497–512 di 65579 risultati

L’intestino felice. I segreti dell’organo meno conosciuto del nostro corpo

L’intestino è un organo pieno di sensibilità, responsabilità e volontà di rendersi utile. Se lo trattiamo bene, lui ci ringrazia. E ci fa del bene: l’intestino allena due terzi del nostro sistema immunitario. Dal cibo ricava energia per consentire al nostro corpo di vivere. E possiede il sistema nervoso più esteso dopo quello del cervello. Le allergie, così come il peso e persino il mondo emotivo di ognuno di noi, sono intimamente collegati alla pancia.
In questo libro, la giovane scienziata Giulia Enders ci spiega con un linguaggio accessibile, spiritoso e piacevole, unito ai disegni esplicativi della sorella Jill, quel che ha da offrirci la ricerca medica e come ci può aiutare a migliorare la nostra vita quotidiana.
L’intestino felice è un viaggio istruttivo e divertente attraverso il sistema digestivo.
Scopriremo perché ingrassiamo, perché ci vengono le allergie e perché siamo tutti sempre più colpiti da intolleranze alimentari.
Pubblicato nel marzo 2014, dopo appena una settimana L’intestino felice è balzato al primo posto delle classifiche tedesche e ci è saldamente rimasto. Con un milione di copie, il libro è stato in assoluto il più venduto in Germania ed è in uscita in 30 paesi. **

L’incredibile ondata

Quanti di voi hanno visto il cartone animato di Conan ? E quanti si sono chiesti leggendo nei credits della sigla finale la scritta “Storia originale: tratta dal romanzo di Alexander Key ‘The incredible tide’” di come fosse quest’opera.
Da questo romanzo, mai tradotto in italia, è stato tratto il cartone animato “Conan, il ragazzo del futuro”.

L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

A Nagoya abitano cinque ragazzi, tre maschi e due femmine, che tra i sedici e i vent’anni vivono la piú perfetta e pura delle amicizie. Almeno fino al secondo anno di università, quando uno di loro, Tazaki Tsukuru, riceve una telefonata dagli altri: non deve piú cercarli. Da quel giorno, senza nessuna spiegazione, non li vedrà mai piú: non ci saranno mai piú ore e ore passate a parlare di tutto e a confidarsi ogni cosa, mai piú pomeriggi ad ascoltare la splendida Shiro suonare Liszt, mai piú Tsukuru avrà qualcuno di cui potersi fidare. Il dolore è cosí lacerante che nel cuore del ragazzo si spalanca un abisso che solo il desiderio di morire è in grado di colmare. Dopo sei mesi trascorsi praticamente senza mangiare né uscire di casa, nelle tenebre di un’infelicità senza desideri, Tzukuru torna faticosamente alla vita ma scopre di essere cambiato. Non solo nel fisico – piú magro, dai lineamenti piú duri e taglienti – ma anche, soprattutto, nell’animo. Ancora oggi, quando ormai ha trentasei anni, continua a vivere con l’ombra di quel rifiuto che lo accompagna sempre, come una musica che resta sospesa nell’aria anche quando non c’è piú nessuno a suonarla. L’incontro con Sara, che intuisce l’inquietudine nascosta dietro l’apparente ordinarietà di Tsukuru, sarà l’occasione per rispondere a quelle domande che per sedici anni l’hanno ossessionato ma che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Se con *1Q84* Murakami Haruki aveva allestito un intero universo, con *L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio* l’universo che costruisce è quello infinitamente piccolo, ma non per questo meno grandioso, del cuore di un uomo. Con *L’incolore Tazaki Tsukuru,* accolto in Giappone come un evento non solo letterario, Murakami regala al lettore quello che forse è il suo romanzo piú complesso, profondo, eppure allo stesso tempo delicato, capace di illuminare i momenti piú bui della vita di ognuno. Non sono verità facili o consolanti, quelle che propone Murakami: ma forse proprio per questo sono ancora piú preziose.
***
« *L’incolore Tazaki Tsukuru* ricorda *Norwegian Wood,* ma ne è anche un’evoluzione. È un romanzo ambizioso, un punto di svolta nel percorso di Murakami».
**«Asahi Shimbun»**

