46433–46448 di 65579 risultati

Silenzio e Onore

Agosto 1941. Hiroko, diciottenne giapponese, viene mandata dagli ambiziosi genitori in California, per completare gli studi. In America trova un mondo completamente differente da quello che ha lasciato e nel quale si integra faticosamente, finché non conosce l’affascinante professor Jenkins con cui inizia una appassionata relazione. Pochi mesi dopo un terribile evento sconvolge gli Stati Uniti: Pearl Harbour è bombardata dai giapponesi e lo scoppio della guerra ha terribili conseguenze sulla vita di Hiroko. Anche lei, come altri suoi connazionali residenti in America, viene rinchiusa in un campo di concentramento…
**

Un silenzio disperato

Specialista di psicologia criminale, nella sua carriera Sylvia Strange si è trovata ad affrontare i casi più complessi e disperati, ma quello che le si presenta ora nella persona della piccola Serena sembra quasi impossibile. Muta, terrorizzata e chiusa in se stessa, Serena è appena scampata a un incidente di macchina nel deserto intorno a Santa Fe. Sono molti i misteri che la circondano: è un’immigrata clandestina dal vicino Messico? Cosa contiene il misterioso quadernetto che tiene gelosamente con sé? E perché di comporta come se fosse inseguita da demoni assassini? Quando un cadavere viene rintracciato non lontano dal luogo dell’incidente e Serena subisce un tentativo di omicidio, Sylvia capisce che quei demoni sono vivi e reali, che la bambina è l’innocente pedina di una spietata lotta di potere. E comincia a indagare…

Il silenzio dell’onda

Da mesi, il lunedì e il giovedì, Roberto Marias attraversa a piedi il centro di Roma per raggiungere lo studio di uno psichiatra. Si siede davanti a lui, e spesso rimane in silenzio. Talvolta i ricordi affiorano. E lo riportano al tempo in cui lui e suo padre affrontavano le onde dell’oceano sulla tavola da surf. Lo riportano agli anni rischiosi del suo lavoro di agente sotto copertura, quando ha conosciuto il cinismo, la corruzione, l’orrore. Fuori, ma anche dentro di sé. Di professione fantasma, ha imparato a ingannare, a tradire, a sparire senza lasciare traccia. Una vita che lo ha ubriacato e travolto. Le parole del dottore, le passeggiate ipnotiche in una Roma che lentamente si svela ai suoi occhi, l’incontro con Emma, come lui danneggiata dall’indicibilità della colpa, gli permettono di tornare in superficie. E quando Giacomo gli chiede aiuto contro i suoi incubi di undicenne, Roberto scopre una strada di riscatto e di rinascita.
**

