52881–52896 di 62912 risultati

A tua insaputa

A tua insaputa: La mente inconscia che guida le nostre azioni by John Bargh
«*A tua insaputa di John Bargh segna un enorme passo in avanti nella comprensione dei misteri del comportamento umano. Un libro brillante e convincente.*»
**Malcolm Gladwell, autore di In un batter di ciglia, Davide e Golia, Fuoriclasse e Il punto critico.**
«*Questo libro è un must, non solo perché tratta di un argomento affascinante – la natura della mente inconscia – ma soprattutto perché è un libro divertente e accessibile, scritto dallo scienziato che ha fatto le ricerche decisive su questo tema. Dovrebbero leggerlo tutti. *»
**Timothy D. Wilson, autore di Psicologia sociale**
«*A tua insaputa è un volume affascinante, che contiene spiegazioni chiare e comprensibili sul ruolo pervasivo giocato dal nostro subconscio sulle nostre azioni quotidiane. È uno dei migliori libri di psicologia degli ultimi anni: serio ma spiritoso, un piacere da leggere, un libro che ci fa riflettere sulle nostre stesse azioni.*»
**Ernst Fehr, Università di Zurigo, Direttore dell’UBS International Center of Economics in Society**
«*Notevole… un affascinante compendio della ricerca sociopsicologica più avanzata, condotta dall’autore stesso e dai suoi colleghi. Lo stile di Bargh, chiaro e accessibile, conquisterà in egual misura i lettori comuni e gli specialisti. *»
**Publishers Weekly**
John Bargh è probabilmente il principale esperto mondiale della mente inconscia. In questo libro mette per la prima volta in pagina il risultato delle sue ricerche più che trentennali, regalandoci una nuova e rivoluzionaria comprensione dei meccanismi mentali nascosti che governano segretamente ogni aspetto del nostro comportamento.
 Ricco di aneddoti e di racconti esilaranti, *A tua insaputa* trasmette un entusiasmo contagioso. Vi sono descritte le grandi scoperte compiute nei laboratori della New York University e di Yale, dove Bargh e i suoi colleghi hanno cercato di comprendere in che modo l’inconscio – a nostra insaputa – guida i nostri fini e i nostri comportamenti nei contesti più diversi, dalle relazioni sociali alla genitorialità, dagli affari economici ai gusti personali. Noi ci illudiamo di essere pienamente al comando delle nostre vite, ma scopriamo che il più delle volte non è così e questo libro ve lo dimostrerà in modo chiaro e ineludibile.
 Dai moltissimi e ingegnosi esperimenti che gli psicologi sociali hanno compiuto negli ultimi anni risulta evidente che l’inconscio ci guida di nascosto nei campi più disparati: ci indica chi amare, come votare, cosa comprare e persino in quale città vivere, oltre a molto altro. Dal momento che siamo inconsapevoli dei meccanismi che lo governano, l’inconscio fornisce anche spunti narrativi irresistibili e sorprendenti, che Bargh sfrutta in queste pagine con grande gusto.
Ma non si tratta di arrendersi alle manovre di un oscuro «burattinaio» della mente. Essere consapevoli dei meccanismi del pensiero inconscio ci consente infatti anche di operare dei trucchi e di attuare delle strategie efficaci, in grado di migliorarci la vita, per cui la lettura di questo libro potrebbe letteralmente cambiare la vostra esistenza.
C’è un intero mondo sotto la superficie della nostra consapevolezza. Le scoperte più recenti indicano che proprio lì si trova la chiave per conoscere se stessi e per inventare nuovi modi di pensare, sentire e comportarsi. Vale certo la pena addentrarsi nei meandri della mente per esplorare parti di noi che non sapevamo neppure di avere.

