45489–45504 di 68366 risultati

Nobile Satiro (Roxton Family Saga 0)

Francia e Inghilterra in un’era di edonismo e illuminismo. Una bellezza dagli occhi verdi viene abbandonata alla Corte di Versailles. Il rapace Comte de Salvan sta complottando la sua seduzione. Un avversario onnipotente la rapisce e la porta al sicuro. Ma è un nobile salvatore o un abbietto satiro? Un romanzo classico nella tradizione di Georgette Heyer, rende omaggio al libro della Heyer These Old Shades’, pubblicato in Italiano con il titolo: La Pedina Scambiata.

La nobile arte dell’insulto

“Quando si rivolgono critiche a qualcuno, bisogna farlo in una lingua infinitamente sottile il cui senso rimanga implicito. Conviene evitare che l’avversario si renda conto fin dalle prime parole che lo si sta criticando: è solo al termine di un certo tempo di riflessione, a poco a poco, che questi giunge a prendere consapevolezza che le parole rivoltegli erano tutt’altro che benevole. Lo si metta a suo agio, cosicché il suo viso dapprima sorridente, viri poi dal bianco al rosso, dal rosso al violaceo, infine dal violaceo al grigio plumbeo. Questo è il più alto grado nell’arte dell’insulto”. Un trattatello che affonda le radici nella conoscenza disingannata della vita e nell’arte di stare al mondo di chi ne ha viste di tutti i colori. Per la prima volta in traduzione integrale in una lingua europea, questa piccola perla dal tagliente sarcasmo offre un generale aiuto a chi voglia trarre vantaggio in una disputa grazie alla tecnica dell’invettiva. Traduzione e saggio introduttivo di Gianluca Magi. Prefazione di Michele Serra.
**

Nightcrawlers

Duecento anni fa, il villaggio di Clavitt Fields fu raso al suolo. Si sperò che i suoi abitanti fossero periti nel fuoco. Ma non morirono. Andarono sottoterra…
Per generazioni, hanno vissuto e si sono riprodotti nell’oscurità, adattandosi a un’esistenza sotterranea. Ora stanno tornando in superficie e ciò che sono diventati è un orrore al di là di ogni comprensione, un incubo strisciante di malvagità e violenza votato alla distruzione.
La notte è viva… e appartiene a loro.

“Nightcrawlers è unico, oscuro, terrificante. L’atmosfera è oscura dall’inizio e lentamente le tenebre strisciano nella mente del lettore fino a quando questi non immagina di trovarsi nel bel mezzo della follia.” (I Heart Reading)

“Questo romanzo dovrebbe garantire l’ingresso di Tim Curran tra i ranghi degli altri scrittori influenzati da Lovecraft come Fritz Leiber, Robert E. Howard e Robert Bloch.” (New York Journal Of Books)

“I capitoli d’apertura sono i più terrificanti che io abbia letto da molto tempo a questa parte.” (Beauty In Ruins)

Nietzsche. Con antologia di testi

Nella prefazione a questo saggio Gilles Deleuze scrive “Nietzsche ha condiviso con Marx e con Freud, come con altri scrittori del passato che hanno posto in discussione le basi del pensiero e del sistema dei valori occidentali, un comune destino di censura, di fraintendimento, di “distorsione”. È più che mai oggi necessario “leggere Nietzsche”, il pensatore che ha posto più radicalmente in discussione le categorie e i sistemi di valore del pensiero borghese, che ha cercato di distruggerne persino il linguaggio, usando l’aforisma, che elimina ogni possibilità di sistema, ogni centro”. Questo saggio di Deleuze viene accompagnato e supportato da una scelta di aforismi del filosofo tedesco.
**

