47665–47680 di 62912 risultati

Attenti Alle Rose

Sergio viene abbandonato dopo tanti anni di matrimonio dalla moglie Gianna, stanca dell’aura di indifferenza calata sul loro rapporto. Sergio è distrutto. Si lascia tentare da amori mercenari ma non si consola, perché, apparentemente, non ci può essere consolazione. Eppure, a poco a poco, qualcosa di profondo, che era come assopito, si ridesta. Sergio comincia a entrare in sintonia col mondo circostante, ed ecco allora fiorire delle “rose”, un giardino di nuove consapevolezze dove le donne appaiono a Sergio in tutta la loro forza, fragilità, il loro coraggio. E neppure il tarlo della gelosia nei confronti di sua moglie, che pure sembra dettargli atti estremi, riuscirà a uccidere quella struggente fioritura. Perché Sergio ha imparato sulla sua pelle che le donne sono dei fiori, delicati ma pungenti come e più delle rose. Pino Roveredo, in questo suo nuovo romanzo, si ricollega alle fonti della sua ispirazione: quell’anima popolare del mondo da cui discende uno stile e una lingua incantati, che vengono da lontano, da una originaria poeticità da cantastorie, che si riverbera nel suo scrivere con tonalità ora liriche, ora epiche, ora ironiche o quasi beffarde.

(source: Bol.com)

Attacco al cielo

Ventitrè anni dopo lo sbarco su Sopramondo dei laceri fuggiaschi guidati da Toller Maraquine (come narrato in Sfida al cielo, Urania 1053), il ricordo del disperato esodo dal pianeta gemello infestato dal contagio degli insidiosi ptertha inizia finalmente ad affievolirsi. Il nuovo pianeta è stato colonizzato e la vita scorre pacifica, ma un giorno compaiono in cielo strane astronavi. Giungono da Mondo, dove i superstiti sono ora immuni al veleno degli ptertha e obbediscono a un nuovo signore i cui occhi ambiziosi si sono posati su Sopramondo. E’ l’inizio di una guerra sanguinosa, combattuta fra astronavi di legno e sotto la minaccia dell’antico contagio di cui sono portatori gli aggressori di Mondo… un conflitto destinato ad attirare l’attenzione di una razza aliena dai poteri incredibili.
Copertina di Karel Thole

L’atomo infinito

Si chiude, con questo romanzo, la trilogia di Campbell i cui due primi volumi sono usciti rispettivamente nei numeri 366 e 370 di Urania. L’eroe è ancora Aarn Munro, il gioviano dalla mente sovrumana; ma agli orizzonti cosmici, avveniristici, delle sue peripezie, contrasta qui un mito antichissimo: quello dei Centauri. Sono realmente esistite queste favolose creature metà uomo e metà cavallo? E’ possibile che si trattasse in realtà di “invasori” venuti dallo spazio? E in tal caso è possibile che ritornino un giorno sulla Terra?
Copertina: Karel Thole

L’atomo azzurro

Dove spariscono gli uomini e le donne avvolti dalla luce azzurra? Un nuovo pericolo minaccia astronauti e pionieri spaziali: un globo luminoso dotato – a quanto sembrerebbe – di intelligenza propria getta il panico sui mondi conquistati dai terrestri. Ma soprattutto si accanisce contro chiunque dimostri troppa curiosità, e cerchi di penetrare il grande segreto del Sistema Solare. E’ una lunga, pericolosa, difficile lotta contro un avversario di cui non si conoscono né l’aspetto, né la forza, né gli scopi.
**Ristampa del n. 302*

Atala

Un giovane indiano, di nome Chactas, viene catturato all'età di vent'anni da una tribù nemica e condannato a morte. Atala, figlia cristiana del capo tribù, riesce a farlo liberare, ma lui rifiuta di partire senza di lei, cosicché i due partono insieme. Atala ama Chactas, ma per ragioni misteriose non si concede a lui, cerca anzi di allontanarlo e di fuggirgli. I due, errando nella foresta, incontrano un missionario, padre Aubry. È davanti a lui che viene svelato il segreto: la madre di Atala fece un voto alla Vergine, ovvero che se sua figlia fosse nata sana nonostante la difficile gravidanza, quest'ultima sarebbe rimasta casta. Così, pur di non venir meno al voto fatto, Atala si avvelena e muore per non cedere alla tentazione dell'amore per Chactas.

