53249–53264 di 72802 risultati

Tra dieci mesi la fine del mondo – seconda parte

Nota: seconda parte di “Shiva Descending”, la prima è in “[Tra dieci mesi la fine del mondo – prima parte](https://www.goodreads.com/book/show/15831530.Tra_dieci_mesi_la_fine_del_mondo___prima_parte “Tra dieci mesi la fine del mondo – prima parte”)”
Ecco la seconda parte dell’apocalittico cataclisma che gli astronomi hanno predetto nel numero dl urania della settimana scorsa. Mancano ora soltanto diciannove giorni otto ore e dodici minuti alla fine. riusciremo a deviare il mostruoso asteroide dalla sua rotta dl collisione con la terra? Anche se per sfortuna aveste mancato la prima parte, prendete questa e leggete. Il peggio viene adesso.
Copertina di Karel Thole

Il totem

Strani eventi accadono nella cittadina di Potter’s Field, Wyoming, e il capo della polizia, Nathan Slaughter, non sa dove sbattere la testa: un autostoppista viene trovato morto sulla strada, probabilmente investito da un’auto che si è dileguata, ma come si spiega il suo corpo mutilato così orrendamente? Ed è una coincidenza che il coroner incaricato dell’autopsia sia vittima di un improvviso attacco cardiaco? E com’è possibile che il cadavere dello straniero sparisca dall’obitorio? E che dei capi di bestiame vengano ritrovati orribilmente dilaniati e privi di sangue? Nel frattempo si propaga uno strano contagio che fa precipitare la cittadina in una spirale di inaudita ferocia.

Totem e tabù

**L’opera di Freud, edita da Bollati Boringhieri, è l’unica edizione integrale e di riferimento in Italia.** **Considerata unanimamente la migliore edizione da psicoanalisti e studiosi**, fu diretta da **Cesare Musatti**, il padre fondatore della spicoanalisi italiana, ed è stata costantemente aggiornata da decine di studiosi. **Questa edizione digitale mantiene gli stessi elevati standard scientifici e redazionali dell’edizione cartacea**, che ha costruito il lessico della psicoanalisi nella nostra lingua. Nelle tribù australiane (e il fenomeno è analogo presso tutti i popoli primitivi) ‘totem’ è l’animale sacro, il progenitore e lo spirito protettore del clan. Ucciderlo è delitto gravissimo: è ‘tabù’. Tuttavia il tabù non ha per oggetto il solo totem. Esso si estende anche alle donne, che non possono avere rapporti sessuali con membri dello stesso clan (esogamia); difende con una cortina invisibile i re, i sacerdoti, i morti… Nella civiltà moderna il corrispettivo di questo atteggiamento sono le fobie, presenti in particolare nelle nevrosi ossessive, anch’esse circondate da un complesso cerimoniale che è frutto di coazione. Freud aveva appreso attraverso casi celebri, come quelli del ‘piccolo Hans’ e del ‘piccolo Árpád’, qual è il significato inconscio degli animali nella psiche infantile. Nella psiche del primitivo, il totem ricopre un ruolo analogo: è l’immagine del padre, centro di sentimenti ambivalenti di odio e amore. Come oggetto di venerazione, il totem restituisce al padre l’affetto dei figli, mentre il tabù lo difende dai loro impulsi aggressivi. Nel compiere a ritroso il cammino che dal totemismo sfocia nella religione, Freud s’imbatte una volta ancora nelle due figure centrali del complesso edipico: il padre, amato e insieme pericoloso concorrente nell’affetto della madre, e quest’ultima, oggetto di una passione filiale che si pone come esclusiva. In questo senso Freud poté dire che la religione è ‘qualcosa che appartiene al figlio’.
(source: Bol.com)

