5137–5152 di 72034 risultati

Relazione Mortale – Un Poliziesco Storico Georgiano

Il diplomatico di carriera Alec Halsey è stato elevato al titolo di Marchese, un titolo che non desidera e che la Buona Società non ritiene che meriti: la sua amante ha deciso che dopotutto non lo vuole sposare ed il sospetto che abbia ucciso lui suo fratello continua a circolare nei salotti londinesi. Quindi, tornare a Londra dopo sette mesi di isolamento potrebbe essere un errore.
L’inquietudine di Alec peggiora quando un vicario di nessuna importanza cade stecchito a una cena politica; è testimone alla pubblica umiliazione di un ritrattista emergente e suo zio Plantagenet, l’agitatore di folle, è picchiato e lasciato per morto in un vicolo. Quando scopre la vera identità del vicario, Alec sospetta che l’uomo sia stato avvelenato. Ma chi poteva volere la morte di un uomo di Dio, apparentemente innocuo, e perché?

Regno Del Nord

Un istante dal profumo speziato. Una parentesi silenziosa in un mondo dove tutto sta per mutare. Magia e mistero vi condurranno al cospetto degli Dei, tra re e sacerdoti, consiglieri e guaritori. Questa è la storia di due giovani coinvolti in un’impresa che cambierà il destino di molti.
\—-
Regno del Nord è il prequel della saga TRI di Lorena Laurenti.
La storia è ambienta una trentina d’anni prima rispetto al romanzo d’esordio. Alcuni dei personaggi presenti in questo breve racconto si rincontreranno nei libri ufficiali. Una storia fresca e appassionante costellata d’amore, magia e avventura.

Ragazzi di malavita

La banda della Magliana ha giocato un ruolo in quasi tutti i misteri d’Italia: dal delitto Pecorelli all’omicidio Calvi, dalla Loggia P2 alla strage di Bologna. Ma come e perché un gruppo di giovani rapinatori di borgata si è trasformato in un nucleo di killer al servizio della mafia, del terrorismo nero, dei Servizi segreti “deviati”, di imprenditori d’assalto e riciclatori di denaro sporco? Il libro ripercorre la storia del gruppo di “bravi ragazzi” arricchiti dalle rapine e dai traffici illeciti, dagli omicidi e dal racket delle estorsioni, in una specie di romanzo nero con protagonisti e fatti reali raccontato attraverso le testimonianze degli ex-banditi pentiti, le ricostruzioni delle inchieste giudiziarie e di polizia, le cronache d’epoca. 

Racconti matematici

Negli ultimi cento anni matematica e letteratura hanno incrociato il loro cammino innumerevoli volte, troppe perché si tratti soltanto di incontri casuali. Se è vero che entrambe sono attività di “finzione” e consistono principalmente nell’invenzione di mondi possibili, non stupirà questo continuo e fecondo rispecchiamento.
Sensibili in modo particolare al fascino della matematica si sono dimostrati poeti, narratori, romanzieri che nulla accomuna l’uno all’altro, se non il fatto che nelle loro opere, con frequenza e in misura maggiore o minore, emergono idee o strutture matematiche, affiorano riferimenti ai numeri transfiniti o alle geometrie non euclidee, balenano metafore costruite su concetti tratti dall’algebra o dalla logica. Tale fascinazione ha prodotto straordinari racconti; questa antologia ne propone ventisei, da *Il libro di sabbia* di Borges a *La biblioteca universale* di Kurd Laßwitz, da *Tennis, trigonometria e tornado* di David Foster Wallace a un *Breve ritratto di Alan Turing* di Carrière.

Quel sapore di mare

Sulla costa atlantica degli Stati Uniti, d’estate, in un paesino del Maine, i turisti erano considerati forestieri, polli da spennare insomma… Ma agli occhi di Pearl Gaynes, diciassette anni non ancora compiuti, Robert Owens era un adone, un divo, un apollo… Atletico, abbronzato, occhi azzurri e capelli neri, era il tanto sospirato ideale d’uomo per una ragazzina romantica… che se ne era innamora perdutamente non appena lo aveva conosciuto. Ma lui non aveva nessuna intenzione di rovinarsi la vita per una sciocchina come lei, nemmeno dopo averla sposata, tanto da accettare un prezzo per farla andare via… Questo, ricordava Pearl, era quanto accaduto sette anni prima, mentre fissava sconvolta tra la folla quel volto che non aveva più rivisto da allora, e quegli occhi azzurri che si posavano duri e implacabili di nuovo su di lei…

