeggiata da tutti. Quando una violenta tempesta fa naufragare la nave, la scimmia approda fortunosamente sulle rive dell’isola. Qui gli abitanti hanno ormai cristallizzato le classi, i costumi e le leggi, forti di una ferrea quanto originale interpretazione delle Scritture. Per loro la scimmia è uno straniero, che storpia il linguaggio facendo rotolare le parole come sassi, con suoni indecifrabili. La scimmia diventa il perno delle aspettative dell’intera comunità. Il mercante Hogg si affanna a organizzare il matrimonio dello straniero con sua figlia, Vera la pazza vuole farlo diventare l’amante delle sue notti solitarie. Ma i grugniti incomprensibili dello straniero, le sue pose oscene, il suo ciondolare dagli alberi anziché camminare sulla terra, e tutti i suoi comportamenti promettono peccati tanto orribili da precipitare ogni sicurezza nel caos. Il diverso deve essere sacrificato, perché in una società così autoreferenziale è importante che nulla possa cambiare. Christopher Wilson è il genere di scrittore in grado di fare satira radicale, profonda, divertente. Ne *Il vangelo della scimmia* si respira l’aria dei viaggi di Gulliver e, insieme all’ironia, il lascito di Kafka.

Il Vangelo che la Chiesa non ti farebbe mai leggere

Il Cristianesimo è una religione che, presentata ai fedeli come “rivelata”, affida a un Libro la sua origine, la sua autorità, la sua ragion d’essere e il suo stesso fondamento. Noto a milioni di persone in tutto il mondo anche con il nome di Nuovo Testamento, questo Libro – che ha influenzato il destino dell’intera umanità – è stato presto circondato dal timore reverenziale che si prova di fronte a un testo sacro e, di conseguenza, raramente è stato possibile analizzare il suo contenuto con un minimo di obiettività. Dopo anni di ricerche e di studi, il lavoro di Tim Newton capovolge questa tradizione presentando al lettore un corpus evangelico completamente rinnovato. Alle parole comunemente accettate dalla Chiesa cattolica e conosciute da tutti, Newton contrappone la forza dei vangeli apocrifi censurati dalle gerarchie ecclesiastiche. Il risultato è un libro che intende scardinare millenni di credenze con la forza di una critica che – dal presunto adulterio di Maria alla vera natura di Giuda, dalla passione di Gesù per Maria Maddalena alla storia alternativa della resurrezione – rende accessibile a tutti ciò che è stato tenuto segreto troppo a lungo e, in alcuni casi, completamente dimenticato.

IL TRONO DI ROMA: La Leggendaria Ascesa Al Trono Del Primo Re Etrusco Dell’Urbe: TARQUINIO PRISCO

