45073–45088 di 74503 risultati

Tra le calde colline

L’onda del tempo spazza e cancella, portando sulla riva dell’oblio le spoglie di un amore non vissuto.
La schiuma dell’amicizia si asciuga al sole della vita lasciando altri cristalli di salsedine sulla pelle malata.
La brezza marina,soffia triste nei capelli,bisbigliando storie di vite lontane.
Una stella marina cade dallo scoglio delle speranze, e viene inghiottita dal mare della cattiveria.
Gli occhi guardano l’orizzonte alla ricerca di quel relitto senza vele e si perdono nella vastità.
Una voce – eco lontana dei desideri – ti raggiunge, ma non ti trova.
Te ne sei andata per sempre.

Tra la notte e il cuore

«Un’indimenticabile storia di speranza, di coraggio e redenzione.»Publisher WeeklyÈ mattina presto, e Miss Isabelle si ferma per un attimo sulla soglia di casa ad ammirare la luce dell’alba che colora di rosa i tetti della cittadina di Arlington, Texas. Come ogni lunedì sta aspettando Dorrie, la sua giovane parrucchiera, che per lei è diventata come una figlia. Da dieci anni è la sua cliente speciale, da dieci anni la sua richiesta è sempre la stessa: domare la sua vaporosa chioma in ordinati riccioli argentati. Ma non questo lunedì. Oggi Miss Isabelle sa che la sua vita fatta di piccoli riti e abitudini sta per essere rivoluzionata. Il passato è tornato a tormentarle l’anima e niente potrà più essere come prima. Con tutta la forza d’animo che riesce a raccogliere dopo novant’anni di vita, Miss Isabelle presenta la sua richiesta d’aiuto a Dorrie. Ed è una richiesta sconvolgente. Un viaggio. Un lunghissimo viaggio in macchina verso Cincinnati, dalla parte opposta degli Stati Uniti, e bisogna partire subito. Senza spiegazioni. Dorrie esita, ma le basta uno sguardo negli occhi della vecchietta per capire che non può rifiutare. Mentre l’orizzonte inghiotte l’asfalto e il rosso del tramonto si dissolve in un cielo buio senza stelle, Miss Isabelle stringe tra le mani un antico ditale d’argento e sente il proprio cuore riaccendersi, come una notte di settant’anni prima, nel 1939. La notte in cui, mentre l’odio e la violenza dilagavano come un’epidemia, due occhi gentili avevano illuminato l’oscurità come un fulmine. Due occhi scuri che facevano paura a tutti, ma non a lei, che nella loro carezza aveva trovato la forza e il coraggio di sfidare il mondo e le sue convenzioni. Ma tutto l’amore non è bastato e gli anni hanno intessuto un groviglio di segreti e silenzi che si è annidato nel profondo dell’anima e che ora deve essere districato. E l’unico modo è percorrere gli ultimi chilometri che separano la notte dal suo cuore… E dalla verità. Questa è la storia di come la vita ci concede una seconda occasione. La storia di una donna che cerca la libertà del suo cuore. Perché questo è il momento di far crescere di nuovo la speranza.

Tra gli orrori del 2000

“La maggior parte dei cadaveri giacevano presso i silos e i depositi del quartiere industriale dove i difensori, intrappolati tra i Vigilanti e il fiume Sacramento, avevano opposto l’ultima resistenza ed erano stati massacrati. finché un certo numero di assalitori erano rimasti sul terreno, e Thea notò che alcuni erano in uniforme. Ciò che restava della Difesa Civile, evidentemente, aveva fatto causa comune con le bande. di saccheggiatori e assassini che s’erano dati il nome di “Vigilanti” … Thea continuò ad avanzare cautamente e col cuore in gola, ma senza mai perdere la testa. Non era perdendo la testa, che aveva potuto sopravvivere fino a ventisette anni… Nella sua marcia da sud, stamattina, era passata per Orland ridotta a un cumulo di macerie sulle quali ancora stagnava un puzzo d’incendio e di morte. Dopo il tramonto aveva proseguito verso est e i primi contrafforti della Sierra Nevada. Così aveva raggiunto Chico; ciò che restava di Chico. Qui, massacrati i difensori, i Vigilanti s’erano sfogati sui pochi abitanti rimasti. C’erano uomini, uomini orribilmente mutilati, appesi per i piedi ai lampioni. E c’erano donne. Una delle donne non era ancora morta…”
Così comincia e così (più o meno) continua questa atroce prefigurazione degli orrori che (non inverosimilmente) ci aspettano alla fine del presente millennio.
Copertina di Karel Thole