L’Incantatore

Annette, vivace e incostante, ha deciso di lasciare improvvisamente il college per studiare alla «Scuola della Vita». La sua amica Rosa, abbandonata ogni ambizione, lavora in fabbrica, dove intreccia una relazione inquietante con i due gemelli polacchi, Jan e Stefan. Il fratello di Rosa, Hunter, lotta per tenere in vita la rivista Artemis, sull’orlo della bancarotta. Peter Saward dedica la sua vita al compito infruttuoso di decifrare l’alfabeto di una civiltà morta e sepolta (e a un amore non corrisposto per Rosa). John Rainborough, dirigente senza qualità in un oscuro ministero, vede la sua vita e il suo lavoro perdere scopo e direzione. La sarta Nina, terrorizzata dal suo stato di profuga, sogna una fuga impossibile. Tutti questi personaggi si muovono nella Londra
del dopoguerra come sul palco di un immenso teatro, intrecciando e disfacendo tra loro relazioni in cui l’amore e l’amicizia si mescolano con il desiderio di potere e di controllo. Al centro delle loro vite, il magnate della stampa Mischa Fox, l’incantatore: il suo nome suscita pensieri ossessivi, la sua presenza – reale o solo immaginata – condiziona umori e decisioni. Enigmatico e all’apparenza mite, Mischa Fox impone la sua volontà sugli altri attraverso l’inquietante Calvin Blick, quasi un suo doppio, colui che trasforma in azione i suoi pensieri. Preda dell’incantatore, catturati dal suo fascino o ansiosi di sfuggirgli, i personaggi di Iris Murdoch sono parte di vere e proprie «scene» in cui l’autrice affronta i temi del sesso, dell’attrazione, del potere, ma anche la questione politica e umana degli esuli e del rapporto tra Occidente e Oriente. Grottesco, comico, profondo, L’incantatore è l’occasione per il lettore di godere dell’immenso talento di Iris Murdoch, scrittice che – nelle parole di Peter Cameron – non è sbocciata lentamente, ma «è emersa».

L’impromissa

LA STORIA DI UNA FAMIGLIA. LA STORIA DI UN AMORE. LA STORIA DI UN PAESE INTERO, L’ITALIA. Genova. Quando Agata varca la soglia, l’appartamento è silenzioso e tremendamente buio. Sua madre non c’è più, da diversi mesi ormai. Resta soltanto l’odore delle stanze vuote, la polvere sui mobili, insieme all’eco dei ricordi e ai segreti, che ora nessuno può più mantenere, e che i vecchi quaderni dell’amata zia Alice, rimasti a lungo nascosti, sono pronti a rivelare. Quelle pagine custodiscono, infatti, il ritratto di una donna che Agata stenta a riconoscere come la sua zia Alice, e la storia di un grande amore proibito, di cui non ha mai saputo nulla. E sarà proprio il racconto di quella vita segreta a cambiare tutto, anche nel suo presente. Perché c’è un filo unico, un sentiero sepolto che unisce le generazioni di donne della famiglia Lantieri. Agata, ancora una volta lontana da Genova, tra gli scorci rassicuranti delle estati trascorse nella fattoria di famiglia in Valpolcevera, scoprirà non solo la vera storia della propria famiglia, ma imparerà anche che la forza nasce dalle fragilità, il coraggio dal dolore e che il vero amore non conosce lo scorrere del tempo. Soprattutto si renderà conto che quel fazzoletto di terra, tra i due versanti di una collina, sulle alture genovesi, racchiude in sé tutta la loro storia: ogni ritorno è un ritorno lì, ogni partenza è una partenza da lì, ogni perdita, ogni nascita, ogni gioia e ogni dolore sembra compiersi e avere senso soltanto tra quei colori. Oggi più di ieri. Intrecciando luoghi, accadimenti e personaggi, Chiara Ferraris restituisce al lettore al tempo stesso un frammento della grande Storia d’Italia e un’intensa saga familiare, da cui emerge il talento di una scrittrice esordiente, che tiene incollati alle pagine con una narrazione potente e una voce elegante. Tra passato e presente, L’impromissa si rivela così una mirabile storia d’amore e di appartenenza, dove le protagoniste sono le donne, le loro scelte, la loro forza, il loro sacrificio.

