48977–48992 di 65579 risultati

Le grandi storie della fantascienza

“Il 1958 è anno di transizioni. Profondi cambiamenti sono imminenti, ma ancora non si manifestano, li annunciano un nuovo papa aperto all’innovazione, e un dirigente sovietico che ha reso esecrabile il nome di Stalin. Tuttavia la guerra fredda è in pieno corso, la minaccia atomica è più che mai concreta, le superpotenze si sfidano in vari quadranti del mondo. Nell’antologizzare i racconti di fantascienza più significativi di quell’anno, Asimov non si sbilancia. 1 Inserisce sia il conservatore Poul Anderson che C. M. Kornbluth. militante comunista (come lo era stato il suo amico Frederik Pohl) qui al suo ultimo lavoro, prima della morte prematura. La fantascienza “sociologica” si mescola a quella avventurosa, inclusa la versione poetica e sognante di Clifford Simak. Cacce ai dinosauri si alternano a riferimenti precisi a un mondo in pericolo e alla spettacolarizzazione della morte (Robert Sheckley). Quale che sia il taglio narrativo e la finalità ideologica, la narrativa proposta è in ogni caso adulta, stimolante, vivace, traboccante di idee. L’elenco dei film di sf presenti sugli schermi statunitensi nel 1958, che Asimov compila, dà la misura della distanza tra la letteratura fantascientifica e la sua presunta trasposizione cinematografica. Tra “Ho sposato un mostro venuto dallo spazio” e il meno convincente dei racconti dell’antologia c’è un abisso. L’ultimo mestierante seduto alla macchina da scrivere umilia pellicole che oggi possono divertire, ma che all’uscita erano semplicemente avvilenti. La fantascienza letteraria non imita il cinema. e ci vorrà ancora un decennio perché il grande schermo le si possa avvicinare, con affanno. Ma non imita nemmeno la narrativa mainstream, cui si guarda dal somigliare. E cosa a sé, stimolo cerebrale, cultura in divenire. Un unicum interessato a orizzonti lontani, da cui analizzare sia il futuro che il presente.” (Valerio Evangelisti)

I grandi romanzi

• Oliver Twist• David Copperfield• Tempi difficili• Le due città• Grandi speranze• Racconti di NataleEdizioni integraliForse non esiste un altro scrittore che sia stato capace di raccontare una città come Dickens ha descritto Londra. Le sue strade, ora larghe e percorse da eleganti carrozze, ora viuzze fetide, a stento illuminate dalle lanterne degli antri frequentati da uomini e donne di malaffare; la sua gente, dipinta in grandi affreschi vivacissimi, come nelle descrizioni del tribunale dove vengono condannate folle di debitori insolventi, o ritratta da vicino, così vicino da mostrare gli occhi arrossati dall’alcool o dal pianto di una prostituta, la bocca piegata in una smorfia amara dei bambini già ladri a dodici anni. La grande metropoli rimane sullo sfondo anche quando racconta la vita della provincia e scrive dei Tempi difficili degli operai che allora conoscevano lo sfruttamento introdotto dalla rivoluzione industriale, mentre i figli nelle scuole venivano depredati con sadismo della fantasia e degli affetti; e scrive di Grandi speranze che fioriscono sulle rovine del passato, con tante fatiche e dolori. Vuole, Dickens, sempre un lieto fine alle sue storie, che tutto si risolva come nella notte di Natale di Scrooge, o nella storia di David Copperfield: ma spesso l’accento non è posato con eleganza sul bel finale, sul bel matrimonio, sul cattivo che diventa buono. L’accento, anche con sfumature ironiche irresistibili, cade sembra a malincuore sulla disperazione che invade la vita quotidiana di tanti uomini e donne (le sue eroine “negative” sono figure splendide) sofferenti senza colpa, sulla cattiveria contro i bambini e gli indifesi; Dickens è immenso quando si accosta ai perdenti. Pensiamo a Oliver Twist, nato in un ospizio per poveri, e lo vediamo non con indosso i begli abiti da giovane aristocratico che alla fine conquisterà, ma vestito di stracci, sporco di fango e fumo, mentre corre con la sua banda di piccoli ladri nelle strade della grande, maleodorante, popolatissima, splendida Londra.Charles Dickensnacque a Portsmouth nel 1812. Trascorse l’infanzia a Chatham e poi seguì il padre in un traumatico trasferimento a Londra. Della metropoli in cui visse fece il centro ispiratore della sua arte, il centro di un quadro vivo e mobile, un caleidoscopio armonico e colorato di personaggi, conflitti sociali, umori e fermenti della sua epoca. Morì nel 1870. La Newton Compton ha pubblicato Le due città, Grandi speranze, Oliver Twist, Tempi difficili e, nella collana Mammut, David Copperfield e I grandi romanzi.

