48417–48432 di 65579 risultati

La meditazione passo dopo passo

Raggiungere una condizione di serenità interiore nella vita quotidiana non è facile, soprattutto oggi: schiacciati dal senso di vuoto che avvertiamo costantemente, troppo spesso cadiamo nell’errore di inseguire gratificazioni effimere, come il sesso e il denaro, credendo che possano aiutarci ad alleviare la nostra infelicità. Ma non sarà la soddisfazione di questi desideri, secondo Osho, a darci la pace. Il vero problema è la nostra incapacità di entrare in armonia con ciò che ci circonda, di sentircene parte e di goderne. La comunione con il Tutto è l’unica verità che valga la pena di ricercare, e la meditazione è la strada per raggiungerla. Guidato dall’esperienza personale, il Maestro indica nei dettagli il percorso da compiere e gli esercizi da praticare per giungere a poco a poco a prendere coscienza dei propri gesti, dei pensieri e delle emozioni, e a purificarli, per arrivare infine a godere, ogni giorno, della bellezza di un lago o dell’ombra di un albero senza pensare ad altro, e senza desiderare, neanche per un attimo, di essere altrove. Attraverso tecniche di meditazione che lui stesso ha ideato e sperimentato, Osho mostra una via verso la conoscenza di sé in cui ciò che importa non è tanto arrivare alla meta, quanto coltivare con tenacia la volontà di raggiungerla, perché afferrare la verità è una grande benedizione, “…ma non averne mai sperimentata la sete è una grande sventura”.

Il mattino, Il mezzogiorno e Le odi

This is a reproduction of a book published before 1923. This book may have occasional imperfectionssuch as missing or blurred pages, poor pictures, errant marks, etc. that were either part of the original artifact, or were introduced by the scanning process. We believe this work is culturally important, and despite the imperfections, have elected to bring it back into print as part of our continuing commitment to the preservation of printed worksworldwide. We appreciate your understanding of the imperfections in the preservation process, and hope you enjoy this valuable book.++++The below data was compiled from various identification fields in the bibliographic record of this title. This data is provided as an additional tool in helping to ensure edition identification: ++++ Il Mattino, Il Mezzogiorno Et Le Odi Giuseppe Parini

Un mattino d’ottobre

Brescia, 27 ottobre, ore 8.00: l’ingegner Rava lascia casa sua in auto. Ore 9.10: Giorgio Anselmi, autotrasportatore, mette in moto il suo furgone. Ore 9.15: la piccola Giulia, quattro anni, figlia di un noto avvocato e di una stimata pneumologa, col suo vestitino giallo, si avvia al parco sotto casa accompagnata da Santina, la baby sitter. Ore 9.47: la mamma di Giulia compone un numero di telefono. Il cellulare dell’ingegner Rava squilla all’improvviso, quanto basta per distrarlo e fargli mancare uno stop. Il furgone di Giorgio Anselmi arriva troppo veloce all’incrocio. Una carambola e, alla fine, un fagottino giallo informe resta sul marciapiede. È solo l’inizio. Due settimane dopo, l’ingegner Rava viene trovato morto, assassinato. Tre settimane dopo, Santina Vergottini sta passeggiando da sola, quando due colpi la raggiungono al torace. Quasi due mesi dopo, Letizia Strambi, pneumologa, in auto davanti a casa, si becca due pallottole in fronte. Un orrore inarrestabile, destinato a mietere altre vittime, apparentemente innocenti e slegate l’una dall’altra. Una sfida ardua per l’ex giudice Petri e il commissario Miceli e la sua squadra. La soluzione sembra sempre più lontana a mano a mano che ci si avvicina alla fine. Eppure era tutto chiaro, scritto fin dall’inizio.

(source: Bol.com)

Un matrimonio sconveniente

Inghilterra, 1809 – Rimasta senza famiglia, Lucy Jones è cresciuta in casa dello zio insieme ai cugini: Portia, Hal e Sebastian. Innamorata da sempre di quest’ultimo, luogotenente dell’esercito inglese, accetta con gioia di fidanzarsi in segreto con lui. Ma poi il destino rimescola le carte: Sebastian si invaghisce di una giovane donna molto bella e Lucy si lascia conquistare dall’affascinante James, Visconte Selsley, e lo sposa. Solo dopo le nozze con Lucy, James apprende del legame segreto tra la moglie e Sebastian. E allora tutto cambia di nuovo.
**
### Sinossi
Inghilterra, 1809 – Rimasta senza famiglia, Lucy Jones è cresciuta in casa dello zio insieme ai cugini: Portia, Hal e Sebastian. Innamorata da sempre di quest’ultimo, luogotenente dell’esercito inglese, accetta con gioia di fidanzarsi in segreto con lui. Ma poi il destino rimescola le carte: Sebastian si invaghisce di una giovane donna molto bella e Lucy si lascia conquistare dall’affascinante James, Visconte Selsley, e lo sposa. Solo dopo le nozze con Lucy, James apprende del legame segreto tra la moglie e Sebastian. E allora tutto cambia di nuovo.