L’Importante È Come È Stato Il Viaggio: Racconti Lettere E Storie D’Amore

Racconti, lettere, appunti per innamorati dell’amore. Non importa cosa trovi alla fine di ogni percorso che intraprendi, l’importante è sempre il viaggio, il modo in cui arrivi alla meta. Quello che impari, quello che provi. Le difficoltà che incontri diventano il prezioso bagaglio del tuo percorso evolutivo.

L’enigma di Attilio Manca

La Sicilia è straordinariamente bella. Ma anche “l’inizio di qualcosa di terribile”, come ricorda Rilke. La morte dell’urologo Attilio Manca è un crimine che diventa un mistero, un delitto che si trasforma nell’enigma che sconvolge da anni l’esistenza dei suoi familiari. Sullo sfondo di una terra dove la mafia ammazza e umilia, la lotta per la verità e la giustizia fa emergere un segreto inconfessabile, legato alla latitanza di Bernardo Provenzano. Una rete di complicità. Un intervento chirurgico che non esige testimoni.

L’ASSEDIO DI MASADA

La conquista della fortezza di Masada rappresentò l’ultimo episodio della prima guerra giudaica nella quale l’impero romano durò parecchia fatica ad aver ragione degli ebrei ribelli. Ma il modo inesplicabile con cui si concluse lasciò dispiaciuti più i vincitori che i vinti. Difatti i romani, sbalorditi, si trovarono a constatare fino a qual punto può arrivare l’amore per la libertà. **
### Sinossi
La conquista della fortezza di Masada rappresentò l’ultimo episodio della prima guerra giudaica nella quale l’impero romano durò parecchia fatica ad aver ragione degli ebrei ribelli. Ma il modo inesplicabile con cui si concluse lasciò dispiaciuti più i vincitori che i vinti. Difatti i romani, sbalorditi, si trovarono a constatare fino a qual punto può arrivare l’amore per la libertà.

L’Artista E Il Potere

L’artista come idolo, star culturale, le cui capacità creative si confonderanno con quelle decisive di venditore di se stesso ed esperto di marketing: Andy Warhol incarna il tipo ideale di artista capace di influenzare la dimensione dominante del potere nel nostro tempo, cioè il mercato.
Il leader politico che scrive poesie o romanzi. L’artista che crede di cambiare il corso del mondo con la sua opera. I potenti che commissionano il proprio mausoleo al celebre scultore, sfidando la malasorte e il ridicolo. Un team di architetti e scultori che progetta la rifondazione di una città terremotata come un museo en plein air… Se il potere è attratto irresistibilmente dall’estetica, l’arte sembra esprimere a sua volta una vera e propria volontà di potenza. Una relazione che è caratterizzata, oggi più che mai, da una ambiguità profonda, da cui sembra impossibile prescindere. E sullo sfondo il mercato, che tutto fagocita, anche le forme espressive più antagoniste, come nel caso della street art e di Banksy.

L’arte e la sua ombra

«Il modo in cui ci si accosta oggi all’arte è spesso caratterizzato da una grande ingenuità che riguarda non solo la maggior parte del pubblico, ma anche molti addetti ai lavori. Questa si manifesta sotto due aspetti a prima vista opposti: nel considerare le opere d’arte come l’essenziale dell’arte oppure, al contrario, nell’attribuire all’operazione artistica i caratteri di una comunicabilità immediata e diretta».
Esiste, allora, una possibilità di grandezza per l’arte attuale? Questa la domanda che percorre L’arte e la sua ombra, un volume lucido e provocatorio, che discutendo le tendenze artistiche e movimenti culturali piú recenti e piú perturbanti, si pone come un essenziale strumento di aggiornamento sulla problematica attuale dell’arte. Il mondo dell’arte sembra dominato da interessi mercantili che la riducono alla produzione e alla promozione di opere da sfruttare economicamente. Contro la mercificazione si è levata la protesta dell’ *anti-arte* la quale tuttavia troppo spesso misconosce il carattere complesso ed enigmatico dell’esperienza artistica e la sostituisce con una comunicazione ludica ed effimera.
La possibilità di un nuovo orientamento artistico ed estetico si colloca allora all’ombra di questi due opposti atteggiamenti. L’attenzione si sposta verso l’idea della cripta, che sembra bene esprimere sia la resistenza nei confronti della banalità e dell’omologazione sia la singolarità di uno spazio che si definisce allo stesso tempo come esterno e come interno. Sembra cosí che per Perniola l’opera d’arte dell’avvenire sarà criptica o non sarà.

