46497–46512 di 66541 risultati

Al di là delle parole

Negli ultimi decenni le scienze biologiche hanno ricostruito i tratti evolutivi che ci legano agli altri animali (dai pesci ai primati) sul piano morfologico e genetico. Un risultato già stupefacente, se non fosse che ora – grazie a studiosi della finezza e percettività di Carl Safina – ci avviamo a un salto ulteriore: verificare l’incidenza di quei tratti a livello cognitivo e affettivo-emotivo. Da rigoroso ricercatore sul campo, Safina ci immette in tre paesaggi esemplari: una riserva africana, dove elefanti dalle variegate ‘personalità’ si aggregano in una spiccata socialità (non a caso i Masai li considerano dotati di un”anima’ al pari degli umani); il parco di Yellowstone, dove i lupi – reintrodotti di recente – si muovono echeggiando cadenze pleistoceniche, fra strategie di predazione e sorprendenti gerarchie sociali (le femmine, per esempio, sono deputate ai dilemmi decisionali come restare/partire); e le acque cristalline del Pacifico nordoccidentale, dove cetacei di diverse specie dispiegano la vertigine della loro visione ‘acustica’ e interagiscono col Sapiens in modi inaspettati e toccanti. Penetriamo così in un ventaglio di intelligenze, ‘coscienze’ e ‘visioni del mondo’ di altri animali – con cui condividiamo molti ‘correlati neurali’, a partire dal cervello ‘antico’ e dalla sua tastiera emotiva – insieme familiari e aliene, contigue e alternative. Al punto da mettere in dubbio, ancora una volta, la tesi secondo la quale l’uomo sarebbe la misura di tutte le cose.

(source: Bol.com)

Al di là del tempo

Questa antologia, che va dalle commedie sentimentali come “Time Out” ad un breve apologo sulla censura esagerata come “Ado”, raccoglie otto storie inedite di Connie Willis.
**

Al calar della sera

A Londra per la sua terza Stagione, Poppy Hathaway aspetta trepidante che il giovane Michael, di cui è innamorata, trovi il coraggio di dire al proprio padre che la vuole sposare. Senonché, il destino la porta a fare la conoscenza di Harry Rutledge, enigmatico proprietario dell’albergo in cui alloggia. Harry è un uomo che non si ferma davanti a niente pur di ottenere ciò che vuole, e ora, affascinato dalla sua bellezza e dal suo spirito, desidera Poppy. Dopo essere riuscito a mandare a monte i piani dei due innamorati, mettendo loro contro il padre di Michael, chiede infine la mano della ragazza e la ottiene. Ma poco prima del matrimonio Poppy scopre le sue macchinazioni…

Al caffè del silenzio

Inabissarsi nella chimica della carne ed elevarsi al sommo dell’idealità, forse per ritrovarsi dove sublime e animalesco convivono, un luogo che possiamo chiamare ”pazzia”. Il nuovo romanzo di Giorgio Todde è un viaggio in cui le tortuosità di corpo e psiche si fondono. Un ingegno folle attraversa la scia criminale intorno alla quale si muovono gli eccentrici personaggi della storia. Benedetta, un giorno arrossita per amore, da allora si porta sulla pelle un vermiglio caldo e indecente. Marilena, che chiamano Uterina per la sua sensualità esagerata, non voluta, anzi repressa, adorata da Scartino, picaro lucignolesco che consuma le giornate col branco sullo spiaggione nero. Ma Uterina è presa dalla bianca anima sinistra di Wolf, adepto della precisione sublime, rifinita sugli asettici banchi del laboratorio di Osvald, riparatore d’orologi, cultore del gesto perfetto. La fine tragica di Matteo, apparentemente morto per acqua, anche lui allievo prediletto di Mastro Osvald, muove le cose e le congetture di Silvano Pandimiglio, ex poliziotto con la faccia da felino triste. E c’è una storia più vecchia: porta al paese di pietra lontano sulla montagna che osserva in fondo la città sul golfo.
(source: Bol.com)

