48177–48192 di 72802 risultati

L’ultimo della lista: dal racconto alla sceneggiatura fino al fumetto

Un uomo scrive le sue ultime volontà, prima di lasciare definitivamente questa esistenza. Ricorda cosa gli è accaduto e spera che qualcun altro ne faccia tesoro.
Rammenta di come si sentiva moralmente sconfitto dalla vita che conduceva tra casa e lavoro. Nessuno stimolo a continuare. Quando, in un giorno qualsiasi, incontra una sua vecchia conoscenza, che per tirarlo su di morale, gli dona un ciondolo e lo incoraggia ad avere più fiducia in se stesso.
**
### Sinossi
Un uomo scrive le sue ultime volontà, prima di lasciare definitivamente questa esistenza. Ricorda cosa gli è accaduto e spera che qualcun altro ne faccia tesoro.
Rammenta di come si sentiva moralmente sconfitto dalla vita che conduceva tra casa e lavoro. Nessuno stimolo a continuare. Quando, in un giorno qualsiasi, incontra una sua vecchia conoscenza, che per tirarlo su di morale, gli dona un ciondolo e lo incoraggia ad avere più fiducia in se stesso.

L’ultimo crimine

Quando tutto sta per finire
non resta che tenersi la mano, come due sconosciuti
su un aereo che sta precipitando.

Il detective Hank Palace ormai ha rinunciato a quasi tutto nella vita. D’altra parte, i suoi giorni su questa terra sono contati, e non solo i suoi. Ci voleva la più imprevedibile delle catastrofi – non il riscaldamento globale, non il terrorismo, non una nuova guerra mondiale – per segnare la fine del nostro pianeta. Un asteroide dal nome troppo dolce, Maia, per l’impatto disastroso che è destinato ad avere. E mancano solo pochi giorni a quel momento. Ritiratosi nei boschi del Massachusetts, in una casa stipata di provviste, Hank è al sicuro insieme ad altri ex colleghi della polizia di Concord. Ma c’è qualcosa che gli impedisce di restare lì, al riparo da tutto. Sua sorella Nico – l’unica cosa importante che ancora gli resta. Nico è là fuori, convinta, insieme a un gruppo sempre più nutrito di persone, che dietro l’asteroide ci siano motivi ben più complessi (e umani) della fatalità, e che sia ancora possibile salvare la Terra. Ma il tempo è molto poco… sia per Hank, sia per Nico, sia per il pianeta. E Hank dovrà mettere in campo tutto se stesso, e tornare a essere il poliziotto che è sempre stato, per risolvere quest’ultimo, e più grande, mistero.

”La degna conclusione di una trilogia unica nel suo genere”, scrive Booklist di questo terzo volume della serie del poliziotto Hank Palace, che è stata un vero e proprio caso editoriale in America. Un crime ambientato nello scenario di una fine del mondo imminente, che tiene altissima la tensione fino all’ultimo e ci costringe a farci domande molto reali su quali siano, alla fine, le cose che contano davvero.
(source: Bol.com)

L’ultimo cavaliere

Una saga fantastica, ambientata in un mondo di sinistre atmosfere e macabre minacce, che appare come lo specchio oscuro di quello reale. Qui, in uno sconfinato paesaggio apocalittico, l’eterno, epico scontro fra il bene e il male s’incarna in uno dei più evocativi paesaggi concepiti dall’autore: Roland di Gilead, l’ultimo cavaliere, leggendaria figura di eroe solitario sulle tracce di un enigmatico uomo in nero, verso una misteriosa Torre proibita.

