52961–52976 di 65579 risultati

La minaccia nucleare: La crisi coreana, i problemi di controllo degli arsenali, il rischio terrorismo

Un’ombra inquietante minaccia la fragile pace mondiale. Le ripetute e sempre più allarmanti provocazioni di Kim Jong-un, il dittatore della Corea del Nord, sembrano rendere ogni giorno più concreto il rischio di una nuova guerra mondiale, con lo spettro dell’uso delle armi nucleari. Ma quali sono i paesi del cosiddetto ‘club nucleare’? Come sono stati costruiti i loro arsenali e che caratteristiche hanno? Quali sono i rischi che il nucleare, anche in tempo di pace, possa finire nelle mani dei terroristi internazionali? Dagli autori del “Califfato Nero”, una rigorosa indagine sull’incubo del nostro tempo.
**
### Sinossi
Un’ombra inquietante minaccia la fragile pace mondiale. Le ripetute e sempre più allarmanti provocazioni di Kim Jong-un, il dittatore della Corea del Nord, sembrano rendere ogni giorno più concreto il rischio di una nuova guerra mondiale, con lo spettro dell’uso delle armi nucleari. Ma quali sono i paesi del cosiddetto ‘club nucleare’? Come sono stati costruiti i loro arsenali e che caratteristiche hanno? Quali sono i rischi che il nucleare, anche in tempo di pace, possa finire nelle mani dei terroristi internazionali? Dagli autori del “Califfato Nero”, una rigorosa indagine sull’incubo del nostro tempo.

Una minaccia nell’ombra (eLit)

Anna Fleming conduce un’esistenza ritirata in una piccola cittadina del Wyoming. Dietro la pacifica quotidianità che è riuscita con fatica a costruirsi si nasconde però un passato oscuro e doloroso. Quando la comunità le chiede di aiutare Lorna, una ragazzina preda di improvvisi raptus di violenza, Anna riconosce subito i chiari segni di quello stesso incubo da lei vissuto in gioventù. Riuscirà a salvare Lorna e a cancellare i ricordi che la tormentano? Forse sì, con l’aiuto di Hugh Gallagher e con la forza del suo amore.

(source: Bol.com)

La minaccia degli Esmeraldiani

Quando uscì Omicidi a effetto ritardato innumerevoli fans si trovarono d’accordo nel giudicarlo il più strepitoso romanzo di Goulart. Si sbagliavano. Il più strepitoso è questo che presentiamo oggi. Per favorire le discussioni e il confronto, ecco comunque l’elenco dei tredici romanzi di Goulart che Urania ha pubblicato finora:
L’arma dei Walbrook – Watergate 2021 – La grande clessidra – Nemo – L’imperatore degli ultimi giorni – L’enigma di Hawkshaw – Il perfido Cyborg – I super-alieni di Lemuria – L’angelo di latta – Nel sistema della follia – Heil Hibbler – Omicidi a effetto ritardato – La minaccia degli Esmeraldiani.

Millennium People

Un personaggio oscuro alimenta la ribellione nella media borghesia londinese.
Quando all’aeroporto di Heatrow scoppia una bomba, lo psicologo David Markham pensa che sia un ulteriore atto casuale di violenza insensata fino a quando scopre che tra le vittime c’è anche la sua ex moglie Laura. Seguendo le piste della polizia, David decide di infiltrarsi in alcune or-ganizzazioni di protesta per investigare sulla morte di Laura e finisce per entrare in un gruppo che ha la propria base in un confortevole quartiere sulle sponde del Tamigi, Chelsea Marina. Diretto da Robert Gould, un dottore carismatico, il movimento sembra avere lo scopo di sollevare la pur sempre docile middle class, di liberarla dai suoi limiti che la condannano, in nome della responsabilità civica, a farsi schiavizzare da assicurazioni, scuole private, rate, pensioni ecc. La strategia di Gould è quella di far crollare la società dei consumi per realizzare un’esistenza ricca di più profondi significati.
Mentre David cerca di scoprire la verità che si nasconde dietro l’attentato, cade lentamente in una spirale che sfugge al controllo: ogni certezza sulla sua esistenza è messa in questione, i valori che da sempre rappresentano i bastioni della pacifica società inglese diventano i bersagli di attacchi violenti. Intanto il panico diventa incontrollabile e si insinua in tutta la città.

