50465–50480 di 72802 risultati

Largo Richini

Nulla faceva pensare a un delitto, e quindi il cadavere della donna, morta per un malore, è stato cremato, ridotto in cenere. Ma un alone di inquietudine circonda la vicenda di Virginia, e di tutti gli uomini che l’hanno amata. A partire dal padre, vecchio amico di famiglia Ambrosio, che due anni dopo la scomparsa della figlia si convince che ci sia qualcosa che non quadra, e chiede al commissario Giulio di indagare. Una ricerca difficile e soprattutto delicata, condotta in sordina, tra le persone che sono state vicine a Virginia, forse senza conoscerla mai davvero. E in una Milano prima oppressa dall’afa, poi spazzata da piogge interminabili, anche il poliziotto sembra subire il fascino di questa figura di donna vittima, probabilmente, di un omicidio, ma prima di tutto di se stessa e delle proprie insoddisfazioni.

(source: Bol.com)

Un lampo nella notte (eLit)

Chi sarà la prossima vittima?
L’agente dell’FBI Carolyn Monahan torna a Boston per cercare di inchiodare un serial killer che strangola ragazze bionde, belle e con gli occhi azzurri proprio come sua sorella, uccisa dieci anni prima. Mentre tutti gli indizi sembrano collegare gli omicidi a quell’uccisione inspiegabile, che ha distrutto la vita di Carolyn e dei suoi cari, torna a divampare prepotente l’attrazione tra lei e Conor Rafferty, il tenente che conduce le indagini. Il loro amore, che dieci anni prima era stato lacerato dalla tragedia, cresce di pari passo alla tensione: infatti ora è Carolyn a essere nel mirino dello spietato assassino…
**
### Sinossi
Chi sarà la prossima vittima?
L’agente dell’FBI Carolyn Monahan torna a Boston per cercare di inchiodare un serial killer che strangola ragazze bionde, belle e con gli occhi azzurri proprio come sua sorella, uccisa dieci anni prima. Mentre tutti gli indizi sembrano collegare gli omicidi a quell’uccisione inspiegabile, che ha distrutto la vita di Carolyn e dei suoi cari, torna a divampare prepotente l’attrazione tra lei e Conor Rafferty, il tenente che conduce le indagini. Il loro amore, che dieci anni prima era stato lacerato dalla tragedia, cresce di pari passo alla tensione: infatti ora è Carolyn a essere nel mirino dello spietato assassino…

Il lamento di Euridice

Anche loro mi trattavano con freddezza. Avrebbero voluto che parlassi, che raccontassi quello che mi era successo la scorsa estate, ma nei loro occhi non vidi lo stesso disprezzo che albergava in quelli di Jane. Lei era stata la mia migliore amica e io le avevo nascosto un pezzo della mia vita. Non era così un anno fa, quando incominciò tutto. Quando io e il mio allora affiatato gruppo di amici decidemmo di trascorrere qualche settimana in montagna, a casa di Daniel. Sembrava il posto ideale per noi, un piccolo paese perduto tra gli Appennini marchigiani, non troppo lontano dalla nostra città. Cosa c’era di meglio di una bella vacanza tra amici subito dopo la maturità? La nostra vacanza così idealizzata si rivelò un terribile sbaglio per me. Per noi. Non sarei mai dovuta andare lassù. Non avrei mai dovuto incontrarlo.
**

La lama del rasoio

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI ”OSSESSIONE PROIBITA”Un grande gialloNovità assolutaDall’autore finalista al Premio StregaUn’indagine dell’investigatore MastrantonioTre casi che sembrano non avere alcun legame tra loro: un’inchiesta ad alto rischio per Marcello Mastrantonio, disilluso funzionario della Mobile in perenne conflitto con capi e colleghi.Un’organizzazione criminale che gestisce feroci combattimenti tra cani. Un architetto assassinato nello scenario di un gioco erotico gay. Una giovane donna sieropositiva sgozzata. Un assassino senza nome che uccide le vittime con un rasoio. Quella che inizia come un’indagine di routine sul maltrattamento di un cane si trasformerà in un incubo sanguinoso, una trappola mortale. Tra false piste, scontri all’arma bianca e omicidi, l’escalation di violenza e mistero si concluderà in modo assolutamente imprevisto.Massimo Lugli(Roma 1955) è inviato speciale di ‘la Repubblica’ per la cronaca nera da quasi 40 anni. Ha scritto Roma Maledetta e con la Newton Compton La legge di Lupo solitario, L’Istinto del Lupo (terzo classificato al Premio Strega 2009 e vincitore del “Controstregati”), Il Carezzevole, L’adepto, Il guardiano, Gioco perverso e La lama del rasoio. Cintura nera di karate e istruttore di tai ki kung pratica fin da bambino le arti marziali che compaiono in tutti i suoi romanzi.
(source: Bol.com)

