46977–46992 di 63547 risultati

Giuramento di fedelta’

Quante volte l’uomo si è trovato solo e senza alleati apparenti contro i pericoli dell’ignoto? Quante volte gli è sembrato di essere ormai giunto all’ultimo atto di un’impari battaglia che solo le sorti del caso avrebbero potuto volgere in suo favore, a dispetto di schiaccianti difficoltà? Molto spesso nel passato, e anche nel presente: ognuno di noi, prima o poi, ha fatto l’esperienza di una sfida all’ultimo sangue. In questo romanzo di Niven e Pournelle, gli autori del premio Hugo The Mote in God’s Eye, ci catapultano in un mondo fin troppo probabile dove i termini dell’eterna sfida non sono affatto cambiati col tempo. ancora una volta, stretti intorno all’ultima garanzia d’un giuramento di fedeltà, gli eroi di questo romanzo correranno il rischio di battersi per il loro mondo ma, soprattutto, per la loro vita.

Il giuoco delle parti

Il Giuoco Delle Parti by Luigi Pirandello
Il Giuoco delle Parti
Il giuoco delle parti è una commedia in tre atti di Luigi Pirandello scritta nel 1918. L’opera è citata anche in un altro lavoro di Pirandello, i Sei personaggi in cerca d’autore: il gruppo teatrale che anima il dramma sta facendo infatti le prove proprio per questa commedia.
La commedia, tratta dalla novella Quando si è capito il giuoco del 1913, fu pubblicata sulla rivista fiorentina Nuova Antologia e nelle edizioni dei Fratelli Treves nel 1919.
Tra Leone Gala, che si atteggia a filosofo cinico e Silia, sua moglie, dal carattere superficiale e capriccioso, che odia i discorsi intrisi di logica stringente del marito, si trova nel mezzo, come un vaso di coccio tra vasi di ferro, l’amante di lei, Guido Venanzi completamente dominato dai due. Quest’ultimo non è altro che il passatempo di Silia alla quale il marito ha concesso di averlo per amante, salvando però le esigenze della moralità borghese, riservandosi il diritto di andare a visitare la consorte ufficiale puntualmente per mezz’ora al giorno.
Leone ha risolto il gioco dell’esistenza facendo il vuoto di sentimenti e passioni dentro di sé ma, poiché bisogna pur dare un fondamento alla propria vita, un qualunque significato che giustifichi il fatto stesso di vivere, si è assunto la veste di filosofo intrattenendosi in discussioni dottrinali con il suo cameriere Filippo, che non a caso è chiamato Socrate. Un altro espediente, un giocattolo che Leone ha trovato per colorire il tempo della sua vita, è la passione per l’arte culinaria.
Silia non sopporta più la continua derisione razionale del marito che …guarda e capisce tutto punto per punto, ogni mossa, ogni gesto, facendoti prevedere con lo sguardo l’atto che or ora farai così che tu, sapendolo, non provi più nessun gusto a farlo. Questo continuo esser messa sotto il microscopio della ragione fa desiderare a Silia la morte del marito. Chiede quindi all’amante di ucciderlo, ma Guido si rifiuta.
Ma il caso mette a disposizione di Silia un’occasione per realizzare il suo scopo: nel suo stesso palazzo abita una prostituta di alto bordo, una certa Pepita di origine spagnola ed accade che una compagnia di gaudenti ubriachi scambino la casa di Silia per quella di Pepita e, nonostante le rimostranze della donna, pretendono di avere quello per cui sono venuti.
Silia in un primo momento si risente, offesa dal loro comportamento, ma poi pensa di usarli per il suo progetto di uccisione del marito. Manda la sua cameriera a chiamare i vicini, per renderli testimoni della grave offesa ricevuta e, nonostante che i signori ubriachi alla fine chiedano scusa, si mostra irremovibile nel pretendere una riparazione per il suo onore macchiato che dovrà esser lavato dal marito con un duello.
Leone riconosce, in apparenza, le buone ragioni apportate da Silia e dal suo amante, ma in realtà ha ben compreso il loro piano. Accetterà di sfidare formalmente, appunto come marito pro forma, l’offensore della moglie, il celebre spadaccino, il marchesino Miglioriti, ma poi chi si dovrà battere realmente con questi dovrà essere Venanzi, poiché è lui che in realtà è il marito effettivo di sua moglie.
Ognuno dovrà fare la sua parte e quella di Venanzi sarà di essere ucciso nel duello all’ultimo sangue.
Leone, amareggiato dall’accaduto, non trarrà soddisfazione dalla sua vendetta, così ben congegnata razionalmente, perché alla fine sono i sentimenti che prevalgono e quella della ragione, sostiene Pirandello, è sempre una vittoria illusoria da cui si esce sconfitti.