Il romanzo del primo re etrusco dell’Urbe passato alla storia con il nome di Lucio Tarquinio Prisco. La storia della sua leggendaria ascesa al trono, le guerre, le riforme, le nuove costruzioni. Un sovrano che cambierà per sempre il volto di Roma ed il modo di pensare dei suoi cittadini. Accanto a lui, sin dal suo arrivo a Roma da Tarquinia, l’amata moglie Tanaquil, una donna passata alla storia per la sua bellezza, caparbietà e risolutezza; una donna che insieme al marito contribuirà a rendere l’Urbe la più grande potenza dell’antichità. Tra amori, amicizie, intrighi e tradimenti un potente romanzo storico che descrive la fusione tra il popolo romano e quello etrusco.
Hanno scritto di lui:
“Un romanzo che mi ha tenuto incollato… letto in poche ore.” (Vincenzo)
“Ottimo romanzo scritto molto bene, personaggi a cui ci si affeziona subito, colpi di scena, amore, sesso e corse mozzafiato sulle quadrighe. Interessante e, a tratti, divertente è il classico libro che quando finisci di leggerlo sai già che lo rileggerai altre volte. Davvero avvincente, imperdibile per chiunque ami il romanzo storico.” (Silver)
“I libri hanno il potere di farci viaggiare nel tempo. I libri ben scritti, come questo, hanno un potere ancora maggiore: quello di farci vivere in un’altra epoca. Testo professionale frutto di una grande ricerca storica, con citazioni di date e luoghi realmente esistiti. La fantasia si fonde con la realtà e ci riporta le gesta di fanti e cavalieri, lo stridio metallico delle armature e delle spade, il fragore della battaglia…” (Nevil)
“Una lettura avvincente dal ritmo incalzante, quasi un viaggio nella storia.” (Cliente Kindle)
“Un romanzo dallo stile narrativo chiaro e s
scorrevole e dal lessico impeccabile; un libro dalla trama avvincente e dal ritmo incalzante e ricco di azione. ” (Pietro Z.)
Dello stesso autore:
Il comandante Aquila e la figlia del dragone.
Le belve dell’imperatore.
I mantelli rossi di Assur.
Nuove donne per Roma.
Nefertiti: La Bellissima è Arrivata.
Il destino del faraone guerriero.
L’Etrusca.
Cinisca: la principessa dei cavalli.
**
### Sinossi
Il romanzo del primo re etrusco dell’Urbe passato alla storia con il nome di Lucio Tarquinio Prisco. La storia della sua leggendaria ascesa al trono, le guerre, le riforme, le nuove costruzioni. Un sovrano che cambierà per sempre il volto di Roma ed il modo di pensare dei suoi cittadini. Accanto a lui, sin dal suo arrivo a Roma da Tarquinia, l’amata moglie Tanaquil, una donna passata alla storia per la sua bellezza, caparbietà e risolutezza; una donna che insieme al marito contribuirà a rendere l’Urbe la più grande potenza dell’antichità. Tra amori, amicizie, intrighi e tradimenti un potente romanzo storico che descrive la fusione tra il popolo romano e quello etrusco.
Hanno scritto di lui:
“Un romanzo che mi ha tenuto incollato… letto in poche ore.” (Vincenzo)
“Ottimo romanzo scritto molto bene, personaggi a cui ci si affeziona subito, colpi di scena, amore, sesso e corse mozzafiato sulle quadrighe. Interessante e, a tratti, divertente è il classico libro che quando finisci di leggerlo sai già che lo rileggerai altre volte. Davvero avvincente, imperdibile per chiunque ami il romanzo storico.” (Silver)
“I libri hanno il potere di farci viaggiare nel tempo. I libri ben scritti, come questo, hanno un potere ancora maggiore: quello di farci vivere in un’altra epoca. Testo professionale frutto di una grande ricerca storica, con citazioni di date e luoghi realmente esistiti. La fantasia si fonde con la realtà e ci riporta le gesta di fanti e cavalieri, lo stridio metallico delle armature e delle spade, il fragore della battaglia…” (Nevil)
“Una lettura avvincente dal ritmo incalzante, quasi un viaggio nella storia.” (Cliente Kindle)
“Un romanzo dallo stile narrativo chiaro e s
scorrevole e dal lessico impeccabile; un libro dalla trama avvincente e dal ritmo incalzante e ricco di azione. ” (Pietro Z.)
Dello stesso autore:
Il comandante Aquila e la figlia del dragone.
Le belve dell’imperatore.
I mantelli rossi di Assur.
Nuove donne per Roma.
Nefertiti: La Bellissima è Arrivata.
Il destino del faraone guerriero.
L’Etrusca.
Cinisca: la principessa dei cavalli.

Il tocco del destino

Sull’attraente e misteriosa Ann Van Helsing pesa una maledizione terribile: solo toccando una persona, riesce a leggerne la storia e i sentimenti più intimi. Gli abitanti del villaggio la credono una strega e Ann, schiacciata da un potere che non è in grado di controllare, si è isolata nella propria tenuta. Cerca la pace vagando per i boschi, dove però si imbatte in uomo che sembra morto: Stephan Sincai, colui che le cambierà il destino. Ancora non immagina che si tratti di un’anima dannata, un vampiro che per espiare una colpa terribile è diventato un Persecutore, a caccia dei più pericolosi fra i suoi simili per eliminarli. Prima di rendersene conto, Ann lo già ha sfiorato… Un solo istante e tutta la vita di Stephan si riversa in lei, legandola per sempre a lui. Insieme, ora dovranno combattere qualcosa che li costringerà a scegliere tra ciò che più amano e più temono…

Il Tesoro

“Il tesoro” viene annunciato da una misteriosa lettera. Sarà vero? Sarà una truffa? Ma il tesoro in se stesso serve a Grazia Deledda per mostrare le dinamiche interne di una famiglia sarda.
Salvatore riceve la lettera, ma sono la moglie e la figlia che prendono in mano la situazione a rivolgersi al cugino Cosimo (più esperto di maggiore a classe sociale). Anche in casa di Cosimo però, saranno le figlie Elena e Giovanna ad occuparsi della faccenda.
Nella società sarda di quegli anni, con tutte le contraddizioni, le invidie e i drammi (veri o presunti) di un piccolo paesino, una società profondamente maschilista e paternale, in realtà le figure maschili diventano quasi un contorno e finiscono davvero per essere quelle più deboli, più fragili. Sono gli uomini a titubare sulle decisioni, a cambiare faccia e amori… le donne sono più forti, più sicure (pur con tutte le difficoltà) e ne escono alla grande.
Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. È stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all’età di 64 anni, il 15 agosto 1936.

