45953–45968 di 62912 risultati

Il libraio di Parigi

Max, un anziano libraio di Parigi, viene rapito davanti agli occhi di Hugo Marston, capo della sicurezza presso l’ambasciata degli Stati Uniti. Eppure, nonostante la sua testimonianza, la polizia non sembra intenzionata ad aprire un’inchiesta, neanche quando, di lì a qualche giorno, nella Senna vengono ritrovati i cadaveri di altri due librai. Scavando nel passato di Max Koche, Hugo scopre dettagli inquietanti: perché mai la CIA possiede un dossier sul vecchio libraio? E perché il nome di Max viene accostato a quello di Serge e Beate Klarsfeld, i famigerati cacciatori di nazisti nella Francia del dopoguerra? La sua scomparsa è in qualche modo legata al suo passato, o c’entra uno di quei misteriosi libri antichi che si rifiutava di vendere nonostante le insistenze dei facoltosi bibliofili parigini? Servendosi del prezioso aiuto di Tom Green, un agente dei servizi segreti che conosce dai tempi dell’FBI, Marston cerca di mettere insieme i tasselli del puzzle e di collegare passato e presente, in un’indagine serrata e pericolosa, che lo porterà a scendere a patti con gli ambienti corrotti all’interno della polizia e delle istituzioni, e che finirà per coinvolgere le bande criminali in guerra per il controllo del traffico internazionale di droga.
**

Il libraio di Kabul

Quando l’autrice, giovane inviata norvegese, entra a Kabul al seguito delle truppe alleate, una delle prime persone che incontra è Sultan Khan, un libraio incarcerato per due volte in nome delle libertà intellettuale e della dignità del suo paese. Asne viene accolta in casa Khan e diventa per circa un anno la “figlia bionda” del libraio. Da testimone ci racconta storie di libri salvati e squarci di vita quotidiana in Afghanistan attraverso amori proibiti, matrimoni combinati, crimini, punizioni, ma anche solidarietà e legami fortissimi.

Il libraio che imbrogliò l’Inghilterra

Qual è l’attività segreta che consente a un (apparentemente) rispettabile libraio antiquario londinese di condurre una vita lussuosa e spregiudicata, in compagnia della sua segretaria e amante? Il lettore scoprirà il mistero lungo le avvincenti pagine di questo racconto, il cui epilogo imprevedibile è quello di una detective story amara e scanzonata. Al Libraio che imbrogliò l’Inghilterra fa seguito Lo Scrittore automatico, la storia di un giovane aspirante scrittore che, stanco di vedere le sue creazioni rifiutate dalle riviste letterarie, risolve il problema inventando una strana macchina… I due racconti si fondono in un insieme perfettamente amalgamato, accomunati dallo sguardo impietoso che Roald Dahl sa gettare sul mondo della cultura, mostrando ancora una volta la sua originalità di visione, il suo stile rapido e graffiante, la sua straordinaria bravura nel delineare situazioni e personaggi. IL 10% DEI DIRITTI D’AUTORE DERIVANTI DA QUESTO LIBRO VIENE DEVOLUTO A INIZIATIVE BENEFICHE DELLA ROALD DAHL FOUNDATION. SI VEDA ALL’INTERNO PER SAPERNE DI PIÙ.
**
### Sinossi
Qual è l’attività segreta che consente a un (apparentemente) rispettabile libraio antiquario londinese di condurre una vita lussuosa e spregiudicata, in compagnia della sua segretaria e amante? Il lettore scoprirà il mistero lungo le avvincenti pagine di questo racconto, il cui epilogo imprevedibile è quello di una detective story amara e scanzonata. Al Libraio che imbrogliò l’Inghilterra fa seguito Lo Scrittore automatico, la storia di un giovane aspirante scrittore che, stanco di vedere le sue creazioni rifiutate dalle riviste letterarie, risolve il problema inventando una strana macchina… I due racconti si fondono in un insieme perfettamente amalgamato, accomunati dallo sguardo impietoso che Roald Dahl sa gettare sul mondo della cultura, mostrando ancora una volta la sua originalità di visione, il suo stile rapido e graffiante, la sua straordinaria bravura nel delineare situazioni e personaggi. IL 10% DEI DIRITTI D’AUTORE DERIVANTI DA QUESTO LIBRO VIENE DEVOLUTO A INIZIATIVE BENEFICHE DELLA ROALD DAHL FOUNDATION. SI VEDA ALL’INTERNO PER SAPERNE DI PIÙ.

