52401–52416 di 66541 risultati

Sorgo rosso

La storia epica, grandiosa di questo capolavoro della letteratura cinese contemporanea, si staglia sullo sfondo degli sconfinati campi di sorgo ‘che in autunno scintillano come un mare di sangue’. Dal banditismo degli anni Venti, alla cruenta invasione giapponese degli anni Trenta e Quaranta, fino al periodo che precedette la Rivoluzione culturale, Sorgo rosso racconta le avventure e gli amori del bandito Yu Zhan’ao e della sua famiglia, in un affresco che ritrae un intero popolo, tutto un Paese. Un Paese dalle campagne brulicanti di anime sperdute – contadini, soldati, monaci buddisti, maghi taoisti – in cui ‘un vento maschio spazza una terra femmina’ e il sangue versato è ‘morbido e liscio come piume d’uccelli’.
Da questo romanzo Zhang Yimou ha tratto il film omonimo, ‘Orso d’oro’ al Festival di Berlino nel 1988.

(source: Bol.com)

Le sorelle Soffici

Veronica Soffici è una ragazza molto speciale, parla con gli scrittori defunti che popolano la biblioteca di casa, mangia mele con i chiodi di garofano e sente di essere la sola a difendere la sorella Cecilia dai pericoli terreni e ultraterreni. La sua è una famiglia di industriali la cui fortuna è stata costruita sulla ricetta segreta di una marmellata diventata famosa in tutto il mondo. Ma i tempi cambiano e l’ombra del fallimento sembra incombente, mentre i primi scandali di Tangentopoli cominciano ad apparire nelle cronache. Un aiuto potrebbe arrivare da un ambiguo faccendiere, l’unico in grado di garantire una via d’uscita, ma sarà necessario sacrificare qualcuno. Giorno dopo giorno Veronica riporta nel suo diario ricordi, visioni, fantasie ma anche i mutamenti repentini che stravolgono la routine familiare, insieme al viavai di speculatori, portaborse e politici che stringono d’assedio i terreni intorno a Villa Soffici. Alla ragazza non resta che organizzare una forma di resistenza tutta sua e giocare la crudele partita con il mondo. Poetico e affascinante, questo romanzo è un grido di battaglia a difesa dell’innocenza e della fantasia contro l’avanzare di una barbarie dell’anima che non concede prigionieri. Un’opera spiazzante, diversa, indimenticabile.

Le sorelle Donguri

Rimaste orfane, Guriko e Donko gestiscono un sito di posta del cuore che si chiama Le sorelle Donguri (donguri significa ghianda in giapponese). Donko è tanto energica e indipendente quanto la sorella è solitaria e taciturna. Questo fino a quando Guriko riceve il messaggio di una donna che le scrive del dolore per la perdita del marito, parole che inducono Guriko a ripensare al suo primo amore, Mugi, incontrato ai tempi della scuola e poi sparito nel nulla. Segretamente cova da sempre il desiderio e la speranza di ritrovarlo, decide allora di interrompere la sua clausura e di andare a cercarlo. Attraverso la voce narrante di Guriko, Banana Yoshimoto affronta temi quali la perdita e il superamento del dolore, ponendo l’accento sul potere salvifico della condivisione e sulla capacità dei sogni di sciogliere tensioni e problemi.
**

La sorellanza

Menina Walker è figlia della fortuna. Sfuggita alla devastazione di un uragano in Sudamerica e condannata a un’esistenza miserabile con un misterioso medaglione come unico patrimonio, a tre anni viene adottata da una coppia statunitense e conosce una nuova vita. A diciannove anni è innamorata, fidanzata ed eccitata per il futuro; ma un altro evento traumatico distrugge i suoi sogni. Parte dunque per la Spagna, sulle tracce di un pittore cinquecentesco che firmava le proprie opere con la stessa immagine del suo medaglione. Quando una rapina la costringe in un paesino tra le montagne dell’Andalusia, Menina deve nascondersi in un antico convento, abitato solo da poche religiose anziane e smemorate. Esplorandolo, la ragazza scopre l’epica saga di cinque orfane tenute nascoste all’Inquisizione spagnola e aiutate a fuggire nel Nuovo Mondo da una comunità di suore straordinarie. Il medaglione è forse un legame con queste ultime o con il suo stesso passato? Ed è stato il caso a condurla al convento o il destino?
Romanzo di potenti sentimenti e thriller storico, *La sorellanza* è una rocambolesca e avvincente cavalcata attraverso continenti e secoli.
**

