48497–48512 di 68366 risultati

Visioni di terrore

###
Annie, una bambina di sette anni, comincia a essere colta da strane crisi durante le quali vede avvenimenti passati che lei non ha vissuto e tragici fatti che puntualmente si verificano. Ma quasi tutti considerano semplici coincidenze questi sogni premonitori. Quando però la piccola “trova” un cadavere e addirittura “vede” quella che potrebbe essere la sua prossima fine la musica cambia…
**

Visioni di morte

All’età di sei anni, Mary ha subìto pesanti sevizie e per poco non è stata assassinata. La terribile esperienza le ha però lasciato il dono della chiaroveggenza, che lei ha sempre utilizzato per aiutare la polizia in complicate indagini. Ma quando una catena di efferati delitti insaguina la città dove vive, Mary ha l’agghiacciante premonizione che il maniaco omicida non solo sia il suo antico persecutore, ma che stia inseguendo proprio lei. Ha inizio così una lotta all’ultimo respiro fra l’inerme donna e il suo crudele carnefice…

Il visconte dimezzato

*[Trovi un’edizione con copertina alternativa per questo ISBN [qui](https://www.goodreads.com/book/show/6944820-il-visconte-dimezzato)]*
Il narratore rievoca la storia dello zio, Medardo di Torralba, che, combattendo in Boemia contro i Turchi, è tagliato a metà da un colpo di cannone. Le due parti del corpo, perfettamente conservate, mostrano diversi caratteri: la prima metà mostra un’indole crudele, infierisce sui sudditi e insidia la bella Pamela, mentre l’altra metà, quella buona, si prodiga per riparare ai misfatti dell’altra e chiede in sposa Pamela. I due viscconti dimezzati si sfidano a duello e nello scontro cominciano a sanguinare nelle rispettive parti monche. Un medico ne approfitta per riunire le due metà del corpo e restituire alla vita un visconte intero, in cui si mescolano male e bene.

Il visconte che mi amava

Kate Sheffield, ormai ventenne, è decisa a trovare un buon marito almeno per sua sorella minore Edwina. A farsi avanti è il visconte Anthony Bridgerton, ma Kate si oppone: non è il tipo di uomo che stava cercando. Stranamente ansioso di assicurare un erede al proprio titolo, Anthony sembra nascondere più di un segreto. Ma il destino, maestro di giochi, farà incontrare le anime di Kate e Anthony in modo del tutto inaspettato…

Virus

Gennaio 1954. Un Boeing C-97 Stratocruiser decolla dalla base militare di Buckley Field, nel Colorado. Nome in codice: Vixen 03. Carico top secret: 36 micidiali bombe batteriologiche. Destinazione: Pacifico meridionale. Dopo poche ore di volo, l’aereo scompare nel nulla, durante una tormenta di neve. Dopo quattro mesi di ricerche la pratica del Vixen 03 viene archiviata e insabbiata. Settembre 1988. Dirk Pitt scopre il Vixen 03 sul fondo di un lago ghiacciato nel Colorado. Recupera il relitto e 34 bombe. Ne mancano due. Che fine hanno fatto? Che cosa succederebbe se un’organizzazione terroristica ci mettesse le mani sopra?In uno dei più bei romanzi di Clive Cussler tutto finirà per avere una spiegazione grazie alle inesauribili risorse di Dirk Pitt.

Le virtù cardinali

Alla luce delle grandi questioni del mondo contemporaneo, la riflessione di quattro protagonisti

Viviamo il tempo dell’incertezza, dell’intolleranza, della paura, dell’ingiustizia.

Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali – prudenza, temperanza, fortezza e giustizia – da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l’unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

(source: Bol.com)

Il vincitore è solo

Igor Malev ha una sola cosa in mente: la sua ex moglie Ewa. Anche se è un uomo ricco, affascinante e di innato carisma, lei lo ha lasciato per uno stilista di grande successo, una ferita, questa, da cui non è mai riuscito a riprendersi. Così decide di riconquistarla. Nella cornice del Festival di Cannes, circondato dal lusso e dagli eccessi della nuova aristocrazia, i vincitori definitivi della gara edonistica della vita moderna, inizia una battaglia lunga ventiquattro ore. Perché Igor è un uomo di rara forza e fredda intelligenza, e quella che vuole non sarà una riconciliazione ordinaria, pacifica. Perché ha fatto a se stesso la promessa di distruggere tutto ciò che si interpone tra lui e la sua amata. Coelho torna ai grandi temi di “Undici minuti” e lo “Zahir” con un romanzo avvincente e ricco di tensione, specchio del mondo in cui viviamo, dove la ricerca del lusso e del successo a tutti i costi spesso impedisce di ascoltare quello che ci sussurra il nostro cuore.

Il villaggio di vetro

Shinn Corners: un agglomerato di case, una trentina di abitanti, compresi i vecchi e i bambini. In questo angolo sperduto d’America, viene uccisa una persona stimata da tutti, una pittrice naïf, molto vecchia, che ha dato fama al piccolo villaggio. E all’improvviso il villaggio sì sveglia, prende coscienza di diritti e doveri, vuole fare giustizia.
Sul posto non esiste un tribunale e la corte competente a decidere si trova in una città a trenta chilometri di distanza. Ma la giuria che dovrebbe giudicare il sospetto omicida non è quella di Shinn Corners. E la gente di campagna diffida, da secoli, di chi abita in città, grandi o piccole, vicine o lontane. Quando la polizia di Stato si reca a Shinn Corners per prendere in consegna l’imputato, trova donne, bambini e vecchi con le armi in mano, disposti a uccidere pur di non lasciarsi sfuggire di mano la vendetta. L’imputato deve essere giudicato sul posto. Ma il colmo è che tutti gli abitanti di Shinn Corners non riescono a comporre una giuria.
**Edizione priva di ISBN
Edition without ISBN
Edición sin ISBN**

Il villaggio del brivido

**LA PORTA DELL’UFFICIO DEL SIGNOR FARRADAY ERA CHIUSA.**
Meredith ed Elizabeth si guardarono con aria intimorita, incerte sul da farsi.
Decidi di bussare ma un grido mi fece bloccare la mano a mezz’aria. Era un grido di paura e di dolore che proveniva dall’ufficio. Se ne sentì un altro.
Deglutii e mi voltai verso Tyler e le ragazze.
— Che urli! — bisbigliai. — Sembrano… veri!

Villa Liberty

Villa Liberty by Renato Olivieri
A Milano, nei pressi della Fiera, capita di imbattersi in dimore che non ci si aspetterebbe di trovare in quella zona della città. Come Villa Liberty, elegante residenza della buona borghesia circondata da un ampio giardino, dalla quale emana un’atmosfera di inquietudine. È qui che avviene un delitto, un delitto efferato: Norma Gruber, nata Gronda, seconda moglie del proprietario della villa, viene trovata morta nel suo studio di pittrice, in cima alla torretta della casa, con un paio di forbici infilate nella gola. Il commissario Ambrosio, chiamato a indagare, si accorge ben presto che molte cose di quella ricca famiglia non convincono. Troppi personaggi ruotano intorno alla bella Norma, in apparenza molto amata: il marito, la suocera invadente e tirannica, una governante trattata con eccessiva familiarità, un ambiguo gallerista, un professore di latino. Tutti hanno alibi di ferro, eppure qualcuno ha avuto l’occasione, e soprattutto un movente, per uccidere. In una Milano invernale, in cui si respira il clima gravido di attesa del Natale, Ambrosio cerca di ricomporre i frammenti di una verità semplice, eppure inafferrabile.