L’arte di insegnare. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi

Come affrontare la classe: gli alunni vi vedono come vi vedete voi? Come interpretare il linguaggio del corpo nel rapporto insegnante-alunno? Quali sono le strategie per acquisire autorevolezza? Come motivare gli alunni e catturarne l’attenzione? E come recuperare i ragazzi e le classi “difficili”? In più, in questa seconda edizione, il nuovo capitolo “Si può insegnare a vivere?” dedicato a dieci “parole” su cui riflettere in classe con i ragazzi. “Un testo che affronta problemi pratici con semplicità e profondità allo stesso tempo.” **

L’arte dell’inganno

Il celebre pirata informatico spiega tutte le tecniche di “social engineering” che gli hanno permesso di violare sistemi di sicurezza ritenuti invulnerabili. Descrive le strategie impiegate dagli hacker, dagli agenti dello spionaggio industriale e dai criminali comuni per penetrare nelle reti. Si tratta di tecniche dell'”inganno”, di espedienti per usare la buona fede, l’ingenuità o l’inesperienza delle persone che hanno accesso alle informazioni “sensibili”; tecniche paragonabili alle strategie che Sun Tzu descriveva nel suo trattato sull’arte della guerra. Anche in questo caso, la manipolazione del “fattore umano”, la capacità di “ricostruire” le intenzioni, la mentalità e il modo di pensare del nemico diventa lo strumento più micidiale. Introduzione di Steve Wozniak. Consulenza scientifica di Raoul Chiesa. **

L’Aquila E La Farfalla

Nonostante i tanti dibattiti sul suo presunto declino, l’America dà segni di grande vitalità e si avvia a guidare il nuovo secolo. Dopo aver superato la più grave crisi economica degli ultimi decenni, gli Usa si stanno infatti confermando la più brillante e prolifica fucina di innovazione e di idee del pianeta, un laboratorio formidabile in grado di creare ricchezza in ogni ambito: con l’economia digitale targata Silicon Valley, che ha traghettato l’industria dalla realtà fisica a quella virtuale; con lo sfruttamento dello shale gas, che li renderà presto indipendenti dal petrolio degli sceicchi; con il nuovo welfare di Obama, erede culturale del New Deal rooseveltiano e della Nuova Frontiera kennediana che tassa le ricchezze per riequilibrare le disuguaglianze del Paese. Ma anche attraverso significative riforme nel mondo del lavoro e dell’istruzione passando per la legalizzazione dei clandestini e i diritti civili dei gay fino all’implementazione della democrazia digitale, il fattore chiave che tanta parte avrà nelle ragioni della pace e della guerra future. Che significato ha questo per noi europei? Quali sono le implicazioni per l’Italia, in parte arretrata e ancora alle prese con gli odii etnici e razziali del Novecento? L’autore, da oltre un decennio corrispondente da New York, ci spiega perché tutto ciò ci riguarda, e grazie a queste vere e proprie “cartoline dal futuro” ci introduce con sorprendente chiarezza nell’avvincente, grande rivoluzione a stelle e strisce. Una cronaca dei cambiamenti epocali ancora in atto, talvolta contraddittori e problematici, il cui filo conduttore è una grande visione che affonda le sue radici nella leggendaria resilienza del popolo americano, nella sua capacità di reinventarsi e nel suo ancora intatto spirito pionieristico.

