49729–49744 di 72802 risultati

Le ossa del ragno

Dalle acque di un lago nel Québec affiora un involucro di plastica contenente i resti umani di un uomo morto per asfissia associata ad attività autoerotica. Dalle analisi risulta che il cadavere è quello di John Charles Lowery, dichiarato morto nel lontano 1968 in Vietnam, dove, a causa della sua passione per i ragni, gli era stato affibbiato il soprannome di ”Spider”. A chi appartengono allora le spoglie restituite quarant’anni prima alla famiglia di Lowery e sepolte nel North Carolina? Temperance Brennan, impegnata a identificare le ossa senza nome, arriva alle Hawaii, al JPAC, l’ente responsabile dell’identificazione dei cittadini americani morti in guerra. Tra misteriose sparizioni e identità violate, la vera storia di Lowery assume sempre più i contorni di uno scandalo, portando alla luce segreti mai confessati.

(source: Bol.com)

L’ospite

L’ospite è il titolo di questa raccolta di novelle pubblicata da Grazia Deledda e curata da Carlo Mulas.
“L’ospite” contiene quattro novelle: L’ospite, Un giorno, Don Evéno e Due miracoli, ed è la terza raccolta di novelle edite dalla Deledda, attraverso le quali si affermò nel panorama letterario, non solo come originale autrice di romanzi, ma anche come una delle migliori interpreti italiane nella produzione di novelle e racconti.
“L’ospite” è un’opera al femminile e non è un caso che la Deledda l’abbia dedicata a Grazia Pierantoni Mancini, scrittrice e traduttrice di grande prestigio non solo in Italia ma anche all’estero. Sì, perché le protagoniste di questi racconti sono proprio le donne, così simili e così diverse tra loro, ma fortemente rappresentative di un universo che la scrittrice nuorese indagherà in maniera magistrale nel corso della sua evoluzione artistica e della costruzione del proprio stile narrativo.
**
### Sinossi
L’ospite è il titolo di questa raccolta di novelle pubblicata da Grazia Deledda e curata da Carlo Mulas.
“L’ospite” contiene quattro novelle: L’ospite, Un giorno, Don Evéno e Due miracoli, ed è la terza raccolta di novelle edite dalla Deledda, attraverso le quali si affermò nel panorama letterario, non solo come originale autrice di romanzi, ma anche come una delle migliori interpreti italiane nella produzione di novelle e racconti.
“L’ospite” è un’opera al femminile e non è un caso che la Deledda l’abbia dedicata a Grazia Pierantoni Mancini, scrittrice e traduttrice di grande prestigio non solo in Italia ma anche all’estero. Sì, perché le protagoniste di questi racconti sono proprio le donne, così simili e così diverse tra loro, ma fortemente rappresentative di un universo che la scrittrice nuorese indagherà in maniera magistrale nel corso della sua evoluzione artistica e della costruzione del proprio stile narrativo.

L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani

Il nichilismo che è la negazione di ogni valore è anche quello che Nietzsche chiama “il più inquietante fra tutti gli ospiti”. Siamo nel mondo della tecnica e la tecnica non tende a uno scopo, non produce senso, non svela verità. Fa solo una cosa: *funziona*. Finiscono sullo sfondo, corrosi dal nichilismo, i concetti di individuo, identità, libertà, senso, ma anche quelli di natura, etica, politica, religione, storia, di cui si è nutrita l’età pretecnologica. Chi più sconta la sostanziale assenza di futuro che modella l’età della tecnica sono i giovani, contagiati da una progressiva e sempre più profonda insicurezza, condannati a una deriva dell’esistere che coincide con il loro assistere allo scorrere della vita in terza persona. I giovani rischiano di vivere parcheggiati nella terra di nessuno dove la famiglia e la scuola non “lavorano” più, dove il tempo è vuoto e non esiste più un “noi” motivazionale. Le forme di consistenza finiscono con il sovrapporsi ai “riti della crudeltà” o della violenza (gli stadi, le corse in moto ecc.).
C’è una via d’uscita? Si può mettere alla porta l’ospite inquietante? Nell’ultimo capitolo, *Il segreto della giovinezza*, Galimberti lascia pensare che disvelare ai giovani la loro “pienezza”, la loro “espansività” sia il primo passo per ricondurre a verità il salmo 127: “Come frecce in mano a un eroe sono i figli della giovinezza”.

