4977–4992 di 81643 risultati

Marx e il marxismo

Karl Marx continua a essere il piú importante pensatore della storia. I movimenti politici che si rifanno al suo nome hanno ridato speranza alle innumerevoli vittime della tirannia e dell’oppressione. Ma una volta raggiunto il potere, essi si sono rivelati spesso disastrosi e hanno mietuto milioni di vittime. Il pensiero marxiano conserva intatta la sua rilevanza anche a fronte delle problematiche poste dal mondo contemporaneo. Se dopo il crollo dell’Unione Sovietica la reputazione del grande pensatore appariva compromessa, una nuova generazione ha cominciato a leggere Marx al cospetto delle ricorrenti crisi finanziarie, della crescente disuguaglianza sociale e di un acuito senso di ingiustizia e distruttività propri del capitalismo di oggi.
«Un libro davvero notevole. La quantità di conoscenze e la chiarezza dell’esposizione rendono questo studio una scelta ottimale per chi sia in cerca di una riflessione autorevole e a tutto campo su Marx e il marxismo».
**«The Times Literary Supplement»**

Karl Marx continua a essere il piú importante pensatore della storia. I movimenti politici che si rifanno al suo nome hanno ridato speranza alle innumerevoli vittime della tirannia e dell’oppressione. Ma una volta raggiunto il potere, essi si sono rivelati spesso disastrosi e hanno mietuto milioni di vittime. Il pensiero marxiano conserva intatta la sua rilevanza anche a fronte delle problematiche poste dal mondo contemporaneo. Se dopo il crollo dell’Unione Sovietica la reputazione del grande pensatore appariva compromessa, una nuova generazione ha cominciato a leggere Marx al cospetto delle ricorrenti crisi finanziarie, della crescente disuguaglianza sociale e di un acuito senso di ingiustizia e distruttività propri del capitalismo di oggi.
«Un libro davvero notevole. La quantità di conoscenze e la chiarezza dell’esposizione rendono questo studio una scelta ottimale per chi sia in cerca di una riflessione autorevole e a tutto campo su Marx e il marxismo».
**«The Times Literary Supplement»**

Only registered users can download this free product.

Mariani. Il caso cuorenero

ll commissario Mariani, su richiesta di sua moglie Francesca alla quale si sente ancora profondamente legato nonostante siano in attesa di divorzio, s’impegna a risolvere il caso della scomparsa di un muratore albanese, Cabel Oxa.
L’indagine, non ufficiale, lo porta nei dintorni di Asti, mentre alcuni omicidi avvenuti a Genova sono forse collegati alla sparizione di Oxa. Cercando di interpretare un disperato messaggio dell’uomo, Mariani scoprirà nuovi e inquietanti retroscena.

ll commissario Mariani, su richiesta di sua moglie Francesca alla quale si sente ancora profondamente legato nonostante siano in attesa di divorzio, s’impegna a risolvere il caso della scomparsa di un muratore albanese, Cabel Oxa.
L’indagine, non ufficiale, lo porta nei dintorni di Asti, mentre alcuni omicidi avvenuti a Genova sono forse collegati alla sparizione di Oxa. Cercando di interpretare un disperato messaggio dell’uomo, Mariani scoprirà nuovi e inquietanti retroscena.

Only registered users can download this free product.

Mariani E Le Porte Chiuse

È la metà di aprile e il commissario Antonio Mariani non si è ancora ripreso dal grave incidente d’auto accadutogli sulla tangenziale di Milano mentre ritornava da Lecco. Ha rischiato di non poter più camminare e ora si trascina in una specie di abulia. È la moglie Francesca a scuoterlo: o cercherà di scoprire la verità sull’ispettrice Lorenza Petri, accusata di omicidio, o lei lo lascerà. No, non sarà lei a lasciarlo perché è lui che ha lasciato se stesso!
È trascorso ormai più di un mese dall’omicidio di cui è accusata l’ispettrice e ricostruire l’accaduto non è semplice, ma poco per volta Mariani trova qualche traccia e, soprattutto, ritrova se stesso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA.

È la metà di aprile e il commissario Antonio Mariani non si è ancora ripreso dal grave incidente d’auto accadutogli sulla tangenziale di Milano mentre ritornava da Lecco. Ha rischiato di non poter più camminare e ora si trascina in una specie di abulia. È la moglie Francesca a scuoterlo: o cercherà di scoprire la verità sull’ispettrice Lorenza Petri, accusata di omicidio, o lei lo lascerà. No, non sarà lei a lasciarlo perché è lui che ha lasciato se stesso!
È trascorso ormai più di un mese dall’omicidio di cui è accusata l’ispettrice e ricostruire l’accaduto non è semplice, ma poco per volta Mariani trova qualche traccia e, soprattutto, ritrova se stesso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA.

Only registered users can download this free product.

