45281–45296 di 72309 risultati

Gli invincibili. Alla conquista del potere

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI LA BATTAGLIA DELLA VENDETTA
Un autore da oltre 800.000 copie
Il suo nome è Ottaviano Augusto
Il suo trono è Roma
Il suo esercito ha sete di vendetta
Giulio Cesare è stato appena ucciso, e subito si è scatenata una lotta feroce e sanguinosa per il potere assoluto.
Ma sulla scena irrompe il giovanissimo Ottaviano, che Cesare, in modo del tutto imprevedibile, nel testamento ha indicato come erede. Ottaviano è solo un ragazzo, eppure è determinato a vendicare il padre adottivo. A sbarrargli la strada, però, ci sono i protagonisti di lungo corso della politica romana: Marco Antonio, Cicerone, Lepido, Bruto e Cassio. Ciò nonostante, l’erede legittimo non si dà per vinto e, dopo i primi insuccessi, raduna intorno a sé un gruppo di giovani altrettanto determinati: Mecenate, Agrippa e Rufo. Con loro e con pochi altri, forma una setta votata al culto della vendetta, con l’obiettivo di punire, uno dopo l’altro, tutti coloro che si sono macchiati del sangue di Cesare. E non solo: Ottaviano è ben determinato a sovvertire l’ordine costituito e a concludere ciò che Cesare aveva iniziato.
La vendetta ha armato la sua mano
Il suo nome è Ottaviano, futuro Augusto, primo imperatore di Roma
OTTAVIANO
Giovanissimo, accetta l’eredità di Cesare contro il volere dei senatori e con il favore del popolo, e prosegue con determinazione il suo proposito di vendicare il padre adottivo, fino a trasformarsi in condottiero e, in seguito, nel primo imperatore della storia di Roma, con il nome di Augusto.
AGRIPPA
Coraggioso e altruista, generoso e passionale, darebbe la vita per il suo amico Ottaviano. È l’anima militare del futuro imperatore Augusto per scalare il potere.
MECENATE
Giovane ricchissimo etrusco, vede in Ottaviano un vincente e sceglie di sostenerlo e di aiutarlo nella sua ascesa, mettendogli a disposizione il suo patrimonio, ma anche la sua straordinaria intelligenza politica.
Un autore da oltre 800.000 copie
Tradotto in cinque lingue
Vincitore del Premio Selezione Bancarella
Andrea Frediani
È nato a Roma nel 1963, consulente scientifico della rivista «Focus Wars», ha collaborato con numerose riviste specializzate. Con la Newton Compton ha pubblicato alcuni saggi (Le grandi battaglie di Roma antica; I grandi generali di Roma antica; I grandi condottieri che hanno cambiato la storia; Le grandi battaglie di Alessandro Magno; L’ultima battaglia dell’impero romano e Le grandi battaglie tra Greci e Romani) e diversi romanzi storici, tra cui ricordiamo: 300 guerrieri; Jerusalem; Un eroe per l’impero romano; la trilogia Dictator (L’ombra di Cesare, Il nemico di Cesare e Il trionfo di Cesare, quest’ultimo vincitore del Premio Selezione Bancarella 2011); Marathon; La dinastia; Il tiranno di Roma. La battaglia della vendetta è il secondo volume della quadrilogia dedicata ad Augusto, iniziata con la pubblicazione di Gli Invincibili – Alla conquista del potere. Le sue opere sono state tradotte in cinque lingue.
**
### Sinossi
EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI LA BATTAGLIA DELLA VENDETTA
Un autore da oltre 800.000 copie
Il suo nome è Ottaviano Augusto
Il suo trono è Roma
Il suo esercito ha sete di vendetta
Giulio Cesare è stato appena ucciso, e subito si è scatenata una lotta feroce e sanguinosa per il potere assoluto.
Ma sulla scena irrompe il giovanissimo Ottaviano, che Cesare, in modo del tutto imprevedibile, nel testamento ha indicato come erede. Ottaviano è solo un ragazzo, eppure è determinato a vendicare il padre adottivo. A sbarrargli la strada, però, ci sono i protagonisti di lungo corso della politica romana: Marco Antonio, Cicerone, Lepido, Bruto e Cassio. Ciò nonostante, l’erede legittimo non si dà per vinto e, dopo i primi insuccessi, raduna intorno a sé un gruppo di giovani altrettanto determinati: Mecenate, Agrippa e Rufo. Con loro e con pochi altri, forma una setta votata al culto della vendetta, con l’obiettivo di punire, uno dopo l’altro, tutti coloro che si sono macchiati del sangue di Cesare. E non solo: Ottaviano è ben determinato a sovvertire l’ordine costituito e a concludere ciò che Cesare aveva iniziato.
La vendetta ha armato la sua mano
Il suo nome è Ottaviano, futuro Augusto, primo imperatore di Roma
OTTAVIANO
Giovanissimo, accetta l’eredità di Cesare contro il volere dei senatori e con il favore del popolo, e prosegue con determinazione il suo proposito di vendicare il padre adottivo, fino a trasformarsi in condottiero e, in seguito, nel primo imperatore della storia di Roma, con il nome di Augusto.
AGRIPPA
Coraggioso e altruista, generoso e passionale, darebbe la vita per il suo amico Ottaviano. È l’anima militare del futuro imperatore Augusto per scalare il potere.
MECENATE
Giovane ricchissimo etrusco, vede in Ottaviano un vincente e sceglie di sostenerlo e di aiutarlo nella sua ascesa, mettendogli a disposizione il suo patrimonio, ma anche la sua straordinaria intelligenza politica.
Un autore da oltre 800.000 copie
Tradotto in cinque lingue
Vincitore del Premio Selezione Bancarella
Andrea Frediani
È nato a Roma nel 1963, consulente scientifico della rivista «Focus Wars», ha collaborato con numerose riviste specializzate. Con la Newton Compton ha pubblicato alcuni saggi (Le grandi battaglie di Roma antica; I grandi generali di Roma antica; I grandi condottieri che hanno cambiato la storia; Le grandi battaglie di Alessandro Magno; L’ultima battaglia dell’impero romano e Le grandi battaglie tra Greci e Romani) e diversi romanzi storici, tra cui ricordiamo: 300 guerrieri; Jerusalem; Un eroe per l’impero romano; la trilogia Dictator (L’ombra di Cesare, Il nemico di Cesare e Il trionfo di Cesare, quest’ultimo vincitore del Premio Selezione Bancarella 2011); Marathon; La dinastia; Il tiranno di Roma. La battaglia della vendetta è il secondo volume della quadrilogia dedicata ad Augusto, iniziata con la pubblicazione di Gli Invincibili – Alla conquista del potere. Le sue opere sono state tradotte in cinque lingue.