Ospedale da Combattimento

Lontano, al confine della Galassia dove i sistemi stellari sono distanti l’uno dall’altro e l’oscurità è quasi assoluta, l’Ospedale da Combattimento del Settore Dodici galleggia nello spazio. Nei suoi trecentottantaquattro livelli sono riprodotti gli ambienti di tutte le forme di vita intelligente della Federazione Galattica, uno spettro biologico che va dalle gelide forme di vita al metano, attraverso i tipi più normali rappresentati dai respiratori di ossigeno e cloro, fino agli esseri più esotici, che vivono grazie alla conversione diretta delle radiazioni. L’ospedale rappresenta un miracolo di ingegneria, tecnica e psicologia e tutti i medici si vantano che nessun caso clinico sia troppo grande o disperato per la loro capacità.

Un oscuro segreto

IL PRIMO VOLUME DELLA SERIE DI ALEX CRAFT!Alex Craft è una strega e può parlare con i morti, ma questo non significa che le piaccia quello che hanno da dire…Come consulente della polizia, Alex Craft ha avuto a che fare spesso con la magia nera, ma nulla le è mai apparso così pericoloso come questo ultimo caso. Qualcosa di insolito cerca di aggredirla e qualcuno, subito dopo, cerca di ucciderla, qualcuno che non vuole che lei sappia cosa hanno da dire i morti questa volta. Per scoprire la verità, Alex Craft dovrà lavorare a stretto contatto con l’affascinante quanto misterioso detective della sezione omicidi Falin Andrews, e il loro incontro potrebbe trasformarsi in qualcosa di intimo e seducente…

(source: Bol.com)

Un oscuro bisogno di uccidere. Storie nere tra follia e malvagità

Ci sono storie di cronaca nera che rimangono scritte in maniera indelebile nella nostra memoria. Tutti noi ricordiamo almeno uno dei grandi casi di omicidio che hanno riempito le pagine dei giornali di questi ultimi anni. Magari perché ci è sembrato, in quel momento, particolarmente assurdo, o perché le indagini che ne sono seguite ci hanno tenuto con il fiato sospeso, proprio come in un romanzo giallo. E quando poi l’assassino è stato catturato, non abbiamo potuto fare a meno di domandarci se fossimo di fronte a un malato di mente oppure a un lucido e consapevole criminale. Se noi ci poniamo questa domanda quasi per gioco e rinunciamo a darci una risposta definitiva, c’è chi, come Massimo Picozzi, a simili dubbi deve rispondere per professione.

Oscuri segreti di famiglia

**«Non mi ero accorta di trattenere il respiro fino a quando non ho girato l’ultima pagina.»
Angela Marsons
Un grande thriller
Bestseller internazionale
Hanno detto che la bambina è scomparsa quella notte. Stavano mentendo. 
“Chiedo scusa a tutti per l’email collettiva, ma ho disperatamente bisogno del vostro aiuto. La mia figlioccia, Coco jackson, è scomparsa dalla casa della sua famiglia a Bournemouth nella notte tra domenica e lunedì 30 agosto, il fine settimana scorso. Coco ha tre anni.”**
Quando la piccola Coco sparisce durante una festa di compleanno in famiglia, i media impazziscono. I suoi genitori, infatti, sono ricchi e influenti, così come gli amici che ospitavano nella loro casa al mare. Ma che cos’è successo davvero a Coco? Dodici anni dopo le persone presenti durante quella terribile notte si ritrovano per la prima volta riunite ancora, per celebrare il funerale del padre della bambina scomparsa. E i segreti del passato cominceranno gradualmente a riemergere. 
**Miglior libro dell’anno per il Guardian
Un thriller che non lascia scampo**
«Non mi ero accorta di trattenere il respiro fino a quando non ho girato l’ultima pagina.»
**Angela Marsons**
«Spaventoso come l’inferno. Personaggi fantastici.»
**Stephen King**
«La Marwood sta emergendo come un vero maestro della suspense britannica contemporanea.»
**Booklist**
«Un mistero crudele e ingegnoso. Pieno di colpi di scena, appassionante e mostruosamente divertente.»
**New York Times**
«Geniale.»
**The Atlantic**
**Alex Marwood**
È lo pseudonimo di una giornalista inglese. Il suo libro di esordio, *The Wicked Girls*, ha vinto il premio Edgar come il miglior romanzo. *Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada* (Newton Compton), suo secondo lavoro, ha vinto il premio Macavity come Miglior Romanzo Mystery, ed è stato selezionato per i premi Anthony e Barry come miglior Paperback Originale. James Franco e Ahna O’Reilly hanno acquisito i diritti per realizzarne un film.* Oscuri segreti di famiglia *è il suo nuovo attesissimo romanzo.