Mariani e il caso irrisolto

Da mesi, per le conseguenze di una ferita, il commissario Antonio Mariani è ricoverato in ospedale e non sa quando riuscirà a guarire. E’ una notizia avuta dall’amico e medico legale Torrazzi a scuoterlo dal torpore e a dargli la voglia di guarire: è stata uccisa una giovane donna incinta e le modalità del delitto sono simili a quelle di un caso di cui Mariani si era occupato anni prima senza riuscire a risolverlo. E’ anche per riempire le lunghe ore solitarie che Antonio comincia ad indagare, ignorando le proteste dell’ispettore Lorenza Petri cui è stato affidato ufficialmente il caso.
Ma sarà la scomparsa di una giovane donna, Kuei-Mei, a spingere i superiori di Mariani a chiedergli di collaborare alle indagini, anche se in modo ufficioso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA. **
### Sinossi
Da mesi, per le conseguenze di una ferita, il commissario Antonio Mariani è ricoverato in ospedale e non sa quando riuscirà a guarire. E’ una notizia avuta dall’amico e medico legale Torrazzi a scuoterlo dal torpore e a dargli la voglia di guarire: è stata uccisa una giovane donna incinta e le modalità del delitto sono simili a quelle di un caso di cui Mariani si era occupato anni prima senza riuscire a risolverlo. E’ anche per riempire le lunghe ore solitarie che Antonio comincia ad indagare, ignorando le proteste dell’ispettore Lorenza Petri cui è stato affidato ufficialmente il caso.
Ma sarà la scomparsa di una giovane donna, Kuei-Mei, a spingere i superiori di Mariani a chiedergli di collaborare alle indagini, anche se in modo ufficioso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA.

Da mesi, per le conseguenze di una ferita, il commissario Antonio Mariani è ricoverato in ospedale e non sa quando riuscirà a guarire. E’ una notizia avuta dall’amico e medico legale Torrazzi a scuoterlo dal torpore e a dargli la voglia di guarire: è stata uccisa una giovane donna incinta e le modalità del delitto sono simili a quelle di un caso di cui Mariani si era occupato anni prima senza riuscire a risolverlo. E’ anche per riempire le lunghe ore solitarie che Antonio comincia ad indagare, ignorando le proteste dell’ispettore Lorenza Petri cui è stato affidato ufficialmente il caso.
Ma sarà la scomparsa di una giovane donna, Kuei-Mei, a spingere i superiori di Mariani a chiedergli di collaborare alle indagini, anche se in modo ufficioso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA. **
### Sinossi
Da mesi, per le conseguenze di una ferita, il commissario Antonio Mariani è ricoverato in ospedale e non sa quando riuscirà a guarire. E’ una notizia avuta dall’amico e medico legale Torrazzi a scuoterlo dal torpore e a dargli la voglia di guarire: è stata uccisa una giovane donna incinta e le modalità del delitto sono simili a quelle di un caso di cui Mariani si era occupato anni prima senza riuscire a risolverlo. E’ anche per riempire le lunghe ore solitarie che Antonio comincia ad indagare, ignorando le proteste dell’ispettore Lorenza Petri cui è stato affidato ufficialmente il caso.
Ma sarà la scomparsa di una giovane donna, Kuei-Mei, a spingere i superiori di Mariani a chiedergli di collaborare alle indagini, anche se in modo ufficioso.
**Maria Masella** è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – *Non son chi fui* – con Solfanelli e un’altra – *Trappole* – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco *Per sapere la verità*. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto *La parabola dei ciechi* , inserito successivamente nell’antologia *Liguria in giallo e nero* (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato *Morte a domicilio* (2002), *Il* *dubbio* (2004), *La segreta causa* (2005), *Il cartomante di via Venti* (2005), *Giorni contati* (2006), *Mariani. Il caso cuorenero* (2006), *Io* *so. L’enigma di Mariani* (2007), *Primo* (2008), *Ultima chiamata per* *Mariani* (2009), *Mariani e il caso irrisolto* (2010), *Recita per Mariani* (2011), *Per sapere la verità* (2012), *Celtique* (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), *Mariani allo specchio* (2013), *Mariani e le mezze verità* (2014), *Mariani e le porte chiuse* (2015), *Testimone. Sette indagini per Antonio Mariani* (2016), *Mariani e il* *peso della colpa* (2016), *Mariani e la cagna* (2017), *Mariani e le parole* *taciute* (2018), *Nessun ricordo muore* (2017) *Vittime e delitti* (2018) e *Le porte della notte* (2019) questi ultimi tre con protagonista la coppia Teresa Maritano e Marco Ardini. All’inizio del 2019 ha scritto con Rocco Ballacchino “MATEMATICHE CERTEZZE” ottenendo il consenso dei lettori per l’originale trovata di dar vita a un’indagine portata avanti dai due commissari di polizia Mariani e Crema. Per Corbaccio ha pubblicato *Belle sceme!* (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, sono usciti *Il cliente* (2014), *La* *preda* (2014) e *Il tesoro del melograno* (2016). *Morte a domicilio* e *Il* *dubbio* sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann. Nel 2015 le è stato conferito il premio “La Vie en Rose”. 2018, terza classificata alla prima edizione del Premio EWWA.

Only registered users can download this free product.