A Testa in Su: Investire in Felicità Per Non Essere Sudditi

“Oggi indignarsi non basta più. Occorre un’ondata di partecipazione alla vita politica, uno tsunami di interesse per tutto quel che è comune. Occorre cospirare. Non solo votare, ma partecipare.” Alessandro Di Battista, uno dei più noti e attivi esponenti del Movimento 5 Stelle, ha le idee chiare quando si parla di partecipazione: bisogna mettersi in viaggio e andare a scoprire il Paese reale, piazza dopo piazza, come ha fatto nella lunga estate del 2016. Ma questa è stata solo l’ultima di molte partenze – verso l’America Latina, il Guatemala, il Congo – che Di Battista ha intrapreso nella sua vita, anche prima di entrare nel Movimento.A testa in su invita a riappropriarsi della propria vita sociale. È un appello a mettersi in gioco per sostituire il politico di professione con il cittadino responsabile.Attraverso molti incontri – con Gianroberto Casaleggio, Beppe Grillo e migliaia di persone – e altrettanti scontri – con i partiti e la stampa – Di Battista spiega le ragioni della sua scelta, le posizioni del Movimento e le regole che si è dato per non farsi travolgere dalla spirale del potere e agire nell’interesse della collettività.La Rete e la crisi della democrazia rappresentativa, l’ambiguità dei media e le lotte del Movimento sono raccontate senza filtri o ipocrisie. È una chiamata a mettersi in viaggio per scardinare le regole sporche del sistema, riprendendosi, da cittadini, la sovranità del Paese.Perché la battaglia del presente, e del futuro, non sarà tra destra e sinistra ma tra chi si china e chi cammina a testa in su.
**
### Sinossi
“Oggi indignarsi non basta più. Occorre un’ondata di partecipazione alla vita politica, uno tsunami di interesse per tutto quel che è comune. Occorre cospirare. Non solo votare, ma partecipare.” Alessandro Di Battista, uno dei più noti e attivi esponenti del Movimento 5 Stelle, ha le idee chiare quando si parla di partecipazione: bisogna mettersi in viaggio e andare a scoprire il Paese reale, piazza dopo piazza, come ha fatto nella lunga estate del 2016. Ma questa è stata solo l’ultima di molte partenze – verso l’America Latina, il Guatemala, il Congo – che Di Battista ha intrapreso nella sua vita, anche prima di entrare nel Movimento.A testa in su invita a riappropriarsi della propria vita sociale. È un appello a mettersi in gioco per sostituire il politico di professione con il cittadino responsabile.Attraverso molti incontri – con Gianroberto Casaleggio, Beppe Grillo e migliaia di persone – e altrettanti scontri – con i partiti e la stampa – Di Battista spiega le ragioni della sua scelta, le posizioni del Movimento e le regole che si è dato per non farsi travolgere dalla spirale del potere e agire nell’interesse della collettività.La Rete e la crisi della democrazia rappresentativa, l’ambiguità dei media e le lotte del Movimento sono raccontate senza filtri o ipocrisie. È una chiamata a mettersi in viaggio per scardinare le regole sporche del sistema, riprendendosi, da cittadini, la sovranità del Paese.Perché la battaglia del presente, e del futuro, non sarà tra destra e sinistra ma tra chi si china e chi cammina a testa in su.

A tavola si sta insieme

A tavola si sta insieme by Antonino Cannavacciuolo
UNA SERIE DI MENU FANTASIOSI E BILANCIATI DOVE I SAPORI SI ACCORDANO IN UNA SINFONIA PERFETTA
• Invernale
• Primaverile
• Estivo
• Autunnale
• Tradizionale/classico
• Nord/Sud
• Vegetariano
• Crudista
• Per le intolleranze
• La cena delle cene
Dopo il successo di *Il piatto forte è l’emozione* e *Mettici il cuore*, il nuovo libro di Antonino Cannavacciuolo.
Come si combinano i piatti a seconda delle occasioni, da quelle piú formali a quelle piú semplici? Come si organizza una cena, dall’antipasto al dessert, cosí che diventi indimenticabile? In questo suo nuovo libro Antonino Cannavacciuolo accosta con sapienza cinquanta ricette, corredandole di foto, consigli per l’impiattamento e suggerimenti sui vini e le bevande da abbinare. Per favorire la convivialità e alleggerire la vita mangiando.

A Spasso con Marilyn (Scrivere D’amore)

Marilyn vive in un piccolo paese della Toscana in provincia di Siena e vicino a lei il fratello Tommaso e la sorella Ella, con i quali ha un rapporto davvero speciale. È una ragazza molto dinamica: la mattina lavora come insegnante in una scuola materna e il pomeriggio, per arrotondare, come rappresentante di cosmetici. Una vita tranquilla che però verrà scombussolata, inizialmente, dall’incontro con Alessandro, padre della piccola Francesca e rampollo di una famiglia facoltosa che possiede molti vigneti e produce vini pregiati, e da un evento del tutto inaspettato che porterà a un cambiamento significativo nella sua vita. Tra i paesaggi e i luoghi incantevoli della Toscana, la storia d’amore tra Marilyn e Alessandro sarà un insieme di emozioni contrastanti…
*Precedentemente pubblicato da Collana Youfeel*
Copertina: Le muse Grafica
Daniela Perelli. Nata a Genova il 6 giugno 1980, si è diplomata come Tecnico dei Servizi Ristorativi e specializzata in pasticceria. Ha lavorato per due anni a contatto con i bambini come educatrice e animatrice turistica, coltivando la passione per la danza, il canto e la lettura. Vive a Genova con il marito Alessandro, i figli Giulia e Luca e la loro barboncina Lili. Direttrice editoriale della collana rosa “Un cuore per capello”, autrice di romance contemporanei, racconti e novelle con ambientazione storica, ha pubblicato tramite il self publishing ed è autrice per la Collana Floreale, ed ex autrice Rizzoli per la collana You Feel. Gestisce il suo sito “Scrivere con amore”, dove pubblica articoli e consigli di lettura e la rivista amatoriale femminile “Semplicemente amiche”.
**
### Sinossi
Marilyn vive in un piccolo paese della Toscana in provincia di Siena e vicino a lei il fratello Tommaso e la sorella Ella, con i quali ha un rapporto davvero speciale. È una ragazza molto dinamica: la mattina lavora come insegnante in una scuola materna e il pomeriggio, per arrotondare, come rappresentante di cosmetici. Una vita tranquilla che però verrà scombussolata, inizialmente, dall’incontro con Alessandro, padre della piccola Francesca e rampollo di una famiglia facoltosa che possiede molti vigneti e produce vini pregiati, e da un evento del tutto inaspettato che porterà a un cambiamento significativo nella sua vita. Tra i paesaggi e i luoghi incantevoli della Toscana, la storia d’amore tra Marilyn e Alessandro sarà un insieme di emozioni contrastanti…
*Precedentemente pubblicato da Collana Youfeel*
Copertina: Le muse Grafica
Daniela Perelli. Nata a Genova il 6 giugno 1980, si è diplomata come Tecnico dei Servizi Ristorativi e specializzata in pasticceria. Ha lavorato per due anni a contatto con i bambini come educatrice e animatrice turistica, coltivando la passione per la danza, il canto e la lettura. Vive a Genova con il marito Alessandro, i figli Giulia e Luca e la loro barboncina Lili. Direttrice editoriale della collana rosa “Un cuore per capello”, autrice di romance contemporanei, racconti e novelle con ambientazione storica, ha pubblicato tramite il self publishing ed è autrice per la Collana Floreale, ed ex autrice Rizzoli per la collana You Feel. Gestisce il suo sito “Scrivere con amore”, dove pubblica articoli e consigli di lettura e la rivista amatoriale femminile “Semplicemente amiche”.

