52577–52592 di 72034 risultati

I sussurri della morte

All’interno del bungalow, la vittima giace nuda, supina su un tavolo, legata mani e piedi, con evidenti ferite d’arma da taglio, inferte quando, forse, era ancora in vita. La temperatura all’interno dell’edificio supera i 43 gradi. Una sedia davanti al corpo fa pensare che l’assassino abbia assistito allo spettacolo degli ultimi attimi di vita della vittima. Ma un particolare risulta incoerente: l’avanzato stato di decomposizione del corpo induce a pensare che il decesso sia avvenuto da almeno 6 giorni. Eppure il bungalow risulta affittato solo da 4 giorni. Le uniche impronte sulla scena, inoltre, risalgono a un certo Dexter, morto sei mesi prima. Almeno così registra l’anagrafe. È chiaro che l’assassino non solo è molto astuto e non lascia tracce; non solo è molto cattivo; è anche, scientificamente, molto preparato. Dopo “La chimica della morte” e “Scritto nelle ossa”, continua la saga di David Hunter. Stavolta lo scenario è la Body Farm di Knoxville, nel Tennessee, l’unico laboratorio al mondo dove si utilizzano autentici cadaveri umani per studiarne il processo di decomposizione all’aperto. E stavolta Hunter conduce l’indagine con il suo maestro, Tom Lieberman. Insieme affrontano una nuova, sconcertante avventura nel regno del male e della scienza.
**

Susan a faccia in giù nella neve

A Makers Village, due bambine scompaiono nel nulla. Una vicenda straziante che in Rouge Kendall, incaricato delle indagini, riapre una ferita mai sanata. Ma, forse, la sensazione che quel doloroso passato abbia allungato la sua mano sul presente è più reale di quanto si creda. Un thriller mozzafiato che cattura a ogni pagina. Fino al vertiginoso colpo di scena che svela una verità lontana da ogni immaginazione.

Supernormale

Presso l’istituto di Psicologia di un’università americana, un giovane ricercatore conduce da lungo tempo un’indagine sull’esistenza o meno di individui dotati di facoltà paranormali. Finora, su decine di migliaia di soggetti esaminati, non s’è trovato neppure l’ombra di un telepatico, e tantomeno di un telecinetico. L’inchiesta, anche per gli intrighi di una donna, sembra destinata a fallire, quando, d’un colpo, una presenza si manifesta. Non sappiamo ancora, il paranormale, chi sia, ma già capiamo che il problema sarà non solo di trovarlo, ma soprattutto di fermarlo.

Superbestia

La principale difficoltà dei viaggi aII’indietro nel tempo, è ben nota agli studiosi di fantascienza. Non si può entrare nel passato senza rischiare di alterarlo, con conseguenze forse incalcolabili per il nostro presente. L’involontaria distruzione di un solo microrganismo antichissimo, per esempio, potrebbe essere fatale per noi tutti se quel microrganismo era un remoto progenitore dell’homo sapiens. Ma l’homo sapiens, come tutti sanno, non arretra di fronte a nessun rischio ecologico. Se domani le porte del passato si apriranno, i grandi sauri di cento milioni di anni fa vedranno indubbiamente arrivare nelle loro savane dei safari non soltanto fotografici. Questo documentato, impietoso romanzo di Gerrold, possa servire di avvertimento ai futuri fotografi.
Copertina di Karel Thole