Nietzsche e il teatro della filosofia

“La formula ‘fine del moderno’ – entrata da tempo in uso e oggi forse anche uscitane – suggerisce l’idea, in qualunque modo la si voglia intendere, che del moderno qualcosa è tramontato. Che, poi, si sia definitivamente concluso si può anche discutere, ma non v’è dubbio che Nietzsche si colloca al centro di questo snodo e ne rappresenta il radicale crocevia. Motus in fine velocior, e di questo Nietzsche è conseguenza e insieme manifestazione: non per caso formula la sua filosofia come un annuncio. Per la stessa ragione, costituisce un punto di non ritorno, un inevitabile transito. Ciò dà conto della ragione per cui proprio con Nietzsche venga quasi spontaneo passare al ‘dopo Nietzsche’. E lui che suggerisce d’oltrepassarlo. Questo libro non è perciò, né vuole esserlo, una ricostruzione storico-critica del pensiero di Nietzsche, ma piuttosto insiste e si muove lungo quella traiettoria di pensiero, quella curvatura che Nietzsche ha impresso alla filosofia come luogo proprio per sollevare questioni di verità.”
**

Niente lacrime per la signorina Olga

‘Un Camilleri in gonnella!’
Marco Vichi

‘La sua scrittura è sempre elegante, colta. I suoi omicidi sono in punta di penna.’
la Repubblica

‘Dalla sua fantasia irrompe la cronaca con delitti da risolvere su e giù per l’Italia, intrighi, il bel mondo, la vita di strada.’
La Stampa

‘Un’autrice che non smette di sorprendere.’
la Repubblica

Quando la signorina Olga, una figura pallida avvolta nella pelliccia nera di astrakan, colletto e polsi di visone, cappellino di feltro verde scuro in testa con veletta, prende in affitto la mansarda di via Worktz 227, Trissera, grigia periferia di Milano, i condomini si limitano a fare qualche speculazione sul suo conto, come del resto fanno con tutti. Ma quando nove anni dopo il suo cadavere viene ritrovato con una fune intorno al collo, allora i vicini cominciano a spettegolare davvero. Quale passato può celarsi dietro l’apparentemente inappuntabile vita di una signorina ottantenne? Le trine, i merletti, i lampadari di cristallo, le sue belle cose di un gusto così raffinato possono veramente nascondere uno spiazzante segreto gelosamente serbato per anni? Il commissario Gilardi pensa proprio di sì. D’altronde tutti sanno che le persone non sono mai come sembrano, vicini di casa compresi.

(source: Bol.com)

Niente è più vero di una [email protected]

Per anni Charley Lambert si è dedicata anima e corpo all’azienda per cui lavora: non solo è una work-addicted convinta, ma si è anche innamorata del suo capo. Perciò, quando si rompe una gamba le crolla il mondo addosso: per la prima volta in vita sua è costretta a fermarsi, letteralmente. E, colpo di grazia, scopre che il suo capo ha deciso di sposare un’altra donna. Per non restare a piangere sul suo cuore spezzato e non impazzire di noia, Charley fonda la First Date Aid, una società che offre un servizio di ghost-writing per quanti muoiono dalla voglia di trovare l’amore su Internet ma non hanno il tempo o il talento per scambiare messaggi online con gli aspiranti partner. Charley non ha problemi a flirtare con perfetti sconosciuti per conto delle clienti, ma le cose si complicano quando viene ingaggiata da Shelley, una donna in carriera che le somiglia molto. Quando Shelley chiede a Charley di contattare William, la ragazza resta subito affascinata da questo dottore spiritoso e intrigante ma al tempo stesso profondo, che sembra penetrare le difese di Charley con una facilità estrema. L’affinità immediata con William la spinge a dar sfogo a quelle che sono le questioni irrisolte della sua vita. E dalla comprensione all’amore il passo è breve… Da quel momento Charley è combattuta tra desiderio e senso del dovere: quando Shelley e William decidono finalmente di incontrarsi, lei si presenta di nascosto all’appuntamento per spiarli.
**

