44193–44208 di 74503 risultati

Un amore del nostro tempo

Sigismondo e Anna, fratello e sorella, giovanissimi, si ritrovano, in occasione della morte del padre, nel maniero di famiglia. Si scrutano, sentono riaffiorare la complicità infantile. Ma a lungo non osano dirsi che sono follemente innamorati uno dell’altra. Questa situazione ricalca perfettamente (e il richiamo è una sfida) quella della seconda parte dell’Uomo senza qualità di Musil, quando Ulrich e Agathe si ritrovano. Ma il parallelo va ben oltre: come Ulrich e Agathe, una volta abbandonati al loro amore, cercheranno le «isole felici», in Polinesia, così anche faranno Sigismondo e Anna. Con una decisiva variante: a loro tutto va bene. Eppure alla felicità si accompagna sempre un’angoscia sottile e invincibile, un senso di «voraginosa sospensione». Questo romanzo estremo e provocatorio fu pubblicato da Landolfi nel 1965 e passò inosservato, come un vero libro fantasma. Le scarse voci dei critici sembrarono deprecarlo, perfino come «dannunziano», in ossequio alla perenne vocazione italica per il «politicamente corretto», che obbligò per almeno trent’anni dopo la guerra a tacciare di dannunzianesimo tutto ciò che sapesse di décadence, quindi di letteratura. L’equivoco era totale. Il linguaggio alto, perennemente sopra le righe, di Sigismondo non è certo quello di Andrea Sperelli ma di un altro Sigismondo, quello di Calderón nella Vita è sogno, e allude a uno stato di reclusione metafisica, di prigionia in qualcosa che, pur non essendo la realtà, non accetta neppure una qualche realtà esterna: ora, questa è appunto la condizione originaria di Landolfi, quella piaga tormentosa da cui stilla tutta la sua letteratura, in fondo anch’essa una passione colpevole. In questo romanzo dunque il gioco di Landolfi è particolarmente audace, e diviso su due tavoli: come vita e come letteratura. Nella storia dei due fratelli egli sembra avere racchiuso la sua immagine segreta di una felicità acuminata, «sulla punta di noi» – e il riconoscimento amaro, vibrante, di un’impossibilità che rode dall’interno qualsiasi forma della felicità.

L’amore del figlio meraviglioso

Anni ’60 del Novecento: Sardegna. Stranieri venuti dal mare nominano Costa Smeralda quella parte inabitata di litorale che i nativi galluresi chiamano, nel loro sardo-corso, Monti di Mola. Così inizia la favola turistica, un inizio ignorato dalle odierne cronache mondane delle estati “smeraldine”. Alle origini di quella favola, e nei profondi retroscena della leggenda, va invece il nostro narratore, per dirci la storia mai detta di un luogo che si ritiene a torto di conoscere. La storia s’incarna nelle vicende e passioni di un’intera famiglia che ha venduto le sue proprietà terriere ai costruttori del paradiso vacanziero. Il patriarca pastore di capre, resistente ma con un destino di spaesamento e sensi di colpa. Una moglie costretta nella mediazione fra vecchio e nuovo. Il luccichio del nuovo che abbaglia due dei tre figli e in particolare la donna, Caterina, tutta tesa all’abolizione incondizionata di un cupo passato. E il terzo figlio, che ha studiato in Continente e alle favole è disposto a crede ben poco. Amore, sesso, modi di vita, senso delle cose e degli uomini… niente sfugge a un cambiamento istantaneo e senza precedenti nella storia dell’Isola, dove due mondi s’incontrano, senza comunicare o integrandosi in suadenti quanto folcloristiche finzioni.

