45825–45840 di 65579 risultati

Utili consigli per il buon investigatore

La signora Ramotswe e la sua assistente Grace Makutsi, gli unici due investigatori in gonnella di tutto il Botswana, hanno modi ben diversi di prendere la vita. Conciliante l’una e permalosissima l’altra, difficilmente troverebbero l’equilibrio con cui gestiscono la Ladies’ Detective Agency N.1 se non avessero un mentore: quel Clovis Andersen, autore dei Principi dell’indagine privata, che fornisce soprattutto considerazioni spicciole. Stavolta però è dura. Un’amica nei guai ricorre al loro aiuto: come dirle che il manuale suggerisce di non accettare incarichi da conoscenti e famigliari? Tuttavia, Precious Ramotswe ha una regola che vince su ogni altra: ascolta sempre quel che le dice il cuore. Eccola allora invischiata in una storia di tradimenti e insoddisfazioni coniugali… L’infelicità però serpeggia anche tra le persone che le sono più vicine. L’occhialuta ed efficiente signorina Makutsi subisce un grave affronto, e per distrarla la signora Ramotswe la porta con sé in un irresistibile viaggio nel selvaggio nord. Le due donne partono in un’avventura on the road da cui torneranno sempre più amiche.

L’Ussaro

Non ha ancora vent’anni, ma Frederic Glüntz è sicuro che il suo sogno stia per avverarsi, che la gloria sia a portata di mano. Da pochi mesi è assegnato al 4° Reggimento degli ussari, il corpo scelto della cavalleria napoleonica. Non ha mai amato una donna, non ha mai ucciso un uomo. Da domani non sarà più lo stesso. Il grande giorno, quello della sua prima battaglia, lo attende. Ma già dalle prime luci di un’alba grigia e piovosa Frederic vede crollare una dopo l’altra le sue illusioni. Ciò che lo attende non è una guerra di quelle studiate sui manuali, condotta in campo aperto con manovre impeccabili. Gli ordini sono confusi e i nemici invisibili. È una guerra combattuta nel fango, senza regole, senza pietà neppure per i cadaveri. Anonima e sporca.
**

Un uso qualunque di te

In un’emozionante confessione che tiene incollati alle pagine, *Un uso qualunque di te* è un romanzo potente, duro ed estremamente commovente. Una famiglia borghese apparentemente serena è quella formata da Viola, Carlo e dalla diciassettenne Luce: grandi occhi spalancati verso il futuro. Distratta madre e moglie, Viola coltiva mille dubbi sul suo presente e troppi rimpianti camuffati da consuetudini. Carlo, invece, è un marito presente e innamorato e la solidità del legame familiare sembra dipendere soprattutto da lui. È quasi l’alba di una notte di fine primavera quando Viola riceve un messaggio da suo marito che le dice di correre in ospedale. Stava dormendo fuori casa e si deve rivestire in fretta, non c’è tempo per fare congetture, il cellulare ora è scarico e nel messaggio non si dice a quale ospedale debba andare né cosa sia successo. Una corsa disperata contro il tempo, i sensi di colpa e le inquietudini che da anni le vivono dentro. Fino al drammatico faccia a faccia con il chirurgo le cui parole porteranno a galla un segreto seppellito per anni e daranno una sterzata definitiva al corso della sua esistenza.

L’urlo

«Ora, ammesso che si possa riconoscere l’anima di un altro essere umano, uomo o donna, non è mai dato riconoscere la propria». Nel racconto di un alienato a un altro se stesso, la lotta dilaniante e mortale per strapparsi ai luoghi che da sempre generano terrore allo stato puro: i propri sogni.

L’urlo del gatto

**MI FERMAII DAVANTI ALL’ARMADIO E APRII LE ANTE.**
Vidi due occhi gialli che mi guardavano. Poi sentii un urlo stridulo e rabbioso e vidi due zampe che si alzavano.
Prima che potessi muovermi, il gatto si lanciò dalla mensola più alta e mi piombò sulla faccia. Sentii gli artigli che affondavano nelle mie spalle e lanciai un urlo.