Il silenzio dell’innocenza

«Mi chiamo Somaly; o, per lo meno, così mi chiamo adesso. Come tutti, in Cambogia, di nomi ne ho avuti parecchi. Un nome deriva da una scelta provvisoria, lo si cambia come si cambia vita se la sfortuna si accanisce contro di noi, per esempio. Ma non mi ricordo bene dei nomi che ho avuto quando ero piccola. Del resto, non ricordo quasi niente della mia prima infanzia; non so granché delle mie origini e ho ricostruito a posteriori, da vaghi ricordi, quel minimo di storia che sto per raccontarvi…» Nata nella poverissima campagna cambogiana, dove i genitori arrivano a vendere i propri figli all’età di cinque o sei anni per pochi soldi, Somaly Mam, oggi trentacinquenne, ha vissuto parte dell’adolescenza in un bordello, in condizione di schiavitù. Violentata, picchiata e torturata, è riuscita a sottrarsi al suo destino e insieme al marito Pierre Legros ha creato nel 1997 un’associazione no-profit, la AFESIP (Agir pour les femmes en situation précaire) che dalla Cambogia, dove ha la sede principale, si è rapidamente sviluppata in Tailandia, Vietnam e Laos. Nonostante abbia subito numerose minacce, finora Somaly Mam è riuscita a salvare dalla prostituzione e dalla schiavitù migliaia di ragazze. Il silenzio dell’innocenza racconta la sua storia, la storia di migliaia di persone come lei, il dolore e la rabbia, ma anche la speranza che il mondo possa cambiare.
**
### Sinossi
«Mi chiamo Somaly; o, per lo meno, così mi chiamo adesso. Come tutti, in Cambogia, di nomi ne ho avuti parecchi. Un nome deriva da una scelta provvisoria, lo si cambia come si cambia vita se la sfortuna si accanisce contro di noi, per esempio. Ma non mi ricordo bene dei nomi che ho avuto quando ero piccola. Del resto, non ricordo quasi niente della mia prima infanzia; non so granché delle mie origini e ho ricostruito a posteriori, da vaghi ricordi, quel minimo di storia che sto per raccontarvi…» Nata nella poverissima campagna cambogiana, dove i genitori arrivano a vendere i propri figli all’età di cinque o sei anni per pochi soldi, Somaly Mam, oggi trentacinquenne, ha vissuto parte dell’adolescenza in un bordello, in condizione di schiavitù. Violentata, picchiata e torturata, è riuscita a sottrarsi al suo destino e insieme al marito Pierre Legros ha creato nel 1997 un’associazione no-profit, la AFESIP (Agir pour les femmes en situation précaire) che dalla Cambogia, dove ha la sede principale, si è rapidamente sviluppata in Tailandia, Vietnam e Laos. Nonostante abbia subito numerose minacce, finora Somaly Mam è riuscita a salvare dalla prostituzione e dalla schiavitù migliaia di ragazze. Il silenzio dell’innocenza racconta la sua storia, la storia di migliaia di persone come lei, il dolore e la rabbia, ma anche la speranza che il mondo possa cambiare.

Il silenzio del testimone

Il famoso avvocato Tony Lord non può negare il suo aiuto a Sam Robb, accusato ingiustamente di un brutale omicidio. Non può tirarsi indietro perché Sam è un suo amico d’infanzia, e perché, vent’anni prima, anche lui ha vissuto un’esperienza analoga, incriminato per la morte della propria fidanzata. Tornato per le indagini a Lake City, la sua città natale, Tony viene risucchiato in un vortice di memorie che pensava di avere rimosso: c’è ancora qualcuno infatti, che ricorda molto bene l’omicidio per cui era stato accusato e lo ritiene ancora il vero colpevole. Prigioniero di un passato tragico e di un presente segnato dal sospetto, Tony dovrà fare appello a tutte le sue forze per risolvere il mistero che avvolge i due omicidi.
**

Silenzio Assoluto

Sui giornali non troverete nessun accenno all”incidente’. I governi dei Paesi coinvolti non hanno nessun interesse a rendere pubblica la faccenda. Inoltre, dato che l”incidente’ non è apparso sui media, in realtà non è mai avvenuto. Questa è la sua storia. Che cosa ci fa un ex terrorista a Colonia, mentre la città intera si prepara all’arrivo degli uomini più potenti della Terra, convocati per l’imminente G8? È la domanda che tormenta Liam O’Connor, fisico irlandese di fama mondiale, candidato al premio Nobel e autore di bestseller, arrivato in Germania per un tour promozionale. Perché Liam è certo di aver visto proprio all’aeroporto un suo vecchio amico, Paddy Cholessy, un tempo membro dell’IRA e adesso, almeno in apparenza, impiegato come tecnico in quella struttura che è ovviamente al centro della rete di massima sicurezza che circonda la città. Genio per natura – e spesso ubriaco per scelta –, Liam non riesce a convincere nessuno del potenziale pericolo: la sua addetta stampa, Kika Wagner, è troppo occupata a fargli rispettare gli impegni presi con i librai e con i notabili cittadini per dar retta ai suoi sproloqui; la polizia è travolta da una valanga di problemi ben più concreti; i responsabili dell’aeroporto sono sicuri di aver creato intorno a loro una fortezza inattaccabile. Eppure Liam ha ragione: qualcuno ha deciso che quel G8 è il momento giusto per colpire al cuore la comunità internazionale, per generare un formidabile buco nero nella Storia, per compiere un attentato così eclatante da cambiare per sempre il destino dell’umanità. E soltanto lui può capire sino in fondo la tecnologia avveniristica che si nasconde dietro quel progetto e fermarlo. Sempre che il killer non fermi prima lui… (source: Bol.com)

