51665–51680 di 75864 risultati

Sotto i venti di Nettuno. I casi del commissario Adamsberg: 4

Una giovane donna uccisa con tre ferite di arma da taglio, una catena di omicidi tutti uguali che affiora dal passato. Sul cammino di Adamsberg, lo svagato commissario che ama zigzagare tra deduzioni che ai più paiono del tutto incongrue, c’è il misterioso Tridente. Il commissario sa chi è l’assassino, ma anche il Tridente conosce Adamsberg. E torna, come il suo peggiore fantasma, per metterlo davanti all’unico nemico di cui avere paura: se stesso. Adamsberg stavolta è davvero nei guai.
**

La sottile linea dell’amore. Reverie series

Tutto cambia in un batter d’occhio. Tutta la mia vita come l’ho sempre conosciuta ormai non c’è più. Tutti i segreti sono stati rivelati e le promesse fatte sono state disattese irrimediabilmente. La mia famiglia non sarà mai più quella di prima. Così, quando Nicholas Fairfield torna nella mia vita come se non se ne fosse mai andato, io divento matta. Sono fuori di me. Ma anche eccitata. Dentro il mio cuore c’è una battaglia all’ultimo sangue e non capisco chi vincerà. Nonostante la mia confusione, voglio stare con lui. Lo amo. Questo non significa che non sia pericoloso. Qualcuno farà di tutto per allontanare Nicholas da me. E io so solo che non devo lasciarlo andare mai più…

I sotterranei di Notre Dame

PARIGI, 1301. Perché il re di Francia e i suoi uomini più fidati si aggirano furtivi nei sotterranei di Notre-Dame? Che cosa stanno disperatamente cercando? Filippo il Bello è disposto a tutto pur di scongiurare un evento fatale per il suo regno e la sua discendenza. Anche a mobilitare i migliori consiglieri perché raggiungano Roma: proprio in Vaticano, sotto la protezione del papa, si nasconde il celebre Arnaldo da Villanova, noto come il Catalano, geniale e discusso medico di Bonifacio VIII, un tempo al servizio di Filippo il Bello, poi accusato di praticare la magia. Ora il re lo rivuole presso di sé. Per quale motivo? Il pontefice nutre dei sospetti su quella richiesta e teme che Filippo il Bello stia orchestrando un complotto contro la Santa Sede. Per questo affida il compito di indagare al nipote, Crescenzio Caetani, giovane studente in Medicina, e a Dante Alighieri, delegato della Repubblica di Firenze. Addentrandosi nei meandri della Biblioteca Apostolica, sfogliando inestimabili trattati medici del mondo antico, i due tenteranno di scoprire cos’è che tormenta il monarca più potente della cristianità. Un segreto che il Catalano, custode della tradizione magica dell’Oriente, pare conoscere, ma che non sembra disposto a rivelare…

I sotterranei del Vaticano. Sotie

Una satira irriverente e provocatoria pubblicata nel 1914, l’anno stesso in cui prendeva il via l’immane massacro di tutta una generazione. Una commedia degli inganni che coinvolge una banda di truffatori tra Francia e Italia, maestri del raggiro e del travestimento; dei borghesucci cattolici convinti di dover accorrere dalla provincia francese a liberare il Papa, a Roma, dalla presunta e terribile prigionia in cui lo costringerebbe la Massoneria nei “sotterranei del Vaticano”; scienziati ferocemente atei e positivisti, bensì di facilissima e altrettanto fanatica conversione alla fede; scrittori che della fede sono i portavoce, ma sono mossi dalle peggiori delle vanità e lui, Lafcadio, il figlio segreto e ribelle di tanta ipocrita società borghese.
**

Il sospettato

E se in cima alla lista dei colpevoli ci fosse proprio il tuo nome…?

Di ritorno da un viaggio di lavoro, Jack Morgan, proprietario e direttore dell’agenzia Private Investigations, trova nella sua villa di Malibu la più raccapricciante delle sorprese: distesa sul suo letto c’è una donna, con il maglione intriso di sangue. La scoperta si fa ancora più agghiacciante quando Morgan capisce di trovarsi di fronte al cadavere di Colleen Molloy, la sua ex amante, che aveva tentato di suicidarsi qualche mese prima, quando fra loro era tutto finito.
Ma in questo caso non si tratta di un suicidio: Colleen è stata assassinata da un meticoloso professionista, in grado di far ricadere tutti i sospetti proprio su Jack Morgan, il cui legame con la vittima fornirebbe più di un movente per l’omicidio. Proprio per questo motivo il Los Angeles Police Department lo individua come il sospettato numero uno.
La sua vita, da quel momento, precipita in un girone infernale.
E proprio mentre è impegnato a indagare personalmente sul caso per poter dimostrare la propria innocenza, in preda all’ansia ma anche al dolore per la morte di Colleen, Morgan viene contattato da un’avvenente donna d’affari alle prese con una serie di omicidi che si sono verificati nei suoi lussuosi hotel…
(source: Bol.com)

