52993–53008 di 74503 risultati

L’esercito dei demoni. La genesi di Shannara

Dopo la distruzione della civiltà, il destino dell’umanità sembra ormai segnato. Gli stessi elfi sono a rischio di estinzione. Uno sterminato esercito di demoni al comando di Findo Gask si appresta a circondarli e distruggerli. La loro unica salvezza sono le Pietre Magiche; gli elfi Kirisin e Simralin, inviati dall’Ellcrys, l’albero senziente, le hanno recuperate, ma devono rientrare nel loro regno superando l’assedio dei demoni senza poter contare sul Cavaliere del Verbo Angela Perez, rimasta gravemente ferita mentre li aiutava nella conquista dell’ultima e più potente Pietra Magica, il Loden. Pericoli d’altro genere minacciano i superstiti della razza umana, sfuggiti all’orda dei demoni e affidati alla protezione dell’altro Cavaliere del Verbo, Logan Tom. In base alla profezia di una creatura magica, il Re del fiume Argento, gli uomini si sono inoltrati nel deserto e ora attendono la loro guida, Falco, che porta con sé il grande potere della magia primordiale. Ma Falco deve ancora vincere le forze soverchianti dei demoni lanciati sulle sue tracce. Né gli elfi né gli uomini, però, sanno che la fine è ancora più vicina di quanto appare: l’orrore della guerra e la solitudine, infatti, hanno portato alla follia l’ultimo custode dei vecchi arsenali nucleari, intrappolato nella sua base sotterranea, trasformando la fuga di Falco in un’impossibile corsa contro il tempo.

L’esercito dei 14 bambini. Cielo in fiamme

**«Spaventosamente realistico e avvincente.»
The New York Times
*Hunger Games* ha trovato il suo erede **
Intrappolati in un supermercato, i fratelli Dean e Alex hanno dovuto imparare a sopravvivere. Insieme ad altri dodici ragazzi hanno costruito un rifugio sicuro, lontano dal caos circostante. Ma questa fragile pace non è destinata a durare. Sapendo che le armi chimiche hanno reso tossica l’aria all’esterno, in grado di trasformare gli esseri umani in creature assetate di sangue, Dean decide di rimanere nel covo insieme con Astrid e alcuni dei ragazzi più piccoli, mentre Alex è determinato a uscire per ritrovare i genitori. Un piccolo gruppo si avventura così nell’oscurità e nella devastazione, approfittando del riparo temporaneo di uno scuolabus. Se riuscissero a raggiungere l’aeroporto di Denver, potrebbero forse ottenere una via per la salvezza. Ma il mondo là fuori è più spaventoso di quanto si sarebbero mai aspettati…
**Un’autrice da oltre 300.000 copie
Il mondo là fuori è spietato e pronto a colpire**
«Spaventoso e affascinante.»
**New York Times**
«Ti lascia senza fiato.»
**Booklist**
«Un ritmo incalzante.»
**School Library Journal**
**Emmy Laybourne**
È scrittrice, sceneggiatrice ed ex attrice. Il suo esordio nella narrativa, *L’esercito dei 14 bambini*, si è guadagnato il plauso della critica ed è entrato nella YALSA Teens’ Top Ten. La serie prosegue con* Cielo in fiamme*. Emmy vive nella periferia di New York City con il marito, due figli e nove galline.
**
### Sinossi
**«Spaventosamente realistico e avvincente.»
The New York Times
*Hunger Games* ha trovato il suo erede **
Intrappolati in un supermercato, i fratelli Dean e Alex hanno dovuto imparare a sopravvivere. Insieme ad altri dodici ragazzi hanno costruito un rifugio sicuro, lontano dal caos circostante. Ma questa fragile pace non è destinata a durare. Sapendo che le armi chimiche hanno reso tossica l’aria all’esterno, in grado di trasformare gli esseri umani in creature assetate di sangue, Dean decide di rimanere nel covo insieme con Astrid e alcuni dei ragazzi più piccoli, mentre Alex è determinato a uscire per ritrovare i genitori. Un piccolo gruppo si avventura così nell’oscurità e nella devastazione, approfittando del riparo temporaneo di uno scuolabus. Se riuscissero a raggiungere l’aeroporto di Denver, potrebbero forse ottenere una via per la salvezza. Ma il mondo là fuori è più spaventoso di quanto si sarebbero mai aspettati…
**Un’autrice da oltre 300.000 copie
Il mondo là fuori è spietato e pronto a colpire**
«Spaventoso e affascinante.»
**New York Times**
«Ti lascia senza fiato.»
**Booklist**
«Un ritmo incalzante.»
**School Library Journal**
**Emmy Laybourne**
È scrittrice, sceneggiatrice ed ex attrice. Il suo esordio nella narrativa, *L’esercito dei 14 bambini*, si è guadagnato il plauso della critica ed è entrato nella YALSA Teens’ Top Ten. La serie prosegue con* Cielo in fiamme*. Emmy vive nella periferia di New York City con il marito, due figli e nove galline.