La vigilia della fine

La vigilia della fine è l’unico romanzo scritto su basi storiografiche sull’intero corpus della Profezia dei Sommi Pontefici attribuita al Santo irlandese Malachia, vissuto nel XII secolo. Secondo la profezia, il potere temporale dei papi dovrebbe finire dopo la fine del pontificato di Benedetto XVI, con un papa gesuita. Anno domini 1139. La Chiesa sta uscendo dalla scisma più grave della sua Storia. Chiamato a Roma al concilio indetto per porre fine alla crisi, l’arcivescovo Malachia di Armagh ha un’estasi in cui vede prefigurati tutti i 113 papi che si succederanno sulla cattedra di Pietro da allora fino alla fine della Chiesa. Egli segnala l’ultimo pontefice con il titolo profetico di Petrus Romanus. Da questa profezia, tuttora oggetto di studi e controversie all’interno della Chiesa, trae spunto il romanzo. Il romanzo racconta le vicende di Padre Augusto Moretti, dall’adolescenza solitaria a Perugia all’arrivo a Roma, dove intraprende una brillante carriera ecclesiastica nell’ordine dei gesuiti che lo vedrà diventare uno dei porporati prediletti del Papa. Durante una visita a San Pietro, nello stesso istante in cui un folle deturpa la Pietà di Michelangelo, Padre Augusto viene invaso da una voce che gli comunica la profezia destinata a mutare la sua vita: sarà lui il Petrus Romanus, durante il cui pontificato la Chiesa, e forse il mondo, avranno fine. Comincia così per il protagonista un’appassionante ricerca intorno al proprio destino e a quello dell’intera umanità, che lo porterà a incrociare indimenticabili personaggi e diabolici antagonisti fino alla scoperta di una verità sublime e sconvolgente.
(source: Bol.com)

Una viennese a Parigi

Dall’autore della Melodia di Vienna, un altro capolavoro di uno dei grandi protagonisti della letteratura mitteleuropea riscoperto dalle Edizioni E/O. Ernst Lothar continua la sua indagine sui destini dell’Europa sospesa fra le due guerre mondiali. Austria, 1938, i nazisti hanno occupato Vienna, l’Europa è sempre più vicina al baratro del secondo conflitto mondiale. Gli austriaci subiscono l’invasione con un misto di cecità e impotenza ma Franzi non è come gli altri e decide di abbandonare la città. La ragione non è la sua etnia o la sua religione, non è ebrea né appartenente ad alcuna minoranza. Solo non riesce a sopportare l’idea di assistere all’ascesa di Hitler. Si fa dunque trasferire a Parigi, in un ufficio di corrispondenza della casa di produzione cinematografica per cui lavora. In Francia tutto appare diverso: la gente è libera, nessuno teme che il proprio vicino di casa lo denunci, i cartelloni dei teatri sono ricchi di spettacoli, i bistrot traboccano di gente. Lì conosce un affascinante giornalista, Pierre, e anche se un sordido ricatto minaccia la loro unione, presto se ne innamora. Franzi è felice, ma sulla coscienza le grava il peso della sua scelta: è da codardi abbandonare il proprio paese nel momento del bisogno? Ma cosa avrebbe potuto fare da sola? Perché nessun austriaco ha mosso un dito per opporsi a Hitler? La guerra spazza via interrogativi, sogni e speranze. Pierre è costretto a partire per il fronte mentre la Francia cade sotto il giogo del Reich. È allora che Franzi vede nei francesi la stessa cecità che era stata degli austriaci, lo stesso desiderio di far finta che nulla stia succedendo. Ma questa volta Franzi non scapperà.