La sorella silenziosa

Per tutta la vita, Riley MacPherson ha creduto che sua sorella maggiore Lisa, violinista prodigio destinata a un futuro di successi, fosse morta suicida quando era solo un’adolescente. Questa convinzione ha modellato la sua infanzia e quella del fratello Danny, la loro visione della famiglia e della vita. Più di vent’anni dopo, però, in seguito alla morte del padre, Riley è a New Bern, nel North Carolina, per mettere ordine nella loro casa d’infanzia e scopre per caso una sconvolgente e inimmaginabile verità: sua sorella è ancora viva e ha assunto una nuova identità. Ma perché, tanti anni prima, Lisa ha fatto perdere le proprie tracce e quale segreto nasconde? Dall’autrice bestseller in cima alle classifiche americane, la storia di due sorelle e di uno scioccante segreto di famiglia, un romanzo emozionante sulla perdita e l’amore tra fratelli.

(source: Bol.com)

Sono romano ma non è colpa mia

Dici Brignano, dici Roma. Non c’è suo monologo che non ci cali nell’atmosfera della Capitale e, soprattutto, che non ne ritragga a colori vividi gli abitanti, i Romani de Roma. Perciò, misurandosi con il suo primo vero libro, Brignano ha deciso di offrire una guida comica per conoscere davvero la Città Eterna e capire perché i romani sono eternamente gli stessi. Lo spunto è la propria storia personale, raccontata fin dall’inizio, quando sua madre ebbe le doglie, impantanata nel traffico a bordo della Simca 1000 di zio, ma — siccome spesso, per interpretare l’oggi, è bene risalire alle origini — il racconto prosegue dipanandosi avanti e indietro nel tempo, in un percorso scintillante e irresistibile che risale fino al lontano passato di Romolo e Remo. Così, la ricostruzione umoristica dei principali eventi storici e un eccitante giro per monumenti in motorino — insostituibile compagno d’avventure nella Capitale — diventano illuminanti chiavi di lettura del modo di essere dei romani, soprattutto quando Brignano li mette genialmente a confronto con la cultura popolare degli stornelli — dove sembra che a Roma nun se faccia che magna’ —, degli insulti e della colorita parlata del Romano doc, di cui l’autore fornisce anche un indispensabile glossario. In parte autobiografia ironica e un po’ nostalgica, in parte passeggiata entusiasmante e tutta da ridere nelle glorie e nel ventre di Roma, questo libro è un ritratto senza precedenti che conquisterà romani e non. Perché, in fondo, siamo stati tutti allattati dalla stessa Lupa

(source: Bol.com)