Quattro lettere d’amore

Nicholas Coughlan ha dodici anni quando Dio parla per la prima volta con suo padre, un impiegato statale di Dublino perenne-mente vestito di grigio. Il discorso è breve e perentorio: l’uomo deve lasciare il lavoro e dedicarsi anima e corpo alla pittura. A nulla valgono le obiezioni di sua moglie, una donnina piccola e minuta con vivaci occhi castani: William Coughlan, uomo di po-che parole, non trova nulla da replicare, se non un laconico «devo». Una parola che si abbatte con brutale violenza sull’esistenza di Nicholas e di sua madre. Su un’isola nell’ovest dell’Irlanda, uno squisito drappo intessuto di luce marina e sabbia, vive Isabel Gore, l’anima gemella di Nicholas, ancora ignara del legame che il destino ha approntato per lei e il figlio di William Coughlan. Dopo la scuola lei e suo fratello Sean, una di quelle creature di cui Dio si serve per svelare la musica del creato, si recano all’altro capo dell’isola dove, nel silenzio e nella bellezza maestosa di quel lembo estremo di terra, possono immaginarsi sovrani di un fantastico regno di violinisti e poeti. Isabel danza sul margine del roccione seguendo le note del fratello, al ritmo sempre piú frenetico e vorticoso del violino, fino a quando la musica cessa di colpo. Sean giace a terra, gli occhi arrovesciati e il corpo irrigidito sulla roccia. La musica si è dileguata e lui è rimasto muto e inutile come uno strumento accantonato. La convinzione che sia stata la sua danza selvaggia a causare il male del fratello non abbandonerà mai Isabel, graverà come un peso ineliminabile sulla sua vita e sulle sue successive scelte di giovane donna. Nicholas e Isabel: due anime forti, forgiate da un’infanzia fatta di sogni svaniti e di una sorte crudele, due anime destinate ad amarsi come raramente accade ai comuni mortali. Romanzo che ha svelato il talento dell’autore di Storia della pioggia, Quattro lettere d’amore è stato pubblicato in oltre venti paesi, raccogliendo ovunque un grande successo di pubblico e di critica. «Una strabiliante affermazione della magia e del potere dell’amore». The Times «Con Quattro lettere d’amore Niall Williams si ritaglia un posto di rilievo nella letteratura: un posto in cui si crede al potere dei miracoli e a quello dell’amore… un romanzo che ha qualcosa di magico». New York Times «Un’autentica gioia, una storia sensuale e fortemente evocativa». Marianne Faithfull

Quattro inchieste

Quattro inchieste del famoso Commissario milanese: La barchetta di cristallo, Il banchiere assassinato, Giobbe Tuama & C., Il mistero di Cinecittà. Carlo De Vincenzi indaga fra le brume del capoluogo lombardo e, in un’occasione, anche tra le star del cinema nella Capitale. Secondo di una serie di volumi dedicati al Commissario della Mobile milanese.

Psicologia delle folle

La Psicologia delle folle, edita nel 1895, costituì e costituisce tuttora una vera e propria miniera d’oro per chi vuole comprendere il comportamento della folla. Lenin, Stalin, Hitler lessero meticolosamente l’opera di Le Bon e l’uso di determinate tecniche di persuasione nella loro dittatura trarre ispirazione dai suoi consigli.
“Ogni bugia, se ripetuta frequentemente, si trasformerà gradualmente in verità”, Hitler.
Perfino Mussolini fu un fervido ammiratore dell’opera dello psicologo francese: “Ho letto tutte le opere di Le Bon”, diceva, “e non so quante volte abbia riletto la sua Psicologia delle folle. E’ un’opera capitale alla quale ancora oggi spesso ritorno”.
Gustav Le Bon (1841 – 1931), etnogolo e psicologo francese, tra i fondatori della Psicologia sociale, fu il primo a studiare scientificamente il comportamento delle folle, cercando di identificarne i caratteri peculiari e proponendo tecniche adatte per guidarle econtrollarle. **
### Sinossi
La Psicologia delle folle, edita nel 1895, costituì e costituisce tuttora una vera e propria miniera d’oro per chi vuole comprendere il comportamento della folla. Lenin, Stalin, Hitler lessero meticolosamente l’opera di Le Bon e l’uso di determinate tecniche di persuasione nella loro dittatura trarre ispirazione dai suoi consigli.
“Ogni bugia, se ripetuta frequentemente, si trasformerà gradualmente in verità”, Hitler.
Perfino Mussolini fu un fervido ammiratore dell’opera dello psicologo francese: “Ho letto tutte le opere di Le Bon”, diceva, “e non so quante volte abbia riletto la sua Psicologia delle folle. E’ un’opera capitale alla quale ancora oggi spesso ritorno”.
Gustav Le Bon (1841 – 1931), etnogolo e psicologo francese, tra i fondatori della Psicologia sociale, fu il primo a studiare scientificamente il comportamento delle folle, cercando di identificarne i caratteri peculiari e proponendo tecniche adatte per guidarle econtrollarle.

Professione trader. Trasformare il trading in una professione

Oltre 380 pagine a colori dove trovare i più grossi crac di borsa, le truffe più curiose, le illusioni dei risparmiatori negli ultimi 400 anni, analizzate tecnicamente. Tutte le principali metodologie di analisi sono illustrate e commentate criticamente insieme a trucchi di lettura dei grafici, sistemi completi di trading e finezze tecniche che solo 20 anni di esperienza possono trasmettere.

Primavera e altri racconti

Primavera e altri racconti
Giovanni Verga, scrittore e drammaturgo italiano (1840-1922)
Questo libro elettronico presenta «Primavera e altri racconti», di Giovanni Verga.
Indice interattivo
\- Presentazione
\- Primavera
\- La Coda Del Diavolo
\- X
\- Certi Argomenti
\- Le Storie Del Castello Di Trezza
**
### Sinossi
Primavera e altri racconti
Giovanni Verga, scrittore e drammaturgo italiano (1840-1922)
Questo libro elettronico presenta «Primavera e altri racconti», di Giovanni Verga.
Indice interattivo
\- Presentazione
\- Primavera
\- La Coda Del Diavolo
\- X
\- Certi Argomenti
\- Le Storie Del Castello Di Trezza