(source: Bol.com)

Vieni via con me

Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell’Italia di oggi firmato dall’autore del bestseller internazionale Gomorra.
Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese: il mancato riconoscimento del valore dell’Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l’infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz’armi di don Giacomo Panizza alla ‘ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa.
Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l’evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Vieni qua, assassina

E’ la storia di Gianna, una bella libraia milanese che interrompe la preparazione del pranzo di Natale per andare ad ammazzare Roberto, l’aspirante scrittore che l’ha avuta come amante e che l’ha presa a modello per l’eroina del suo primo romanzo. Perché lo ha ucciso? Il lettore, che segue la vita di Gianna doppiata dalle fantasie e dai ricordi, lo scopre nell’ultima pagina del romanzo, quando anche la protagonista ne prende pienamente coscienza.

Le vie della frontiera

Le storie della Frontiera di A. Sertram Chandler si svolgono ai confini della nostra galassia e costituiscono uno dei maggiori e più articolati cicli della grande fantascienza d’avventura. Nei primi tre romanzi di questa quadrilogia seguiamo la carriera del Comandante John Grimes dal giorno in cui s’imbarca per la prima volta su una nave interstellare, a quando, diventato una figura quasi leggendaria nel Corpo di Sorveglianza Spaziale, comincia a pensare di tornarsene a casa. (Ma se le vie della Frontiera sono pericolose, ancora più incerte sono quelle del ritorno…) Poi l’azione si sposta in regioni ancora più remote: agli estremi limiti della Spirale, dove il buio è interrotto solo di tanto in tanto da qualche stella solitaria, e le astronavi viaggiano a volte per mesi senza incontrare un solo pianeta. Laggiù quattro irregolari dello spazio, quattro desperados finiti nella Compagnia Trasporti di Frontiera, realizzano un loro vecchio sogno: comprare una vecchia e scassata astronave stelIare, rimetterla in efficienza, e…
Contiene:
Gli dei della frontiera (The Rim Gods)
Il navigatore dalla testa d’uccello (The Bird-Brained Navigator)
I siluri (The Tin Fishes)
L’ultimo sognatore (The Last Dreamer)
Le vie della frontiera (The Road to the Rim)
I coloni di Morrow (The Inheritors)
Appuntamento su un mondo perduto (Rendezvous on a Lost World)
Copertina di: Karel Thole

Le vie dell’amore

Raccoglie i primi tre romanzi della saga dedicata alla famiglia Bridgerton: IL DUCA ED IO ( The Duke and I ), IL VISCONTE CHE MI AMAVA ( The Viscount Who Loved Me ) e LA PROPOSTA DI UN GENTILUOMO ( An Offer from a Gentleman )
**Il duca e io **
Simon Basset, duca di Hastings, è perseguitato da genitrici indaffarate a combinare matrimoni. Daphne Bridgerton è assillata dalla madre, decisa a ogni costo a trovarle il marito perfetto. Entrambi darebbero qualsiasi cosa per prendersi una tregua dal mercato matrimoniale, così escogitano un piano perfetto: fingersi fidanzati. Senza aspettarsi che la passione li condurrà davvero a ciò che volevano evitare…
**Il visconte che mi amava **
Contrariamente a quanto si mormora, Anthony Bridgerton, lo scapolo più elusivo di Londra, nonché mascalzone e libertino, ha deciso di sposarsi. L’unico ostacolo ai suoi progetti è Kate Sheffield, sorella maggiore della fanciulla prescelta. Determinata a mandare all’aria i suoi progetti, Kate lo conduce ben presto all’esasperazione ma, quel che è peggio, è lei la donna che di notte popola i sogni appassionati di Anthony…
**La proposta di un gentiluomo **
Alla morte del conte suo padre, Sophie Beckett è ridotta a far da cameriera alla matrigna e alle due sorellastre. Ma una sera, durante un ballo cui riesce a partecipare, incontra Benedict Bridgerton, ed è amore a prima vista. Come per Cenerentola, tuttavia, allo scoccare della mezzanotte Sophie deve lasciare la festa, abbandonando il suo corteggiatore e… un guanto, l’unico indizio che Benedict avrà per ritrovare la donna misteriosa di cui si è innamorato.