Un amore come il loro (Youfeel)

Rimasta orfana, la ventiduenne Virginia decide di accettare il lavoro che le viene proposto da un caro amico di suo padre, Claudio Valmorigli de Marchi. L’affascinante quarantenne, studioso e autore di famosi romanzi storici, le ha offerto di seguirlo in Italia per fargli da assistente nel periodo della stesura del suo prossimo libro, fino alla pubblicazione. Una volta in Italia, Virginia si lascia travolgere dalla bellezza di villa Valmorigli, dalla sua biblioteca, dalle attenzioni delle persone che vi lavorano e dal suo nuovo impiego, che adora. Ma sarà un quadro che raffigura una giovane e affascinante donna a farle scoprire anche l’amore. Quello vero, quello che supera il tempo e sconfigge il dolore.
Mood: Emozionante – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.
**
### Sinossi
Rimasta orfana, la ventiduenne Virginia decide di accettare il lavoro che le viene proposto da un caro amico di suo padre, Claudio Valmorigli de Marchi. L’affascinante quarantenne, studioso e autore di famosi romanzi storici, le ha offerto di seguirlo in Italia per fargli da assistente nel periodo della stesura del suo prossimo libro, fino alla pubblicazione. Una volta in Italia, Virginia si lascia travolgere dalla bellezza di villa Valmorigli, dalla sua biblioteca, dalle attenzioni delle persone che vi lavorano e dal suo nuovo impiego, che adora. Ma sarà un quadro che raffigura una giovane e affascinante donna a farle scoprire anche l’amore. Quello vero, quello che supera il tempo e sconfigge il dolore.
Mood: Emozionante – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

L’amore che vorrei

Zara si sente una ragazza diversa dalle altre. Mentre l’unica preoccupazione delle sue coetanee sembra quella di collezionare rossetti, lei ha problemi ben più difficili da affrontare. Suo padre è andato via di casa tanto tempo fa e sua madre non sta bene e non è in grado di prendersi cura di lei. E così, dopo la morte dell’amato patrigno, Zara è stata affidata a sua nonna e si è trasferita da lei, in un tranquillo paesino del Maine. Per Zara ora inizia una nuova vita: nuova scuola, nuovi amici, nuovi incontri. Come quello con Nick, un ragazzo sexy ma molto, molto particolare… Zara è felice, eppure c’è qualcosa in quel paesino apparentemente tranquillo che la inquieta, e presto capisce che le sue non sono solo fantasie: qualcuno o qualcosa la sta seguendo. E non si tratta di una creatura umana, ma di un nemico molto pericoloso, assetato di sangue…

L’amore bussa sempre due volte

“In Australia?!” Lily non ci crede. Sua madre si è innamorata di Michael, un australiano conosciuto in chat, e ha deciso (anche per lei!) di trasferirsi laggiù per cominciare una nuova vita. Ma la mia vita sta iniziando qui, vorrebbe gridarle Lily, disperata all’idea di lasciare l’Inghilterra. Però i bagagli sono già pronti e l’aereo non aspetta, così Lily si ritrova nella terra dei canguri, senza amici e con un fratellastro che non le va a genio. Meno male che Michael lavora in un parco naturalistico, e la invita ad andare con lui ogni mattina. E poi c’è Ben, un collega di Michael, che le insegna a occuparsi degli animali e sa ascoltarla. E poi, quando gli sta vicino, il cuore le batte forte… Questa è la storia di un amore impossibile… forse. Perché quando sono i sentimenti a decidere, gli ostacoli non contano.