A riveder le stelle: come seppellire i partiti e tirar fuori l’Italia dal pantano

“Fuori tutti. In quindici anni avete riportato il Paese al dopoguerra.” Sono in milioni, in Italia, a pensarla così su chi oggi governa la nazione. E in milioni ad avere priorità politiche ben diverse da quelle che dominano i dibattiti nello stagno di Montecitorio. Avere un Parlamento pulito, senza condannati in primo e secondo grado, nipoti, ballerine, mogli, avvocati e lacchè. Smettere di vedersi propinare leggi ad personam, o quando va bene ad castam. Non ritrovarsi con 30.000 euro di debito a testa grazie al genio dei ministri dell’Economia Creativa. Sapere oggi se il tuo impiego precario ci sarà, non dico tra un anno, ma almeno domani. E poi le quisquilie: crescere un figlio a Milano senza avvelenarlo; comprare una bistecca a Viterbo senza farla venire da Buenos Aires; riscaldare casa senza dover fare un altro mutuo per pagare la bolletta. E lavorare per vivere, non il contrario. Banalità. I problemi di tutti. Non però dei nostri dipendenti, eletti dai partiti e non da noi, che in teoria paghiamo perché facciano i nostri interessi. In teoria. In questo libro si distilla una fulminante, amara, satirica, appassionata disamina di tante vergogne che gli italiani continuano a inghiottire (tante, perché tutte è impossibile).

A rischio innamoramento

Per Margaret “Margo” Peterson, tenente di polizia di Cinncinnati, Ohio, il lavoro viene prima di tutto.
Quando si trova a dover smascherare uno squallido giro di rapimenti, decide di offrirsi come esca. È addestrata ad affrontare il pericolo, ma non quello rappresentato da Dashiel Riske, partner “non ufficiale” che ha deciso di aiutarla.
Dash è un metro e novanta di fascino e muscoli, un uomo che ama la vita e le donne, fin troppo. Ma quando Margo ha bisogno di lui svela un lato del tutto inaspettato che lo avvicina a lei in maniera molto intima. Sotto la facciata Margo nasconde una sensualità che incendia i sensi di Dash fin quasi alla pazzia.
Dovranno lavorare fianco a fianco e pelle a pelle se vogliono portare a termine l’indagine, sebbene ciò significhi mettere tremendamente a rischio il loro cuore.
**
### Sinossi
Per Margaret “Margo” Peterson, tenente di polizia di Cinncinnati, Ohio, il lavoro viene prima di tutto.
Quando si trova a dover smascherare uno squallido giro di rapimenti, decide di offrirsi come esca. È addestrata ad affrontare il pericolo, ma non quello rappresentato da Dashiel Riske, partner “non ufficiale” che ha deciso di aiutarla.
Dash è un metro e novanta di fascino e muscoli, un uomo che ama la vita e le donne, fin troppo. Ma quando Margo ha bisogno di lui svela un lato del tutto inaspettato che lo avvicina a lei in maniera molto intima. Sotto la facciata Margo nasconde una sensualità che incendia i sensi di Dash fin quasi alla pazzia.
Dovranno lavorare fianco a fianco e pelle a pelle se vogliono portare a termine l’indagine, sebbene ciò significhi mettere tremendamente a rischio il loro cuore.