Il lago della perfetta felicità

La vita perfetta di Annie Colwater crolla quel terribile giorno in cui la figlia parte per andare a studiare all’estero e l’adorabile marito la lascia per una donna più giovane. All’improvviso sola, Annie decide di tornare a casa dal padre, nei luoghi della sua infanzia. Lì, sulla riva di uno splendido lago tra i boschi, ritrova Nick Delacroix, il suo primo amore, un uomo ferito nello spirito dopo il suicidio della moglie, e con una figlia piccola fortemente traumatizzata. Prendendosi cura della bambina, Annie riesce a poco a poco a lenire anche il dolore che l’ha attanagliata, mentre il sentimento sembra rinascere tra lei e Nick.
**

Lady Susan – I Watson – Sanditon

Con un saggio di Marcel ProustIntroduzioni di Massimo Colesanti, Mario Lunetta e Nicola MuschitielloTraduzioni di Ottavio Cecchi e Maurizio GrassoEdizioni integraliLa pubblicazione di Madame Bovary ha creato il primo e più clamoroso caso di intervento censorio pubblico ai danni di un’opera moderna: insieme al successo, infatti, lo scrittore ottenne una incriminazione per oltraggio alla morale pubblica e alla religione, da cui, peraltro, fu assolto. La sua Emma è diventata immediatamente il simbolo del disagio e dell’insofferenza borghese: vittima di una sorta di “vampirismo” che le procura appetiti e desideri sempre crescenti e un’infelicità sempre più vorticosa, è destinata a soccombere alla sua stessa smaniosa irrequietezza.I Tre racconti sono considerati autentici vertici dell’arte di Flaubert, per alcuni critici addirittura il suo capolavoro. Alla lirica essenzialità di Un cuore semplice, “epos” della più umile realtà quotidiana, segue la conversione mistica al culmine di una vita dissoluta in La leggenda di San Giuliano Ospitaliere, fino agli splendori materiali e alle miserie morali della Giudea precristiana dell’Erodiade. Tre gioielli di perfezione stilistica ed essenzialità espressiva.’Pareva che un artista, abile corruttore, le avesse disposto sulla nuca la treccia dei capelli, avvolti in una massa pesante, negligentemente, secondo il capriccio dell’adulterio che tutti i giorni li scioglieva.’Gustave Flaubertnacque nel 1821 a Rouen. Iniziò giovanissimo a scrivere racconti, novelle e pièces storiche. Nel 1840 si iscrisse alla facoltà di legge di Parigi, ma non terminò gli studi. A questo periodo risalgono i primi contatti con i circoli letterari della capitale. Nel 1846 tornerà nella provincia di Rouen, dove morirà nel 1880.
(source: Bol.com)

La lady in rosso (I Romanzi Oro)

Inghilterra, anni Venti dell’Ottocento. Marcus St John, marchese di Treymount, ha un carattere volitivo. Negli ultimi tempi si è fatto ancora più inflessibile e gelido a causa delle pesanti responsabilità di capofamiglia di cui è gravato. Quando scopre che l’antico anello della madre, perso per distrazione da uno dei suoi fratelli, è arrivato nelle mani di Honoria Baker-Sneed, figlia di un antiquario, si convince di poterlo recuperare con facilità. Senza immaginare che Honoria non è interessata ai soldi che lui può offrirle in cambio, bensì al suo cuore.
(source: Bol.com)

Lady Cupido

Annabelle ha perso il lavoro, ha rotto col fidanzato e anche i suoi capelli sono fuori controllo. Perdente in una famiglia di vincenti, questa volta ha l’occasione di rifarsi: ha appena ereditato l’agenzia matrimoniale di sua nonna e ha la fortuna di avere come cliente un vero e proprio scapolo d’oro. L’agente delle star sportive, il ricchissimo, fascinoso e arrogante Heath Champion, non a caso soprannominato il Pitone. Lui desidera solo il coronamento di una vita di successi, e cioè una moglie perfetta. Ma l’impresa sembra impossibile, così impossibile da far sospettare che il rapporto di Annabelle col cliente stia diventando un po’ troppo stretto… Fino a quando Heath non incontrerà la donna dei suoi sogni: un successo professionale per Annabelle, ma cosa ne dirà il suo cuore? Dalla regina della commedia romantica, un nuovo brillante e irresistibile capitolo della serie Chicago Stars.