L’ultimo ballo di Charlot

In una sera di Natale la Morte va a trovare Charlie Chaplin nella sua casa in Svizzera. Il grande attore e regista ha passato gli ottant’anni ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere accanto a sé. In un lampo di coraggio Chaplin propone un patto alla Vecchia Signora: se riuscirà a farla ridere si sarà guadagnato un anno di vita. Inizia così un singolare balletto con la Morte, e quella notte a salvarlo non sarà la tecnica consumata dell’attore ma la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. La questione però è solo rinviata: anno dopo anno, a Natale, la Vecchia tornerà a reclamarlo e bisognerà trovare il modo di suscitarle almeno una risata. Nell’attesa dell’incontro fatale Chaplin scrive una lunga e appassionata lettera al figlio. Vuole raccontargli la storia vera del suo passato, quella che nessuno ha mai ascoltato, ed ecco che dalle sue parole scaturisce l’avventura rocambolesca di una vita e il ritratto di un’epoca rivoluzionaria.
**

Ultimo atto a Palmira

Vespasiano invia il fidato Marco Didio Falco nel lontano Oriente, ai confini dell’Impero, per una difficile missione di spionaggio.
A complicare le cose subentra l’inspiegabile scomparsa di Sofrona, suonatrice d’organo che accompagna la danza con i serpenti di Talia, amica di vecchia data di Falco.
Dopo un violento scontro con il signore di Petra, Falco dovrà attraversare il deserto insieme a Elena Giustina. Durante il viaggio verso Palmira i due si uniscono a una compagnia teatrale itinerante.
Tra scorpioni mortali, tribù ostili e misteriosi incidenti mai casuali, Falco si cimenterà persino nella composizione di una commedia.

L’ultimo amico

Due amici – Ali e Mamed – uniti dall’adolescenza alla maturità, insieme nello studio, in politica, in prigione, all’appuntamento con i primi amori. Una città – Tangeri – ambigua e inquieta che “ti incalza come una persecuzione, ti ossessiona come una passione”. Una lettera – inaspettata e decisiva – incomprensibile per Ali, necessaria per Mamed. La storia di una grande amicizia che, raccontata dalle voci diverse dei suoi protagonisti, scandaglia la meccanica e le possibilità degli affetti – fra sincerità e dissimulazione, invidia e orgoglio, nostalgia e fedeltà.

(source: Bol.com)

Ultimi vampiri

Chi sono i vampiri? Per secoli, cronache e leggende hanno narrato di esseri diversi dagli uomini, creature non progenie d’Adamo, un’altra razza che avrebbe percorso la Storia al nostro fianco: vampiri dell’acqua e dell’aria, vampiri mutanti, masticatori di sudari e scomunicati redivivi, soldati uccisi ricondotti in eterno al campo della loro sconfitta, apparizioni suggestive di Incubi e Succubi notturni. Poi il Romanticismo ha ridotto ad uno i diversi, rivestendoli tutti della forma romanzesca del villain, e Dracula ha compiuto l’opera, sintesi estrema di tutte queste figure, iperbole spettacolare. Che ne è stato dell’incredibile varietà delle specie vampiriche? Gli ultimi sette sopravvissuti tornano qui a narrarci i loro riti, le loro lotte e i loro amori. Non sono odiosi castellani, né caricature “moderne”, ma compagni di strada di eretici e zingari, adolescenti abbandonati, uomini e donne discriminati, senza famiglia e senza patria. E ancora: tiranni decaduti, cospiratori, presenze estranee, irriducibili e irrecuperabili. E una fantastica epopea che ci trasporta dalla Moravia della Riforma Protestante alla Spagna dell’Inquisizione, dalla Francia del Re Sole all’Inghilterra settecentesca, attraverso il campo infuocato di Waterloo e i gelidi paesaggi del Nord, per concludersi ai nostri giorni nel Nuovo Mondo del Cinema. I luoghi e i momenti cruciali della nostra Storia rivivono, raccontati dal punto di vista della Leggenda.
Alla sua terza prova narrativa, Gianfranco Manfredi scompone l’unità della forma romanzo, liberandola alla molteplicità dei racconti. Diversi i protagonisti narranti, diversi i registri letterari: avventura e favola simbolica, resoconto storico e frammento onirico, dramma e umorismo nero. Costruite su intrecci e su una base ricchissima di riferimenti storici, folclorici e letterari, le sue avvincenti storie di vampiri sfuggono ad ogni prevedibilità e ad ogni cliché, esaltando i valori dinamici del narrare, in una continua, contagiosa tensione verso l’inatteso. Nello sfumarsi reciproco di Storia e Leggenda, prende forma l’indicazione di un nuovo Realismo Visionario: non c’è “dato” che non debba essere anche “immaginato”.

