51505–51520 di 74503 risultati

L’ombra della ghigliottina

Mentre Parigi è insanguinata dalla Rivoluzione, Célie Laurent viene coinvolta nei piani del suo padrone, il mercante Bernaue, intenzionato a liberare il re prima che venga ghigliottinato. La ragazza è innamorata di Georges, un aristocratico costretto a nascondersi in una soffitta, ma i complotti di Bernaue e il suo inspiegabile assassinio rischiano di mettere in pericolo i due giovani. Starà al cittadino Menou, integerrimo funzionario della Guardia Nazionale, scoprire la verità senza distruggere la vita di tutte le persone coinvolte.
Un mystery spettacolare, nell’affascinante cornice della Rivoluzione francese, per la più amata autrice di gialli storici.

L’ombra del vento

A Barcellona, una mattina d’estate del 1945 il proprietario di un negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo segreto dove vengono sottratti all’oblio migliaia di volumi di cui il tempo ha cancellato il ricordo.
E qui Daniel entra in possesso di un libro maledetto che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un mondo di misteri e intrighi legato alla figura di Julián Carax, l’autore di quel libro. Daniel ne rimane folgorato, mentre dal passato iniziano a emergere storie di passioni illecite, di amori impossibili, di amicizie e lealtà assolute, di follia omicida e di un macabro segreto custodito in una villa abbandonata. Una storia in cui Daniel ritrova a poco a poco inquietanti paralleli con la sua vita.
Uscito in sordina in Spagna nel 2001, L’ombra del vento è divenuto un incredibile successo grazie al solo tam-tam dei lettori. L’esordio sulla scena internazionale di uno straordinario narratore.

(source: Bol.com)

L’Ombra Del Leone

Dopo essere sfuggito per miracolo a un incendio che devasta il Museo di Cultura Greco-Romana di Copenhagen, Cotton Malone viene a sapere dall’eccentrico proprietario del museo che quell’incidente è servito da copertura per il furto di un’antica moneta greca: secondo la leggenda, infatti, esistono otto decadracme che, se affiancate, mostrano la soluzione del “Rebus di Tolomeo”, un enigma che indica l’ubicazione della tomba di Alessandro Magno… Nel frattempo, a Samarcanda, il primo ministro della Federazione Centroasiatica – una nuova nazione nata dalla fusione di alcune ex repubbliche sovietiche – è in attesa di sapere se i suoi uomini si sono impossessati della moneta conservata a Copenhagen: quell’oggetto può assicurare una fonte di potere politico e militare inimmaginabile… Per risolvere uno dei più grandi enigmi dell’antichità e sventare una guerra batteriologica in Medio Oriente, Cotton Malone dovrà ricostruire la storia delle monete e scoprire cosa nasconde la tomba di Alessandro Magno. Un mistero intricato e sfuggente, che ha come protagonista Venezia: la chiave del segreto infatti si cela nella cripta della basilica di San Marco…