A regola d’arte

**L’ultimo agghiacciante capitolo della saga di Peter McBride.**
La testa riversa da un lato, appoggiata alla corda ben stretta intorno al collo, la bocca aperta, contorta nella smorfia di un dolore ormai svanito, le braccia distese lungo i fianchi, i piedi inguainati in eleganti scarpe firmate, sospesi da terra. Sul pavimento, poco distante dal corpo, un biglietto: «EFFETTO BREXIT. SUICIDIO DI UN BROKER». Proprio di fronte all’istallazione esposta in una galleria molto in voga della città, sfilano gli esponenti più celebri della comunità italiana a Londra. Diplomatici, imprenditori e aristocratici, presenti più per farsi vedere che per ammirare le opere. A pochi passi da lì, in un angolo nascosto, circondato da un capannello di curiosi, giace immobile un corpo, la gola squarciata da una ferita netta, gli abiti imbrattati di sangue. Apparentemente la più verosimile delle opere d’arte, in realtà si tratta del cadavere di uno degli invitati. Nel corso di pochi istanti tutto cambia, il panico si diffonde e l’elegantissima folla si trasforma in un unico organismo impazzito che per uscire da quel macabro luogo è disposta a tutto. L’indagine, affidata al detective Riddle, non è semplice: la vittima è uno dei più facoltosi e stimati imprenditori italiani espatriati a Londra, e le persone presenti alla serata, vicine a pezzi grossi della politica britannica, non amano che qualcuno si intrometta nelle loro vite. Saranno il detective McBride, ex ragazzo di strada poi riabilitato dalla polizia, e Alvaro Gerace, commissario bolognese, da anni sulle tracce di un serial killer, a collegare quella morte spettacolare a una serie di strane sparizioni di bambini che unisce Italia e Gran Bretagna.
**
### Sinossi
**L’ultimo agghiacciante capitolo della saga di Peter McBride.**
La testa riversa da un lato, appoggiata alla corda ben stretta intorno al collo, la bocca aperta, contorta nella smorfia di un dolore ormai svanito, le braccia distese lungo i fianchi, i piedi inguainati in eleganti scarpe firmate, sospesi da terra. Sul pavimento, poco distante dal corpo, un biglietto: «EFFETTO BREXIT. SUICIDIO DI UN BROKER». Proprio di fronte all’istallazione esposta in una galleria molto in voga della città, sfilano gli esponenti più celebri della comunità italiana a Londra. Diplomatici, imprenditori e aristocratici, presenti più per farsi vedere che per ammirare le opere. A pochi passi da lì, in un angolo nascosto, circondato da un capannello di curiosi, giace immobile un corpo, la gola squarciata da una ferita netta, gli abiti imbrattati di sangue. Apparentemente la più verosimile delle opere d’arte, in realtà si tratta del cadavere di uno degli invitati. Nel corso di pochi istanti tutto cambia, il panico si diffonde e l’elegantissima folla si trasforma in un unico organismo impazzito che per uscire da quel macabro luogo è disposta a tutto. L’indagine, affidata al detective Riddle, non è semplice: la vittima è uno dei più facoltosi e stimati imprenditori italiani espatriati a Londra, e le persone presenti alla serata, vicine a pezzi grossi della politica britannica, non amano che qualcuno si intrometta nelle loro vite. Saranno il detective McBride, ex ragazzo di strada poi riabilitato dalla polizia, e Alvaro Gerace, commissario bolognese, da anni sulle tracce di un serial killer, a collegare quella morte spettacolare a una serie di strane sparizioni di bambini che unisce Italia e Gran Bretagna.
### Dalla seconda/terza di copertina
Giornalista e scrittore, nato a Bologna, vive a Londra dove lavora come corrispondente per la Rai. Ha iniziato la carriera come cronista di nera nel quotidiano Il Resto del Carlino. È stato poi inviato di guerra per la Rai in ex-Jugoslavia, Afghanistan, Iraq e Sudan. Come autore di gialli e noir, ha scritto Il killer delle ballerine, Non spegnere la luce, Arriveranno i fiori del sangue, finalista

A qualcuno piace Cracco

Parlare di cucina regionale italiana è come entrare in un labirinto: prendi una strada pensando di avere chiara la tua meta e invece in un attimo di ritrovi trasportato lontanissimo, non solo nello spazio, ma anche nel tempo, nella cultura, nelle tradizioni.”
Una guida eccezionale vi accompagnerà in questo viaggio speciale nella storia e nella tradizione della migliore cucina italiana: con Carlo Cracco attraverserete il Belpaese da Nord a Sud. Incontrerete saggi trifolai piemontesi e famosissimi pasticceri siciliani, ascolterete i racconti di lontane vacanze pugliesi e dell’uccisione di un polpo sugli scogli campani, assaggerete un’incredibile melanzana rossa nel Parco Nazionale del Pollino e fantastiche sarde in saor in un bacaro veneziano, infine imparerete a cucinare anche gli alimenti a prima vista più “difficili”: cuore, coda e frattaglie ma anche ortiche, corbezzoli e topinambur.
E soprattutto, vi cimenterete nella preparazioni più genuine della cucina regionale, rivisitate dal tocco creativo di Carlo che, in questo manuale, coniuga così tradizione e modernità, sapori antichi e sperimentazione culinaria. Il punto di partenza sono le ricette classiche, l’approdo sono i piatti arricchiti dal tocco di classe di uno chef pluripremiato. 60 ricette, 32 approfondimenti e un ricco corredo fotografico per conoscere al meglio la cucina tricolore, imparare i trucchi per rinnovarla e provare la soddisfazione di servire in tavola piatti della tradizione che hanno acquisito nuovo fascino grazie alla firma di una guida d’eccezione.

