48401–48416 di 68366 risultati

A come alibi

Paziente, metodica, sensibile e decisamente simpatica, Kinsey Millhone, «investigatrice privata con regolare licenza dello stato della California», fa parte della ristrettissima schiera dei grandi protagonisti della narrativa gialla. In questo romanzo, che ha segnato il suo sorprendente esordio, è alle prese con un caso che tutti vorrebbero dimenticare: l’assassinio di Laurence Fife. Un caso «vecchio» di otto anni, un omicidio passionale, una brutta faccenda chiusa per tutti. Per tutti tranne che per la moglie della vittima, Nikki Fife. Per la giuria non c’erano stati dubbi: Nikki aveva il movente, la possibilità e l’occasione, e la condannò. Ora Nikki è fuori sulla parola e ha un solo pensiero in mente: dimostrare la sua innocenza e scoprire la verità. E incarica Kinsey Millhone di farlo…

traduzione di Elsa Pelitti

A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca

Questo libro raccoglie gli scritti relativi alla vicenda che dal 1965 vide coinvolto don Lorenzo Milani in un processo per apologia di reato, per aver difeso l’obiezione di coscienza alla coscrizione militare. In apertura viene proposta la lettera ai giudici, conosciuta anche come “L’obbedienza non è più una verità”. Segue la lettera con cui il priore di Barbiana replicò a un documento dei cappellani militari in cui si definiva l’obiezione di coscienza “un insulto alla patria, estraneo al comandamento cristiano dell’amore ed espressione di viltà”. Questa lettera è all’origine della denuncia che porterà don Dilani a processo. Vengono poi raccolte le lettere che durante il procedimento giudiziario don Milani indirizzò all’avvocato difensore assegnatogli d’ufficio. Per aver difeso gli obiettori di coscienza, dopo un’assoluzione in primo grado, il priore di Barbiana è condannato in appello, ma il reato – recita la sentenza postuma – “è estinto per la morte del reo”.
**

A Cesare e a Dio

A Cesare e a Dio è un libro che ha suscitato e continua a suscitare polemiche e discussioni in un tempo di rapidi mutamenti. Un libro che non racconta al lettore ciò che gli è familiare, ma tenta di diradare la nebbia, affinché gli baleni dinanzi ciò che è più sconvolgente per la nostra vita. Dall’anima della civiltà occidentale si sprigiona inevitabilmente la guerra, ma per ragioni che vengono alla luce solo se si scende nel sottosuolo della nostra civiltà: la nostra anima greca. La guerra, quindi anche la nascita e la morte, sono divenute qualcosa di essenzialmente diverso. Lo Stato, cioè ”Cesare”, non è quindi un’istituzione cui possa capitare accidentalmente di trovarsi in guerra. ”Dio” è il tentativo fallito di sottrarsi alla logica della violenza. Anche Dio, come lo Stato, è padre della guerra. ”A Cesare e a Dio” significa dunque dare a ciascuno dei due ciò che gli è proprio; ma ciò che è proprio di entrambi è lo stesso: il loro aprire lo spazio della distruttività estrema.
(source: Bol.com)

