5265–5280 di 65579 risultati

L’ispettore Coliandro: Nikita, Falange armata, Il giorno del lupo

L’impavido Coliandro, sovrintendente della Questura bolognese, poi promosso ispettore, è una delle creazioni più felici di Lucarelli. Il suo modo scalcagnato di irrompere in scena assicura al lettore un divertimento fresco e perenne. Questo volume ne raccoglie le storie. Nikita racconta l’aspetto noir e metropolitano di Bologna e soprattutto l’incontro di Coliandro con Nikita, una donna bella, giovane, ribelle e punk, più brillante e intelligente di lui. Insieme formano la coppia più strampalata e divertente della letteratura noir italiana: il poliziotto pasticcione, roccioso e impulsivo, e la pallida giovanissima sua protetta, che più di una volta deve proteggere. Con Falange armata, un romanzo leggendario, siamo in una Bologna scossa da fremiti di ogni genere. Coliandro s’imbatte in un molto verosimile complotto eversivo neonazista, al quale, purtroppo, sembra credere solo lui. Lui e Nikita. giorno del lupo, raccontando la storia della nuova mafia, più spietata di un branco di lupi, si rivela non solo precorritore della realtà, ma anche perfetta macchina logica che ne rivela il funzionamento occulto.

L’invisible intruso

I giovani moderni hanno dei gusti alquanto particolari, e specie quando si trovano in compagnia preferiscono dedicarsi a dei divertimenti inusitati. Tuttavia non è da tutti passare il tempo dando la caccia agli spettri: un genere di sport che può essere definito, come minimo, sepolcrale. Gli amici di Nancy Drew non hanno pregiudizi, e decidono di conseguenza di dedicarsi alla caccia dei fantasmi, quali che siano e dovunque si trovino. La giovane detective parte con loro, sicura di godere di un po’ di meritato riposo, anche se lo scopo della vacanza è inconsueto. Ma le speranze di un piacevole viaggio in compagnia andranno ben presto deluse, quando risulterà che i fantasmi in questione hanno ben poco di soprannaturale, e che oltre alle classiche apparizioni si dedicano volentieri ai furti e alle rapine in grande stile. Nancy Drew avrà a che fare con spettri che di etereo hanno solo l’abilità straordinaria con cui sfuggono alle ricerche della polizia.

L’invenzione della madre

Questa è una storia d’amore. Si tratta dell’amore più antico e più forte, forse il più puro che esista in natura: quello che unisce una madre e un figlio. Lei è malata, ha poco tempo, e lui, Mattia – sapendo che non potrà salvarla, eppure ostinandosi contro tutto e tutti – dà il via a un’avventura privatissima e universale: non sprecare nemmeno un istante. Ma in una situazione simile non è facile superare gli ostacoli della quotidianità. La provincia in cui Mattia abita, il lavoro in videoteca che manda avanti senza troppa convinzione, il rapporto con la fidanzata e con il padre: ogni aspetto della sua vita per nulla eccezionale è ridisegnato dal tempo immobile della malattia. Un rifugio sicuro sembrano essere i ricordi: provare a riavvolgere come in un film la memoria di ciò che è stato diventa un esercizio che gli permette di sopportare il presente. Ma è davvero possibile sfuggire a se stessi? In questo viaggio dove tutto è scandalosamente fuori posto, è sempre il rapporto con la madre a far immergere Mattia nella dimensione più segreta e preziosa in cui sente di essere mai stato. Raccontando di questo everyman, grazie al coraggio della grande letteratura, Marco Peano ridà senso all’aspetto più inaccettabile dell’esperienza umana: imparare a dire addio a ciò che amiamo. **
### Sinossi
Questa è una storia d’amore. Si tratta dell’amore più antico e più forte, forse il più puro che esista in natura: quello che unisce una madre e un figlio. Lei è malata, ha poco tempo, e lui, Mattia – sapendo che non potrà salvarla, eppure ostinandosi contro tutto e tutti – dà il via a un’avventura privatissima e universale: non sprecare nemmeno un istante. Ma in una situazione simile non è facile superare gli ostacoli della quotidianità. La provincia in cui Mattia abita, il lavoro in videoteca che manda avanti senza troppa convinzione, il rapporto con la fidanzata e con il padre: ogni aspetto della sua vita per nulla eccezionale è ridisegnato dal tempo immobile della malattia. Un rifugio sicuro sembrano essere i ricordi: provare a riavvolgere come in un film la memoria di ciò che è stato diventa un esercizio che gli permette di sopportare il presente. Ma è davvero possibile sfuggire a se stessi? In questo viaggio dove tutto è scandalosamente fuori posto, è sempre il rapporto con la madre a far immergere Mattia nella dimensione più segreta e preziosa in cui sente di essere mai stato. Raccontando di questo everyman, grazie al coraggio della grande letteratura, Marco Peano ridà senso all’aspetto più inaccettabile dell’esperienza umana: imparare a dire addio a ciò che amiamo.