Maria e Pietro: un legame immorale

Siamo nel XVIII secolo.
Maria Francesca, nata principessa di Beira, è la nipote prediletta del re Giovanni V detto il Magnifico, e figlia del pavido erede al trono Giuseppe di Braganza e della sagace Marianna Vittoria di Borbone-Spagna. Sin dall’infanzia, Maria Francesca ha dovuto sottostare a un volere superiore, che l’ha portata ad essere una bambina esclusa dalla vita dei suoi coetanei, una giovane devota e una donna incastrata in un matrimonio combinato, che disdegna. Tra complotti, doveri e prepotenze, affronterà il difficoltoso percorso di crescita, raccogliendo le sfide lanciatele dai prepotenti e affrontandole con determinazione e coscienza.
*Il libro fa parte della serie Borbone & family*
Fanno parte della serie:
“Filippo V – la vita del primo Borbone di Spagna”
“Carlo e Maria Amalia – un amore reale” **
### Sinossi
Siamo nel XVIII secolo.
Maria Francesca, nata principessa di Beira, è la nipote prediletta del re Giovanni V detto il Magnifico, e figlia del pavido erede al trono Giuseppe di Braganza e della sagace Marianna Vittoria di Borbone-Spagna. Sin dall’infanzia, Maria Francesca ha dovuto sottostare a un volere superiore, che l’ha portata ad essere una bambina esclusa dalla vita dei suoi coetanei, una giovane devota e una donna incastrata in un matrimonio combinato, che disdegna. Tra complotti, doveri e prepotenze, affronterà il difficoltoso percorso di crescita, raccogliendo le sfide lanciatele dai prepotenti e affrontandole con determinazione e coscienza.
*Il libro fa parte della serie Borbone & family*
Fanno parte della serie:
“Filippo V – la vita del primo Borbone di Spagna”
“Carlo e Maria Amalia – un amore reale”

Siamo nel XVIII secolo.
Maria Francesca, nata principessa di Beira, è la nipote prediletta del re Giovanni V detto il Magnifico, e figlia del pavido erede al trono Giuseppe di Braganza e della sagace Marianna Vittoria di Borbone-Spagna. Sin dall’infanzia, Maria Francesca ha dovuto sottostare a un volere superiore, che l’ha portata ad essere una bambina esclusa dalla vita dei suoi coetanei, una giovane devota e una donna incastrata in un matrimonio combinato, che disdegna. Tra complotti, doveri e prepotenze, affronterà il difficoltoso percorso di crescita, raccogliendo le sfide lanciatele dai prepotenti e affrontandole con determinazione e coscienza.
*Il libro fa parte della serie Borbone & family*
Fanno parte della serie:
“Filippo V – la vita del primo Borbone di Spagna”
“Carlo e Maria Amalia – un amore reale” **
### Sinossi
Siamo nel XVIII secolo.
Maria Francesca, nata principessa di Beira, è la nipote prediletta del re Giovanni V detto il Magnifico, e figlia del pavido erede al trono Giuseppe di Braganza e della sagace Marianna Vittoria di Borbone-Spagna. Sin dall’infanzia, Maria Francesca ha dovuto sottostare a un volere superiore, che l’ha portata ad essere una bambina esclusa dalla vita dei suoi coetanei, una giovane devota e una donna incastrata in un matrimonio combinato, che disdegna. Tra complotti, doveri e prepotenze, affronterà il difficoltoso percorso di crescita, raccogliendo le sfide lanciatele dai prepotenti e affrontandole con determinazione e coscienza.
*Il libro fa parte della serie Borbone & family*
Fanno parte della serie:
“Filippo V – la vita del primo Borbone di Spagna”
“Carlo e Maria Amalia – un amore reale”

Only registered users can download this free product.

Marchiata

La diciassettenne Julia è finalmente serena. È passata dalla scomoda brandina di un orfanotrofio di Memphis a un letto tutto suo, in un’abitazione perfetta, di un quartiere perfetto, con dei genitori perfetti che l’hanno scelta come loro figlia. Julia, però, nasconde un segreto e, una notte d’autunno, tornando dalla casa di un amico scopre che il suo segreto l’ha trovata. La casa che doveva essere sua per sempre è ridotta in cenere. I suoi genitori sono morti e nel cielo, al di sopra delle fiamme, c’è una creatura alata che le dà la caccia.
Dopo aver lottato per anni nelle tenebre per rimettere insieme la propria vita in frantumi, Cayne è finalmente pronto ad affrontare il passato e a vendicare la perdita di tutto ciò che amava. È stato Samyaza, il re dei Nephilim, a portargli via ogni cosa. È per questo che Cayne lo insegue fino a un magazzino di Memphis, dove per una serie di circostanze avverse si ritroverà a terra, tra le mani guaritrici di una bella ragazza dai capelli neri. All’insaputa di entrambi, però, i due sono già legati.
Il passato di Cayne ha in sé le risposte per il futuro di Julia, ma qual è la minaccia più grande per lei, ora? La taglia che hanno messo sulla sua testa o dare il suo cuore all’uomo che è nato per spezzarlo?

La diciassettenne Julia è finalmente serena. È passata dalla scomoda brandina di un orfanotrofio di Memphis a un letto tutto suo, in un’abitazione perfetta, di un quartiere perfetto, con dei genitori perfetti che l’hanno scelta come loro figlia. Julia, però, nasconde un segreto e, una notte d’autunno, tornando dalla casa di un amico scopre che il suo segreto l’ha trovata. La casa che doveva essere sua per sempre è ridotta in cenere. I suoi genitori sono morti e nel cielo, al di sopra delle fiamme, c’è una creatura alata che le dà la caccia.
Dopo aver lottato per anni nelle tenebre per rimettere insieme la propria vita in frantumi, Cayne è finalmente pronto ad affrontare il passato e a vendicare la perdita di tutto ciò che amava. È stato Samyaza, il re dei Nephilim, a portargli via ogni cosa. È per questo che Cayne lo insegue fino a un magazzino di Memphis, dove per una serie di circostanze avverse si ritroverà a terra, tra le mani guaritrici di una bella ragazza dai capelli neri. All’insaputa di entrambi, però, i due sono già legati.
Il passato di Cayne ha in sé le risposte per il futuro di Julia, ma qual è la minaccia più grande per lei, ora? La taglia che hanno messo sulla sua testa o dare il suo cuore all’uomo che è nato per spezzarlo?