A Carte Scoperte

Non mi picchiava perché pensava che avessi messo gli occhi su sua figlia. Mi picchiava perché poteva. Perché avevo bisogno della sua casa e del suo cibo, e della sua cosiddetta cura. Mi picchiava perché sapeva che non mi sarei ribellato.
Sono passato da una famiglia violenta all’altra ed erano tutte uguali: gusto del sangue sulla mia lingua, il suono delle ossa rotte nelle mie orecchie.
Era quella la mano di carte che mi era capitata.
Ma quando finalmente sono riuscito a sfuggire da quel sistema che mi ha lacerato e distrutto, ho dedicato la mia vita a vendicarmi di coloro che avevano alzato le mani su di me, che mi avevano sputato addosso, che mi avevano detto che io ero niente.
Ero pronto a combattere.
L’ambiente in cui mi muovevo mi ricordava costantemente chi fossi e da dove venissi. E l’attività era fiorente.
Poi ho conosciuto Brea. Lei è stata del tutto inaspettata, come un jolly in un mazzo di carte. Potevo percepire il suo passato doloroso, ma ho fatto della sua luce il mio nutrimento. Era la fuga dalle tenebre che mi circondavano. Il mio momento di libertà.
Poi quel momento è finito.
E non appena si è aperta la porta, i miei peggiori incubi erano lì ad aspettarmi. Brea era stata risucchiata dall’ombra della mia distruzione e alla fine aveva visto il mio lato peggiore.
**
### Sinossi
Non mi picchiava perché pensava che avessi messo gli occhi su sua figlia. Mi picchiava perché poteva. Perché avevo bisogno della sua casa e del suo cibo, e della sua cosiddetta cura. Mi picchiava perché sapeva che non mi sarei ribellato.
Sono passato da una famiglia violenta all’altra ed erano tutte uguali: gusto del sangue sulla mia lingua, il suono delle ossa rotte nelle mie orecchie.
Era quella la mano di carte che mi era capitata.
Ma quando finalmente sono riuscito a sfuggire da quel sistema che mi ha lacerato e distrutto, ho dedicato la mia vita a vendicarmi di coloro che avevano alzato le mani su di me, che mi avevano sputato addosso, che mi avevano detto che io ero niente.
Ero pronto a combattere.
L’ambiente in cui mi muovevo mi ricordava costantemente chi fossi e da dove venissi. E l’attività era fiorente.
Poi ho conosciuto Brea. Lei è stata del tutto inaspettata, come un jolly in un mazzo di carte. Potevo percepire il suo passato doloroso, ma ho fatto della sua luce il mio nutrimento. Era la fuga dalle tenebre che mi circondavano. Il mio momento di libertà.
Poi quel momento è finito.
E non appena si è aperta la porta, i miei peggiori incubi erano lì ad aspettarmi. Brea era stata risucchiata dall’ombra della mia distruzione e alla fine aveva visto il mio lato peggiore.

A briglia sciolta

Giappone, anni trenta: è tempo di attentati e complotti da parte di gruppi estremisti. In questo contesto ritroviamo Honda Shigekuni, già protagonista di Neve di primavera, nel secondo episodio della tetralogia di Mishima, Il mare della fertilità. È ora giudice della Corte di appello di Osaka, ha compiuto trentotto anni, da dieci anni è sposato con la mite Rie, da cui non ha avuto figli, e conduce una vita tranquilla e abitudinaria. Un giorno però, presenziando a un torneo di kendo, fa la conoscenza di Isao Iinuma, per Honda la reincarnazione dell’aristocratico compagno di scuola Kiyoaki Matsugae, la cui morte aveva segnato per lui la fine della giovinezza. Isao è il figlio di Shigeyuki Iinuma, il vecchio precettore di Kiyoaki e ora presidente di un’associazione patriottica della destra. Isao, a soli diciannove anni, è un campione di kendo, un atleta che sprigiona energia e coraggio virili ma anche un ragazzo ancora puro e ingenuo. Nonostante il turbamento e la nostalgia, Honda è felice di aver ritrovato l’amico la cui vita è avvinghiata alla sua come un rampicante all’albero e sente di doversi prendere cura del giovane. Isao però, cresciuto nel rispetto del codice dei samurai, cova il mito dell’intransigenza verso il potere ingiusto e corrotto, che giustifica la rivolta, e insieme il culto della bella morte. Sarà Honda a cercare di salvarlo.
(source: Bol.com)

A Bordeaux c’è una grande piazza aperta

**MI VUOI INCONTRARE **

Così incomincia questo romanzo, il primo a essere tradotto in italiano di Hanne Ørstavik, una delle voci più importanti della narrativa nordica contemporanea. È possibile incontrarsi? Incontrare l’altro, incontrare sé stessi, essere vicini, essere vivi, insieme? Con una prosa concreta ma sensuale, lirica e allo stesso tempo austera ed essenziale, Ørstavik indaga nelle pieghe più profonde e oscure del desiderio, del corpo, della carne e dell’anima. Osserva con precisione appassionata ma implacabile i movimenti che ci fanno avvicinare agli altri e che ce ne allontanano, nel grande spazio aperto dell’esistenza.
Un romanzo nuovo e luminoso, sull’amore, il desiderio, la nostalgia e il dolore.