Al buio

La potente e bellissima Monique Lamont, procuratore distrettuale ambizioso e senza scrupoli, affida una nuova missione al detective Win Garano: recarsi a Watertown, in Massachusetts, per riaprire un caso irrisolto di omicidio risalente a quarant’anni prima. Il procuratore vuole provare a tutti i costi che a violentare e uccidere Janie Brolin, una ragazza cieca, fu il famigerato Strangolatore di Boston: proprio il colpo di scena di cui avrebbe bisogno per dare una svolta alla propria carriera. Con il passare dei giorni e il progredire delle indagini, Garano capirà di trovarsi imprigionato in un labirinto di specchi deformanti, una trappola dove verità e menzogna sembrano mescolarsi in un’unica ombra minacciosa… Con Al buio proseguono le vicende di Win Garano cominciate in A Rischio: una nuova e già acclamata serie nella quale Patricia Cornwell stupisce ancora una volta per le sue capacità narrative, confermandosi come la massima autrice nel panorama del thriller.

Ai confini della realtà. Viaggio tra i segreti dell’universo

La fisica e l’astrofisica nel XX secolo hanno compiuto passi da gigante, e sono arrivate a un grado di conoscenza del mondo e dell’universo che ha dell’incredibile. Eppure, nonostante questi progressi, i misteri sembrano non finire mai. Gli scienziati si trovano di fronte sfide ancora più appassionanti e complesse: neutrini, energia e materia oscura, gravità quantistica e antimateria sono concetti ai limiti dello scibile umano. Teorie estreme, di frontiera, che hanno bisogno di essere osservate e sperimentate in luoghi altrettanto estremi. Anil Ananthaswamy è stato in questi posti, ha conosciuto e parlato con i protagonisti degli esperimenti, ed è tornato indietro con questo “diario di viaggio scientifico”. Le storie che leggerete in questo libro non si svolgono in silenziose aule accademiche o in asettici e ipertecnologici laboratori, ma in Antartide, nei deserti, sulle vette dell’Himalaya, o in fondo a miniere abbandonate. E la fisica che scoprirete è un’avventura (non solo mentale) che merita davvero di essere letta.
**

Agopuntura dalla A alla Z

Agopuntura dalla A alla Z: Introduzione alla Medicina Cinese by CORBELLINI CLAUDIO
In questo libro il lettore può trovare cenni storici sull’agopuntura,vivendo il suo nascere,il suo evolvere fino a diventare una realtà moderna.Inoltre vengono proposte esperienze di diagnosi e cura,in cui si è voluto porre l’accento sul dramma che frequentemente vivono i pazienti a causa di determinate patologie,spesso invalidanti sul piano psicofisico.
L’agopuntura dalla A alla Z:l’agopuntura a 360 gradi.Dalla fisiopatologia energetica,alle indicazioni,ai meccanismi d’azione.
L’agopuntura, quale medicina “energetica”,interviene,quando possibile, preventivamente,curando la malattia a livello delle alterazioni funzionali,prima che si determinino alterazioni organiche, con un intervento individualizzato sul paziente come, solo ora, ricerca la medicina occidentale dopo le ultime scoperte genetiche.
Naturalmente, se si abbinano una serie di elementi,dallo stile di vita, all’alimentazione,all’igiene personale e all’attività fisica, i risultati migliorano ulteriormente. L’agopuntura e il sapere tradizionale ad essa correlato,integrata
alla Medicina Occidentale,aiuta sia a restare sani sia a curaremoltissime patologie.

L’Agnese va a morire

‘L’Agnese va a morire è una delle opere letterarie piú limpide e convincenti che siano uscite dall’esperienza storica e umana della Resistenza. Un documento prezioso per far capire che cosa è stata la Resistenza […]. Piú esamino la struttura letteraria di questo romanzo e piú la trovo straordinaria. Tutto è sorretto e animato da un’unica volontà, da un’unica presenza, da un unico personaggio […]. Si ha la sensazione, leggendo, che le Valli di Comacchio, la Romagna, la guerra lontana degli eserciti a poco a poco si riempiano della presenza sempre piú grande, titanica di questa donna. Come se tedeschi e alleati fossero presenze sfocate di un dramma fuori del tempo e tutto si compisse invece all’interno di Agnese, come se lei sola potesse sobbarcarsi il peso, anzi la fatica della guerra […]’.
**Sebastiano Vassalli**
***
In appendice una testimonianza dell’autrice sulla protagonista del romanzo. Completa il volume una nota biobibliografica.
(source: Bol.com)