Niente è per caso

Non sei mai pronto all’incontro che ti segna per la vita. Tanto meno se, come Billy e Marta, non hai neanche vent’anni e il futuro è tutto da costruire. Ma tra loro si scatena qualcosa che va oltre l’età: sono due opposti che si attraggono, passionali e testardi. Però è troppo presto per scegliersi davvero, così si separano. E si odiano, con la stessa violenza del loro acerbo amore. Per molti anni non una parola. Fino a quando, in un agriturismo disperso tra le colline, Marta ritrova Billy, e di nuovo è guerra e desiderio. Ma è solo la prima resa dei conti, perché loro due sono destinati a farsi male, a ritrovarsi, a perdersi ancora. Con il suo stile impetuoso e fluente, Maria Venturi ci racconta la forza bruciante di un amore sbagliato, e irresistibile.
**
### Sinossi
Non sei mai pronto all’incontro che ti segna per la vita. Tanto meno se, come Billy e Marta, non hai neanche vent’anni e il futuro è tutto da costruire. Ma tra loro si scatena qualcosa che va oltre l’età: sono due opposti che si attraggono, passionali e testardi. Però è troppo presto per scegliersi davvero, così si separano. E si odiano, con la stessa violenza del loro acerbo amore. Per molti anni non una parola. Fino a quando, in un agriturismo disperso tra le colline, Marta ritrova Billy, e di nuovo è guerra e desiderio. Ma è solo la prima resa dei conti, perché loro due sono destinati a farsi male, a ritrovarsi, a perdersi ancora. Con il suo stile impetuoso e fluente, Maria Venturi ci racconta la forza bruciante di un amore sbagliato, e irresistibile.

Niente di umano

Il nuovo anno porta con sé un’agghiacciante scoperta per la psicologa forense Kate Hanson dell’Unità delitti insoluti di Birmingham: in un vecchio capanno sul lago viene ritrovato il cadavere di un giovane, morto per strangolamento. Si tratta di Nathan Troy, uno studente universitario dalla vita apparentemente senza ombre. Almeno secondo la sua famiglia e gli insegnanti. Ma allora perché alcune persone a lui legate sono svanite nel nulla, e altre sembrano molto reticenti sul suo conto? E qual era il suo rapporto con l’irrequieta figlia del professor Henry Levitte, celebre pittore e docente affermato? Mentre Kate cerca di dipanare un’intricata rete di torbide relazioni, la scoperta di altri due cadaveri conferma che il killer non ha mai smesso di uccidere. E potrebbe tornare a farlo. Serrato come CSI e inquietante come i romanzi di Kathy Reichs, Niente di umano è il nuovo imperdibile thriller di A.J. Cross.

(source: Bol.com)

Nient’altro che la verità

James Sperling, presidente delle Miniere Continentali Riunite, ha urgente bisogno di un’informazione su Louis Rony: vuole la prova che è un comunista. Lui un comunista in casa non lo vuole e sua figlia Gwenn se ne è innamorata. Ha tremendamente fretta e per questo ha deciso di rivolgersi al primo investigatore del paese, Nero Wolfe. Ma appena iniziate le indagini Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, riceve una telefonata minacciosa che lo invita a troncare tutto. La voce dello sconosciuto è quella inconfondibile di Arnold Zeck, nemico dell’investigatore. Nero Wolfe ovvio non molla e la lotta tra i due avrà risvolti violenti e drammatici.

Nient’altro al mondo

Un romanzo in cui due donne si tengono per mano andando incontro al destino

‘Una storia di amicizia e maternità.’
La Gazzetta del Mezzogiorno

Una storia che va all’origine delle emozioni.
Perché si può essere madri e amiche in mille infiniti modi.
Anche quando il dolore e la gioia possono confondersi, scambiarsi, sorprendere.