L’anima nel metallo

Nichol Seacliff sta affrontando il momento più difficile della sua vita. È l’unico erede di un allevamento di pecore sull’orlo del fallimento sull’isola di Arran, un giovane uomo che si sente molto solo. I suoi unici compagni sono il burbero nonno Harry e tre cani pastore che non obbediscono ai suoi fischi.
Proprio quando sta pensando di mandare tutto all’aria, in una notte ostile durante l’infuriare di una tempesta, un estraneo fa irruzione in una stalla. Con i nervi già a pezzi, Nichol è pronto ad affrontare la situazione con il fucile, ma subito si accorge che l’intruso non ha cattive intenzioni. Cameron è un ragazzo che si è perso e sta scappando da un passato equivoco e pericoloso vissuto a Glasgow.
Man mano che l’inverno dell’isola si scioglie in un’estate meravigliosa, Cameron trova un posto non solo alla fattoria ma anche nel cuore di Nichol. Persino Harry non riesce a resistere al suo fascino. Ma Cameron non può liberarsi dalle ombre che lo seguono, e il terribile segreto che nasconde ha la forza di una marea impetuosa che potrebbe portare via e distruggere la felicità che ha appena trovato con Nichol.

L’Amore Stretto

**Si può imparare a essere felici?**
A ventiquattro anni, Laura è sola e infelice. La sua vita è costellata di scelte sbagliate e fallimenti, dominata dall’incapacità di sfuggire a un passato triste e dalla convinzione profonda di non meritare la felicità. Ma proprio quando ha abbandonato la speranza e sta per arrendersi allo squallore della propria esistenza, l’incontro inaspettato con Marco durante una vacanza solitaria a Norimberga le apre nuove prospettive. Di colpo la felicità sembra a portata di mano, la vita ricomincia a sorriderle. Marco è un uomo aperto e sensibile, che la capisce, e Laura si innamora disperatamente di lui. È l’ultima, decisiva occasione per lasciarsi alle spalle il passato e sognare un futuro diverso. Ma Laura non ha mai imparato a essere felice e in cuor suo è convinta di non meritare l’amore. Marco, però, non è disposto a permetterle di fuggire un’altra volta. **
### Sinossi
**Si può imparare a essere felici?**
A ventiquattro anni, Laura è sola e infelice. La sua vita è costellata di scelte sbagliate e fallimenti, dominata dall’incapacità di sfuggire a un passato triste e dalla convinzione profonda di non meritare la felicità. Ma proprio quando ha abbandonato la speranza e sta per arrendersi allo squallore della propria esistenza, l’incontro inaspettato con Marco durante una vacanza solitaria a Norimberga le apre nuove prospettive. Di colpo la felicità sembra a portata di mano, la vita ricomincia a sorriderle. Marco è un uomo aperto e sensibile, che la capisce, e Laura si innamora disperatamente di lui. È l’ultima, decisiva occasione per lasciarsi alle spalle il passato e sognare un futuro diverso. Ma Laura non ha mai imparato a essere felice e in cuor suo è convinta di non meritare l’amore. Marco, però, non è disposto a permetterle di fuggire un’altra volta.