Le torri di mezzanotte

L’ultima battaglia è iniziata. I sigilli sulla prigione dell’Oscuro stanno vacillando e le armate delle Ombre hanno iniziato a ribollire. Il sole inizia a tramontare sulla Terza Era. Mentre Perrin Aybara è inseguito dagli spettri del suo passato, un nemico nascosto lo sta lentamente intrappolando. Per riuscire a salvarsi, deve trovare risposte nel Tel’aran’rhiod e cercare un modo di controllare il lupo dentro di lui o perdersi per sempre. Intanto, Matrim Cauthon si prepara per la sfida più difficile. Le creature oltre il cancello di pietra lo hanno confuso e deriso, mettendo nella sua memoria spezzoni della vita di altri uomini. Aveva sperato che questo confronto con loro sarebbe stato l’ultimo, ma la ruota gira come meglio crede. Sta per arrivare il momento in cui dovrà girare ancora. La Torre di Gehjei aspetta, e i suoi segreti riveleranno il destino di un amico che per lungo è stato dato per disperso.

La torre del tempo

Tutto ha inizio in una giornata

qualunque. Kirill Maksimov torna

a casa dopo il lavoro, ma nel suo

appartamento vive un’altra persona.

L’arredamento è diverso, i vicini

non si ricordano di lui, persino

il suo cane non lo riconosce. Ed è

solo l’inizio: i suoi genitori dicono

di non avere un figlio, i suoi documenti

svaniscono nel nulla, gli

amici lo hanno dimenticato.

Kirill si ritrova senza identità, in

balia di qualcuno – o qualcosa –

che sta cercando di cancellarlo da

questo mondo. Una telefonata lo

guida all’interno di una torre idrica

abbandonata, dove ci sono cinque

porte. Lui riesce ad aprirne

soltanto una, che lo conduce in una

città dall’aspetto preindustriale,

con carrozze e lampioni a petrolio.

Cosa sta succedendo? Perché

lo hanno portato in quella torre

che sembra affacciarsi su mondi

diversi? E dove conducono le altre

porte?

Dal creatore del bestseller mondiale

I Guardiani della notte, un

romanzo enigmatico e imprevedibile.
(source: Bol.com)

La Torcia

Sinossi

In un magico viaggio a ritroso nel tempo, l’autrice ricrea l’affascinante atmosfera della Grecia antica, un mondo di mistero e magia, dove uomini e dei convivono, fianco a fianco, dove strane creature, come Amazzoni e Centauri, combattono scontri inenarrabili per la conquista dell’Olimpo. Per bocca della principessa Cassandra rivivono gli eventi che portarono alla caduta di Troia, le gesta degli eroi achei e troiani, i miti e le leggende di un lontano passato.

La tomba insanguinata (Il Giallo Mondadori)

Un milionario con l’hobby dei marchingegni e degli indovinelli è in punto di morte. Ha messo insieme una fortuna spillando soldi ai giocatori nei suoi casinò e ora vorrebbe risarcire la figlia di uno degli sprovveduti che ha rovinato. Ma anche i suoi soci reclamano la propria parte. Allora, niente di meglio che un diabolico rompicapo per dirimere la questione e i quattrini andranno a chi lo risolverà. Il guaio è che qualcuno decide di anticipare l’arrivo della Signora con la Falce. Così, per aprire la cassaforte che custodisce l’eredità, non resta che decifrare i rebus del defunto. A ciascuno il suo problema. Quello di far luce sulla vicenda toccherà invece a Christopher Angel, il detective più anticonvenzionale di tutta Scotland Yard. Non si sa come abbia raggiunto questa posizione senza essere mai stato un funzionario di polizia, eppure è in gamba. Forse riesce naturale, a un ex cacciatore di leoni in Africa, non lasciare scampo neanche agli assassini.
ALL’INTERNO, il racconto ”I più deserti campi” di Riccardo Bettini, Silvia Brizio, Elisa Capanni, Marcello Pedretti e Simonetta Pugnaghi.
(source: Bol.com)

