5089–5104 di 72034 risultati

The Play #1: A Dirty Fairy Tale

Cosa succede quando Red, moglie annoiata dalla quotidianità, incontra Black, stacanovista e lussurioso business man, in una camera d’albergo?
Chiusa quella porta dietro di loro, i vestiti vengono sfilati, le maschere vengono tolte e due persone dalla vita apparentemente diversa si ritrovano nudi, uno davanti all’altra, senza la minima reticenza.
THE PLAY è un racconto erotico che include scene di sesso esplicito.

Testamento a sorpresa

Nella locanda delle Candele Ritorte alloggia un vegliardo centenario che trascorre in triste solitudine il poco tempo che gli resta da vivere. Una coppia di tristi avventurieri lo tiene praticamente prigioniero, e quando può non perde occasione di derubarlo delle sue ricchezze. Solo Carol, giovane cameriera, gli si dimostra amica affettuosa e il vecchio la ricambia a tal punto da lasciarla erede universale del suo consistente patrimonio. Com’è naturale, il testamento dispiace a molti, e alcuni fra di essi fanno di tutto per carpire i suoi soldi. Ma Nancy Drew è pronta alla difesa del patrimonio della nuova amica.

Terre occidentali

Terre occidentali conclude la trilogia iniziata con Le città della notte rossa e Strade morte, portandone all’estremo la struttura o, meglio, l’assenza di essa. Tema centrale è l’immortalità, con continue deviazioni spazio/temporali. Prendendo spunto dal Libro dei Morti egiziano, il romanzo esplora lo stato dopo la morte attraverso il sogno, passaggi allucinatori, occultismo, superstizione e teologia cristiana secondo il caratteristico punto di osservazione della realtà tipico di Burroughs. La prosa procede avanti e indietro nel tempo, i personaggi e gli episodi si rifanno chiaramente alla vita dell’autore. In questo libro Burroughs riconosce di essersi ispirato al romanzo Antiche sere di Norman Mailer pubblicato nel 1983 e ambientato nell’antico Egitto. Non mancano continui riferimenti alla cultura contemporanea, come dimostra la presenza di Mick Jagger in alcune scene. Nonostante la complessità della struttura narrativa, Terre Occidentali è stato spesso ritenuto il miglior romanzo dell’ultimo periodo di Burroughs.

Taras Bul’ba e gli altri racconti di Mirgorod

Con i Racconti di Mirgorod, pubblicati nel 1845, affiora nell’opera gogoliana la consapevolezza dei mali che tormentano l’umanità e che, in capo a un’inevitabile deriva, ne causeranno la disfatta. Ai poderi fioriti, alle distese sconfinate della steppa ucraina fanno da tetro corteggio il dolore, la violenza, la distruzione, la cattiveria, la morte come rottura di un accordo tra i vivi. Nascono il conflitto, la furia di prevaricare e di condizionare la libertà altrui a proprio esclusivo vantaggio. Nasce cioè la società in cui Gogol’ infelicemente vive. Per questo, i quattro racconti si propongono come naturale e drammatico trait d’union tra il lirismo stupefatto delle Veglie e l’amarezza del ciclo pietroburghese, in cui tutto è menzogna, inganno, sopruso, follia, morte. La raccolta comprende i racconti: Possidenti d’antico stampo – Taras Bul’ba – Il Vij – Storia di come Ivan Ivanovič litigò con Ivan Nikiforovič

Sulle strade di Pasqua

Un libro da meditare attentamente. In esso si uniscono in modo armonico i temi della fede cristiana e i grandi drammi della società di oggi che, nel sud del mondo, si manifestano con una forza sconcertante. Il contenuto di questo libro è stato pubblicato su “Nigrizia” nel 1996 e 1997. È un libro di “profezie”, cioè di giudizi di Dio: un Dio che ama e per salvare tutti non risparmia nessuno, neppure il proprio Figlio. L’Autore ci fa passare dallo sdegno per il mondo in cui il Povero di Nazareth è ancora condannato e crocifisso nell’immenso Impero del denaro, alla tenerezza e speranza di chi cammina sulle strade di Pasqua. Questa II EDIZIONE RIVISTA porta il volume a 96 pagine, 16 in più dell’edizione precedente. Contiene il testo di una conferenza di p. Alex dal titolo “Una lettura biblica della globalizzazione”.