Gli ultimi romani

Anno domini 455. Mentre l’impero d’Occidente si sfalda ed è costretto a cedere provincie e città ai regni dei barbari, il Re dei vandali approfitta di una crisi per attaccare e saccheggiare la città immortale.
Genserico porta con sè i suoi guerrieri migliori ed i feroci Mauri. Roma non può opporgli
alcun esercito e l’imperatore Petronio Massimo viene assalito dalla folla e ferocemente assassinato.
L’unico a tentare una trattativa è Papa Leone. Il vescovo di Roma non riesce però nell’intento
e ottiene poche garanzie. Le basiliche cristiane non verranno saccheggiate ma la città dovrà capitolare senza condizioni. E’ l’estrema umiliazione per la città madre dell’impero.
In Gallia, pochi uomini si oppongono allo strapotere dei Visigoti. Il loro regno è divenuto
una superpotenza. Re Teodorico interviene direttamente nell’elezione degli imperatori e dei magistrati romani.
Un solo uomo, alla guida di un pugno di coraggiosi, cerca di affrontare l’inevitabile. Egli tenta disperatamente di difendere un’intera provincia e di opporsi allo strapotere dei barbari.
Quell’uomo è Aegidius Siagrio, generale feroce e astuto. Le sue decisioni lo condurranno
a combattere continuamente per difendere gli ultimi domini dell’Impero d’Occidente in Gallia.
LIBRO UNICO
**
### Sinossi
Anno domini 455. Mentre l’impero d’Occidente si sfalda ed è costretto a cedere provincie e città ai regni dei barbari, il Re dei vandali approfitta di una crisi per attaccare e saccheggiare la città immortale.
Genserico porta con sè i suoi guerrieri migliori ed i feroci Mauri. Roma non può opporgli
alcun esercito e l’imperatore Petronio Massimo viene assalito dalla folla e ferocemente assassinato.
L’unico a tentare una trattativa è Papa Leone. Il vescovo di Roma non riesce però nell’intento
e ottiene poche garanzie. Le basiliche cristiane non verranno saccheggiate ma la città dovrà capitolare senza condizioni. E’ l’estrema umiliazione per la città madre dell’impero.
In Gallia, pochi uomini si oppongono allo strapotere dei Visigoti. Il loro regno è divenuto
una superpotenza. Re Teodorico interviene direttamente nell’elezione degli imperatori e dei magistrati romani.
Un solo uomo, alla guida di un pugno di coraggiosi, cerca di affrontare l’inevitabile. Egli tenta disperatamente di difendere un’intera provincia e di opporsi allo strapotere dei barbari.
Quell’uomo è Aegidius Siagrio, generale feroce e astuto. Le sue decisioni lo condurranno
a combattere continuamente per difendere gli ultimi domini dell’Impero d’Occidente in Gallia.
LIBRO UNICO

Gli ultimi giorni di Marco Pantani

Il 14 febbraio 2004 Marco Pantani viene ritrovato morto nel Residence Le Rose di Rimini. È il drammatico epilogo di una lunga tragedia, cominciata il 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio, quando il Pirata era stato cacciato dal Giro d’Italia a seguito di un esame del sangue che aveva rilevato un livello di ematocrito al di sopra del consentito; da quel momento, un susseguirsi di depressione e dissolutezze. Per questo, nessuno si meraviglia quando, dopo un’inchiesta durata solo 55 giorni, la morte del ciclista più amato degli ultimi decenni viene archiviata come decesso accidentale per overdose. Ma il giornalista francese Philippe Brunel, che conosceva bene Pantani, cerca di fare chiarezza sulle circostanze di una morte per troppi versi oscura. Perché è stata esclusa la presenza di altre persone nella stanza del residence, tanto che non sono state nemmeno rilevate le impronte digitali? E come ha fatto il Pirata a devastare l’appartamento senza scalfirsi nemmeno un’unghia? Soprattutto, perché il medico che eseguì l’autopsia portò a casa propria il suo cuore “nel timore che qualcuno lo trafugasse”? Ha scritto Gianni Mura: “II libro di Brunel è una controinchiesta da cronista vero, con tanto di date e orari. Così lo si può leggere, come il racconto di un’agonia molto lunga e poco chiara. È la zona d’ombra, quel vortice sempre più cupo e vasto che attrae Pantani, ad attrarre Brunel, dopo la definitiva discesa agli inferi del Pirata”.
**