La tomba di Hélios

La tranquilla cittadina provenzale di Manosque viene sconvolta da feroci delitti. Il veleno sottratto a due imprevidenti guardiaboschi viene utilizzato per giustiziare un gruppo di vecchi amici, il cui legame di affetto si trasforma in un cappio di morte. Chiamato a indagare, il commissario Laviolette prova a far breccia nelle segrete e insospettabili parentele che, dovunque, legano amore e interesse. E su tutto, l’ombra e l’anima delle statue del celebre Hélios: nudi di donna che raffigurano molto più di semplici corpi.
**

La tomba di Alessandro. L’enigma

La storia della tomba di Alessandro è la storia di un’avventura. Districare le infinite leggende dai fatti, interpretare le fonti storiche, lacunose e contraddittorie, addentrarsi nel mito equivale a muoversi verso “una meta enigmatica e sfuggente come i miraggi del deserto”. Con l’affermarsi del cristianesimo, infatti, il sepolcro di Alessandro, eretto nella città che portava il suo nome e oggetto di venerazione e visite continue per sette lunghi secoli, in pochi anni cadde nell’oblio. Forse per cause naturali o eventi bellici, forse per una sorta di damnatio memoriae, forse per tutte queste ragioni insieme, di esso si perse ogni traccia. Tuttavia su Alessandria continuò ad aleggiare il fantasma del suo fondatore, che riprese vigore a partire dalla campagna napoleonica in Egitto, da quando cioè molti archeologi e una serie di avventurieri e cacciatori di tesori, ma anche tante persone comuni, si sono cimentati nell’impresa di ritrovare il corpo del più grande condottiero di tutti i tempi. Inseguendo un mito e un’illusione sorti con la morte stessa dell’eroe invincibile, del giovane dal carisma ineguagliabile, incarnazione dello splendore e della ferocia e delle diverse contraddizioni del genere umano. “L’illusione che, qualora arrivassimo un giorno e per assurdo a toccarlo, potremmo, chissà, finalmente capire.”
**

Tokyo station

Harry Niles, figlio di genitori americani, è nato e cresciuto in Giappone e si è sempre sentito, a tutti gli effetti, cittadino di quel Paese. Siamo però nel 1941, l’Europa è già entrata in guerra e presto anche il Giappone, che subisce malvolentieri la politica economica americana, seguirà quella strada. A quel punto Harry, che fino ad allora è riuscito a fare da ponte tra le due civiltà, dovrà scegliere da che parte stare. Trentenne, gestore di un nightclub frequentato da uomini d’affari, giornalisti e politici, Harry rischia grosso, fino a intraprendere l’attività di spia.
**

Tokyo blues

Per le strade di Tokyo Toru e Naoko, due ragazzi non ancora ventenni, camminano insieme in silenzio. Non sanno cosa dirsi, o forse hanno paura, parlando, di sfiorare il segreto che li tiene sospesi in mezzo alla folla: il ricordo di una sconvolgente tragedia che li ha legati e divisi per sempre. Una struggente storia d’amore ambientata nel clima inquieto del Sessantotto giapponese, tra lotte studentesche e passioni culturali e politiche. Attraversato dall’esperienza musicale dei Beatles, dei Doors, di Bill Evans e di Miles Davis, il libro è il racconto di un’adolescenza che già sfuma nel mito.
**

Il tocco del male

Le sue vittime sono affascinanti, di successo e sicure di loro stesse. Conquista la fiducia di queste donne apparentemente inattaccabili e le uccide in modo brutale.
L’agente speciale Isabel Adams è uno dei migliori profiler dell’FBI. Una sensitiva forte e coraggiosa. Ed è bionda, come tutte le vittime del serial killer che semina il terrore nella piccola città di Hastings.
Rafe Sullivan, scettico capo della polizia locale, si rende però conto che Isabel è in grado di percepire la mente dell’assassino. Al punto di sperimentare su di sé il tocco del male…