Suddenly: Douglas & Josslyn

È sul traghetto diretto a Liverpool che Douglas conosce Josslyn, la strana ragazza con i capelli arcobaleno.
Lei non ha una cabina nella quale ripararsi ma porta con sé un borsone trasandato e un blocco da disegno. Lui ha profondi occhi blu, un bollitore elettrico e tatuaggi sulle braccia che raccontano di sé: il diavolo, con banconote che hanno rischiato di annientarlo, e l’angelo, con le sue carte da gioco che lo ha riscattato dall’inferno. È buono, è gentile e sa preparare un ottimo tè caldo che le offre insieme a palette di legno e tazze di ceramica.
Il viaggio non è molto lungo, appena tre ore, ma bastano per un bacio, per scoprirsi l’uno innamorato dell’altra e per decidere, su due piedi, di cominciare una vita insieme.
Innamorandosi, ancora prima di conoscere i loro nomi, diventano l’una la droga dell’altro. Imprevedibili, come i fulmini durante una tempesta, bellissimi, come i colori dell’arcobaleno.
«Sento che mi hai incasinato, Joss».
L’amore, così improvvisamente come è arrivato, può però distruggersi, può sgretolarsi tra le dita senza che si abbia la forza di rimettere insieme i pezzi.
“La tempesta, abbattendosi, distrugge tutto. Cuori. Persone”.
Douglas ha lasciato che Josslyn si fidasse e lo seguisse, ma se fosse proprio lui a non fidarsi più e la cacciasse? Vederla risalire su quel traghetto, forse, vorrebbe dire non vederla mai più, perderla nel momento di trovarla. Mollare la felicità, e far finta che non sia mai esistita, che sia stato solo un boato, un rumore, in mezzo al silenzio…
“Resisti. Resisti. Ma nel frattempo esisti”.
Anche solo per un istante, trovare la forza di stringersi e credere in questo legame sbocciato e cresciuto troppo in fretta, ma potrebbe non bastare.
Potrebbe volerci più di una semplice Polaroid, di scatti rubati, di corpi nudi sotto le lenzuola e sorrisi fatti di feroce felicità.
Ci vuole tutto il coraggio per viversi qualcosa come Douglas e Josslyn. **
### Sinossi
È sul traghetto diretto a Liverpool che Douglas conosce Josslyn, la strana ragazza con i capelli arcobaleno.
Lei non ha una cabina nella quale ripararsi ma porta con sé un borsone trasandato e un blocco da disegno. Lui ha profondi occhi blu, un bollitore elettrico e tatuaggi sulle braccia che raccontano di sé: il diavolo, con banconote che hanno rischiato di annientarlo, e l’angelo, con le sue carte da gioco che lo ha riscattato dall’inferno. È buono, è gentile e sa preparare un ottimo tè caldo che le offre insieme a palette di legno e tazze di ceramica.
Il viaggio non è molto lungo, appena tre ore, ma bastano per un bacio, per scoprirsi l’uno innamorato dell’altra e per decidere, su due piedi, di cominciare una vita insieme.
Innamorandosi, ancora prima di conoscere i loro nomi, diventano l’una la droga dell’altro. Imprevedibili, come i fulmini durante una tempesta, bellissimi, come i colori dell’arcobaleno.
«Sento che mi hai incasinato, Joss».
L’amore, così improvvisamente come è arrivato, può però distruggersi, può sgretolarsi tra le dita senza che si abbia la forza di rimettere insieme i pezzi.
“La tempesta, abbattendosi, distrugge tutto. Cuori. Persone”.
Douglas ha lasciato che Josslyn si fidasse e lo seguisse, ma se fosse proprio lui a non fidarsi più e la cacciasse? Vederla risalire su quel traghetto, forse, vorrebbe dire non vederla mai più, perderla nel momento di trovarla. Mollare la felicità, e far finta che non sia mai esistita, che sia stato solo un boato, un rumore, in mezzo al silenzio…
“Resisti. Resisti. Ma nel frattempo esisti”.
Anche solo per un istante, trovare la forza di stringersi e credere in questo legame sbocciato e cresciuto troppo in fretta, ma potrebbe non bastare.
Potrebbe volerci più di una semplice Polaroid, di scatti rubati, di corpi nudi sotto le lenzuola e sorrisi fatti di feroce felicità.
Ci vuole tutto il coraggio per viversi qualcosa come Douglas e Josslyn.

Studio Illegale. Il Meglio Del Blog

ESCLUSIVA EBOOK: i post più belli ed esilaranti dello storico blog studioillegale di Federico Baccomo, alias Duchesne. Contiene anche gli estratti dei romanzi “Studio illegale” (2009) e “La gente che sta bene” (2011). Nell’aprile 2007 un anonimo insider che si firma Duchesne apre il blog studioillegale.splinder.com, che racconta i vizi (molti) e le virtù (poche) del mondo degli avvocati d’affari milanesi. In poche settimane è boom: con migliaia di visitatori giornalieri e centinaia di commenti a ogni post, “Studio illegale” diventa uno dei blog più letti e amati della Rete. Nel 2009 Duchesne (alias Federico Baccomo), pubblica con Marsilio il romanzo ispirato al blog e il successo si ripete. Con 7 edizioni e un film il libro diventa un caso, imponendosi come uno dei migliori esordi italiani.