Astronavi nell’abisso

Lo spazio è l’abisso, il grande Vuoto; i comandanti delle astronavi sono Ufficiali del Vuoto. Questa è la storia di uno di loro: Genro Kane Gupta, capitano della Dragon Zephir e cacciatore sgiunzagliato nella galassia. Ma un giorno Genro Kane incontra Dominique Alia Wu, splendida e misteriosa Pilota del Vuoto, e le cose cambiano. Perchè Dominique non è un pilota come tutti gli altri; perchè lo sfibrante esercizio necessario a muovere le astronavi non la consuma lentamente nè la uccide; e soprattutto perchè ha una richiesta senza precedenti da fare al comandante: permettere alla Dragon Zephir di fare il Salto alla Cieca, violando le regole più elementari della sicurezza nello spazio!
Copertina di Franco Brambilla

Astronave senza tempo

Sui numerosi pianeti che formano la federazione abitata dalla civiltà leonina dei Phelex Sapiens, la parola di Controllo è legge. Composto dall’azione congiunta di due computer telepatici, Largo e Czandra, operanti ai poli opposti dell’universo conosciuto, Controllo è l’entità suprema che governa tutti i mondi colonizzati, e per conquistarsi l’immortalità ha lanciato ora il Progetto Cancelar, che richiede come prima condizione il collasso dell’universo e l’eliminazione di ogni altra forma di vita. Per riuscire nel suo intento dovrà distruggere i suoi più strenui avversari, i Diavoliti del Quadrante Oscuro, e rendere inefficace la ben più grave minaccia costituita da due amanti maledetti, Dermaq e Gerain, che sulla mitica astronave Firebird si apprestano a contrastare il Progetto Cancelar modificando l’intero equilibrio gravitazionale dell’universo. Senza parlare dell’altra possibilità aperta a Controllo: approfittare di un paradosso temporale per indurre Dermag a uccidere se stesso in un’altra età…
Copertina di Karel Thole

L’astronave dei dannati

Un’astronave generazionale, la Argonos, di cui nessuno ricorda il mondo d’origine. Un pianeta terrificante che sembra il posto ideale per un ammutinamento (“con centinaia di ossa sparpagliate sul terreno, brandelli di carne…”) e un prigioniero, Bartolomeo Aguilera, che gli ammutinati saranno costretti a liberare quando sulla scena di quel mondo infernale arriva un’altra nave, misteriosa e impregnata di forze demoniache… Sono solo le premesse della prima space opera di Richard Paul Russo, l’indimenticabile autore del ciclo di Carlucci.

L’astronave che sapeva

Venya Mitexi è scomparso nel nulla e sua sorella, una donna enigmatica ma piena di risorse, ingaggia un abile astronauta – Reverdy Jian per trovarlo. Con Reverdy si imbarcano Imre Vaughn e Red, membri di un equipaggio molto particolare. Insieme, i tre devono misurarsi con un’astronave che non solo viaggia più veloce della luce, ma rappresenta un’intelligenza artificiale che conosce bene i suoi diritti ed è il frutto di lunghe ricerche nel campo della cibernetica. Le sorprese sono appena incominciate: Venya Mitexi, I’uomo scomparso, è infatti il progettista della nave nonché il fondatore del Movimento per i Diritti Civili delle Intelligenze artificiali. Melissa Scott, I’autrice di questa intelligente “space opera” , è una brillante promessa della sf americana e questo è forse, a tutt’oggi, il suo romanzo più divertente e profetico. “L’accurato resoconto di un’intelligenza fatta schiava per viaggiare fra le stelle”. (John Clute).
Copertina: Oscar CHICONI

L’asteroide abbandonato

Da un enigma all’altro, in questo romanzo dalle cento invenzioni. Prima di tutto i segnali. Da dove vengono? Cosa significano, così insistenti e disperati ? Poi l’enorme « scheggia » che ruota nello spazio. Perché quel labirinto di gallerie deserte, quelle armi intomprensibili, le migliaia di cubi luminescenti? Infine, il sospetto che l’asteroide non sia capitato a per caso » nel sistema solare, e che abbia un suo misterioso e urgente messaggio da comunicare agli uomini. Ma quale, e da parte di chi?
Copertina di Karel Thole

Asteroide 588 Achille

Nel fondo di un cratere roccioso, sotto la superficie di un minuscolo pianeta appartenente alla fascia degli asteroidi gravitanti fra l’orbita di Marte e quella di Giove, il biologo Maillet scopre un laghetto completamente ghiacciato. Di questo ghiaccio egli preleva un campione, da analizzare non appena rimesso piede sulla Terra; e non sa di aver dato inizio, con questo semplice gesto, a una nuova era nella storia dell’umanità. Di più non diciamo, per non sciupare il piacere della lettura ai fedeli di Urania. Come sempre, Jean-Gaston Vandel è inimitabile. Questo versatile scrittore, che racconta i suoi romanzi con uno stile facile e scorrevole, osservando una logica rigorosa anche nei particolari apparentemente più trascurabili, che tratteggia i suoi personaggi in modo da rivelare un’ottima conoscenza dei caratteri umani, è il tipico autore della letteratura chiamata “d’evasione”: non annoia mai.
Copertina di Carlo Jacono

