48305–48320 di 75864 risultati

I misteri di blackberry manor

Inghilterra, 1813 – Tutto è inquietante a Blackberry Manor, dai corvi che volano in circolo sopra le torri ai gargoyle che montano la guardia sui tetti. E all’interno, tra oscuri corridoi e passaggi segreti, il pericolo è in agguato. Evangeline Pemberton è stata invitata a trascorrere qualche giorno in quel tetro maniero, dimora del cupo e solitario Gavin Lioncroft, sospettato di aver ucciso i propri genitori. All’inizio il fisico imponente e i modi bruschi del padrone di casa incutono un certo timore nella giovane, finché il fascino e la sensibilità di cui dà prova Gavin non fanno breccia nel suo cuore. Ma quando un ospite del castello muore in circostanze misteriose, Evangeline non può fare a meno di porsi delle domande. Possibile che l’uomo da cui si sente tanto attratta sia uno spietato assassino?

I misteri dell’abbazia di Pomposa

Da un maestro del giallo storico, il racconto affascinante e mozzafiato della misteriosa abbazia di Pomposa. Un saggio illustrato che si legge come un romanzo, in cui Marcello Simoni svela i segreti nascosti negli affreschi che decorano l’abbazia, una vera e propria “Bibbia di pietra” in cui convivono diavoli, mostri ed episodi dalle scritture. Simoni rintraccia le fonti di questo labirinto di simboli, e suggerisce una lettura sorprendente di uno dei capolavori dell’arte medievale. Un viaggio – illuminato dai disegni dell’autore – nella bellezza di un luogo dal fascino immutato, che racchiude mondi letterari e artistici tutti da scoprire, rivelati dalla scrittura appassionante dell’autore italiano di thriller più tradotto al mondo. “Tutto è cominciato quando, ancora bambino, entrai per la prima volta nell’abbazia di Pomposa e posai lo sguardo sulle sue pareti coperte da affreschi vecchi di oltre seicento anni. All’epoca non avevo idea di cosa fosse il Gotico medievale. Ma amavo già inventare e ascoltare storie. E quella a cui mi trovavo di fronte, lo percepii da subito, era una storia grandiosa.”

Mississippi blood

Per l’avvocato Penn Cage l’onore e la vergogna sono come testa o croce. Non esiste il primo senza la seconda. Avvocato bianco nel profondo Sud degli Stati Uniti, Penn Cage è fin troppo conosciuto a Natchez, Mississippi. Soprattutto adesso che il processo per omicidio nei confronti di suo padre, rispettato e onorato medico della città per quarant’anni, sta per cominciare. Molte cose sono cambiate nella vita di Penn da quando il padre è stato accusato di aver assassinato l’infermiera di colore Viola Turner. Ma chi era davvero il padre di Penn? Con l’aiuto di una famosa scrittrice venuta a Natchez proprio per scrivere del processo, Serenity Butler, l’avvocato condurrà la sua, personalissima, indagine. E non avrà paura, questa volta, di guardare in faccia il passato della propria famiglia, e del Sud stesso, e di sporcarsi del sangue che vi troverà.Mississippi Blood è l’epica conclusione di una trilogia che lascia senza fiato per la forza narrativa e la potenza simbolica. Una saga i cui volumi hanno il passo del legal thriller e al tempo stesso raccontano una storia più grande, che parla di padri e figli, bianchi e neri, violenza e onore, e in cui si specchia un intero paese. Quell’America che, oggi come ieri, si affanna a cercare le stesse elusive risposte. Come ha scritto Stephen King, «un’opera straordinaria».

La missione

Leonardo sopravvive. Sopravvive da bambino al secondo conflitto mondiale. Sopravvive alla traversata dell’oceano Atlantico, quella traversata che lo porterà in America. Leonardo si adatta. Si adatta agli USA, si adatta alla fabbrica di condizionatori, si adatta al matrimonio e ai figli. Leonardo si divide. Si divide fra i ricordi delle origini italiane e il sogno americano, si divide fra ciò che era e ciò che sta diventando. Tra la vita coniugale e la scalata nell’alta borghesia come pubblicitario Newyorkese. Tra i soldi a palate e la sua interiorità conflittuale. Leonardo è in viaggio. In viaggio fra questa vita e quelle di mondi paralleli, in viaggio fra le sue ricorrenti visioni e i sogni premonitori. Fra i festini, le suite d’albergo, lo spirito creativo e le dolci mura di una casa, la sua casa. Leonardo è in missione per conto dei Tredici, questa è la sua Missione, quella affidatagli dai Guardiani dell’Universo. Questa è la sua storia, è vera, ed è qui per voi. Siete pronti?
**