Invidia

I segreti di Port Gamble«Olsen è un autore di altissimo livello.»Michael ConnellyTutto cambierà in una notte. Ogni singola cosa. Nella cittadina di Port Gamble niente è come appare…Katelyn è una ragazza problematica e asociale, e quando viene ritrovata morta dalla madre, il giorno di Natale, in paese si diffonde subito la voce che si sia suicidata. Eppure le gemelle Hayley e Taylor Ryan, le sue uniche amiche, non si accontentano di questa spiegazione e iniziano a cercare disperatamente la verità. Ma per indagare, le ragazze hanno un’arma segreta… Scopriranno che Katelyn non era poi così sola: chattava tutte le notti con un uomo misterioso. Chi si nasconde dietro quell’identità virtuale? È stato lui a spingerla verso la morte? Oppure l’ha uccisa inscenando un suicidio? Ma Hayley e Taylor non sono le uniche a svolgere delle indagini. Una reporter senza scrupoli è sulle loro tracce per carpire informazioni sui loro poteri e su un misterioso incidente avvenuto dieci anni prima, da cui uscirono indenni solo le sorelle Ryan e la povera Katelyn… «Il ritmo perfetto di Invidia conferisce spessore e fascino al libro. Con il suo stile intenso, i riferimenti alla cultura pop e una sequela di indizi che vengono svelati man mano, questo romanzo ha tutte le potenzialità per conquistare milioni di lettori.»School Library Journal«Olsen unisce mistero e cronaca in un vecchio caso irrisolto dalla polizia. La trama originale ed enigmatica catturerà tutti gli appassionati di thriller.»Publishers WeeklyGregg Olsenè nato a Seattle, vive nello Stato di Washington, con la moglie e le figlie. Autore di bestseller del «New York Times», ha firmato tredici libri, soprattutto thriller di ambientazione metropolitana. Ha vinto numerosi premi letterari e interviene spesso in TV (ad esempio, a FOX News e Good Morning America) come esperto di cold case.

