44657–44672 di 74503 risultati

Voi due senza di me

Michele e Marta – colti in due giornate particolari. Nella prima, Michele corre alla stazione per incontrare Marta: i due non si vedono da dieci anni. Dal giorno in cui un evento tragico, che a poco a poco torna alla luce, ha spezzato la coppia. Lei lo accoglie con freddezza, anzi con fastidio. Ma Michele è determinato, vuole ricominciare, in nome di un amore assoluto, impareggiabile, che lui è certo non sia dissolto. Eppure Marta ha una nuova vita – lui lo sa –, un nuovo amore, forse meno intenso ma più rassicurante, e non vuole rinunciarvi. L’elettricità fra i due è palpabile e a tratti non sembra possibile evitare che tutto ricominci, tuttavia ciò che continua a unirli è quanto forse impedisce loro di riavvicinarsi completamente. Nella seconda giornata, a distanza di altri dieci anni, ancora loro due, ancora il loro amore, irrisolto e per questo tanto più tenace; Michele e Marta, allacciati da un mistero che pare impossibile sciogliere e che deflagra nel bianco della neve che tutto ricopre. A narrarci queste due giornate è la voce di chi Marta e Michele hanno perduto, che li osserva e li racconta con sguardo al tempo stesso ultraterreno e innocente. Seguendo le sue parole, scendiamo in profondità nella complessità del dolore, dell’amore, delle relazioni fra gli esseri umani. Tra reticenze e non detti, Emiliano Gucci tiene ben teso il filo della narrazione lasciando il lettore in un continuo stato di inquietudine mista a curiosità, alla ricerca di comprendere, oltre a quello che accadrà, ciò che è già accaduto.
(source: Bol.com)