L’urlo del colibrì

Una splendida villa circondata da un vasto giardino, immersa nella campagna inglese, lontana da ogni centro abitato. Un ricchissimo proprietario,che non l’ama e vi soggiorna soltanto pochi giorni l’anno.Fedele come una vestale, inflessibile custode della residenza è la misteriosa Eve Beck, giovane donna affascinante e sensuale, che trascorre la sua esistenza nella portineria della grande casa con la figlia, la piccola Liza. Eve non desidera vivere in nessun altro posto,non vuole avere contatti con nessuno, ed è lei stessa a insegnare alla figlia a leggere e a scrivere ,per evitarle qualsiasi rapporto con il mondo, che considera orribile… Poichè il passato della donna nasconde un terribile segreto. Madre e figlia vivono nel più totale isola mento, a parte la fugace presenza di un giardiniere, del postino, del lattaio. Un universo chiuso e ben protetto, che tuttavia non impedisce a Eve di avere qualche avventura amorosa e a Liza di conoscere qualcosa che esiste al di là dell’opprimente cortina difensiva che sua madre le ha steso attorno. Improvvisamente, l’atmosfera inquietante del’ambiente travolgerà la serenità forzata della loro vita.

Urania 405 Il collezionista

“Se vi piace la tronfia verbosità dei best-seller con pretese di alta letteratura”, scrive Russell presentando questi suoi racconti, “o se ritenete indispensabile che ogni storia racchiuda un profondissimo quanto rimasticato messaggio morale, questo libro non è per voi. Andate via. Sciò!” Il campo di lettura offerto dalla presente raccolta, in effetti, ci guadagnerà parecchio ad essere preliminarmente e perentoriamente sgombrato dai pedanti e dagli snob. Così, se vorremo puramente e semplicemente divertirci, potremo farlo senza tirarci addosso occhiatacce di rimprovero. Ma resteremo ugualemente liberi di sospettare che Eric Frank Russell, oltre a saper costruire le sue storie come pochi, abbia anche lui, malgrado tutto, alcuni messaggi da comunicarci: quello metafisico del Collezionista, per esempio, d’una sbigottita malinconia; o quello, sottilmente scettico, di Una questione d’istinto; o infine quello di Io e la mia ombra, dove malinconia e scetticismo si convertono in un arguto, bonario incoraggiamento a sbrigarsela da sé. Per l’interpretazione di questi eventuali messaggi, comunque, non avremo bisogno di istituire paragoni con Kafka, o con Proust, o con Dio sa chi altro: avremo soltanto da mettere questa antologia, dopo averla letta, tra i libri che hanno qualche cosa dentro, e che una volta o l’altra ci verrà voglia di rileggere.
INDICE
IL COLLEZIONISTA Hobbyst (1961)
IO E LA MIA OMBRA Me and my shadow (1964)
UNA QUESTIONE D’ISTINTO A matter of instinct (1964)
SILICIO The ponderer (1964)
IL RICHIAMO I hear you calling (1964)
L’ASTRONAUTA TORNO’ SOLO Bitter end (1964)
WISEL Wisel (1964)
E’ BELLO ESSRE AMATI I Think They love (1965)
WALTER F. MOUDY

Uragano Rosso

“Il più grande impianto petrolifero della Siberia salta in aria: sabotaggio. Il Politburo sovietico decide di attuare il piano segreto denominato “Uragano Rosso”. Gli occidentali però conoscono le intenzioni dei comandanti dell’Armata Rossa, e allora… la terza guerra mondiale”

