49809–49824 di 65579 risultati

Il coraggio della filosofia

Fondata a Milano da Enzo Paci nel gennaio 1951, “aut aut” rivista filosofica, ha avuto subito un respiro internazionale, per uscire in fretta dal provincialismo culturale di quegli anni. La fenomenologia di Husserl, nella elaborazione originale di Paci, diventa nel periodo successivo una militanza filosofica a tutto campo. Da qui nasce il peculiare marxismo critico del “decennio dei bisogni”, gli anni Settanta, cui segue un lungo itinerario, che arriva fino a oggi, fatto di sforzi per reinventare la filosofia. “Il coraggio della filosofia” raccoglie alcuni dei testi più significativi di sei decenni di lavoro che hanno testimoniato la storia e le trasformazioni della filosofia contemporanea. Nella fase più recente, le analisi del potere di Michel Foucault e quelle dell'”alterità” di Jacques Derrida accompagnano uno scenario in cui incontriamo Warburg, Benjamin, Heidegger, Merleau-Ponty, Deleuze, Lévinas, Jankélévitch, Zambrano, Wittgenstein, Bateson, Goffman, Lacan, insieme ai migliori pensatori italiani (Vattimo e Agamben per esempio). Ci si interroga di nuovo sull’enigma della soggettività attraverso i temi del gioco e del paradosso. Si sonda l’ipotesi alquanto impopolare di un “pensiero debole”. Vengono percorsi molti territori, soprattutto quelli della psicanalisi e della psichiatria critica. Si valorizzano le pratiche e i saperi concreti, le questioni di genere e tutto quell’equipaggiamento di pensiero che può costituire oggi “la politica”, o “le politiche” della filosofia.

La coppa d’oro

La giovane Henrietta De Rivera, appartenente a una ricca famiglia ebrea, s’innamora di Daniel Roth, un uomo anticonformista e dalle idee radicali. Il loro è un rapporto tempestoso e passionale, sullo sfondo della New York di inizio secolo, ma il sentimento che li lega, seppure tenace, rischia di soffocare nelle incomprensioni. Henrietta si scopre tradita dal marito e impotente di fronte alla fragilità del figlio, tuttavia non si arrende al destino e combatte fino all’ultimo per salvare la famiglia e il suo matrimonio.

Le coorti del caos

E’ questa l’epica conclusione del ciclo di ambra. Le forze del male sono alle porte, il mondo sta per essere distrutto. Solo i misteri celati da personaggi scomparsi come Oberon potrebbero salvare la famiglia reale. C’è forse una serpe in seno alla famiglia, alleata con il caos? Cosa significa la visione notturna che Corwin ha avuto nella città di Tir’na Nogh? Sarà troppo tardi per salvare Ambra?

Il controllo totale

###
Quando l’aereo su cui viaggia Jason precipita nella campagna della Virginia, senza lasciare superstiti, la vita di Sidney Archer, moglie e madre felice, viene sconvolta. Sidney è distrutta dal dolore, ma questo è solo l’inizio delle sue sciagure: secondo l’FBI, infatti, l’aereo è stato sabotato, e tutti i sospetti sembrano ricadere proprio su Jason. Ma che motivo poteva avere un uomo tranquillo per compiere una strage? E lui, che fine ha fatto? Chi sta cercando di nascondere a Sidney la verità? Qualcuno che non si fermerà di fronte a nulla.
**

Contro Ratzinger

“Contro Ratzinger” ha per oggetto il messaggio di Benedetto XVI e la sua consistenza etica e filosofica. Il libro prende in esame le istruzioni del prefetto, le conferenze del teologo e i pronunciamenti del papa dall’arrivo a Roma nel 1981 fino alla prima enciclica del gennaio 2006. Ripercorre la sua vita, i suoi atti politici e analizza la sua figura mediatica anche in rapporto a quella del predecessore. È una confutazione, una critica, un pamphlet rigoroso, spesso ironico, a tratti letterario, che si tiene lontano dall’anticlericalismo di maniera proponendosi come strumento utile per capire, necessario per difendersi.

Contro le mostre

È un vizio italiano: produrre mostre blockbuster. Gli ingredienti sono sempre gli stessi: Caravaggio e Leonardo, gli impressionisti, Van Gogh, Picasso, Dalí e Warhol. Ne facciamo circa diecimila l’anno, ma dovremmo avere seri dubbi su questa sarabanda. Innanzitutto perché si tratta quasi sempre di puro intrattenimento: a pagamento, e di bassa qualità. Quasi mai c’è dietro una ricerca originale, e quasi sempre non c’è nulla da imparare: la verità è che privati senza scrupoli e pubbliche autorità senza un progetto mettono a rischio pezzi unici, spesso di valore altissimo. Dobbiamo riprendere a fare esposizioni serie, libere, educative. E c’è un’alternativa più radicale: rompere la gabbia degli eventi, e rituffarci nel fitto contesto di arte e paesaggio che rende l’Italia unica al mondo. Riallacciare il passato al presente, attraverso una conoscenza vera e libera. Fuori dal mercato, nel cuore delle nostre città.