Lady Almina e la vera storia di Downton Abbey

Tutta la verità e i segreti della straordinaria vita della ricchissima ereditiera americana che, diciannovenne, sposò nel 1895 a Westminster lo spiantato e indebitato conte di Carnarvon, salvando dalla rovina il fantastico castello di Highclere e finanziando le sue spedizioni in Egitto, durante le quali si scoprì la tomba di Tutankamon. Dotata di grande fascino personale e di coraggio, Almina Wompwell trasformò generosamente Highclere Castle in ospedale durante la I guerra mondiale. Rimasta vedova, sposò il colonnello Ian Denniston e morì a 93 anni, in una modesta casetta di Bristol.
**

IL LADRO NEL SACCO

Questa volta Bernie Rhodenbarr (il lestofante tuttofare di cui Lawrence Block ha cominciato a raccontarci l’accidentatissima biografia in “Parola di ladro”, Gialli Mondadori, n. 1576) è più che mai nei guai. Il suo gran torto è consistito nel prestar troppo orecchio alle chiacchiere di un amico, Craig Sheldrake, il Dentista più Grande del Mondo, afflitto da una ex moglie terribile. Per amicizia, Bernie si è così lasciato indurre a svaligiare l’appartamento di Crystal, che, oltre ai cognome, dopo il divorzio, si è trattenuta tutti i gioielli dell’incauto ex marito. Con gli arnesi da scasso, Bernie è un mago: infatti, si introduce in casa dell’arpia con estrema facilità, e con estrema facilità finisce in trappola, coinvolto in un truce assassinio. Sempre di corsa, sempre senza fiato, Bernie precipita in un turbinio d’avventure emozionanti, esilaranti, esaltanti nel corso delle quali si ritrova accanto il suo abituale deuteragonista, l’agente di polizia Ray Kirschmann, sempre così corrotto, ma sempre così sagace. Block, asso in ascesa, fa faville, e l’antieroicissimo eroe assicura il vero assassino alla giustizia. A suo modo, Bernie è un cittadino esemplare. Molto a suo modo.

Il ladro di ombre

Come un faro il regno di Ramses illuminava il mondo quando la maestosa piramide di Cheope vegliava sull’Egitto e la Sfinge, gigante scolpito nel calcare, custodiva i segreti dell’Universo. Ora, soltanto Ramses, messaggero della luce, può entrare nei suoi labirinti di pietra per rendere omaggio una volta all’anno al suo glorioso antenato. Ma in una notte senza luna la grande piramide viene violata… Sinistre leggende raccontano che sciagure e cala- mità sconvolgeranno la vita di tutti. Chi ha osato profanare il sarcofago con il favoloso tesoro? Chi ha rubato il leggendario Libro della Legge, simbolo della legittimità del faraone? Sarà compito del giovane giudice Pazai scoprirlo. Al suo fianco Neferet, la guaritrice dotata di magici poteri destinata a diventare sua moglie, il fiero nubiano Kem e l’amico fedele Suti. Insieme lotteranno perché l’insegnamento d Ramses non venga distrutto dall’avidità e dalla violenza degli uomini.

Il ladro di corpi. Le cronache dei vampiri

È la solitudine, la “maledizione” che si impadronisce di Lestat, il vampiro immortale, il principe incontrastato del tenebroso universo dei morti viventi. Lestat avverte dolorosamente la “maledizione” della sua solitudine e desidera rinascere come mortale, liberandosi quindi del suo corpo di “non-morto” e impadronendosi di un corpo “vivo”. Intraprende così un viaggio che lo porterà da Miami al deserto del Gobi, da Amsterdam alla giungla amazzonica, fino all’incontro cruciale con l’unico uomo che può soddisfare il suo desiderio, Raglan James, il Ladro di Corpi. Più sinistro e malvagio di un demone, il Ladro di Corpi si impadronisce con l’inganno del corpo vampiresco di Lestat.

