33–48 di 74503 risultati

Universi in fuga – Seconda parte

Da un braccio all’altro della spirale avanza l’incognita che Hans Rebka, Darya Lang e gli altri personaggi di questo grande romanzo sono chiamati a svelare. Dietro l’apparizione di un’astronave di morti proveniente dal Sagittario si cela infatti ben altro e tutto fa credere che lo scenario del mistero debba ampliarsi. Proprio nel Sagittario bisogna cercare le tracce dei “colpevoli”, anche se a risolvere l’enigma non basteranno le conoscenze che l’umanità ha accumulato finora sugli Artefici. (Anzi, all’inizio non è neppure certo che gli indizi porteranno a loro.) L’epica risposta a tutti gli interrogativi rivelerà, ancora una volta, il talento di Charles Sheffield non solo come romanziere ma come fisico e ideatore di plausibili civiltà del cosmo.
Copertina di Franco Brambilla

Universi in fuga – Prima parte

Dalle stelle del Sagittario arriva una macabra astronave con i resti di due diverse specie aliene; nella stessa regione, interi sistemi stellari hanno cominciato a estinguersi sotto l’impeto di forze caotiche. La necessità di scoprire cosa sia successo diventa vitale e il Braccio di Orione decide di radunare un gruppo di esperti che si erano già occupati del mistero degli Artefici e dell’antica nemesi Zardalu, una crudelissima razza creduta estinta. Tornano così in campo l’irrequieto Hans Rebka, l’esperta Darya Lang, l’impaziente computer incarnato E.C. Tally e il consigliere etico Julian Graves: insieme ad altri comprimari, dovranno scoprire l’estensione della minaccia prima di decidere se sia arrivato il momento del confronto faccia a faccia con gli Artefici, creature che nessuno ha mai visto, o con forze ancora più antiche e sconosciute.

Una volta c’era una vecchia…

Cornelia Potts è una vecchia “terribile”, dispotica padrona dei calzaturifici Potts e capo di una famiglia assai male assortita. Fra primo e secondo marito, e fra figli del primo e del secondo marito, la situazione è arruffata di per sè, ma la tragedia ha inizio quando Robert e Thurlow, due figli di Cornelia, litigano al punto che, in un duello in piena regola, Robert viene ucciso. Ellery Queen, che già era stato interessato alla faccenda, rimane colpito dall’esito letale del duello rusticano. Ma il destino pare essersi accanito contro i Potts e alla morte violenta di Robert segue quella di Mac, trovato ucciso nel proprio letto. Improvvisamente muore anche la vecchia. Tutta la storia assume toni altamente drammatici e un testamento manomesso o falsificato rende pressoché inestricabile la tragedia dei Potts. Ellery Queen riesce però, alla fine, a chiarire lo straordinario mistero e a smascherare l’assassino a dispetto di un sottilissimo gioco psicologico che per quasi tutta la vicenda minaccia di sospingerlo verso una errata soluzione.