La giungla rossa. Peggy sue e gli invisibili

In una splendida giornata di sole, alle otto in punto del mattino, qualcuno suona alla porta di Peggy Sue e nonna Katy. È uno strano ometto, tutto vestito di nero, venuto a comunicare alla ragazza e al cane blu che, se vorranno ancora compiere imprese eroiche, dovranno sottoporsi a un esame per diventare dei supereroi. I due amici accettano la sfida: non sanno ancora che quella che li aspetta potrebbe essere una missione senza ritorno. Rinchiusi in una scuola misteriosa, in cui perfino i bidelli nascondono un oscuro passato, dovranno sopravvivere in una giungla popolata di feroci creature extraterrestri; un luogo permeato di magia e mistero, dove ogni albero nasconde un’insidia, ogni animale può rivelarsi uno spietato avversario e perfino gli esseri umani sono costretti a una continua lotta per la sopravvivenza.
**

Giulio Cesare. Il dittatore democratico

Un profilo di un uomo straordinario. Una interpretazione originale di una delle figure più controverse della storia. Il libro è già stato tradotto e ha suscitato interesse di pubblico e di critica in Germania, Francia, Spagna, America, Brasile. Luciano Canfora insegna Filologia classica all’Università di Bari.
**

Giulio Cesare

Cura e traduzione di Flavio GiacomantonioEdizione integrale con testo inglese a fronteGiulio Cesare (1599) fu composta nel difficile periodo di transizione tra un’età dominata dalla tradizione aristotelica e tolemaica a una nuova, segnata dalle idee di Copernico, Bacon e Galileo e attraversata da fermenti di democrazia. È la prima delle tre tragedie ispirate alla storia di Roma. Seguiranno Antonio e Cleopatra (1606/7) e Coriolano (1607/8). L’opera, che prelude alla grande stagione di Amleto, Otello, Macbeth, Re Lear, è imperniata sul conflitto tra fautori del governo di uno e sostenitori della repubblica, fra le ragioni del tiranno “buono”, cui dà voce Marco Antonio, e quelle dei tirannicidi. Non esiste, in Giulio Cesare, un protagonista convenzionale: Cesare, Bruto, Cassio, Antonio, Ottavio sono solo simboli che operano in funzione dello scontro delle ideologie. In tal senso, Antonio è il vendicatore di Cesare, il fantasma rappresenta la continuità del cesarismo e Ottavio ne è l’erede. Questa tragedia ha conosciuto anche una celebre trasposizione cinematografica in cui Marlon Brando interpretava magistralmente il ruolo di Antonio.’Amici, romani, concittadini, prestatemi orecchio: io sono qui per seppellire Cesare, non per celebrarlo. Il male che l’uomo compie vive oltre la sua morte; il bene è spesso sotterrato con le sue ossa. Lo stesso sia per Cesare.’ William Shakespearenacque a Stratford on Avon nel 1564. Nel 1592 era già conosciuto come autore di teatro e fra il 1594 e il 1595 vennero rappresentati almeno quattro suoi drammi. Fece parte dell’importante compagnia del Lord Ciambellano, che godette di ininterrotto favore a Corte prendendo sotto Giacomo i il nome di King’s Men. Morì a Stratford nel 1616. La Newton Compton ha pubblicato le opere di Shakespeare in volumi singoli e nel volume unico Tutto il teatro.
(source: Bol.com)

