48817–48832 di 66541 risultati

L’ombra del faraone

Erica Baron, egittologa americana, ha realizzato il suo sogno più grande: un viaggio al Cairo. Finalmente potrà ammirare i resti archeologici della civiltà che ama e decifrarne il complicato linguaggio geroglifico. Immediatamente però la studiosa si trova coinvolta in una spirale di delitti, sparizioni improvvise, inseguimenti mozzafiato. Una statua d’oro di Seti I sembra avere il dono di provocare morti a catena: così, disdegnando la maledizione del faraone e scontrandosi con criminali disposti a tutto, anche a ucciderla, Erica s’improvvisa detective e compie la sua più importante scoperta scientifica. **

L’ombra del coyote

Sinossi

La vita di Harry Bosch è un disastro. La sua casa sulle colline di Los Angeles, danneggiata dal terremoto, è destinata alla demolizione. La sua donna lo ha lasciato e lui si è attaccato alla bottiglia con una perseveranza che lo sta distruggendo. Come se non bastasse, è stato sospeso dalla polizia per aver aggredito il suo capo. Ora è costretto a recarsi in terapia da una psicologa, la dottoressa Carmen Hinojos, che dovrebbe aiutarlo a modificare i suoi comportamenti violenti. La strada per la “redenzione” passa attraverso una tragedia che lo ossessiona da sempre, senza che sia mai stato capace di affrontarla veramente: la morte di sua madre, una giovane prostituta, uccisa brutalmente trent’anni prima. Bosch inizia così una sua indagine personale per scoprire l’assassino, rimasto impunito per tutto quel tempo.

Un’ombra ben presto sarai

Un esperto di informatica lascia l’Europa e torna nella sua Argentina, attratto dalla possibilità di vivere grandi esperienze dopo la caduta dei militari. Ma il treno su cui viaggia si blocca in campagna: sembra la fine del viaggio, è però l’inizio di un andirivieni sconclusionato. Al personaggio si accompagna un acrobata di 120 chili che ha dovuto vendere il circo, prima di essere abbandonato dalla moglie, dal socio e dai figli; un poveretto che gira per la campagna con una doccia portatile con cui fa il bagno ai contadini; un banchiere che, respinto dalla sua donna è deciso a tutto pur di sbancare il casinò; una giovane coppia; una cartomante con tanto di revolver. Tutti insieme danno vita a un romanzo di personaggi che vanno a fondo.

Ombra

Alma apre gli occhi. Incredula, con la testa dolorante, si ritrova su un pavimento di legno, all’interno di un negozio del centro. Accanto a lei, il corpo senza vita del vecchio cartolaio, che lei ben conosce e che tanto spesso, col suo sorriso gentile, le ha regalato un momento di conforto nelle sue giornate. Non ci sono dubbi: è l’ennesima vittima dei Master, le creature provenienti dal mondo malefico che getta la sua ombra sulla Città. Alma non può fare altro che fuggire, sempre più terrorizzata e sola. Morgan, l’enigmatico ragazzo dagli occhi viola, l’unico che sembrava capirla e conoscerla davvero, è scomparso nel nulla. Senza di lui, la scuola è solo una stanza vuota. Alma non prova più gioia nel suo cuore, nemmeno per l’amica Seline, che sembra finalmente serena vicino ad Adam. Del resto, quando è stata l’ultima volta che Alma si è sentita felice? Com’è possibile che non sia mai riuscita a legarsi a un ragazzo prima di Morgan? E perché anche nei suoi riguardi quel che sente, in fondo, è solo tanta confusione? Le risposte, scoprirà, hanno a che fare con la sua stessa natura e le sue vere, oscure origini. Risposte affidate agli occhi di una ragazza di cui Alma fissa incredula la fotografia esposta a una mostra, riconoscendovi il proprio ritratto. Risposte che giacciono sott’acqua. In quell’acqua in cui lei, chissà perché, non può, non riesce a immergersi. Quelle risposte sono a portata di mano, nel mondo parallelo di My Land da cui Alma proviene, al di là di una porta chiusa che solo Morgan può insegnarle ad aprire e di cui lei, senza saperlo, possiede già la chiave. Dopo il successo di Buio, continua con Ombra la saga di My Land, mentre si fa sempre più serrata la lotta di Alma per sfuggire al suo destino e al richiamo del malvagio Leviatano, riaffermando la sua libertà di vivere e amare.