Voglio tutto di te

* Melbourne, Australia. *
Mi chiamo ** Talia ** e una grave tragedia mi ha cambiata per sempre. Adesso tengo tutti lontano, almeno fino a quando Jaxon non incrocia il mio cammino.
Lui è irruente, bellicoso, sarcastico e irresistibile.
Si vede che non mi vuole tra i piedi, ma visto tutto ciò che gli combino, è costretto ad avere a che fare con me perché gli servo.
Io sono la sua ultima speranza e non vorrei esserlo, perché una come me non dovrebbe più avvicinarsi a nessuno.
Eppure quando lui mi tocca sento la scossa e quando mi guarda, per la prima volta in vita mia, sento che qualcuno mi vede per davvero…
Mi chiamo ** Jaxon ** e sono uno strepitoso ballerino di Street Dance, uno stronzo, un ragazzo di strada.
Questa città mi sta stretta, la mia famiglia anche.
Il mio sogno è andarmene lontano, peccato che tutto vada in frantumi quando conosco Talia.
Lei è un Koala imbranato, una sorta di calamità naturale, una maledizione e io m’impongo di essere il suo diavolo, almeno fino a quando non sono costretto ad avere a che fare con lei perché mi serve.
Da quel momento tutto cambia perché la guardo e la vedo davvero.
La voglio, ma non posso.
Come farò a toccarla e a non desiderarla ancora?
* * *
** L’autrice **
* Deborah Fasola *, classe ’78, è autrice ed editor freelance. Il suo esordio letterario avviene nel 2011 con la sua prima opera fantasy; in seguito ha pubblicato altri romanzi dello stesso genere e alcuni manuali e racconti, per poi dedicarsi solo al romance e fare il grande salto.
Nel 2015 pubblica infatti due romanzi con You Feel, Rizzoli, e il 30 giugno del 2016 esordisce in libreria con la commedia romantica Tradiscimi se hai coraggio, edita Newton Compton editori.
Continuerà a pubblicare romance e a sognare insieme ai suoi lettori.
* Della stessa autrice *:
Sussurri nel silenzio (Amazon)
Non dirgli che ti amo (Amazon)
Inevitabile follia (Amazon)
Toccami l’anima (Amazon)
Le cose di Hold Hill (Amazon)
Sceglierò sempre te (Amazon)
Se mi tradisci, ti rovino (Amazon)
Quasi quasi ti amo (Amazon)
Tradiscimi se hai coraggio (Newton Compton Editori)
Un adorabile bugiardo (You Feel, Rizzoli)
Quel mostro di mia cugina (You Feel, Rizzoli)
Tutto quello che volevo da te? (You Feel, Rizzoli)
Altri su Amazon:
Il potere del sangue
Crimson Moon
La Foglia di Ambra
Mitochondrial
Ambrosia
Mamma: istruzioni per l’uso
Scelte d’amore
Nevaeh, il paradiso non ha l’abito bianco
**
### Sinossi
* Melbourne, Australia. *
Mi chiamo ** Talia ** e una grave tragedia mi ha cambiata per sempre. Adesso tengo tutti lontano, almeno fino a quando Jaxon non incrocia il mio cammino.
Lui è irruente, bellicoso, sarcastico e irresistibile.
Si vede che non mi vuole tra i piedi, ma visto tutto ciò che gli combino, è costretto ad avere a che fare con me perché gli servo.
Io sono la sua ultima speranza e non vorrei esserlo, perché una come me non dovrebbe più avvicinarsi a nessuno.
Eppure quando lui mi tocca sento la scossa e quando mi guarda, per la prima volta in vita mia, sento che qualcuno mi vede per davvero…
Mi chiamo ** Jaxon ** e sono uno strepitoso ballerino di Street Dance, uno stronzo, un ragazzo di strada.
Questa città mi sta stretta, la mia famiglia anche.
Il mio sogno è andarmene lontano, peccato che tutto vada in frantumi quando conosco Talia.
Lei è un Koala imbranato, una sorta di calamità naturale, una maledizione e io m’impongo di essere il suo diavolo, almeno fino a quando non sono costretto ad avere a che fare con lei perché mi serve.
Da quel momento tutto cambia perché la guardo e la vedo davvero.
La voglio, ma non posso.
Come farò a toccarla e a non desiderarla ancora?
* * *
** L’autrice **
* Deborah Fasola *, classe ’78, è autrice ed editor freelance. Il suo esordio letterario avviene nel 2011 con la sua prima opera fantasy; in seguito ha pubblicato altri romanzi dello stesso genere e alcuni manuali e racconti, per poi dedicarsi solo al romance e fare il grande salto.
Nel 2015 pubblica infatti due romanzi con You Feel, Rizzoli, e il 30 giugno del 2016 esordisce in libreria con la commedia romantica Tradiscimi se hai coraggio, edita Newton Compton editori.
Continuerà a pubblicare romance e a sognare insieme ai suoi lettori.
* Della stessa autrice *:
Sussurri nel silenzio (Amazon)
Non dirgli che ti amo (Amazon)
Inevitabile follia (Amazon)
Toccami l’anima (Amazon)
Le cose di Hold Hill (Amazon)
Sceglierò sempre te (Amazon)
Se mi tradisci, ti rovino (Amazon)
Quasi quasi ti amo (Amazon)
Tradiscimi se hai coraggio (Newton Compton Editori)
Un adorabile bugiardo (You Feel, Rizzoli)
Quel mostro di mia cugina (You Feel, Rizzoli)
Tutto quello che volevo da te? (You Feel, Rizzoli)
Altri su Amazon:
Il potere del sangue
Crimson Moon
La Foglia di Ambra
Mitochondrial
Ambrosia
Mamma: istruzioni per l’uso
Scelte d’amore
Nevaeh, il paradiso non ha l’abito bianco

Voglio Noi

Dall’autrice del bestseller Mi manchi, ti voglio, ti perdono Celeste ha poco più di vent’anni ed è la madre di Axel. Ma Celeste è anche Cleo, ovvero la ragazza che lavora part-time in un supermercato e vive una storia d’amore molto passionale con un ammiraglio della Marina inglese. E infine, Celeste è Blue, una spogliarellista in un locale che si chiama Sublime… Matteo ha quasi trent’anni, ha lasciato Bologna per sfuggire al suo passato e si è trasferito a Vignola, dove vive insieme alla sua compagna, Lea. A loro Celeste lascia Axel quando la notte lavora al Sublime. Matteo la disprezza per questo. Durante l’addio al nubilato di un suo amico, il ragazzo scopre che Celeste e Blue sono la stessa persona. A questo punto, l’astio nei suoi confronti si trasforma in vero odio, prima di lasciare spazio a un sentimento travolgente che mai avrebbe pensato di poter provare… Elisa GentileÈ nata a Vignola (Modena), ha ventinove anni e da otto vive in Sicilia, dove ha seguito la famiglia e trovato l’amore. Ha cominciato a scrivere per passione delle fanfiction ispirate a Twilight, presentandole poi sul proprio blog. Solo un paio di anni fa, incoraggiata dalle sue lettrici, ha deciso di trasformarne una in un romanzo vero e proprio e pubblicarlo solo in versione digitale. Il libro ha scalato immediatamente le classifiche degli store online diventando un vero e proprio caso. La Newton Compton ha pubblicato La Trilogia delle bugie: Non meriti un minuto in più del mio amore, Ti amo perché sei bugiardo e Mi manchi, ti voglio, ti perdono.