Oscure gioie: Bijoux de Deuil

Nell’alta società di Londra si mormora che sia più bello di Dorian Gray e più cinico di suo zio, Lord Henry Wotton. E, in effetti, Sebastian Fane, conte di Darlington, potrebbe dare lezioni di dissolutezza a chiunque.
Durante la sua vita è sempre stato abituato a prendere ciò che vuole: infrange cuori maschili e femminili senza scrupolo alcuno, consumando le passioni con la medesima noncuranza che riserva alle sue sigarette. Ma il corso del suo destino è destinato a mutare quando, in una sordida taverna di Whitechapel, si troverà a incrociare le armi per difendere un giovane sconosciuto.
Raven Armitage è bello e sfuggente, con un accento francese e una voce melodiosa che rendono impossibile non cedere alle sue incantevoli menzogne. Per la prima volta nell’esistenza di Sebastian, sarà qualcun altro a imporre le regole del gioco, accendendo in lui una passione che minaccia di travolgerlo senza possibilità di scampo.
Nella Londra di fine Ottocento, divisa tra la tradizione della nobiltà e l’avvento del futuro, ha così inizio un’indagine pericolosa, una caccia all’uomo tra il lusso delle sale da ballo e lo squallore delle fumerie d’oppio, una lotta senza quartiere contro un nemico che si nutre della magia più oscura e che schiera ai suoi ordini un esercito di morti per arrivare a insidiare anche la vita di Sua Maestà la Regina…

Oscura tentazione

Catapultato nel regno dei Wolfyn, Dyan ha aspettato per vent’anni la donna che gli avrebbe permesso di tornare a Elden. Ma Reda, l’umana che potrebbe ricondurlo a casa, sembra restia ad aiutarlo malgrado l’attrazione che divampa tra loro. E a lui non resta che sfoderare tutto il proprio fascino per convincerla.
Nel frattempo il più giovane degli eredi perduti, Micah, privato della memoria, è diventato il guardiano dell’Abisso. Solo Liliana conosce la vera identità di quel mostro bellissimo e senza cuore. Solo lei riesce a scorgere il principe di un tempo sotto l’orribile corazza che lo ricopre. È disperatamente innamorata di lui, ma per realizzare il proprio sogno deve prima aiutarlo a ricordare… Sperando che anche lui sappia vedere oltre le apparenze e si fidi di ciò che gli suggerisce il cuore.

Un’oscura Marea

Come se riprendersi da un intervento al cuore sotto lo sguardo attento di una famiglia iperprotettiva non fosse abbastanza, uno sconosciuto cerca ripetutamente di introdursi nel negozio di libri di Adrien English.

Quando uno scheletro vecchio quasi mezzo secolo sbuca fuori da un muro durante i lavori di ristrutturazione della Cloak and Dagger, Adrien si rivolge al suo ex-amante, l’affascinante Jake Riordan, che, in seguito al suo coming out, ha cominciato a lavorare come investigatore privato.

Jake è ben felice di avere una scusa per stare vicino ad Adrien, ma il passato del giovane libraio nasconde più sorprese di quante entrambi possano immaginare… e una di esse potrebbe rivelarsi fatale per il cuore dell’avvenente detective.
(source: Bol.com)

L’oscura immensità della morte

Nel corso di una rapina, un malvivente prende in ostaggio una donna e il figlio di otto anni e li uccide. L’uomo viene condannato all’ergastolo. Ma per Silvano Contin, al quale hanno ammazzato moglie e figlio, la sentenza non basta. Quel giorno ha perso tutto e si ritrova prigioniero della solitudine e della memoria. Quindici anni dopo l’omicida, colpito da un tumore inguaribile, chiede la grazia e quindi necessariamente il perdono di Contin. La risposta di quest’uomo, devastato dal dolore e avvolto dall’oscura immensità della morte, è il cuore di questo romanzo. Due tragedie si fondono, alimentate dall’incapacità dello stato a dare risposte certe alle vittime e ai “cittadini detenuti” rinchiusi in affollati istituti di pena. Da questo romanzo è stato tratto lo spettacolo teatrale con Giulio Scarpati e Claudio Casadio, per la regia di Alessandro Gassman.