I super alieni di Lemuria

L’assassino entrò e ordinò frittelle di soya. Era una calda e piacevole mattina californiana, nella cittadina di Organic, l’ultimo giorno di aprile del 2022. Una debole brezza spirava dal Pacifico e dalla spiaggia sottostante. L’assassino era basso e tarchiato, di carnagione scura, vestito di un immacolato completo bianco e di un bianco, immacolato turbante. Nel suo bianco e immacolato borsello portava un fulminatore nero. – Ehi, sahib! – disse quando Conger gli ebbe messo davanti il piatto, – queste mi sembrano le frittelle più appetitose della mia vita. La dea Kalì mi è favorevole! – Masticò il proprio boccone con mugolii di gioia e piccoli brividi di piacere. Poi la sua mano sinistra scivolò nel borsello e tornò fuori col fulminatore. Ma Conger fu più svelto di lui, lo colpì al polso con un calcio fulmineo, e il fulminatore andò a sbattere contro una trave. Ne sprigionò un raggio di intensa luce violetta che sfiorò la testa dell’assassino. – Ehi! – fece appena in tempo a gridare l’assassino, mentre la testa svaniva completamente e l’immacolato turbante andava a insaccarsi nel collo dell’immacolata giacchetta bianca… In altre parole: un altro romanzo nella sarcastica, feroce, movimentatissima, insuperabile vena di Ron Goulart.

Suo marito

Pirandello, premio Nobel per la Letteratura nel 1934, con Suo marito scrive un romanzo comico e drammatico insieme. Un’edizione di qualità affidata ai maggiori specialisti di quest’autore.

Sulle rive del Nilo

> Scalciai, i piedi affondarono nel fango, nuotai indietro, spinsi via l’acqua con movimenti frenetici delle braccia, il mostro si sollevò, il muso grigioverde sormontato da due occhi gialli e assassini.
La bocca era rosea e carnosa, bordata da un’infinità di denti aguzzi infissi nelle gonfie gengive. Non riuscivo a muovermi, non riuscivo ad alzarmi, l’acqua mi si opponeva, il fango mi legava le gambe e le braccia, adesso avevo anche una mano sprofondata nel fango, come nelle sabbie mobili. Il coccodrillo non avrebbe sbagliato di nuovo la mira, non questa volta.
*Senna*

Sulle Frontiere del Far-West

Romanzo di apertura di questo ciclo, ambientato appunto nel “Lontano Ovest”, la storia ha come sfondo la lotta senza quartiere tra le tribù dei pellirosse ed i pionieri americani. Gli antichi abitanti di queste terre, infatti, non accettano l’avanzata dei “visi pallidi”, ed ecco che per cacciarli dalle loro terre, si uniscono in una grande lega, scorrazzando in lungo e in largo razziando e uccidendo. Così il governo americano si è dovuto mobilitare contro questa minaccia, e tra le file di coloro che combattono per esso vi è il colonnello Devandel, veterano delle guerre contro gli indiani, che ha ai suoi ordini pochi uomini, ma fidati e valorosi, tra i quali John Maxim, il suo agente indiano, e gli scorridori della prateria Harry e Giorgio.
A quella che è la storia reale delle battaglie tra bianchi e indiani che fa da sfondo al ciclo, Salgari naturalmente intreccia la storia personale e le avventure del colonnello Devandel, il quale in gioventù, essendo stato fatto prigioniero dagli indiani, aveva potuto salvare la sua capigliatura, oltre che la vita, solo sposando Yalla, figlia di un capo-tribù dei Sioux, da cui aveva avuto un figlio. Devandel era poi riuscito a fuggire dalle mani dei pellirossa, e per quello aveva attirato su di sè l’odio implacabile di Yalla, decisa a tutto per vendicarsi; tale odio non può che aumentare quando, anni dopo, all’epoca appunto di queste avventure, Devandel uccide un giovane indiano che si rivela essere proprio il figlio! E’ così che Yalla mobilita la sua tribù per distruggere la fattoria del colonnello e sterminare la sua famiglia.
Malgrado il coraggio di tanti valorosi e pur non riuscendo pienamente nel suo intento, la crudele Yalla riesce ad ottenere una certa vittoria sui suoi nemici, ma è poi sconfitta, uccisa e scotennata da John, l’agente indiano. Le sue ultime parole sono però un monito e una minaccia: “Un giorno Minnehaha mi vendicherà!” ([www.emiliosalgari.it](http://www.emiliosalgari.it))

