46241–46256 di 74503 risultati

Il postino suona sempre due volte

E’ la storia, scarna, di una passione devastante, che ha per teatro uno scalcinato distributore di benzina su una statale a pochi chilometri da San Francisco, per ostacolo un marito rozzo e brutale e per via di fuga nient’altro che la tenebra. A questo romanzo ci si arrende al primo incontro, come Frank Chambers, a Cora, uno dei più temibili e vessatori fantasmi femminili che abbiano mai abitato le pagine di un romanzo: nelle parole dello stesso Cain, neppure una donna, ma “il desiderio fatto realtà”.

Postcristianesimo?

L’esistenza è destinata a rimanere un enigma incomprensibile? Siamo condannati al vuoto della solitudine? Se c’è un Dio, perché tace? Sono le domande radicali che si pone l’uomo contemporaneo. La società postmoderna in Europa si è allontanata dal cristianesimo che non è più, sociologicamente, la religione civile dominante, ‘ma non è detto – scrive il cardinale Scola – che sia venuto il tempo del “Postcristianesimo”. Ancora oggi ci sono donne e uomini che continuano ad attendere l’Altro che venga loro incontro, liberandoli da se stessi e restituendoli a se stessi, continuando a salvarli con la sua esistenza. A questa tenace attesa si deve la forma interrogativa del titolo “Postcristianesimo?”, perché è proprio con quell’attesa che il cristianesimo vuole entrare in dialogo, per poter offrire una speranza per l’oggi e per il domani’. Da qui un percorso di ricerca che attraverso le pagine di questo libro affronta molte questioni cruciali del nostro tempo: il rapporto con Dio, la paradossale libertà che ci paralizza, il valore che oggi assume la testimonianza dei cristiani.

(source: Bol.com)

La posta del cuore della señorita Leo

Ogni sera, alla stessa ora, l’intero paese si ferma in ascolto davanti alla radio. Mentre nelle case si diffondono le prime note della sigla musicale, nel piccolo studio di calle Caspe, a Barcellona, cala il silenzio, una luce inizia a lampeggiare e due labbra dipinte di rosso si avvicinano al microfono per augurare la buona notte agli ascoltatori. Sono le labbra di Aurora, la presentatrice di uno dei programmi radiofonici più popolari nella Spagna post-franchista degli anni settanta: La posta del cuore della señorita Leo. Quando Aurora viene scelta come voce del programma, di certo non immagina quanto quel lavoro le cambierà la vita. Per molte persone la señorita Leo è una vera e propria ancora di salvezza, una confidente, un’amica via etere. Persone come Germán, un rappresentante di biancheria intima che ogni sera ascolta quella voce calda e rassicurante e sogna di trovare l’amore; Sole, che non ha il coraggio di affrontare il marito violento; ed Elisa, un’adolescente che soffre per la scarsa attenzione dei genitori. Nelle lettere che le mandano queste persone, Aurora trova sogni, speranze e paure, ma quando scopre che l’emittente censura la maggior parte delle missive perché per politica il programma deve mantenere un tono più frivolo e scanzonato, decide di fare di testa propria. Dopo anni di remissiva ubbidienza e anonimato, avrà una missione nella vita: salvare le lettere della gente comune e dare voce alle storie del cuore, che meritano tutte di essere ascoltate.

(source: Bol.com)