Matrimonio Normanno

Nell’anno 1066 Guglielmo il Conquistatore, duca di Normandia, si insedia sul trono d’Inghilterra, scalzandone la legittima dinastia sassone. Immediato è l’accendersi di focolai di rivolta che i prodi cavalieri normanni domano senza eccessiva difficolta’. Clamorosa è quindi la notizia che il più valoroso tra loro, il nobile Royce, è stato ad un pelo dall’esser giocato da una giovane sassone, coraggiosa ribelle.
Divertito e incuriosito, Guglielmo ordina che l’intraprendente fanciulla, dall’incantevole aspetto, venga condotta a Londra affinché sia data in premio al cavaliere vincitore di un torneo indetto in suo onore. Ma alla corte normanna l’imprevisto entra in campo e cambia le regole del gioco: sarà la giovane sassone a scegliere l’uomo degno di essere suo marito.
Determinata e ribelle Nicholaa non ha esitazioni: nell’intento di domare l’uomo che più la indispettisce e la turba, fa cadere la sua scelta su Royce e segna l’inizio di una lunga partita a due. In un clima di subdoli tradimenti, dove i sassoni ancora tramano contro gli invasori normanni, tra Royce e Nicholaa nasce un amore intenso e profondo, ma il loro prezioso legame potrebbe in ogni momento esser distrutto dal richiamo del sangue, dell’onore e della lealtà verso i rispettivi popoli.

Matrimonio in grecia

Complice un incidente automobilistico, Aristide, ricco industriale greco, ha dimenticato il passato. Non ricorda più che Eden è sua moglie e che hanno un bimbo, Theo, né che lei è incinta del suo secondo figlio. Ma non è tutto: non ricorda che Eden gli ha chiesto il divorzio! La giovane donna si sente trascurata dal marito, troppo dedito alla sua attività imprenditoriale, ma, soprattutto, teme che lui la tradisca con la segretaria. La coppia si trasferisce per qualche tempo su un’isola greca, dove vive la madre di lui. Qui Eden tenta una duplice, miracolosa opera di restauro: ricomporre il mosaico della memoria di Aristide e ricostruire il loro amore perduto. Difficile, ma non impossibile, se anche l’uomo riesce a collaborare.
**
### Sinossi
Complice un incidente automobilistico, Aristide, ricco industriale greco, ha dimenticato il passato. Non ricorda più che Eden è sua moglie e che hanno un bimbo, Theo, né che lei è incinta del suo secondo figlio. Ma non è tutto: non ricorda che Eden gli ha chiesto il divorzio! La giovane donna si sente trascurata dal marito, troppo dedito alla sua attività imprenditoriale, ma, soprattutto, teme che lui la tradisca con la segretaria. La coppia si trasferisce per qualche tempo su un’isola greca, dove vive la madre di lui. Qui Eden tenta una duplice, miracolosa opera di restauro: ricomporre il mosaico della memoria di Aristide e ricostruire il loro amore perduto. Difficile, ma non impossibile, se anche l’uomo riesce a collaborare.

Un matrimonio all’aperto

Gran trambusto in Tlokweng Road. Mentre la signorina Grace Makutsi corona finalmente il sogno di crearsi una famiglia con il fidanzato gentiluomo Phuti Radiphuti, il giovane apprendista meccanico alla Speedy Motors del signor JLB Matekoni cerca di sfuggire a ogni costo a un incubo, l’inattesa paternità di due gemelli. E così, Precious Ramotswe, titolare della Ladies’ Detective Agency N.1, è costretta a dividersi tra le ansie crescenti della sua assistente, le delicate manovre per persuadere il giovane impiegato del marito a farsi carico delle proprie responsabilità e un nuovo caso, che coinvolge un ricco proprietario terriero, un giovanissimo pastore reticente e alcune mucche indisciplinate. Tra una tazza di tè rosso e l’altra, la più celebre e amata detective del Botswana si prepara a sciogliere, con la consueta saggezza e l’ormai leggendaria capacità di ascolto, un nuovo rompicapo, in cui torneranno utili, ancora una volta, gli imprescindibili consigli dei “Principi dell’indagine privata” di Clovis Andersen. Intanto, per le strade di Gaborone, è misteriosamente apparso il fantasma del mai abbastanza compianto furgoncino bianco della signora Ramotswe.
**

La matrice ombra

###
La giovane Margaret Alton è costretta a un duro periodo di addestramento alla Torre di Arilinn per imparare a controllare i suoi straordinari poteri. Ma il suo cuore si strugge per Mikhail.