(source: Bol.com)

I grandi romanzi e i racconti

• Al di qua del Paradiso• Belli e dannati• Il grande Gatsby• Tenera è la notte• Racconti dell’età del jazzIntroduzione di Walter MauroPremesse di Massimo Bacigalupo, Giancarlo Buzzi e Walter MauroEdizioni integraliNessuno come Scott Fitzgerald è riuscito a rendere l’atmosfera, i personaggi e lo stile di vita di quella particolare epoca della storia americana nota come “l’età del jazz” e a raccontare le vicende dei suoi giovani protagonisti. È la generazione degli “anni ruggenti”, vissuta con e tra due guerre, viziati rampolli di famiglie ricche persuasi che ormai tutti gli dèi siano caduti, che ogni morale e codice comportamentale siano ipocriti e desueti. Vogliono trovare altri valori, nuovi modelli. Ma è una ricerca disordinata, che spesso si perde nel caos della ‘giostra dell’illusorio’, nell’autolesionismo dell’alcool e della droga, nella follia. Alla fine della loro corsa sfrenata troveranno amarissime delusioni, così come l’America del benessere e dell’euforico inseguimento del “sogno americano” precipiterà nell’abisso della grande crisi del 1929. Allora niente più lustrini e stravaganze, amori folli, atteggiamenti provocatori e disinibiti, solo la ricerca di un po’ di sicurezza nella bufera. La meravigliosa villa bianca di Gatsby, dove tutto è perfetto, dove è perfino possibile trovare e ritrovare l’amore vero (la felicità?), è solo una facciata. È un inganno? Può darsi che lo sia, come sono un inganno le favole. O forse sono bellissimi sogni, in cui si dimenticano dolori, miserie, solitudini, malattie, volgarità. Tutto è sospeso, fino al risveglio. Francis Scott Fitzgeraldnacque a St. Paul, Minnesota, nel 1896. Iniziò a scrivere giovanissimo, fin dai tempi della scuola. Pubblicò il suo primo romanzo nel 1920. Seguirono alcune raccolte di racconti e infine Il grande Gatsby (1925), che basterebbe da solo ad assicurare allo scrittore un posto di rilievo nella narrativa americana. Dopo avere goduto di uno straordinario successo, morì quasi dimenticato a Hollywood nel 1940. Di Fitzgerald la Newton Compton ha pubblicato anche Belli e dannati, Racconti dell’età del jazz, Tenera è la notte e il volume unico I grandi romanzi e i racconti.
(source: Bol.com)

Le Grandi Pesche Nei Mari Australi

Volume composto da quattro brevi racconti di avventura in mare. Pur nella diversità di ambientazione, i racconti sono accomunati dalla forte influenza dei romanzi di Herman Melville, soprattutto del più famoso racconto dello scrittore inglese, quello che narra della grande e tragica caccia del capitano Achab alla balena Moby Dick.
**
### Sinossi
Volume composto da quattro brevi racconti di avventura in mare. Pur nella diversità di ambientazione, i racconti sono accomunati dalla forte influenza dei romanzi di Herman Melville, soprattutto del più famoso racconto dello scrittore inglese, quello che narra della grande e tragica caccia del capitano Achab alla balena Moby Dick.