Positivismo

Centrata sull’idea di “progresso” e di “periodizzazione” della storia, la filosofia positiva di Auguste Comte e dei suoi successori costituisce l’ideologia che ha influenzato gran parte del sapere e dei comportamenti morali del secondo Ottocento europeo. Dalla medicina con Claude Bernard alla concezione del lavoro di Samuel Smiles, dalla fisiologia umana con Moleschott al socialismo di Ferri e Loria, fino alla “bancarotta della scienza” e la ripresa neopositivistica: queste alcune tra le linee fondamentali di un percorso chiaro ed esaustivo che l’autore traccia attraverso l’attualità di una delle più decisive “filosofie della storia” dell’età industriale. Completa il volume un’esauriente bibliografia su questo fondamentale movimento filosofico della seconda metà del XIX secolo.
**
### Sinossi
Centrata sull’idea di “progresso” e di “periodizzazione” della storia, la filosofia positiva di Auguste Comte e dei suoi successori costituisce l’ideologia che ha influenzato gran parte del sapere e dei comportamenti morali del secondo Ottocento europeo. Dalla medicina con Claude Bernard alla concezione del lavoro di Samuel Smiles, dalla fisiologia umana con Moleschott al socialismo di Ferri e Loria, fino alla “bancarotta della scienza” e la ripresa neopositivistica: queste alcune tra le linee fondamentali di un percorso chiaro ed esaustivo che l’autore traccia attraverso l’attualità di una delle più decisive “filosofie della storia” dell’età industriale. Completa il volume un’esauriente bibliografia su questo fondamentale movimento filosofico della seconda metà del XIX secolo.

Il porto maledetto

Il capitano Roffel è stato avvelenato sulla nave che comandava. Il suo compare, sir Ospring, viene invece ritrovato accoltellato in una taverna. Due delitti apparentemente senza movente, ma fratello Athelstan, l’assistente del coroner di Londra, ha una sua teoria e per provarla non esiterà ad affrontare il pericolo dei pirati e l’oscura minaccia di una nave maledetta a bordo della quale gli uomini scompaiono senza lasciare tracce.

Portico d’Ottavia 13

L’indirizzo della Casa: via del Portico d’Ottavia 13, nel cuore del vecchio ghetto di Roma. Cosa accadde lì, quel sabato nero nell’ottobre del ’43? In che modo fu segnata l’esistenza di un centinaio di persone, per lo più povera gente? Quanti riuscirono a scappare dalla razzia nazista attraverso i tetti e le cantine? Frugando negli archivi e nelle testimonianze dei sopravvissuti, Anna Foa dà voce a una microstoria che pone le questioni essenziali di una storia più grande. Simonetta Fiori, ”la Repubblica”
Delle tante nefandezze compiute dai nazisti, la rappresaglia del ghetto fu la nefandezza massima. Anna Foa la racconta in un libro straziante. Pierluigi Battista, ”Corriere della Sera”
Una storica lavora a un’indagine sulla casa in cui oggi abita, la stessa che fu interamente svuotata dalla razzia tedesco-fascista del 16 ottobre. Un luogo, tra i tanti epicentri degli eventi, che non si può dimenticare senza dimenticare il senso della storia italiana di quegli anni. Furio Colombo, ”il Fatto Quotidiano”
Storie di aiuto e solidarietà, coraggio, incoscienza, ma anche tradimenti. Un libro che si legge con passione. Lucetta Scaraffia, ”Il Sole 24 Ore”
(source: Bol.com)

Il portale oscuro: il secondo capitolo della saga I 7 demoni reggenti

Torino, la città oscura. Un posto in cui ricominciare… … Un Destino cui tentare di sfuggire. Se ciò fosse possibile. Confinati in sembianze mortali, Eileen e il clan dei Sette Demoni Reggenti ai Peccati Capitali sono alla ricerca disperata di una via per l’Inferno. Sul cammino, avversari spietati, cruenti scontri. E inquietanti verità. La caccia continua, Gujrhah è in agguato. Lo scontro decisivo è imminente.