Toulane La Farfalla

Il villaggio degli Alphen fu distrutto in poche ore da Hammer e i suoi seguaci. Solo una bambina si è salvata da tutto ciò. Come unica superstite è stata accolta dai Loriann, per poi essere definita da tutti la Bambina Maledetta.
La vita non è facile in un posto dove vivono solo soldati pericolosi. Ciò che non si capisce fa paura e Toulane è temuta da tutti. Gli abitanti hanno il terrore di sfidare gli immortali, tenendo tra la loro gente, una bambina come lei senza sapere come scampò al massacro.
La odiano e non la vogliono lì con loro, finché non arrivano gli dèi a distruggere il loro mondo. Loth è sotto attacco e i nemici sono potenti. Cosa può fermare l’avanzata degli eterni? Dicono che la portatrice di luce viva sul loro pianeta, solo lei può contrastare la potenza dei nemici capricciosi, arroganti ed egoisti. Toulane la Farfalla è l’unica che può sconfiggerli e lo farà, per amore di poche persone.
Benvenuti su Loth, i Loriann ne sono parte integrante, sono guerrieri formidabili, dal fuoco del desiderio sempre acceso.

Totò. L’uomo e la maschera

Questa storia parte da lontano, dal 15 febbraio del 1898, quando nel poverissimo rione Sanità Anna Clemente e Giuseppe – figlio del marchese de Curtis – danno alla luce il piccolo Antonio… Se il resoconto dell’uomo de Curtis è affidato alla voce narrante di Franca Faldini, suo ultimo amore, la più popolare descrizione della maschera Totò ce la racconta Goffredo Fofi, il critico che per primo ne ha saputo scoprire l’eccezionale genio creativo. Sotto i nostri occhi si sviluppa così un vero ritratto a tutto tondo, l’intera evoluzione del Totò sia cinematografico che teatrale: rivivono in queste pagine il meglio del teatro, degli sketch e delle farse del principe della risata, e al contempo le vicende di un’Italia in continua trasformazione, ricca di illusioni e contraddizioni. Il volume è arricchito da un repertorio di testimonianze e omaggi di grandi personaggi che hanno conosciuto e amato il principe de Curtis, da Eduardo a Fellini, da Pasolini a Fo.

Tosca Dei Gatti

«L’abbondanza felice, vitale» che Sbarbaro aveva riconosciuto a Gina Lagorio agli esordi, ha trovato piena conferma in questo romanzo, premiato da un notevole successo di critica (premio Viareggio 1984) e di pubblico. Personaggio tra i più riusciti di Gina Lagorio, Tosca trasmette una vita che deborda sempre dai limiti della scrittura, ottiene che le cose prevalgano sulle parole, gli affetti – anche perdenti – sulla paura di viverli, il quotidiano sul «sensazionale». La commovente simbiosi di Tosca con i gatti addita, tra l’altro, uno dei temi di speranza più insistenti di tutta l’opera della scrittrice: un rapporto rinnovato con la natura, che è condizione irrinunciabile per abitare il mondo.

Torte soffici

Quelle che vi presentiamo in questo libro monografico sono le leccornie più tenere e soffici che possano mai uscire da un forno.
Torte Paradiso, pan di Spagna e torte Margherita non sono che alcune tra le morbidissime torte universalmente conosciute.
Che dire, poi, del piacere di gustarle al cioccolato, con la frutta fresca e secca, oppure rustiche o anche farcite con creme varie? Puro, dolce piacere!
Tante piccole e grandi delizie che spaziano tra le torte classiche della pasticceria italiana per offrirvi un’opportunità ”dolcemente soffice” per tutte le occasioni.