A proposito di noi

Roger Jackson non sta cercando l’amore. Anzi, non sta cercando nemmeno una donna. Ha un piano quinquennale ed è concentrato al cento per cento sul lavoro. Ma quando Elizabeth entra nella sua vita, all’improvviso non riesce a pensare a nient’altro che a lei. Purtroppo, Elizabeth lo odia e non vuole avere niente a che fare con lui. Ma Roger è un uomo che ama le sfide, e quando ne incontra una, non si tira mai indietro.

Elizabeth Garfield non vede l’ora di andarsene dalla metropoli e tornare a vivere in una piccola città. Si è trasferita a Kansas City per seguire un uomo che senza indugio l’ha lasciata, e l’ultima cosa che vuole è innamorarsi di qualcuno che possa farle desiderare di rimanere. Ma Roger è un uomo tenace e prima che se ne renda conto si trova tra le sue braccia, nel suo letto e si sta innamorando di lui. Perdutamente. E quando la storia si ripete, ancora una volta dovrà scegliere tra un uomo e se stessa.

(source: Bol.com)

A proposito di Grace

David Winkler è un uomo tranquillo, un meteorologo innamorato dei paesaggi innevati della sua Alaska. A volte a David capita di avere delle visioni, nei suoi sogni vive gli eventi prima che accadano. È lì infatti che incontra, ancor prima che nella realtà, Sandy, la donna di cui si innamorerà. Quando in una premonizione vede la figlia Grace morirgli tra le braccia durante un’alluvione, David, sconvolto, non riesce a pensare ad altro che a scappare e allontanarsi dalla sua famiglia, dalla sua casa e così dal suo destino. Un lungo ed estenuante viaggio che termina ai Caraibi. Sfinito e solo, David non sa cosa ne sia stato di Grace, né se sua moglie lo perdonerà mai. Sarà l’incontro con una bambina, figlia della coppia che lo ospita, a spingerlo di nuovo a vivere e a mettersi alla ricerca delle persone che ha abbandonato. A proposito di Grace è un romanzo sulla potenza e sulla bellezza della natura e sui piccoli miracoli che accadono intorno a noi ogni giorno modificando la nostra esistenza. Con una scrittura luminosa e lirica, Doerr crea personaggi pieni di dolore, di desiderio e di grazia. Un’opera straziante, radiosa e mirabilmente compiuta.
(source: Bol.com)

A proposito di Elsie

A proposito di Elsie by Joanna Cannon
**La storia che noi scriviamo nel mondo è in grado di andare oltre i nostri errori. Anche quelli più grandi.**
«Sono tre le cose che dovete sapere su Elsie. La prima è che è la mia migliore amica. La seconda è che sa sempre come farmi sentire meglio. E la terza… è un po’ più lunga da spiegare…»
Florence, ottantaquattro anni, è caduta nel suo appartamentino nella residenza per anziani a Cherry Tree Home. Ma non è questo che la sconvolge, perché sa che presto qualcuno verrà a soccorrerla: è che sta per svelare, finalmente, dopo tanti anni, un segreto che riguarda lei, la sua amica Elsie e un uomo che credeva morto da più di mezzo secolo e che invece ha fatto irruzione nel suo presente, proprio lì a Cherry Tree Home. E svolgendo con fatica, caparbietà e tanto coraggio le fila del suo passato, allineando ricordi come libri su uno scaffale, Florence scoprirà che nella sua vita, come in quella di chiunque, c’è molto di più di quello che credeva, che i fili sottili che la legavano agli altri sono in realtà legami indissolubili, che un gesto che aveva creduto un tragico errore era stato in realtà un gesto d’amore.
A proposito di Elsie racconta con delicatezza e sensibilità una storia di amicizia. Di quelle amicizie che si fanno da bambini e che ti rendono la persona adulta che sarai. E senza le quali non puoi vivere.

A Perdifiato

‘Covacich è uno degli scrittori piú vigorosi della nuova letteratura italiana’.

Claudio Magris, ‘Il Corriere della Sera’

‘A perdifiato restituisce con una prosa sincopata e coraggiosa, in costante debito d’ossigeno, la folle corsa dell’uomo verso il disastro’.