Invertire la rotta

Per molti anni ci hanno fatto credere che la disuguaglianza è necessaria per la crescita economica. È vero il contrario: per crescere tutti e in modo sano è necessaria una maggiore uguaglianza nella distribuzione del reddito. ‘Invertiamo la rotta’ è il monito del premio Nobel per l’economia. ‘Non è difficile individuare le politiche economiche necessarie per invertire la rotta. Abbiamo bisogno di maggiori investimenti nei beni pubblici; di una migliore governance aziendale, leggi antitrust e antidiscriminazioni; di un sistema finanziario più regolamentato; di un rafforzamento dei diritti dei lavoratori; di sistemi di tassazione e trasferimenti più progressivi. ‘Riscrivendo le regole’ che disciplinano l’economia di mercato sulla base di queste esigenze potremo ottenere una maggiore uguaglianza nella distribuzione del reddito sia prima che dopo le tasse e i trasferimenti, e di conseguenza risultati economici migliori.’

(source: Bol.com)

Un inverno italiano

Chi meglio di Andrea Camilleri può raccontare la tragicommedia che stiamo vivendo? Saverio Lodato ha dato voce al più popolare scrittore italiano che commenta giorno per giorno, dal novembre 2008 al maggio 2009, fatti, misfatti, personaggi e figurine che hanno invaso le cronache di giornali e tv. Ecco in scena le bravate di “Piccolo Cesare” insieme con il terremoto e la passerella elettorale, l’infinita emergenza extracomunitaria e i provvedimenti disumani del governo, la pena e lo sciacallaggio sul dramma di Eluana, la Chiesa di Tettamanzi (ma anche quella del papa), l’incivile polemica sul biotestamento, la ridicola censura a Vauro, il lodo Alfano che grazia Berlusconi… Un Camilleri controcorrente, tra storia e cronaca, tradizione e racconto.
**

L’invenzione della Terra

Questo libro racconta l’evoluzione della geografia – dalla Genesi e l’Enuma Elis babilonese alla moderna cartografia – in quanto storia di un progressivo disincanto. Dal Mondo alla carta geografica. Come, attraverso cosmogonie, cosmologie, e cosmografie, il vago e mitico universo-tutto, lentamente e laboriosamente, ha partorito la Terra.

L’inventore di sogni

Un bambino sogna a occhi aperti e immagina di far sparire l’intera famiglia, un po’ per noia e un po’ per dispetto, con un’immaginaria Pomata Svanilina; oppure sogna di poter togliere al gatto di casa la pelliccia, di farne uscire l’anima felina e di prenderne il posto, vivendone per qualche giorno la vita, soltanto in apparenza sonnacchiosa; oppure sogna che le bambole della sorella si animino e lo aggrediscano per scacciarlo dalla sua camera… Fin dalle prime pagine di questo libro ritroviamo il consueto campionario di immagini perturbanti che sono un po’ il «marchio di fabbrica» di McEwan. Specialmente nella prima stagione della sua narrativa l’autore britannico ci aveva abituato a profondi e terribili scandagli nel microcosmo della famiglia, e in quei mondi chiusi e violenti i bambini e gli adolescenti giocavano sia il ruolo delle vittime e sia quello dei carnefici. Nell’Inventore di sogni McEwan ritorna sul luogo del delitto, ma lo fa con un tono e uno spirito completamente diversi, scegliendo il registro sereno e sdrammatizzante per definizione: quello del «racconto per ragazzi».