I grandi personaggi del Rinascimento

**Da Lorenzo il Magnifico a Cesare Borgia, da Leonardo da Vinci a Caterina de’ Medici, uomini e donne che hanno fatto rinascere l’Italia
Da Lorenzo il Magnifico a Cesare Borgia, I personaggi che hanno fatto grande il Rinascimento sono tanti. Questo libro parla dei più importanti, di tutti quelli che hanno nobilitato la loro terra e che con le loro imprese hanno cambiato il corso della storia. **
Uomini e donne di cui chiunque ha sentito parlare almeno una volta nella vita: regnanti, papi, scienziati, mecenati e artisti illustrissimi. Queste pagine vi sveleranno tutto delle loro vite e delle azioni o opere per le quali si sono distinti, facendovi conoscere molto di più di ciò che è comunemente noto. Da Lorenzo il Magnifico a Giulio II, da Cesare Borgia a Leonardo da Vinci, da Machiavelli a Galilei: Sara Prossomariti mostra l’umanità che si cela spesso dietro al mito.
**Le storie e i retroscena dei protagonisti di un periodo rivoluzionario
Tra i personaggi trattati nel libro:**
I MECENATI
• Federico da Montefeltro (1422-1482) • Lorenzo il Magnifico (1449-1492)
I VICARI DI CRISTO
• Papa Borgia (1431-1503) • Papa Giulio II (1443-1513)
I SIGNORI DELLA GUERRA
• Cesare Borgia (1475-1507) • Elisabetta I d’Inghilterra (1533-1603)
PITTORI, SCULTORI, MUSICISTI E ARCHITETTI
• Sandro Botticelli (1445-1510) • Michelangelo Buonarroti (1475-1564)
LETTERATI, FILOSOFI E STORICI
• Niccolò Machiavelli (1469-1527) • Giordano Bruno (1548-1600) 
SCIENZIATI E ASTRONOMI
• Niccolò Copernico (1473-1543) • Galileo Galilei (1564-1642)
ESPLORATORI, CONQUISTATORI E NAVIGATORI
• Cristoforo Colombo (1451-1506) • Hernán Cortés (1485-1547)
**Sara Prossomariti**
È nata nel 1984 e vive e lavora a Mondragone. Laureata in Storia e Archeologia, ha collaborato con la rivista «Civiltà Aurunca». Opera come volontaria presso il Gruppo Archeologico Napoletano da più di dieci anni e ha partecipato a diversi scavi archeologici in Grecia e in Italia. Guida Turistica autorizzata della Campania, per la Newton Compton ha pubblicato* I personaggi più malvagi dell’antica Roma*,* I signori di Napoli*, *Un giorno a Roma con gli imperatori*, *I grandi personaggi del Rinascimento* e, con Andrea Frediani, *Le grandi famiglie di Roma antica*.
**
### Sinossi
**Da Lorenzo il Magnifico a Cesare Borgia, da Leonardo da Vinci a Caterina de’ Medici, uomini e donne che hanno fatto rinascere l’Italia
Da Lorenzo il Magnifico a Cesare Borgia, I personaggi che hanno fatto grande il Rinascimento sono tanti. Questo libro parla dei più importanti, di tutti quelli che hanno nobilitato la loro terra e che con le loro imprese hanno cambiato il corso della storia. **
Uomini e donne di cui chiunque ha sentito parlare almeno una volta nella vita: regnanti, papi, scienziati, mecenati e artisti illustrissimi. Queste pagine vi sveleranno tutto delle loro vite e delle azioni o opere per le quali si sono distinti, facendovi conoscere molto di più di ciò che è comunemente noto. Da Lorenzo il Magnifico a Giulio II, da Cesare Borgia a Leonardo da Vinci, da Machiavelli a Galilei: Sara Prossomariti mostra l’umanità che si cela spesso dietro al mito.
**Le storie e i retroscena dei protagonisti di un periodo rivoluzionario
Tra i personaggi trattati nel libro:**
I MECENATI
• Federico da Montefeltro (1422-1482) • Lorenzo il Magnifico (1449-1492)
I VICARI DI CRISTO
• Papa Borgia (1431-1503) • Papa Giulio II (1443-1513)
I SIGNORI DELLA GUERRA
• Cesare Borgia (1475-1507) • Elisabetta I d’Inghilterra (1533-1603)
PITTORI, SCULTORI, MUSICISTI E ARCHITETTI
• Sandro Botticelli (1445-1510) • Michelangelo Buonarroti (1475-1564)
LETTERATI, FILOSOFI E STORICI
• Niccolò Machiavelli (1469-1527) • Giordano Bruno (1548-1600) 
SCIENZIATI E ASTRONOMI
• Niccolò Copernico (1473-1543) • Galileo Galilei (1564-1642)
ESPLORATORI, CONQUISTATORI E NAVIGATORI
• Cristoforo Colombo (1451-1506) • Hernán Cortés (1485-1547)
**Sara Prossomariti**
È nata nel 1984 e vive e lavora a Mondragone. Laureata in Storia e Archeologia, ha collaborato con la rivista «Civiltà Aurunca». Opera come volontaria presso il Gruppo Archeologico Napoletano da più di dieci anni e ha partecipato a diversi scavi archeologici in Grecia e in Italia. Guida Turistica autorizzata della Campania, per la Newton Compton ha pubblicato* I personaggi più malvagi dell’antica Roma*,* I signori di Napoli*, *Un giorno a Roma con gli imperatori*, *I grandi personaggi del Rinascimento* e, con Andrea Frediani, *Le grandi famiglie di Roma antica*.