(source: Bol.com)

96 lezioni di felicità

«Il criterio per decidere cosa tenere o cosa buttare sta nella capacità dell’oggetto di irradiare felicità. Al momento di scegliere dovete toccarlo, e intendo proprio tenerlo con fermezza con entrambe le mani, stabilendo un contatto con esso. Prestate grande attenzione alle reazioni del vostro corpo in questo istante. Quando qualcosa vi trasmette felicità, dovreste avvertire una sorta di brivido, come se le cellule del vostro corpo si destassero lentamente. Quando tenete in mano qualcosa che non vi ispira gioia, invece, vi sembrerà che il corpo diventi più pesante.» Che cosa resterà, infine, dopo che Marie Kondo ci avrà guidato nel Grande Riordino? Un rafforzamento del legame con le cose che ci circondano, un nuovo rapporto, più intenso e fecondo, con gli oggetti che abbiamo scelto. E non saranno mutati solo i sentimenti nei confronti del mondo materiale. Rallenteremo. Assaporeremo il cambiamento delle stagioni. Prendendoci cura delle nostre cose, scopriremo come prenderci cura di noi stessi e dei nostri affetti.

72 ore sul fondo dell’oceano

La storia vera della drammatica corsa contro il tempo per salvare l’equipaggio di un sottomarino russo intrappolato sul fondo dell’oceano
4 agosto 2005, al largo della Kamčatka, un sottomarino russo resta incagliato in una rete di cavi, sul fondo dell’oceano, a 200 metri dalla superficie. Senza via di scampo, l’equipaggio non ha alternative: limitare al minimo il consumo delle risorse e aspettare, forse invano, l’arrivo dei soccorsi. Infatti, mentre l’ossigeno a disposizione dell’equipaggio basta soltanto per 72 ore, ne passano più di 24 prima che sia inoltrata una richiesta di aiuto internazionale.
Sono passati pochi anni dal disastro del sottomarino Kursk, in cui hanno perso la vita oltre cento persone con grande eco sulla stampa mondiale, e la comunità internazionale si mobilita all’istante per evitare una nuova tragedia. C’è soltanto un equipaggio – e un mezzo – in grado di operare in quel tratto di mare, in quelle condizioni e con una tempistica così serrata, ma al momento dell’SOS si trova dall’altra parte del mondo, al largo della Scozia. Solo una drammatica corsa contro il tempo e contro le forze della natura potrebbe consentire ai soccorritori di arrivare sul posto, una sfida logistica e organizzativa senza precedenti…
Con lo stile serrato di un maestro dell’avventura, Frank Pope ricostruisce la vicenda che ha tenuto il mondo intero con il fiato sospeso, raccontando l’impresa disperato di una delle missioni di salvataggio più emozionanti di tutti i tempi.

7 mosse per l’Italia

Un navigatore e un mercante, aiutati da 5 velisti, accompagnati da 3 grandi chef e da 15 compagni di viaggio – gente di pensiero e di azione, che si è alternata di tappa in tappa – si sono confrontati sulle 7 mosse da attuare subito per migliorare il nostro Paese.
**

I 7 Demoni Reggenti

Una ragazza normale, come tante altre.

O almeno questo era ciò che Eileen credeva di essere, prima di scoprire di far parte del clan più potente dell’Inferno e di essere rinata in veste mortale nel Purgatorio, a causa di una dura condanna imposta da Lucifero.
All’oscuro dei ricordi appartenenti alla sua vita passata, Eileen cercherà in ogni modo di sfuggire al suo destino, ma a darle la caccia, oltre i suoi stessi fratelli, ci saranno anche i demoni al servizio del terribile e potente Gujrhah, pronto a tutto per mettere la parola fine al dominio dei Sette, all’Inferno.
Una storia avvincente ed imprevedibile che esalterà il lato più nascosto dei sentimenti umani ed inconsapevolmente, anche il giusto senso della distinzione fra Bene e Male…

(source: Bol.com)