Giulia, o La nuova Eloisa: Lettere di due amanti di una cittadina ai piedi delle Alpi

Giulia d’Etange, figlia unica di una famiglia di nobili origini, ama il suo giovane precettore, Saint-Preux, dotato delle più belle qualità dell’anima, ma povero e inferiore socialmente. Saint-Preux rappresenta per lei l’amore-passione. Wolmar è quello che si usa dire un buon partito, uomo ricco e solido, amico del padre di Giulia, che promette alla figlia un legame coniugale senza rischi. A partire da questi personaggi, delineati con assoluta maestria, Rousseau costruisce un romanzo filosofico attraversato da un logorante interrogativo di fondo: è più giusto abbandonarsi alla pura passione amorosa, sacra espressione della natura e dunque inalienabile diritto dell’uomo, oppure tener conto delle convenzioni sociali, certo e solido fondamento della convivenza umana?

Giudici

Tre fra i più importanti narratori italiani si confrontano con una figura centrale della nostra società: il giudice. E provano a indagarne i punti di crisi, di conflitto, di tensione. Camilleri mette in scena un giudice catapultato da Torino in Sicilia poco dopo l’Unità d’Italia. Il suo candore gli impedisce di vedere i pericoli che lo minacciano e per questo, suo malgrado, lui diventa un esempio di coraggio estremo, una leggenda nell’amministrazione della giustizia. De Cataldo ambienta la storia nell’Italia di oggi e racconta in chiave ironica la dannazione della giustizia – e allo stesso tempo la sua necessità – vista dalla camera di consiglio di un’aula di corte d’assise. Lucarelli narra la storia di un giudice dal punto di vista di un poliziotto della sua scorta, assegnata senza che il giudice ne avesse bisogno. Almeno così sembra, prima che inizino ad accadere strani episodi e tutti comincino ad avere paura…

Il giudice beffato

“Era con estrema amarezza che il marchese d’Olincourt, colonnello dei dragoni, vedeva sua cognata, la signorina de Téroze, finire nelle grinfie di uno degli esseri più spaventosi che fossero mai comparsi sulla faccia della terra. Questa incantevole ragazza di diciotto anni, legata da quattro anni al giovane conte d’Elbène, colonnello in seconda del reggimento di d’Olincourt, vedeva a sua volta con un fremito di terrore l’approssimarsi dell’istante fatale che l’avrebbe unita al rozzo sposo cui era destinata, separandola per sempre dall’unico uomo degno di lei. D’altronde, come opporsi? La signorina de Téroze aveva un padre vecchio, testardo, ipocondriaco e gottoso”. (Dalla prefazione)
**

Giù nel Pleistocene

L’apparecchio di Wiederhaus è qualcosa di mezzo tra una radioricevente e un elaboratore elettronico. Solo che le onde (o più precisamente i frammenti di onde) che riceve vengono dal lontano passato: per cui le sue elaborazioni potranno essere vitali per l’archeologia. Ma potranno anche essere (è questo l’inconveniente) mortali per l’archeologo.
Copertina di Karel Thole