Oltre Ogni Confine

Giulia, diciassettenne bresciana, esce da scuola disperata perché il suo ragazzo l’ha lasciata e non vede il SUV che la investe in pieno. Si risveglia in ospedale dove, dall’alto, scorge il suo corpo disteso sul lettino e comprende di essere morta. In preda al panico, comincia a vagare per la città, in forma incorporea, chiedendosi per quale motivo si trova ancora qui. Ben presto conosce Kevin, diciannovenne malato terminale di cancro, l’unica persona al mondo in grado di vederla, sentirla e toccarla. Per questo, comprende che è lui la sua “missione”, quindi decide di restare per accompagnarlo fino alla fine. Tra i due nasce dapprima una tenera amicizia, poi un amore travolgente e impossibile.
Eravamo seduti in mezzo all’erba, dove spuntavano delle deliziose violette profumate.
Volevo afferrarne una, ma le mie mani le passavano attraverso. Kevin la colse e cercò di appuntarmela nei capelli, ma quando la lasciò andare la violetta cadde per terra.
“Scusa… dimenticavo che sei incorporea”, commentò.
“Talmente incorporea che ho voglia di abbracciarti, per essere sicuro di riuscirci”.
E mi attirò a sé, stringendomi fra le sue braccia. Per qualche istante mi mancò il fiato. Mi rovesciò sull’erba e si distese sopra di me. Sentivo il cuore battere talmente forte che mi sembrava persino che facesse rumore.
Kevin sorrideva, dolcissimo.
“Vorrei averti conosciuta in un altro momento, in un altro modo”, sussurrò.
“Anch’io lo vorrei”.
Ci guardammo in silenzio per qualche istante, poi si rialzò e mi porse la mano, per aiutarmi. Lo slancio fu talmente forte nell’alzarmi, che finii di nuovo tra le sue braccia.
“Dimmi che esisti davvero, Giulia, che non sei solo un frutto della mia immaginazione!”
“Non sono frutto della tua immaginazione… ma non ti posso dire di esistere, non più, purtroppo”.
Piena di energia, come se mi fossi ricaricata completamente, mi avvicinai alla finestra aperta. Quello che vidi mi riempì di gioia e di meraviglia: un’alba radiosa s’insinuava tiepida, con pennellate rosee sul fondo ancora blu del cielo. Il profumo della notte lasciava il posto alla frescura del mattino, umido di rugiada e allietato da canti d’uccelli.
Per quanto tempo ancora avrei potuto godere di quello spettacolo? Non osai rispondere. Non volevo lasciarmi vincere dalla tristezza, in una giornata così bella. Il paesaggio andava pian piano rischiarandosi, finché uno sprazzo di luce sfolgorante accarezzò la linea scura dell’orizzonte. Sentii le braccia di Kevin stringermi la vita. Si era alzato senza che me ne fossi accorta, mi era giunto alle spalle e mi stava abbracciando. Le sue labbra si avvicinarono al mio orecchio e, parafrasando una frase di Shakespeare che avevamo sentito a teatro, sussurrò: “Lì c’è l’Oriente, e Giulia è il sole”.
**
### Sinossi
Giulia, diciassettenne bresciana, esce da scuola disperata perché il suo ragazzo l’ha lasciata e non vede il SUV che la investe in pieno. Si risveglia in ospedale dove, dall’alto, scorge il suo corpo disteso sul lettino e comprende di essere morta. In preda al panico, comincia a vagare per la città, in forma incorporea, chiedendosi per quale motivo si trova ancora qui. Ben presto conosce Kevin, diciannovenne malato terminale di cancro, l’unica persona al mondo in grado di vederla, sentirla e toccarla. Per questo, comprende che è lui la sua “missione”, quindi decide di restare per accompagnarlo fino alla fine. Tra i due nasce dapprima una tenera amicizia, poi un amore travolgente e impossibile.
Eravamo seduti in mezzo all’erba, dove spuntavano delle deliziose violette profumate.
Volevo afferrarne una, ma le mie mani le passavano attraverso. Kevin la colse e cercò di appuntarmela nei capelli, ma quando la lasciò andare la violetta cadde per terra.
“Scusa… dimenticavo che sei incorporea”, commentò.
“Talmente incorporea che ho voglia di abbracciarti, per essere sicuro di riuscirci”.
E mi attirò a sé, stringendomi fra le sue braccia. Per qualche istante mi mancò il fiato. Mi rovesciò sull’erba e si distese sopra di me. Sentivo il cuore battere talmente forte che mi sembrava persino che facesse rumore.
Kevin sorrideva, dolcissimo.
“Vorrei averti conosciuta in un altro momento, in un altro modo”, sussurrò.
“Anch’io lo vorrei”.
Ci guardammo in silenzio per qualche istante, poi si rialzò e mi porse la mano, per aiutarmi. Lo slancio fu talmente forte nell’alzarmi, che finii di nuovo tra le sue braccia.
“Dimmi che esisti davvero, Giulia, che non sei solo un frutto della mia immaginazione!”
“Non sono frutto della tua immaginazione… ma non ti posso dire di esistere, non più, purtroppo”.
Piena di energia, come se mi fossi ricaricata completamente, mi avvicinai alla finestra aperta. Quello che vidi mi riempì di gioia e di meraviglia: un’alba radiosa s’insinuava tiepida, con pennellate rosee sul fondo ancora blu del cielo. Il profumo della notte lasciava il posto alla frescura del mattino, umido di rugiada e allietato da canti d’uccelli.
Per quanto tempo ancora avrei potuto godere di quello spettacolo? Non osai rispondere. Non volevo lasciarmi vincere dalla tristezza, in una giornata così bella. Il paesaggio andava pian piano rischiarandosi, finché uno sprazzo di luce sfolgorante accarezzò la linea scura dell’orizzonte. Sentii le braccia di Kevin stringermi la vita. Si era alzato senza che me ne fossi accorta, mi era giunto alle spalle e mi stava abbracciando. Le sue labbra si avvicinarono al mio orecchio e, parafrasando una frase di Shakespeare che avevamo sentito a teatro, sussurrò: “Lì c’è l’Oriente, e Giulia è il sole”.
### L’autore
Elena Ungini nasce a Cremona il 17 settembre 1970. Abita in campagna e ama gli animali. Ha pubblicato un fantasy per ragazzi, L’Eletta, e “L’inferno dietro le sbarre”, la vera storia di un omicidio suicidio avvenuto a Cremona e mai risolto.