Le Voglie Segrete

L’attraente avvocato Andrew Carlyle pensava di avere ottenuto tutto dalla vita: un prestigioso studio legale a suo nome, denaro, case di lusso e soprattutto una figlia da amare e di cui prendersi cura. Mancava solo una cosa, però, ed è una giovane segretaria del suo ufficio a donargliela. Grazie a Elizabeth, Andrew riscopre la passione travolgente, ma non senza un prezzo da pagare. La bella e intelligente studentessa lavoratrice è la migliore amica di sua figlia Abby e ha poco più di vent’anni…

Le voci del fiume

La sera del 18 ottobre 1944 il maestro e falangista Oriol Fontelles viene ucciso durante un’incursione dei maquis. Solo i testimoni di questa morte conoscono l’inconfessabile segreto che la circonda. Quando sessant’anni dopo Tina Bros scopre nella vecchia scuola, nascosti dietro una lavagna, i quaderni di Oriol, non immagina che questo ritrovamento riporterà alla luce un segreto che è rimasto custodito per mezzo secolo. Rivivrà con Oriol la sua tragica relazione con la bella ed enigmatica Elisenda Vilabrù, il suo coinvolgimento con il regime franchista e il tardivo riscatto, ma non solo. Come delle ombre riaffiorano dalle nebbiose valli dei Pirenei, le storie, gli odi, gli amori e i tradimenti di un tempo segnato dal fanatismo e dalla passione. Sentimenti antichi che sopravvivono a un passato che non è mai passato. Con straordinaria abilità stilistica Jaume Cabré alterna i piani temporali, e come un direttore d’orchestra, crea una storia polifonica che attraverso le voci e le vicende dei personaggi mette a nudo la verità storica dell’impossibilità di dimenticare e perdonare.
**
### Sinossi
La sera del 18 ottobre 1944 il maestro e falangista Oriol Fontelles viene ucciso durante un’incursione dei maquis. Solo i testimoni di questa morte conoscono l’inconfessabile segreto che la circonda. Quando sessant’anni dopo Tina Bros scopre nella vecchia scuola, nascosti dietro una lavagna, i quaderni di Oriol, non immagina che questo ritrovamento riporterà alla luce un segreto che è rimasto custodito per mezzo secolo. Rivivrà con Oriol la sua tragica relazione con la bella ed enigmatica Elisenda Vilabrù, il suo coinvolgimento con il regime franchista e il tardivo riscatto, ma non solo. Come delle ombre riaffiorano dalle nebbiose valli dei Pirenei, le storie, gli odi, gli amori e i tradimenti di un tempo segnato dal fanatismo e dalla passione. Sentimenti antichi che sopravvivono a un passato che non è mai passato. Con straordinaria abilità stilistica Jaume Cabré alterna i piani temporali, e come un direttore d’orchestra, crea una storia polifonica che attraverso le voci e le vicende dei personaggi mette a nudo la verità storica dell’impossibilità di dimenticare e perdonare.