Only registered users can download this free product.

Marcel Duchamp e il rifiuto del lavoro

Nella storia dell’umanità nessuna generazione ha sacrificato più tempo al lavoro quanto quelle che hanno avuto la sfortuna di nascere sotto il capitale. Ogni invenzione tecnica, sociale e scientifica, anziché liberare del tempo, non fa che estendere l’impresa del capitale sulle nostre temporalità. L’arte è dentro la divisione sociale del lavoro come ogni altra attività. Da questo punto di vista essere artista è una professione o una specializzazione come un’altra, ed è proprio questa ingiunzione a occupare, con il corpo e con l’anima, una posizione, un ruolo, un’identità, l’oggetto del rifiuto categorico e permanente di Marcel Duchamp. **

Nella storia dell’umanità nessuna generazione ha sacrificato più tempo al lavoro quanto quelle che hanno avuto la sfortuna di nascere sotto il capitale. Ogni invenzione tecnica, sociale e scientifica, anziché liberare del tempo, non fa che estendere l’impresa del capitale sulle nostre temporalità. L’arte è dentro la divisione sociale del lavoro come ogni altra attività. Da questo punto di vista essere artista è una professione o una specializzazione come un’altra, ed è proprio questa ingiunzione a occupare, con il corpo e con l’anima, una posizione, un ruolo, un’identità, l’oggetto del rifiuto categorico e permanente di Marcel Duchamp. **

Only registered users can download this free product.

Maonomics

La coppia democrazia-capitalismo è in crisi, vittima di una depressione che non è solo finanziaria. Trionfa invece il capi-comunismo visto che mentre la nostra economia va in pezzi, la Cina cresce a ritmi vertiginosi. Più 9 per cento del Pil nel 2009 e un piano di investimenti grandioso: strade, scuole, ospedali, ferrovie, colossali impianti per la produzione di energie rinnovabili. Si può ancora dire che il comunismo è stato sconfitto dalla storia? O è tempo di cominciare a guardare alla società con occhi un po’ più a mandorla? Per esempio, le misure anticrisi attuate dai nostri governi sono servite ad arricchire gli stessi speculatori responsabili del collasso, mentre l’intervento statale cinese ha permesso di limitare i danni e ricominciare a crescere. La nostra vita politica è scossa da continui scandali e violazioni del diritto, mentre in Cina stanno nascendo nuove forme di partecipazione, pur all’interno del partito unico. E tra i grattacieli di Shanghai e Pechino si avverte uno slancio verso la modernità che il vecchio Occidente non riesce più nemmeno a immaginare. Da Margaret Thatcher a Berlusconi, da Wall Street al Cile di Pinochet, passando sempre per Pechino, questo libro racconta una deriva che abbagliandoci con la promessa del benessere ci sta privando della libertà. E grazie a esempi e testimonianze di imprenditori, studiosi, giornalisti, attivisti dei diritti umani spiega invece come la Cina sta lavorando per migliorarsi. Un modello da imitare? Almeno una lezione da apprendere: il nostro capitalismo si salverà solo se sapremo cambiare radicalmente i capitalisti. E il nostro sistema di vita è destinato al tracollo, se non impareremo a guardare con occhi più aperti quella che continuiamo a chiamare “democrazia”.

La coppia democrazia-capitalismo è in crisi, vittima di una depressione che non è solo finanziaria. Trionfa invece il capi-comunismo visto che mentre la nostra economia va in pezzi, la Cina cresce a ritmi vertiginosi. Più 9 per cento del Pil nel 2009 e un piano di investimenti grandioso: strade, scuole, ospedali, ferrovie, colossali impianti per la produzione di energie rinnovabili. Si può ancora dire che il comunismo è stato sconfitto dalla storia? O è tempo di cominciare a guardare alla società con occhi un po’ più a mandorla? Per esempio, le misure anticrisi attuate dai nostri governi sono servite ad arricchire gli stessi speculatori responsabili del collasso, mentre l’intervento statale cinese ha permesso di limitare i danni e ricominciare a crescere. La nostra vita politica è scossa da continui scandali e violazioni del diritto, mentre in Cina stanno nascendo nuove forme di partecipazione, pur all’interno del partito unico. E tra i grattacieli di Shanghai e Pechino si avverte uno slancio verso la modernità che il vecchio Occidente non riesce più nemmeno a immaginare. Da Margaret Thatcher a Berlusconi, da Wall Street al Cile di Pinochet, passando sempre per Pechino, questo libro racconta una deriva che abbagliandoci con la promessa del benessere ci sta privando della libertà. E grazie a esempi e testimonianze di imprenditori, studiosi, giornalisti, attivisti dei diritti umani spiega invece come la Cina sta lavorando per migliorarsi. Un modello da imitare? Almeno una lezione da apprendere: il nostro capitalismo si salverà solo se sapremo cambiare radicalmente i capitalisti. E il nostro sistema di vita è destinato al tracollo, se non impareremo a guardare con occhi più aperti quella che continuiamo a chiamare “democrazia”.