Eseguendo la sentenza: Roma, 1978: Dietro le quinte del sequestro Moro

Non era inevitabile che la storia italiana prendesse la svolta che ha preso, ma è andata cosí. Bianconi ricostruisce i 55 giorni del sequestro narrati dai punti di vista dei tre protagonisti collettivi – i brigatisti, gli uomini dello Stato, Moro e i suoi familiari – sulla base di testimonianze inedite e documenti tratti da indaginigiudiziarie e commissioni d’inchiesta. Dei brigatisti si ripercorrono le vicende personali, le mosse durante il sequestro, i contrasti interni, i sentimenti e le reazioni alle risposte dello Stato, i colloqui con l’ostaggio, la vita clandestina nella giungla metropolitana grazie alla quale i ricercati sono passati indenni dai controlli di polizia nella città assediata, fino alla tormentata decisione di uccidere il prigioniero come unica conclusione possibile della ‘battaglia’ ingaggiata col rapimento. Nella Dc emerge un atteggiamento che col trascorrere dei giorni va dalla sorpresa alla sofferta consapevolezza di ritrovarsi paralizzati per una Ragione di Stato contro la quale Moro combatte la sua personale battaglia dalla prigione brigatista.Proprio la scoperta di come il sequestro Moro non avesse una ‘soluzione obbligata’ forma la suspense di questo libro, che ripercorre momento per momento i giorni che cambiarono tutto.

Eseguendo la sentenza: Roma, 1978 : dietro le quinte del sequestro Moro

Dei brigatisti si ripercorrono le vicende personali, le mosse durante il sequestro, i contrasti interni, i sentimenti e le reazioni alle risposte dello Stato, i colloqui con l’ostaggio, la vita clandestina nella giungla metropolitana grazie alla quale i ricercati sono passati indenni dai controlli di polizia nella città assediata, fino alla tormentata decisione di uccidere il prigioniero come unica conclusione possibile della “battaglia” ingaggiata col rapimento. Nella Dc emerge un atteggiamento che col trascorrere dei giorni va dalla sorpresa alla sofferta consapevolezza di ritrovarsi paralizzati per una Ragione di Stato contro la quale Moro combatte la sua personale battaglia dalla prigione brigatista.

Esecuzioni a distanza

Gli omicidi e la solitudine di un tiratore scelto dell’esercito americano, e le giornate iperreali dei piloti che da un hangar vicino a Las Vegas guidano i droni sui loro bersagli nelle montagne afghane. Due volti gelidi e feroci di una guerra futura che si combatte già, e che nessuno prima di Langewiesche aveva raccontato.
(source: Bol.com)

L’esatta sequenza dei gesti

Marta ha 12 anni; quando arriva nella comunità alloggio dove lavorano Ascanio ed Elisa, la sua vita ha già preso una piega difficile: una madre alcolizzata e un padre che se ne è andato. L’esistenza di Corrado non è più semplice. Ha 16 anni, guarda il mondo facendo il duro e, nella stessa comunità, aspetta che la madre esca finalmente dal carcere. Nella vita quotidiana della casa le esistenze dei due ragazzi si intrecciano a quelle degli educatori che si prendono cura di loro, tra rabbia, delusioni e piccole felicità, fino a quando Marta e Corrado decidono di prendere in mano il proprio destino.
(source: Bol.com)

Erotica(Mente)

Una raccolta di racconti erotici che spazia tra i vari generi letterari: appassionata, sexy, ironica e talvolta dissacrante, accompagnerà il lettore attraverso un lungo brivido di piacere…