Una peccatrice

“Una peccatrice” è un romanzo di Giovanni Verga pubblicato nel 1865 a Torino. Pietro Brusio, un giovane di Catania, studente di legge e con passioni letterarie, si innamora perdutamente di una donna incontrata casualmente durante una passeggiata ai giardini pubblici della città, Narcisa Valderi. Dall’incontro nascerà una tragica storia d’amore.  
L’autore
Giovanni Carmelo Verga (Vizzini, 2 settembre 1840 – Catania, 27 gennaio 1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, considerato il maggior esponente della corrente letteraria del verismo. **
### Sinossi
“Una peccatrice” è un romanzo di Giovanni Verga pubblicato nel 1865 a Torino. Pietro Brusio, un giovane di Catania, studente di legge e con passioni letterarie, si innamora perdutamente di una donna incontrata casualmente durante una passeggiata ai giardini pubblici della città, Narcisa Valderi. Dall’incontro nascerà una tragica storia d’amore.  
L’autore
Giovanni Carmelo Verga (Vizzini, 2 settembre 1840 – Catania, 27 gennaio 1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, considerato il maggior esponente della corrente letteraria del verismo.
### L’autore
Giovanni Carmelo Verga (Catania, 2 settembre 1840 – Catania, 27 gennaio 1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, considerato il maggior esponente della corrente letteraria del verismo. La data di nascita di Giovanni Verga non è specificata, ma si pensa che sia nato o il 31 agosto 1840 o il 2 settembre 1840 da una famiglia di piccoli proprietari terrieri: fu registrato all’anagrafe di Catania. Il padre, Giovanni Battista Catalano, era di Vizzini, dove la famiglia Verga – di lontane ascendenze spagnole, visto che erano giunti in Sicilia col nome di Vegas nel 1282 circa – aveva delle proprietà, e discendeva dal ramo cadetto della famiglia alla quale appartenevano anche i baroni di Fontanabianca; la madre si chiamava Caterina Di Mauro e apparteneva ad una famiglia borghese di Catania. Il nonno di Giovanni, come testimonia il De Roberto in un articolo raccolto, insieme a molti altri, in un volume a cura di Carmelo Musumarra, era stato carbonaro e, nel 1812, eletto deputato per Vizzini al primo Parlamento Siciliano. Verga aveva due fratelli, Mario e Pietro. Rappresentano da sempre motivo di acceso dibattito la questione riguardante l’esatto luogo di nascita di Giovanni Verga, nonché la data dell’evento; benché gran parte dei testi lo collochino a Catania, basandosi sul contenuto dell’atto di nascita, esistono fondate argomentazioni sulla base delle quali è possibile ritenere che essa sia avvenuta nei pressi di Vizzini. La seconda tesi, secondo cui Verga sarebbe nato in un podere di campagna, di proprietà dello zio don Salvatore, in contrada Tièpidi (una zona di campagna a pochi chilometri dal centro abitato di Vizzini, citata dall’autore verista nei suo scritti col nome di Tebidi o Tèpidi), poggia su diverse constatazioni.

Una Notte Non È Per Sempre

**Un legame proibito. Una passione senza tabù. Un incontro in grado di stravolgere ogni certezza**
Fare la giornalista è sempre stata la mia aspirazione, peccato che finora non abbia ottenuto che una lunga lista di fallimenti. Da tre anni mi accontento di immagazzinare dati nel seminterrato di un grattacielo, lavorando per Logan Holder: un uomo sexy e intimidatorio, arrogante e spregiudicato, che non saprebbe riconoscere la mia faccia in una stanza con quattro persone. Quando un’occasione inattesa mi porta ai piani alti, ho finalmente la possibilità di realizzare il mio sogno. L’unico problema è che la rivista per la quale dovrò scrivere parla di sesso nel modo più disinibito e diretto possibile: un argomento di cui non so praticamente niente. Lasciarmi tentare dai penetranti occhi blu di Logan, con la scusa di accrescere un po’ la mia esperienza, sarebbe uno sbaglio torbido, fatale, gigantesco… ma, in fin dei conti, qual è la prima cosa che fai quando ti dicono “non toccare”?
La nostra chimica è innegabile. La nostra attrazione è magnetica. Superare i confini sarebbe un errore, eppure, rinunciare sembra fuori discussione. Quando due mondi opposti collidono, può finire solo in due modi: l’impatto può unirli o separarli per sempre. In ogni caso, giuro che non ne uscirò in pezzi. L’amore non sempre vince. Devo solo fare in modo che il mio cuore ci creda.
Nel romanzo sono presenti scene destinate a un pubblico adulto.
**
### Sinossi
**Un legame proibito. Una passione senza tabù. Un incontro in grado di stravolgere ogni certezza**
Fare la giornalista è sempre stata la mia aspirazione, peccato che finora non abbia ottenuto che una lunga lista di fallimenti. Da tre anni mi accontento di immagazzinare dati nel seminterrato di un grattacielo, lavorando per Logan Holder: un uomo sexy e intimidatorio, arrogante e spregiudicato, che non saprebbe riconoscere la mia faccia in una stanza con quattro persone. Quando un’occasione inattesa mi porta ai piani alti, ho finalmente la possibilità di realizzare il mio sogno. L’unico problema è che la rivista per la quale dovrò scrivere parla di sesso nel modo più disinibito e diretto possibile: un argomento di cui non so praticamente niente. Lasciarmi tentare dai penetranti occhi blu di Logan, con la scusa di accrescere un po’ la mia esperienza, sarebbe uno sbaglio torbido, fatale, gigantesco… ma, in fin dei conti, qual è la prima cosa che fai quando ti dicono “non toccare”?
La nostra chimica è innegabile. La nostra attrazione è magnetica. Superare i confini sarebbe un errore, eppure, rinunciare sembra fuori discussione. Quando due mondi opposti collidono, può finire solo in due modi: l’impatto può unirli o separarli per sempre. In ogni caso, giuro che non ne uscirò in pezzi. L’amore non sempre vince. Devo solo fare in modo che il mio cuore ci creda.
Nel romanzo sono presenti scene destinate a un pubblico adulto.