Mille voci su di noi (I Romanzi Emozioni)

Mille voci su di noi (I Romanzi Emozioni) by Jill Shalvis
Kate Evans è sicura di poter riconoscere ovunque gli occhi grigi di Griffin Reid: in fondo, è stato il primo ragazzo di cui si è innamorata, anche se all’epoca dei fatti aveva solo dieci anni! Quegli occhi che lasciano intendere una profonda rabbia covata nel cuore e una malinconia particolare nei confronti di Sunshine, la cittadina dell’Idaho dove ora le loro strade si incrociano di nuovo. Griffin è appena rientrato da una missione militare per il matrimonio di sua sorella Holly, e trovare un conforto in Kate, in quell’insegnante di scienze un po’ impacciata, è per lui qualcosa di inatteso. E anche per Kate non sarà semplice uscire dal mondo ingombrante dei suoi affetti: una sfida che si può vincere soltanto con la più tenera pulsione del cuore

Le Mille E Una Notte

Le mille e una notte by Autore sconosciuto
È incentrata sul re persiano Shahriyār che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, uccide sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. Un giorno Shahrazād, figlia maggiore del gran visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo escogitato un piano per placare l’ira dell’uomo contro il genere femminile. Così la bella e intelligente ragazza, per far cessare l’eccidio e non essere lei stessa uccisa, attua il suo piano con l’aiuto della sorella: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per “mille e una notte”; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita.

Le Mille e Una Notte

Il re persiano Shāhrīyār, che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, uccide sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze.
Un giorno, Sharāzād, figlia maggiore del Gran Visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo escogitato un piano per placare l’ira dell’uomo contro il genere femminile. Così la bella e intelligente ragazza, per far cessare l’eccidio e non essere lei stessa uccisa, attua il suo piano con l’aiuto della sorella: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita.
In queste fiabe è presentato un oriente magico e affascinante, ricco di tesori nascosti.
E’ in queste ambientazioni che tutti noi, da bambini, abbiamo seguito le gesta di Aladino, Alì Babà e i 40 ladroni, e altri.
Godetevi la lettura completa e originale.
**
### Sinossi
Il re persiano Shāhrīyār, che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, uccide sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze.
Un giorno, Sharāzād, figlia maggiore del Gran Visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo escogitato un piano per placare l’ira dell’uomo contro il genere femminile. Così la bella e intelligente ragazza, per far cessare l’eccidio e non essere lei stessa uccisa, attua il suo piano con l’aiuto della sorella: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita.
In queste fiabe è presentato un oriente magico e affascinante, ricco di tesori nascosti.
E’ in queste ambientazioni che tutti noi, da bambini, abbiamo seguito le gesta di Aladino, Alì Babà e i 40 ladroni, e altri.
Godetevi la lettura completa e originale.

Mille e una notte

Le mille e una notte è una celebre raccolta di novelle orientali, datata attorno al X secolo, di varia ambientazione storico-geografica, composta da differenti autori.
È centrata sul re persiano Shahriyar, che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, ha deciso di uccidere sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. La bella Shehrazad, andata in sposa al re, escogita un trucco per salvarsi: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita. Ciascuna delle storie principali delle Mille e una notte è quindi narrata da Sherazad; e questa narrazione nella narrazione viene riprodotta su scale minori, con storie raccontate dai personaggi delle storie di Shehrazad, e così via.
**
### Sinossi
Le mille e una notte è una celebre raccolta di novelle orientali, datata attorno al X secolo, di varia ambientazione storico-geografica, composta da differenti autori.
È centrata sul re persiano Shahriyar, che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, ha deciso di uccidere sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. La bella Shehrazad, andata in sposa al re, escogita un trucco per salvarsi: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita. Ciascuna delle storie principali delle Mille e una notte è quindi narrata da Sherazad; e questa narrazione nella narrazione viene riprodotta su scale minori, con storie raccontate dai personaggi delle storie di Shehrazad, e così via.