I materiali del killer

‘Uno scrittore di razza. Un umorismo poetico, trasognato e irresistibile. Da non perdere.’ **Giancarlo De Cataldo** ‘Uno scrittore imprevedibile, acuto e di grande godibilità letteraria.’ **la Repubblica** ‘Biondillo divaga cercando l’anima delle cose. Colora di leggenda il grigio delle periferie… Appassiona, diverte, poi, dopo tutto, finisce. Senza fretta, d’un fiato.’ **Corriere della Sera** ‘Biondillo ha il dono di una scrittura fluida e sicura, che, unita a un autentico interesse per i problemi della società contemporanea, gli permette di narrare con intensità e ironia efferati delitti, ordinarie prevaricazioni, umanissime debolezze.’ **Panorama** L’ispettore Ferraro è tornato. È tornato da una città che non ha mai capito, Roma, dove ha lasciato il commissario Elena Rinaldi, un’altra storia andata male. È tornato al commissariato di Quarto Oggiaro, solo e sconfitto, e dopo tre anni in trasferta deve ricominciare da capo. Con la barba incanutita, una nuova casa, la figlia Giulia in piena preadolescenza e Lanza trasferito a Bruxelles. Poi c’è il lavoro: una rapina in villa, con un epilogo tragico. Morto il rapinatore, uno zingaro, e morto il padrone di casa. Una vera rogna. E il solito Comaschi lì a fare battute idiote. Nello stesso momento, a Lodi, una rocambolesca evasione dal carcere finisce in un bagno di sangue. Una carneficina con mistero: l’evaso è un nero di piccolo calibro, come si spiega il commando malavitoso allestito per liberarlo? Chi è davvero Towongo Haile Moundou? Ironia del destino, a questa domanda dovrà trovare risposta proprio Elena Rinaldi. In un frenetico inseguimento da nord a sud attraverso un’Italia oppressa da un cielo plumbeo – con assolati squarci di un’Africa arsa da un sole crudele e desertico – Gianni Biondillo disegna con questo romanzo la mappa dettagliata e cupa di una nazione senza memoria. Un noir contemporaneo che scava nelle più grandi paure dell’Italia di oggi e ci restituisce un paesaggio preciso e puntuale del nostro Paese. Senza mai perdere di vista la speranza.
(source: Bol.com)

La matematica è scolpita nel granito

“Dopo c’è stata la gara a chitarra. A me, nella gara a chitarra, la cosa che mi piace moltissimo, sono gli applausi. La gente applaude solo se gli piace. Se non gli piace, non applaude. E il cantante, quando non applaudono, deglutisce. Deglutisce, deglutisce, deglutisce. E quando applaudono invece lo vedi che torna a sedere leggero come un uomo innamorato.” Paolo Nori, che è nato a Parma nel 1963, e abita a Casalecchio di Reno, scrive dei libri. Questo libro raccoglie i diari del Cabudanne de sos poetas di Seneghe. Non c’è altro.

Mastro Don Gesualdo. Ediz. integrale

###
“Mastro don Gesualdo”, attraverso le vicende di un muratore arricchito, narra la storia del rivolgimento sociale di una classe che decade e di una classe emergente, del travaglio e della rincorsa affannosa tra patrimonio e matrimonio. Tutta la grande letteratura siciliana ha raccontato il processo di questa crisi e di questo ribaltamento, da Verga a De Roberto sino al canto del cigno di Tomasi di Lampedusa. L’amore supremo per la roba, il sospetto e la difesa contro il prossimo sono le leggi inviolabili che guidano il comportamento di Gesualdo nel suo sforzo di conquistare una più degna posizione sociale. Ma quando si accorge che dovrà inesorabilmente lasciare tutto ciò che ha ammassato per una vita, Gesualdo si ammala senza rimedio. L’abbandono della vita equivale all’abbandono della roba e viceversa. Mentre si avvicina alla fine, il protagonista, sempre più solo, sempre più alienato, assume un’aura eroica e tragica.
**