Liberty Bar

«C’era aria di vacanza. Anche il giorno prima, al tramonto, al porto di Cannes c’era aria di vacanza, soprattutto a bordo dell’Ardena, dove il proprietario faceva il galante con quelle ragazze dalle forme procaci». «Maigret, invece, era vestito di nero come a Parigi, e portava la bombetta, un cappello che lì era proprio stonato». «Di fronte a lui un manifesto annunciava a grandi lettere blu: CASINÒ DI JUAN-LES-PINS GRAN GALÀ DELLA PIOGGIA D’ORO». «E il ghiaccio si scioglieva a poco a poco nel bicchiere opalescente». «Le vacanze! Guardare il fondo cangiante del mare da una barca dipinta di verde o di arancione… Fare la siesta sotto un pino marittimo ascoltando il ronzio dei mosconi… «Ma soprattutto non doversi preoccupare di uno sconosciuto che si era preso chissà come una coltellata alla schiena!». (Le inchieste di Maigret 14 di 75)
(source: Bol.com)

Liberi servi: Il Grande Inquisitore e l’enigma del potere

Dostoevskij tornò da un viaggio a Londra profondamente turbato: invece di cogliervi il brivido luminoso del progresso – erano i giorni della prima Esposizione universale – aveva scoperto che in quella città regnava l’irrimediabile solitudine e la rassegnata disperazione di un’umanità sottomessa. Aveva sperimentato il trauma immedicabile della profezia: affacciatosi sul futuro, aveva passeggiato nel cantiere del mondo d’oggi per ritrarsene spaventato. Questa illuminazione mediante le tenebre avrebbe trovato felice compimento nel capitolo dei *Fratelli Karamazov* dedicato al Grande Inquisitore. In esso Dostoevskij affronta temi cruciali che riguardano la filosofia morale, la politica, la filosofia della storia e della religione: pagine taglienti di grande letteratura, in grado di scavare nell’animo umano senza schermi o mediazioni. Con lucida passione, questo libro coglie ogni aspetto del celebre testo, inquadrandolo dapprima all’interno dell’opera e della poetica dello scrittore russo, per metterlo poi in relazione con il pensiero politico della modernità, approfondendo infine le tante riflessioni che da esso scaturiscono. All’autore interessano soprattutto gli aspetti legati alla teoria del potere; e nel monologare dell’Inquisitore di fronte al Cristo silenzioso – fino all’enigmatico bacio finale – ritrova numerosi e sbalorditivi agganci con il nostro tempo presente, che per molti aspetti sembra dare compimento al cinico nichilismo dell’Inquisitore: su tutti, la tendenza degli uomini ad accettare di vedersi sottrarre la vera libertà scambiandola per quella misera e obbediente di un apatico conformismo.

Le libere amazzoni di Darkover

Ciclo narrativo sviluppato in quarant’anni di lavoro, la Saga di Darkover racconta le vicende del quarto Pianeta della stella di Cottman, dove, in seguito a un “naufragio”, si stabilisce un gruppo di coloni terrestri dando vita insieme alla popolazione locale a una civiltà non tecnologica, quasi feudale. Protagoniste di questa serie di racconti sono le Libere Amazzoni, donne forti e coraggiose legate da un giuramento inviolabile, e le loro avventure in un mondo dominato dagli uomini. Attraverso guerre, storie d’amore, scoperte e duelli magici, questi racconti riportano alla luce lo splendore originario della storie di Darkover.
**

Libera Baku ora

Se non fossero riassumibili nei tratti del volto del Presidente, i contorni dell’oppressione sarebbero indistinti, fuggevoli, e uno potrebbe anche credere di essere felice, nel 2021, a Bologna. Non c’è bisogno di guerrieri, in quel mondo: occorrono solo sbirri. Lontano, sul Mar Caspio, i contingenti delle grandi potenze stanno preparando l’ennesima operazione di Polizia Internazionale. Ma le truppe d’assalto del Grande Movimento Popolare non raggiungeranno mai il suolo nemico. Una supermente simbiotica le controlla.
**

Lezioni sulla storia della filosofia: tenute a Berlino nel semestre invernale del 1825-1826 tratte dagli appunti di diversi uditori

Le lezioni di Hegel sulla storia della filosofia costituiscono il laboratorio concettuale e terminologico del suo sistema di pensiero e delineano lo svolgimento storico che ad esso ha condotto. Tuttavia Hegel non ha mai dato alle stampe i testi dei suoi corsi, di cui resta traccia solo grazie a manoscritti, quaderni, appunti e annotazioni, autografe o dovute agli uditori. La sola traduzione italiana delle lezioni sulla storia della filosofia fino a oggi disponibile riproduceva l’edizione del 1840-44, curata da Karl Ludwig Michelet dopo la morte di Hegel. In linea con la più recente ricerca, a quel testo si è qui preferita l’edizione del corso berlinese del 1825-1826 pubblicata in Germania tra il 1986 e il 1996, a cura di Pierre Garniron e Walter Jaeschke. Il volume è corredato di un apparato di note e di un’introduzione a firma del curatore Roberto Bordoli. In appendice è data la traduzione dei manoscritti hegeliani relativi alle introduzioni ai corsi del 1820 e del 1823.