L’Amica Sconosciuta

« *Amy Gentry ci parla della disparità di genere con l’intelligenza e la profondità che solo un grande scrittore possiede.* »
**Publishers Weekly**
« *Un romanzo appassionante e di grande realismo psicologico.* »
**Dallas Morning News**
« *Una lettura avvincente che piacerà ai fan di Paula Hawkins.* »
**Booklist**
« *«L’amica sconosciuta» è un thriller attualissimo che dà voce alla forza dirompente delle donne.* »
**Entertainment Weekly**
**Ho mantenuto il tuo segreto.**
**Adesso tocca a te.**
**Pensi di riuscirci?** Una donna in un mondo di uomini. Così si sente la trentenne Dana Diaz che, nonostante non si sia mai arresa, non è ancora riuscita a realizzare il sogno di diventare un’attrice di successo. Finché, dopo una brutta nottata in cui si trova a respingere le avance indesiderate di un uomo meschino e insistente, entra nella sua vita la carismatica Amanda Dorn. Proprio come lei, sta cercando di farsi strada in una realtà dominata dalla prepotenza maschile, di cui ha conosciuto i risvolti più drammatici e infelici. Dice di aver incontrato gli stessi ostacoli e di sapere come superarli. Benché l’estrema sicurezza della ragazza la spaventi, Dana decide di fidarsi. Insieme architettano un sottile piano di vendetta: vestire i panni l’una dell’altra e farla pagare a tutti gli uomini che negli anni hanno cercato, in un modo o nell’altro, di prevaricarle. Il piano sembra funzionare alla perfezione: insieme, le aspiranti attrici si calano nella parte, mettendo a segno un colpo dopo l’altro, senza sbagliare una battuta. Ma più la vendetta si consuma, più la fiducia di Dana in Amanda comincia a vacillare: forse il loro incontro non è stato casuale. Forse la donna che ha imparato a chiamare amica non è così sincera. Quando il confine tra ciò che giusto e ciò che è sbagliato inizia a dissolversi, Dana si convince che sia arrivato il momento di smettere di giocare e di capire che cosa Amanda voglia veramente da lei. Perché, quando è la nostra vita a non essere più al sicuro, è meglio non fidarsi di nessun altro all’infuori di noi stessi. Dopo *La ragazza del passato* , suo thriller d’esordio, definito dalla critica internazionale un libro all’altezza dei grandi maestri del genere, Amy Gentry sorprende con un nuovo romanzo altrettanto convincente. Attraverso un complesso gioco di ruoli e voci, l’autrice si addentra nel terreno impervio della disparità di genere, mostrandoci il lato oscuro della fama e le insidie che possono nascondersi dietro il compromesso e una vendetta travestita da riscatto personale. **
### Sinossi
« *Amy Gentry ci parla della disparità di genere con l’intelligenza e la profondità che solo un grande scrittore possiede.* »
**Publishers Weekly**
« *Un romanzo appassionante e di grande realismo psicologico.* »
**Dallas Morning News**
« *Una lettura avvincente che piacerà ai fan di Paula Hawkins.* »
**Booklist**
« *«L’amica sconosciuta» è un thriller attualissimo che dà voce alla forza dirompente delle donne.* »
**Entertainment Weekly**
**Ho mantenuto il tuo segreto.**
**Adesso tocca a te.**
**Pensi di riuscirci?** Una donna in un mondo di uomini. Così si sente la trentenne Dana Diaz che, nonostante non si sia mai arresa, non è ancora riuscita a realizzare il sogno di diventare un’attrice di successo. Finché, dopo una brutta nottata in cui si trova a respingere le avance indesiderate di un uomo meschino e insistente, entra nella sua vita la carismatica Amanda Dorn. Proprio come lei, sta cercando di farsi strada in una realtà dominata dalla prepotenza maschile, di cui ha conosciuto i risvolti più drammatici e infelici. Dice di aver incontrato gli stessi ostacoli e di sapere come superarli. Benché l’estrema sicurezza della ragazza la spaventi, Dana decide di fidarsi. Insieme architettano un sottile piano di vendetta: vestire i panni l’una dell’altra e farla pagare a tutti gli uomini che negli anni hanno cercato, in un modo o nell’altro, di prevaricarle. Il piano sembra funzionare alla perfezione: insieme, le aspiranti attrici si calano nella parte, mettendo a segno un colpo dopo l’altro, senza sbagliare una battuta. Ma più la vendetta si consuma, più la fiducia di Dana in Amanda comincia a vacillare: forse il loro incontro non è stato casuale. Forse la donna che ha imparato a chiamare amica non è così sincera. Quando il confine tra ciò che giusto e ciò che è sbagliato inizia a dissolversi, Dana si convince che sia arrivato il momento di smettere di giocare e di capire che cosa Amanda voglia veramente da lei. Perché, quando è la nostra vita a non essere più al sicuro, è meglio non fidarsi di nessun altro all’infuori di noi stessi. Dopo *La ragazza del passato* , suo thriller d’esordio, definito dalla critica internazionale un libro all’altezza dei grandi maestri del genere, Amy Gentry sorprende con un nuovo romanzo altrettanto convincente. Attraverso un complesso gioco di ruoli e voci, l’autrice si addentra nel terreno impervio della disparità di genere, mostrandoci il lato oscuro della fama e le insidie che possono nascondersi dietro il compromesso e una vendetta travestita da riscatto personale.
### Dalla seconda/terza di copertina
Amy Gentry scrive di libri e cultura per numerosi periodici americani. Vive a Austin in Texas con il marito e due gatti