49441–49456 di 65579 risultati

Due

«Chi meglio della signora Némirovsky, e con un’arma più affilata, ha saputo scrutare l’anima passionale della gioventù del 1920, quel suo frenetico impulso a vivere, quel desiderio ardente e sensuale di bruciarsi nel piacere?» scrisse, all’uscita di questo libro, il critico Pierre Loewel. Le giovani coppie che vediamo amoreggiare in una notte primaverile (la Grande Guerra è finita da pochi mesi, e loro sono i fortunati, quelli che alla carneficina delle trincee sono riusciti a sopravvivere) hanno, apparentemente, un solo desiderio: godere, in una immediatezza senza domani, ignorando «il lato sordido» della vita, soffocando «la paura dell’ombra». Eppure, quasi sulla soglia del romanzo, uno dei protagonisti si pone una domanda – «Come avviene, nel matrimonio, il passaggio dall’amore all’amicizia? Quando si smette di tormentarsi a vicenda e si comincia finalmente a volersi bene?» – che ne costituirà il filo conduttore. Con mano ferma, e con uno sguardo ironicamente compassionevole, Irène Némirovsky accompagna i suoi giovani personaggi, attraverso le intermittenze e le devastazioni della passione, fino alla quieta, un po’ ottusa sicurezza dell’amore co niugale. A volte, certo, alcuni di loro rimpiangeranno « l’ebbrezza triste e folle del l’amore», e a quasi tutti accadrà di inoltrarsi, almeno per un po’, nelle vie perigliose dell’adulterio; ma il tempo riserverà loro una sorprendente rivelazione: che quell’« essere due» che del matrimonio costituisce l’essenza e «il flusso discontinuo, lento e possente dell’amore coniugale» conferiscono alla coppia una sorta di «invincibilità».

Il Duca Leto

Tutto l’impero galattico è fondato sugli intrighi, tutte le Case regnanti complottano per acquistare nuovo potere. Soprattutto ora, che il centenario imperatore è morto per mano del proprio figlio. Anche il giovane Leto Atreides si trova improvvisamente a prendere le redini della Casa, dopo che suo padre, il Duca, è caduto vittima di un tradimento. Per il nuovo Duca, però, non vi è neppure il tempo di piangere il lutto. Leto deve resistere all’offensiva finale degli Harkonnen, rivali di sempre e dominatori del pianeta più importante dell’Impero: Arrakis. O meglio Dune, come lo chiamano i suoi abitanti, l’unico sul quale si produce la droga della lunga vita, che permette ai piloti spaziali di attraversare distanze immense.

Il duca e io

Londra, 1813. A un ballo Simon, duca di Hastings, aiuta Daphne a liberarsi da un improbabile corteggiatore. Subito fra i due giovani nasce una forte intesa e, quando entrambi scoprono di ricevere pressioni dalle rispettive famiglie perché si sposino altrimenti, decidono di fingersi innamorati. Frequentando il giovane, il cuore di Daphne cede all’amore, anche se Simon non fa mistero di non volere una moglie e tanto meno una famiglia…

Drood

Nel giugno del 1865, durante un viaggio in compagnia della sua amante, Charles Dickens rimane coinvolto in un incidente ferroviario, in seguito al quale incontra un sinistro personaggio di nome Drood che cambierà per sempre la sua vita. Il racconto degli avvenimenti che seguirono è affidato al suo migliore amico ed eterno rivale, Wilkie Collins, autore di libri come “La donna in bianco” e “La pietra di luna”, che viene coinvolto in una serie di indagini nell’underworld di Londra, attraverso sotterranei oscuri e misteriosi, colonie umane di derelitti, fumerie d’oppio clandestine, pratiche di mesmerismo e sette segrete. Quando Drood sembra avvicinarsi alle loro ricerche, egli viene messo da parte da Dickens, il quale comincia a mostrare segnali inquietanti di cambiamento. Come se non bastasse, anche Collins inizia ad avere visioni inspiegabili, allucinazioni, un senso costante di minaccia. Provato fisicamente e mentalmente ma avvinto da questo gioco mortale, Collins si dibatte tra la paura della follia e il dubbio che tutto faccia parte di un diabolico piano della creatura che si fa chiamare Drood. Centrato sulle figure di due degli scrittori inglesi più influenti della modernità, è un romanzo storico-letterario sul mistero dell’ultimo omonimo romanzo rimasto incompiuto di Dickens, un inquietante racconto sovrannaturale e un’indagine psicologica sui recessi più oscuri della mente umana. Un’opera ambiziosa nella produzione narrativa di uno dei maestri contemporanei del romanzo americano.