La grande strategia dell’impero bizantino

È grazie a una gestione attenta della finanza, della potenza e dell’integrazione culturale che uno degli imperi più solidi e duraturi della storia – quello bizantino – si è mantenuto stabile. L’accorta strategia politica e militare che ha permesso a Bisanzio di superare indenne le invasioni barbariche, il crollo del gemello d’occidente, gli scontri religiosi, l’avanzata di bulgari, arabi e turchi era basata su un vero e proprio “saccheggio culturale”. L’impero assorbiva idee, innovazioni, e non da ultimo tecniche militari dei popoli conquistati. E ne faceva il proprio punto di forza.

La grande storia delle crociate

Sono passati più di nove secoli da quando papa Urbano II bandì la crociata che avrebbe riversato sulle strade d’Oriente decine di migliaia d’uomini giunti da ogni parte d’Europa. Il prezzo che la cristianità pagò per questa prima spedizione fu pesante, ma l’espansione turca fu arrestata, Costantinopoli liberata e il Santo Sepolcro sottratto agli infedeli. Da allora le crociate ebbero un altro obiettivo: la difesa di quegli Stati latini carichi di memorie bibliche, dove accorrevano i pellegrini d’Occidente. Le sconfitte non fecero vacillare l’attenzione per la Terra Santa e, attratti dalle indulgenze e dai privilegi spirituali legati alla liberazione dei luoghi santi, i cristiani continuarono a rispondere all’appello dei papi. Epopea esaltante d’autentica fede ed eroismo secondo alcuni, tempi di tenebre secondo altri, che videro in esse operazioni spregiudicate, frutto di ipocrisia, crudeltà e cinismo, le crociate furono uno degli episodi salienti della storia. Al di sopra di tutte le polemiche, Jean Richard ci offre una narrazione magistrale di questa avventura che per due secoli mise in contrasto Occidente e Oriente, offrendo loro anche l’opportunità di conoscere un mondo diverso.
**