AGNES La Follia Omicida Di Una Donna Fantasma (Italian Edition)

AGNES
La Follia Omicida di una Donna Fantasma
di
Domenico valente
IL PRIMO VERO THRILLER, VELATO DI HORROR, DISEGNATO SULLA PELLE DEL LETTORE
Nella distratta cittadina tranese, l’incauta mano di un uomo assetato di potere desterà dal sonno eterno colei che, dilaniata dal tormento e dal rancore, si macchierà le mani del sangue di vittime innocenti. La polizia, alle prese con questo difficile caso, brancola nel buio. S’ipotizza l’esistenza di una belva famelica; si propende, poi, per la ricerca di un fantomatico serial killer. Un’antica epigrafe cela l’oscura verità.
Dolore,
frustrazione
e
tradimento,
condussero la sua anima
tra le braccia del signore dell’oscurità.
Il continuo errare tra il nostro mondo
e le viscere della terra,
spargendo sangue e crudeltà,
ebbe fine solo quando
le sue infantili paure
riemersero col sangue sacrificale
di un essere il cui vello,
dipinto dalle tenebre,
fu marchiato dalla flebile luce della luna.
State lontani da queste vetuste pietre,
non osate aprire questa tomba,
non destate dal proprio sonno colei che,
seminando morte e dolore,
nutrirà il sacrilego frutto del suo profondo ardore.
State lontani da colei che
solo la mano di Dio
potrà arrestare.
Maurizio Corso, impavido reporter scampato alle oscure trame della morte, cercherà di mettere la parola “fine” al dilaniante tormento abbattutosi sull’ignara popolazione.
Intrighi e inganni, suspense e azione, mistero e arcane verità, in tredici capitoli in cui Domenico Valente, autore dalla fervida immaginazione, coinvolge irresistibilmente il lettore fino a regalargli un finale a gran sorpresa.
UNA DENUNCIA CONTRO I GIOCHI DI POTERE, CONTRO LE COMMISTIONI TRA CLASSE IMPRENDITORIALE E QUELLA POLITICA, E CONTRO L’AFFARISMO AD OLTRANZA, ATTRAVERSO LA CRUENTA MANO DI UN FANTASMA, IN UN’AVVINCENTE E COMPLESSA TRAMA, DAI RISVOLTI PARANORMALI, PREGNA DI MISTERO, MACABRE AVVENTURE, EROTISMO DA BRIVIDO ED ALLUCINANTI VICENDE, SCATURITE DALLA FERVIDA IMMAGINAZIONE DI DOMENICO VALENTE, AUTORE DI “ARANUTHON LA GENESI DEL MALE” (PROSPETTIVA EDITRICE, 2013), SEQUEL DI “AGNES – LA FOLLIA OMICIDA DI UNA DONNA FANTASMA”.
BUONA LETTURA!

Agli ordini della passione

È da anni che non si vedono, da quando, cioè, si erano giurati odio eterno. Ma quando Alexander Cobb rivede la bella Jodie Clayburn non crede ai propri occhi. Un viso delicato e un corpo mozzafiato hanno preso il posto della faccia da scolaretta e della goffaggine. I sensi di Alexander sembrano impazzire. Oltretutto ha bisogno di lei per scovare i responsabili di un losco traffico che minaccia la cittadina di Jacobsville. Lui non riesce a starle lontano, ha bisogno in ogni momento del suo “uomo infiltrato”, anche se nel caso specifico si tratta di una splendida donna. Riuscirà Alexander a non rimanere impigliato nella ragnatela fatta di tensione e desiderio?
(source: Bol.com)