(source: Bol.com)

Orwell: la solitudine di uno scrittore

Dalla decisiva esperienza della guerra civile spagnola alla battaglia libertaria nel dopoguerra, Orwell e stato uno dei piu lucidi e coraggiosi interpreti delle tragedie del Novecento. Questo avvincente racconto biografico ripercorre i momenti piu salienti della vita del grande scrittore, soffermandosi in particolare sui suoi ultimi dieci anni. Le circostanze piu private (la quotidianita sotto le bombe, la morte della moglie Eileen, la ricerca di un nuovo affetto, la paternita, la malattia) s’intrecciano con la ricostruzione del contesto politico e intellettuale in cui nacquero La fattoria degli animali e 1984. Al centro dei due capolavori, la riflessione sul totalitarismo e sul suo devastante potere di manipolare la verita dei fatti sostituendo a essa le menzogne di volta in volta piu utili al potere. Una ricca bibliografia ragionata indica quali opere sono state consultate e studiate in relazione a ciascun capitolo del volume: ne deriva una sezione che guida alla scoperta delle opere di Orwell e dei maggiori saggi di critica.

Orwell

George Orwell è stato uno dei più lucidi e coraggiosi interpreti delle tragedie del Novecento. Questo racconto biografico ripercorre i momenti più salienti della vita del grande scrittore: le circostanze private si intrecciano con la ricostruzione del contesto storico e politico in cui nacquero i suoi capolavori “La fattoria degli animali” e “1984”. Una biografia appassionante come un romanzo.
★★★★★ «Un saggio coinvolgente e intenso».
IL GIORNALE
★★★★★ «Dalla bella e completa opera di Marrocu viene fuori tutto il travaglio ideologico e politico dello scrittore inglese».
IL SECOLO D’ITALIA
★★★★★ «Un percorso ideale e creativo molto intenso che Marrocu segue passo passo, sostenuto da una bibliografia folta e da un’evidente empatia verso George l’eretico».
L’UNIONE SARDA
**

Gli orologi di Einstein, le mappe di Poincaré. Imperi del tempo

Come esplorare i grandi imperi del tempo? La via fu indicata all’inizio del secolo scorso dalla teoria della relatività (1905). Questo studio ricostruisce l’avventura di due giganti del pensiero, Albert Einstein e Henri Poincaré, che cambiarono il volto della fisica moderna, senza dimenticare che una svolta di questo genere non consta solo di numeri e figure, ma anche di una trama sottile di intuizioni che nacquero al tempo in cui treni, orologi, telegrafo ed espansione coloniale stavano sconvolgendo il destino dell’Europa. A cento anni di distanza, il racconto di Galison è anche l’occasione per un bilancio della cosiddetta “crisi della scienza europea”, che è stata crisi di crescita, cioè di conquista di nuovi orizzonti.
**