(source: Bol.com)

Le torri di mezzanotte. La ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, si è confrontato con sé stesso, comprendendo finalmente il suo ruolo nello scontro finale con il Tenebroso. Ora tutto ciò che gli resta da fare prima dell’Ultima Battaglia è riparare quanti più danni possibile nel mondo per poi radunare le truppe. Anche Perrin sta cercando di ricongiungersi con lui, ma sulla sua strada si frappongono ostacoli provenienti dal suo passato, e per superarli dovrà innanzitutto trovare la pace con il lupo dentro di lui. E mentre Egwene, ormai stabilmente Amyrlin Seat, deve confrontarsi con Mesaana, una dei Reietti che da tempo si nasconde all’interno della Torre Bianca, Elayne sta consolidando il suo potere nell’Andor. È qui che arriva Mat, con la sua Banda della Mano Rossa, costretto da un giuramento ad attendere a Caemlyn prima di imbarcarsi in un’impresa impossibile per salvare una persona che tutti credevano morta. Dopo tante peripezie, tutti i protagonisti si ricongiungeranno per affrontare Tarmon Gai’don.

La torre sull’orlo del Tempo

Per un curioso paradosso la fantascienza del Lontanissimo Futuro assume spesso colori da Medio-Evo: pellegrini, mercanti, frati, principi, popolani, mendicanti, osterie, soldati di ventura… Ricordate la Trilogia Galattica di Asimov? Il paradosso si spiega con la somiglianza che effettivamente, un giorno, la Galassia potrà avere con la Terra di quel remoto passato in cui pellegrini, frati, mercanti, percorrevano distanze incommensurabili tra esotiche, incredibili meraviglie… Ricordate Il Milione di Marco Polo?
Copertina di Karel Thole

La torre aliena

In un’epoca remotissima, una misteriosa razza aliena ha trasformato con un’immane opera d’ingegneria planetaria un mondo arido in un luogo adatto alla vita, mutandone le condizioni geologiche e climatiche, popolandolo con varietà di flora e di fauna raccolte da una dozzina di pianeti, erigendo inoltre sorprendenti costruzioni dall’ignota finalità, e infine sparendo senza lasciare traccia. È possibile però che si tratti delle stesse creature che gli umani designano come il Nemico, e contro le quali combattono una guerra logorante in un altro angolo dell’universo. Ma ora l’arrivo di una spedizione umana sembra improvvisamente risvegliare l’ecologia del pianeta, e con essa l’attività della torreggiante fortezza che s’innalza ai centro di un vasto cratere, una labirintica costruzione di guglie e rampe ascendenti che sembra celare il sapere della razza di misteriosi artefici. Ed effettivamente una presenza aleggia sul pianeta, chiaramente percepita, anche se solo per un breve istante, da Dorthy Yoshida, una giovane astronoma aggregata alla spedizione in virtù del suo straordinario talento telepatico. Ma nonostante l’esame della fauna e dei reperti del pianeta rilanci in un crescendo di tensione nuove ipotesi sconvolgenti, ogni soluzione definitiva sembra però allontanarsi. Ma quando il contatto con una mente intelligente è nuovamente stabilito, Dorthy è certa che lei sola può arrivare al cuore del mistero, che è ben più di un appassionante caso proseguì archeologia interstellare, e all’incontro con una civiltà il cui destino è intrecciato a quello dell’intero universo. Un avvincente enigma di grande presa narrativa, che applica con grande rigore e freschezza inventiva i temi classici di antropologia aliena.

Torno a prenderti

Emily si è rifugiata in un disabitato luogo di villeggiatura. Un giorno mentre fa jogging lancia uno sguardo incauto al bagagliaio dell’auto del vicino… e si risveglia saldamente legata nella cucina di lui, in procinto di essere torturata e fatta a pezzi come la vittima che aveva casualmente adocchiato. Immobilizzata e indifesa, senza nessuno che possa sentirla nel raggio di chilometri, Emily tenta disperatamente di escogitare un piano prima che il mostro torni a prenderla. Il racconto, comparso nel 2007 in appendice al romanzo “Blaze”, è pubblicato per la prima volta in volume.