Dritto al cuore

Dritto al cuore by Flavia Pennetta
“La linea di fondocampo è il posto più dimenticato del tennis. Lì posso dire e fare di tutto: il mondo mi guarda, ma nessuno mi raggiunge.” Il tennis è lo sport più individuale di tutti e chi vuole emergere deve diventare una macchina fredda, egoista, sola contro il resto del mondo. Bisogna avere costanza nell’allenarsi, sapere rinunciare alle tentazioni, girare il mondo come una trottola, sopportare che chiunque si senta in diritto di esprimere giudizi su di te, anche a sproposito. È una vita di cui si vedono solo le luci, che invece ha anche moltissime ombre. Flavia Pennetta è una delle migliori tenniste del circuito, ma è rimasta una ragazza semplice, allegra, con una gran voglia di vivere. La prima professionista italiana a entrare nella top ten, la numero uno del doppio, con tre Fed Cup vinte, non ha mai smarrito la coscienza di sé e delle sue origini. In Dritto al cuore la Pennetta racconta la sua favola sportiva e personale. È la storia di una ragazzina che nasce in una bella famiglia del Sud con il tennis nel sangue, di un’adolescente che si diverte a fare il maschiaccio ma è molto sensibile all’amore, di un’aspirante tennista alta quanto la rete che affronta l’età del cambiamento lontana da casa, di una giocatrice che combatte su ogni palla e raggiunge i suoi obiettivi, di una donna che vuole vincere tutto, nello sport e nella vita privata. E che oggi si ritrova a un solo punto dal match.

Un drink prima di uccidere

###
Il senatore Mulkern è un uomo potente, ma il suo potere non è senza ombre. E quando Jenna, una donna di colore che faceva le pulizie alla State House di Boston, scompare con alcuni documenti, Mulkern si rivolge ai detective Pat Kenzie e Angie Gennaro per rintracciarla. Roba che scotta, questioni politiche riservate, dice il senatore. I due non sanno ancora che scovare quella donna significa decretare la sua condanna a morte. Infatti Jenna muore, crivellata di colpi subito dopo aver dato a Kenzie una foto. Rifiutando di consegnare quella foto, Pat si attira le ire di Mulkern e allo stesso tempo quelle di due delle principali bande di strada di Boston, che all’improvviso si mettono sul piede di guerra e minacciano di infiammare la città.
**

Dream Runner: In corsa per un sogno

Aveva pochi mesi di vita quando una malattia congenita lo ha obbligato ad affrontare la sua prima sfida, l’amputazione delle gambe. Così Oscar ha imparato subito a fare a meno dei suoi piedi, ma senza smettere un attimo di correre: grazie all’aiuto di protesi speciali è diventato una stella dell’atletica internazionale, stabilendo diversi record nella sua categoria e gareggiando con grande successo contro i migliori corridori normodotati del mondo. In questa nuova edizione aggiornata della sua autobiografia, Oscar Pistorius racconta il percorso straordinario che lo ha portato alla recente avventura olimpica di Londra 2012. La storia sincera e trascinante di un ragazzo normale che, con talento e determinazione, è diventato un uomo, e un atleta, in grado di superare i propri limiti.
**
### Sinossi
Aveva pochi mesi di vita quando una malattia congenita lo ha obbligato ad affrontare la sua prima sfida, l’amputazione delle gambe. Così Oscar ha imparato subito a fare a meno dei suoi piedi, ma senza smettere un attimo di correre: grazie all’aiuto di protesi speciali è diventato una stella dell’atletica internazionale, stabilendo diversi record nella sua categoria e gareggiando con grande successo contro i migliori corridori normodotati del mondo. In questa nuova edizione aggiornata della sua autobiografia, Oscar Pistorius racconta il percorso straordinario che lo ha portato alla recente avventura olimpica di Londra 2012. La storia sincera e trascinante di un ragazzo normale che, con talento e determinazione, è diventato un uomo, e un atleta, in grado di superare i propri limiti.

Dream Box

Penelope DR, la detective sintetica proveniente dal pianeta Entierres, indago su alcune morti sospette. La motivazione ufficiale è suicidio provocato da sogni artificiali sballati. Ma alla tesi del suicidio DR non crede. Tra folle di immigrati e di mutanti, di freak e di “morelos”, Dr risolve il caso a modo suo, scoperchiando il segreto della MultiD, la prima multinazionale dei Sogni proibiti.
Copertina di Jacopo Bruno
Versione per libreria di Urania #1308
NOTA: In contemporanea a questo volume ed all’Urania originale è stata pubblicata anche un’edizione destinata alla Grande Distribuzione e priva di ISBN ma identica per il resto alla versione Libreria.