Only registered users can download this free product.

MANUALE DI AUTOSTIMA. Cosa aspetti a migliorare la tua vita?

Attenzione: questo libro non è scritto da un guru americano della crescita personale, da uno di quei carismatici santoni che fanno camminare la gente sui carboni ardenti in cambio di migliaia di dollari. Il tono non è da fanatico life coach in grado di esaltare platee di migliaia di persone con il solo potere della persuasione e del pensiero positivo. No, niente di tutto questo. Se cerchi qualcosa del genere, puoi trovare tanto materiale in giro ma evita questo prezioso libro.
Questo libro, infatti, è stato scritto da una persona normalissima, proprio come te. Una giovane ragazza che per una serie di sfide personali, da tempo, si è appassionata al tema dell’autostima e ne ha fatto un vero e proprio culto personale.
“Quante volte hai pensato che il tuo valore possa dipendere direttamente da elementi esterni come il lavoro, l’aspetto fisico o quello che le altre persone pensano di te? Troppe, credo. Ma c’è una buona notizia: non è così. Non è così per me, non è così per te e vorrei dimostrartelo. Mi piacerebbe condividere queste pagine con te, per scoprire insieme cos’è questa famosa autostima, come migliorarla e come capire qualcosa in più sulla persona che sei. Perché tu possa infine amare di più te stesso e di conseguenza gli altri”.
Scopri subito
Qual è il tuo valore
I capisaldi dell’Autostima
Come migliorare l’autostima lavorativa
Come accettarsi (e piacersi) così come si è
Qual è il tuo livello di Autostima
Tutte le accezioni di Autostima
Come conoscersi meglio
Il segreto del gambero
Come farsi guidare dal passato
Il segreto dei muffin
Il segreto dell’orso in letargo
Come creare il tuo angolo “cozy”
Il segreto di Beecher
Come e quando dire SI e dire NO
Il segreto del quadrifoglio
Come attirare la fortuna
Il segreto del grattacielo
Come difendersi dalle opinioni altrui
Il segreto del girasole
Il segreto della lista
Come amare te stesso e gli altri
Il tuo segreto
**
### Sinossi
Attenzione: questo libro non è scritto da un guru americano della crescita personale, da uno di quei carismatici santoni che fanno camminare la gente sui carboni ardenti in cambio di migliaia di dollari. Il tono non è da fanatico life coach in grado di esaltare platee di migliaia di persone con il solo potere della persuasione e del pensiero positivo. No, niente di tutto questo. Se cerchi qualcosa del genere, puoi trovare tanto materiale in giro ma evita questo prezioso libro.
Questo libro, infatti, è stato scritto da una persona normalissima, proprio come te. Una giovane ragazza che per una serie di sfide personali, da tempo, si è appassionata al tema dell’autostima e ne ha fatto un vero e proprio culto personale.
“Quante volte hai pensato che il tuo valore possa dipendere direttamente da elementi esterni come il lavoro, l’aspetto fisico o quello che le altre persone pensano di te? Troppe, credo. Ma c’è una buona notizia: non è così. Non è così per me, non è così per te e vorrei dimostrartelo. Mi piacerebbe condividere queste pagine con te, per scoprire insieme cos’è questa famosa autostima, come migliorarla e come capire qualcosa in più sulla persona che sei. Perché tu possa infine amare di più te stesso e di conseguenza gli altri”.
Scopri subito
Qual è il tuo valore
I capisaldi dell’Autostima
Come migliorare l’autostima lavorativa
Come accettarsi (e piacersi) così come si è
Qual è il tuo livello di Autostima
Tutte le accezioni di Autostima
Come conoscersi meglio
Il segreto del gambero
Come farsi guidare dal passato
Il segreto dei muffin
Il segreto dell’orso in letargo
Come creare il tuo angolo “cozy”
Il segreto di Beecher
Come e quando dire SI e dire NO
Il segreto del quadrifoglio
Come attirare la fortuna
Il segreto del grattacielo
Come difendersi dalle opinioni altrui
Il segreto del girasole
Il segreto della lista
Come amare te stesso e gli altri
Il tuo segreto

