52897–52912 di 66978 risultati

Il silenzio dei chiostri

Petra, il poliziotto più duro ed efficiente del distretto di Barcellona, s’è sposata, e contrasta la maliziosa innocenza dei figli del marito Marcos. Anche il vice Garzón s’è sposato, ma lui si sente oppresso dalle infinite attenzioni dell’impeccabile moglie. Perciò, giunge loro come un sollievo amaro questo caso. Un omicidio nel convento delle sorelle del Cuore Immacolato, reso ancor più scabroso dalle modalità in cui sembra avvenuto. Il cadavere di frate Cristóbal dello Spirito Santo è stato ritrovato accanto alla teca che custodiva il Beato Asercio de Montcada. E il corpo sacro, miracolosamente incorrotto, intorno al quale, da esperto di reliquie, lavorava l’erudito cistercense, è scomparso. A intorbidare le piste, deviandole al soprannaturale, vi è poi un enigmatico biglietto: “cercatemi dove più non posso stare”. Davanti a Petra e a Garzón si squaderna un ventaglio contraddittorio di ipotesi fantasiose che devono malvolentieri verificare, in un ambiente odoroso di incenso ma alquanto reticente. E sono perfino tentati da una tecnica d’indagine deduttiva che è loro estranea. Ma presto il realismo s’impone: “faccio fatica a credere a ciò che esula dalla mentalità comune”, e la coriacea detective e il suo aiutante dai modi spicci e dalle mille fisime, riprendono il metodo abituale, faticoso e di strada.
**

IL SILENZIO DEGLI OCCHI

Il silenzio degli occhi by Giovanni Ricciardi
Dicembre 2008. Roma è percorsa da un’ansia febbrile per l’eccezionale piena del Tevere, che mette in subbuglio l’intera città. Ma il commissario Ponzetti non ha tempo per occuparsene. Nella sua macchina è stato abbandonato un bambino di tre o quattro anni, scalzo e sordomuto, e nessuno si fa avanti per reclamarlo. Al mistero si aggiunge la sensazione, dettata da minimi indizi, che il piccolo sia in pericolo. Mentre il bimbo viene temporaneamente affidato all’inseparabile ispettore Iannotta e la vita familiare del commissario, con la figlia Gisella prossima a partorire, si fa sempre più caotica, a Roma imperversa la famigerata “banda dei SUV”, che da diverse notti lascia la sua firma squarciando le gomme di decine di ingombranti fuoristrada. La vicenda assume presto le tinte di un insospettabile intrigo che porterà un esterrefatto Ponzetti a incrociare sul proprio cammino perfino i Servizi Segreti. Sotto una pioggia battente, mentre il Natale si avvicina, la fitta rete di indizi rischia di intrappolare il commissario, che ha solo le armi del buon senso, dell’acume e della sua umanità per contrastare chi sta pilotando un gioco più grande di lui, da cui dipendono la vita di un innocente e la salvezza della propria pace familiare.

El silencio de la ciudad blanca

Tasio Ortiz de Zárate, el brillante arqueologo condenado por los extraños asesinatos que aterrorizaron la tranquila ciudad de Vitoria hace dos décadas, está a punto de salir de prision en su primer permiso cuando los crímenes se reanudan de nuevo: en la emblemática Catedral Vieja de Vitoria, una pareja de veinte años aparece desnuda y muerta por picaduras de abeja en la garganta. Poco después, otra pareja de veinticinco años es asesinada en la Casa del Cordon, un conocido edificio medieval.
El joven inspector Unai Lopez de Ayala —alias Kraken—, experto en perfiles criminales, está obsesionado con prevenir los crímenes antes de que ocurran, una tragedia personal aún fresca no le permite encarar el caso como uno más. Sus métodos poco ortodoxos enervan a su jefa, Alba, la subcomisaria con la que mantiene una ambigua relacion marcada por los crímenes… El tiempo corre en su contra y la amenaza acecha en cualquier rincon de la ciudad. ¿Quién será el siguiente?
Una novela negra absorbente que se mueve entre la mitología y las leyendas de Álava, la arqueología, los secretos de familia y la psicología criminal. Un noir elegante y complejo que demuestra como los errores del pasado pueden influir en el presente.
(source: Bol.com)