Upanisad antiche e medie

Poche opere riflettono come le Upanisad la religione e la cultura di un’intera civiltà. In questi scritti l’India ha riversato l’essenza del suo pensiero: insegnamenti segreti, comunicabili non nel consesso urbano, bensì in dialoghi pacati nella quiete delle selve. Le Upanisad attraversano almeno quindici secoli dal sesto prima di Cristo all’ottavo dell’era attuale. Pochi sono i capisaldi concettuali: l’identità del principio cosciente individuale con l’Assoluto, il rifiuto della conoscenza fondata sulle impressioni sensibili, l’elaborazione di un percorso soteriologico.
**

L’uomo venuto troppo presto e altri racconti

Antologia senza presentazione.
Indice:
Poul Anderson – L’uomo venuto troppo presto (The Man Who Came Early, 1957)
E.C. Tubb – Superlogico (Worm in the Woodwork, 1962)
Rachel Maddux – Le carte in regola (Final Clearance, 1957)
James H. Schmitz – Novizia (Novice, 1962)
Copertina di Karel Thole

Un uomo solo

Già negli anni Trenta, quando scrisse *Addio a Berlino*, Isherwood sosteneva di voler trasformare il proprio occhio di romanziere nell’obiettivo di una macchina fotografica. Ma per lungo tempo – attraverso libri molto diversi fra loro, e spesso segnati dai personaggi fittizi o reali che raccontavano – l’intenzione rimase una di quelle fantasticherie stilistiche che spesso gli scrittori inseguono per tutta la vita, senza realizzarle mai. E invece nel suo ultimo romanzo – questo – Isherwood trasforma una giornata nella vita di George, un professore inglese non più giovane che vive in California, in un’asciutta, e proprio per questo struggente, sequenza di scatti. Non è una giornata particolare per George: solo altre ventiquattr’ore senza Jim, il suo compagno morto in un incidente. Ventiquattr’ore fra il sospetto dei vicini, la consolante vicinanza di Charlotte, la rabbia contro i libri letti per una vita ma ormai inutili, e il desiderio per un corpo giovane appena intravisto ma che forse è già troppo tardi per toccare. Quanto basta per comporre un ritratto che non si può dimenticare, e un racconto che alla sua uscita sorprese tutti, suonando troppo vero per non essere scandaloso.

L’uomo solo

L’ uomo Solo by Luigi Pirandello
L’uomo solo
Si riunivano all’aperto, ora che la stagione lo permetteva, attorno a un tavolinetto del caffè sotto gli alberi di via Veneto.
Venivano prima i Groa, padre e figlio. E tanta era la loro solitudine che, pur così vicini, parevano l’uno dall’altro lontanissimi. Appena seduti, sprofondavano in un silenzio smemorato, che li allontanava anche da tutto, così che se qualche cosa cadeva loro per caso sotto gli occhi, dovevano strizzare un po’ le palpebre per guardarla. Venivano alla fine insieme gli altri due: Filippo Romelli e Carlo Spina. Il Romelli era vedovo da cinque mesi; lo Spina, scapolo. Mariano Groa era diviso dalla moglie da circa un anno e s’era tenuto con sé l’unico figliuolo, Torellino, già studente di liceo, smilzo, tutto naso, dai lividi occhietti infossati e un po’ loschi.
Là attorno al tavolino, dopo i saluti, raramente scambiavano tra loro qualche parola. Sorseggiavano una piccola Pilsen, succhiavano qualche sciroppo con un cannuccio …