Sull’Atlante

Nel bled vengono rinchiusi coloro che, arruolatisi nella Legione Straniera, si sono macchiati di qualche colpa e devono quindi espiarla. E’ un luogo terribile, senza leggi tranne quelle dei carcerieri. Nel bled si vengono a trovare anche Michele Cernazè, un ungherese, e il suo amico Enrico. Il primo ha incontrato, durante una caccia, la bella araba Afza, soprannominata il “Raggio dell’Atlante”, e se ne è guadagnato l’ammirazione, la gratitudine e poi l’amore per averla salvata dall’attacco di un leone. Ma questo amore desta la gelosia di uno dei suoi carcerieri, che è deciso a far sparire il suo rivale…

Sul mare delle perle

Amali, per il suo coraggio e per il suo aspetto nobile e fiero è definito “il re dei pescatori di perle”, tra gli uomini che vivono dei frutti del mare di Ceylon. Costui ha da compiere una tremenda vendetta, contro il maharajah di Jafnapatam, che gli ha ucciso il fratello. Arma della vendetta, il rapimento della bella Mysora, di cui, tra l’altro, si è perdutamente innamorato. ([www.emiliosalgari.it](http://www.emiliosalgari.it))

Sul filo del terrore

When 16-year-old Chris Martino moves with his mother to Los Angeles from New Jersey, he inadvertently befriends nerdy classmate Roger “Horseface” Obst. Chris writes Roger a note in lemon juice-“invisible ink”-but later a different message appears, and it becomes obvious that a terrifyingly omnipotent force is about to ensnare Roger in its net of darkness. While Roger senses an opportunity for revenge against his student tormentors, Chris resists this evil presence, which identifies itself as Othersyde; therein lies the book’s most forceful conflict. As the terror escalates, a policewoman and a sympathetic teacher become involved with the evil around them-and with each other.

Suite francese

«Quasi senza saperlo, per una specie di grazia infusa, Irène Némirovsky possedeva i doni del grande romanziere, come se Tolstoj, Dostoevskij, Balzac, Flaubert, Turgenev le fossero accanto e le guidassero la mano mentre lei scriveva sui suoi quaderni … Quando abbiamo finito di leggere le due prime parti di *Suite francese*, resta in noi una strana sensazione di letizia. Non sappiamo se essa dipenda dalla gioia nasco­­sta sotto le tragedie della vita; o dalla felicità fisica di raccontare senza fine. Il tono volentieri lirico; l’eco melodiosa della frase; la ricchezza delle sensazioni; la bellezza della natura; gli animali quasi umanizzati; la luce del sole al mezzogiorno o al tramonto; il chiarore onnipresente della luna si sciolgono e si perdono nella fluidità della vita». Pietro Citati

Il sugo della vita

Santa Maria Maddalena de’ Pazzi è preda di visioni in cui implora Gesù crocifisso stillante sangue dalle piaghe di irrorarla con il sacro liquido, in un bagno di ‘concupiscenzia siziente e saziante’ che le avrebbe fatto raggiungere la beatitudine. In Spagna cuochi e pasticcieri non di rado utilizzano le carni degli squartati e i frammenti dei suppliziati per preparare sanguinolenti vol-au-vent. All’assassino del principe d’Orange, atrocemente torturato per quattro giorni prima di spirare dal dolore, il carnefice pratica una laparatomia sulla pubblica piazza, incanalando in catartico teatro di massa l’antico, inestirpabile istinto di Caino.È nel sangue, sul filo rosso fra puro e impuro, che si rappresenta l’inesausto dramma tra sacro e profano, tra storia del divino e storia di quell’umano che dell’umanità vuol disfarsi. Nel Sugo della vita Piero Camporesi prende in carico la narrazione di questa storia: con maestria racconta la potente carica metaforica del sangue che, rosso e dolciastro, cola sull’immaginario prescientifico a coagulare simboli ora terrifici ora salvifici, connessi alla dissoluzione e alla morte o alla rigenerazione e alla vita. Così il sangue di Cristo acquista la preziosità taumaturgica di un magico unguento che annichilisce i miasmi della malignità: il più squisito distillato, uscito non dalla bottega di un qualsiasi speziale ma dalla grotta meravigliosa del costato del Protomedico che ha sconfitto la morte. Viceversa, per strada le compagnie dei flagellanti si autopuniscono ferocemente salassandosi a staffilate: carnevali di afflizione, riti di violenza sacra, esorcismi collettivi per neutralizzare l’empietà che irrora il tessuto sociale.Poi l’antico enigma del sangue si è dissolto; la società postindustriale – asettica, anemica, emofobica – effonde solo il sangue altrui, nelle fiumane cruente della guerra. Il Saggiatore continua la ripubblicazione del corpus delle opere di Camporesi – avviato con Il pane selvaggio e proseguito con Le belle contrade – e rende al pubblico quest’altra magnifica tavola dell’opulento polittico in cui Camporesi ha ritratto l’umanità nella transizione dal premoderno al contemporaneo.
(source: Bol.com)