La porta oscura

Da qualche parte, nei recessi della nostra mente, c’è sempre una Porta Oscura, un angolo buio in grado di scatenare le passioni più violente, gli impulsi peggiori. Carson Denvers la scopre in un vecchio albergo dove nel giro di pochi allucinanti minuti la sua famiglia viene distrutta e lui stesso viene ferito gravemente. Al suo risveglio Carson viene preso per un altro uomo, ormai morto, e comincia così una sua personale crociata, una battaglia contro il male che si annida in certe particolari case abbandonate. Qual è il segreto della Porta Oscura? Come far cessare l’uragano di follia omicida che essa genera nella mente degli uomini? Ben presto, anche altri si uniscono a Carson. I destini di uomini e donne comuni si legano così in una lotta che assume le proporzioni di uno scontro tra il bene e il male.
Copertina di Vicente Segrelles

La porta di Tolomeo: Il ciclo di Bartimeus

Tre anni dopo gli eventi narrati nell’Occhio del golem, il potere dei maghi di Londra vacilla: scoppiano disordini, i cittadini si ribellano, gli spiriti si danno battaglia nelle strade. John Mandrake, divenuto ministro dellInformazione, è al culmine della notorietà e del potere; ma non può più contare sull’aiuto di Bartimeus, il jinn che sin dall’inizio è stato al suo fianco, perché la lunga permanenza sulla Terra lo ha indebolito quasi mortalmente. Eppure Mandrake si rifiuta di lasciarlo andare: per paura che altri si servano di lui, o forse perché Bartimeus è l’unico legame con la propria infanzia, quando John era ancora Nathaniel. Ma il giovane e ambizioso ministro sta per pagare cara la sua strategia: qualcuno infatti evoca Bartimeus per coinvolgerlo in un pericolosissimo piano che vedrà spiriti e umani uniti contro il potere dei maghi In questo spettacolare ultimo atto della trilogia di Jonathan Stroud niente viene lasciato al caso: come le tessere di un mosaico, ogni elemento, ogni accenno, ogni trama trovano significato e conclusione. I destini di Nathaniel, Kitty e Bartimeus si intrecciano in un finale mozzafiato, epico e commovente, dove la magia usata dal potere per conservare se stesso si ritorcerà contro la casta dominante e l’unica scelta possibile sarà rinunciarvi a favore di una forma di magia ben più alta e difficile: la democrazia.

La porta della morte

A Mottisham, in Inghilterra, la famiglia Macsen-Martel, nobilissima ma economicamente a terra, ha deciso di restituire alla chiesa locale l’antico portone gotico asportato all’epoca di Enrico VIII. Secondo una vecchia leggenda, i peccatori che cercano di eludere il proprio destino, rifugiandosi nella chiesa, muoiono nel momento in cui toccano la maniglia di quel portone. Ma l’uomo trovato morto pochi giorni dopo la cerimonia di riconsacrazione è veramente vittima di una punizione soprannaturale? All’ispettore Felse il compito di scoprire la verità.
**

Populismo

Al principio del Ventunesimo secolo il populismo sembra essere l’unica opzione politica capace di mietere successi. Ma cosa è davvero il populismo? Può essere considerato un’ideologia, con un contenuto ben preciso, oppure si tratta semplicemente di un insieme di efficaci dispositivi retorici? È un fenomeno nuovo o solo un termine diverso per definire l’antica demagogia? Deve essere inteso come un pericolo o può rappresentare una risorsa perii rinnovamento delle istituzioni democratiche? Facendo il punto sulla discussione contemporanea, questo saggio propone una ricostruzione puntuale dei diversi volti che il populismo ha mostrato a partire dalla fine dell’Ottocento a oggi e cerca di spiegare quali sono le ragioni che negli ultimi due decenni hanno favorito l’ascesa di leader, movimenti e partiti definiti populisti.