La sorte

“La sorte” è, cronologicamente, la prima raccolta di racconti di Federico de Roberto, pubblicata per la prima volta nel 1887. In questi otto racconti è abbastanza evidente l’imitazione dei racconti di Giovanni Verga, in particolare delle Novelle rusticane. In alcuni racconti, tuttavia, si ritrovano alcuni temi presenti nelle opere posteriori; invece dei “poveri diavoli” di Verga e delle macchiette paesane di Luigi Capuana, de Roberto si interessa con occhio impietoso a due classi sociali tipicamente siciliane: la nobiltà decaduta e la piccola borghesia con desiderio di innalzamento.
I racconti: La disdetta, Ragazzinaccio, San Placido, Il matrimonio di Figaro, Il «Reuzzo», Nel cortile, La malanova, Rivolta.
Federico de Roberto (1861 – 1927) è nato a Napoli nel 1861, si stabilì a Catania dove conobbe Verga e Capuana e si dedicò al giornalismo e alla letteratura, con un periodo trascorso a Milano, dove collaborò con il “Corriere della Sera”. L’elenco delle sue opere è molto lungo e comincia con una raccolta di saggi critici nel 1883. Nel 1887 pubblica la prima raccolta di novelle, La sorte, che risente del modello verghiano e che viene criticato per l’eccessiva crudezza veristica.
Il suo capolavoro, I Viceré, comparve nel 1894. Frustato dall’insuccesso, smise di scrivere romanzi e si dedicò alla critica e alla saggistica.
**
### Sinossi
“La sorte” è, cronologicamente, la prima raccolta di racconti di Federico de Roberto, pubblicata per la prima volta nel 1887. In questi otto racconti è abbastanza evidente l’imitazione dei racconti di Giovanni Verga, in particolare delle Novelle rusticane. In alcuni racconti, tuttavia, si ritrovano alcuni temi presenti nelle opere posteriori; invece dei “poveri diavoli” di Verga e delle macchiette paesane di Luigi Capuana, de Roberto si interessa con occhio impietoso a due classi sociali tipicamente siciliane: la nobiltà decaduta e la piccola borghesia con desiderio di innalzamento.
I racconti: La disdetta, Ragazzinaccio, San Placido, Il matrimonio di Figaro, Il «Reuzzo», Nel cortile, La malanova, Rivolta.
Federico de Roberto (1861 – 1927) è nato a Napoli nel 1861, si stabilì a Catania dove conobbe Verga e Capuana e si dedicò al giornalismo e alla letteratura, con un periodo trascorso a Milano, dove collaborò con il “Corriere della Sera”. L’elenco delle sue opere è molto lungo e comincia con una raccolta di saggi critici nel 1883. Nel 1887 pubblica la prima raccolta di novelle, La sorte, che risente del modello verghiano e che viene criticato per l’eccessiva crudezza veristica.
Il suo capolavoro, I Viceré, comparve nel 1894. Frustato dall’insuccesso, smise di scrivere romanzi e si dedicò alla critica e alla saggistica.

La Sorte (Classic Reprint)

Excerpt from La Sorte Voi siete incontentabile, zia! Rispose il cavaliere, annusando la presa che teneva ancora fra le dita. About the Publisher Forgotten Books publishes hundreds of thousands of rare and classic books. Find more at www.forgottenbooks.com This book is a reproduction of an important historical work. Forgotten Books uses state-of-the-art technology to digitally reconstruct the work, preserving the original format whilst repairing imperfections present in the aged copy. In rare cases, an imperfection in the original, such as a blemish or missing page, may be replicated in our edition. We do, however, repair the vast majority of imperfections successfully; any imperfections that remain are intentionally left to preserve the state of such historical works.