Attenzione: questo libro non è scritto da un guru americano della crescita personale, da uno di quei carismatici santoni che fanno camminare la gente sui carboni ardenti in cambio di migliaia di dollari. Il tono non è da fanatico life coach in grado di esaltare platee di migliaia di persone con il solo potere della persuasione e del pensiero positivo. No, niente di tutto questo. Se cerchi qualcosa del genere, puoi trovare tanto materiale in giro ma evita questo prezioso libro.
Questo libro, infatti, è stato scritto da una persona normalissima, proprio come te. Una giovane ragazza che per una serie di sfide personali, da tempo, si è appassionata al tema dell’autostima e ne ha fatto un vero e proprio culto personale.
“Quante volte hai pensato che il tuo valore possa dipendere direttamente da elementi esterni come il lavoro, l’aspetto fisico o quello che le altre persone pensano di te? Troppe, credo. Ma c’è una buona notizia: non è così. Non è così per me, non è così per te e vorrei dimostrartelo. Mi piacerebbe condividere queste pagine con te, per scoprire insieme cos’è questa famosa autostima, come migliorarla e come capire qualcosa in più sulla persona che sei. Perché tu possa infine amare di più te stesso e di conseguenza gli altri”.
Scopri subito
Qual è il tuo valore
I capisaldi dell’Autostima
Come migliorare l’autostima lavorativa
Come accettarsi (e piacersi) così come si è
Qual è il tuo livello di Autostima
Tutte le accezioni di Autostima
Come conoscersi meglio
Il segreto del gambero
Come farsi guidare dal passato
Il segreto dei muffin
Il segreto dell’orso in letargo
Come creare il tuo angolo “cozy”
Il segreto di Beecher
Come e quando dire SI e dire NO
Il segreto del quadrifoglio
Come attirare la fortuna
Il segreto del grattacielo
Come difendersi dalle opinioni altrui
Il segreto del girasole
Il segreto della lista
Come amare te stesso e gli altri
Il tuo segreto
**
### Sinossi
Attenzione: questo libro non è scritto da un guru americano della crescita personale, da uno di quei carismatici santoni che fanno camminare la gente sui carboni ardenti in cambio di migliaia di dollari. Il tono non è da fanatico life coach in grado di esaltare platee di migliaia di persone con il solo potere della persuasione e del pensiero positivo. No, niente di tutto questo. Se cerchi qualcosa del genere, puoi trovare tanto materiale in giro ma evita questo prezioso libro.
Questo libro, infatti, è stato scritto da una persona normalissima, proprio come te. Una giovane ragazza che per una serie di sfide personali, da tempo, si è appassionata al tema dell’autostima e ne ha fatto un vero e proprio culto personale.
“Quante volte hai pensato che il tuo valore possa dipendere direttamente da elementi esterni come il lavoro, l’aspetto fisico o quello che le altre persone pensano di te? Troppe, credo. Ma c’è una buona notizia: non è così. Non è così per me, non è così per te e vorrei dimostrartelo. Mi piacerebbe condividere queste pagine con te, per scoprire insieme cos’è questa famosa autostima, come migliorarla e come capire qualcosa in più sulla persona che sei. Perché tu possa infine amare di più te stesso e di conseguenza gli altri”.
Scopri subito
Qual è il tuo valore
I capisaldi dell’Autostima
Come migliorare l’autostima lavorativa
Come accettarsi (e piacersi) così come si è
Qual è il tuo livello di Autostima
Tutte le accezioni di Autostima
Come conoscersi meglio
Il segreto del gambero
Come farsi guidare dal passato
Il segreto dei muffin
Il segreto dell’orso in letargo
Come creare il tuo angolo “cozy”
Il segreto di Beecher
Come e quando dire SI e dire NO
Il segreto del quadrifoglio
Come attirare la fortuna
Il segreto del grattacielo
Come difendersi dalle opinioni altrui
Il segreto del girasole
Il segreto della lista
Come amare te stesso e gli altri
Il tuo segreto

Only registered users can download this free product.

Mangiare libri

Dopo aver dato un rotolo scritto ad Ezechiele, l’ordine di Dio è inequivocabile: mangialo! Sin dall’antichità è esistito un rapporto strettissimo tra leggere un testo e divorarlo (non solo metaforicamente), e tracce di quest’idea si ritrovano nei punti più disparati e impensabili: ecco un piccolo viaggio biblo-gastronomico alla ricerca di uno dei personaggi più influenti e meno studiati del mondo letterario: il mangialibri.

Lucius Etruscus è vice-curatore di ThrillerMagazine e redattore di SherlockMagazine, gestore del database “Gli Archivi di Uruk” e di vari altri blog, come il “CitaScacchi”. Scrive saggi su riviste on line, ha partecipato (sia come giuria che come autore) al romanzo corale “Chi ha ucciso Carlo Lucarelli?” (Bacchilega Editore) e su ThrillerMagazine racconta le indagini del detective bibliofilo Marlowe… non “quel” Marlowe, i cui retroscena sono raccontati nel blog NonQuelMarlowe.

Dopo aver dato un rotolo scritto ad Ezechiele, l’ordine di Dio è inequivocabile: mangialo! Sin dall’antichità è esistito un rapporto strettissimo tra leggere un testo e divorarlo (non solo metaforicamente), e tracce di quest’idea si ritrovano nei punti più disparati e impensabili: ecco un piccolo viaggio biblo-gastronomico alla ricerca di uno dei personaggi più influenti e meno studiati del mondo letterario: il mangialibri.

Lucius Etruscus è vice-curatore di ThrillerMagazine e redattore di SherlockMagazine, gestore del database “Gli Archivi di Uruk” e di vari altri blog, come il “CitaScacchi”. Scrive saggi su riviste on line, ha partecipato (sia come giuria che come autore) al romanzo corale “Chi ha ucciso Carlo Lucarelli?” (Bacchilega Editore) e su ThrillerMagazine racconta le indagini del detective bibliofilo Marlowe… non “quel” Marlowe, i cui retroscena sono raccontati nel blog NonQuelMarlowe.

Only registered users can download this free product.