Silenzio assoluto

All’aeroporto di Colonia è tutto pronto. Sta per arrivare il presidente degli Stati Uniti perché la città tedesca è stata scelta come sede per il G8. Le misure di sicurezza sono imponenti, apparentemente inattaccabili. Ma non per un’organizzazione chiamata il Cavallo di Troia, che ha come unico scopo quello di uccidere l’uomo più potente del mondo proprio mentre scende dall’Air Force One. E che ha messo a punto una trappola impossibile da individuare, grazie a una tecnologia avveniristica e a due soli killer, i più spietati e abili in circolazione. Ma qualcun altro è atteso a Colonia. Liam O’Connor, autore di bestseller scientifici, in lizza per il premio Nobel per la fisica, è infatti appena giunto in Germania per un tour promozionale. Ed è proprio Liam che individua tra la folla un personaggio inquietante: Paddy, un ex membro dell’IRA, da tempo sparito dalla circolazione e adesso sorprendentemente impiegato come tecnico all’aeroporto. Qualcosa non torna: cosa ci fa un ex terrorista in un luogo così “caldo”? E perché si aggira intorno a un traliccio poco distante dalle piste di atterraggio?

Silenzi e complotti (eLit)

Serie: “Lady Julia Grey Mysteries” – Vol. 5. Londra, 1889 – Un bottone dorato è l’unico indizio concreto che Julia e Nicholas Brisbane hanno in mano per scovare l’assassino di Madame Séraphine, sedicente medium morta per avvelenamento proprio sotto i loro occhi. Chi aveva interesse a ucciderla? Un cliente deluso dalle sue mistificazioni? Oppure la mite, scialba Agathe, stanca di vivere nell’ombra della bella e spregiudicata sorella? O addirittura Bellmont, il fratello maggiore di Julia, politico bacchettone che con Séraphine si era concesso una compromettente scappatella? Tra le complicazioni create dalla bizzarra famiglia March, dagli altrettanto bizzarri domestici e dai parenti gitani di Nicholas, qualcuno attenta alla vita di Julia e, per risolvere lo spinoso caso, Brisbane dovrà affidarsi non solo alla scienza e al suo acume investigativo, ma anche alla curiosità e all’intuito femminile della sua incontenibile moglie.I romanzi della serie:1. Silenzi e veleni2. Silenzi e segreti3. Silenzi e misteri4. Silenzi e sussurri5. Silenzi e complotti

Silent Night

Basta una settimana per innamorarsi?
Si può cambiare la propria vita in sette giorni?
Ryan Taylor è uno degli uomini più ricchi di New York e del mondo: ha soldi, successo e tutto quello che la vita potrebbe dargli.
Tuttavia non ha nessuno da amare e da quando il suo ex Bobby lo ha tradito ha chiuso il suo cuore a chiunque provi ad avvicinarglisi.
Manca una settimana a Natale e Ryan cammina per le strade innevate di Central Park, quando incontra per caso Jay.
Jay è un ragazzo solo, cerca di sopravvivere come può e ha un disperato bisogno di tutto: cibo, una casa, ma soprattutto amore.
Riusciranno queste anime solitarie a salvarsi a vicenda?
**
### Sinossi
Basta una settimana per innamorarsi?
Si può cambiare la propria vita in sette giorni?
Ryan Taylor è uno degli uomini più ricchi di New York e del mondo: ha soldi, successo e tutto quello che la vita potrebbe dargli.
Tuttavia non ha nessuno da amare e da quando il suo ex Bobby lo ha tradito ha chiuso il suo cuore a chiunque provi ad avvicinarglisi.
Manca una settimana a Natale e Ryan cammina per le strade innevate di Central Park, quando incontra per caso Jay.
Jay è un ragazzo solo, cerca di sopravvivere come può e ha un disperato bisogno di tutto: cibo, una casa, ma soprattutto amore.
Riusciranno queste anime solitarie a salvarsi a vicenda?