Giù nei vecchi mondi

Antologia
Traduzione di GiamPaolo Cossato e Sandro Sandrelli
Collana Futuro.
Biblioteca di Fantascienza 12.
Dimensioni (mm): 210×150
Prezzo: L. 2.200
Copertina: Glauco Cartocci
Contenuto del volume
pag. 2 Principali Opere di Cordwainer Smith Pubblicate in Italia (Bibliografia)
pag. 5 INDICE
pag. 7 Introduzione. Epica e simbolismo nella narrativa di Cordwainer Smith (Introduzione) di Gianfranco De Turris, Sebastiano Fusco
pag. 21 Il piffero di Bodidharma (Racconto breve, The Fife of Bodhidharma, 1959) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 33 La scienza occidentale è davvero meravigliosa (Racconto, Western Science Is So Wonderfull, 1958) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 49 Chi è Angerhelm? (Racconto, Angerhelm, 1953) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 73 I buoni amici (Racconto breve, The Good Friends, 1963) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 81 Pensa blu, conta due (Racconto lungo, Think Blue, Count Two, 1963) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 115 Quando la gente cadde giù (Racconto, When the People Fell, 1959) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 131 Il crimine e la gloria del comandante Suzdal (Racconto, The Crime and Glory of Commander Suzdal, 1964) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
pag. 151 Giù nella vecchia Terra (Racconto lungo, Under Old Earth, 1966) di Cordwainer Smith
Traduzione di G[iam]P[aolo] Cossato e S[andro] Sandrelli
Tu e Giù nei vecchi mondi

Il giro più pazzo del mondo

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici – Charlotte, David, Leanne e Chantel – Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un’improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un’incredibile avventura che li cambierà per sempre.
**

Il giro del mondo in 80 giorni

###
“In questo libro il “misterioso” Oriente e il “selvaggio” West emanano ancora i bagliori di un itinerario nel meraviglioso, ma la narrazione è una macchina modernissima, dal percorso già deciso, inscritto in un meccanismo perfetto. Al viaggio che è rischio, scoperta, mutamento, si contrappone – con uno sguardo profondo sul futuro – il viaggio che è calcolato sfruttamento del teatro di esperienze del mondo.” (Gian Mario Villalta).

Gioventù

Un giovane, Marlow, secondo ufficiale della nave Judea, deve giungere nel porto di Bangkok, ma una tempesta li blocca per ben due volte…

I Giovedi

Come, dove e perché è scomparsa la signora Giulia? Per tre anni corrono voci sulle settimanali, scandalose evasioni della signora. In realtà, la situazione si presenta drammatica: la donna è sparita e la polizia stessa brancola nel buio. Questo giallo all’italiana propone al lettore un caso insolito: Piero Chiara espone fatti e inchieste in maniera essenziale, diretta, accoppia una raffinata malizia nel giudicare il costume della borghesia provinciale all’eccezionale capacità di proporre situazioni tipiche del nostro mondo giudiziario. I giovedì della signora Giulia rivelano un’invidiabile felicità inventiva e un’autentica abilità nell’intreccio poliziesco.

Giovani, carine e bugiarde

Le bugie hanno gambe bellissime
Philadelphia. Nel quartiere esclusivo di Rosewood, quattro ragazze vivono tranquille tra manicure, pettegolezzi e problemi d’amore. L’intellettuale Aria ha una storia con il suo professore; Hanna, fashionist incallita, è sempre a caccia di vestiti e accessori; la raffinata Spencer vede in segreto il fidanzato di sua sorella, mentre Emily è alle prese con una strana attrazione per una nuova compagna di classe. Ma queste quattro amiche dall’aria così ingenua e fragile in passato hanno davvero esagerato con i loro diabolici “scherzetti”, capeggiate da Alison, la leader del gruppo improvvisamente scomparsa tre anni prima. E quando iniziano a ricevere inquietanti messaggi con una misteriosa firma, una semplice A, cominciano a sospettare che qualcuno che conosce tutti i loro segreti sia tornato. È senz’altro Alison, che non vede l’ora di rovinare la vita alle sue ex compagne…
Da questo libro la serie TV Pretty Little Liars
Una storia tutta al femminile con un appassionante tocco di mistero. Una nuova entusiasmante serie destinata a far breccia nel cuore di migliaia di fan.
Anche i sorrisi più dolci possono nascondere scottanti segreti, e queste quattro ragazze ne hanno davvero tanti…
Sara Shepard
è cresciuta a Philadelphia, dove è ambientata la serie Giovani, carine e bugiarde, che ha riscosso un clamoroso successo in America ed è diventata un serie televisiva. Ha studiato alla New York University e al Brooklyn College e attualmente vive a Tucson, Arizona.