Le sorprese dell’amore (I Romanzi Oro)

Un posto per l’amore Felicity Wren ha già avuto un matrimonio senza amore. Ora che è rimasta vedova è determinata a dare una svolta alla sua vita trovando qualcuno di eccezionale: un marito titolato che le faccia finalmente assaporare la vita. Per raggiungere lo scopo chiede aiuto all’amico Tom Russell. Ma se fosse invece lui, l’uomo che ha sempre sognato? Fidanzati per finta Il conte e la contessa di Clifton sono separati ormai da molti anni, ma ora che la figlia si è fidanzata con quello che secondo loro non è l’uomo giusto per lei, sono costretti a unire le forze per salvare la fanciulla da una vita infelice. L’ultima cosa che però potrebbero immaginare è che il fidanzamento organizzato da Sophia con lord Francis Sutton sia falso… Il celebre libertino Lord Edmond Waite è un libertino e un mascalzone, pronto a perdersi dietro la prima donna disponibile. Mary, lady Mornington, è un’intellettuale rispettata da tutti. In comune non hanno nulla, eccetto una notte di passione durante un temporale, che ha sconvolto anche i loro cuori. Incapace di dimenticare Mary, riuscirà Edmond a cambiare per lei?

Una sorpresa sulla Fifth Avenue

Desiderare una vita perfetta non basta. Bisogna volere sempre qualcosa di più. Bisogna volere il sogno. La vita di Jillian è perfetta e patinata come le numerose (forse troppe) riviste che divora compulsivamente. Ha arredato la casa seguendo i consigli di Elle Decor, cucina solo piatti raffinati che prepara seguendo le sofisticate ricette di Gourmet, e la sua cabina armadio è perfettamente ordinata secondo le regole auree indicate da Vanity Fair.
È sposata a un uomo elegante con un prestigioso posto in banca e ha un’adorabile bimba di diciotto mesi, che assomiglia come una goccia d’acqua a un angioletto. La sua è una famiglia da pubblicità. Eppure… quando riceve la notizia dell’imminente matrimonio del suo ex rimane turbata e non riesce a evitare di porsi una domanda molto pericolosa: Come sarebbe la mia vita se avessi fatto una scelta diversa? Careful what you wish for, attenzione a quel che desideri, perché potresti non esserci preparata…
Ed è proprio quel che capita a Jillian quando si sveglia nel suo vecchio appartamento di Manhattan, pronta a recarsi al suo divertente lavoro di un tempo. E soprattutto a incontrare il fidanzato di allora, Jackson, l’uomo che qualunque ragazza sogna la notte. Con il senno di poi, dicono, ci si vede benissimo, e Jillian è finalmente libera di cambiare tutta la sua vita. Può ritrovare la madre che l’ha abbandonata, può sfruttare la sua conoscenza del futuro per conquistare nuovi clienti, può risolvere i conquistare nuovi clienti, può risolvere i conflitti che l’hanno allontanata da Jackson. Ma è proprio quello che vuole davvero?

Sorpresa da un angelo

Benedetta è una liceale di Padova, come tante. Nathanael viene dal Cielo. Non potrebbero essere più diversi, ma per un mese le loro vite si incroceranno: le cose che lei desiderava cominceranno ad avverarsi, mentre la vita sulla Terra apparirà a lui sempre più bella e desiderabile. Ma quando emergerà il vero motivo della sua discesa, gli eventi prenderanno una piega imprevista e drammatica. Sarà l’ora delle decisioni dolorose e irreversibili. E la speranza di rimanere insieme sarà appesa a un filo.

Sorellastre

Caitlin ha soltanto quindici anni quando la sua vita viene improvvisamente stravolta. Alla morte della madre, la ragazza si ritrova catapultata dal suo piccolo cottage in un tranquillo villaggio irlandese a una sfarzosa residenza nella campagna inglese. Lì vive con la sua famiglia William Melville, magnate della moda di cui Caitlin ha appena scoperto di essere la figlia illegittima. Inserirsi in un ambiente fatto di lusso e privilegi, anche a causa dell’aperta ostilità delle altre due figlie di William, Elizabeth e Amber, non sarà affatto semplice per lei. Elizabeth, brillante e ambiziosa, eccelle in tutti i campi e vede la sorellastra come una potenziale rivale nel cuore del padre, un uomo freddo e distaccato, abituato a imporre la propria volontà senza curarsi delle conseguenze. Amber, capricciosa e spregiudicata, è troppo presa da se stessa, dai suoi vizi e dal suo ruolo di party girl per preoccuparsi di qualcun altro. Tra Londra, Parigi, Tokyo, New York e Los Angeles, le tre sorelle, alle prese con le luci e le ombre del mondo dorato e insidioso della moda, incontreranno difficoltà e mieteranno successi, prendendo direzioni differenti. Ma nessuna di loro potrà mai sottrarsi al destino della grande dinastia cui appartengono. Segreti, passioni, scandali e tradimenti sono gli ingredienti di “Sorellastre”, romanzo d’esordio di Tara Hyland.
**