Popsy e altri racconti

Per un debito di gioco di trentamila dollari Sheridan è costretto a cercarsi un nuovo lavoro: deve rapire un bambino al giorno e consegnarlo a un turco che lo pagherà subito e bene. Presto estinguerà il debito e questo infame compito finirà. Ancora una piccola preda, l’ultima, e tutto tornerà come prima. Eccola, un bel bambino biondo dall’aria innocente che corre di fronte al supermercato chiedendo continuamente di… Popsy. Forza Sheridan, prendilo, ma attento perché dietro quel dolce viso si nasconde qualcosa di oscuro, macabro e terribile. Forse proprio quel nome che lui continua a chiamare…
Una storia inquietante dal maestro indiscusso dell’orrore Stephen King, una straordinaria prova della sua capacità stilistica e narrativa. Ma King non è l’unico in questa superba antologia. Troviamo tra gli altri James Herbert, creatore di innominabiliinostri, autore di numerosi romanzi, Richard Matheson, lo sceneggiatore di Duel, che ci narra una storia di autentico amore e… dolore. E ancora Robert Bloch, l’indimenticabile autore di Psycho, che con la sua esperienza televisiva narra quali orribili paure vengano trasmesse da questa scatola magica… insomma un’antologia unica, straordinaria e terrificante che, ancora una volta, porterà brivido, mistero e… suspence.

Il popolo delle tenebre

All’inizio della Stagione in cui il Tuono dorme, insomma all’inizio di novembre il sergente della polizia tribale Jim Chee, un vero indiano d’America, un navajo che studia da sciamano ovvero da cantore o uomo di medicina, ma potrebbe anche entrare nell’FBI (è il suo dilemma) riceve da Rosemary Vines, seconda moglie del maggiorente locale Benjamin Vines, l’incarico di trovare una scatola di ricordi del marito. Non è roba di valore, ma lei la rivorrebbe prima che il marito esca dall’ospedale. Indagando, Chee comincia a sentire voci discordanti sul conto di Vines: sosteneva una setta indiana dedita agli stupefacenti, ma poi si era urtato con gli adepti ed essendo «uno stregone malefico» aveva gettato loro il malocchio, facendoli morire… Presto l’indagine diventa pericolosa per Chee, ma, si sa, l’uomo navajo è astuto e forte. Un giallo insolito con tanto di mistero da risolvere, tanto di sorpresa da apprezzare, tanto di folclore da gustare. Tony Hillerman è da tenere d’occhio e non a caso «Il popolo delle tenebre» nell’originale ha avuto un gran successo, tra lettori indiani e non indiani, americani e non americani.

Il popolo del tappeto

Nel tappeto vivono ormai innumerevoli popoli e tribù: dai Dumii costruttori-di-imperi ai nomadi Morrunghi, dai fieri Irruimani alle creature spaventose delle Terre Sporche. Ma ora una nuova storia sta per cominciare e potrebbe essere l’ultima di tutte le storie… se qualcuno non si deciderà a fare qualcosa. Meglio ancora: se tutti non si decideranno a fare qualcosa…

I ponti di Bergen

Quando il padre annega nel Mare del Nord, Lauritz, Oscar e Sverre sono costretti a lasciare il loro piccolo villaggio norvegese ancora bambini per trasferirsi in città. I tre fratelli vengono presi a bottega da un cordaio, ma il loro talento innato e una serie di fortunate coincidenze li porteranno a studiare a Dresda, beneficiando della solidarietà di un’istituzione che li manterrà agli studi e che farà di loro affermati ingegneri civili di ferrovie e ponti. Si laureano nel 1901 e, per saldare il loro debito di riconoscenza, si impegnano a tornare in Norvegia per partecipare alla costruzione della ferrovia Bergen-Oslo, un’impresa epica che testimonia l’ingresso nel secolo del progresso tecnologico. Nel frattempo Lauritz si innamora di Ingeborg, un’aristocratica tedesca ed è intenzionato a sposarla nonostante l’opposizione del padre di lei, il barone von Freital; Oscar, tradito e truffato da una donna, abbandona Dresda e Sverre, invece, lascia i fratelli per inseguire il grande amore della sua vita, sfidando la rigida morale dell’epoca. Il destino non sembra concedere ai tre fratelli di realizzare i loro sogni e le loro ambizioni, professionali e sentimentali: la guerra sta infatti per abbattersi su di loro e su tutta Europa, una tragedia che cambierà per sempre la vita di Lauritz, Oscar e Sverre e del mondo intero.