Missione Grande Bellezza

L’Italia è un enorme museo a cielo aperto: nelle sue città, fra le sue colline, lungo le sue spettacolari coste sono nati alcuni dei più grandi capolavori artistici della nostra civiltà. Ma sono tante le opere create in Italia che hanno vissuto destini travagliati: rubate in guerra, a volte restituite a volte no, spesso perdute. Non c’è da stupirsi quindi che i più temuti personaggi della storia, da Napoleone fino a Hitler, abbiano preso di mira lo stivale d’Europa e i suoi tesori. Ma in loro difesa si sono battuti eroi, spesso sconosciuti, che hanno rischiato la vita per riportare in patria parte del bottino, e di cui oggi Alessandro Marzo Magno ricostruisce le gesta: Antonio Canova in missione a Parigi per conto del papa, l’ambiguo Rodolfo Siviero, agente segreto dall’oscuro passato, che ha dedicato tutta la vita al recupero delle opera trafugate dai nazisti. E poi ancora le Monuments Women italiane: Palma Bucarelli a Roma, Noemi Gabrielli a Torino e Genova, Fernanda Wittgens a Milano. Quasi come in un thriller, grazie alla capacità dell’autore di farci leggere il passato come una straordinaria avventura del presente, rivivono le storie coraggiose di quelle donne e di quegli uomini che hanno recuperato e messo in salvo la bellezza del nostro paese.

Hanno scritto di L’alba dei libri
‘Un inno al libro.’ Nello Ajello, ‘la Repubblica’
‘Un affascinante romanzo-saggio.’ Chiara Vanzetto, ‘Corriere della Sera’

Hanno scritto di L’invenzione dei soldi
‘Si parla di denaro come Indiana Jones parla dell’Arca Perduta: con passione e con speciale competenza.’ Diego Gabutti, ‘Sette – Corriere della Sera’
��Un libro bellissimo.’ Corrado Augias

Hanno scritto di Il genio del gusto
‘La penna affabulatoria e felice dell’autore renderà il viaggio un’avventura.’
Brunella Schisa, ‘Il Venerdì – la Repubblica’

Hanno scritto di Con stile
‘Questo agile e molto divulgativo saggio racconta la storia della moda e del vestito con un occhio di riguardo, ovviamente, per l’Italia.’ Matteo Sacchi, ‘Il Giornale’
(source: Bol.com)

Missione Ararat

«Una vera rivelazione.» Stephen King Dall’autore bestseller del New York Times Quando un terremoto rivela una grotta segreta, nascosta tra le pareti del Monte Ararat in Turchia, una coraggiosa coppia di avventurieri è determinata a esplorarla per prima. Quello che scopriranno è destinato a cambiare il mondo. Messo insieme un team di speleologi, archeologi e documentaristi, riescono finalmente a raggiungere e a entrare nella cavità del monte. Sembra incredibile, ma la grotta altro non è che un’antica nave sepolta, un relitto finito a quell’altitudine in tempi remoti. Si tratta dunque dell’Arca di Noè? Nei recessi dell’antro è custodito un elaborato sarcofago, all’interno del quale riposano da millenni i resti di un mostruoso cadavere. Non è di certo il patriarca biblico che avevano immaginato di trovare: si tratta invece di una spaventosa creatura con le corna. Lo stupore e la paura si trasformano in orrore quando comincia a verificarsi una serie di inquietanti omicidi. L’unica via di salvezza sembra essere la fuga, ma una tormenta di neve ostacola la discesa dalla montagna. Tutto quello che possono fare è pregare per la salvezza. Ma qualcosa di malvagio sta ascoltando le loro suppliche… E sta per rispondere a modo suo. L’autore al primo posto tra i bestseller del New York Times Sepolti sotto centinaia di metri di ghiaccio, non sono soli «Una vera rivelazione.» Stephen King «I romanzi horror tornano in auge… Gran parte del merito è di Christopher Golden.» George R. R. Martin «Golden dà un nome e un volto all’oscurità che vive in ognuno di noi. Una lettura avvincente!» M.R. Carey, autore del bestseller La ragazza che sapeva troppo Christopher GoldenÈ un prolifico autore americano di romanzi fantasy e horror, nato e cresciuto in Massachusetts. Si è anche occupato di fumetti e videogiochi, tra cui X-men, Battlestar Galactica, Buffy l’ammazzavampiri, e sta scrivendo una serie di romanzi ispirati al telefilm Sons of Anarchy. È uno degli sceneggiatori del film Hellboy: Rise of Blood Queen, reboot del film basato sul fumetto Hellboy. Stephen King ha definito i suoi libri «una vera rivelazione».

Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali

Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d’altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l’oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all’orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d’epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Su “Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali”, è basato l’omonimo film, prodotto dalla Twentieth Century Fox, scritto e diretto da Tim Burton.
**

Misfatti: racconti di trasgressione

In questa raccolta Joyce Carol Oates esplora il lato misterioso della psiche di uomini e donne apparentemente normali, addentrandosi nel labirinto delle loro ossessioni con lucidità impietosa e profonda umanità. L’ossessione di un ragazzo per le pistole, la terribile vendetta di una ragazza brutta, il fanatismo omicida di una setta religiosa, una passione amorosa che varca i confini della sanità mentale: un intero universo, denso di misteri e di pericoli, che con un sottile brivido di angoscia accompagna il lettore ben oltre la parola fine. **

Miseria e nobiltà

La commedia ha come protagonista Felice Sciosciammocca, celebre maschera di Eduardo Scarpetta, e la trama gira attorno all’amore del giovane nobile Eugenio per Gemma, figlia di Gaetano, un cuoco arricchito. Ostacolato dal padre al matrimonio, egli si rivolge allo scrivano Felice per trovare una soluzione. Felice e Pasquale, un altro spiantato, assieme alle rispettive famiglie, si introdurranno a casa del cuoco fingendosi i parenti nobili di Gemma. La situazione si ingarbuglia poiché anche il vero Marchese Favetti, padre di Eugenio, è innamorato della ragazza, al punto di frequentarne la casa sotto le mentite spoglie Don Bebè. Il figlio, scopertolo e minacciatolo di rivelare la verità, lo costringerà a dare il suo consenso per le nozze.
Lingua: Italiano
Capilettera: si
Capitoli separati: si
Formattazione per kindle: si
Indice: si
Cerca tutti i libri della francesco libri su amazon !
**
### Sinossi
La commedia ha come protagonista Felice Sciosciammocca, celebre maschera di Eduardo Scarpetta, e la trama gira attorno all’amore del giovane nobile Eugenio per Gemma, figlia di Gaetano, un cuoco arricchito. Ostacolato dal padre al matrimonio, egli si rivolge allo scrivano Felice per trovare una soluzione. Felice e Pasquale, un altro spiantato, assieme alle rispettive famiglie, si introdurranno a casa del cuoco fingendosi i parenti nobili di Gemma. La situazione si ingarbuglia poiché anche il vero Marchese Favetti, padre di Eugenio, è innamorato della ragazza, al punto di frequentarne la casa sotto le mentite spoglie Don Bebè. Il figlio, scopertolo e minacciatolo di rivelare la verità, lo costringerà a dare il suo consenso per le nozze.
Lingua: Italiano
Capilettera: si
Capitoli separati: si
Formattazione per kindle: si
Indice: si
Cerca tutti i libri della francesco libri su amazon !

Miserere

Parigi, chiesa armena di Saint-Jean-Baptiste. Nell’aria riecheggiano ancora le terrificanti grida dell’esule cileno Wilhelm Goetz, organista e direttore del coro di voci bianche, appassionato cultore del Miserere di Gregorio Allegri. Il corpo dell’uomo giace ormai inerte in una pozza di sangue, riverso sull’organo, i timpani perforati con indicibile violenza. Accanto al cadavere, le impronte di un bambino. Lionel Kasdan, parrocchiano di quella chiesa e poliziotto in pensione, segugio d’altri tempi, testardo quanto acuto, è il primo ad accorrere sulla scena del delitto, un delitto apparentemente inspiegabile, considerata la reputazione di Goetz, un uomo tranquillo e riservato, dedito solo alla musica con una passione quasi maniacale. Ma dietro quell’immagine immacolata ben presto Kasdan, insieme a Cédric Volokine, poliziotto della Squadra protezione minori, capisce che c’è ben altro, Ci sono rapporti ambigui e oscuri che Goetz instaurava con gli allievi del coro, ma non solo. Ci sono anche verità inconfessabili, ferite insanabili risalenti agli anni della dittatura in Cile. E mentre prosegue l’indagine, gli interrogativi si rincorrono: Goetz era veramente un testimone contro i torturatori del regime di Pinochet o un attivo collaboratore dei fascisti? Le risposte vanno trovate, e in fretta, perché i delitti si susseguono, uno dopo l’altro, tutti orchestrati secondo le stesse modalità.