Silencer

1993: Sotto copertura, Nick Stone e la sua squadra di sorveglianza speciale vivono da alcune settimane nel Costa Rica, in un’azione che li porta nella giungla e tra le strade della città. La loro missione è localizzare il boss del più letale cartello della droga ed eliminarlo senza indugio. Finalmente il momento di colpire è arrivato. Per controllare che l’operazione sia andata a buon fine, però, Nick dovrà rivelare il suo volto. È un rischio che è disposto a correre, ma le conseguenze saranno letali.
2011: Nick vive a Mosca, lontano da tutto, accanto ad Anna e al bimbo nato prematuro. Ma quando le condizioni di suo figlio si aggravano e il dottore che dovrebbe salvargli la vita viene minacciato, Nick si ritrova nuovamente sul campo di battaglia. Le forze scatenate contro di lui hanno armi, elicotteri, eserciti privati e tengono in pugno una popolazione terrorizzata. Nick Stone è determinato a proteggere la donna e il bambino che ora significano per lui più della sua stessa vita.

Signori il gioco è fatto!

Tutto ha inizio quando Philo Vance riceve una lettera anonima: qualcuno, quella sera, cercherà di uccidere Lynn, membro della nota famiglia newyorkese dei Llewellyn, all’interno dell’elegante casinò cittadino. Quella stessa sera Virginia Vale, moglie di Van Dine, un caro amico di Vance, viene trovata morta per avvelenamento: una lettera rivela che si è trattato di un suicidio, ma nel corpo dell’ex stella del musical di Broadway non viene trovata traccia di veleno. Van Dine, in questo suo ottavo romanzo, tra intrecci di chimica, mistero e gioco d’azzardo, risolve davanti ai nostri occhi il crimine forse più diabolicamente sottile che abbia mai narrato.

(source: Bol.com)

Signori il gioco è fatto

Tutto ha inizio quando Philo Vance riceve una
lettera anonima: qualcuno, quella sera, cercherà
di uccidere Lynn, membro della nota famiglia
newyorkese dei Llewellyn, all’interno dell’elegante
casinò cittadino. Quella stessa sera Virginia
Vale, moglie di Van Dine, un caro amico di
Vance, viene trovata morta per avvelenamento:
una lettera rivela che si è trattato di un suicidio,
ma nel corpo dell’ex stella del musical di Broadway
non viene trovata traccia di veleno.
Van Dine, in questo suo ottavo romanzo, tra intrecci
di chimica, mistero e gioco d’azzardo, risolve
davanti ai nostri occhi il crimine forse più
diabolicamente sottile che abbia mai narrato.

I signori della sete

Gli ultimi mesi erano stati un vero schifo per Nic Morgan. Sua moglie Lucy, la donna di cui si era innamorato a prima vista in un giorno di pioggia, era morta in un incidente d’auto a soli ventotto anni. E, quel che era peggio, non era sola; alla guida, infatti, c’era il suo amante e Nic aveva saputo di quella maledetta tresca solo quando non c’era più nulla da fare. Per non parlare poi del lavoro: da quando era rimasto solo, concentrarsi gli era quasi impossibile e quelle due iene che miravano da tempo al suo posto di vicepresidente di un’importante multinazionale petrolifera ne avevano approfittato mettendolo in cattiva luce con il capo. Di un uomo annebbiato dal dolore non ci si può fidare, perciò Nic viene mandato via da San Francisco e spedito nel Corno d’Africa. La situazione che si trova di fronte è bollente, inglesi da una parte, francesi dall’altra e Islam dovunque. I paesi confinanti che tramano per far diventare la zona una polveriera. I guerriglieri che trucidano i nemici indiscriminatamente. Ma quella è anche una terra incontaminata, piena di ricchezze naturali di cui, però, la popolazione non può disporre in alcun modo. Così Nic, grazie ai consigli di Thomas, un collega del posto, e di Theresa, dirigente di una società che fa ricerche geotermiche, comprende che in quel luogo può spegnere la rabbia che lo sta consumando: con dei progetti di cooperazione internazionale si può riportare l’acqua a coloro a cui appartiene di diritto, un modo per sentirsi di nuovo utile.

Il signore di Troia

Certo non immaginava, il giovane guerriero Elicaonte, mentre con lo sguardo contemplava la costa dei Dardanelli che si allontanava, che quel viaggio avrebbe cambiato la sua vita. Priamo, il re di Troia, lo aveva inviato a Micene, la capitale dei pirati Achei guidati da Agamennone, a prendere la bella Andromaca, che sarebbe andata in sposa a Ettore, figlio maggiore di Priamo, erede al trono e grande amico di Elicaonte. Non immaginava, Elicaonte, che lo sguardo di Andromaca sarebbe stato così irresistibile da risvegliare in lui i ricordi del suo terribile passato, e da spingerlo a tradire la fiducia del suo più caro amico e del suo re. Al suo ritorno a Troia si scatenerà infatti una terribile stagione di rivalità e di lotte intestine, che si concluderanno solo con la conquista del trono da parte di Elicaonte, che chiede agli dei un futuro di pace e prosperità per il suo regno. Ma mentre Troia era dilaniata dalle lotte intestine, dall’altra parte del Mar Egeo, a Micene, Agamennone armava la flotta che porterà i suoi uomini – tra cui il possente Achille e l’astuto Odisseo – sotto le mura di Troia, dando inizio così alla guerra più celebre che la storia ricordi.
**