Il Sorcio

Un libro che provoca turbamento e imbarazzo per quel quotidiano che abbiamo sotto gli occhi, ma che non vorremmo vedere. Nicolò Consorti, 44 anni, sposato, un figlio, il suo principale problema un suo collega: Eraldo Martelli, soprannominato il Sorcio, che lo sottopone a continue umiliazioni e prepotenze, ma il mobbing è solo parte delle sue nevrosi. Carraro scrive senza paura di offendere la sensibilità del lettore, illumina con durezza i limiti, gli egoismi, le miserie, gli impulsi più spregevoli dei propri personaggi.
**
### Sinossi
Un libro che provoca turbamento e imbarazzo per quel quotidiano che abbiamo sotto gli occhi, ma che non vorremmo vedere. Nicolò Consorti, 44 anni, sposato, un figlio, il suo principale problema un suo collega: Eraldo Martelli, soprannominato il Sorcio, che lo sottopone a continue umiliazioni e prepotenze, ma il mobbing è solo parte delle sue nevrosi. Carraro scrive senza paura di offendere la sensibilità del lettore, illumina con durezza i limiti, gli egoismi, le miserie, gli impulsi più spregevoli dei propri personaggi.

Il sopravvissuto

In un liceo come tanti, è il giorno della prova orale dell’esame di Stato. La commissione attende, svogliata, il primo candidato: Vitaliano Caccia, ventenne esuberante, inetto, tracotante e formidabile, destinato a una seconda bocciatura da un rituale ambiguo e da un sistema perverso. Quando, però, finalmente arriva, Vitaliano estrae una pistola e stermina i suoi professori, a uno a uno, a sangue freddo e a bruciapelo. Risparmia soltanto Andrea Marescalchi, il suo insegnante di storia e filosofia. Il sopravvissuto. Spetterà a questi, in una corsa a perdifiato contro il tempo, il compito di interrogarsi sulle ragioni dell’inaudita violenza, e di indagare, come una sorta di detective della colpa metafisica, sul male che è in lui e, forse, in tutti noi… Romanzo di idee e di immagini, nel quale una narrazione avvincente, ispirata a tutti i generi letterari, si interessa a profonde meditazioni, il romanzo di Antonio Scurati fa riecheggiare con forza estrema e dissonante lo ”spirito del tempo” di un’epoca, la nostra, in cui tutti ci sentiamo, senza saperlo sino in fondo, possibili vittime di una violenza ”casuale”, priva di motivi comprensibili e di cause riconoscibili. Una violenza che non viene più da un nemico esterno, bensì da uno spazio interno, sotterraneo da una rinata memoria del sottosuolo.

(source: Bol.com)

La sopravvissuta

«Questi personaggi rimarranno per sempre nella mia immaginazione.»JEFFERY DEAVERSo chi sei.So cos’hai sofferto.Perché io sono come te.Ma quello che so non basterà a salvarti. Reeve LeClaire sembra identica a tutte le sue coetanee: ha ventidue anni, è molto carina ed è finalmente riuscita ad andare a vivere da sola in un appartamento tutto suo a San Francisco. Ha un lavoro ed è solo un po’ timida con le persone nuove. Ma la realtà è molto diversa. Sono passati dieci anni dal suo rapimento, meno di sei dalla sua liberazione fortuita. Reeve è stata tenuta prigioniera da un maniaco per tutta l’adolescenza. Se riesce, almeno in apparenza, a sembrare una ragazza qualunque, è merito della sua tenacia e dell’aiuto del dottor Ezra Lerner, lo psichiatra specializzato nel trattamento delle sindromi da cattività prolungata. Reeve vorrebbe lasciarsi tutto alle spalle, dimenticare, ma sa che non è così che funziona. Perché niente è così facile. E quando il dottor Lerner le chiede di aiutarlo con un suo nuovo caso, Reeve sa di dover accettare. La quattordicenne Tilly è appena sfuggita a un maniaco dopo mesi di prigionia, e si rifiuta di parlare con chiunque. Solo Reeve, con le sue cicatrici e la consapevolezza di ciò che Tilly ha sofferto, riuscirà a infrangere quella barriera di silenzio ostinato, scoprendo però che dietro non c’è la voglia di guarire, ma la paura. Perché la vera minaccia è ancora là fuori. E perché Tilly non è l’unica.