Il ladro di cadaveri

Un fatto di cronaca realmente avvenuto nella Londra dell’Ottocento si trasforma, sotto la penna di Robert Louis Stevenson, in una oscura vicenda gotica: nel “Ladro di cadaveri”, i giovani e ambiziosi Macfarlane e Fettes si occupano di ricevere le spoglie destinate al sezionamento nell’aula del famoso professore di anatomia Robert Knox. Un giorno Fette si identifica in una delle salme una donna di sua conoscenza e, vedendo segni di violenza sul suo corpo, capisce che è stata assassinata. Macfarlane lo persuade a non denunciare il fatto, ma il loro cinismo non resterà impunito. Nel racconto che segue, “Gli allegri compari”, vanno in scena alcuni dei temi d’avventura più cari allo scrittore scozzese: naufragi, tesori maledetti, follia.
**

Il ladro che studiava Spinoza

«Alle cinque e mezzo posai il libro che stavo leggendo e cominciai a invitare i clienti a lasciare il negozio. L’autore del libro era Robert B. Parker e il protagonista era un detective privato di nome Spenser che compensava l’assenza di un nome proprio con un fisico poderoso. Ogni paio di capitoli lo si trovava a fare di corsa il periplo della città di Boston o a dedicarsi al sollevamento pesi o a cercare qualche altro modo di farsi venire un infarto o un’ernia…» Così Bernie Rhodenbarr, il ladro creato dallo scintillante umorismo di Lawrence Block (Giallo Mondadori n. 1576 «Parola di ladro», n. 1610 «Il ladro nel sacco», n. 1735 «Il ladro che leggeva Kipling»), inizia il resoconto della sua nuova avventura con una bonaria e ammirata presa in giro di un altro eroe e di un altro autore cari ai nostri lettori. Ma l’avventura ladresca (e non) che si scatena, quando Bernie chiude il suo negozietto di libri usati e affronta il mondo di fuori per depredare la casa di una ricca cliente della sua amica Carolyn Kaiser, non ha nulla da invidiare per dinamica, concitazione, drammaticità a quelle ideate da Parker per Spenser. Probabilmente ha qualcosa da farsi invidiare. E Spinoza cosa c’entra? Ecco un mistero nel mistero.

Il ladro che dipingeva come Mondrian

Bernie Rhodenbarr non ha problemi ad ammettere di essere un ladro nato, uno per il quale organizzare un furto è come per un uccello volare, o per un pesce nuotare. E così, anche questa volta, Bernie ricomincia… e quando Bernie ricomincia, francobolli rari vengono rubati, gatti vengono rapiti, belle donne trovano eccitante partecipare a pericolosi colpi. E la gente viene uccisa. Personaggi quanto meno insoliti si muovono attorno all’insolito ladro: una signora che si «diverte» a tagliare i baffi a un gatto, un artista che detesta i musei, un avvocato che corre per Central Park praticamente nudo. E, intanto, la vicenda si srotola precisa, elegante, nitida come… bè, come un quadro di Mondrian.

La ladra

Farabutti, mascalzoni, canaglie, furfanti, manigoldi, scampaforche, mariuoli, rinnegati e agitatori. Saranno anche dei poco di buono, ma sono irresistibili, e a volte la persona giusta riesce a rubare loro il cuore e a ricondurli sulla retta via.

Cresciuta dal manesco zio, Cristy Moffat è disposta a tutto pur di ottenere il rispetto dei suoi nerboruti cugini, compreso il rubare il bestiame del vicino… fino a quando non ruba la vacca sbagliata e viene colta sul fatto dal nuovo laird. Brocan Macintosh ha il suo daffare a riparare la sua casatorre e a crescere i suoi figli gemelli, rimasti orfani di madre. Ma quando i suoi piani per scambiare Cristy con il suo bestiame vanno a quel paese, egli si chiede se davvero vuole chiedere un riscatto. Riuscirà a domare il cuore selvaggio della giovane e a darle una famiglia da amare? E sarà Cristy colei che guarirà il suo cuore solitario?

(source: Bol.com)