Titano

Quando l’astronave Ringmaster si avvicina agli anelli di Saturno, scopre che il pianeta possiede un dodicesimo satellite. Una luna “impossibile” da cui scaturiscono fasci di tentacoli che mettono fuori uso l’astronave, impadronendosi dell’equipaggio. Solo ora inizia il vero viaggio di Cirocco Jones, la testarda e volitiva comandante della spedizione, destinata a vivere un’odissea fra le più grandiose della fantascienza moderna. Perché la dodicesima luna è in realtà una gigantesca creatura vivente di nome Gea, che ospita al suo interno un mondo popolato di centauri e arpie, angeli e balene volanti…
Copertina di Franco Brambilla

Ti sto guardando

**Numero 1 in Inghilterra, Stati Uniti e Australia
Un grande thriller
Una ragazza scomparsa.
Il tormento di un testimone.
Una ragnatela di bugie.**
Durante un viaggio in treno Ella Longfield nota due uomini che flirtano con delle adolescenti. Inizialmente non dà molto peso alla cosa, ma quando comincia a mettere meglio a fuoco la situazione il suo istinto le dice che dovrebbe intervenire. È sul punto di chiamare aiuto quando qualcosa la ferma. Il giorno successivo, al risveglio, scopre che Anna Ballard, una delle ragazze del treno che l’aveva colpita per i suoi splendidi occhi verdi, è scomparsa. Trascorso un anno, Ella non ha ancora trovato il coraggio di perdonarsi, ma c’è anche qualcun altro che non ha dimenticato. Ella inizia infatti a ricevere inquietanti lettere piene di minacce. Lettere che le fanno temere per la sua stessa vita. È la paranoia a convincerla che persino le persone che la circondano sappiano qualcosa di cui lei è all’oscuro? L’unica cosa certa è che qualcuno la sorveglia e sa sempre esattamente dove si trova. Perché la sta guardando. La sta guardando.
**Un esordio da record
Bestseller in Inghilterra e Stati Uniti**
«Il miglior thriller dell’anno.»
**L’editore**
«Ti sto guardando mi ha fatto impazzire. Non sono riuscita a smettere di girare le pagine fino all’ultima. Quando un libro ti regala queste emozioni è davvero un piacere insuperabile.»
**Teresa Driscoll**
Vive nel Devonshire e lavora come presentatrice televisiva per la BBC da oltre quindici anni. Forte di una lunga carriera da giornalista d’inchiesta, ha deciso di cimentarsi con thriller realistici e dal sapore amaro che analizzano l’impatto che un crimine ha sui familiari delle vittime. *Ti sto guardando*, il suo esordio nella narrativa, ha ottenuto un grande successo in Inghilterra, Stati Uniti e Australia ed è stato tradotto in sei lingue.
**
### Sinossi
**Numero 1 in Inghilterra, Stati Uniti e Australia
Un grande thriller
Una ragazza scomparsa.
Il tormento di un testimone.
Una ragnatela di bugie.**
Durante un viaggio in treno Ella Longfield nota due uomini che flirtano con delle adolescenti. Inizialmente non dà molto peso alla cosa, ma quando comincia a mettere meglio a fuoco la situazione il suo istinto le dice che dovrebbe intervenire. È sul punto di chiamare aiuto quando qualcosa la ferma. Il giorno successivo, al risveglio, scopre che Anna Ballard, una delle ragazze del treno che l’aveva colpita per i suoi splendidi occhi verdi, è scomparsa. Trascorso un anno, Ella non ha ancora trovato il coraggio di perdonarsi, ma c’è anche qualcun altro che non ha dimenticato. Ella inizia infatti a ricevere inquietanti lettere piene di minacce. Lettere che le fanno temere per la sua stessa vita. È la paranoia a convincerla che persino le persone che la circondano sappiano qualcosa di cui lei è all’oscuro? L’unica cosa certa è che qualcuno la sorveglia e sa sempre esattamente dove si trova. Perché la sta guardando. La sta guardando.
**Un esordio da record
Bestseller in Inghilterra e Stati Uniti**
«Il miglior thriller dell’anno.»
**L’editore**
«Ti sto guardando mi ha fatto impazzire. Non sono riuscita a smettere di girare le pagine fino all’ultima. Quando un libro ti regala queste emozioni è davvero un piacere insuperabile.»
**Teresa Driscoll**
Vive nel Devonshire e lavora come presentatrice televisiva per la BBC da oltre quindici anni. Forte di una lunga carriera da giornalista d’inchiesta, ha deciso di cimentarsi con thriller realistici e dal sapore amaro che analizzano l’impatto che un crimine ha sui familiari delle vittime. *Ti sto guardando*, il suo esordio nella narrativa, ha ottenuto un grande successo in Inghilterra, Stati Uniti e Australia ed è stato tradotto in sei lingue.