Il Signore dei Lupi

Serie I Vichinghi
È un bellissimo e coraggioso vichingo il conquistatore che combatte su ogni costa dell’Europa settentrionale, un guerriero leggendario le cui valorose gesta corrono di bocca in bocca. Conar MacAuliffe è il suo nome, ma per tutti è il Signore dei Lupi.
Nel lontano IX secolo, era di predatori e tiranni, di prepotenze e soprusi, il biondo eroe dagli occhi di ghiaccio è il miglior alleato contro gli invasori, il più valido difensore degli oppressi.
Lo sa bene il conte franco Manon, che decide, prima di morire, di affidare al prode vichingo la sua solida fortezza e il suo bene più prezioso: la splendida figlia Mélisande.
Capelli corvini, occhi viola e pelle d’avorio, Mélisande costituisce il trofeo più ambito da ogni cavaliere. Ma la bellezza della fanciulla è grande quanto il suo temperamento, ardente e combattivo, orgoglioso e ribelle.
Per il Signore dei Lupi è lei la sfida più ingrata e difficile, e non basterà un matrimonio inviso a entrambi a farlo ricredere. I due giovani si detestano, vittime delle circostanze si fronteggiano con cocciutaggine e decisione, rifiutando di prestare attenzione alla crescente, irritante attrazione che invade i loro cuori.
Nel mondo cavalleresco e avventuroso i che li circonda, popolato da prodi guerrieri e malvagi usurpatori, saranno necessari un nemico comune ne e un tradimento perché i nostri eroi si abbandonino a un amore che può cambiare irrevocabilmente te le loro vite…

Il signore degli anelli

“Il Signore degli Anelli” è un romanzo di avventure in luoghi remoti e terribili, di episodi d’inesauribile allegria, di segreti paurosi che si svelano a poco a poco, di draghi crudeli e alberi che camminano, di città d’argento e di diamante poco lontane da necropoli tenebrose in cui dimorano esseri che spaventano al solo nominarli, di eserciti luminosi e oscuri. Tutto questo in un mondo immaginario ma ricostruito con cura meticolosa, e in effetti assolutamente verosimile, perché dietro i suoi simboli si nasconde una realtà che dura oltre e malgrado la storia: la lotta, senza tregua, fra il bene e il male.

La signora nel furgone e le sue conseguenze

Mancava un po’ a tutti, l’intrattabile Miss Shepherd. Ai moltissimi lettori della “Signora nel furgone”, naturalmente. Ma soprattutto al suo riluttante e devoto biografo, Alan Bennett, che come si poteva immaginare ha colto al volo la proposta del regista Nicholas Hytner: scrivere un film che avrebbe visto Maggie Smith nel ruolo della protagonista. Dal lavoro sul film è nato poi questo libro, che oltre al testo originale e alla sceneggiatura contiene uno scritto introduttivo di pungente sincerità dove per la prima volta Bennett, anche grazie a nuove pagine di diario, racconta fino in fondo la singolare relazione che per quindici anni lo ha legato al più eccentrico dei suoi personaggi, svelando a uno a uno, con nostro irrefrenabile divertimento, i lati più curiosi dello strano mestiere che, senza quasi volerlo, ha finito per fare – più o meno meglio di chiunque altro.
**
### Sinossi
Mancava un po’ a tutti, l’intrattabile Miss Shepherd. Ai moltissimi lettori della “Signora nel furgone”, naturalmente. Ma soprattutto al suo riluttante e devoto biografo, Alan Bennett, che come si poteva immaginare ha colto al volo la proposta del regista Nicholas Hytner: scrivere un film che avrebbe visto Maggie Smith nel ruolo della protagonista. Dal lavoro sul film è nato poi questo libro, che oltre al testo originale e alla sceneggiatura contiene uno scritto introduttivo di pungente sincerità dove per la prima volta Bennett, anche grazie a nuove pagine di diario, racconta fino in fondo la singolare relazione che per quindici anni lo ha legato al più eccentrico dei suoi personaggi, svelando a uno a uno, con nostro irrefrenabile divertimento, i lati più curiosi dello strano mestiere che, senza quasi volerlo, ha finito per fare – più o meno meglio di chiunque altro.