EROTICA LUSSURIA – RACCONTI EROTICI Di Sesso E Perversioni

EROTICA LUSSURIA – RACCONTI EROTICI di sesso e perversioni
A CURA DI Andrej Kobalsky
Vietato ai minori
“Mi hai legata. Lo sai che mi piace, lo so che ti piace. Oramai non ne posso più fare a meno. L’hai fatto la prima volta che ci siamo rincontrati: eri stato particolarmente audace, considerando il fatto che non ci vedevamo più da oltre otto anni. Ricordo che mi lasciasti dei lunghi segni rossi sui polsi che faticai a nascondere sotto le maniche del tailleur. Non so per quale ragione, ma rimasi quasi dispiaciuta quando sparirono. Poi comprasti questo paio di polsiere in cuoio: alte, morbide, in qualche modo addirittura eleganti. A volte penso che mi stiano talmente ben addosso che potrei portarle tutto il giorno, come un monile. Penso che ti piacerebbe se lo facessi: ti sentiresti lusingato che io esibissi i simboli del tuo possesso ma sai bene che non è così. Non te lo concederei se tu non fossi alla mia altezza.
Ecco, mi hai stretto le fibbie attorno ai polsi, mi hai legato le mani alla spalliera del tuo letto. Adesso sono nuda, con le braccia aperte e immobili. No, non sono nuda. Ho scelto di mettermi addosso ciò che mi piace, ciò che ti piace: le mie calze, la tua collana. E i miei stivali….”

Erostrato o la ricerca dell’immortalità

“Troverò ben io il modo di farvi attoniti, o stolti; dovrete ripetere in perpetuo il mio nome. Se per oneste imprese mi ricusaste la fama, vi sforzerò darmela per sempre con una trista”. Così Alessandro Verri faceva parlare il povero Erostrato, che nel 356 avanti Cristo appiccò le fiamme al tempio di Artemide a Efeso, nel tentativo di immortalare – con la distruzione di una delle sette meraviglie del mondo – il proprio oscuro nome. E con il nome di Erostrato per titolo, appunto, Fernando Pessoa compone un saggio per cercare di definire ciò che non gli riuscì mai in vita: la celebrità. Lui – e i suoi innumerevoli eteronimi – scrittore e poeta assolutamente ‘postumo’, destinato alla notorietà solo molti anni dopo la sua morte, creatore di miti, lui, che sognava il Premio Nobel e il Quinto Impero, cercherà con questo testo squisitamente letterario – in compagnia di Carlyle e Browne, di Milton e Shakespeare – di sistematizzare e di dare una logica a quell’impalpabile e bizzarro fenomeno che si chiama Fama.
**

Erosfera

Un uomo coinvolto in una sconvolgente avventura con le discendenti delle mitiche Amazzoni; gli abitanti di un remoto pianeta che scoprono l’esistenza del sesso; una fanciulla trascinata nell’harem di un principe arabo; due adolescenti che spiano le solitarie masturbazioni di una donna; una ragazza che si batte sulle barricate per l’amore libero… tante storie diverse che hanno però un unico e costante protagonista: l’Eros, nella sua piena e felice esplicazione. Un libro che riconferma l’Arsan, autrice di Emmanuelle, l’Antivergine, I figli di Emmanuelle, come una delle migliori scrittrici nel campo della letteratura erotica.

Eros. Lo giuro

Eros Ramazzotti ha deciso di raccontarsi in un libro, e lo ha fatto attraverso la penna vivace di Luca Bianchini. Il giovane scrittore, autore di “Instant Love” e “Ti seguo ogni notte”, ha vissuto per mesi vicino a Eros, accompagnandolo negli Stati Uniti per la preparazione del nuovo disco e parlando a lungo con lui di tutti gli aspetti, professionali e privati, di una vita e di una carriera che ha fatto conoscere in tutto il mondo il “ragazzo di periferia”.

Eroi e mostri: Il fantasy come macchina mitologica

Universalmente letti, i romanzi di J.R.R. Tolkien (*Lo Hobbit* e *Il signore degli anelli*) e quelli del suo amico C.S. Lewis (*Le cronache di Narnia*), anche grazie a riduzioni cinematografiche di grande successo, sono considerati pietre miliari del fantasy contemporaneo. Ma a cosa devono la loro fama sconfinata? Il cattolico Tolkien e l’anglicano Lewis, docenti a Oxford, hanno dato vita a un progetto letterario anti-moderno centrato sul ruolo degli scrittori come “sub-creatori”, ovvero collaboratori dell’opera di Dio nell’invenzione di mondi paralleli. Un progetto qui indagato con acume, risalendo alle fonti di ispirazione che per entrambi sono i cicli dell’epica medievale, con i loro eroi sterminatori di mostri, e illustrando i fondamenti mitologici, spesso apertamente reazionari, del fantasy, un genere letterario e spettacolare che conosce oggi una voga planetaria.