Malia Gitana (eLit)

**The spymaster** 3
*Inghilterra, 1812*
Costretta a fuggire di casa per proteggere il fratello dalle macchinazioni del cugino, la bella e intraprendente Gwennor decide di trovarsi un marito disposto a farsi carico di entrambi. Viaggiando al seguito di una carovana di zingari, si reca presso un’aristocratica parente e, con l’appoggio di quest’ultima, comincia la sua caccia all’uomo. Durante un ricevimento però incontra Gilen de Mowbry e riconosce in lui l’affascinante sconosciuto che una notte, all’accampamento, l’aveva baciata con passione. Malgrado la travolgente attrazione che prova per Gwen, tuttavia, Gilen sa che le rigide regole che governano l’aristocrazia non gli permettono di reclamare per sé la gitana più coraggiosa e incantevole che sia mai capitata sulla sua strada. Ma proprio quando sembra che per i due non ci sia più speranza…

**The spymaster** 3
*Inghilterra, 1812*
Costretta a fuggire di casa per proteggere il fratello dalle macchinazioni del cugino, la bella e intraprendente Gwennor decide di trovarsi un marito disposto a farsi carico di entrambi. Viaggiando al seguito di una carovana di zingari, si reca presso un’aristocratica parente e, con l’appoggio di quest’ultima, comincia la sua caccia all’uomo. Durante un ricevimento però incontra Gilen de Mowbry e riconosce in lui l’affascinante sconosciuto che una notte, all’accampamento, l’aveva baciata con passione. Malgrado la travolgente attrazione che prova per Gwen, tuttavia, Gilen sa che le rigide regole che governano l’aristocrazia non gli permettono di reclamare per sé la gitana più coraggiosa e incantevole che sia mai capitata sulla sua strada. Ma proprio quando sembra che per i due non ci sia più speranza…

Only registered users can download this free product.

Malacarne: Donne e manicomio nell’Italia fascista

A quarant’anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l’Italia repubblicana. All’istituzione psichiatrica fu consegnata, dall’ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l’assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime, orientata alla difesa della razza e alla realizzazione di obiettivi di politica demografica, attraverso l’eliminazione dalla società dei «mediocri della salute», dei «mediocri del pensiero» e dei «mediocri della sfera morale». Fu così che finirono in manicomio non solo le donne che si erano allontanate dalla norma, ma anche le più deboli e indifese: bambine moralmente abbandonate, ragazze vittime di violenza carnale, mogli e madri travolte dalla guerra e incapaci di superare gli smarrimenti prodotti da quell’evento traumatico. In questo libro i percorsi di queste esistenze perdute vengono finalmente ricomposti, attraverso l’uso sapiente di una ricchissima documentazione d’archivio: diari, lettere, relazioni mediche, cartelle cliniche. Materiali inediti che raccontano la femminilità a partire dalla descrizione di corpi inceppati e che riletti oggi, con sguardo consapevole, possono contribuire a individuare l’insieme dei pregiudizi e delle aberrazioni che hanno alimentato – e in modo nascosto e implicito continuano ancora oggi ad alimentare – l’idea di una «devianza femminile», da sradicare per sempre dal nostro orizzonte culturale. **
### Sinossi
A quarant’anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l’Italia repubblicana. All’istituzione psichiatrica fu consegnata, dall’ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l’assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime, orientata alla difesa della razza e alla realizzazione di obiettivi di politica demografica, attraverso l’eliminazione dalla società dei «mediocri della salute», dei «mediocri del pensiero» e dei «mediocri della sfera morale». Fu così che finirono in manicomio non solo le donne che si erano allontanate dalla norma, ma anche le più deboli e indifese: bambine moralmente abbandonate, ragazze vittime di violenza carnale, mogli e madri travolte dalla guerra e incapaci di superare gli smarrimenti prodotti da quell’evento traumatico. In questo libro i percorsi di queste esistenze perdute vengono finalmente ricomposti, attraverso l’uso sapiente di una ricchissima documentazione d’archivio: diari, lettere, relazioni mediche, cartelle cliniche. Materiali inediti che raccontano la femminilità a partire dalla descrizione di corpi inceppati e che riletti oggi, con sguardo consapevole, possono contribuire a individuare l’insieme dei pregiudizi e delle aberrazioni che hanno alimentato – e in modo nascosto e implicito continuano ancora oggi ad alimentare – l’idea di una «devianza femminile», da sradicare per sempre dal nostro orizzonte culturale.