Sono qui

Un grande thriller Jesse Berg è un pediatra di successo. Da poco separato, vive a Berlino con Isa, sua figlia, l’unica persona che ama veramente. Jesse non parla del suo passato, che ritorna spesso in terribili e indecifrabili incubi notturni. Fino a quando, improvvisamente, l’ex moglie viene uccisa e sua figlia rapita. L’autore del delitto gli lascia un messaggio: ‘Tu non la meriti’. Per Berg è chiaro che il bersaglio da colpire è lui. Perché non merita Isa? Per qualcosa che ha fatto prima di un terribile incidente la cui memoria emerge a sprazzi solo nei sogni, ma che sembra averlo cambiato? Tutto questo ha forse a che fare con il collegio in cui ha passato l’adolescenza, dove avvenivano cose che forse è meglio aver dimenticato? Un senso di colpa indefinito messo a lungo a tacere riemerge. Per trovare Isa, Jesse dovrà fare quello che non ha mai voluto: recuperare il suo passato. Tornare all’istituto di Adlershof. Lì dove ha imparato a combattere, e dove ha rischiato di morire. Perché per Isa farebbe qualsiasi cosa. Anche attraversare l’inferno per la seconda volta… Dall’autore di Il sezionatore e Prima di uccidere, bestseller in Italia e Germania ‘Attenzione: se Marc Raabe proietta i suoi personaggi negli incubi peggiori, allora c’è il grosso rischio che capiti lo stesso anche a voi lettori.’ Sebastian Fitzek, autore di Il ladro di anime ‘Raabe fa emergere con grande violenza le più inquietanti paure dell’infanzia.’ Westdeutsche Zeitung ‘La corsa del bene contro il male ha inizio, si sente il ticchettio di un orologio, il sangue scorre, il lettore continua a sfogliare, senza respiro.’ Radio WDR 2 Tra Jo Nesbø e Henning Mankell Marc Raabeè nato nel 1968 e vive a Colonia. È amministratore delegato e socio di una ditta di produzione televisiva e cinematografica. Autore rivelazione del thriller tedesco, ha esordito con Il sezionatore, per settimane nella classifica dei libri più venduti in Germania, Francia e Italia, cui sono seguiti Prima di uccidere, bestseller dalla prima settimana di uscita e Sono qui. I tre volumi sono pubblicati dalla Newton Compton.

(source: Bol.com)

Sono Io Taylor Jordan!

C’era una volta…Una ragazza piena di paure, che viveva a New York.Tranquilli, non è un libro fantasy! Questa è la mia storia: mi chiamo Meggie Clarke e sono una cover designer con la passione per la scrittura. Vivo in un appartamento condiviso, insieme a due coinquilini, la Bestia e la Bella.Ray Parker, invece, è il mio Capo, o il Principe, come lo chiamiamo in ufficio. E poi c’è…Taylor Jordan.Ma chi è Taylor Jordan?1° indizio: Barnes&Noble, Union Square. Sezione fantasy.2° indizio: Taylor potrebbe essere una ragazza!Per gli altri indizi, dovrete aspettare di leggere il libro!Perché, magari, sono io Taylor Jordan…oppure [email protected]: @TaniaPaxiaGoodreads: https://www.goodreads.com/book/show/25407979-sono-io-taylor-jordanFacebook: https://www.facebook.com/pages/Tania-Paxia-Autrice/437880963052849?ref=bookmarksBlog nicholasedevelyneildiamanteguardiano.blogspot.it

Sono il fratello di XX

A un certo punto di questi racconti si parla di una «calma violenta» – e subito si riconosce il timbro e il passo di una scrittrice per cui l’ossimoro è come l’aria che respira, quasi un segno di riconoscimento, fin dal titolo del suo romanzo più famoso, *I beati anni del castigo*. Del quale Iosif Brodskij scrisse: «Durata della lettura: circa quattro ore. Durata del ricordo, come per l’au­trice, il resto della vita». Non diverso l’ef­fetto di queste storie, talvolta di una brevità lancinante, talvolta dense come un romanzo. Mescolando all’estro fantastico frammenti di ricordi e apparizioni, amalgamati in uno stile dove domina quello che gli etologi chiamano *Übersprung*, «di­versione»: quello scarto laterale, apparentemente fuori contesto, che è un segreto ancora insondato del comportamento. E, come si mostra qui, della letteratura.