L’Amore Bugiardo

Nick e Amy, giovani e brillanti, due metà di una coppia invidiabile, sono tornati nel Missouri dopo aver perso il lavoro e la casa a New York. Adattarsi alla vita di provincia e alle ristrettezze dopo un’esistenza piena di agio e spensieratezza è difficile per entrambi, soprattutto per la viziata, capricciosa Amy. Il giorno del loro quinto anniversario di matrimonio, con la casa piena di regali da scartare, Amy sparisce. Ben presto i sospetti della polizia ricadono su Nick, che non sembra il marito ideale che tutti pensavano: forse ha una relazione con una sua studentessa, è privo di alibi e non sa spiegare le tracce di sangue rimaste sul pavimento della cucina, così come numerosi altri dettagli. In più, il diario segreto tenuto da Amy con precisione maniacale sembra rivelare tutta una serie di violenze psicologiche e fisiche subite durante il matrimonio, ma sarà vero? Nick nega tutto, e per difendersi, avvia un’indagine parallela. Se, come giura, non ha ucciso Amy, allora lei dov’è? E perché? A chi dei due bisogna credere? Raccontato dalle due voci alternate di Nick e Amy, il thriller di Gillian Flynn è una straordinaria incursione nel lato oscuro del matrimonio costruita su una sequenza di colpi di scena mozzafiato. Con quasi due milioni di copie vendute in pochi mesi nei soli Stati Uniti, è diventato il caso editoriale dell’anno. In corso di pubblicazione in tutto il mondo, presto diventerà un film prodotto e interpretato da Reese Witherspoon nel ruolo dell’indimenticabile protagonista. Romanzo in anteprima digitale, a gennaio anche in libreria.

Un amore avvelenato

È il 9 ottobre 2000, quando in un campeggio dell’Oregon, vicino a un torrente, viene ritrovato il cadavere di un uomo, chiuso in un sacco a pelo. Dalle prime indagini risulta che la vittima è Chris Norton, un giovane pilota civile che viveva tra l’Oregon e le Hawaii. Sua moglie Liysa, nota fotografa e aspirante scrittrice, confessa di avergli sparato nel tentativo di sfuggire all’ennesimo episodio di violenza da parte di un marito aggressivo, dedito all’alcol e alla droga. Ma sia la famiglia di Chris sia i suoi amici si rifiutano di credere che il bravo ragazzo che loro ricordano possa essere il mostro descritto da Liysa. E poi troppe cose non tornano e troppe sono le coincidenze fra la dinamica della morte di Chris e gli scritti della moglie. Ma allora chi è davvero questa donna tanto affascinante quanto ambigua? Una tragica vittima della violenza domestica? O un’abile manipolatrice? Oppure una persona gravemente malata, incapace di distinguere la realtà dalla fantasia? Per la giustizia si tratta di un caso assai complesso, che sembra non avere soluzioni, sino a quando nuove e drammatiche prove, emerse inaspettatamente, imprimono una svolta decisiva all’intera vicenda.
**

L’amore arriva sempre al momento sbagliato (eNewton Narrativa)