L’indomita miss chester

Inghilterra, 1812
Caterina Chester è bella e talentuosa, ma anche ribelle e ostinata e, contrariamente alle sue coetanee, non ha alcuna voglia di sposarsi. Desidera di più dalla vita, sogna un uomo che le faccia palpitare il cuore, vuole la Passione. Ed è proprio la passione che mette in tutto ciò che fa, a iniziare dal canto, che conquista all’istante Sir Chase Boston, giunto nella residenza dei Chester per riscuotere il debito che il fratello della giovane ha contratto con lui e che getterebbe la famiglia sul lastrico. Unica soluzione, che lo splendido usignolo di Paradise Road si unisca in matrimonio con un creditore tanto esigente. Ma può una donna caparbia come Miss Chester accettare senza lottare di sottomettersi a un simile destino?

L’Incontro

Tobias, Jake, Rachel, Marco e Cassie, insieme al dono della metamorfosi, hanno ricevuto anche una raccomandazione importante: non mantenere MAI la forma animale per più di due ore. Non sembrava un gran prezzo da pagare, soprattutto sapendo che sempre più esseri umani erano costretti a ospitare nel loro cervello viscidi lumaconi alieni. E l’unico modo che i ragazzi hanno per combattere quei mostri è non essere umani. Ma Tobias è rimasto trasformato troppo a lungo, e adesso è un falco – con un cervello da ragazzo – per sempre. Così, ora, quattro ragazzi e un falco lottano contro forze in apparenza invincibili. Per sconfiggerle. O per morire nel tentativo…

L’illusione di Dio: Le ragioni per non credere

Da quando è uscito *L’illusione di Dio* , Richard Dawkins non è più soltanto uno scienziato famoso, un brillante divulgatore e uno degli intellettuali più influenti del nostro tempo: è diventato l’ateo più celebre del mondo. Ma lo scopo di questo libro non è solo dimostrare, con argomentazioni provocatorie e uno stile piacevole ed efficace, l’assoluta improbabilità dell’esistenza di un essere superiore, creatore del cielo e della terra; è soprattutto quello di denunciare come ogni forma di religione possa trasformarsi in fondamentalismo, fomentare guerre, condizionare le menti dei bambini. Una critica radicale, condotta con grande intelligenza e humour, che prende in esame tutte le più importanti argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio, dimostrandone l’inefficacia. In queste pagine Dawkins mette a frutto la propria competenza e passione di scienziato per mostrarci come nessuna religione potrà mai dare una comprensione più profonda e uno stupore più commosso per le meraviglie del mondo di quella che ci consente la conoscenza scientifica. **
### Sinossi
Da quando è uscito *L’illusione di Dio* , Richard Dawkins non è più soltanto uno scienziato famoso, un brillante divulgatore e uno degli intellettuali più influenti del nostro tempo: è diventato l’ateo più celebre del mondo. Ma lo scopo di questo libro non è solo dimostrare, con argomentazioni provocatorie e uno stile piacevole ed efficace, l’assoluta improbabilità dell’esistenza di un essere superiore, creatore del cielo e della terra; è soprattutto quello di denunciare come ogni forma di religione possa trasformarsi in fondamentalismo, fomentare guerre, condizionare le menti dei bambini. Una critica radicale, condotta con grande intelligenza e humour, che prende in esame tutte le più importanti argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio, dimostrandone l’inefficacia. In queste pagine Dawkins mette a frutto la propria competenza e passione di scienziato per mostrarci come nessuna religione potrà mai dare una comprensione più profonda e uno stupore più commosso per le meraviglie del mondo di quella che ci consente la conoscenza scientifica.