Oltre noi l’infinito

Dall’autrice di Oltre le regole The Tattoo Series Il romanzo che ha scandalizzato l’America Con i suoi pantaloni di pelle aderenti, un profilo tagliente e un’aria misteriosa, Jet Keller è il protagonista delle fantasie più sfrenate di ogni ragazza. Ayden Cross è cresciuta accanto a tipi poco raccomandabili e di certo non ha intenzione di farsi abbindolare dagli occhi scuri e ipnotici di Jet. Ha paura di bruciarsi, ma, nonostante tutto, anche solo essere sfiorata da lui la accende. Jet non riesce a resistere alle gambe chilometriche di Ayden, infilate in quegli stivali da cowboy, che sembrano sfidarlo. Eppure, più gli sembra di esserle vicino, tanto più è forte la sensazione di non conoscerla. E nel momento in cui capirà di volerla a qualsiasi costo, dovrà fare i conti con qualcuno che ha un’idea di relazione completamente diversa dalla sua. La fiamma iniziale lascerà il posto a un amore duraturo, o consumerà i loro sogni lasciando solo cenere? La serie più romantica e hot del momento Uno scandaloso successo internazionale Due anime magnetiche Due vite che si incrociano. Una storia d’amore, lussuria e desiderio. «F.E.N.O.M.E.N.A.L.E!» «Un romanzo perfetto!» «Dovete farne un film!» Jay CrownoverVive in Colorado. Ama i tatuaggi e l’arte di modificare il corpo e cerca di fare in modo che la sua scrittura sia permeata da tutto ciò che vede. Le piace leggere, soprattutto storie che la coinvolgano e appassionino; naturalmente, se c’è un bad boy bello e tatuato è sempre meglio. La Newton Compton ha pubblicato Oltre le regole e Oltre noi l’infinito, primi capitoli della Tattoo Series.

Oltre le tenebre

Kylar Stern ha conosciuto il terribile prezzo dell’immortalità, e nulla potrà mai più essere come prima. L’angelo della notte ormai sa che il suo destino è indissolubilmente legato a quello della terra di Midcyru. Ma il continente è devastato da conflitti e interessi contrastanti. Cenaria è una regione sotto assedio, con un esercito allo sbando e poche speranze di riuscire a resistere; per salvarla, re Logan Gyre ha un’unica possibilità: una scommessa disperata che, in caso di fallimento, porterà alla distruzione del regno. Intanto, a nord, il nuovo Godking di Khalidor ha un piano ed è disposto a tutto pur di realizzarlo, anche a commettere terribili atrocità. Kylar Stern non ha scelta. Per proteggere i suoi amici, dovrà affrontare le tenebre e andare oltre, per riuscire a portare a termine un incarico impossibile: assassinare una dea.