Il dramma di Corte Rossa

Pochi scrittori che si sono cimentati nel romanzo poliziesco hanno prodotto un classico al primo, e in questo caso anche ultimo, tentativo. Milne, celeberrimo creatore dell’orsetto Winnie-the-Pooh, è passato alla storia anche per questo giallo pubblicato nel 1922. Considerato dal critico Alexander Woollcott “uno dei tre migliori mystery di tutti i tempi”, è un esempio magistrale della detective story di scuola anglosassone di cui sfrutta alcuni temi caratteristici, non ultimo l’ambientazione nella sonnolenta ma tutt’altro che innocua campagna inglese. L’importanza di Milne risiede anche nell’avere inaugurato la serie di detective con un approccio “scanzonato” al crimine mediante il personaggio di Anthony Gillingham, investigatore dilettante faceto e bizzarro. Questi si trova coinvolto in uno strano caso allorché, durante una vacanza, decide di fare visita all’amico Bill, che è ospite di una grande villa, la Corte Rossa del titolo. Quando arriva, scopre che il fratello del padrone di casa, appena tornato da una lunga permanenza in Australia, giace sul pavimento dello studio con una pallottola in fronte. Poiché la polizia locale brancola nel buio, l’indagine viene presa in mano da Gillingham e da Bill, che funge da “Watson”. La tortuosità dell’intreccio, il suo charme d’altri tempi, il suo essere, in ultima analisi, un capolavoro di artificio ne fanno un’opera, come la definì Rex Stout, “semplicemente incantevole”.

Il drago rinato

“La sua venuta sarà come la lama affilata di un aratro, dissoderà le nostre vite in solchi, fuori da quel luogo in cui giacciamo in silenzio. Egli è colui che spezza i legami, il forgiatore delle catene, il costruttore del futuro, il modificatore del destino.” L’Ultima Battaglia si avvicina, e cosí lo scontro finale tra il Drago Rinato e il Tenebroso: l’Ombra è pronta a oscurare ogni luogo del mondo. La Ruota del tempo sarà spezzata e le Epoche verranno ricostruite a immagine del Male. Ma Rand può salvare l’umanità, accettando il suo ruolo di Drago Rinato e trovando Callandor, l’antica spada del Drago, la spada che non può essere toccata, la spada che non è una spada… I destini di ognuno sono legati a quello di Rand. Mat combatte fra la vita e la morte a causa della contaminazione di Shadar Logoth, mentre Perrin è scisso fra il mondo degli umani e quello dei lupi. La missione di Moiraine, proteggere Rand e far sí che le Profezie si avverino, diventa sempre piú difficile e l’Aes Sedai sarà costretta a ricorrere a metodi proibiti da millenni per combattere la Progenie dell’Ombra. L’addestramento alla Torre Bianca di Nynaeve, Egwene ed Elayne prende svolte insolite, gli inseguitori si trasformano in inseguiti, l’esca e la preda si confondono, in un alternarsi di ruoli e pericoli innominabili…

Il drago di bronzo

“Vediamo ancora… Berkeley, California: Barry Francis Cowan, età diciassette anni, statura 1,75, scomparso da casa quindici mesi fa. Abbiamo telegrafato al signor Cowan, e arriverà stasera in aereo per l’identificazione…” “Non avevo niente, addosso, quando mi avete ricoverato? Voglio dire, documenti, chiavi, soldi?” “Solo i vestiti.” “E nelle tasche?” Il dottor Bannon aprì il cassetto del tavolino da notte e tirò fuori un oggetto. “Ottanta centesimi, che sono in direzione, in una busta. E poi questo.” Mi porse l’oggetto. Era grande più o meno come una zampina di coniglio, era di bronzo, e aveva la forma di un piccolo drago. Lungo circa cinque centimetri, ma un drago, un Drago di Bronzo… Chissà perchè, lo pensai subito con le maiuscole. Lo esaminai, con un senso di orrore. Non mi piaceva toccarlo… E il drago sembrò crescere, riempire tutta la stanza… Di colpo, senza pensarci, mi misi a urlare. “No, Rellin! No!” Poi tutto diventò d’un nero meraviglioso, vellutato.

I draghi della notte d’inverno. Le cronache. DragonLance

Sul mondo incombono orrende sciagure ora che gli eroi sono stati separati. L’oscura profezia e incubi agghiaccianti li tormentano, mentre vanno alla ricerca dei misteriosi globi dei draghi e della leggendaria Dragonlance… Un drappello di eroi risolleva le sorti del mondo, ma si tratta di una tregua fragile e precaria, che potrebbe dissolversi per sempre nel freddo pungente d’una notte d’inverno. Cavalieri e barbari, elfi e guerrieri, gnomi, maghi sapienti dai poteri occulti continuano la loro ricerca della leggendaria Dragonlance e la lotta senza esclusione di colpi contro Takhisis, la Regina delle Tenebre.
**

I draghi dell’alba di primavera. Le cronache. DragonLance

L’arrivo della primavera fa rinascere la speranza, gli eroi, armati della leggendaria Dragonlance, combattono per sconfiggere i draghi malvagi, ma anche le proprie debolezze, che potrebbero rivelarsi la causa della rovina del mondo. Il dubbio condurrà Tanis sull’orlo del baratro e Raistlin dovrà scegliere tra le tenebre e la luce, mentre Laurana dovrà ingegnarsi per evitare l’insidiosa trappola che le è stata sapientemente tesa. Ma sarà il misterioso Uomo della Gemma Verde a reggere le sorti della disperata battaglia contro la Regina delle Tenebre.
**