INVASORI E INVASATI

Quattro splendidi romanzi brevi intorno al grande tema degli invasori, dei nemici portatori di morte e distruzione, degli esseri diversi da noi, potentissimi e incomprensibili. Ma qui l’elemento d’azione, d’avventura di guerra, non è fine a se stesso: come tutti i maestri della fantascienza, Del Rey li usa per andare più in là, spostare continuamente l’angolo d’osservazione, costringere il lettore a chiedersi, con un nodo di suspense alla gola, da che parte stia la ragione, la giustizia e perfino la Bibbia.
Indice:
Mia è la vendetta (Vengeance Is Mine, 1973)
Superstizione (Superstition, 1954)
Gli invasori (Life Watch, 1973)
Non avrai altro popolo (For I Am a Jealous People, 1954)
Copertina di Karel Thole

L’invasione del mare

L’invasione del mare, è l’ultimo romanzo pubblicato prima della morte del suo autore, Jules Verne. Evoca un progetto autentico, rappresentante dello spirito coloniale francese. Nel 1880, François Élie Roudaire prevede di annegare una parte del deserto del Sahara sotto le acque del Mediterraneo, scavando un canale dal Golfo di Gabes ai laghi salini. Il progetto è stato poi abbandonato a causa delle difficoltà, ma Jules Verne dà una romantica suite.
**
### Sinossi
L’invasione del mare, è l’ultimo romanzo pubblicato prima della morte del suo autore, Jules Verne. Evoca un progetto autentico, rappresentante dello spirito coloniale francese. Nel 1880, François Élie Roudaire prevede di annegare una parte del deserto del Sahara sotto le acque del Mediterraneo, scavando un canale dal Golfo di Gabes ai laghi salini. Il progetto è stato poi abbandonato a causa delle difficoltà, ma Jules Verne dà una romantica suite.
### L’autore
Jules Verne, spesso italianizzato in Giulio Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), è stato uno scrittore francese. Tra i più influenti autori di storie per ragazzi, con i suoi romanzi scientifici è considerato, assieme a H. G. Wells, il padre della moderna fantascienza. Il successo giunse nel 1863, quando si dedicò al racconto d’avventura. Tra le sue numerosissime opere, note in tutto il mondo, vi sono romanzi come Viaggio al centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, L’isola misteriosa, Ventimila leghe sotto i mari e Il giro del mondo in ottanta giorni. Alcuni di questi sono poi divenuti anche film di successo. Con i suoi racconti ambientati nell’aria, nello spazio, nel sottosuolo e nel fondo dei mari, ispirò scienziati e applicazioni tecnologiche delle epoche successive. Verne è anche uno degli autori più letti in lingua straniera.

Introduzione ai metodi statistici per il credit scoring

Credit Scoring è l’insieme delle tecniche statistiche per prendere decisioni riguardo alle strategie di marketing, alla approvazione e alla gestione dei crediti. Il libro descrive in dettaglio gli strumenti statistici maggiormente utilizzati nel settore della valutazione ex ante della capacità creditizia. Le tecniche, tipicamente impiegate nell’ambito del credito al consumo, sono usate anche per la quantificazione della probabilità di insolvenza di piccole e medie imprese, resa necessaria dalle disposizioni del “Secondo accordo sul capitale” di Basilea. Il libro è introduttivo ed esaustivo, con un linguaggio accessibile anche da quanti si avvicinino alla materia per la prima volta.

Intrigo internazionale. Perché la guerra in Italia. Le verità che non si sono mai potute dire

L’indicibile della storia italiana. La domanda di fondo è: perché l’Italia dal 1969 è stata funestata dal terrorismo e dalla violenza politica con centinaia di morti e migliaia di feriti? Perché solo nel nostro paese? Tutte le inchieste giudiziarie hanno dato finora molta importanza al ruolo dei servizi segreti deviati, della P2, della Cia. Risultato: nessuna verità giudiziaria, nessuna verità storica. Rosario Priore, il magistrato che si è occupato di eversione nera e rossa, di Autonomia operaia, del caso Moro, di Ustica, dell’attentato a Giovanni Paolo II, qui prova a rispondere cambiando completamente scenario. E strumenti di analisi. Grazie ad anni di ricerche, testimonianze, prove, carte private, incontri con ex terroristi, agenti segreti e uomini politici anche stranieri, Priore ricostruisce uno scenario internazionale inedito per spiegare il terrorismo e la strategia della tensione in Italia, testimoniando la verità che finora nessuno ha potuto certificare attraverso le sentenze. Colpita la manovalanza (e non sempre), la giustizia si è infatti dovuta fermare senza arrivare a scoprire il livello più alto dei responsabili. Siamo stati in guerra, senza saperlo. L’egemonia del Mediterraneo, il controllo delle fonti energetiche ci hanno messo in rotta di collisione con l’asse franco-inglese che non ha mai sopportato il nostro rapporto privilegiato con la Libia. Ecco chi era il terzo giocatore dopo Urss e Stati Uniti.
**