Oltre le apparenze

Due sorelle aggredite nella loro stessa casa. Solo una riesce a salvarsi, ma dovrà rivivere l’inferno al quale è scampata per permettere alla giustizia di fare il suo corso… La ragazza viene trovata in fin di vita sul ciglio della strada, la gola tagliata profondamente. E mentre ancora lotta tra la vita e la morte, la dottoressa Anya Crichton, medico legale incaricata di indagare sul caso, esamina le prove a sua disposizione. Tutte sembrano portare a tre fratelli, gli Harbourn, dei noti criminali non certo nuovi a episodi del genere e famosi per la loro abilità nell’eludere la legge. Anya ha già avuto modo di conoscerli, e sa bene che nemico ha di fronte, ma non si sarebbe mai aspettata di rischiare la sua stessa vita, oltre a quella dei suoi collaboratori e dei testimoni, che vengono uccisi o scompaiono. Ma non può lasciarsi fermare dalla paura, anche se diventerà sempre più difficile mantenere la calma di fronte all’incubo e alle terribili efferatezze che vengono portate alla luce scavando nelle azioni dei tre uomini, pronti a tutto pur di sottrarsi alla giustizia… Un romanzo avvincente, imprevedibile fino all’ultima pagina, tra criminali spietati e una protagonista credibile e ben delineata, che sarà amata non solo dagli appassionati di crime stories, ma anche dai lettori più esigenti, per il realismo delle situazioni e delle indagini scientifiche.

(source: Bol.com)

Oltre la soglia

Trawbawn House è una magione irlandese che si staglia austera e splendida dietro alte cancellate di ferro, circondata da un parco altrettanto meraviglioso, meta di turisti e appassionati. E oltre quella soglia, nella villa, vive la fragile e anziana Lydia Beauchamp, completamente sola e ignorata dagli abitanti del vicino villaggio. Ma non è stato sempre così: anni prima, Trawbawn risuonava di vita e di gente e Lydia reggeva la casa con mano sicura…
Ora ci sono solo i ricordi a farle compagnia, o meglio a tormentarla: soprattutto quelli del marito Alexander, morto in circostanze misteriose, e della figlia Grace, che rifiuta da più di vent’anni ogni contatto con la madre. Solo quando a Trawbawn si introduce il giovane Adam, che conquista la fiducia di Lydia con il suo fascino e la sua disponibilità, la donna decide che è tempo di affrontare i fantasmi del passato e affida al ragazzo il compito di ritrovare Grace, di riportarla a casa. Ma quale terribile segreto può aver allontanato in maniera così radicale una figlia dalla madre? E quali sono le vere intenzioni di Adam?

Oltre la seduzione

Di fronte all’ennesimo matrimonio che suo padre vorrebbe combinare per lei, Merry Vance è decisa a giocare l’asso nella manica: farsi ritrarre nuda da Nicolas Craven, il pittore libertino più chiacchierato d’Inghilterra. È certa che, dopo un simile exploit, nessun uomo dabbene vorrà più sposarla. E lei sarebbe per sempre libera. Quello che però Merry non ha considerato è che la fiamma della passione, una volta divampata, non può essere controllata. Neppure da lei.

Oltre il limite

Un bacio rubato…
Il primo incontro tra Debra Hunt e Jake Trinity è avvenuto dieci anni prima, finendo in un bacio mozzafiato. Quando il destino li porta a rivedersi Debra capisce che è arrivato il momento di riscuotere il debito che lui ha nei suoi confronti. Lei vuole farlo suo, sedurlo, vedere sin dove riesce a portarla la forte carica sensuale di Jake.