Il tallone del drago: lavoro cognitivo, capitale globalizzato e conflitti in Cina

La crescita economica senza precedenti della Cina traina la ripresa mondiale verso l’uscita dalla crisi, riconfigurando un’inedita geografia dei poteri con gli Usa e scontrandosi con l’urgenza di una nuova governance globale. Al contempo, gli investimenti sulla formazione, la nascita di nuove metropoli e il rischio di bolle immobiliari stanno profondamente cambiando questo Paese. Questo libro descrive le trasformazioni che il Regno di Mezzo si trova oggi ad affrontare, tra la sfida delle energie rinnovabili, la ricerca scientifica e una forza lavoro mobile e metropolitana. La “fabbrica del mondo” si scopre sofisticata e all’avanguardia, centro di innovazione del capitale globale e sempre più abitata da lavoratori qualificati. Ma è anche il nuovo epicentro delle lotte sul lavoro. Partendo dagli scioperi della fabbrica Foxconn, produttrice degli iPhone di Steve Jobs, questo libro ci spiega come l’immagine di una Cina fatta di persone disposte a lavorare a qualunque condizione subisca forti contraccolpi. Una nuova generazione di giovani cinesi – operai, stagisti e studenti – ci mostra il volto del conflitto tra capitale globale e mondo del lavoro. Frutto di una ricerca condotta nei maggiori distretti produttivi cinesi, questo libro ci guida alla scoperta di coloro che lavorano e occupano le fabbriaàe in una Cina ormai uscita dalle periferie e sempre più protagonista nei processi di valorizzazione dell’economia della conoscenza.

Il sole a mezzanotte

Cacciatrice di fantasmi in un paese sperduto tra i monti della Pennsylvania, Allison Parker si ritrova nell’arcano universo notturno dei vampiri Templari. Dannato da Dio, Sebastian di Rydon non ha conosciuto altro che sangue e morte, e dopo ottocento anni di gelida esistenza da vampiro intravede di nuovo la fiamma della vita nella focosa Allison. Lei, temeraria per natura, dovrà sposare la notte per trovare finalmente il posto che le spetta. Lui, per uscire dalle tenebre, dovrà seguire il sole di mezzanotte che splende vivido in lei. Ma una rete di odio e di vendette irretisce Allison e Sebastian mentre scoprono insieme l’amore, circondati da un mondo dilaniato da un antico conflitto.

Il significato dell’esistenza umana

Uno dei maggiori biologi viventi affronta le domande più ambiziose che l’uomo, unica specie animale capace di riflettere su di sé e sul senso della propria vita, si pone da sempre. Oggi, ci dice Edward Wilson, gli enormi progressi fatti dalla scienza ci offrono gli strumenti concettuali per inquadrare in un discorso credibile fenomeni come la religione, la fede in un’entità sovrannaturale, l’idea di una finalità e la presenza di altre forme di vita nell’universo. La spiegazione di tutti questi aspetti, che rimandano al più generale significato dell’esistenza umana, secondo Wilson risiede nella storia biologica ed evolutiva dell’uomo: quell’epopea, cominciata con i primi passi mossi da Homo Sapiens nell’Africa orientale duecentomila anni fa, in grado di gettare luce sul motivo per cui su questo pianeta esiste una specie come la nostra.

Il sentiero dell’eclissi

La Cina dell’inizio del tredicesimo secolo è terra di conquista a opera delle spietate orde guidate da Gengis Khan e gli stranieri vengono visti con sospetto. Saint-Germain decide di lasciare per prudenza la città e dirigersi verso un avamposto periferico, dove aiuta una coraggiosa donna-Signore della Guerra a difendere la sua fortezza dalle truppe mongole. Successivamente, spinto dall’incalzare dei barbari invasori, il vampiro alchimista attraversa il Tibet, confrontandosi con la spiritualità dei sacerdoti buddisti, e giunge in India, dove la sua strada incrocia quella di una principessa dedita al culto di Kali, la dea della distruzione. Nella lontana terra d’oriente, Saint-Germain è coinvolto in un’avventura nella quale tra mitologia e religione, intrighi e amore, affronta i demoni che porta nel cuore e che gli lacerano l’anima…