Olympos: La Guerra degli Immortali

Gli eventi avrebbero dovuto ripetersi come Omero li ha raccontati nell'”Iliade”. Su Marte, però, ai piedi del monte Olimpo, la guerra di Troia ha preso una svolta inaspettata. Thomas Hockenberry, ex docente universitario di lettere richiamato in vita perché sorvegliasse lo svolgimento dei fatti, ha convinto troiani e achei a combattere insieme contro i presunti dèi. Non sa che, fra gli immortali, c’è chi congiura per rovesciare il governo di Zeus. E intanto semina discordia per riportare Agamennone alla testa degli achei e spezzare l’innaturale alleanza con i troiani. L’antica ostilità fra i due popoli riaffiora, infatti, quando essi sono costretti a ritirarsi sulla piana di Ilio dopo il collasso del tunnel quantico che la collega a Marte. Solo Achille rimane nel regno degli onnipotenti, nella speranza di costringerli a restituire la vita a Pentesilea, la regina delle amazzoni di cui, complice il filtro magico di Afrodite, si è innamorato subito dopo averla uccisa in duello. Sul pianeta Phobos, nel frattempo, i moravec – esseri cibernetici creati dai mortali e loro alleati – costruiscono una nave spaziale per andare sulla Terra a scoprire chi è responsabile delle modificazioni genetiche da cui si sono generati gli dèi e delle manipolazioni dello spazio-tempo che rischiano di provocare la distruzione del sistema solare. Li attende uno spettacolo desolante, un pianeta sconvolto su cui si combatte un’allucinata battaglia. Dopo aver perduto la tecnologia che assicurava loro cento anni di vita in perfetta salute, gli ultimi post-umani sono costretti infatti a difendersi dallo spietato attacco dei voynix, macchine in parte organiche, un tempo al loro servizio e ora intenzionate a cancellare il genere umano. Ma un altro e più grave pericolo incombe. E ha l’aspetto di una mostruosa creatura che pare muoversi su una miriade di mani… Con “Olympos” Dan Simmons ci consegna il terzo episodio di “Ilium”, la sua più brillante saga fantascientifica: un’opera di impareggiabile potenza visionaria, nella quale inquietudini apocalittiche e slanci eroici si intrecciano in maniera inestricabile. Oltre i confini del mistero…

Olympia. Indagine ai Giochi ellenici

Grecia, anno 41 dopo Cristo.
Il senatore Publio Aurelio Stazio giunge a Olympia per presentare i puledri della sua amica Pomponia ai Giochi atletici più celebri del mondo.
Le gare, però, vengono subito funestate da una serie di lutti: un tifoso accoltellato, un pentatleta sgozzato da un disco tagliente, un velocista trafitto da un giavellotto.
Ad essere accusato dei due delitti commessi usando attrezzi da competizione è il discobolo di Corinto, Pirro, che tuttavia si rende subito irreperibile.
Per nulla convinto della sua colpevolezza, Publio Aurelio comincia a indagare su altri possibili sospetti.
Di fronte al groviglio di morti ammazzati, false piste, doppie e triple verità, il compito per il senatore-detective non si presenta affatto facile.

Oltre ogni sospetto

Tutto comincia con l’omicidio della diciassettenne Melissa Stephens, bella e di buona famiglia, capelli lunghi che le cadono sulle spalle e un sorriso dolcissimo. Negli ultimi dodici anni, altre cinque donne erano già state uccise in circostanze analoghe, ma tutte molto diverse da Melissa: prostitute già avanti con gli anni, devastate dall’alcol e dalla droga. La ragazza è la sesta vittima di un assassino imprendibile? O si tratta di un delitto che non ha nulla a che vedere con gli altri? Per l’ispettore capo Langton quell’assassino in libertà è una vera ossessione. Per incastrarlo decide di inserire nella squadra il sergente Anna Travis, figlia di un suo apprezzato collega. È il suo primo caso di omicidio, e dovrà lottare anche contro la diffidenza dei colleghi. Ma lei, ambiziosa e brillante, non si sottrarrà alla sfida.