La guerra bianca. Vita e morte sul fronte italiano 1915-1919

Agli albori del 1915 l’Italia è una nazione ancora da forgiare. Il popolo è diviso da irriducibili differenze: non c’è una lingua, non c’è un sentimento comune. Gli italiani devono temprarsi in una solida unità nazionale. La soluzione è la guerra, la fucina il campo di battaglia. Più alto sarà il sacrificio, più nobili saranno i risultati. A pagarne il prezzo saranno i giovani costretti in un fronte che corre per seicento chilometri, dalle Dolomiti all’Adriatico. Combatteranno in un biancore di pietre e di neve che dura tutto l’anno, saranno uniti nella paura e nell’angoscia, uccideranno. Intorno a loro l’assordante fuoco di sbarramento, l’insostenibile tensione prima dell'”ora zero”, l’inferno della terra di nessuno. Luigi Cadorna avrà in pugno le vite dei suoi soldati. Nel 1919 chi alla patria aveva dato tutto si lascia conquistare dalla “trincerocrazia” di Mussolini e dall’idea che la Grande guerra costituisca il fondamento della nazione. Si prepara così la scena per l’avvento del fascismo. Valorizzando fonti come i diari dell’epoca e le interviste ai veterani, lo storico inglese Mark Thompson con “La guerra bianca” restituisce il pathos degli assalti alle trincee, ripercorre con sobrietà e precisione l’epica del fronte italiano, mette a nudo la foga nazionalistica e gli intrighi politici che hanno preceduto il conflitto. Tra le pagine del libro, le esperienze di guerra di una grande generazione di scrittori schierati su fronti opposti: Ungaretti, Hemingway, Kipling e Gadda. **

I guardiani del potere. Eunuchi, templari, carabinieri e altri corpi scelti

“Questi servi così formidabili sono sempre necessari, ma spesso fatali al trono del dispotismo”. (E. Gibbon)
Nella storia tutte le forme di potere (clan, imperi, istituzioni religiose o politiche) si sono dotate di un corpo scelto di propri guardiani che ne garantiscono la difesa e la perpetuazione. Accade però che le finalità istituzionali cedano il passo a quelle di casta, che il prestigio guadagnato con la fedeltà di molti sia compromesso dai crimini di pochi, fattisi esperti di ricatto, corruzione, trame politiche e d’alcova. Tutti i “guardiani”, militari e non militari – siano essi eunuchi, pretoriani, giannizzeri, carabinieri, hackers – hanno capito che per mantenere il controllo sul potere non è necessario assumerlo direttamente: basta infiltrarsi e brigare tra la sfera pubblica e quella privata, tra sicurezza interna ed esterna, governo centrale e amministrazione locale, ideologia e prassi, etica e abuso. Ma non è detto che funzioni per sempre.

Giorni di zucchero fragole e neve

L’inverno è la sua stagione preferita; lei non è il classico esempio di bellezza del Sud; i dolci è meglio mangiarli di nascosto. Queste sono le tre certezze di Josey, che vive a Bald Slope – il paesino di montagna dov’è nata – rinchiusa nell’antica casa di famiglia ad accudire la vecchia madre. Ma di notte Josey ha una vita segreta. Si rifugia in camera a divorare scorte di dolcetti e pile di romanzi rosa. Finché un giorno, misteriosamente, nello stanzino nascosto dal guardaroba, dove l’aria profuma di zucchero, spunta un’esuberante signora che dice di essere venuta per aiutarla. E per Josey sarà l’inizio di una nuova vita. **

Il gioco della verità

Sogni, potere e saghe familiari Sangue Blu è la saga che ha per protagonista la famiglia reale Sebastiani, da secoli sovrana del principato di Montebello. Un giorno, una inaspettata notizia scuote il palazzo e fa tremare la corona. Benvenuti a Montebello, la splendida isola del Mediterraneo, dove la regalità è un diritto di nascita, il potere e la passione un preciso dovere. AFFASCINANTI SOSPETTI di Lyn Stone NINA CARUSO è determinata a scoprire la verità sul fratello con l’aiuto dell’ombroso ma affascinante RYAN MCDONOUGH, uomo dal difficile passato. L’attrazione tra i due è inevitabile. DOLCISSIMA TERAPIA di Mary McBride Un bambino improvvisamente smette di parlare. La giovane psicologa infantile, SARAH HUNTER, viene chiamata in soccorso, all’insaputa del padre SIR DOMINIC CHIARA, medico di corte. Un duplice compito l’attende, aiutare il piccolo a ritrovare la parola e ricominciare a far battere il proprio cuore.