Agguato all’incrocio

L’alba si è appena aperta un varco fra nebbie velate e un intenso profumo di pini. All’incrocio fra quattro strade, un vecchio commerciante di carbone e un samurai incappano nel cadavere di un forestiero, trafitto alle spalle da una freccia di nobile fattura. Il signore del luogo – Manase, raffinato cultore di lettere e arti, incapace di governare il distretto – e il magistrato, Nagato, gretto e frustrato, accumula denaro per comprarsi una concubina – non sembrano molto interessati a individuare l’assassino. La colpa viene appioppata al povero carbonaio Jiro: per salvarlo dalla crocifissione, il samurai Matsuyama Kaze – in giapponese “ventata di aria fresca” – decide di far luce sul delitto. Leale, fortissimo, pronto a “prevedere l’imprevedibile”, Kaze è più di un semplice samurai: vaga da tempo per il Giappone alla ricerca di una bambina di nove anni, figlia dei suoi signori e padroni, trucidati dagli emissari del nuovo shogun. Entra nelle grazie dell’infido Manase, si conquista le confidenze di Aoi, la prostituta, e affascina la cameriera della casa da tè. Gli insegnamenti del suo sensei, uniti a fantasiose trovate, gli permettono di stanare menzogne, sventare tranelli, sgominare una banda di malviventi e scoprire il vero colpevole.

Aggiungere l’amore e mescolare

Il vigile del fuoco Jason “Jase” Weller e il paramedico Scott Bronson hanno una vita perfetta. Fanno il lavoro che amano insieme, vivono insieme e nel tempo libero non riescono ancora ad averne abbastanza l’uno dell’altro. La loro relazione dura da sei incredibili anni. Poi, alla vigilia di Natale, si presenta l’ex fidanzata di Jase, Elsa, accompagnata da una bambina di sei anni. Prima di sparire di nuovo, l’irrequieta tossicodipendente sostiene che Kerry sia la figlia di Jase e che è giunto il momento che lui se ne occupi.

Scioccato di scoprire dei problemi di droga di Elsa e di avere una figlia di cui non aveva mai saputo l’esistenza, Jase non si tira indietro e assume il ruolo di padre, con Scott che gli offre il suo completo appoggio. Diventare genitori comporta non poche sfide e i due uomini affrontano gli improvvisi cambiamenti nelle loro vite per migliorare quella di Kerry.

Non sarà facile e le nuove circostanze metteranno loro e la loro relazione alla prova come mai prima d’ora. Avranno bisogno di tutto l’amore che provano l’uno per l’altro e dell’affetto per la bambina perché la loro relazione non si sgretoli.

(source: Bol.com)

L’agente del caos

Dopo la pubblicazione di un breve romanzo ispirato alla vita di Jay Dark, agente provocatore americano la cui missione era inondare di droga i movimenti rivoluzionari degli anni Sessanta-Settanta allo scopo di annullarne lo slancio, uno scrittore romano viene contattato da un avvocato californiano, un certo Flint, che ha letto il libro ed è perplesso. La vera storia di Jay Dark è molto diversa, lui può raccontarla: lui c’era. Come in un classico di Conrad, la narrazione di Flint spalanca all’improvviso uno scenario internazionale stupefacente. Un’autentica camera delle meraviglie che attraversa trent’anni della storia occidentale, tra servizi deviati, ex nazisti, trafficanti, terroristi, poliziotti onesti e poliziotti corrotti, sesso, ideali e concerti rock. Originalissimo, avvincente, ricco di personaggi sopra le righe, L’agente del caos è un libro dove realtà e finzione si intrecciano senza sosta, dando per la prima volta voce, senza alcun moralismo e senza ipocrisia, all’autocoscienza segreta e dionisiaca di un’intera generazione.

– Il suo racconto è privo.

– Ne ho sentite anche di peggio, mi creda.
– Privo perché manca l’elemento essenziale, – riprese, imperterrito, Flint.
– E quale sarebbe questo elemento essenziale? – lo interrogai, sarcastico. Cominciavo a perdere la pazienza. Flint assunse un’aria ispirata.
– Il caos. Manca il caos.
– Io mi sono attenuto alle fonti, – protestai.
– Le fonti! Non deve credere a tutte le notizie che si spacciano ogni giorno. Meglio affidarsi a testimoni piú attendibili, quando si ha la fortuna di incontrarli.
– Sta parlando di lei, per caso?
– Sí.
– E perché dovrei crederle?
Flint allargò le braccia.
– Io c’ero.

(source: Bol.com)