Contro la meritocrazia

“Questo nostro mestiere, che i grandi professori (non a caso chiamati maestri) hanno fatto con passione e rigore, è un compito sociale.Non siamo venditori della merce “sapere’ e neppure i fornitori di un servizio.Siamo, o dovremmo essere, parte di una comunità di liberi e uguali, che ha lo scopo, uno scopo che più degno e importante non si può: accompagnare giovani donne e giovani uomini a diventare cittadini colti e competenti, persone “verticali’, con la schiena dritta, capaci di pensare e di ribellarsi alle ingiustizie, e capaci di farlo perché competenti e istruiti, capaci di sviluppare le loro capacità, i loro talenti, di proteggere le differenze, le relazioni, la cura, e i cui risultati devono dipendere, in ultima istanza, dai loro meriti.”Con il Piccolo Dizionario disperato e demagogico dell’Università curato da Giovanni Azzena e Marco Rendeli e le illustrazioni di Vinicio Bonometto.
(source: Bol.com)

Contro il male

###
Burke, dato per morto da amici e nemici di New York, è nascosto a Seattle. Ha bisogno di soldi e accetta di mettersi sulle tracce di una ragazzina svanita nel nulla. Il padre, un architetto di grido ex hippy, è disposto a far di tutto per riaverla. Nella sua ricerca incontra un gruppo di “terroristi contro il dolore”, pronti a mettere ospedali a ferro e fuoco e a rapinare ambulanze purché a malati cronici o terminali venga garantito il diritto di non soffrire. Fino al ricorso all’eutanasia. Burke, diventato loro alleato, trova più di una verità. Non ultima quella sulla ragazza scomparsa.

Contratto finale

Le sue sorelle hanno avuto un matrimonio da sogno con il loro principe azzurro, ma Giulia Conte no. E nemmeno sembra importarle molto adesso: lavora come top manager nell’azienda di famiglia e questa è la sua vera passione, insieme al suo splendido appartamento di Milano, la città della moda, del lusso e delle nuove tendenze. Ha tutto per essere felice, almeno così crede lei, fino a quando non incontra Sawyer Wells, un uomo d’affari bello da morire che le propone una partnership nella sua catena di raffinatissimi lifestyle hotel. Giulia è reduce da una storia d’amore finita male, e fidarsi dell’amico di suo cognato, con quello sguardo che da solo la indurrebbe a trovare un utilizzo assai poco ortodosso per una sala riunioni… è una scelta più che rischiosa… Ma con la prospettiva di lanciare l’azienda sul mercato mondiale, troverà il coraggio di mescolare I freddi affari alla forza irresistibile della seduzione erotica?
**Jennifer Probst **è l’autrice della serie dei ***Contratti***, di cui fanno parte:
***Contratto indecente***
***Contratto fatale***
***Contratto di passione***
***Contratto finale***
**
### Sinossi
Le sue sorelle hanno avuto un matrimonio da sogno con il loro principe azzurro, ma Giulia Conte no. E nemmeno sembra importarle molto adesso: lavora come top manager nell’azienda di famiglia e questa è la sua vera passione, insieme al suo splendido appartamento di Milano, la città della moda, del lusso e delle nuove tendenze. Ha tutto per essere felice, almeno così crede lei, fino a quando non incontra Sawyer Wells, un uomo d’affari bello da morire che le propone una partnership nella sua catena di raffinatissimi lifestyle hotel. Giulia è reduce da una storia d’amore finita male, e fidarsi dell’amico di suo cognato, con quello sguardo che da solo la indurrebbe a trovare un utilizzo assai poco ortodosso per una sala riunioni… è una scelta più che rischiosa… Ma con la prospettiva di lanciare l’azienda sul mercato mondiale, troverà il coraggio di mescolare I freddi affari alla forza irresistibile della seduzione erotica?
**Jennifer Probst **è l’autrice della serie dei ***Contratti***, di cui fanno parte:
***Contratto indecente***
***Contratto fatale***
***Contratto di passione***
***Contratto finale***

