51809–51824 di 68366 risultati

Gioventù

Un giovane, Marlow, secondo ufficiale della nave Judea, deve giungere nel porto di Bangkok, ma una tempesta li blocca per ben due volte…

I Giovedi

Come, dove e perché è scomparsa la signora Giulia? Per tre anni corrono voci sulle settimanali, scandalose evasioni della signora. In realtà, la situazione si presenta drammatica: la donna è sparita e la polizia stessa brancola nel buio. Questo giallo all’italiana propone al lettore un caso insolito: Piero Chiara espone fatti e inchieste in maniera essenziale, diretta, accoppia una raffinata malizia nel giudicare il costume della borghesia provinciale all’eccezionale capacità di proporre situazioni tipiche del nostro mondo giudiziario. I giovedì della signora Giulia rivelano un’invidiabile felicità inventiva e un’autentica abilità nell’intreccio poliziesco.

Giovani, carine e bugiarde

Le bugie hanno gambe bellissime
Philadelphia. Nel quartiere esclusivo di Rosewood, quattro ragazze vivono tranquille tra manicure, pettegolezzi e problemi d’amore. L’intellettuale Aria ha una storia con il suo professore; Hanna, fashionist incallita, è sempre a caccia di vestiti e accessori; la raffinata Spencer vede in segreto il fidanzato di sua sorella, mentre Emily è alle prese con una strana attrazione per una nuova compagna di classe. Ma queste quattro amiche dall’aria così ingenua e fragile in passato hanno davvero esagerato con i loro diabolici “scherzetti”, capeggiate da Alison, la leader del gruppo improvvisamente scomparsa tre anni prima. E quando iniziano a ricevere inquietanti messaggi con una misteriosa firma, una semplice A, cominciano a sospettare che qualcuno che conosce tutti i loro segreti sia tornato. È senz’altro Alison, che non vede l’ora di rovinare la vita alle sue ex compagne…
Da questo libro la serie TV Pretty Little Liars
Una storia tutta al femminile con un appassionante tocco di mistero. Una nuova entusiasmante serie destinata a far breccia nel cuore di migliaia di fan.
Anche i sorrisi più dolci possono nascondere scottanti segreti, e queste quattro ragazze ne hanno davvero tanti…
Sara Shepard
è cresciuta a Philadelphia, dove è ambientata la serie Giovani, carine e bugiarde, che ha riscosso un clamoroso successo in America ed è diventata un serie televisiva. Ha studiato alla New York University e al Brooklyn College e attualmente vive a Tucson, Arizona.

Il giovane leone

Inghilterra, 1101-1106
Un anno d’amore è ciò che Enrico d’Inghilterra ha la bontà di concedere alla giovane e bellissima Ardith di Lenvil e al barone Gerard di Wilmont, il giovane leone, del quale la fanciulla è da sempre innamorata. Il tutto però a una condizione, considerate le voci su una presunta sterilità della giovane causata dalla ferita di un cinghiale: se in quell’anno la fanciulla si dimostrerà fertile, i due si sposeranno, ma se si rivelerà sterile, la promessa sarà ritenuta nulla e lei perderà per sempre il cavaliere che ha conquistato il suo cuore. Riuscirà Gerard a difendere la dolce fanciulla sassone dai pericoli della tormentata Inghilterra medievale? E la impavida Ardith a dare al fiero guerriero normanno il figlio che renderà eterna la loro promessa d’amore?

La giostra d’argento

Una grande giostra d’argento troneggia fra gli arredi di casa Grey, un clan tra i più ricchi dello stato di New York. Ma il prezioso oggetto sembra nascondere terribili segreti di famiglia, quasi che qualcosa insidi da tempo la serenità di quel mondo immerso nel lusso e nell’agio. Sally, madre della piccola Tina, l’ultima nata dei Grey, vuole vederci chiaro, preoccupata di trovare indizi che conducono ad un unica, dolorosa pista… Intanto, tra le mura domestiche, si consumano amori, adulteri, gelosie e accesi conflitti di interesse.

Un giorno

È l’ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un’epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l’intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l’università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l’uno accanto all’altra, nell’alba di una vita nuova.
Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell’industria della spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c’è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo insieme.