Sono cose da grandi (Einaudi. Stile libero big)

«Questa lettera ha inizio nell’estate dei tuoi quattro anni. Quando le mie paure si sono schiuse davanti alle immagini di una strage. Poco dopo la Terra ha tremato. E anche io sono stata contagiata da quel tremore, perché l’ho avvertito in te».
Un giorno, davanti alla televisione, per la prima volta Simona riconosce negli occhi del figlio la paura. E non è la paura catartica delle fiabe, è quella suscitata dalla violenza del mondo. La frase usata fino ad allora per proteggerlo – «sono cose da grandi» – non funziona piú. Cosí decide di rivolgersi a lui, con semplicità, per dirgli ciò che sulla paura ha imparato. Ma anche per raccontargli la dolcezza di una vita quotidiana a due, tra barattoli pieni di insetti e scatole magiche dove custodire i propri desideri. Scrivendogli scopre la propria fragilità, e in questa fragilità, paradossalmente, una forza.
In questo tempo incerto e minaccioso, una madre prova a decifrare il mondo per suo figlio, reinventandolo attraverso i giochi e le storie che crea ogni giorno per lui.
**
### Sinossi
«Questa lettera ha inizio nell’estate dei tuoi quattro anni. Quando le mie paure si sono schiuse davanti alle immagini di una strage. Poco dopo la Terra ha tremato. E anche io sono stata contagiata da quel tremore, perché l’ho avvertito in te».
Un giorno, davanti alla televisione, per la prima volta Simona riconosce negli occhi del figlio la paura. E non è la paura catartica delle fiabe, è quella suscitata dalla violenza del mondo. La frase usata fino ad allora per proteggerlo – «sono cose da grandi» – non funziona piú. Cosí decide di rivolgersi a lui, con semplicità, per dirgli ciò che sulla paura ha imparato. Ma anche per raccontargli la dolcezza di una vita quotidiana a due, tra barattoli pieni di insetti e scatole magiche dove custodire i propri desideri. Scrivendogli scopre la propria fragilità, e in questa fragilità, paradossalmente, una forza.
In questo tempo incerto e minaccioso, una madre prova a decifrare il mondo per suo figlio, reinventandolo attraverso i giochi e le storie che crea ogni giorno per lui.
### Dalla seconda/terza di copertina
Un giorno, davanti alla televisione, per la prima volta Simona riconosce negli occhi del figlio la paura. E non è la paura catartica delle fiabe, è quella suscitata dalla violenza del mondo. La frase usata fino ad allora per proteggerlo – «sono cose da grandi» – non funziona più. Così decide di rivolgersi a lui, con semplicità, per dirgli ciò che sulla paura ha imparato. Ma anche per raccontargli la dolcezza di una vita quotidiana a due, tra barattoli pieni di insetti e scatole magiche dove custodire i propri desideri. Scrivendogli scopre la propria fragilità, e in questa fragilità, paradossalmente, una forza.