… abbatte tutte le barriere!
Jake sapeva che prima o poi avrebbe saldato il conto con la donna che tutte le notti infuoca i suoi sogni. Ma sembra evidente che Debra ha già un suo piano, a cui non vuole rinunciare e dove lui è il protagonista assoluto. La cosa non gli dispiace, perché solo così riusciranno ad andare oltre ogni limite.

Oltre i confini del tempo

Sara ha diciotto anni e sta passando un periodo difficile. Il suo ragazzo l’ha lasciata e a scuola non riesce a trovare la giusta concentrazione. Ma durante una gita scolastica in Puglia, la sua vita cambia di colpo: Sara si ritrova catapultata nel 1813, in un mondo a lei totalmente sconosciuto, alla mercé di un affascinante ladro gentiluomo che le fa battere forte il cuore.

Ma chi è veramente Giulio Guadalupi? Un pericoloso brigante o un ricco aristocratico? Fra colpi di scena e situazioni esilaranti, Sara vivrà un’avventura fantastica e conoscerà il vero amore, quello capace di infrangere le barriere del tempo.
(source: Bol.com)

Ologramma per il re

C’è un uomo, Alan Clay. È americano, divorziato, ha una figlia da mantenere, un’ex moglie che vive in California, che non intende contribuire in alcun modo alle spese e non fa che ripetergli di comportarsi da uomo. Ma che uomo è Alan Clay? Ha cinquantaquattro anni ed è senza lavoro. Per l’America aziendale è un soggetto inutilizzabile, bizzarro quanto un aeroplano fatto con il fango. La crisi dei mercati e della sua vita privata l’ha lasciato stremato, tendenzialmente ubriaco, con un conto cronicamente in rosso, ma ora non ha scelta: se vuole pagare le tasse del college di sua figlia, deve trovarsi presto un lavoro, e ben pagato. La sua unica chance si chiama re Abdullah, il miliardario sovrano dell’Economic City, un’immensa oasi in mezzo al nulla destinata a diventare la città del futuro. Il compito di Alan è difficilissimo. Deve convincere re Abdullah ad acquistare la sua mirabolante invenzione. Un ologramma in grado di far apparire chiunque in 3D, direttamente nella tenda del sovrano. Ma cosa succede se il re tarda ad arrivare? Se i funzionari rimbalzano Alan da un ufficio all’altro? L’esilio rischia di diventare interminabile. E mentre cerca disperatamente di evitare l’ennesimo fiasco della sua vita con la bella dottoressa Zahra Hakem, Alan scopre però che lì in mezzo al deserto una cosa la può fare: scrivere a sua figlia e provare a spiegarle che un genitore non è altro che un essere umano come gli altri, che fa degli errori e ha un ruolo piccolo nel mondo e nella storia, ma può pur sempre essere qualcosa di importante nella vita di qualcun altro. *Ologramma per il re* mette in scena una strepitosa allegoria delle frustrazioni della middle class, di migliaia di lavoratori occidentali che vedono sfuggire il proprio lavoro verso le frontiere dei nuovi stati emergenti, mentre crolla il sogno americano e le persone reali si perdono nel mondo virtuale. Dave Eggers torna al romanzo, ed è subito una lettura imprescindibile. ** ### Sinossi C’è un uomo, Alan Clay. È americano, divorziato, ha una figlia da mantenere, un’ex moglie che vive in California, che non intende contribuire in alcun modo alle spese e non fa che ripetergli di comportarsi da uomo. Ma che uomo è Alan Clay? Ha cinquantaquattro anni ed è senza lavoro. Per l’America aziendale è un soggetto inutilizzabile, bizzarro quanto un aeroplano fatto con il fango. La crisi dei mercati e della sua vita privata l’ha lasciato stremato, tendenzialmente ubriaco, con un conto cronicamente in rosso, ma ora non ha scelta: se vuole pagare le tasse del college di sua figlia, deve trovarsi presto un lavoro, e ben pagato. La sua unica chance si chiama re Abdullah, il miliardario sovrano dell’Economic City, un’immensa oasi in mezzo al nulla destinata a diventare la città del futuro. Il compito di Alan è difficilissimo. Deve convincere re Abdullah ad acquistare la sua mirabolante invenzione. Un ologramma in grado di far apparire chiunque in 3D, direttamente nella tenda del sovrano. Ma cosa succede se il re tarda ad arrivare? Se i funzionari rimbalzano Alan da un ufficio all’altro? L’esilio rischia di diventare interminabile. E mentre cerca disperatamente di evitare l’ennesimo fiasco della sua vita con la bella dottoressa Zahra Hakem, Alan scopre però che lì in mezzo al deserto una cosa la può fare: scrivere a sua figlia e provare a spiegarle che un genitore non è altro che un essere umano come gli altri, che fa degli errori e ha un ruolo piccolo nel mondo e nella storia, ma può pur sempre essere qualcosa di importante nella vita di qualcun altro. *Ologramma per il re* mette in scena una strepitosa allegoria delle frustrazioni della middle class, di migliaia di lavoratori occidentali che vedono sfuggire il proprio lavoro verso le frontiere dei nuovi stati emergenti, mentre crolla il sogno americano e le persone reali si perdono nel mondo virtuale. Dave Eggers torna al romanzo, ed è subito una lettura imprescindibile.