Voci dal nulla

Rinchiusa nell’Averno, il più impenetrabile carcere orbitale di massima sicurezza dell’intera galassia, Terra Viridian sconta la sua condanna senza poter sfuggire alla visione che le ha fatto massacrare senza motivo apparente più di millecinquecento persone. Una visione apocalittica, che lei stessa non comprende e all’esistenza della quale nessuno crede, ma la cui voce può significare un contatto totalmente nuovo per il genere umano. La scena cambia quando intorno a Terra iniziano ad agire strani personaggi: il Mago, capace di suonare Bach per ore e ore immerso in una profonda trance, Aaron, il poliziotto alla ricerca della gemella di Terra Viridian misteriosamente scomparsa, e la Regina di Cuori, la musicista mascherata in grado di plasmare sonorità sempre nuove. Solo quando tutti questi destini si incroceranno nell’Averno, guidati da una voce a loro sconosciuta, arriverà il momento di giocare l’ultima partita.
Copertina di Karel Thole

La voce: Un’indagine per l’agente Erlendur Sveinsson

«Ho già letto almeno cinque libri con protagonista il commissario Erlendur Sveinsson: sono ben scritti…»Andrea Camilleri«L’Islanda ha trovato il suo Mankell… Assolutamente nordico, un narratore che rappresenta un marchio di grande qualità. Erlendur è un personaggio meraviglioso.»Die Welt«Misteri ricchi di pathos… Uno scrittore che merita davvero di essere letto.»The Daily TelegraphIl Natale è alle porte, fervono i preparativi, ma la festosa atmosfera di un lussuoso albergo di Reykjavík, viene turbata dal ritrovamento del corpo di un uomo ucciso a coltellate. Svolte le prime verifiche del caso, l’agente Erlendur e la sua squadra scoprono che si tratta di Guđlaugur Egilsson, portiere e tuttofare alle dipendenze dell’hotel, morto in circostanze a dir poco misteriose: l’uomo, infatti, indossava un costume da Babbo Natale e aveva i pantaloni calati… Scavando nel suo passato, Erlendur ricostruisce la vicenda di Gulli, ex bambino prodigio, talentuoso solista di un coro di voci bianche, acclamato dal grande pubblico internazionale, con la prospettiva di una brillante carriera nel mondo del bel canto. Ma evidentemente qualcosa è andato storto… Costretto a confrontarsi con una serie di grotteschi personaggi che popolano l’albergo, e con il marcio nascosto dietro la sua facciata di irreprensibilità ed eleganza, Erlendur si trova alle prese con un’intricata matassa di indizi e storie parallele, difficili da districare.«L’agente Erlendur, un antieroe in versione islandese… un personaggio interessante, sintomatico del marcio e del non detto della società contemporanea.»L’Express«Indriðason è il miglior scrittore di gialli dei paesi nordici.»The Times«Indriðason riempie il vuoto lasciato da Stieg Larsson.»Usa Today

La voce e lo spazio

Come la voce racconta il mondo circostante: questo è il tema del libro. Voce come richiamo che attraversa lo spazio e accompagna la caccia dei pigmei, che porta dal “qui”, il centro del villaggio, luogo di riconoscimento di una comunità, al “là”, spazio ignoto, lontano, dove si muovono le prede. Voce del vento, come nella cultura mongola, che trasfigura l’orografia dei luoghi in un paesaggio simbolico scosso dalla metamorfosi della materia, dove l’acqua può trasformarsi in pietra e il canto in diplofonia. Voce di morte e di godimento, quella delle sirene, che allevia e smarrisce, seduce e uccide il viaggiatore. Suono che accarezza, quello dell’auleta, o voce che scortica, come nel mito di Marsia. La voce e lo spazio: voci disperse nel mondo e voci racchiuse, che proteggono luoghi e corpi, come accade nella cultura eschimese, dove abbraccio e polifonia narrano la nascita del tempo. Il rapporto che stringe la voce allo spazio si esprime in una serie di immagini che raccontano il modo in cui ogni cultura, attraverso il suono, s’appropria del mondo. Ogni forma di vita elabora la propria visione della materia vocale, della sostanza fonetica con cui narra la propria storia, creando tecniche di emissione del suono dove si annida un’interpretazione simbolica della natura. Gli oggetti si trasformano in suono, la loro presenza si espande nello spazio. Nel testo codici QR-Code per visualizzare sul cellulare contenuti inediti.