Il sugo della storia

Racconti gustosi, stranezze e pregiudizi sul cibo nelle parole di un grande storico dell’alimentazione.
Al di là di informazioni che spesso riempiono lacune che nemmeno sospettavamo di avere (davvero sapevate perché si dice ‘pasta al dente’ e che in Azerbaigian, sulle rive del Caspio, si cucinano ottimi tortellini, affini del resto ai pelmeni siberiani?), queste storie di cibo che si leggono d’un fiato riescono davvero a fare Storia con la maiuscola. Franco Cardini, “Avvenire” 
Alzi la mano o meglio la forchetta chi non ha mai pensato che le melanzane alla parmigiana avessero a che fare con Parma. Invece la dizione corretta è parmigiana di melanzane e viene dal latino parma che significa scudo (la barriera che si costruisce intorno al ripieno). Questa e molte altre sorprese si trovano nel libro di Montanari, grande storico dell’alimentazione che ci aiuta a capire come nasce la nostra cultura gastronomica. Rocco Moliterni, “Tuttolibri”
**
### Sinossi
Racconti gustosi, stranezze e pregiudizi sul cibo nelle parole di un grande storico dell’alimentazione.
Al di là di informazioni che spesso riempiono lacune che nemmeno sospettavamo di avere (davvero sapevate perché si dice ‘pasta al dente’ e che in Azerbaigian, sulle rive del Caspio, si cucinano ottimi tortellini, affini del resto ai pelmeni siberiani?), queste storie di cibo che si leggono d’un fiato riescono davvero a fare Storia con la maiuscola. Franco Cardini, “Avvenire” 
Alzi la mano o meglio la forchetta chi non ha mai pensato che le melanzane alla parmigiana avessero a che fare con Parma. Invece la dizione corretta è parmigiana di melanzane e viene dal latino parma che significa scudo (la barriera che si costruisce intorno al ripieno). Questa e molte altre sorprese si trovano nel libro di Montanari, grande storico dell’alimentazione che ci aiuta a capire come nasce la nostra cultura gastronomica. Rocco Moliterni, “Tuttolibri”

Un suddito fedele

Inghilterra, 1109 – Quando nomina tutore del piccolo Philip uno dei suoi sudditi più fedeli e gli affida anche la madre, re Enrico forse non immagina di mettere in una situazione insostenibile l’aitante Richard di Wilmont e l’incantevole Lucinda di Northbryre. Come può sentirsi attratto dalla vedova del suo peggior nemico? si domanda sgomento il malcapitato Richard. come può desiderare un uomo che non potrà mai avere?, si tormenta ogni giorno Lucinda. Ma il cuore, si a, ha delle ragioni che la ragione non conosce e che spingono i due amanti a superare ogni sorta di ostacoli, fra i quali anche i dubbi dell’anima.
(source: Bol.com)