Ti odio, anzi no, ti amo!

Lucy Hutton è convinta che l’impiegata modello si becchi, prima o poi, l’ufficio migliore (e relativa promozione). Per questo è servizievole e accomodante, lavoratrice indefessa ma carina e gentile con chiunque. Per questo tutti la amano alla Bexley & Gamin. Tutti tranne il freddo, efficiente, impeccabile e fastidiosamente attraente Joshua Templeman. E il sentimento è reciproco. Costretti a condividere lo stesso cubicolo per 40 ore la settimana, più svariati straordinari che è meglio non quantificare, hanno iniziato a lanciarsi continue e ridicole sfide, in un gioco al rialzo che sembra impossibile da fermare. C’è il Gioco degli Sguardi, il Gioco dello Specchio e nessuno dei due sopporta di perdere. Fino a quando in ufficio si comincia a parlare del Gioco della Grande Promozione. Se Lucy vince, diventerà il capo di Joshua. Se perde… meglio non pensarci. Ma allora, con la sua carriera in ballo, per non parlare dell’orgoglio, perché Lucy comincia a fare sogni sempre più torridi sull’odiato collega? E perché si veste per andare al lavoro come se invece dovesse recarsi a un appuntamento sexy? Dopo che un’innocente corsa in ascensore diventa il teatro di un bacio indimenticabile tra i due, Lucy ha finalmente la sua risposta: forse lei non odia Joshua. E forse nemmeno lui odia lei. Forse è tutto il contrario. Oppure è solo un altro gioco?
**
### Sinossi
Lucy Hutton è convinta che l’impiegata modello si becchi, prima o poi, l’ufficio migliore (e relativa promozione). Per questo è servizievole e accomodante, lavoratrice indefessa ma carina e gentile con chiunque. Per questo tutti la amano alla Bexley & Gamin. Tutti tranne il freddo, efficiente, impeccabile e fastidiosamente attraente Joshua Templeman. E il sentimento è reciproco. Costretti a condividere lo stesso cubicolo per 40 ore la settimana, più svariati straordinari che è meglio non quantificare, hanno iniziato a lanciarsi continue e ridicole sfide, in un gioco al rialzo che sembra impossibile da fermare. C’è il Gioco degli Sguardi, il Gioco dello Specchio e nessuno dei due sopporta di perdere. Fino a quando in ufficio si comincia a parlare del Gioco della Grande Promozione. Se Lucy vince, diventerà il capo di Joshua. Se perde… meglio non pensarci. Ma allora, con la sua carriera in ballo, per non parlare dell’orgoglio, perché Lucy comincia a fare sogni sempre più torridi sull’odiato collega? E perché si veste per andare al lavoro come se invece dovesse recarsi a un appuntamento sexy? Dopo che un’innocente corsa in ascensore diventa il teatro di un bacio indimenticabile tra i due, Lucy ha finalmente la sua risposta: forse lei non odia Joshua. E forse nemmeno lui odia lei. Forse è tutto il contrario. Oppure è solo un altro gioco?