Il Giorno

This historic book may have numerous typos and missing text. Purchasers can usually download a free scanned copy of the original book (without typos) from the publisher. Not indexed. Not illustrated. 1819 edition. Excerpt: … i vasi, e la ricolma Nitidezza serbarol al sen materno. Sgridala, se a te par ch avida troppo Agogni al cibo, e le ricorda i mali Che forse avranno altra cagione, e eh ella Al cibo imputera nel di venturo. Ne al cucinier perdona, cui non calse Tanta salute. A te sui servi altrui Ragion donossi in quel felice istante Che la noja o l amor vi strinser ambo In dolce nodo’, e dier ordini e leggi; Per te sgravato d od’1’oso incarco ‘ Ti fia grato’colui che dritto vanta D impor novo cognome alla tua dama, pinte trascinar sugli aurei cocchi Giunte a quelle ‘di’ lei le proprie insegne: Dritto illustre per lui, e ch altri seco Audace non’tento’divider mai. ‘ Ma non sempre, o signor., tue cure iieno Alla dama rivolte: ‘ anco’talora ‘ ‘ ‘ Ti fia lecito’aver qualche riposo, della quercia trionfale all ombra, Te della polve olimpica’tergendo, Al vario ragionar degli altri eroi ‘. Porgerei orecchio, e il tuo sermone ai loro Ozioso mischiar. Gia scote un d essi ‘ Le ‘architcttate del bel.crine ariella Vezzoso nembo d arabi profumi.. Allo spirto di lui l alma Natura Fu prodiga cosi, che piu non.seppe Di che il volto abbellirgli; e all Arte disse: Compisci l mio lavoro; e l Arte suda Sollecita d intorno all opra illustre. Molli tinture, preziose linfc, —-70–. Polvi, pastiglie’, dilicati unguenti, Tutto arrischia per lui. Quanto di novo mostruoso piu sa tesser spola, 0 bulino intagliar francese ed anglo, A lui primo concede. O lui beato, Che primo puo di non piu viste forme Tabacehiera mostrar! l etica invidia 1 grandi eguali a lui lacera e mangia; d ei, …

Un giorno, cose terribili

Un’occhiata al computer prima di andare a scuola e il piccolo Bastien vede qualcosa che lo sconvolge. È un messaggio raggelante, che gli arriva dal fratellino Jules, morto due anni prima. Da quando si è trasferito in quella cittadina, le sue giornate sono un crescendo di episodi strani e di sinistre sensazioni. E non accade soltanto a lui. Sarà l’atmosfera del luogo, la misteriosa Laville-Saint-Jour, con le sue lugubri architetture gotiche, sarà la presenza di quella nebbia persistente che, quando cala, sembra avvolgere tutto in un oscuro maleficio. “Succedono cose terribili il primo giorno di nebbia”, gli hanno detto. Ma ci sono anche altre voci che corrono: storie di morti violente e di roghi inspiegabili, di bambini uccisi per riti demoniaci, di una segreta e potente setta satanica. Perseguitato da incubi notturni e dalla sensazione di inquietanti presenze, Bastien si sente tuttavia investito di una forza particolare per combattere contro il Male che da secoli soffoca quel luogo. Un thriller che spalanca una porta sul mondo delle tenebre.
**

Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra

Trent’anni di storia americana, trent’anni di sogni e aspirazioni. Di amori, di voli e di cadute. Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra è l’epopea cruda, fantastica, umanissima di sei diverse giovinezze, sei modi d’intendere la vita coi suoi dolorosi passaggi epocali. Michael e Jane, Francis e Zelda, Edward e Ginger: storie di incontri e di distacchi, di solitudini forzate che, dal New Jersey degli anni settanta, arrivano a sfiorare la purezza sporca della Manhattan anni novanta. La pop art, la contestazione, la scena punk e il sogno illusorio di una ribellione possibile. Con uno stile appassionato e una straordinaria capacità di montaggio, Claudia Durastanti racconta e reinventa l’America nella quale è cresciuta, toccando nervi scoperti del nostro passato e rivelandosi come una delle voci più mature della nuova narrativa italiana.
(source: Bol.com)

Un giorno ti vedrò

Durante un servizio in un ospedale di New York, la giovane reporter Meghan Collins assiste al ricovero di una ragazza selvaggiamente pugnalata e in condizioni disperate. Più tardi scopre con sconcerto che costei le somiglia come una goccia d’acqua.
**