Contratto di passione

Carolina Conte è innamorata fin da quando era piccola del migliore amico del fratello Michael, Max Gray. Ma benché, adesso sia cresciuta, si sia laureata e lavori nell’azienda di Michael di cui Max è CEO, la sua famiglia continua a trattarla come il brutto anatroccolo di casa e Max sembra notarla appena. Finché, complice una conferenza con cena a seguire, Carolina e Max trascorrono insieme una notte di passione cui segue, per imposizione della famiglia, un matrimonio riparatore. Max si sente in trappola, Carolina è furiosa, il matrimonio inizia con una guerra… combattuta in camera da letto senza esclusione di colpi.
**Jennifer Probst **è l’autrice della serie dei ***Contratti***, di cui fanno parte:
***Contratto indecente***
***Contratto fatale***
***Contratto di passione***
***Contratto finale***
**
### Sinossi
Carolina Conte è innamorata fin da quando era piccola del migliore amico del fratello Michael, Max Gray. Ma benché, adesso sia cresciuta, si sia laureata e lavori nell’azienda di Michael di cui Max è CEO, la sua famiglia continua a trattarla come il brutto anatroccolo di casa e Max sembra notarla appena. Finché, complice una conferenza con cena a seguire, Carolina e Max trascorrono insieme una notte di passione cui segue, per imposizione della famiglia, un matrimonio riparatore. Max si sente in trappola, Carolina è furiosa, il matrimonio inizia con una guerra… combattuta in camera da letto senza esclusione di colpi.
**Jennifer Probst **è l’autrice della serie dei ***Contratti***, di cui fanno parte:
***Contratto indecente***
***Contratto fatale***
***Contratto di passione***
***Contratto finale***

Il conte misterioso

Amanda Cynster è arcistufa dei soliti corteggiatori insipidi che da anni frequenta ai balli dell’alta società. Vorrebbe invece sentimenti forti, uomini intrepidi e una vita selvaggia. Così una notte s’intrufola fra persone e in luoghi che nessuna ragazza perbene dovrebbe conoscere, alla ricerca dell’uomo dei suoi desideri. Con suo stupore, però, si rende conto che in quell’ambiente lei è solo un pesce fuor d’acqua, e se non fosse per Martin, un conte seducente e temerario, sarebbe davvero nei guai… Ma in fondo non è proprio lui l’uomo che stava cercando?

Contatto con l’inumano

Primo contatto, Incontri ravvicinati del terzo tipo, Contatto cosmico, Relazioni aliene: il comun denominatore di questi famosi film e racconti di fantascienza è l’appuntamento con creature che non sono di questo mondo. I contatti con l’inumano che i Classici di Urania vi offrono questo mese, dal canto loro, non hanno da temere alcuna concorrenza, e sintetizzano in modo perfetto uno dei temi più celebri della sf, permettendovi di spaziare dal vero e proprio confronto con gli extraterrestri alla minaccia spaventosa di qualcosa che nessuno sa definire, nemmeno Scotland Yard; dai mostri di domani a quelli, non meno raccapriccianti, di ieri e di oggi. Ma soprattutto, in tempo di vacanze, vi portano una ventata di brivido cosmico quando persino l’aria condizionata non basta ad alleviare la “rassicurante” presenza dei nostri vicini di stanza e d’ombrellone.
Indice:
1. Il caso della bambina sostituita (When I Come Back) di Jonathan Burke
2. La chiocciola sotto il viadotto (Lonely Road) di Richard Wilson
3. Genio relativo (Relative Genius) di Philip E. High
4. Baxbr (BAXBR/DAXBAR) di Evelyn E. Smith
5. Non aveva l’… (Mewhu’s Jet) di Theodore Sturgeon
6. Gli emigranti dal volto azzurro (Beside the Golden Door) di Henry Slesar
7. Dalle due alle tre e mezzo (Ghost Don’t Kill) di Franco Lucentini
Copertina di Oscar Chichoni

Contatto col nemico

Tutte le guerre sono fantascientifiche: i carri degli egizi, gli elefanti di Annibale, i segnali di fumo usati da Giulio Cesare in Illiria, i cavalli usati da Cortez in Messico, ebbero, al loro primo impiego, un valore d’arma segreta, di astuta e terrorizzante novità, al pari del radar o di un robot d’assalto. Per questo, e non perchè siano particolarmente bellicosi, gli scrittori di fantascienza, da Verne e Wells in poi, si sono sempre ispirati volentieri al tema della guerra, che offre indubbiamente un terreno ideale per le narrazioni avveniristiche. Ne abbiamo raccolte alcune in questa antologia, e senza pretendere di influenzare gli stati maggiori, riteniamo che valga la pena di meditare sul senzazionale rovesciamento d’alleanze esposto da Philip Dick, sul Terzo Reich immaginato da Harry Harrison, sul povero “generale schiacciabottone” presentato da Edmund Cooper. E per non essere accusati, come spesso accade agli strateghi, di avere la vista corta, abbiamo tenuto conto di altre ipotesi, da quelle tutte terrestri, di pura azione e movimento, di Lee Vernon, a quelle lunari di Leinster, a quelle addirittura teologiche del diabolico Ray Russell.
Indice:
Modello due (Second Variety, 1953) di Philip K. Dick
B. N. in arrivo (Death Watch, 1511) di Edmund Cooper
Il buco della serratura (Keyhole, 1958) di Murray Leinster
Traduzione di Mario Galli
Battaglia (Battle, 1955) di Roger Lee Vernon
Incidente nello spazio (The City and the Ship, 1955) di Roger Lee Vernon
Terzo Reich parallelo (Down to Earth, 1963) di Harry Harrison
Sto ritornando (I Am Returning, 1961) di Ray Russell
Copertina: Karel Thole