Lezioni di morte

###
Jane Rizzoli, detective della polizia di Boston, pensa di aver vinto la sua battaglia più difficile: il serial killer soprannominato “il Chirurgo” è in prigione e non potrà più nuocere. Ma si sbaglia. Viene, infatti, convocata per investigare su una nuova serie di orribili delitti. Le vittime sono sempre due, di solito una giovane coppia, massacrata seguendo un unico, macabro rituale. Gli indizi avvicinerebbero la tecnica del nuovo maniaco a quella del Chirurgo. Ma come è possibile se questi è in prigione? Forse un mitomane che imita le gesta del suo folle modello? Forse dietro tutto c’è un segreto ancora più orribile, una verità che l’FBI vuol nascondere a tutti i costi…
**

Lezioni di letteratura

I capolavori di Austen, Dickens, Flaubert, Stevenson, Proust, Kafka, Joyce riacquistano, sotto lo sguardo attentissimo di Nabokov, la forza scandalosa che appartiene per natura a ogni vera opera d’arte. Sette eccezionali lezioni di letteratura che senza salvacondotti, quasi brutalmente, ci introducono nel laboratorio segreto dei grandi scrittori.
**

La lezione di anatomia

A quarant’anni lo scrittore Nathan Zuckerman viene colpito da un male misterioso: dolore puro che gli scende lungo il collo e le spalle, si diffonde nella schiena e s’impossessa della sua anima. Zuckerman, per cui la vita coincideva con il lavoro, è incapace di scrivere una sola riga. Adesso il suo lavoro è correre da un dottore all’altro, ma nessuno è in grado di elaborare una diagnosi credibile del male, e nessuno può eliminare le fitte di dolore. Zuckerman si chiede se tutto questo soffrire possa essere causato dai suoi stessi libri, dalla letteratura. E intanto il suo consumo di analgesici si trasforma in una dipendenza da vodka, marijuana e Percodan.
Scomparsa anche la madre (secondo grave lutto dopo la morte del padre raccontata in Zuckerman scatenato), lo scrittore si affida alle cure erotico-mediche di quattro donne.Ma alla fine anche quest’ultima, disperata risorsa lo abbandona, e Zuckerman decide che è venuto il momento di cambiare vita, lasciar perdere i libri e il sesso, e il ruolo del malato, per diventare lui stesso medico e curarsi da solo. Parte per Chicago, con la serissima intenzione di frequentare la scuola di medicina. Laggiù, però, non lo aspetta una nuova carriera, ma la resa dei conti con il suo male misterioso.

Leviathan

– Caricate il cannone! – urlò Maestro Klopp all’uomo di sotto.
Alek si ritrovò seduto al posto di guida mentre la macchina ricominciava a muoversi.
Si contorse per allacciare la cintura di sicurezza, ma proprio in quel momento un terribile pensiero si impadroní della sua mente, paralizzandogli le dita.
Se stanno cercando di uccidermi, vuol dire che è tutto vero.
Il conte Volger si chinò al suo fianco, urlando per sovrastare il rombo dei motori e delle cannonate. – Quest’affronto dovrebbe rincuorarvi, Alek. È la prova che siete ancora una minaccia per il trono.

Siamo sull¿orlo della Prima guerra mondiale.
Mentre il giovane Alek, principe dell’Impero austro-ungarico, è in fuga sul suo Camminatore, di là dalla Manica una ragazza, Deryn Sharp, si traveste da maschio per diventare pilota nell’aviazione britannica.
Ma il suo segreto rischia continuamente di essere scoperto.
I due ragazzi appartengono ai due opposti schieramenti: lui ai Cigolanti, lei ai Darwinisti.
Ma il destino vuole che le loro strade si incrocino nel modo piú inatteso portandoli entrambi a bordo del Leviathan, un gigantesco animale volante, metà balena metà dirigibile, che forse li strapperà al frastuono della guerra.