Oliver Twist

“Ho voluto mostrare il principio del Bene che sopravvive attraverso ogni circostanza avversa e infine trionfa” Venticinquenne, nel 1837 Charles Dickens inizia la pubblicazione a puntate di Oliver Twist su una rivista. Uscirà nel 1838. È un successo mondiale immediato – la prima traduzione italiana è già del 1840 – che proseguirà ininterrotto fino ai giorni nostri, con traduzioni, adattamenti per ragazzi, trasferimenti in altri media. Sarà Dickens stesso a dare il via a un diverso uso del materiale del romanzo nelle sue tournée, che presenteranno rielaborazioni in forma quasi teatrale di scene ed episodi che, ritagliati dal contesto e dotati di una loro autonomia, suscitano un vero e proprio entusiasmo tra il pubblico. Incentrato sulle alterne fortune del piccolo Oliver, il libro è una sorta di racconto fiabesco che sa descrivere la multiformità del mondo grazie anche a una mobilissima visione sottolineata dal continuo gioco di piani, che allarga e restringe il campo tra personaggi, classi sociali, società nel suo insieme; tra paesaggi rurali, panorami urbani, vie cittadine, caseggiati, botteghe e abitazioni… Un libro però che resta una grande favola e dove alla fine trionfa il principio del Bene.

Gli Oligarchi

Un libro di storia scritto ‘alla macchia’ nel 1942, durante l’occupazione tedesca della Francia, da un professore ebreo, mentre le donne della sua famiglia morivano ad Auschwitz. Un brillante esempio di storia allusiva, in cui l’Atene classica si fa ‘viva metafora del presente’.

(source: Bol.com)

Ogni tuo battito

Riley, trent’anni, dopo una dura esperienza in carcere è riuscito a trovare un lavoro che ama e a ricostruirsi una vita a New York. Un giorno, però, riceve una brutta telefonata: suo padre, con il quale non parla da tempo, ha avuto un secondo infarto. Con l’aiuto di Carter, il protagonista di A fior di pelle, decide quindi di tornare nel Michigan, nella sua città natale, per assistere il papà. Ed è allora che il passato lo sorprende senza preavviso: si imbatte casualmente in Lexie, sua migliore amica nonché amore travolgente e mai dimenticato. Sono trascorsi diversi anni, ma l’attrazione tra loro è ancora intensa, tanto che diviene sempre più difficile stare lontani l’una dall’altro, nonostante le incomprensioni e i rimpianti che ancora fanno soffrire entrambi. Tentare di portare avanti la loro relazione, però, si rivelerà complicato quando Riley scoprirà che Lexie gli ha nascosto per tutto questo tempo un segreto difficile da confessare. E capace di sconvolgere completamente la sua esistenza

(source: Bol.com)