Signorina Cuorinfranti

Ingiustamente sottovalutato in vita, il talento narrativo di Nathanael West ha ottenuto il meritato riconoscimento solo dopo la morte, avvenuta nel 1940 per un incidente d’auto, a soli trentasette anni. Oggi West è annoverato tra i grandi classici del Novecento americano. La «Signorina cuorinfranti» del titolo è la firma di una seguitissima rubrica di consigli ai lettori di un quotidiano newyorkese, dietro la quale si nasconde in realtà un uomo. Quello che era nato come il semplice scerzo di una redazione troppo cinica però diventa una vicenda umana di grande sofferenza: intimamente coinvolto dai problemi dei suoi lettori, e frustrato dalla propria incapacità di offrir loro un aiuto reale, il protagonista precipita in una spirale di autodistruzione, ricercando sollievo di volta in volta nel sesso, nell’alcol, nella religione. Ambientato nella New York della Grande Depressione, questa originalissima novella a episodi offre uno spaccato grottesco ma profondamente empatico di una società in lotta con le proprie illusioni.
**
### Sinossi
Ingiustamente sottovalutato in vita, il talento narrativo di Nathanael West ha ottenuto il meritato riconoscimento solo dopo la morte, avvenuta nel 1940 per un incidente d’auto, a soli trentasette anni. Oggi West è annoverato tra i grandi classici del Novecento americano. La «Signorina cuorinfranti» del titolo è la firma di una seguitissima rubrica di consigli ai lettori di un quotidiano newyorkese, dietro la quale si nasconde in realtà un uomo. Quello che era nato come il semplice scerzo di una redazione troppo cinica però diventa una vicenda umana di grande sofferenza: intimamente coinvolto dai problemi dei suoi lettori, e frustrato dalla propria incapacità di offrir loro un aiuto reale, il protagonista precipita in una spirale di autodistruzione, ricercando sollievo di volta in volta nel sesso, nell’alcol, nella religione. Ambientato nella New York della Grande Depressione, questa originalissima novella a episodi offre uno spaccato grottesco ma profondamente empatico di una società in lotta con le proprie illusioni.

Signori bambini

“La maggior parte dei bambini fanno i bambini, e quasi tutti gli adulti giocano agli adulti”Monsieur Craistang, professore di francese a Belleville, sorprende tre suoi allievi che si passano sotto banco uno schizzo satirico: una folla inferocita marcia dietro uno striscione che recita “Craistang ti faremo la pelle”. La punizione è immediata: per il giorno successivo dovranno portare un tema basato sull’ipotesi che i genitori possano ritornare bambini e i bambini diventare improvvisamente genitori. Ma lo scambio dei ruoli da ipotetico si fa ben presto reale e i “signori bambini” Igor, Joseph e Nouredine si trovano a dover fare la parte degli adulti in una complicata e contraddittoria Belleville contemporanea. A narrarne le avventure, dalla tomba al cimitero Père Lachaise, è il padre di Igor, Pierre, morto di Aids per una trasfusione. Grazie alla prospettiva stravolta e intenerita della voce narrante, cose e persone sono viste in modo insieme allucinato e lucido, favoloso e dolce. E alla fine sorge il dubbio che sia stato proprio Pierre a combinare tutto per restituire un po’ della felicità scomparsa con la sua morte.
(source: Bol.com)

Il signore di Storn

Inviato in missione nelle regioni inesplorate di Darkover, Dan Barron è assillato da strane visioni e da una volontà estranea che lo spinge verso le Terre Aride, sugli Hellers, tra gli antichi popoli della foresta e i seguaci di Sharra…