Un giorno solo, tutta la vita

Questa storia inizia a New York nel 2000, quando, alle nozze del nipote, Josef Kohn scorge tra gli invitati una donna dall’aria familiare: gli occhi azzurro ghiaccio, l’ombra di un tatuaggio sotto la manica dell’abito. Rischiando di essere scortese, le chiede di mostrargli il braccio. La certezza è lì, sulla pelle: sei numeri blu, accanto a un piccolo neo che lui non ha mai dimenticato. E allora le dice: ‘Lenka, sono io. Josef. Tuo marito’.
Perché questa storia, in realtà, inizia a Praga nel 1938, quando Lenka e Josef sono due studenti. Ebrei, si conoscono poco prima dell’occupazione nazista, si innamorano, diventano marito e moglie per lo spazio di una notte. Il giorno dopo, al momento di fuggire negli Stati Uniti, Lenka decide di restare, perché non ci sono i visti per la sua famiglia. Si separano con la promessa di ricongiungersi al più presto, ma Lenka finisce in un campo di concentramento.
In mezzo all’orrore, dipinge: l’unico modo per dare colore a ciò che è privato di luce, per dare forma a ciò che non si può descrivere. Mentre Josef, in America, si specializza in ostetricia; solo aiutare a dare la vita gli impedisce di essere trascinato a fondo dalle voci di chi non c’è più.
Quando ormai si crederanno perduti per sempre, ci sarà un nuovo inizio per entrambi. Ed entrambi impareranno che l’amore può anche essere gratitudine per chi ti ha salvato la vita, affinità tra anime alla deriva, rispetto di silenzi carichi di dolore. E di confini da non valicare, perché al di là si celano – intatti e ostinati – i ricordi di una passione assoluta, di quelle che basta un istante per accendere, ma non è sufficiente una vita per cancellare.
Questa storia inizia e non ha mai fine. Come i grandi amori.

(source: Bol.com)

Un giorno questo dolore ti sarà utile

James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d’arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d’altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un’alternativa all’università («Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché»), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite – la lettura e la solitudine –, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio… I puntini di sospensione sono un espediente abusato, ma in questo caso procedere oltre farebbe torto a uno dei pochi scrittori sulla scena che, come sa bene chi ha amato *Quella sera dorata*, chiedono solo di essere letti. Anticipare le avventure e i pensieri di James rischierebbe di mettere in ombra la singolare grazia che pervade questo libro, e da cui ci si lascia avvolgere molto prima di riconoscere, nella sua ironia inquieta e malinconica, qualcosa che pochi sanno raccontare: l’aria del tempo.

Il giorno dopo domani

###
A Parigi un chirurgo americano individua l’uomo che ha assassinato suo padre e vuole vendicarsi. A Londra un detective dell’Interpol investiga su una serie di delitti: a tutte le vittime è stata tagliata la testa. A Ginevra un’affascinante dottoressa incomincia una storia d’amore che cambierà la sua vita. E in Germania un piccolo gruppo di industriali si prepara a festeggiare un evento memorabile. Ma che cosa succederà il “giorno dopo domani”?

Un giorno di dicembre

“Chi ha vissuto in prima persona la vicenda umana di Gianluca Sciortino e della sua famiglia trae dalla lettura di questo lungo racconto sensazioni intense e dolorose. Così è capitato a me. Ho rivissuto nella mia mente un lungo flashback che mi ha ricondotto ad una lunga e dolorosa vicenda personale. Nella vita di Nino Manfredi e nella mia è arrivato un giorno in cui, all’improvviso, tutto è cambiato: un malore, la corsa in ospedale verso un destino sconosciuto, la porta della rianimazione che si chiude. Una porta al di qua di una soglia invalicabile, come il limite che divide la vita dalla morte. C’era un gioco nella nostra vita coniugale che Nino faceva con me ogni sera quando lasciava la mia camera da letto. Nel darci la buona notte rimaneva in uno stato di sospensione e, con la sua area fanciullesca, diceva “chiudo?”. Ma l’idea di chiudere quella porta tra noi gli procurava angoscia come se avesse terrore di non riuscire a vincere il buio della notte”.

IL GIORNO DELLA VENDETTA

La serie di romanzi scritti da David Gerrold intorno all’incubo degli Chtorr, i terribili extraterrestri calati dal pianeta omonimo, ha rinverdito in modo brillante il tema dell’invasione dallo spazio, di cui la fantascienza sembrava essersi un po’ dimenticata negli ultimi anni. Nel *Giorno della vendetta* , spettacolare romanzo che per ragioni di mole abbiamo dovuto suddividere in due fascicoli – questo e il prossimo – l’eroe terrestre dell’avventura, il tenente Jim McCarthy, deve vedersela non solo con l’insidia dei giganteschi vermi alieni, ma anche con il pericolo del tradimento e del collaborazionismo umano. E quando viene fatto prigioniero dagli avversari ha la sensazione, per la prima volta, che tutto sia perduto per la Terra…
**INDICE**

**DAL FUMETTO NERO AL FANTASTICO – Documenti**
|
GIUSEPPE LIPPI