Franco Marcoaldi, ‘la Repubblica’

Dario Rensich è arrivato sesto alla maratona di New York. Un risultato lusinghiero, quanto basta per diventare un apprezzato allenatore della Federazione, che lo manda in Ungheria con l’incarico di preparare per la maratona un gruppo di giovani mezzofondiste, determinate ad afferrare l’occasione per emergere. Un tormentoso iter per l’adozione di Fiona, la bimba che lui e la moglie Maura ‘aspettano’, sembra sia giunto alle ultime battute proprio in coincidenza con la partenza di Dario per Szeged, la cittadina in riva al Danubio. Il fiume in agonia, inquinato dal cianuro, accompagna l’allenamento delle sette ambiziose diciottenni, tra le quali spicca l’imperscrutabile, magnetica Agota…
Segnato dalla disciplina della corsa, A perdifiato è un romanzo sul fuggire. Un libro inquieto, carico di forza e ambiguità, in cui tutte le vicende, come l’appassionante maratona finale, accelerano assumendo una piega sempre piú imprevedibile.

(source: Bol.com)

A Ogni Svolta

A ogni svolta by Brenna Aubrey
**Allora, vuoi diventare un eroe?**
L’amministratore delegato e milionario Adam Drake ha superato un passato difficile per riuscire a prendere le redini della sua vita e costruire il suo impero digitale. L’ultimo pezzo va al suo posto quando trova l’amore con la brillante blogger, Mia Strong. E adesso si sente in cima al mondo.
**La tua principessa è in un altro castello.**
Finché Mia all’improvviso rompe con lui, lasciandolo all’oscuro. Adam capisce che lei ha bisogno del suo aiuto, ma che è troppo testarda o spaventata per chiederlo. Più lui tenta di prendere il controllo, più lei si allontana. Non è un problema che possa risolvere firmando un assegno o scrivendo qualche brillante riga di codice.
**Dovrà scavare più a fondo e prendersi dei rischi… o rischiare di perderla per sempre.**

A nudo

Recitare, sorridere, dimenticare. Queste sono tre parole che Alex Bohlen ha imparato bene e, all’alba del suo nuovo film, sembra non esserci altro che questo mantra. E l’alcool: la panacea per tutti i suoi mali. Un passato da cancellare, un futuro ancora troppo nebuloso e una sessualità da tenere nascosta, per non perdere la fama ottenuta, sono tutto ciò che caratterizza la sua vita. Almeno finché non gli viene messo alle calcagna il giovane Niyol, assistente dalle origini navajo, assunto dal suo agente per non permettere ad Alex di eccedere nel bere e portare a termine le riprese del nuovo film.
Ma Niyol è troppo serio, troppo ligio al dovere: troppo bello. Una tentazione continua che rischia di far esplodere ogni sicurezza, ogni punto certo. Se un punto certo è mai esistito prima di lui…
**
### Sinossi
Recitare, sorridere, dimenticare. Queste sono tre parole che Alex Bohlen ha imparato bene e, all’alba del suo nuovo film, sembra non esserci altro che questo mantra. E l’alcool: la panacea per tutti i suoi mali. Un passato da cancellare, un futuro ancora troppo nebuloso e una sessualità da tenere nascosta, per non perdere la fama ottenuta, sono tutto ciò che caratterizza la sua vita. Almeno finché non gli viene messo alle calcagna il giovane Niyol, assistente dalle origini navajo, assunto dal suo agente per non permettere ad Alex di eccedere nel bere e portare a termine le riprese del nuovo film.
Ma Niyol è troppo serio, troppo ligio al dovere: troppo bello. Una tentazione continua che rischia di far esplodere ogni sicurezza, ogni punto certo. Se un punto certo è mai esistito prima di lui…

A nome tuo

Si comincia con un viaggio per mare. C’è una nave militare che risale la costa dall’Albania a Trieste, sulla nave uno scrittore che lungo quell’Adriatico smagliante ripercorre la storia imperfetta e dilaniata di tutte le vite di frontiera. Nascosta in cabina trova una capricciosa compagna di viaggio, eccitante come una fantasia. Lui si è imbarcato quasi per caso, recalcitrante “ambasciatore di cultura” nei paesi della costa orientale. Lei scappa e ricompare, lo attira e lo intrappola. Vuole una storia, vuole la sua. Il tema dell’identità, triestino quant’altri mai, è il vero nucleo di questo libro. Declinato in una storia avvincente – anzi due – si manifesta in tutta la sua complessità. Da dove veniamo, che lingua parliamo, cosa mostriamo di noi, come ci raccontiamo a noi stessi e agli altri. Se alla fine quello che ci cattura è un vertiginoso gioco di specchi, è perché lo scrittore è un prestigiatore. Nasconde le mani mentre seguiamo il volo della colomba. Oppure mostra le mani per dire: guarda, questa è la mia magia. Non c’è scrittore in Italia oggi che più di Mauro Covacich abbia scelto questa seconda strada. Seguire le tracce del suo percorso letterario significa davvero fare un viaggio dentro la finzione, per osservare la scrittura nel suo farsi e in filigrana la vita che scorre fuori e dentro i margini del foglio.