Sono ancora un bambino

Rappresentante di una grandissima tradizione di attori italiani, da Gassman a Mastroianni, Tognazzi, Volonté, regista, doppiatore, ma anche perito elettronico, inventore, fotografo, pittore, nonché incontrastato «Re del Pesto». Questo e mille altre cose è Giancarlo Giannini, che rivela qui, pagina dopo pagina, la formula magica, apparentemente semplice, ma in realtà unica, di una creatività incessante e soprattutto senza limiti, proprio come quella dei bambini. Dall’intesa profonda con Lina Wertmüller e Mariangela Melato alla passione per la cucina, imparata osservando per interi pomeriggi sua nonna impegnata ai fornelli; dagli incontri con colossi del cinema come Billy Wilder, Federico Fellini, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Pier Paolo Pasolini alla passione per il costruire oggetti con le proprie mani; dal compito di dare voce ad Al Pacino e Jack Nicholson all’attività di regista e insegnante. Giancarlo Giannini non è soltanto una fonte inesauribile di memorabili aneddoti, ma è soprattutto un uomo animato da un pensiero originalissimo, maturato nei momenti di lettura e di solitudine, ricercato e coltivato fin dalle lunghe giornate d’infanzia trascorse sulle spiagge della Liguria. Un pensiero che si traduce in riflessioni sulla vita e sulla morte, sul proprio mestiere da sempre affrontato con divertito perfezionismo, sulla notorietà e sull’ostinata volontà di farne a meno. Perché in fondo bastano un angolo tutto per sé e un semplice filo di rame per giocare a essere felici.
**
### Sinossi
Rappresentante di una grandissima tradizione di attori italiani, da Gassman a Mastroianni, Tognazzi, Volonté, regista, doppiatore, ma anche perito elettronico, inventore, fotografo, pittore, nonché incontrastato «Re del Pesto». Questo e mille altre cose è Giancarlo Giannini, che rivela qui, pagina dopo pagina, la formula magica, apparentemente semplice, ma in realtà unica, di una creatività incessante e soprattutto senza limiti, proprio come quella dei bambini. Dall’intesa profonda con Lina Wertmüller e Mariangela Melato alla passione per la cucina, imparata osservando per interi pomeriggi sua nonna impegnata ai fornelli; dagli incontri con colossi del cinema come Billy Wilder, Federico Fellini, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Pier Paolo Pasolini alla passione per il costruire oggetti con le proprie mani; dal compito di dare voce ad Al Pacino e Jack Nicholson all’attività di regista e insegnante. Giancarlo Giannini non è soltanto una fonte inesauribile di memorabili aneddoti, ma è soprattutto un uomo animato da un pensiero originalissimo, maturato nei momenti di lettura e di solitudine, ricercato e coltivato fin dalle lunghe giornate d’infanzia trascorse sulle spiagge della Liguria. Un pensiero che si traduce in riflessioni sulla vita e sulla morte, sul proprio mestiere da sempre affrontato con divertito perfezionismo, sulla notorietà e sull’ostinata volontà di farne a meno. Perché in fondo bastano un angolo tutto per sé e un semplice filo di rame per giocare a essere felici.
### Dalla seconda/terza di copertina
Hanno detto di Giancarlo Giannini: «È un pezzo ’e core, un pezzo della mia vita.» Lina Wertmüller «Un attore fuori dall’ordinario.» Mario Monicelli «Ha l’ironia e la leggerezza giuste per stare tra i grandi.» Ettore Scola

Solo un desiderio

Non si ruba qualcuno a chi non lo possiede Quella di Nicole doveva essere la vacanza perfetta, tre settimane da trascorrere in un villaggio turistico con gli amici di sempre e il flirt dell’estate precedente. Ma nella sua vita appare Luciano, e tutto cambia. Luciano è silenzi, è mistero, è diverso dai ragazzi che è solita frequentare. E, paradossalmente, sembra essere l’unico uomo capace di attraversare la cortina di cinismo e disincanto dietro la quale Nicole ha scelto di nascondersi. Luciano però cela un segreto, un fardello troppo grande da portare. E inoltre ha qualcuno ad attenderlo a casa, fuori dalla bolla in cui lui e Nicole stanno vivendo in quelle settimane. “Mai e poi mai entrare in competizione con un’altra donna” recita uno dei comandamenti di Nicole. Riuscirà a infrangere le sue stesse regole seguendo il cuore? Una storia d’amore con la A maiuscola, un romanzo per sognare e riflettere.

Solo un bacio

Il giorno di San Valentino si sta rivelando un disastro per Justin Cooper. Aveva pensato a tutto: un mazzo di fiori e una cena a “Lo Chalet”, uno dei ristoranti più ambiti di Seattle. Ma ciò che non aveva programmato, era trovare il suo ragazzo a letto con un altro.

E adesso?

Justin non vuole di certo mollare tutto e scappare, ma in sostanza è proprio ciò che fa. Ma i guai non sembrano finiti e, ben presto, si ritrova sul ciglio di una strada buia con la macchina del suo ex in panne. Poteva mai andare peggio di così? E pensare che a Justin la festa di San Valentino non era mai piaciuta! Almeno fino a quando un affascinante sconosciuto si ferma per prestargli soccorso e tutto sembra, improvvisamente, acquistare di nuovo un senso.