Oltre le tenebre. L’angelo della notte

Kylar Stern ha conosciuto il terribile prezzo dell’immortalità, e nulla potrà mai più essere come prima. L’angelo della notte ormai sa che il suo destino è indissolubilmente legato a quello della terra di Midcyru. Ma il continente è devastato da conflitti e interessi contrastanti. Cenaria è una regione sotto assedio, con un esercito allo sbando e poche speranze di riuscire a resistere; per salvarla, re Logan Gyre ha un’unica possibilità: una scommessa disperata che, in caso di fallimento, porterà alla distruzione del regno. Intanto, a nord, il nuovo Godking di Khalidor ha un piano ed è disposto a tutto pur di realizzarlo, anche a commettere terribili atrocità. Kylar Stern non ha scelta. Per proteggere i suoi amici, dovrà affrontare le tenebre e andare oltre, per riuscire a portare a termine un incarico impossibile: assassinare una dea.
**

OLTRE LA LUNA

Cyril M. Kornbluth – Oltre La Luna (A Mile Beyond The Moon, 1958) Forse più conosciuto da noi per le sue numerose e stimolanti collaborazioni con Frederik Pohl nel campo del romanzo, Cyril Kornbluth è stato comunque un grande scrittore anche a firma singola, specialmente nel settore della narrativa breve. Questa rara raccolta ce lo mostra al meglio della sua produzione, con undici storie apparse originariamente fra il 1941 e il 1958, cioè nel suo periodo di più felice attività creativa. Con alcuni introvabili classici (come La nave-squalo e La valigetta nera) e diversi gustosissimi inediti, Kornbluth ha così modo di rivelare il pieno talento della sua inventiva a volte scanzonata e a volte amara, ma sempre ricca di sorprendenti colpi di scena e di un’attenzione sempre acuta e partecipe ai lati meno comuni della vita umana.

Oltre l’uomo e oltre Dio

La filosofia di Emanuele Severino, più di ogni altra fra quelle che hanno caratterizzato il XX secolo, è una filosofia proiettata verso il futuro; e lo è tanto più in quanto, fin dai suoi esordi è una filosofia orientata in direzione dell’Originario. Chiunque abbia una qualche familiarità con i suoi testi, compreso l’ultimo ma, a nostro avviso, fondamentale, *La Gloria* (Adelphi, 2001) non può sottrarsi alla seduzione che proviene dal ritmo classico, greco, del suo procedere e argomentare, ma non può neppure sfuggire al fascino, altrettanto potente, che proviene dalla rivoluzione che il linguaggio concettuale della tradizione vi subisce, nell’intento di dire, contestualmente, l’*Inaudito* e l’*Originario*. –**Carlo Angelino**

Oltre l’orizzonte

L’antichissima aspirazione umana di creare una razza perfetta ritorna in questo romanzo biologico di Robert Heinlein, uno scrittore che ha sempre avuto un debole per le utopie basate però su ingegnose estrapolazioni scientifiche. Qui, in questa Terra del lontano futuro in cui tutti o quasi i problemi della sopravvivenza e della convivenza sono stati risolti, la blanda burocrazia che governa gli uomini si preoccupa non tanto di progettare dei semidei, quanto di selezionare e riprodurre certi caratteri genetici indispensabili alla specie, attraverso un delicato, complicato gioco di equilibrio tra psicologia ed elettronica, tra istinti e statistiche. E’ un terreno minato, nel quale le cose possono ad ogni momento sfuggire di mano ai programmatori, degenerare in follie razzistiche e al contrario dar luogo a positivi, stupefacenti progressi.
Copertina di Karel Thole

Oltre l’orgoglio

A causa del tracollo finanziario e in seguito alla morte del padre, una volta ricco industriale, Brooke si trova a dovere affrontare da sola con il magro stipendio di bibliotecaria le ingenti spese della villa ereditata e dell’educazione delle sorelle. Ma l’arrivo inaspettato di Tyler Marshall, suo ex fidanzato, potrebbe risolvere la situazione. Purtroppo con fare cinico e determinato lui sembra voler spezzare il suo orgoglio e metterla in ginocchio! Brooke dovrà accettare per amore delle sorelle le terribili condizioni che le vengono imposte. “Ma perché?” si chiede la povera ragazza. E, infatti, un perché c’è…