A quarant’anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l’Italia repubblicana. All’istituzione psichiatrica fu consegnata, dall’ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l’assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime, orientata alla difesa della razza e alla realizzazione di obiettivi di politica demografica, attraverso l’eliminazione dalla società dei «mediocri della salute», dei «mediocri del pensiero» e dei «mediocri della sfera morale». Fu così che finirono in manicomio non solo le donne che si erano allontanate dalla norma, ma anche le più deboli e indifese: bambine moralmente abbandonate, ragazze vittime di violenza carnale, mogli e madri travolte dalla guerra e incapaci di superare gli smarrimenti prodotti da quell’evento traumatico. In questo libro i percorsi di queste esistenze perdute vengono finalmente ricomposti, attraverso l’uso sapiente di una ricchissima documentazione d’archivio: diari, lettere, relazioni mediche, cartelle cliniche. Materiali inediti che raccontano la femminilità a partire dalla descrizione di corpi inceppati e che riletti oggi, con sguardo consapevole, possono contribuire a individuare l’insieme dei pregiudizi e delle aberrazioni che hanno alimentato – e in modo nascosto e implicito continuano ancora oggi ad alimentare – l’idea di una «devianza femminile», da sradicare per sempre dal nostro orizzonte culturale. **
### Sinossi
A quarant’anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l’Italia repubblicana. All’istituzione psichiatrica fu consegnata, dall’ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l’assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime, orientata alla difesa della razza e alla realizzazione di obiettivi di politica demografica, attraverso l’eliminazione dalla società dei «mediocri della salute», dei «mediocri del pensiero» e dei «mediocri della sfera morale». Fu così che finirono in manicomio non solo le donne che si erano allontanate dalla norma, ma anche le più deboli e indifese: bambine moralmente abbandonate, ragazze vittime di violenza carnale, mogli e madri travolte dalla guerra e incapaci di superare gli smarrimenti prodotti da quell’evento traumatico. In questo libro i percorsi di queste esistenze perdute vengono finalmente ricomposti, attraverso l’uso sapiente di una ricchissima documentazione d’archivio: diari, lettere, relazioni mediche, cartelle cliniche. Materiali inediti che raccontano la femminilità a partire dalla descrizione di corpi inceppati e che riletti oggi, con sguardo consapevole, possono contribuire a individuare l’insieme dei pregiudizi e delle aberrazioni che hanno alimentato – e in modo nascosto e implicito continuano ancora oggi ad alimentare – l’idea di una «devianza femminile», da sradicare per sempre dal nostro orizzonte culturale.

Only registered users can download this free product.

Maigret in Corte D’Assise

«D’improvviso ci si trovava immersi in un universo spersonalizzato, dove le parole di tutti i giorni erano come monete fuori corso, dove i fatti più quotidiani si traducevano in formule oscure. La toga nera dei giudici, l’ermellino, la toga rossa dell’avvocato generale accentuavano ancor più quell’impressione di rituale immutabile dove l’individuo veniva annullato». «Eppure il presidente Bernerie conduceva i dibattimenti con la massima pazienza e umanità. Non metteva fretta ai testimoni, non li interrompeva quando sembravano dilungarsi in dettagli inutili». «Con altri magistrati, più rigidi, a Maigret era capitato di stringere i pugni per la stizza e l’impotenza». «Anche oggi sapeva di aver dato solo un riflesso spento, schematico, della realtà. Tutto ciò che aveva appena detto era vero, ma non era riuscito a far sentire il peso delle cose, la loro intensità, il loro fremito, il loro odore». (Le inchieste di Maigret 53 di 75)

«D’improvviso ci si trovava immersi in un universo spersonalizzato, dove le parole di tutti i giorni erano come monete fuori corso, dove i fatti più quotidiani si traducevano in formule oscure. La toga nera dei giudici, l’ermellino, la toga rossa dell’avvocato generale accentuavano ancor più quell’impressione di rituale immutabile dove l’individuo veniva annullato». «Eppure il presidente Bernerie conduceva i dibattimenti con la massima pazienza e umanità. Non metteva fretta ai testimoni, non li interrompeva quando sembravano dilungarsi in dettagli inutili». «Con altri magistrati, più rigidi, a Maigret era capitato di stringere i pugni per la stizza e l’impotenza». «Anche oggi sapeva di aver dato solo un riflesso spento, schematico, della realtà. Tutto ciò che aveva appena detto era vero, ma non era riuscito a far sentire il peso delle cose, la loro intensità, il loro fremito, il loro odore». (Le inchieste di Maigret 53 di 75)

Only registered users can download this free product.

Magia selvaggia. La pietra d’oro: 2

Bandita secoli prima dopo la reclusione degli dei, la magia prosegue il suo lento, inesorabile ritorno. Seguendo il corso parallelo di sei vicende principali, “Magia selvaggia” attraversa le terre di Elda dal nord ghiacciato al vulcanico sud. In questo romanzo, Jude Fisher raccoglie le storie di diversi personaggi: la misteriosa Rosa Eldi, che non ha memoria del proprio passato e la cui bellezza fa impazzire di desiderio qualunque uomo la veda; Virelai, l’assistente stregone che ha catturato la Rosa Eldi e uno strano gatto, la figlia del ricco Tycho Issian, Selen, che porta in grembo un bambino predestinato; Katla Aransen, nel cui sangue scorre l’energia della terra; e il padre di Katla, spinto da una cieca follia a seguire il percorso di una mappa. **

Bandita secoli prima dopo la reclusione degli dei, la magia prosegue il suo lento, inesorabile ritorno. Seguendo il corso parallelo di sei vicende principali, “Magia selvaggia” attraversa le terre di Elda dal nord ghiacciato al vulcanico sud. In questo romanzo, Jude Fisher raccoglie le storie di diversi personaggi: la misteriosa Rosa Eldi, che non ha memoria del proprio passato e la cui bellezza fa impazzire di desiderio qualunque uomo la veda; Virelai, l’assistente stregone che ha catturato la Rosa Eldi e uno strano gatto, la figlia del ricco Tycho Issian, Selen, che porta in grembo un bambino predestinato; Katla Aransen, nel cui sangue scorre l’energia della terra; e il padre di Katla, spinto da una cieca follia a seguire il percorso di una mappa. **

Only registered users can download this free product.