La voce di Bob Dylan. Una spiegazione dell’America

Bob Dylan è un nome in cui si incarna un’intera nazione di artisti: il moralista misantropo, il rivoluzionario conservatore, lo gnostico innamorato della creazione, il profeta di mutamenti e il talmudista di sventure. La prima edizione di questo libro, uscita nel 2001, ha fornito per la prima volta al lettore italiano una geografia completa e criticamente profonda della sua opera. Negli ultimi dieci anni Dylan non ha perso nulla della sua autorevolezza, anzi con i suoi ultimi album si è trovato più di una volta al primo posto nelle classifiche mondiali. La nuova edizione di questo libro, aggiornata e ampliata con una nuova introduzione e due nuovi capitoli, conferma l’importanza di Bob Dylan nel panorama culturale dei secoli XX e XXI, e insieme testimonia una fedeltà critica e di pensiero, una costante riflessione su ciò che lega Dylan alla sua terra e alla sua cultura. Soprattutto, questo libro è il ritratto di Dylan come servitore della sua inimitabile voce, magnetica e incandescente, mitica e metamorfica, che per tanti e in tutto il mondo è stata una porta aperta sull’America, le sue strade e i suoi popoli, i suoi delitti e i suoi amori, cantati e attraversati in tutte le forme e tutti gli stili.

La voce delle ossa (VINTAGE): La serie di Temperance Brennan #15

“L’autrice amalgama una trama coinvolgente con un contesto interessante e insolito, poi aggiunge il pepe della scienza forense e personaggi convincenti. Ecco il segreto del suo successo: l’autenticità.” INDIPENDENT “Un incarico insolito persino per Tempe Brennan. Un romanzo con una marcia in più, per l’affascinante scelta dell’ambientazione.” Bookreporter

La voce delle onde

Senza mai chetarsi, ora infuriata ora implacabile, la voce delle onde ci accompagna durante tutta la lettura di questo romanzo. Si tratta di una storia d’amore che sulla sponda del mare nasce e si sviluppa, raggiungendo apici di toccante e poetica spontaneità e semplicità. La vita, fatta di coraggio e di sacrificio, di un povero villaggio di pescatori giapponesi è lo sfondo per le uscite sul mare in tempesta, la pesca delle perle e i convegni d’amore di due giovani protagonisti, Shinji e Hatsue, su al tempio di Yashiro, che dall’alto del monte domina l’Isola del canto – Uta-jima – come armoniosamente la chiamano i suoi abitanti. Questo racconto, per la sua raffinata sensibilità, occupa un posto di rilievo nella vasta produzione di Yukio Mishima (1925-1970), uno dei maggiori esponenti della letteratura giapponese moderna; ricordiamo fra i suoi romanzi Il Padiglione d’oro, Dopo il banchetto, Confessioni di una maschera, Trastulli di animali, pubblicati con molto successo da Feltrinelli.
(source: Bol.com)

Il vizio oscuro dell’Occidente – Sudditi

L’Occidente non è più in grado di concepire e di tollerare “l’altro da sé” che, in un modo o nell’altro, deve essere piegato al suo modello basato sul mercato e le crescite infinite. Senza averne piena coscienza è fondamentalista, integralista, totalitario. La democrazia è l’involucro legittimante di questo modello paranoico. Si presenta come il mondo della libertà individuale ma, nella realtà, è un sistema di oligarchie, politiche ed economiche, che schiacciano proprio il singolo, colui che rifiuta gli umilianti infeudamenti a queste mafie. La democrazia, che ha solo due secoli di vita, si pretende eterna ma, come tutte le istituzioni umane, finirà, insieme alla polpetta avvelenata che ricopre, nella spazzatura della storia.

Il vizio dell’agnello

Lazzaro Sant’Andrea, sotto lo pseudonimo di Dottor Totem, specialista in tabù, riceve nel suo studio una varia umanità che lo crede cartomante, sessuologo, pranoterapeuta. In realtà lui, picaresco e freudiano quasi trentenne, attende la propria nemesi. Gli si presenta sotto forma di due novantenni di sconvolgente bellezza, i quali gli rivelano che la propria bambina, Branka, dopo aver vinto un premio di bontà, è diventata “una carogna pazzesca”: avvelena i piccioni in piazza del Duomo. Lazzaro, attribuendo alla tarda età dei genitori i problemi della piccola, chiede di vederla. Branka gli si presenta tutta Barbie e boccoli ma depositaria di un atroce segreto. Stanca di avvelenare piccioni, punta a una vittima più gustosa: l’uomo. Branka ha il vizio dell’agnello, sordido, nascosto: quello della vittima sacrificale ma… con le zanne. Una Milano allucinata dei tardi anni ottanta è lo scenario in cui si muovono Lazzaro e la sua corte dei miracoli.