L’eroe di Trafalgar

Bombay, 1805: il sottotenente Richard Sharpe, forte della reputazione di valoroso combattente conquistata in India, sta per tornare in Inghilterra allo scopo di entrare nel reggimento delle Giubbe Verdi. Lo attende un lungo viaggio per mare a bordo della Calliope, e la traversata potrebbe scorrere in tutta tranquillità per i passeggeri – tra i quali Sharpe ritrova un ambiguo personaggio conosciuto durante la guerra contro i maratti, ma anche la bellissima e in apparenza irraggiungibile Lady Grace Hale, di cui s’innamora – se la nave, appartenente alla Compagnia della Indie Orientali, non fosse minacciata da un atto di tradimento. È infatti un oscuro complotto a consegnarla come preda al temibile vascello corsaro francese Revenant, terrore delle navi britanniche nell’oceano Indiano, che l’abborda e la dirotta verso Mauritius. Ma un aiuto insperato giunge dalla grande e veloce nave da guerra del comandante Chase, amico di Sharpe, che ha per missione proprio la cattura della Revenant e, pur senza abbandonare l’inseguimento, prende a bordo i passeggeri della Calliope, permettendo loro di proseguire il viaggio verso l’Inghilterra. La corsa del veliero si interrompe solo quando all’orizzonte si profila non più soltanto lo scontro tanto cercato con la Revenant, ma l’intera flotta franco-spagnola schierata contro quella inglese, al largo di capo Trafalgar. Il comandante Chase si unisce allora alla flotta dell’ammiraglio Nelson, dando a Sharpe l’occasione di provare per la prima volta il suo valore in una battaglia navale, che lo vedrà impegnato fino all’ultimo sangue per difendere l’Inghilterra, il proprio onore e la donna che ama.
(source: Bol.com)

L’eroe di Poitiers

Un eroe indimenticabile Una spada dal potere misterioso Uno scontro che può cambiare per sempre il corso della storia Settembre 1356, la guerra dei Cent’anni infuria in Europa. In Francia l’esercito inglese, guidato da Edoardo di Woodstock, il Principe nero, semina ovunque il terrore, con lo scopo di costringere il sovrano francese a mettere in campo il proprio esercito: le città sono assediate, i campi bruciano e non esiste un solo luogo sicuro. E i francesi, insieme ai loro alleati scozzesi, sono pronti a dare battaglia. Dopo un primo attacco vincente, gli inglesi si ritrovano in inferiorità numerica, intrappolati vicino alla cittadina di Poitiers. Thomas di Hookton, valoroso arciere inglese che ha già combattuto nella battaglia di Crécy, riceve l’ordine di trovare la Malice, la mitica spada di San Pietro, che secondo la leggenda sarebbe in grado di assicurare la vittoria al suo possessore, decidendo così delle sorti della cristianità. Ma anche i francesi sono alla ricerca dell’epica reliquia e Thomas di Hookton, alla guida di un gruppo di mercenari, si trova ad affrontare un vortice di violenza e tradimenti, sperando di portare a termine la sua disperata missione prima che sia troppo tardi…
(source: Bol.com)

L’eroe dai mille volti

Il mito è da sempre oggetto di analisi da parte di storici, filosofi, antropologi, sociologi, che ne hanno proposte le interpretazioni più disparate, riconfermandone però sempre l’importanza nell’ambito della vita associata. Anche gli psicoanalisti si sono rivolti a esso: per loro il mito, come il sogno, rivela la struttura stessa della psiche. Secondo Jung, il mito sarebbe un sognare a occhi aperti, il sogno una continuazione del mito ed entrambi la manifestazione di motivi arcaici, che rivelano l’esistenza di elementi strutturali della psiche inconscia. Questi motivi o immagini, da lui chiamati archetipi, dimostrano che esiste un inconscio collettivo comune da sempre a tutti gli uomini. Nello scrivere questo saggio sul mito dell’eroe, Joseph Campbell si è rifatto alle concezioni psicoanalitiche, in particolare a quelle di Jung, ma ha tenuto conto anche delle altre interpretazioni. Perciò “L’eroe dai mille volti” è un fantasmagorico viaggio attraverso le culture di tutto il mondo e di tutte le epoche. Centinaia di miti, favole e leggende, una folla di uomini, eroi, mostri, spettri, fate e geni, un pantheon di dèi clementi e terribili, maestosi e beffardi, costituiscono la materia di un libro che dalla sua prima pubblicazione, nel 1949, si è imposto come un grande classico.
**