Una donna, una passione

Volere è potere! Eleanor Perrie non ne può più! Lavorare tutti i giorni gomito a gomito con Curry Matherson, il suo capo, sta diventando sempre più difficile. Lui è scontroso, scorbutico, ma anche bello, affascinante e sensuale… Lei ha un solo desiderio: che Curry la prenda tra le braccia e la baci. Come fare? Semplice, trasformandosi in una donna a cui sarà impossibile dire di no. Curry non crede a ciò che vede. La donna che avanza verso di lui con un incedere da pantera è Eleanor, la sua insignificante e scialba segretaria. Che cosa succede? Se è un sogno, che nessuno lo svegli! **
### Sinossi
Volere è potere! Eleanor Perrie non ne può più! Lavorare tutti i giorni gomito a gomito con Curry Matherson, il suo capo, sta diventando sempre più difficile. Lui è scontroso, scorbutico, ma anche bello, affascinante e sensuale… Lei ha un solo desiderio: che Curry la prenda tra le braccia e la baci. Come fare? Semplice, trasformandosi in una donna a cui sarà impossibile dire di no. Curry non crede a ciò che vede. La donna che avanza verso di lui con un incedere da pantera è Eleanor, la sua insignificante e scialba segretaria. Che cosa succede? Se è un sogno, che nessuno lo svegli!

Un’infermiera Nell’alta Società

Può una ragazza dell’alta società trasformarsi in un’infermiera competente e amorevole?
Il suo cognome dovrebbe aprirle tutte le porte, ma le uniche che interessano a Vicky Sterling-Thorne sono quelle della clinica del dottor Miguel Torres. E potrebbero rimanere chiuse. Miguel infatti non si fida di lei e fa di tutto per metterla alla prova.
Miguel non deve lasciarsi distrarre dall’attrazione immediata che ha provato per Vicky. Le uniche cose che deve notare sono le sue competenze, non certamente i suoi capelli dorati o le sue labbra dolci come il miele. Ma è sempre più difficile non essere sedotto dal suo fascino dolce e sensuale

Un universo tutto per noi

Ricordate Wolff, l’uomo della Terra che era in realtà Jadawin, uno dei Signori di un’antica razza che aveva costruito degli universi privati? Ricordate Kickaha, l’imbroglione, l’avventuriero che aveva accompagnato Wolff nella scalata di una cosmica, inviolabile montagna? Se avete letto Il fabbricante di universi, uno tra i più grandi successi di Galassia,, ricorderete che questo ciclo di modernissime avventure nello spazio e nel tempo è tra i più grandiosi della fantascienza. E in questo nuovo romanzo Philip José Farmer ha superato sé stesso. In Un universo tutto per noi l’avventura classica si mescola alle trovate più nuove e scintillanti, a un’eleganza formale e a una ricercatezza di espressione che pongono Farmer, uno tra gli autori preferiti dai lettori di Galassia, all’avanguardia del rinnovamento della fantascienza tradizionale.