Tornati dall’aldilà

“C’è uno scetticismo triste e superficiale che si esprime nella vulgata popolare con la frase: ‘dall’aldilà non è mai tornato nessuno’. S’intende dire che, in fin dei conti, quelle sull’oltretomba sono tutte congetture, ipotesi, magari anche vere, ma chi lo sa davvero se c’è qualcosa?”. È forse la domanda più importante dell’esistenza. Ma sono proprio giustificati i dubbi? A partire dalla tragica sera in cui il cuore di sua figlia Caterina ha smesso di battere, Antonio Socci si è interrogato a lungo su quella condizione al confine della vita: un’esperienza di pre-morte al culmine del quale è avvenuta una resurrezione. È iniziato così un viaggio inatteso nel continente misterioso delle esperienze di pre-morte che la scienza medica sta studiando e che riguardano milioni di esseri umani nel mondo. Sono storie che diventano oggi una formidabile “dimostrazione scientifica dell’esistenza dell’anima”. L’autore si è cimentato pure con i molti miracoli di resurrezione compiuti da Gesù e poi testimoniate nelle vite dei santi fino ai nostri giorni. Queste pagine mostrano la sconvolgente vicinanza dell’aldilà alla nostra vita quotidiana che in un attimo, con un semplice respiro o un battito di cuore che vengono a mancare, può spalancarci davanti o una realtà di felicità straripante e di amore inimmaginabile, oppure un luogo di terrore e strazio indicibili.
**

I topi meccanici

Una macchina di cui il suo stesso inventore non sa a che cosa serva… Un animale celebrato come amico dell’uomo e di cui nessuno aveva penetrato finora i sinistri disegni… Il mistero del diluvio universale finalmente svelato… Un’invasione da Riegel stroncata sui nascere… Un epico viaggio al di là delle ultime galassie, oltre gli inconcepibili confini dell’universo. Cinque inediti, magistrali racconti di un autore che conosce come pochi l’arte più difficile nel campo della FS: quella di non deludere mai. Inoltre, in questo stesso numero, una nutritissima appendice in cui a un articolo di Asimov fanno corona altre ghiotte sorprese.
Indice:
I topi meccanici (The Mechanical Mice, 1941)
L’amico dell’uomo (Into Your Tent I’ll Creep, 1957)
Niente di nuovo (Nothing New, 1955)
Offesa al pudore (Exposure, 1950)
L’ultima Thule (Ultima Thule, 1951)
Copertina di Karel Thole

I topi meccanici

Una macchina di cui il suo stesso inventore non sa a che cosa serva… Un animale celebrato come amico dell’uomo e di cui nessuno aveva penetrato finora i sinistri disegni… Il mistero del diluvio universale finalmente svelato… Un’invasione da Riegel stroncata sul nascere… Un epico viaggio al di là delle ultime galassie, oltre gli inconcepibili confini dell’Universo. Cinque inediti, magistrali racconti di un autore che conosce come pochi l’arte più difficile nel campo della FS: quella di non deludere mai. Inoltre, in questo stesso numero una nutritissima appendice in cui a un articolo di Asimov fanno corona altre ghiotte sorprese.
**INDICE**

**I TOPI MECCANICI**
The Mechanichal Mice |  
**L’AMICO DELL’UOMO**
Into Your Tent I’ll Creep |  
**NIENTE DI NUOVO**
Nothing New |  
**OFFESA AL PUDORE**
Exposure |  
**L’ULTIMA THULE**
Ultima Thule |  
**IL CURIOSO CASO DI HENRY DICKENS**
The curious case of Henry Dickens (1975) |
ROBERT F. YOUNG
**VITTORIA SILENZIOSA – Saggio**
Silent Victory (1975) |
ISAAC ASIMOV
**IL PONTE DEGLI DEI – Saggio**
The Bridge of the Gods (1975) |
ISAAC ASIMOV