Oltre L’Invisibile

In riva a un fiume, su Aldebaran XII, c’è un’astronave schiantata. Intorno giacciono i cadaveri semicarbonizzati di cinque umani. Ma non si tratta di un incidente; e tra i cinque “umani” c’è una leggera differenza: tre sono uomini, mentre gli altri due, distinti soltanto da un segno sulla fronte, “non sono che androidi”. Di qui prende l’avvio questo romanzo che è uno dei primi e resta uno dei più impegnati di Simak: un autore che si sarebbe tentati di definire “umanitario” se le sue storie non fossero dirette precisamente a superare quanto c’è di retorico, di ottocentesco, di limitato e *arretrato* , in ciò che comunemente s’intende per umanitarismo. 

Oltre l’infinito

Per inaugurare la nuova collana Saturno, non c’era nome più famoso né opera più affascinante di uno tra i romanzi più belli di Leigh Brackett, ormai nota in tutto il mondo come ‘la regina della fantascienza’. Questo romanzo narra la storia della prima spedizione umana negli spazi interstellari… del Grande Balzo che sembrava precluso agli uomini, e che invece qualcuno ha realizzato. Ma della prima spedizione interstellare, solo un superstite ritorna… Ballantine, l’uomo che è per metà cadavere, per metà alieno, e mormora di orrori senza nome incontrati sul mondo di una stella lontana. Qual è il segreto celato nella fantastica fortezza lunare dalla famiglia più potente del sistema solare? Chi o che cosa sono i Transuranicl, gli abitanti della Stella di Barnard, e qual è stata la sorte della prima spedizione? Cosa si cela nella grotta di fiamma di un pianeta dove sopravvivono i membri di un’antica razza che aveva conquistato le stelle? La critica americana ha definito quest’opera ‘una delle piùbelle e originali sulla conquista umana dello spazio interstellare’. E la poesia e il talento di Leigh Brackett hanno creato una storia memorabile, un romanzo tra i più affascinanti della storia della fantascienza.

Oltre il varco incantato

Se potesse, Odyssea, sedici anni e nessuna bellezza, chiederebbe molte cose a sua madre. Ad esempio perché da anni sono costrette a vivere come fuggiasche, senza una meta, una casa stabile e, soprattutto, senza un padre. Finché in una tiepida notte d’estate, attraversando un varco incantato nascosto nel bosco, sua madre la riporta a Wizzieville, dove è nata, e lei scopre di appartenere a una cerchia di persone speciali, dotate di rari poteri.
Incredula, Odyssea si immergerà in un mondo intriso di magia, dove ogni esperienza – per lei che è sempre vissuta lontano da tutto e da tutti – ha il sapore della prima volta, ma si accorgerà presto, suo malgrado, che dietro la facciata idilliaca e fatata di Wizzieville brulica il Male. Un nemico sanguinario – lo stesso che ha ucciso suo padre dodici anni prima – perseguita la sua famiglia da generazioni ed è tornato sotto mentite spoglie per attuare il suo crudele disegno. Mentre la paura di non essere in grado di gestire i propri poteri arriverà a farle rimpiangere la vita fuori di lì – senza amicizie, né legami né radici – e a temere per l’incolumità di chi ama, terribili, inconfessabili incubi la assaliranno come artigli di un doloroso passato.
Come se non bastasse, l’amore la coglie di sorpresa. Il misterioso e impavido Jacko, un giovanotto di poche parole che, a differenza di tutti gli altri, la tratta senza solennità e cerimonie, entra nella sua vita e devasta il suo cuore inesperto. Ma come mai tutti lo temono e lo disapprovano? Può fidarsi di lui?
Minacciata da un’oscura condanna, Odyssea dovrà crescere e trovare in sé la forza di difendersi. Non può concedersi errori. Il nemico è in agguato. Potrebbe essere ovunque, potrebbe essere chiunque.