Un sepolcro sulla luna

Questo romanzo si potrebbe chiamare “fuori serie” in tutti i sensi. L’autore, infatti, è un noto letterato, e le sue doti appaiono ben chiaramente nella stesura del racconto che presentiamo, di concezione grandiosa quanto esatta, sia nella vicenda, sia nella psicologia dei personaggi, che aderiscono perfettamente, in ogni azione, in ogni pensiero, ai due diversi mondi ai quali rispettivamente appartengono gli uni a Primitivia – le ultime regioni popolate della superficie della Terra dopo una terribile guerra atomica, – gli altri a Hypolitania – la immensa città-nazione scavata nelle viscere della Terra -. I due mondi si ignorano volutamente fino a che un’improvvisa anarchia dei vegetali, che soffocano le loro coltivazioni sintetiche, invadendole, non spinge gli uomini della città sotterranea a cercare aiuto presso i Primitiviani, per farsi indicare come combattere e contenere la prepotenza delle piante naturali. Lo spettacolo della massa di uomini deboli, senza capelli e senza denti, con le vene affioranti, incapaci di ingerire cibi che non siano sintetici e liquidi che, spinta dalla fame, esce alla superficie e viene falciata dai raggi solari, dai venti, dai cibi inadatti, dagli aculei della vegetazione, è grandioso, terribile e apocalittico. E la figura dei protagonista, uno scienziato di Hypolitania, che potrebbe salvarsi e non vuole, soltanto per poter tramandare ai posteri la storia della civiltà del proprio popolo, è maestosa nella sua ostinazione e nella sua logica. La tesi dei romanzo è nella sintetica dichiarazione di uno scienziato di Primitivia, uno degli uomini che vivono secondo natura: “Nel vecchio mondo credevano che le macchine risparmiassero fatica: noi comprendiamo che le macchine divorano fatica! Noi lavoriamo tutto a mano, usando le macchine al minimo”. Ma il loro “minimo” li porta a captare l’armonia universale: il canto, l’essenza di ogni cosa vivente, ossia a comprendere l’universo.
Copertina di Curt Caesar

Un Pianeta Impossibile

Difficile avere una visione chiara degli avvenimenti e formulare ipotesi logiche sui fatti, quando capita che degli intrusi entrino di notte, senza scopo, e in maniera inspiegabile, in una villetta dei sobborghi londinesi, o negli uffici deserti di uno stabilimento, e numerose donne giovani e belle scompaiano una dopo l’altra in circostanze identiche dopo essere entrate in contatto con un certo signor Bostok, del quale nessuno sa niente tranne che cammina in modo strano, respira in modo strano, e ha degli strani occhi verdi. Londra è una città immensa, con circa nove milioni di abitanti, e anche per i migliori poliziotti di Scotland Yard diventa un’impresa pazzesca mettere le mani su un uomo di cui si ignora tutto, tanto più quando quest’uomo pare avere la prerogativa di trovarsi contemporaneamente in due diversi quartieri della città. Ma si tratta poi veramente di un uomo? Chi l’ha visto dice di sì. Il suo modo d’agire però fa sospettare che per lo meno non sia un uomo comune. E anche le sue impronte. E poi deve avere qualcosa a che fare con una specie di cristallo sfaccettato che un camionista ha trovato in un campo. Un cristallo dall’apparenza banale, un brutto soprammobile, che però provoca inspiegabili fenomeni in tutti i posti in cui viene portato casualmente.