Gli ultimi giorni dei nostri padri

L’esistenza della SOE è rimasta a lungo un segreto. Settant’anni dopo i fatti, Gli ultimi giorni dei nostri padri è uno dei primi romanzi a rievocarne la creazione e a raccontare le vere relazioni tra la Resistenza e l’Inghilterra di Churchill.

Londra, 1940. Per evitare la distruzione dell’esercito britannico a Dunkerque, Churchill ha un’idea che cambierà il corso della guerra: creare una squadra dei servizi segreti che lavori nella discrezione più assoluta, la SOE, Special Operations Executive. La SOE è incaricata di azioni di sabotaggio e intelligence tra le linee nemiche: la novità è coinvolgere le persone più insospettabili tra la popolazione locale. Qualche mese dopo, il giovane Paul-Émile lascia Parigi per Londra nella speranza di unirsi alla Resistenza. Subito reclutato dalla SOE, è inserito in un gruppo di connazionali che diventeranno suoi compagni e amici del cuore.
Addestrati e allenati in Inghilterra, i soldati che passeranno la selezione verranno rimandati nella Francia occupata e scopriranno presto che il controspionaggio tedesco è già in allerta…

(source: Bol.com)

Gli ultimi fuochi dell’impero romano

Un solo eroe, una sola battaglia, un solo vincitoreÈ l’anno del Signore 458 e l’imperatore Maggioriano lancia le sue legioni alla conquista della gloria perduta di Roma. Il giovane Ascanio, affascinato dal mito delle armi, decide di seguire suo zio Pietro, ministro dell’imperatore, nella spedizione che ha come obiettivo la riconquista della Gallia, della Spagna e dell’Africa. Ma, una volta raggiunto il quartier generale di Maggioriano, Ascanio scopre che è in atto un complotto… In un susseguirsi di avventure, tradimenti e scontri sanguinosi, attraverso gran parte dell’Europa e del Mediterraneo, Ascanio muterà i suoi sogni di gloria con la consapevolezza dell’imminente disfatta. Gli ultimi fuochi dell’impero romano è l’affresco di un’epoca: nell’atmosfera torbida e conturbante del V secolo il lettore si ritroverà tra i palazzi del potere a Costantinopoli e tra le strade di una Roma decadente ma ancora piena di fascino e mistero, con i suoi templi abbandonati, le sue chiese grandiose, i fedeli intransigenti, gli ultimi filosofi pagani e i ricchi nobili sempre più schiavi di un mondo dorato ormai giunto alla fine.’Attraverso il suo racconto in presa diretta Giulio Castelli ci mostra in dettaglio il disfacimento di quel mondo affascinante.’Antonio Di Pierro, Il Venerdì di Repubblica’Straordinario e vivace affresco capace di miscelare il rigore della ricostruzione storica, fondata su un accurato studio delle fonti, con i sapori forti dell’avventura e della fiction.’Danilo Maestosi, Il Messaggero’Un’epoca in cui campeggia l’immagine di una Roma decadente, ma ancora piena di fascino e mistero. Il romanzo è il seguito ideale di Imperator, una saga che narra la dissoluzione della civiltà antica ormai avviata verso il Medioevo.’AdnKronos’Una grande storia d’avventura inserita in una cornice di rigore storico che non toglie nulla al piacere della lettura.’Andrea Marrone, VeroGiulio Castelliromano, narratore e saggista, è cultore e studioso di storia medievale e tardoantica. Giornalista professionista, ha coordinato i servizi culturali di due quotidiani e ha condotto trasmissioni radiofoniche. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo il romanzo Il fascistibile e il pamphlet Il leviatano negligente e, con la Newton Compton, Imperator, il romanzo che narra l’ascesa di Giulio Valerio Maggioriano e Gli ultimi fuochi dell’impero romano.