Intrigo e seduzione

Francia/Inghilterra, 1793 – Dominic Paget, Conte di Bedford, è in missione segreta per conto della Corona inglese. Nel suo ruolo di spia viene ferito gravemente, e finisce per essere salvato proprio dai suoi nemici. Le mani gentili che lo curano, strappandolo alla morte, sono infatti di Julianne Greystone, una giovane donna di simpatie radicali. Non appena posa gli occhi su Dominic, il cuore di Julianne si infiamma due volte: per il turbamento che quella vista attraente le procura e per l’idea di stare aiutando un vero rivoluzionario francese. L’illusione, tuttavia, non dura a lungo e la verità viene lentamente a galla: l’eroe è in realtà un nobile, ricco e privilegiato. Devastata dalla scoperta, Julianne fugge a Londra. Ma quando si trova in pericolo è proprio Dominic, il suo affascinante nemico, che accorre a salvarla.

Intrigo all’ippodromo

Gli ippodromi sono l’ambiente ideale del capitano Garry Anson, i cavalli la sua grande passione. La sorte ha in serbo per lui due grandi delusioni: i cavalli non sempre vincono le corse, le donne a volte sono meno disinteressate di quanto potrebbe sembrare, Garry infatti diviene vittima di un ricatto che lo trascinerà alla completa rovina. Ma a volte il futuro riserva delle sorprese; sarà dunque un crescendo di colpi di scena a segnare l’epilogo di questo appassionante romanzo di Edgar Wallace. Edgar Wallace nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo; a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo, nonché la sceneggiatura del celeberrimo King Kong. Definito “il re del giallo”, è morto nel 1932.

Intrighi a corte

Praga – Londra, 1816. Quando il Principe Reggente gli ordina di sposare una donna che non solo non ha scelto, ma non ha nemmeno mai visto, il Barone Justin Wilde sa di dover obbedire anche se la sola idea del matrimonio gli fa orrore. Scoprire, però, che entrambi sono stati usati come pedine in un gioco più grande di loro lo convince che quelle nozze siano da evitare a tutti i costi, tanto più che la giovane è riluttante quanto lui a compiere un passo tanto importante senza conoscerne il vero motivo. Alina, tuttavia, si rivela inaspettatamente arguta e coraggiosa, oltre che molto seducente, tanto che tutto a un tratto l’idea di averla al proprio fianco per sempre acquista agli occhi di Justin un fascino speciale. Ma la crudele verità che emerge a poco a poco, costringendoli ad affrontare mille pericoli e peripezie, rafforzerà il tenero sentimento che nonostante tutto è sbocciato tra loro o lo distruggerà per sempre?

Intorno alla Luna

Di tutte le suggestioni che Verne provò durante la propria carriera di scrittore e sperimentatore scientifico, quella del viaggio sulla luna fu certamente centrale. Iniziando con il romanzo ‘Dalla terra alla luna’, il grande scrittore francese iniziò il proprio personale viaggio dalla nostra terra al suo satellite che lo portò a scriverne il seguito. ‘Intorno alla luna’ riprende infatti le avventure dei tre astronauti, che decidono di tentare un secondo viaggio portando con loro due cani, viveri sufficienti per sopravvivere un anno e alcune sostanze chimiche che sono in grado di produrre ossigeno se combinate tra loro. Scritto nel 1870, a distanza di cinque anni dal primo, la suspense di queste pagine è frutto di una delle migliori produzioni di narrativa ottocentesca. Vi divertirete a seguire una trama degna dei grandi colossal di avventura hollywoodiani, ma potrete scoprire in queste pagine anche la grande cura di Verne verso gli aspetti più prettamente scientifici di un sogno, quello della conquista della luna, che l’uomo avrebbe reso concreto quasi esattamente un secolo dopo. E rimanere stupiti di fronte alla grande quantità di esatte anticipazioni che Verne, su carta, ha immaginato molto prima che l’impresa diventasse realtà. All’interno – come in tutti i volumi Fermento – gli “Indicatori” per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.