Associazione genitori e insegnanti

Nota: prima parte di “Nine Hundred Grandmothers”, la seconda è in “[Come si chiamava quella città](https://www.goodreads.com/book/show/15829428.Come_si_chiamava_quella_citt_ “Come si chiamava quella città”)”
Uno dei più grandi misteri della fantascienza – scrive Harlan Ellison presentando al pubblico Usa questa stupefacente antologia- è perché mai i geniali, gloriosi, folli racconti del folle Lafferty non siano stati raccolti in volume prima d’oggi.
URANIA sottoscrive interamente il giudizio e pubblica integralmente la straordinaria raccolta, in due fascicoli dei quali il secondo uscirà fra tre settimane.
Indice:
Associazione genitori e insegnati (Primary Education of the Camiroi)
Ginny (Ginny)
Le sei dita del tempo (The Six Fingers of Time)
Duello sulla montagna (Frog On the Mountain)
Quante persone conosci? (All the People)
Snuffles (Snuffles)
La lunga notte di martedi (Slow Thursday Night)
Novecento nonne (Nine Hundred Grandomothers)
Copertina di Karel Thole

L’assistente

A proposito di una riedizione di questo capolavoro romanzesco del 1908, Hermann Hesse scrisse che rileggere un testo amato trent’anni prima era una singolare esperienza. Al contrario di molti romanzi famosi dell’epoca, L’assistente superava la prova “stupendamente”. E Walter Benjamin scrisse che le storie raccontate da Walser sono “di una delicatezza del tutto inconsueta, questo lo può capire chiunque. Non tutti invece vedono che in esse non c’è la tensione nervosa della vita decadente, ma l’aria pura e forte della vita che guarisce”. Dopo la pubblicazione delle opere complete, Robert Walser, vagabondo, camminatore instancabile, ospite di ospedali psichiatrici e cliniche come di conventi di un culto contemporaneo, ma sempre poeta, è stato annoverato tra i maggiori autori di lingua tedesca di questo secolo.

Assicurazione sulla morte

Anson è un uomo senza scrupoli, un uomo capace di tutto. E sente che Meg, la donna che gli sta di fronte, è della sua stessa risma. “Sicché” egli dice “vuoi un’idea per un racconto giallo. Be’, non m’intendo di letteratura, ma ecco, pressappoco, come la vedrei un assicuratore ha urgente bisogno di denaro. Un giorno va a far visita a una donna per parlarle di una polizza incendio. I due si innamorano. La donna non è soddisfatta del proprio matrimonio. Lui decide di persuadere il marito a contrarre una grossa assicurazione sulla vita. L’assicuratore la sa lunga e l’operazione riesce… Se il marito morisse, la donna incasserebbe cinquantamila dollari da dividere con l’amante… ma il marito è in ottima salute. Allora, i due, studiano il mezzo per sbarazzarsi di lui…” Anson e la donna si fissano in silenzio. La donna non scriverà il racconto giallo, ma l’idea abbozzata da Anson non resterà lettera morta. Loro stessi la metteranno in pratica. Quello che Anson non sa è che Meg ha un suo piano segreto… che non ha la benché minima intenzione di dividere con lui i cinquantamila dollari… che un terzo uomo aspetta, nell’ombra, di mettere le grinfie sul bottino… Assicurazione sulla morte è una storia condotta con la consueta potenza da J. H. Chase, maestro del giallo «nero.».

L’assedio delle tenebre – La profezia del mago

Le Terre d’Occidente sono in pericolo: i confini magici, eretti da un grande arcimago a difesa della civiltà contro i poteri del male, stanno crollando. Esseri mostruosi provenienti dagli altri Regni compaiono all’improvviso nella foreste, e assieme a loro giunge anche Kahlan Amnell, una fanciulla dotata di misteriosi poteri e inseguita da quattro agguerriti assassini. Richard Cypher, giovane guida che ha da poco perso il padre, interviene coraggiosamente in aiuto della ragazza e con lei si mette alla ricerca del mago che aveva un tempo creato la barriera magica: è lui l’unico baluardo rimasto a contrastare il malvagio potere di Darken Rahl e i suoi propositi di conquista. Questo volume contiene i romanzi “L’Assedio delle Tenebre” e “La Profezia del Mago”.

L’assedio delle ombre

Nel momento in cui le leggi della magia si dimostrano terribilmente fallaci, Menzoberrazan precipita nel caos e Lloth, la regina Aracnide in persona, incarnazione delle potenze della distruzione, ne calpesta le vie. E’ più di quanto gli elfi scuri, che dimorano nella mistica città, siano in grado di sopportare: il potere costituito vacilla e un’unica famiglia in grado di controllare forze di natura non magiche prende il controllo della situazione. Riuscirà Drizzt, il mitico eroe delle Lande di Ghiaccio, spalleggiato dai suoi alleati del sottosuolo, ad avere ragione degli scherani della regina?
**