I miserabili – Volume III

Dopo il 1823, mentre la bettola di Montfermeil sprofondava e veniva inghiottita a poco a poco, non nell’abisso di una bancarotta, ma in una cloaca di debitucci, i coniugi Thénardier avevano avuto altri due figli; maschi entrambi. Con questi eran cinque: due ragazze e tre ragazzi. Erano tanti.
La Thénardier si era sbarazzata degli ultimi due, ancora in tenera età e piccolissimi, con singolare fortuna.
(source: Bol.com)

I miserabili – Volume II

Quarant’anni fa, il passeggiatore solitario che si avventurava nei paesi perduti della Salpêtrière e che saliva per il viale fin verso la barriera d’Italie, arrivava in punti in cui si può dire che Parigi spariva. Non era la solitudine, c’erano dei passanti; non era la campagna, c’erano case e vie; non era una città, le vie avevano carreggiate come le strade maestre e vi cresceva l’erba; non era un villaggio, le case erano troppo alte. Cos’era dunque? Era un luogo abitato in cui non c’era nessuno, era un luogo deserto in cui c’era qualcuno; era un viale della grande città, una via di Parigi, più selvaggia di una foresta la notte, più cupa il giorno di un cimitero.
(source: Bol.com)

Il misantropo

Da più di tre secoli ci si interroga sul modo più giusto di leggere e rappresentare Il misantropo. Un’opera che può essere capita appieno soltanto in un’adeguata prospettiva storica oppure, come qualcuno ha suggerito di recente, un capolavoro involontario del Novecento? Un dilemma appassionante, ma che forse risulterebbe inesistente se si tenesse nel debito conto la costitutiva e geniale ambiguità del testo: un’ambiguità alla cui luce Alceste, il protagonista, può avere nello stesso tempo ragione e torto, può apparire dunque contemporaneamente “comico” e “drammatico”.

Il miracolo dell’ospitalità

Benedetto XVI ha richiamato la famiglia a essere ”unita e aperta alla vita, ben inserita nella società e nella Chiesa, attenta alla qualità delle relazioni oltre che all’economia dello stesso nucleo familiare” (Lettera in vista del VII Incontro Mondiale delle Famiglie – Milano 2012). La stessa consapevolezza del ruolo decisivo della famiglia nel mondo contemporaneo emerge negli interventi e nei dialoghi tenuti da don Giussani ai gruppi dell’Associazione ”Famiglie per l’Accoglienza”, realtà diffusa in tutta Italia e da molti anni impegnata a promuovere e sostenere il fenomeno dell’affido, dell’adozione e l’esperienza di tutte le famiglie che accolgono. La parola ospitalità – di cui affido e adozione sono sinonimo – traccia dunque l’identikit di una famiglia che, con gratitudine e impegno, si rende aperta alla vita, riconoscendone la sacralità e irriducibilità ultima alla pura misura dell’uomo. Da questa realtà di famiglia occorre ripartire oggi per affrontare in maniera efficace e pienamente umana la crisi – economica, ma ancor prima morale – che incombe sul mondo contemporaneo.
(source: Bol.com)

Miracolo alla diciassettesima buca

Travis McKinley: un lavoro che ormai odia, un matrimonio che si è raffreddato, dei figli dai quali si sente lontano e, soprattutto, un senso di fallimento sempre più opprimente. Una sera, alla vigilia di Natale, mentre si trova sul campo da golf per cercare di pensare ad altro, si rende conto che sta accadendo qualcosa: sta giocando come un professionista, per la prima volta nella sua vita riesce a «vedere» la traiettoria della sua pallina. Nel breve e concitato volgere di qualche giorno, Travis si trova catapultato nel PGA Senior Open, dove lotta per conquistare il diritto di gareggiare con i migliori. E alla fine di questa incredibile esperienza, all’ultima buca dell’ultimo torneo, mentre sua moglie, i suoi figli e un enorme pubblico televisivo lo stanno guardando, lo aspetta un miracolo… di quelli che cambiano la vita per sempre.