Un grande gelo

«Un autore da seguire e da amare. Uno scrittore di noir costruiti con intelligenza e capacità letterarie non comuni.»
**Il Giornale**
«Indriðason si conferma abile a indagare passioni e sentimenti (anche i più morbosi) senza cedere al buonismo.»
**Corriere della Sera**
«Ho già letto almeno cinque libri con protagonista il commissario Erlendur Sveinsson: sono ben scritti…»
**Andrea Camilleri**
In una Reykjavík avvolta nella coltre di un inverno che sembra il più freddo di sempre, l’agente Erlendur Sveinsson affronta un caso che lo costringe a confrontarsi con i fantasmi di un passato che lo tormenta. La morte di Elías, dieci anni, madre thailandese e padre islandese, trovato accoltellato in mezzo alla neve in un giardino, lo tocca nel profondo. Non è solo l’ennesimo omicidio su cui investigare, è una vicenda che alimenta in lui l’angoscia per quel fratello perso da piccolo nella brughiera nel pieno di una bufera… Non c’è tempo, però, di abbandonarsi ai ricordi dolorosi: il burbero poliziotto e la sua squadra iniziano un delicato lavoro di indagine. Il fratellastro di Elías è scomparso: sarà implicato nella morte del piccolo oppure teme per la propria vita? Dagli interrogatori emerge una realtà di tensioni razziali nascosta sotto la superficie dell’immagine liberale e multiculturale che l’Islanda si vanta di avere. Nessuna pista viene trascurata, ma la verità si rivelerà molto semplice…
«L’Islanda ha trovato il suo Mankell… Assolutamente nordico, un narratore che rappresenta un marchio di grande qualità. Erlendur è un personaggio meraviglioso.»
**Die Welt**
«Misteri ricchi di pathos… Uno scrittore che merita davvero di essere letto.»
**The Daily Telegraph**
«L’agente Erlendur, un antieroe in versione islandese… un personaggio interessante, sintomatico del marcio e del non detto della società contemporanea.»
**L’Express**
(source: Bol.com)

Il grande disegno

Avevamo lasciato gli eroi di Farmer – dai più semplici ai più famosi, da un resuscitato qualsiasi a spiriti illustri come l’esploratore Richard Burton e Mark Twain – lungo le rive di un fiume immenso, su un pianeta sconosciuto dove per motivi misteriosi tutta l’umanità risorge dopo la morte. Ora si tratta di scoprire qual è il disegno oscuro, il motivo insomma, che si nasconde dietro questa grandiosa macchinazione. Man mano che procede, questa saga dantesca si arricchisce di nuovi elementi e nuovi personaggi, costruendo davanti ai nostri occhi un mondo straordinario per varietà e ricchezza d’invenzione. Mescolando abilmente mito, letteratura fantastica, satira sul presente e il futuro, *Il grande disegno* resta uno dei capolavori più godibili della sf moderna. Giustamente, Leslie Fiedler ha scritto che Farmer è il più grande autore vivente di fantascienza.

Il grande contagio

Nel 1963, all’epoca della prima edizione di questo grande romanzo, Carlo Fruttero scriveva: “Dall’Inghilterra ci viene un’altra di quelle magistrali e paurose cronache dove tutto è quotidiano, riconoscibile, ‘vero’; e dove a un tratto entra in scena un elemento imprevisto che sconvolge la società, getta nell’anarchia la nostra vita ben ordinata, riduce gli uomini a bestie impazzite dal terrore che lottano disperatamente per sopravvivere. Come i ‘trifidi’ di Wyndham, questo inarrestabile contagio diventerà uno dei classici della fantascienza”. Nel 2009, all’epoca della consacrazione su Urania Collezioni”, non possiamo che confermare: così è stato.
Copertina di Franco Brambilla

Il grande buio

Anche nella Londra degli anni novanta, sopravvivono tuttora, alcuni nascosti angoli d’epoca vittoriana, palazzi, teatri, osterie e scantinati fuori dal tempo, dove ancora pulsano la forza e lo splendore dell’Impero Britannico. Quando una serie di misteriosi e spettacolari omicidi inizia a falcidiare una delle più ricche e antiche famiglie della City di Londra, gli ispettori Bryant e May, della Sezione Crimini Speciali, si scoprono prigionieri di una impensabile rete di eventi, che pare aver origine proprio nel buio e misterioso passato della Londra vittoriana. Tra Sette di Occultisti e segreti di famiglia che si intrecciano con la storia economica delle maggiori corporazioni mercantili della vecchia Inghilterra, per i due detectives prende l’avvio una disperata lotta contro il tempo. Chi, dal buio più antico e profondo della città, sta organizzando lo sterminio di tutti i discendenti di )arnes M. Whitstable?
Inizia così l’ultimo sensazionale romanzo di Christopher Fowler, uno fra i nuovi e indiscussi maestri del thriller.