Gli orologi del diavolo: Infiltrato tra i narcos, tradito dallo Stato

Gennaio 2005.
Gianfranco Franciosi, per tutti Gianni, ha venticinque anni e un talento innato come meccanico navale.
A Bocca di Magra lo conoscono tutti, le sue giornate trascorrono tra casa, cantiere e il ristorante di famiglia dove passa per litigare con il padre.
Un giorno riceve una strana visita: due clienti offrono un anticipo da cinquantamila euro in contanti per un gommone velocissimo, con doppio fondo ed equipaggiato con radar e GPS. Gianni si insospettisce, va alla polizia e accetta di aiutare gli investigatori a capirci di più.
Sembra una cosa destinata a risolversi in fretta, invece Gianni scivola in un gioco più grande di lui e, con il passare dei mesi, diventa un agente infiltrato a tutti gli effetti.
Inizia così la sua seconda vita: quattro anni di viaggi in Sudamerica per trasportare enormi quantità di cocaina, quattro anni di festini con i narcos e di riunioni di emergenza con la polizia, quattro anni di paura. Diventa fratello acquisito del boss spagnolo Aurelio e guadagna una collezione di Rolex (“uno per ogni affare che faremo insieme”) ma al tempo stesso perde tutto: l’amore della sua donna, la famiglia, il lavoro. Persino la libertà, quando finisce in carcere vicino a Marsiglia e ci resta quasi un anno perché bruciare la copertura vorrebbe dire condannarsi a morte.
Quando finalmente la polizia conclude il più grande sequestro di droga mai avvenuto in Europa, Gianni è pronto a riprendersi la sua vita, ma Aurelio sfugge all’arresto e vuole vendetta. È l’inizio di un incubo che continua ancora oggi: Gianni deve rinunciare alla sua identità e sparire nel nulla.
Gli orologi del diavolo, scritto con il giornalista Federico Ruffo, che per primo ha raccontato la storia di Gianni in una sua inchiesta a Presadiretta , è l’odissea di un uomo usato come esca e poi abbandonato dallo Stato. Ma soprattutto è una vicenda incredibile, tesa ed emozionante come un thriller ma vera dalla prima all’ultima pagina.
**
### Sinossi
Gennaio 2005.
Gianfranco Franciosi, per tutti Gianni, ha venticinque anni e un talento innato come meccanico navale.
A Bocca di Magra lo conoscono tutti, le sue giornate trascorrono tra casa, cantiere e il ristorante di famiglia dove passa per litigare con il padre.
Un giorno riceve una strana visita: due clienti offrono un anticipo da cinquantamila euro in contanti per un gommone velocissimo, con doppio fondo ed equipaggiato con radar e GPS. Gianni si insospettisce, va alla polizia e accetta di aiutare gli investigatori a capirci di più.
Sembra una cosa destinata a risolversi in fretta, invece Gianni scivola in un gioco più grande di lui e, con il passare dei mesi, diventa un agente infiltrato a tutti gli effetti.
Inizia così la sua seconda vita: quattro anni di viaggi in Sudamerica per trasportare enormi quantità di cocaina, quattro anni di festini con i narcos e di riunioni di emergenza con la polizia, quattro anni di paura. Diventa fratello acquisito del boss spagnolo Aurelio e guadagna una collezione di Rolex (“uno per ogni affare che faremo insieme”) ma al tempo stesso perde tutto: l’amore della sua donna, la famiglia, il lavoro. Persino la libertà, quando finisce in carcere vicino a Marsiglia e ci resta quasi un anno perché bruciare la copertura vorrebbe dire condannarsi a morte.
Quando finalmente la polizia conclude il più grande sequestro di droga mai avvenuto in Europa, Gianni è pronto a riprendersi la sua vita, ma Aurelio sfugge all’arresto e vuole vendetta. È l’inizio di un incubo che continua ancora oggi: Gianni deve rinunciare alla sua identità e sparire nel nulla.
Gli orologi del diavolo, scritto con il giornalista Federico Ruffo, che per primo ha raccontato la storia di Gianni in una sua inchiesta a Presadiretta , è l’odissea di un uomo usato come esca e poi abbandonato dallo Stato. Ma soprattutto è una vicenda incredibile, tesa ed emozionante come un thriller ma vera dalla prima all’ultima pagina.

L’oro perduto

«I libri della Sigma Force sono il massimo della letteratura di intrattenimento.»The New York Times«I protagonisti della Sigma Force sono grandiosi come i romanzi di questa serie imperdibile.»Publisher WeeklyUn’avventura della Sigma Force Vol. 9 (Racconto breve)Budapest, 1945. Un gruppo di soldati nazisti, capitanato dall’Oberfürer Erhard Bock, ruba trentasei casse di lingotti d’oro dalla banca nazionale ungherese. Ma, con l’armata rossa alle porte, Bock è costretto a nascondere il bottino in un luogo sicuro, un luogo in cui non riuscirà mai più a tornare.Budapest, oggi. Non appena la vede, Tucker Wayne capisce che la donna è nei guai. Cammina troppo di fretta, ha lo sguardo terrorizzato ed è pedinata da tre uomini vestiti di nero. Tucker non sa chi sia quella giovane, né conosce il motivo per cui viene seguita. Però una cosa è certa: ha bisogno d’aiuto. Quando Tucker era nell’esercito, le operazioni di salvataggio erano la sua specialità. Così, sebbene adesso non sia più un soldato, decide d’intervenire. Quella buona azione lo trascinerà in un pericolosissimo vortice d’intrighi e tradimenti: perché la posta in gioco è un tesoro rimasto sepolto per oltre sessant’anni.