Le mille e una Italia

Pubblicato per la prima volta nel 1960 in occasione del centenario dell’Unità, “Le mille e una Italia” è un racconto fantastico dedicato al nostro Paese, alla sua storia, alle sue tradizioni e ai suoi eroi.
Riccio Tumarrano, un ragazzo siciliano, parte per raggiungere il padre, minatore al traforo del Monte Bianco. Nel suo viaggio da Sud a Nord, lungo un percorso in cui gli spazi geografici si intrecciano con i tempi della storia, Riccio incontra figure e uomini illustri di ogni epoca (da Annibale a Garibaldi, da Savonarola a Machiavelli, a Galileo, da Cavour a Mussolini, ai Fratelli Cervi e al Beato Cottolengo), che lo aiutano a comprendere i tratti, spesso contraddittori, della nostra nazione. «Ma è un’Italia diversa da quella dei libri di scuola – scrive Arpino in una nota al testo – un’Italia imprevedibile e piena di speranza.»
La felicità di un’invenzione che si rinnova a ogni pagina, la leggerezza poetica e lo stile chiaro, sciolto e disinvolto, fanno di “Le mille e una Italia” un libro per tutti, godibilissimo e di grande attualità.
**
### Sinossi
Pubblicato per la prima volta nel 1960 in occasione del centenario dell’Unità, “Le mille e una Italia” è un racconto fantastico dedicato al nostro Paese, alla sua storia, alle sue tradizioni e ai suoi eroi.
Riccio Tumarrano, un ragazzo siciliano, parte per raggiungere il padre, minatore al traforo del Monte Bianco. Nel suo viaggio da Sud a Nord, lungo un percorso in cui gli spazi geografici si intrecciano con i tempi della storia, Riccio incontra figure e uomini illustri di ogni epoca (da Annibale a Garibaldi, da Savonarola a Machiavelli, a Galileo, da Cavour a Mussolini, ai Fratelli Cervi e al Beato Cottolengo), che lo aiutano a comprendere i tratti, spesso contraddittori, della nostra nazione. «Ma è un’Italia diversa da quella dei libri di scuola – scrive Arpino in una nota al testo – un’Italia imprevedibile e piena di speranza.»
La felicità di un’invenzione che si rinnova a ogni pagina, la leggerezza poetica e lo stile chiaro, sciolto e disinvolto, fanno di “Le mille e una Italia” un libro per tutti, godibilissimo e di grande attualità.

Il milione

###
Fra il 1298 e 1299, nelle carceri di Genova, Marco Polo detta al compagno di prigionia, Rustichello da Pisa, il suo resoconto del viaggio compiuto in Cina nel 1271: “Le Divisament da Monde”. Scritto nella redazione originale in franco-italiano, il libro sarà ben presto noto con il titolo di Milione, dal soprannome di tutta la stirpe dei Polo, da Emilione, nome di un antenato della famiglia. Marco si occuperà, sino alla morte, di affari e commercio e soprattutto della diffusione del suo libro che, ben presto volgarizzato, circolerà in versioni toscane più o meno fedeli, e riscuoterà fin dai primi del Trecento, un notevole successo.