Storie di giovani mostri

Willie, destinato a vivere un’infanzia senza fine; Buddy, l’umanoide proveniente da procione, cui è affidata l’educazione di Tim, troppo egoisticamente programmato dai genitori; Timmy, che sente l’avvicinarsi della morte, chiunque essa decide di colpire; David, le cui scapole di trasformeranno in ali; Taddeo, capace di muovere gli oggeti col pensiero..
Sono i giovani “mostri” protagonisti di alcune delle storie presentate da Asimov. Personaggi e storie sono paradossali: tuttavia, chi ha sentito parlare dell’ingegneria genetica li troverà stranamente familiari e persino verosimili. Che sia davvero questo il futuro dell’uomo?
Contiene le storie:
**Salve, addio** ( *Hail and Farewell* , Ray Bradbury)
**Vietato l’accesso** ( *Keep Out* , Fredric Brown)
**A che servono gli amici?** ( *What Friends Are For* , john Brunner)
**Supercavallo** ( *The Wonder Horse* , George Byram)
**Il bambino che ascoltava** ( *The Listening Child* , Idris Seabright)
**Alla larga da Michi!** ( *Prone* , Mack Reynolds)
**Nato per volare** ( *He That Hath Wings* , Edmond Hamilton)
**La Sezione Ragazzi** ( *The Children’s Room* , Raymond F. Jones)
**Il linguaggio perduto** ( *The Lost Language* , David H. Keller)
**Dai, cammina!** ( *Come on, Wagon!* , Zenna Henderson)

Storia di Ouiah che era un leopardo

Sembra un gioco, ma non lo è: in Africa, nella foresta, ci sono dei bambini che giocano alla guerra. Viene insegnato loro (da ragazzi più grandi) il coraggio, il gusto della sfida e della vendetta. In realtà si tratta di bambini-soldato addestrati per compiere un lavoro preciso: aggredire altre persone. Il libro si legge su due piani, come una pura avventura nella foresta, coi bambini che assumono lo spirito dei vari animali e lo incarnano, e come una denuncia del problema dei bambini-soldato.

Storia del miracolo italiano: culture, identità, trasformazioni fra anni cinquanta e sessanta

Italia, anni cinquanta: la seconda guerra mondiale è finita ormai da qualche anno e il suo ricordo si allontana; trasformazioni radicali investono i modi di produrre e di consumare, di pensare e di sognare, di vivere il presente e di progettare il futuro. È la fine dell’universo contadino. Irrompono nuovi gusti e più complesse culture, in un processo tumultuoso che ridisegna geografie produttive e sociali, insediamenti e poli di attrazione. L’intero paese si trasforma sotto un impulso irrefrenabile. È il «miracolo». La profondità della «grande trasformazione», e i molteplici impulsi che essa produce, vengono qui ripercorsi in un’indagine a tutto campo che analizza sia la capacità di tenuta di vecchi orizzonti mentali, sia i tratti di una «modernità» che si va affermando in modo prepotente quanto diseguale.
Nell’agonia del centrismo emergono strutture e comportamenti degli apparati dello Stato largamente segnati dal fascismo, ma ora innestati nel quadro della nuova collocazione «atlantica» dell’Italia. Irrompono forme diverse di protagonismo collettivo, solo in parte eredi delle organizzazioni di massa delineatesi nel dopoguerra. Ed è l’avvento del centro-sinistra.
Con questo volume, che dopo quattro edizioni nei «Progetti» Donzelli viene ora riproposto nelle «Virgolette», Guido Crainz ha dato inizio alla sua ricognizione a tutto campo della storia dell’Italia contemporanea: un percorso che ha conosciuto la sua seconda tappa con Il paese mancato, dedicato al periodo successivo, apertosi con i tumultuosi anni sessanta e chiusosi con gli scenari di stabilizzazione degli anni ottanta.
Guido CRAINZ
Guido Crainz, nato a Udine, è docente di Storia contemporanea nella Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università di Teramo.