A neve ferma

«*«Un intrico di amori e avventure in una pasticceria: spassosa e ironica metafora dei “pasticci” della nostra vita.»*»
**Paola Mastrocola**
Emma Trisciuoglio, aiutante pasticcera laureata in Storia con una tesi sulla Stele di Rosetta, perde l’amore tre giorni dopo averlo trovato. La signora Elena, invece, l’amore lo insegue invano da trent’anni, e comincia ad avere un po’ il fiatone. Per fortuna c’è Camelia, che s’innamora senza difficoltà di chiunque incontri. Il problema di Camelia, casomai, è il quaderno di ricette che le ha lasciato in eredità suo nonno, scritto in un codice misterioso. Peccato, perché forse, se riuscisse a decifrarlo, potrebbe vincere il concorso «Una stella per Natale». Lei, però, preferirebbe non partecipare neanche. Emma, invece, parteciperebbe volentieri, anche se Andrea non la ama più. Bianca è l’unica a cui il concorso non interessa, è troppo impegnata nella sua battaglia contro un giovane dottore ripetutamente ladro. Aggiungete la pregiata Pasticceria Delacroix, un’attrice francese, un apprendista coi piercing e gli imponderabili effetti di un film dei fratelli Wachowski, e preparatevi a qualche ora di intenso divertimento, tra amori al cioccolato e sfide all’ultimo, dolcissimo assaggio.
**Stefania Bertola** vive nei pressi di Torino, città dov’è nata. Traduttrice, sceneggiatrice, autrice e conduttrice radiofonica, lavora attualmente come autrice per la televisione. Ha pubblicato: *Luna di Luxor* (1989), *Se mi lasci fa male* (1997), *Ne parliamo a cena* (2005), *Aspirapolvere di stelle* (2002), *Biscotti e sospetti* (2004), *A neve ferma* (2006), *La soavissima discordia dell’amore* (2009), *Il primo miracolo di George Harrison* (2010), *Romanzo rosa* (2012), *Ragazze mancine* (2013) e *Ragione & sentimento* (2017).
**
### Recensione
**Ditini di Bimba e crema Stalin per Camelia**
*Gambarotta Bruno*, Tuttolibri – La Stampa
“A neve ferma” non è, come il titolo potrebbe indurre a credere, un instant book sulle olimpiadi di Torino testé concluse, bensì, come sanno tutti coloro che frequentano i ricettari, una metafora per indicare lo stadio finale a cui deve giungere l’albume delle uova quando viene sbattuto. Stefania Bertola, esibendo una bravura che cresce di libro in libro, allestisce uno spassoso teatrino ambientandolo nel mondo della pasticceria di alta qualità e in uno dei quartieri chic di Torino, quello che inizia al di là del Po e si arrampica sulle pendici della collina. Ritornano le sue eroine trentenni, le ragazze che “hanno il terrore di entrare nel tunnel della normalità” perché sanno che poi non riuscirebbero più ad uscirne. Concrete nella vita pratica, sognatrici in quella sentimentale, vivono in un vortice perpetuo, accettano la precarietà del mondo che le circonda con uno sguardo limpido e disincantato, si credono calcolatrici e sono ingenue e solidali con le loro simili. Queste ragazze ricordano la “parrucchiera di Francoforte” di un lontano saggio di Hans Magnus Enzensberger che per sopravvivere nel suo ambiente doveva essere dotata di un bagaglio di conoscenze di molto superiore a quello di Melantone, il riformatore del ‘500 che conosceva a memoria tutti i libri sacri. Non faremo al lettore il dispetto di raccontargli la trama; diremo solo che c’è di mezzo un codice segreto. (Oggi come oggi, se in un romanzo non ci metti un codice da decifrare non sei nessuno). Qui almeno il codice è plausibile, famigliare, tutti in casa ne abbiamo uno, è il quaderno di ricette trasmesso di madre in figlia: bastano due generazioni a renderlo quasi incomprensibile. Nel romanzo passa da un nonno, Ermanno Picchi di Monsummano, celebre pasticciere degli Anni 30, alla nipote Camelia, che è stata in collegio dalle suore e non ha nessuna vocazione per la sublime arte dolciaria. Chi invece ce l’ha è la protagonista del romanzo, Emma Trisciuoglio, figlia di un pugliese e di una biellese che, dopo il liceo classico e la laurea in lettere con una tesi sulla Stele di Rosetta, dà sfogo alla sua passione andando a lavorare come aiuto pasticciera nel mitico laboratorio della premiata Pasticceria Delacroix, i cui titolari discendono dalla famiglia del celebre pittore Eugène. Tutta la vicenda ruota attorno al concorso “Una Stella per Natale” a cui possono partecipare i dieci migliori pasticcieri del mondo, con annessi scherzi dell’amore e del caso. I quindici capitoli del libro sono intitolata ad altrettanti dolci, non c’è similitudine che non sia legata al tema della pasticceria: “A Elena era quasi uscito fuori il cervello dalla felicità: se lo sentiva tamburellare contro le tempie come pasta sfoglia che gonfia nel forno!”