50: I miei racconti erotici

In questo corposo volume troverete tutti i cinquanta racconti scritti da iprimipassi, con, in più, ben quattro inediti. Si tratta di brani nei quali l’eros è il filo conduttore che permette di analizzare, scandagliare, sondare ogni aspetto della quotidianità e dell’animo umano. Protagoniste sono quasi sempre persone comuni, con le loro qualità, i loro difetti, i loro sentimenti, i loro limiti e, spesso, un lato oscuro che chiede solo di essere svelato, nutrito, appagato. I racconti di questa collezione sono estremamente variegati, proprio a rappresentare le mille sfaccettature del nostro Io. Leggerete brani romantici, parole cariche d’amore, di sentimenti profondi. Per trovarvi, dopo solo poche pagine, catapultati in un mondo di passione cieca, incontenibile, brutale. Non mancheranno, poi, storie fantasy immerse in un’atmosfera incantata, o thriller dai ritmi serrati, tutte comunque condite da un pizzico di erotismo che solleticherà i vostri sensi. Seguirete le vicende di personaggi portati al limite, accompagnati ad esplorare i meandri più oscuri della loro mente, a conoscersi ed accettarsi completamente. Tante sono le storie, tante le tematiche affrontate, tanti i sentimenti messi in gioco nelle pagine di questo libro. Un libro tutto da scoprire e gustare fino in fondo.
**
### Sinossi
In questo corposo volume troverete tutti i cinquanta racconti scritti da iprimipassi, con, in più, ben quattro inediti. Si tratta di brani nei quali l’eros è il filo conduttore che permette di analizzare, scandagliare, sondare ogni aspetto della quotidianità e dell’animo umano. Protagoniste sono quasi sempre persone comuni, con le loro qualità, i loro difetti, i loro sentimenti, i loro limiti e, spesso, un lato oscuro che chiede solo di essere svelato, nutrito, appagato. I racconti di questa collezione sono estremamente variegati, proprio a rappresentare le mille sfaccettature del nostro Io. Leggerete brani romantici, parole cariche d’amore, di sentimenti profondi. Per trovarvi, dopo solo poche pagine, catapultati in un mondo di passione cieca, incontenibile, brutale. Non mancheranno, poi, storie fantasy immerse in un’atmosfera incantata, o thriller dai ritmi serrati, tutte comunque condite da un pizzico di erotismo che solleticherà i vostri sensi. Seguirete le vicende di personaggi portati al limite, accompagnati ad esplorare i meandri più oscuri della loro mente, a conoscersi ed accettarsi completamente. Tante sono le storie, tante le tematiche affrontate, tanti i sentimenti messi in gioco nelle pagine di questo libro. Un libro tutto da scoprire e gustare fino in fondo.

50 modi per farsi lasciare

L’amore eterno è ancora di moda? Questo si chiedono tutti i protagonisti di “Amori a tempo determinato” di Eliselle: Linda, trent’anni e ancora convinta che l’amore eterno esista – sarà perché gliel’ha predetto un’eccentrica cartomante che assomiglia a Lady Gaga… -; Michel, ottimista incallito nelle faccende di cuore, anche se lui, nella vita, ha incrociato decisamente più calessi che amori; Alex, autista di limousine a noleggio, che di mestiere accompagna al patibolo… ops, all’altare coppie di sposi, tentando di dissuaderli dal compiere il grande passo. E poi Miranda, psicanalista, che delle coppie spezzate ha fatto un business. D’altronde l’amore per lei è tutta una questione di statistica. E base di tutte le sue teorie è il divertentissimo ed esilarante manuale “50 modi per farsi lasciare” di Carlo Vanni. Perché diciamoci la verità: in tutto questo gran casino che è l’amore al giorno d’oggi, potreste non essere così fortunate da trovare il principe azzurro al primo colpo. Ma come fare a liberarsi per tempo di tutti i rospi che verranno? Continuate a scoprire le mille facce dell’amore ai tempi moderni con “Amori a tempo determinato di Eliselle” (disponibile in libreria e in ebook dal 23 aprile 2013).

37°2 al mattino

Zorg, trentacinquenne con ambizioni letterarie, è tuttofare in un complesso di appartamenti in mezzo al nulla. Betty, bella e imprevedibile, è entrata nella sua vita, valigia in mano, una mattina. I due si abbandonano a una storia d’amore che rifiuta qualsiasi mediocrità. Betty rimane incantata dagli scritti del ragazzo ed è determinata nel trovare un editore che glieli pubblichi. Ogni giorno invia materiale da lei stessa battuto a macchina, ma i numerosi rifiuti la fanno sprofondare in una forte inquietudine. Tra sesso, gioco ed eccessi, la quieta vita di Zorg si trasforma in un percorso a ostacoli… perché a volte la felicità bisogna strapparla alla vita, fino a consumarsi le unghie.
**