La Signora in Giallo. Omicidio in Grande Stile

La Signora in Giallo. Omicidio in grande stile by Jessica Fletcher, Donald Bain
Per distrarsi dalle fatiche del suo ultimo romanzo, Jessica Fletcher si è concessa una breve vacanza a New York. Una piacevole pausa per unire utile e dilettevole: passare un po’ di tempo con suo nipote e la sua famiglia, incontrare cari amici come il suo editore e il suo agente letterario, e provare l’elettrizzante esperienza della Settimana della Moda. Nel febbrile calendario di eventi e grandi firme, ad attirare l’attenzione di Jessica c’è il nome di un giovane stilista di Cabot Cove, al suo debutto con una meravigliosa collezione di abiti da sera. Alla sfilata lo sfarzo è abbagliante e, sotto i flash incessanti dei fotografi, tutto sembra andare liscio fino a quando, all’improvviso, una modella cade rovinosamente in passerella e muore. Cause naturali? Forse. Qualche giorno dopo, però, un’altra modella viene trovata morta in circostanze misteriose. E l’atmosfera si fa inevitabilmente sempre più tesa. Due vittime. Due modelle. Il loro unico apparente collegamento? Il giovane stilista di Cabot Cove. L’istinto investigativo della Signora in Giallo, tra narcisismi e segreti, sarà messo a dura prova. E non sarà facile scoprire chi ha firmato questa collezione… mortale.

La Signora in Giallo. Omicidi e buone maniere

Nella sua brillante carriera, Jessica Fletcher ha conosciuto centinaia di persone, visitato posti meravigliosi e partecipato a eventi esclusivi. Eppure, nella vita, le prime volte non finiscono mai. E per Jessica è arrivato il momento del suo primo ballo in un castello. Grazie al suo editore, ha ricevuto infatti un prezioso invito a trascorrere il Capodanno a Castorbrook, nell’idilliaca campagna inglese, ospite del conte lord Norrance. Ma, arrivata a destinazione, non è ancora scoccata l’ora del tè che Jessica trova il cadavere di una cameriera in giardino. Al castello, i preparativi per l’imminente festa fervono nonostante la macabra scoperta. E, mentre il padrone di casa discute insieme ai suoi titolati parenti e amici sulla tragica morte con un invidiabile self-control, tra brindisi e tartine, vecchi rancori non tardano a venire a galla e commenti taglienti sussurrati a denti stretti si succedono senza sosta. L’atmosfera è destinata però a diventare ancor più tesa quando il conte muore, apparentemente avvelenato, e il numero dei sospetti con un possibile movente cresce a dismisura. Riuscirà Jessica a trovare l’assassino – o gli assassini – prima che un nuovo cadavere saluti il nuovo anno?
**
### Sinossi
Nella sua brillante carriera, Jessica Fletcher ha conosciuto centinaia di persone, visitato posti meravigliosi e partecipato a eventi esclusivi. Eppure, nella vita, le prime volte non finiscono mai. E per Jessica è arrivato il momento del suo primo ballo in un castello. Grazie al suo editore, ha ricevuto infatti un prezioso invito a trascorrere il Capodanno a Castorbrook, nell’idilliaca campagna inglese, ospite del conte lord Norrance. Ma, arrivata a destinazione, non è ancora scoccata l’ora del tè che Jessica trova il cadavere di una cameriera in giardino. Al castello, i preparativi per l’imminente festa fervono nonostante la macabra scoperta. E, mentre il padrone di casa discute insieme ai suoi titolati parenti e amici sulla tragica morte con un invidiabile self-control, tra brindisi e tartine, vecchi rancori non tardano a venire a galla e commenti taglienti sussurrati a denti stretti si succedono senza sosta. L’atmosfera è destinata però a diventare ancor più tesa quando il conte muore, apparentemente avvelenato, e il numero dei sospetti con un possibile movente cresce a dismisura. Riuscirà Jessica a trovare l’assassino – o gli assassini – prima che un nuovo cadavere saluti il nuovo anno?