. Le trovate esilaranti montano come zabaglione, le invenzioni perfide candiscono la pasta compatta del romanzo. Nonno Ermanno era famoso per la Crema Ottobre, “il dolce che ha fatto piangere Stalin che pure “era politicamente contrario ai dolci, diceva che erano roba da borghesi, specialmente i dolci al cucchiaio. Ce l’aveva a morte con i dolci al cucchiaio. Li considerava molto di destra. Poi però alla fine si decise ad assaggiare la Crema Ottobre, e sembra che sia rimasto secco, proprio. L’ha mangiata tutta e poi si è messo a piangere, e ha abbracciato il nonno”. Le suore del Convento delle Spinose Madri del Cuore Trafitto nel Chianti educano Camelia e preparano dolci che si chiamano Ditini di Bimba, Lacrimucce di Maria, Sospiri di Gesù Stanco, Baci di Santa all’Armagnac. Stefania Bertola non si nega niente e di tanto in tanto, come il Manzoni dei Promessi Sposi, fa sentire la voce dell’autore, piena di superiore saggezza: “Tante volte è meglio che un uomo non sappia che cosa sta facendo la sua fidanzata in quel momento”; “Siamo pasticcieri torinesi. Un’altra cultura. Evoluti, curiosi, ma comunque portati a uno stile di vita in cui il sesso di gruppo può entrare solo marginalmente”; “L’uomo che legge romanzi d’amore preferisce pensare che la donna sia naturalmente priva di peli”. L’uomo che legge romanzi di Stefania Bertola preferisce pensare che dopo questo ne arrivi subito un altro. Nei suoi romanzi c’è sempre un personaggio lettore bulimico e un altro che scrive; qui sono uniti nello stesso personaggio di Bianca, l’amica e collega di Emma che sta scrivendo un giallo ambientano a Moncalieri nell’800 che ha come protagonista padre Denza il fondatore della meteorologia italiana e che, nonostante l’abito talare, ha una storia d’amore poiché “Bianca detesta i gialli in cui il protagonista non fa sesso con nessuno”. L’invenzione del notaio Mongilardi che ha scritto e pubblicato un libro sulle Sante del Biellese (Santa Ortensia, Santa Graziella, Santa Ernesta, Santa Ermenegilda trafitta da un rinoceronte fuggito da un circo di stanza a Biella) ci vendica delle quintalate di libri inutili prodotti dai cultori di storia locale. Chiudiamo con un’avvertenza per le lettrici sensibili: leggendo, o meglio, divorando il romanzo di Stefania, ho secreto risate e succhi gastrici. Conclusione, ho preso due chili. Non ditemi poi che non vi avevo avvertite.
### Sinossi
«*«Un intrico di amori e avventure in una pasticceria: spassosa e ironica metafora dei “pasticci” della nostra vita.»*»
**Paola Mastrocola**
Emma Trisciuoglio, aiutante pasticcera laureata in Storia con una tesi sulla Stele di Rosetta, perde l’amore tre giorni dopo averlo trovato. La signora Elena, invece, l’amore lo insegue invano da trent’anni, e comincia ad avere un po’ il fiatone. Per fortuna c’è Camelia, che s’innamora senza difficoltà di chiunque incontri. Il problema di Camelia, casomai, è il quaderno di ricette che le ha lasciato in eredità suo nonno, scritto in un codice misterioso. Peccato, perché forse, se riuscisse a decifrarlo, potrebbe vincere il concorso «Una stella per Natale». Lei, però, preferirebbe non partecipare neanche. Emma, invece, parteciperebbe volentieri, anche se Andrea non la ama più. Bianca è l’unica a cui il concorso non interessa, è troppo impegnata nella sua battaglia contro un giovane dottore ripetutamente ladro. Aggiungete la pregiata Pasticceria Delacroix, un’attrice francese, un apprendista coi piercing e gli imponderabili effetti di un film dei fratelli Wachowski, e preparatevi a qualche ora di intenso divertimento, tra amori al cioccolato e sfide all’ultimo, dolcissimo assaggio.
**Stefania Bertola** vive nei pressi di Torino, città dov’è nata. Traduttrice, sceneggiatrice, autrice e conduttrice radiofonica, lavora attualmente come autrice per la televisione. Ha pubblicato: *Luna di Luxor* (1989), *Se mi lasci fa male* (1997), *Ne parliamo a cena* (2005), *Aspirapolvere di stelle* (2002), *Biscotti e sospetti* (2004), *A neve ferma* (2006), *La soavissima discordia dell’amore* (2009), *Il primo miracolo di George Harrison* (2010), *Romanzo rosa* (2012), *Ragazze mancine* (2013) e *Ragione & sentimento* (2017).