Eric Reed è un neurologo. È gentile, simpatico e alla mano. Potrebbe essere la compagnia giusta per trascorrere una serata iniziata male? L’importante è non lasciarsi coinvolgere troppo. Ma le parole corrono veloci, e ben presto, i due si ritrovano a condividere ben più di una cena a cinque stelle. Ce la faranno a resistere all’attrazione che sembra averli stregati?

Un bacio. Forse è solo questo che potranno concedersi. O forse no…

(source: Bol.com)

Solo Tu

Bello, divertente, carismatico, l’amico che tutti vorrebbero avere, il cuore che ogni donna vorrebbe catturare.
Ross Holders è così, basta uno sguardo di quegli occhi scuri e intensi a farti desiderare tutto. Ma per lui le donne sono solo un passatempo momentaneo. Non ha legami di nessun genere sentimentale con il gentil sesso, e quando vede che le compagne del momento iniziano a pretendere di più tronca ogni rapporto. Un bastardo? No, un uomo che non può più donare il suo cuore perché in passato gli è stato strappato via, e ora chissà da quale parte del mondo è, aggrappato a lei, il suo grande rimpianto: Arabella Charlotte Harper- Grey
“Bella” per lui, o “rossa”, è fuggita via dalla sua vita otto anni prima, per un stupidissimo sbaglio che gli è costato perdere la sua migliore amica, la ragazza di cui, inconsapevolmente, era innamorato. Ora dopo otto anni lei è tornata, ma non è più la ragazzina che lui conosceva. La splendida donna, con cui si ritrova a discutere per ogni cosa, non permette a nessuno di entrare nella propria vita… soprattutto a lui.
Perché è tornata? Cosa nasconde sotto la sua corazza di indifferenza e diffidenza. Una serie di eventi li portano nuovamente a dover affrontare il passato che li ha divisi, i pericoli del presente e i sentimenti che nessuno dei due ha mai spento, ma che ardono più pericolosi che mai.
Sarà ardua per Ross penetrare nel guscio d’acciaio di Bella, ma sarà ancora poi ardua per Bella riuscire a ignorare, a combattere, i sentimenti che ha sempre provato per Ross, e che in passato l’hanno quasi distrutta.
Lui, il grande amore mai dimenticato.
Lei, il suo più grande rimpianto e il solo suo futuro.
SOLO TU è lo spin-off della “Nonostantetuttoseries”.
**
### Sinossi
Bello, divertente, carismatico, l’amico che tutti vorrebbero avere, il cuore che ogni donna vorrebbe catturare.
Ross Holders è così, basta uno sguardo di quegli occhi scuri e intensi a farti desiderare tutto. Ma per lui le donne sono solo un passatempo momentaneo. Non ha legami di nessun genere sentimentale con il gentil sesso, e quando vede che le compagne del momento iniziano a pretendere di più tronca ogni rapporto. Un bastardo? No, un uomo che non può più donare il suo cuore perché in passato gli è stato strappato via, e ora chissà da quale parte del mondo è, aggrappato a lei, il suo grande rimpianto: Arabella Charlotte Harper- Grey
“Bella” per lui, o “rossa”, è fuggita via dalla sua vita otto anni prima, per un stupidissimo sbaglio che gli è costato perdere la sua migliore amica, la ragazza di cui, inconsapevolmente, era innamorato. Ora dopo otto anni lei è tornata, ma non è più la ragazzina che lui conosceva. La splendida donna, con cui si ritrova a discutere per ogni cosa, non permette a nessuno di entrare nella propria vita… soprattutto a lui.
Perché è tornata? Cosa nasconde sotto la sua corazza di indifferenza e diffidenza. Una serie di eventi li portano nuovamente a dover affrontare il passato che li ha divisi, i pericoli del presente e i sentimenti che nessuno dei due ha mai spento, ma che ardono più pericolosi che mai.
Sarà ardua per Ross penetrare nel guscio d’acciaio di Bella, ma sarà ancora poi ardua per Bella riuscire a ignorare, a combattere, i sentimenti che ha sempre provato per Ross, e che in passato l’hanno quasi distrutta.
Lui, il grande amore mai dimenticato.
Lei, il suo più grande rimpianto e il solo suo futuro.
SOLO TU è lo spin-off della “Nonostantetuttoseries”.