Sopravvissuta ad Auschwitz. La vera e drammatica storia della sorella di Anne Frank

L’incredibile testimonianza della sorella di Anne FrankUna storia che inizia dove drammaticamente il Diario di Anne Frank finisceNel giorno del suo quindicesimo compleanno, Eva viene arrestata dai nazisti ad Amsterdam e deportata ad Auschwitz. La sua sopravvivenza dipende solo dal caso, e in parte dalla ferrea determinazione della madre Fritzi, che lotterà con tutte le sue forze per salvare la figlia.Quando finalmente il campo di concentramento viene liberato dall’Armata Rossa, Eva inizia il lungo cammino per tornare a casa insieme alla madre, e intraprende anche la disperata ricerca del padre e del fratello. Purtroppo i due uomini sono morti, come le donne scopriranno tragicamente a mesi di distanza. Ad Amsterdam, però, Eva aveva lasciato anche i suoi amici, fra cui una ragazzina dai capelli neri con cui era solita giocare: Anne Frank. I loro destini – seppur diversissimi – sembrano incrociarsi idealmente ancora una volta: nel 1953 Fritzi, ormai vedova, sposerà Otto Frank, il padre di Anne. La testimonianza di Eva (scritta in collaborazione con Karen Bartlett) è dunque doppiamente sbalorditiva: per la sua esperienza personale di sopravvissuta all’Olocausto e per lo straordinario intreccio del destino, che l’ha unita indissolubilmente a quella ragazzina conosciuta molti anni prima. In vetta alle classifiche in InghilterraUna drammatica testimonianzaUna storia vera che deve sopravvivereAnne Frank morì a Bergen-Belsen nel 1945 e attraverso il suo diario è diventata un simbolo mondiale dell’Olocausto. Anche Eva ha vissuto gli indicibili orrori del campo di concentramento ed è sopravvissuta.Solo dopo molti anni è riuscita a raccontare la sua storia.’Se si può descrivere con estrema sensibilità l’animo umano, allora Eva sa farlo, raccontandone la forza e la fragilità. Dopo sessant’anni, l’autrice narra finalmente la sua storia, senz’altro da leggere.’Daily ExpressEva SchlossVive a Londra con il marito Zvi. Dopo la guerra, ha lavorato come fotografa professionista (all’inizio usando la Leica che le aveva regalato Otto Frank), poi ha aperto un negozio di antiquariato. Co-fondatrice dell’Anne Frank Trust di Londra, gira il mondo per raccontare la sua straordinaria vicenda personale, cui è stata dedicata anche la pièce teatrale And Then They Came for Me: Remembering the World of Anne Frank, firmata da James Still. È autrice di vari volumi e nel 2012 è stata insignita dal principe Carlo della prestigiosa onorificenza di Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per la sua opera di testimonianza nelle scuole e nelle prigioni. Karen BartlettScrittrice e giornalista, vive a Londra. Ha collaborato con varie testate (‘The Sunday Times’, ‘The Times’, ‘The Guardian’, ‘Wired’), ha prodotto e condotto alcuni programmi sulla BBC Radio e ha lavorato in passato anche come attivista politica. Questo è il suo primo libro.
(source: Bol.com)

Sono venuto per servire

“Drogati di merda”. Così Don saluta i suoi ragazzi che gestiscono l’osteria marinara A’ Lanterna in via Milano dove si mangia un pesce da favola. “Solo io li posso chiamare così”. Nel saluto c’è tutto l’affetto del mondo per i suoi giovani, per i tanti che sono passati dalla comunità di San Benedetto al Porto, che lui ha aiutato a uscire dal tunnel della droga e del malaffare. Don lo avevo incontrato altre volte, durante un dibattito o un suo intervento in qualche mia trasmissione. Le sue parole mi hanno sempre affascinato, non sono mai buttate al vento, hanno sempre un senso, ti rimangono dentro, ti fanno pensare. Quando è stato ospite a Che tempo che fa, mentre Fazio lo intervistava, io ero seduto dietro la scena, seguivo la ripresa attraverso un monitor di servizio, ascoltandolo pensavo: “Peccato che Don sia un prete, se fosse un politico, avremmo trovato il nostro leader”. È facile fare il rivoluzionario con il fucile in mano, anche se a volte è inevitabile, soprattutto quando si lotta contro il dittatore o l’usurpatore. Di Andrea Gallo conosco quasi tutto e mi sono reso conto, studiando la sua vita, che è quella di un grande rivoluzionario non solo per il bene che fa, ma per la forza della sua parola, l’esempio dato dal suo modo di vivere, per la capacità di rendere semplice tutto quello che è complicato.
**