**Se questo libro ti cambiasse la vita lo leggeresti lo stesso?
N°1 negli Stati Uniti**
Ashlyn Jennings è una studentessa modello. Ama follemente leggere, soprattutto i drammi di Shakespeare, dentro i quali, spesso, cerca risposte alle domande che la vita le pone. E adesso di punti interrogativi ne ha molti, dato che ha appena perso sua sorella gemella e, come se non fosse abbastanza, sua madre è caduta in una grave depressione. Ashlyn deve andare a vivere con suo padre e la sua nuova famiglia nel Wisconsin. La devasta anche solo l’idea di trascorrere l’ultimo anno di scuola lontana dai compagni di classe, ma non può che fare le valigie. In viaggio verso la sua nuova casa incontra per caso Daniel Daniels, un uomo distrutto. Lui ha subìto due grandi perdite nella sua vita e sta cercando di rimettersi in sesto. Pensa a tutto meno che a trovare l’amore, ma l’incontro con Ashlyn è qualcosa che va oltre le semplici leggi della chimica. Entrambi cercano di dimenticare quello che hanno provato quel giorno, finché non si “scontrano” a scuola, dove essere allieva e professore non facilita affatto le cose…
**Il libro più consigliato dai blogger americani
Uno strabiliante contagioso successo internazionale
Uno sguardo difficile da dimenticare, un’attrazione che non è solo questione di chimica**
«Sigh. Che cosa posso dire? Che ho un enorme hangover da lettura e le lacrime (di felicità) sono ancora sul mio viso. Una storia veramente commovente che fa esplodere il cuore in mille pezzi per poi rimetterli insieme. Sicuramente un libro che è necessario leggere (anche più volte).»
«Questo è il tipo di storia che ti rimane nel cuore per molto tempo dopo che hai finito di leggerla. Brittainy C. Cherry ha scritto uno splendido romanzo e non vedo l’ora di vedere cosa ha in serbo per il futuro!»
**Brittainy C. Cherry**
È rimasta incantata dalle parole fin dal momento in cui ha fatto il primo respiro. Si è laureata alla Carroll University in Teatro e in Scrittura creativa. Brittainy vive a Milwaukee nel Wisconsin con la famiglia. È un’autrice di culto del genere Young e New Adult.
**
### Sinossi
**Se questo libro ti cambiasse la vita lo leggeresti lo stesso?
N°1 negli Stati Uniti**
Ashlyn Jennings è una studentessa modello. Ama follemente leggere, soprattutto i drammi di Shakespeare, dentro i quali, spesso, cerca risposte alle domande che la vita le pone. E adesso di punti interrogativi ne ha molti, dato che ha appena perso sua sorella gemella e, come se non fosse abbastanza, sua madre è caduta in una grave depressione. Ashlyn deve andare a vivere con suo padre e la sua nuova famiglia nel Wisconsin. La devasta anche solo l’idea di trascorrere l’ultimo anno di scuola lontana dai compagni di classe, ma non può che fare le valigie. In viaggio verso la sua nuova casa incontra per caso Daniel Daniels, un uomo distrutto. Lui ha subìto due grandi perdite nella sua vita e sta cercando di rimettersi in sesto. Pensa a tutto meno che a trovare l’amore, ma l’incontro con Ashlyn è qualcosa che va oltre le semplici leggi della chimica. Entrambi cercano di dimenticare quello che hanno provato quel giorno, finché non si “scontrano” a scuola, dove essere allieva e professore non facilita affatto le cose…
**Il libro più consigliato dai blogger americani
Uno strabiliante contagioso successo internazionale
Uno sguardo difficile da dimenticare, un’attrazione che non è solo questione di chimica**
«Sigh. Che cosa posso dire? Che ho un enorme hangover da lettura e le lacrime (di felicità) sono ancora sul mio viso. Una storia veramente commovente che fa esplodere il cuore in mille pezzi per poi rimetterli insieme. Sicuramente un libro che è necessario leggere (anche più volte).»
«Questo è il tipo di storia che ti rimane nel cuore per molto tempo dopo che hai finito di leggerla. Brittainy C. Cherry ha scritto uno splendido romanzo e non vedo l’ora di vedere cosa ha in serbo per il futuro!»
**Brittainy C. Cherry**
È rimasta incantata dalle parole fin dal momento in cui ha fatto il primo respiro. Si è laureata alla Carroll University in Teatro e in Scrittura creativa. Brittainy vive a Milwaukee nel Wisconsin con la famiglia. È un’autrice di culto del genere Young e New Adult.

Un amore all’improvviso

Cassandra Rocca, dopo la trilogia di Tutta colpa di New York ha voluto regalare alle sue affezionate lettrici Un amore all’improvviso, una rivalsa sentimentale, che ci dice che forse non è sempre vero che in amore è tutto scritto… Lexie, a corto di idee e amicizie, ha accettato l’offerta di una ex compagna di scuola per passare qualche giorno in vacanza in Messico con un gruppo di amici di lei. Ma, appena arrivata, si accorge in fretta che non è esattamente la benvenuta… Questo racconto si trova anche nella raccolta Baci d’estateCassandra RoccaÈ di origini siciliane e vive a Genova. Nella vita di tutti i giorni lavora come educatrice infantile, ma dedica il tempo che le resta al suo amore più grande: i libri. Newton Compton ha pubblicato il suo romanzo d’esordio Tutta colpa di New York, che ha riscosso un inaspettato successo, rimanendo per settimane ai primi posti delle classifiche, anche in quelle degli store online, e Una notte d’amore a New York. Solo in versione ebook In amore tutto può succedere 1.5, Tutta colpa della gelosia 2.5 e nell’antologia Baci d’estate il racconto L’alba nei tuoi occhi. Per saperne di più visita la sua pagina Facebook.