(source: Bol.com)

L’ultima voce

La bambina giocava con la bambola preferita, nella sua stanza, mentre la madre, nella camera adiacente, veniva colpita a morte dalla furia dell’assassino. Perchè Tinka Sachs, l’indossatrice più richiesta, la meglio pagata, la più riservata, era stata uccisa? E perchè all’87° Distretto nessuno sapeva dove fosse finito Steve Carella? Il mistero era davvero fitto, soprattutto perchè l’indomani la Polizia avrebbe ritrovato un’automobile semidistrutta dal fuoco, con un cadavere carbonizzato

L’ultima traversa

In un piccolo paese vicino a Bolzano si è insediato da poco un parroco giovane e volenteroso. Aloiz Bauer ha ventinove anni, molta fede e un vizio: gli scacchi. Sopita, nascosta e combattuta durante gli ultimi anni di studi, la passione per il gioco torna prepotentemente nella mente del giovane Aloiz dopo aver sfidato Daniel Harrwitz, un anziano signore (l’unico di tutto il paese in grado di giocare) all’osteria, davanti a una folla di curiosi. Harrwitz è un tipo solitario, ambiguo, taciturno e incredibilmente abile davanti a una scacchiera. Forse troppo per essere un semplice dilettante. Settimana dopo settimana, le sfide tra i due diventano un avvenimento nel paese. Sempre più ossessionato dal gioco padre Bauer si butta a capofitto nei manuali di scacchi e ben presto la sua fede vacilla sotto i colpi degli impulsi umani, tra la competizione con il signor Harrwitz e le velate avances di una fedele che, nel segreto del confessionale, si dichiara innamorata di lui. Il contrasto tra la fede, gli scacchi e l’amore si fa quasi insostenibile fino a quando Bauer non viene convocato al capezzale del vecchio scacchista che sta per morire. Dopo aver ascoltato il racconto-confessione dell’uomo, al parroco non resterà che gettare nel fuoco la scacchiera e la tonaca.
**

L’ultima stella. La quinta onda

“Gli Altri sono il nemico. Il nemico è dentro di noi. Anzi, no, non c’è. Il nemico è quaggiù, è lassù, non è da nessuna parte. Vuole la Terra, vuole aiutarci a non perderla. È venuto qui per eliminarci, è venuto qui per salvarci.” Dietro queste parole sibilline si cela una verità inconfutabile: Cassie è stata tradita. Anche Ringer. E Zombie. E Nugget. E, come loro, sono state tradite più di sette miliardi di persone che vivevano sulla Terra. Tradite prima di tutto dagli Altri. E ora anche da loro stesse. E proprio negli ultimi giorni prima della fine, i sopravvissuti dovranno decidere cosa è davvero importante: salvarsi o salvare ciò che li rende umani. Nel capitolo conclusivo della saga firmata da Rick Yancey si decide il destino del pianeta in un crescendo inarrestabile di perdite, emozioni e azioni eroiche.
**

L’ultima sorpresa

Quando Rafe Bowman arriva dall’America per incontrare Natalie, la figlia bella e a modo di lord Blandford, Londra risplende delle luci e delle decorazioni dell’imminente Natale. Intrigante e fascinoso, con la reputazione da avventuriero del Nuovo Mondo, Rafe è sicuro di fare colpo sulla fanciulla. Il matrimonio è garantito. Invece il destino ha in serbo ben altro per lui: Hannah, la cugina di Natalie. E mentre Rafe deve scegliere tra denaro e amore, inaspettatamente scocca dentro di lui una nuova scintilla.