Il Miliardario Romantico

ATTENZIONE: Questo testo è riservato ad un pubblico adulto. Se sei minorenne non acquistarlo. Il testo contiene materiale erotico come il seguente.
** *Il clitoride di Abby stava ancora tremando e la sua pelle delicata pulsava ancora nelle vampate dell’orgasmo. Strinse forte le dita sui capelli di Cole mentre lui ricominciava a leccare, con maggiore vigore, spingendola di nuovo in un istante di godimento. Era quello che lei voleva, ardentemente. L’unica cosa che aveva in mente quella sera era guardarlo nei suoi occhi chiari mentre si muoveva sopra di lei, dentro di lei. Gli toccò il braccio per avere la sua attenzione, poi fece si che si alzasse verso di lei, per baciarla.* **
Josh Hamilton è una talpa all’interno della compagnia.
Abigail sta andando ad un appuntamento con lui.
Abigail dice a Cole del suo appuntamento.
Cole sa che Josh è la talpa.
Cole è preoccupato.
Cole vuole sapere quello che Josh ha in mente.
Si tratta solo di un appuntamento tra colleghi?
Josh gli porterà via Abigail?
Cole saprà cos’è successo all’appuntamento?
Compra il libro e scoprilo!!

Milano è una selva oscura

Milano è una selva oscura by Laura Pariani
«Che mi domando e dico: cos’ho mai fatto nella mia vita, oltre a scappare? Il Dante sorride tra sé mentre prova a rispondere… Ché se la vita la fosse un catalogo, potrebbe scriverci: andato in guerra, dato lezioni, emigrato, sposato, diventato padre, ammalato, confinato, letto libri, scritto quatter patanflànn di poesie, viaggiato di notte su un camion per un sacco di riso e una tolla di latte condensato da portare alla Milena, urlato per i bombardamenti, gridato d’allegria nel sole di aprile, venduto libri, perduto il lavoro, finito sotto processo, ben pistaa in la pirotta, camminato… Insomma, una lista lunga, e non sempre di faccende volgari».
Ma di tutto questo nella borsa «degli Avanzi» che porta a tracolla restano solo poveri «barlafüs», destinati a finire insieme al Dante «in pasto ai vermi – ipotesi umile – o ai corvi – ipotesi romantica – o agli avvoltoi – ipotesi eroica – o ai piccioni – ipotesi terratèrra».
Il Dante si sente diverso dalle altre lingére, che per paura e vergogna non amano mostrarsi e si rintanano nei loro cantucci. A fargli mantenere la testa alta è la cultura di cui nella sua famiglia adottiva si è nutrito fin da piccolo: non ha mai chiesto l’elemosina, e non frequenta neppure il refettorio della San Vincenzo; da quelle «dame del biscottino» «non ci va non ci va non ci va», perché dovrebbe in cambio fare il segno della croce. «Mangià e bev in santa libertà, diga chi voer, l’è on gust cont i barbìs», scriveva il Porta. Parole sante, secondo il Dante, ché anche il primo dei poeti milanesi «l’era della razza dei poerìtt ma gnücch».
Lui preferisce accettare quello che la gente gli offre in cambio di un calembour, di una storia ben raccontata o della recita di una poesia. E sa star bene con gli amici, con cui spartire le cicche e un po’ di grappa. Intanto rimescola tra sé e sé riflessioni sul mondo, filastrocche, citazioni, frammenti di ricordi o forse di sogni: «memorie che si somministra da solo col gusto di chi fa un solitario…»
Fino a quando il suo destino non si compie nel «punto preciso in cui poggiare l’orecchio per terra di modo da sentire battere il polso della città».