Un pianeta e tre stelle

Cosa succederà quando gli uomini, nella loro bramosia di potere e di distruzione, useranno senza discriminazioni le armi sempre più terribili che gli scienziati vanno creando? A. Coblenz prevede la distruzione cosmica, la morte della Terra. Ma qualcuno si salverà; il giovane scienziato Dave Harrowell, che, con la moglie, si affida all’astronave “Stella Filante” che li porterà in salvo in un lontanissimo punto dell’universo. Ma su questo ignoto pianeta, i due sposi ed Henessey, il clandestino di bordo, rimpiangeranno più d’una volta di non essere rimasti sulla Terra a morire coi loro simili. Dapprima tutto pare beato e felice, lassù, al chiarore di tre soli, ma poi i mostruosi Ugwug, simbolo di crudeltà e di male, li faranno prigionieri nella loro spettrale città, e mille disavventure colpiranno i tre terrestri. Come essi riescano a sopravvivere e a ridonare alle creature belle e gaie il predominio del pianeta, è narrato in questo romanzo simile ad una lunga divertente favola, a volte brillante, a volte drammatica, ma sempre avvincente.

Un imperatore per la legione. La saga della legione perduta: 2

Mavrikios Gavras, l’imperatore intorno al quale si erano unite tutte le forze di Videssos nel supremo sforzo di battere gli invasori che ne minacciano il futuro stesso, è morto. Le sue armate, sconfitte e disperse, fuggono davanti alle orde selvagge scatenate del mago Avshar. Il vile tradimento di Ortaias Sphrantzes ha messo in ginocchio la forza militare dell’Impero, eppure ora grazie alla complicità dei burocrati, il maggior responsabile della rovina di Videssos ne usurpa il trono, sostenuto anche da una stregoneria che appare impossibile da battere. Eppure Thorisin Gavras, fratello del defunto imperatore, è ancora vivo e ben determinato a sconfiggere il vile Ortaias e a riprendersi il trono… **

Un giorno, per caso

REPARTO MATERNITÀ. Ogni giorno porta con sé un piccolo miracolo. Ma ora è tempo per queste ostetriche di realizzare i propri sogni.
Un tranquillo pomeriggio in spiaggia e la netta sensazione che qualcosa sta per accadere. È così che la vita di Misty Buchanan viene stravolta in poche ore. Ben Moore, l’uomo che ha strappato alle onde, cambierà per sempre la sua esistenza.
Ben ha capito subito che la donna che lo ha salvato possiede un dono speciale. Il loro incontro ha sprigionato emozioni e sensazioni che credeva sepolte per sempre. Forse anche per lui è arrivato il momento di ricominciare. Ed è per capire che cosa il futuro ha in serbo per lui e Misty che ha deciso di trasferirsi a Lyrebird Lake.

Un Bivio Nel Passato

"Se tutto fosse andato per il verso giusto – disse il colonnello – Edgar Allan Poe avrebbe seguito le orme del padre adottivo, John Allan. Avrebbe fatto la vita di un ricco gentleman della Virginia, e alla morte di Allan avrebbe ereditato una fortuna. Allo scoppio della guerra – la Guerra Civile – sarebbe entrato nell'esecito, arrivando ben presto ai massimi livelli della gerarchia militare. Ma, come sappiamo, Poe non fece niente di tutto questo. Tanto per cominciare, vogliamo che tu scopra perchè." Io ascoltavo, ma la cosa aveva sempre meno senso: quella era storia, letteratura, le mie capacità di Agente del Possibile c'entravano poco o nulla. Ma lui respinse le mie obiezioni con un gesto brusco della mano. "C'è dell'altro, giovanotto. Trova il punto in cui la strada si biforca, dove un sentiero porta verso quell'inutile carriera letteraria da pazzoide e l'altro verso la gloria. Poi entra in scena come agente e fai in modo che Poe prenda la strada buona. Quella per Gettysburg."