(source: Bol.com)

Il Leviatano

Tutti a Woodstock Europa! Sul palco gli American Medical Association emanano macabre vibrazioni, mentre dal fondo del lago resuscitano degli zombie nazisti seminando il panico tra la folla: è il compimento della millenaria cospirazione. Ma nessuno ha fatto i conti con Hagbard Celine…
I personaggi sono coinvolti in una perdita d’identità, tra percorsi iniziatici, viaggi lisergici, reinterpretazioni della storia universale, deliri ipnotici di massa, sfrenate orge al limite della sopportabilità umana. Il racconto s’ingarbuglia sempre di più. Ma il lettore attento saprà ben cogliere il senso occulto della strepitosa saga degli Illuminati che con questo terzo volume si conclude. Forse…
Per i non iniziati le appendici offriranno un facile accesso ai sublimi misteri di questa trilogia.
L’esilarante trilogia Gli Illuminati!, di cui Il leviatano è il terzo volume, è un cult per le culture underground negli Usa (100.000 copie vendute), in Inghilterra e in Germania, tanto da influenzare la nascita di parecchi “club” omonimi, di una rivista in lingua tedesca, di un’opera teatrale, di un gioco di ruolo e di moltissimi siti Internet. Ha vinto il Prometheus Hall of Fame.

La leva di Archimede

L’inchiesta conclude: disgrazia. Un ragazzo di dodici anni, Thorne, si arrampica sul tetto della palestra, perde l’equilibrio, precipita. Avrebbe potuto succedere a chiunque, in qualunque scuola media: si sa come sono i ragazzi. Ma il professor Seacombe non è completamente convinto. Thorne era solo, sul tetto; eppure è caduto all’indietro, come se qualcuno l’avesse spinto. E a poco a poco vengono alla luce altre strane “disgrazie”, una catena di fatti inspiegabili, incredibili, un difficile mosaico da cui emerge infine la più elementare e definitiva catastrofe che possa mai minacciare il nostro pianeta.

La lettrice

**In un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro
Una terra dove i libri sono banditi 
Una ragazza che non smette di lottare**
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, *La lettrice* è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento. 
**Un nuovo straordinario talento bestseller del New York Times**
«Con un linguaggio evocativo riesce a creare un mondo affascinante, personaggi complessi e una trama che rapisce: gli amanti del fantasy non vedranno l’ora di affondare i denti in questa saga.»
**Booklist**
«Il debutto di Chee è un’esperienza profonda, che si presta a molteplici livelli di lettura… Esplora la magia della parola scritta: un primo capitolo da non perdere di una nuova serie.»
**Publishers Weekly**
«Narrazione sicura e dettagli vividi, in particolare sul magico processo della lettura… il primo episodio di una serie che promette di essere assolutamente affascinante.»
**Kirkus Reviews**
**Traci Chee**
È autrice di narrativa young adult. Ha studiato letteratura e scrittura creativa all’Università della California di Santa Cruz e ha conseguito un Master of Arts alla San Francisco State University. Traci è cresciuta in una piccola città con più mucche che esseri umani, e ora si sente a casa in montagna, in mezzo alla natura e alle sue meraviglie. Vive in California con il suo cane. *La lettrice* è il suo romanzo d’esordio.
**
### Sinossi
**In un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro
Una terra dove i libri sono banditi 
Una ragazza che non smette di lottare**
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, *La lettrice* è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento. 
**Un nuovo straordinario talento bestseller del New York Times**
«Con un linguaggio evocativo riesce a creare un mondo affascinante, personaggi complessi e una trama che rapisce: gli amanti del fantasy non vedranno l’ora di affondare i denti in questa saga.»
**Booklist**
«Il debutto di Chee è un’esperienza profonda, che si presta a molteplici livelli di lettura… Esplora la magia della parola scritta: un primo capitolo da non perdere di una nuova serie.»
**Publishers Weekly**
«Narrazione sicura e dettagli vividi, in particolare sul magico processo della lettura… il primo episodio di una serie che promette di essere assolutamente affascinante.»
**Kirkus Reviews**
**Traci Chee**
È autrice di narrativa young adult. Ha studiato letteratura e scrittura creativa all’Università della California di Santa Cruz e ha conseguito un Master of Arts alla San Francisco State University. Traci è cresciuta in una piccola città con più mucche che esseri umani, e ora si sente a casa in montagna, in mezzo alla natura e alle sue meraviglie. Vive in California con il suo cane. *La lettrice* è il suo romanzo d’esordio.