Milano e il secolo delle città

L’inizio del nuovo millennio sta portando alla ribalta le grandi città del mondo come luoghi della sperimentazione del futuro del pianeta e insieme come protagoniste della competizione a livello globale: città come Los Angeles, Londra e Tokyo hanno un ruolo di guida economica e identitaria sia per se stesse sia per i Paesi che rappresentano. L’Italia è un Paese fondato sulle città e la nostra storia – dall’epoca dei comuni alle istanze autonomiste odierne – ci ricorda quanto l’attaccamento alla comunità locale sia spesso più forte del legame con lo stato centrale. Ma oggi l’avvento delle megacity impone un cambiamento di politica che ci consenta di superare la frammentarietà e riuscire a giocare con successo un ruolo di rilievo nel “secolo delle città”. In questa prospettiva un’ispirazione per l’Italia può venire da Milano, ritenuta in questi anni un modello dalle più autorevoli agenzie internazionali, dalle aziende, dai turisti, dai milanesi stessi. Una città dalla storia millenaria, operosa e solidale, a cui il XXI secolo ha impresso una nuova marcia. Expo 2015 ha creato un tessuto vitale in cui Università, creatività, tecnologia, impresa e cultura hanno disegnato la Milano internazionale e contemporanea di oggi. Unica in Italia. Una città che deve ancora risolvere sfide impegnative ma che è disponibile a guidare il confronto internazionale e insieme a consegnare al Paese una serie di buone pratiche da imitare: le battaglie per la legalità, la solidarietà, la gestione virtuosa dei servizi, la sensibilità ambientale. Giuseppe Sala, sindaco di Milano e artefice del successo di Expo, racconta l’identità complessa di questa città e dimostra, anche e soprattutto a chi la guarda con diffidenza, perché oggi essa rappresenta una grande opportunità per l’Italia e per l’Europa. ” Milano oggi è una città capace di farsi domande e di costruire risposte. Il coraggio io lo intendo così: guardare il mondo con ampiezza di vedute e provare a cambiarlo.”

(source: Bol.com)

Migrazioni

Migrazioni by Carmen Yáñez
**Carmen Yáñez** ha attraversato e condiviso lo stesso destino, la stessa condizione allargata di esperienza e conoscenza di molti esuli del passato: per salvarsi, ha dovuto lasciare la sua terra, cominciare il lungo **pellegrinaggio **dell’emigrato, soffrire le stesse pene, coltivare il seme coraggioso, spesso addirittura folle, della **speranza**. Fuggiva da una dittatura, ma allora forse nessuno le ha chiesto di qualificarsi come esule, migrante, rifugiata… Non sente il bisogno di distinguere tra queste condizioni neanche ora, quando con versi sofferti e umanità palpitante compie a ritroso questo viaggio poetico nel pianeta della migrazione. Persone che fuggono dalla fame, dalla miseria, dalla guerra o dalla persecuzione politica su precarie imbarcazioni, su camion crivellati di proiettili, su treni merci sgangherati che arrivano dagli angoli estremi della terra: in tutti loro Carmen Yáñez vede la stessa umanità che attraversa un «incerto paesaggio di strani sogni» in cerca di un approdo definitivo. Uomini e donne coraggiosi e disperati, pronti, pur di darsi una possibilità, a inventarsi una terra che è solo un angolo di pace da immaginare, «senza spigoli né coltelli», dove curare le «ferite di imprecisate battaglie». Un’isola che non c’è, che solo una poesia impastata d’amore, una poesia che è memoria e balsamo, può far toccare.

I Migliori Racconti Di Padre Brown

I migliori racconti di Padre Brown by Chesterton Gilbert Keith
Un minuto prete cattolico dal viso rotondo, ingenuo e impacciato all’apparenza, nasconde uno strano investigatore che nulla ha da invidiare al campione del metodo scientifico, il detective Sherlock Holmes. Padre Brown non è uno scienziato e le sue indagini sono del tutto particolari: egli non cerca il criminale da punire ma l’uomo da far ricredere e l’anima da recuperare. Ancor prima dei malfattori, saranno le falsità e le ipocrisie a cadere nelle sue trappole sotto i colpi di arguti ragionamenti. A Chesterton il merito di aver coniato una nuova declinazione del genere poliziesco che diverte, appassiona e ispira da oltre un secolo, capace di stillare gemme di riflessione morale senza nulla togliere al sano intrigo della migliore tradizione del giallo d’Oltremanica. I racconti contenuti nell’antologia sono:La croce azzurra, Il passo strano, La parrucca rossa, La freccia del cielo, Il segreto di Padre Brown, Il lutto del signore di Marne, Il segreto di Flambeau, Il libro maledetto.