Quando la vita mette due donne davanti allo stesso istante

La vita, a volte, mette davanti allo stesso istante. È così per Alma e aria che scoprono di essere in attesa di un figlio a pochi mesi di distanza l’una dall’altra. Sono in momenti diversi della loro esistenza, eppure d’un tratto così simili. Ed è sempre stato così per loro due: amiche dai banchi del liceo non c’è pianto che non sia stato consolato o risata che non abbia avuto la sua eco. Nonostante la distanza e nonostante le cur­ve del destino.
Ma ora è arrivata la notizia che cambia tutto. Quella notizia che riempie di paura e di emozione. Le loro strade, però, si dividono presto: il sogno di Alma continua mese dopo mese, mentre quello di Maria si spezza in una fredda giornata d’inverno. Ed è allora che l’amicizia che le lega deve stringere i fili della sua rete. È allora che ognuna di loro deve trovare la forza di dare spazio all’altra, superando il proprio dolore o la propria gioia. Perché dolore e gioia possono confondersi, scambiarsi, sorprendere. Perché si è fragili e forti nello stesso tempo, come l’argilla. Alma e Maria scoprono che dire tutto quello che c’è in fondo al cuore spesso è un’impresa difficile. Ma non è così se abbiamo accanto chi sa ascoltare. Chi ci fa sentire come se non ci fosse nient’altro al mondo.
Alma e Maria vivono sulla loro pelle che la maternità è un viaggio fuori e dentro di sé. Qualunque sia il suo esito. Perché si può essere madri in mille infiniti modi. Si può essere amiche in mille infiniti modi. Si può essere donne in mille infiniti modi.

Un esordio scritto a quattro mani, elegante e profondo. Una storia che va all’origine delle emozioni per portarle in superficie e dare loro un nome. Una storia sulla maternità e sull’amicizia. Sulle cose non dette la cui voce si fa sentire fortissima. Un romanzo in cui due donne si tengono per mano andando incontro più forti ai sovvertimenti del destino.

(source: Bol.com)

Nicky (GD Team #0,5)

Una missione tutta italiana per il GD Team, a un anno dalla sua nascita. Nicky si sta godendo una vacanza rilassante al sole della Toscana, quando è costretta a interromperla per entrare in azione. Lei e Jet dovranno fingersi una coppia di texani, per cercare di incastrare un pericoloso russo dagli occhi di ghiaccio, coinvolto in affari particolarmente odiosi. Ma la vera missione, per Nicky, è sforzarsi di tenere Jaime Travis fuori dalla sua vita. E dal suo cuore.Dopo Vertigo, il primo capitolo della serie dedicata al GD Team, una novella che ci porta indietro nel tempo di qualche anno, al 2009, a quell’incarico che Nicky non è mai riuscita a dimenticare…
(source: Bol.com)

Nexus (Universale economica)

“Che ingenuo! Come se il cuore di una donna, una volta chiuso, potesse riaprirsi!”
Nexus è il terzo volume del ciclo La crocifissione rosea, scritto tra il 1949 e il 1960, una trilogia cruciale per l’autore del Tropico del cancro. I tre libri, inizialmente banditi dalle autorità americane, rappresentano il percorso della cosiddetta “illuminazione spirituale” di Miller attraverso l’arte e il sesso, fino alla sua piena consapevolezza di scrittore. In particolare, Nexus contiene importanti elementi autobiografici: con una prosa straripante e piena di energia il libro rievoca l’esperienza vissuta da Miller tra il 1927 e il 1930, e racconta di come egli si sia trovato a poco a poco a essere fuori gioco dal proprio matrimonio. La moglie Mona stabilisce difatti una relazione sempre più intima con un’altra donna, Anastasia. La nuova coppia abbandona Miller a se stesso per fuggire a Parigi. Ma a un certo punto Mona ritorna da lui di propria volontà: insieme decideranno di stabilirsi ancora una volta a Parigi, la città tanto amata dallo scrittore americano.
**
### Sinossi
“Che ingenuo! Come se il cuore di una donna, una volta chiuso, potesse riaprirsi!”
Nexus è il terzo volume del ciclo La crocifissione rosea, scritto tra il 1949 e il 1960, una trilogia cruciale per l’autore del Tropico del cancro. I tre libri, inizialmente banditi dalle autorità americane, rappresentano il percorso della cosiddetta “illuminazione spirituale” di Miller attraverso l’arte e il sesso, fino alla sua piena consapevolezza di scrittore. In particolare, Nexus contiene importanti elementi autobiografici: con una prosa straripante e piena di energia il libro rievoca l’esperienza vissuta da Miller tra il 1927 e il 1930, e racconta di come egli si sia trovato a poco a poco a essere fuori gioco dal proprio matrimonio. La moglie Mona stabilisce difatti una relazione sempre più intima con un’altra donna, Anastasia. La nuova coppia abbandona Miller a se stesso per fuggire a Parigi. Ma a un certo punto Mona ritorna da lui di propria volontà: insieme decideranno di stabilirsi ancora una volta a Parigi, la città tanto amata dallo scrittore americano.