La Signora in Giallo. Assassinio sull’isola

Una settimana di relax al sole delle Bermuda è esattamente quello di cui Jessica ha bisogno dopo il lungo e faticoso tour promozionale per il suo ultimo libro. All’arrivo, però, trova l’idilliaca isola in subbuglio per una serie di misteriosi e brutali omicidi. La tensione è alle stelle e tutti gli abitanti sembrano porsi la stessa domanda: chi sarà la prossima vittima? Jessica è determinata a non farsi rovinare la vacanza e decide di partecipare comunque alla sontuosa festa organizzata dal suo amico, Thomas Betterton, giudice federale del New Jersey, in un’elegante villa sulla costa. Ma quando, a fine serata, durante una rilassante passeggiata sulla spiaggia, s’imbatte nel cadavere di uno degli invitati Jessica è costretta ad affrontare la realtà. Per un attimo la sfiora persino l’idea di ritornare a casa, a Cabot Cove… la convince a restare la telefonata di George Sutherland, ispettore capo di Scotland Yard, inviato sull’isola insieme con la sua squadra per investigare sugli inquietanti delitti. Jessica viene così coinvolta nelle indagini trovandosi pericolosamente vicina all’assassino… Riuscirà il fiuto infallibile dell’instancabile Signora in Giallo a risolvere il caso anche questa volta?
**
### Sinossi
Una settimana di relax al sole delle Bermuda è esattamente quello di cui Jessica ha bisogno dopo il lungo e faticoso tour promozionale per il suo ultimo libro. All’arrivo, però, trova l’idilliaca isola in subbuglio per una serie di misteriosi e brutali omicidi. La tensione è alle stelle e tutti gli abitanti sembrano porsi la stessa domanda: chi sarà la prossima vittima? Jessica è determinata a non farsi rovinare la vacanza e decide di partecipare comunque alla sontuosa festa organizzata dal suo amico, Thomas Betterton, giudice federale del New Jersey, in un’elegante villa sulla costa. Ma quando, a fine serata, durante una rilassante passeggiata sulla spiaggia, s’imbatte nel cadavere di uno degli invitati Jessica è costretta ad affrontare la realtà. Per un attimo la sfiora persino l’idea di ritornare a casa, a Cabot Cove… la convince a restare la telefonata di George Sutherland, ispettore capo di Scotland Yard, inviato sull’isola insieme con la sua squadra per investigare sugli inquietanti delitti. Jessica viene così coinvolta nelle indagini trovandosi pericolosamente vicina all’assassino… Riuscirà il fiuto infallibile dell’instancabile Signora in Giallo a risolvere il caso anche questa volta?

La signora Dalloway

Un mercoledì di metà giugno del 1923 Clarissa Dalloway, moglie di un deputato conservatore alla Camera dei Lords, esce per comprare dei fiori per la festa che la sera riunirà nella sua casa una variopinta galleria di personaggi. Tra gli altri: Peter Walsh, l’amante respinto, appena tornato dall’India, e l’amica tanto amata, più di ogni uomo, Sally Seton. Per le strade di Londra passeggia anche Septimus Warren Smith, il deuteragonista del romanzo. Nulla sembra legare i due, se non la città di Londra. Clarissa ha cinquant’anni, è ricca. Septimus ne ha appena trenta, è povero e traumatizzato dall’esperienza feroce e violenta della guerra, in cui ha perduto non solo l’amico Evans, ma ogni pace. Eppure i due, senza mai incontrarsi, semplicemente sfiorando gli stessi luoghi, comunicano. Con sapienza straordinaria Virginia Woolf, giunta con questo al suo quarto romanzo, tesse il filo sottile di corrispondenze, echi, emozioni che creano un’opera di grande intensità. Dove un uomo e una donna sconosciuti l’uno all’altra sono accomunati dallo stesso amore e terrore della vita, che li porterà, nell’accettazione (femminile) o nel rifiuto (maschile), ad affermarne comunque l’inestimabile valore.
**

La signora Craddock

A causa del suo contenuto giudicato “estremamente audace”, questo romanzo venne rifiutato da parecchi editori inglesi. Ambientato nell’Inghilterra di fine Ottocento, “La signora Craddock” è la storia di un matrimonio infelice che si intreccia con il complicato equilibrio fra classi sociali diverse. Sposando Edward Craddock, fattore della grande tenuta di cui è padrona, Berta Ley vedrà la propria vita modificarsi in modo del tutto imprevisto: non la grande passione, ma l’estinguersi del desiderio e delle illusioni. Tra le prime opere di Somerset Maugham, questo romanzo rivela le notevoli capacità di osservazione di uno scrittore ancora quasi sconosciuto, e l’audacia nell’analizzare il tema dei conflitti e dei turbamenti all’interno del matrimonio, che per la prima volta cominciava a essere affrontato nel romanzo inglese.