SOLO PER VENDETTA: SPIN -OFF #1 La mia Luce

Nick è tornato in Albania dopo molti anni, lui è il fratello di Dominick ucciso dal suo migliore amico Damien. Nick vuole solo vendetta, lui è ossessionato da Luce e userà Evelin per distruggere la felicità della famiglia Nicosia.
Evelin, non si renderà conto che, il suo atteggiamento infantile e viziato, farà scoppiare una guerra di mafia pericolosa, che metterà a rischio la vita di tutti.
Solo per Vendetta è il primo Spin Off della trilogia La Mia Luce, è conclusivo
Questo libro è frutto della fantasia dell’autrice.
Ogni riferimento a persone, nomi luoghi o cose è puramente casuale e inventato.
Tutti i diritti sono riservati a Faby Daddy
Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, utilizzata o trasmessa senza l’autorizzazione dell’autrice.
Tutti i diritti sono riservati a Faby Daddy. 
Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, utilizzata o trasmessa senza l’autorizzazione dell’autrice.
© 2017-2018 Faby Daddy
**
### Sinossi
Nick è tornato in Albania dopo molti anni, lui è il fratello di Dominick ucciso dal suo migliore amico Damien. Nick vuole solo vendetta, lui è ossessionato da Luce e userà Evelin per distruggere la felicità della famiglia Nicosia.
Evelin, non si renderà conto che, il suo atteggiamento infantile e viziato, farà scoppiare una guerra di mafia pericolosa, che metterà a rischio la vita di tutti.
Solo per Vendetta è il primo Spin Off della trilogia La Mia Luce, è conclusivo
Questo libro è frutto della fantasia dell’autrice.
Ogni riferimento a persone, nomi luoghi o cose è puramente casuale e inventato.
Tutti i diritti sono riservati a Faby Daddy
Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, utilizzata o trasmessa senza l’autorizzazione dell’autrice.
Tutti i diritti sono riservati a Faby Daddy. 
Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, utilizzata o trasmessa senza l’autorizzazione dell’autrice.
© 2017-2018 Faby Daddy

Solo per pochi (Fanucci Editore)

Painters Mill, venerdì 13. La notizia di una grande festa a base di alcol organizzata da minorenni amish mette in allarme Kate Burkholder e il suo piccolo dipartimento di polizia. A peggiorare le cose, un blackout costringe l’intera contea al buio. Nel cuore della notte, una chiamata porta Kate presso una fattoria abbandonata brulicante di musica e alcol, dove davanti agli occhi le si apre uno scenario agghiacciante: un’adolescente giace riversa a terra priva di sensi e con la testa sanguinante. Con la ragazza in coma e un aggressore sconosciuto a piede libero, Kate ha poco tempo per scoprire chi ha provato a uccidere la giovane, prima che sia troppo tardi…
**
### Sinossi
Painters Mill, venerdì 13. La notizia di una grande festa a base di alcol organizzata da minorenni amish mette in allarme Kate Burkholder e il suo piccolo dipartimento di polizia. A peggiorare le cose, un blackout costringe l’intera contea al buio. Nel cuore della notte, una chiamata porta Kate presso una fattoria abbandonata brulicante di musica e alcol, dove davanti agli occhi le si apre uno scenario agghiacciante: un’adolescente giace riversa a terra priva di sensi e con la testa sanguinante. Con la ragazza in coma e un aggressore sconosciuto a piede libero, Kate ha poco tempo per scoprire chi ha provato a uccidere la giovane, prima che sia troppo tardi…