Il grande buio

Il Grande Buio è un thriller d’esordio di un grande nuovo talento, caratterizzato da un originale detective, il sergente Frederick Troy, figlio di un distinto emigrato russo. Dei bambini che giocano dove poco prima è caduta una bomba nell’East End durante il blitz della seconda guerra mondiale e trovano un braccio mozzato. Questo non è un omicidio ordinario e Troy è presto sulle tracce di una rete di spionaggio tedesca attraverso un labirinto di cospirazione e tradimento.

Grammatica facile. Un corso completo di grammatica con didattica interattiva e autoverifica immediata

Grammatica facile è un corso interattivo di grammatica in formato epub3, il più avanzato degli eBook. Inoltre, l’epub3 è fruibile su tutti i device (PC, Mac, Tablet).
In maniera essenziale e graduale, con attività interattive da svolgere passo passo direttamente sul device, sono spiegate le regole basilari dell’italiano a tutti i livelli: fonetico, morfologico, lessicale, sintattico.
Il corso è organizzato in Unità, ciascuna delle quali si apre con una semplice lettura iniziale con attività di comprensione del testo. Seguono brevi e chiari paragrafi, ricchi di schematizzazioni, con la trattazione delle principali regole della lingua presenti nella lettura ed esercitazioni interattive.
Gli esercizi interattivi sono di due tipi, a seconda del grado di difficoltà: a risposta chiusa con autoverifica immediata (lo studente con un clic può visualizzare se ha svolto correttamente o no l’esercizio e ritentarlo) e a risposta aperta (lo studente svolge, compilandolo a video, l’esercizio e può salvarlo sul suo device, stamparlo, o inviarlo al docente per la correzione).
A fine unità Lo spazio del Lessico affronta argomenti lessicali con esercitazioni specifiche; seguono gli Esercizi di fine unità, una batteria completa di esercizi per la verifica dell’apprendimento da parte del docente.
Grazie alle funzionalità del formato, il testo è anche ricco di link sia a voci di glossario sia a regole spiegate precedentemente.
Grammatica facile: un modo nuovo ed efficace per recuperare, consolidare, rafforzare le competenze linguistiche di Italiano.

Graffio sulla pelle (eLit)

Shifters – vol. 3 – Sfodera gli artigli e difenditi…
Accusata di aver trasformato l’ex fidanzato in un mutaforma e di averlo ucciso per coprire le proprie tracce, Faythe si ritrova sotto processo. Mentre aspetta il verdetto, all’improvviso compare un’enigmatica ragazzina, Kaci, con la quale soltanto lei sembra in grado di stabilire un rapporto. Ma salvare quella giovane indifesa dal randagio che le dà la caccia e se stessa dalle lotte per il potere del consiglio degli Alpha si rivelerà tutt’altro che facile. E forse questa volta nemmeno l’amore di Marc basterà a proteggerla.
Titoli della serie:
1) Il graffio della pantera
2) Il graffio della notte
3) Graffio sulla pelle
4) Graffio assassino
5) Graffio sull’anima
6) L’ultimo graffio
**
### Sinossi
Shifters – vol. 3 – Sfodera gli artigli e difenditi…
Accusata di aver trasformato l’ex fidanzato in un mutaforma e di averlo ucciso per coprire le proprie tracce, Faythe si ritrova sotto processo. Mentre aspetta il verdetto, all’improvviso compare un’enigmatica ragazzina, Kaci, con la quale soltanto lei sembra in grado di stabilire un rapporto. Ma salvare quella giovane indifesa dal randagio che le dà la caccia e se stessa dalle lotte per il potere del consiglio degli Alpha si rivelerà tutt’altro che facile. E forse questa volta nemmeno l’amore di Marc basterà a proteggerla.
Titoli della serie:
1) Il graffio della pantera
2) Il graffio della notte
3) Graffio sulla pelle
4) Graffio assassino
5) Graffio sull’anima
6) L’ultimo graffio
### L’autore
3