Uno Gigolò da amare

Corinna, manager alla soglia dei quarant’anni, decide di regalarsi uno gigolò per un week-end. Non immagina ancora che Goran, il bellissimo ragazzo croato che sceglierà, si rivelerà molto più di un accompagnatore, facendole battere il cuore come mai le era capitato. Ma ci si può davvero innamorare di un uomo che vende il proprio corpo per soldi? Corinna dovrà scoprirlo, suo malgrado…

Un fiore sulle dune

Love or Loyalty
Leona saw her pleasure-loving brother falling ever more heavily in debt to the wily Lew Quayle. And she knew what the payment would be, for Quayle made no secret of his desire for her.
The arrival of Lord Chard at Ruckley Castle posed another threat to Leona; he was sent to break the smuggling ring in which she knew her brother was dangerously involved.
Torn between her loyalty to her brother and her desire to escape the persistent Quayle, Leona found herself drawn against her will to Lord Chard. But it was too late – he was already suspicious. She would have to flee with the others and never see him again – she would have to marry a man she detested.

Gli errori delle donne

Molti credono ancora nel mito secondo cui solo le donne possono capire le donne. Niente di più sbagliato, afferma l’autore di questo libro, lo psicoterapeuta Giorgio Nardone. In fatto di sentimenti, le donne riescono a costruirsi “sublimi autoinganni”, prigioniere delle dinamiche che loro stesse hanno creato. Ciò non significa che l’altra metà del cielo sia l'”anello debole” della coppia, né che le vada attribuita alcuna colpa del fallimento amoroso: al contrario, la donna è il fulcro del potere relazionale, ed è qui che è possibile intervenire per ridefinire un “copione” disfunzionale, una parte, cioè, in cui rimaniamo intrappolati nostro malgrado. Il maschio, proprio perché “barbaro nei sentimenti”, può offrire uno sguardo disincantato e obiettivo sull’universo amoroso femminile. La galleria di “tipi” amorosi descritti qui da Nardone non ha nulla di astratto o aridamente teorico, ma è puntualmente accompagnata da storie e casi reali: com’è nella tradizione del problem solving strategico, l’attenzione è rivolta soprattutto all'”agire” e alla soluzione dei problemi. In queste pagine il ricercatore e lo psicoterapeuta lasciano il posto all’uomo che ogni giorno intrattiene relazioni con l’altro sesso, studiandone sul campo le logiche interiori e cercando di offrire loro gli strumenti per “guarire” il proprio tormentato rapporto con l’universo maschile. **

L’ereditiera scomparsa

Un pacco postale indirizzato ad un investigatore privato può contenere veramente di tutto. Reperti, prove, fascicoli informativi o quant’altro attinente alla professione: e anche, perchè no?, un ordigno esplosivo, se il detective in questione è ritenuto particolarmente pericoloso dai suoi avversari. Ma in ogni caso è estremamente difficile che contenga uno splendido opale, inviato da un mittente sconosciuto e accompagnato da un sibillino messaggio. Per Nancy Drew, la destinataria dell’omaggio, non si tratta certodi un gentile pensiero di qualche segreto ammiratore, almeno come vogliono insinuare le sue amiche. E ben presto si vedrà che aveva ragione. L’opale infatti si trasforma nella miccia che fa esplodere un caso quanto mai oscuro e complicato, caso che vedrà la giovane detective impegnata nella faticosa e pericolosa ricerca di una bambina scomparsa. Una piccola bambina indifesa, il cui unico torto era quello di essere una ricca ereditiera.

Era meglio morire da piccoli?: nuovi monologhi

In questo libro non sono contenuti soltanto i principali interventi de “Il laureato”. Ci sono anche i migliori pezzi teatrali di Paolo Rossi, mai raccolti finora in un libro, tratti da “Pop e Rebelot”, “Operaccia Romantica”, il recentissimo “Milanon Milanin” e l’ormai lontano “Chiamatemi Kowalski”. Una specie di storia italiana e degli italiani, vittime e carnefici, attraverso l’intero percorso artistico di Paolo Rossi, costruito insieme ai suoi coautori Gino&Michele, Giampiero Solari, Riccardo Pifferi.