Neve di primavera

La storia è ambientata in Giappone dopo la guerra russo-giapponese, negli anni che precedono la prima guerra mondiale, e il contesto è quello dell’alta società, convenzionale e tradizionalista ma attratta anche dalla moderna civiltà anglo-occidentale. Tutti sono ossessionati dal decoro, dal rispetto delle apparenze e dalla conformità a regole antiche, nonostante l’ipocrisia di fondo, in una realtà che sta rapidamente mutando. Protagonista principale è il giovane Kiyoaki Matsugae, appartenente a una famiglia di Samurai, figlio di marchesi, ma cresciuto nella più aristocratica casa dei conti Ayakura, vicina alla corte imperiale, dove ha ricevuto un’educazione estremamente elitaria. Trascorre così pubertà e adolescenza al fianco della figlia dei conti, Satoko, di due anni maggiore di lui. Kiyoaki ha ora diciott’anni, frequenta la Scuola dei Pari, e ha per amico Honda Shigekuni, un ragazzo concreto e positivo, più maturo e consapevole di lui. Satoko ha vent’anni ma ancora non ha accettato un pretendente, essendo segretamente innamorata di Kiyoaki, che è un bellissimo giovane, di gusti raffinati e tratti aggraziati. Per indole ed educazione è malinconico e sensibile, orgoglioso e capriccioso, emotivo e instabile, tutto sentimento e privo di volontà, ignaro ancora del proprio desiderio sessuale e quindi infantile nel giocare con l’affetto di Satoko. L’amore tra i due in ogni caso sboccia, in circostanze a loro sfavorevoli, e li trascina in una passione senza vie d’uscita, che li travolgerà entrambi. Honda intanto assiste come muto testimone ai mille moti contraddittori del cuore e alle sfumature dei sentimenti dell’amico che per la prima volta si trova a gestire emozioni di cui non ha esperienza, affrontando pure l’incomprensione di una società adulta ostile.

Nevada connection. Le indagini di Neal Carey

Tutti lo credevano morto, ma Neal Carey è tornato. Ad attenderlo una missione da infiltrato e il Nevada. Terra di vacche, cowboy e solitudine, ma anche di un manipolo di violenti e fanatici. Cody McCall è scomparso. Ha due anni, ed è stato suo padre a rapirlo. Gli Amici di Famiglia hanno accettato di ritrovarlo per conto della madre e hanno affidato l’incarico a Neal Carey, il loro uomo migliore. Sulle tracce del piccolo, Neal si ritrova cosi a passare dalle scintillanti colline di Hollywood alle desolate Terre Alte del Nevada: sei mesi di neve, tre di fango e tre di polvere che taglia la pelle. La base perfetta per una milizia di fanatici razzisti, i Figli di Seth. Suprematisti bianchi che spargono odio e violenza in attesa dello scontro finale con quella società corrotta che tanto disprezzano. Harley McCall, il padre di Cody, era uno di loro. Se vuole ritrovare il bambino, sperando sia ancora vivo, Neal deve entrare nell’organizzazione, conquistare la fiducia del capo, diventare uno di loro. Nulla di più facile.
**