L’uomo senza qualità

Ulrich, l’uomo “senza qualità”, di qualità ne ha tante e straordinarie, ma non riesce a indirizzarle verso uno scopo. Ha ormai passato i trent’anni e ha alle spalle una breve carriera di ufficiale, studi di ingegneria e matematica, accompagnati da vaste letture in tutti i campi del sapere, quando viene nominato segretario del comitato che organizza le celebrazioni per il settantesimo anniversario dell’ascesa al trono di Francesco Giuseppe, che cadrà nel dicembre 1918. Un’attività che prende il nome di Azione parallela perché si contrappone ai festeggiamenti che i “cugini tedeschi” stanno organizzando per i trent’anni di regno di Guglielmo II, nel giugno del medesimo anno. La narrazione dei progressi dell’Azione parallela, scarsi fino all’insuccesso, si interseca nel romanzo con quella di vicende private, come la crisi della coppia formata da Walter e Clarisse o il complesso legame che unisce Ulrich alla sorella Agathe, e di vicende sociali a carattere esemplare, come quella di Christian Moosbrugger, condannato a morte per l’assassinio di una prostituta. La trama lascia ampio spazio a divagazioni e introspezioni, oltre che a complesse simbologie, sempre interpretabili da molteplici direzioni. In ogni pagina di questo capolavoro incompiuto, fondamentale nella storia della letteratura al pari della *Recherche *di Proust, dell’*Ulisse* di Joyce, dei libri di Kafka, Rilke e Mann, rifulgono i frammenti di una struttura in perenne movimento, specchio di una realtà mai univoca, nella quale domina la dimensione del possibile, insieme apocalittica e liberatoria, esplorata con gli strumenti dell?ironia e del paradosso.
Il volume è curato da Ada Vigliani e arricchito da uno scritto di Ingeborg Bachmann.
**
### Sinossi
Ulrich, l’uomo “senza qualità”, di qualità ne ha tante e straordinarie, ma non riesce a indirizzarle verso uno scopo. Ha ormai passato i trent’anni e ha alle spalle una breve carriera di ufficiale, studi di ingegneria e matematica, accompagnati da vaste letture in tutti i campi del sapere, quando viene nominato segretario del comitato che organizza le celebrazioni per il settantesimo anniversario dell’ascesa al trono di Francesco Giuseppe, che cadrà nel dicembre 1918. Un’attività che prende il nome di Azione parallela perché si contrappone ai festeggiamenti che i “cugini tedeschi” stanno organizzando per i trent’anni di regno di Guglielmo II, nel giugno del medesimo anno. La narrazione dei progressi dell’Azione parallela, scarsi fino all’insuccesso, si interseca nel romanzo con quella di vicende private, come la crisi della coppia formata da Walter e Clarisse o il complesso legame che unisce Ulrich alla sorella Agathe, e di vicende sociali a carattere esemplare, come quella di Christian Moosbrugger, condannato a morte per l’assassinio di una prostituta. La trama lascia ampio spazio a divagazioni e introspezioni, oltre che a complesse simbologie, sempre interpretabili da molteplici direzioni. In ogni pagina di questo capolavoro incompiuto, fondamentale nella storia della letteratura al pari della *Recherche *di Proust, dell’*Ulisse* di Joyce, dei libri di Kafka, Rilke e Mann, rifulgono i frammenti di una struttura in perenne movimento, specchio di una realtà mai univoca, nella quale domina la dimensione del possibile, insieme apocalittica e liberatoria, esplorata con gli strumenti dell?ironia e del paradosso.
Il volume è curato da Ada Vigliani e arricchito da uno scritto di Ingeborg Bachmann.

L’uomo sentimentale

Il Leone di Napoli. È così che gli appassionati chiamano il protagonista, un famoso tenore catalano. Quando inizia a raccontare, si trova a Madrid e le sue giornate si dividono tra la solitudine di un albergo e la ripetitività delle prove al Teatro de la Zarzuela, dove interpreterà Cassio nell’*Otello* di Verdi. Ciò che racconta è una passione d’amore in qualche modo parallela a quella shakespeariana: non è solo in scena che si crea un triangolo amoroso, e non è solo in scena che il Leone di Napoli svolge il ruolo, tutto sommato, di comprimario – mentre il vero protagonista è il suo avversario nella lotta per la diafana, sfuggente Natalia: il banchiere belga dagli occhi color cognac e dall’inverosimile cappello floscio.