Le signore di Missolungi

Una piccola città australiana, Byron, ai primi del Novecento, chiusa su se stessa, ancora pionieristica nell’aura e nello spirito rigidamente anglosassone. E dominata da un clan, o meglio da una casta: quella degli Hurlingford, dilaganti e prevaricanti per motivazioni che affondano nelle origini stesse del nucleo urbano e, in senso più lato, per ragioni di ceto e di censo. Ma, come spesso avviene in seno ai vasti e ramificati gruppi familiari, non tutto rispecchia euritmia nei sentimenti, equilibrio nei valori morali e nella sorte materiale. Trionfano, al contrario, stridenti contrasti, l’arroganza della ricchezza e la mesta dignità dell’indigenza, insomma la patente disparità dei pesi e delle misure.
Drusilla, anziana vedova, sua sorella Octavia, anziana nubile, sua figlia Missy, anziana fanciulla da marito cui compete ormai il triste e sardonico epiteto di zitella, non si sono potute giovare dello sfruttamento delle terme locali, nè degli opimi introiti assicurati dall’albergo, dagli empori, dalle botteghe e dal pacchetto azionario connesso all’impianto d’imbottigliamento dell’acqua cura-malanni. Vivono, umbratili e schive, al margine della povertà, in un cottage fatiscente denominato pomposamente Missolungi (Byron, e tutto ciò che atteneva al grande poeta erano una vera fissa del primo Sir William Hurlingford, fondatore della città e capo della dinastia).
Tuttavia anche a Byron può accadere qualcosa d’imprevedibile. L’apparizione inopinata di una persona (o personaggio) nuova nell’aspetto, nell’animo, nell’esperienza umana e nei clichè comportamentali agisce da elemento catalizzatore, da deus ex machina. Missy, per tanto tempo condizionata dagli schemi di un’educazione amorosamente repressiva, e come tale dagli esiti nefasti, forza il blocco di uno status che parrebbe immutabile, afferma i molteplici aspetti di una personalità insospettata e pur latente. Scopre se stessa, il suo corpo, l’amore. E con il proprio ruolo sovverte altresì il sonnacchioso e corrotto tran-tran di un’intera comunità. Gli ultimi saranno i primi, come ammoniscono le Sacre Scritture? È possibile. E c’è, nel destino delle signore di Missolungi, un quid imponderabile, magari il gioco capriccioso del caso, forse un intervento extra-naturale?

Signore dello spazio e del tempo

Amici da anni, Joe Fletcher e Harry Gerber hanno tentato insieme diverse folli imprese commerciali, ma ora Joe ha messo la testa a posto e per amore della famiglia si accontenta di essere un programmatore senza troppi grilli in testa. Però un bel giorno, salendo in auto, Joe si trova dinanzi decine di copie dell’amico Harry, alcune minuscole e altre gigantesche, e tutte confessano di giungere dal futuro e gli consigliano di fare visita al vero Harry per ricordargli d’inventare la macchina capace di donargli il controllo dello spazio e del tempo. Chi potrebbe biasimare il povero Joe per la sua decisione di collaborare ancora con l’amico… anche a rischio di diventare l’aperitivo di un lucertolone formato Godzilla durante un esperimento destinato a consentire al malefico alter ego dell’amico, Gary Herber, di assumere il totale controllo di un universo parallelo? Quando un autentico matematico – e Rucker lo è miscela la costante di Planck ad alcuni “giuoni” rossi, tutto è possibile. Anche i cespugli di costate e gli alberi di frittelle, con i quali Harry vorrebbe porre fine alla fame nel mondo.
Copertina di Karel Thole

Il Signore delle tempeste

THE STORM LORD is a big novel of an unknown planet and of the conflict of empires and peoples on that world. It is a story of a priestess raped and slain, of a baby born of a king and hidden among strangers, and of how that child, grown to manhood, sought his true heritage.
It is a novel of alien gods and lost goddesses, of warriors and wanderers, and of vengeance long delayed.
It is an epic in every sense of the word.