Stella D’oriente

“Stella d’oriente” è un romanzo giovanile della Deledda, uscito a puntate sul quotidiano di Cagliari “L’avvenire della Sardegna” con lo pseudonimo Ilia de Saint Ismail.
E’ una storia romantica con toni tragici. La protagonista è Stella, un’orfanella che salva la vita ad una ricca coppia, la marchesa Anna di Oriente e suo marito il marchese Don Francesco, durante una tempesta in mare. Per riconoscenza Stella viene adottata e così diventa la marchesina Stella di Oriente.
Nascerà adesso una intricata storia d’amore e di terribili segreti, una coinvolgente lettura romantica.
Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. E’ stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all’età di 64 anni, il 15 agosto 1936.

Star Wars L’Erede Dell’Impero

Primo capitolo della trilogia dedicata al popolare Ammiraglio Thrawn, “L’erede dell’Impero” è stato riproposto in questa edizione speciale per celebrare i vent’anni trascorsi dalla prima pubblicazione (1992). Questo romanzo ha il merito di aver riacceso l’interesse attorno al fenomeno editoriale Star Wars, successo confermato anche dal New York Times.L’edizione speciale che vi proponiamo è arricchita da una lunga introduzione e dalle note personali mai pubblicate di Timothy Zahn, da alcuni commenti esclusivi di LucasFilm e di Del Rey Books e da un inedito racconto che ha come protagonista l’ Ammiraglio Thrawn.L’Erede dell’Impero – importantissimo capitolo tra le storie dedicate a Star Wars – segue le avventure di Luke Skywalker, Han Solo e della Principessa Leia dopo aver condotto alla vittoria l’Alleanza Ribelle in Star Wars Episodio VI: Il Ritorno dello Jedi.Cinque anni dopo la distruzione della Morte Nera e la sconfitta di Darth Vader e dell’Imperatore, la galassia lotta per guarire dalle ferite della guerra. La Principessa Leia e Han Solo sono sposati e aspettano due gemelli, mentre Luke Skywalker è diventato il primo di una nuova discendenza di Cavalieri Jedi. A migliaia di anni luce di distanza, però, l’ultimo condottiero dell’Imperatore – il geniale e letale Grande Ammiraglio Thrawn – ha assunto il comando della flotta Imperiale distrutta, l’ha preparata alla guerra e l’ha puntata verso il fragile cuore della Nuova Repubblica. Questo guerriero oscuro ha fatto due scoperte vitali che potrebbero distruggere tutto ciò che gli uomini e le donne coraggiosi dell’Alleanza Ribelle hanno costruito combattendo duramente… Lo scontro esplosivo fra le due forze è una magistrale epopea di azione, inventiva, mistero e spettacolo su scala galattica: in breve, una storia degna del nome Star Wars.

Stagione Di Caccia

Robert Sheckley ritorna al mondo della Caccia per ampliare i connotati di quella che rimane la sua creazione più graffiante. Come in vittime a premio (URANIA 1041), l’ecologia mondiale è ormai a un punto critico, ma per una normale coppia americana una vacanza a Parigi è sempre un evento notevole. Quando però la moglie di Frank Blackwell rimane uccisa durante un attacco terroristico a un bar, la vacanza diventa tragedia. Frank giura che qualcuno la pagherà. E quello che dicono sempre le vittime, ma Frank è veramente deciso a vendicarsi, e il modo migliore per riuscirci è la Caccia, I’organizzazione segreta che da anni insanguina con le sue battute le strade di molte città americane, spesso sotto lo sguardo della polizia. Corre voce che il Congresso possa rendere legale l’associazione, perché i Cacciatori non sono soltanto cacciatori di uomini per puro divertimento: come ” servizio sociale ” ospitano una Squadra della Morte che si incarica di eliminare killer e terroristi con amicizie politiche influenti. Quello che Frank ignora è che anche i Cacciatori sono molto interessati ad averlo nei loro ranghi ma per scopi che lui, e il mondo dovranno ignorare fino al momento giusto.

Spinoza II. Una risata vi disseppellirà

Vincitore del Premio Satira Forte dei Marmi, miglior blog italiano dal 2009, Spinoza.it è ormai il punto di riferimento della satira in rete. Ogni giorno la community coordinata da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino offre a centinaia di migliaia di lettori un controcanto satirico alle notizie di cronaca, politica e attualità, conquistando un numero sempre crescente di fan con il suo stile scorretto e irriverente, che ha dato vita a innumerevoli tentativi d’imitazione.
Dopo il grande successo di Spinoza. Un libro serissimo, il collettivo satirico più saccheggiato del web torna a raccontarci il mondo con una nuova raccolta. 2.500 battute (in gran parte mai pubblicate sul sito) più velenose che mai in cui oltre seicento autori, con dissacrante verve, fanno deflagrare la realtà, illuminandola di una luce mai vista: un’ironia che non si ferma davanti a nulla, travolgendo convenzioni e barriere.
Una risata che vi disseppellirà.