Un amore al mirtillo

Quando Ruth, la sua adorata nonna, le chie­de di realizzare il suo ultimo desiderio prima di morire, Ellen Branford, giovane avvocato in carriera di New York, non esita un solo istante ad accettare e si mette subito in viaggio per esaudirlo: deve recapitare una lettera di Ruth al suo primo amore nella cittadina di Beacon, nel Maine, patria dei campi di mirtilli. Il giorno del suo arrivo, Ellen cade in acqua mentre sta facendo delle foto su un pontile e viene salvata da Roy, un affascinante sconosciuto che lei, presa dall’enfasi del momento, ringrazia baciandolo con passione. Il giorno dopo, la foto del bacio è sulle pagine di tutti i quotidiani del posto ed Ellen diventa una piccola celebrità locale. Lei, che tra l’altro è a un passo dal matrimonio con Hayden, un giovane di ottima famiglia, non sa che pesci pigliare, e tutte le sue certezze e la sua vita preordinata cominciano a vacillare. La gentilezza degli abitanti del luogo, i ritmi piacevoli della provincia e il delizioso cibo le fanno ben presto dimenticare la vita fatta di apparenze che conduceva a New York. Quando Hayden si presenta a Beacon, Ellen non può più mentire a se stessa e deve affrontare l’attrazione sempre più forte che prova per Roy e capire cosa vuole veramente per sé. Hayden o Roy? New York o Beacon? La risposta è tutta in un irresistibile muffin ai mirtilli.

L’amore al femminile

Non vedo l’ora di scoprire se basterà la mia firma sull’ultima pagina per annullare quella forza contraria che mi vieta di proseguire il mio viaggio. Mi siedo sopra una sedia bianca a forma di nuvola e poggio il diario su una scrivania azzurra a forma di cuore, sperando di non dover chiedere ammenda per i miei numerosi peccati comincio a leggere…
La nostra storia d’amore continua ad avere alti e bassi, come se fosse la cordicella di uno yo-yo in movimento che scende e sale, che si avvolge e si srotola nella scanalatura di un disco. Un disco che produce il suono della stessa canzone, della stessa musica, il jukebox ribelle in un’epoca in cui la musica è bandita. Un oggetto dissidente impazzito che continua a ripetere lo stesso brano, inesorabilmente. Un brano che mi fa male ascoltare, ma nello stesso tempo consola la mia solitudine facendomi compagnia.
**
### Sinossi
Non vedo l’ora di scoprire se basterà la mia firma sull’ultima pagina per annullare quella forza contraria che mi vieta di proseguire il mio viaggio. Mi siedo sopra una sedia bianca a forma di nuvola e poggio il diario su una scrivania azzurra a forma di cuore, sperando di non dover chiedere ammenda per i miei numerosi peccati comincio a leggere…
La nostra storia d’amore continua ad avere alti e bassi, come se fosse la cordicella di uno yo-yo in movimento che scende e sale, che si avvolge e si srotola nella scanalatura di un disco. Un disco che produce il suono della stessa canzone, della stessa musica, il jukebox ribelle in un’epoca in cui la musica è bandita. Un oggetto dissidente impazzito che continua a ripetere lo stesso brano, inesorabilmente. Un brano che mi fa male ascoltare, ma nello stesso tempo consola la mia solitudine facendomi compagnia.

L’amore ai tempi di Batman

Come è finito Walter a lanciarsi dal quinto piano vestito da Batman, uscendone per di più miracolosamente illeso, e anzi sventando, in modo del tutto fortuito, l’aggressione a una ragazza?
Non lo ricorda più nessuno, ma Walter Moschino era “il piccolo Walter” della famosa sit-com *Quella strana famiglia*, un bambino prodigio che voleva diventare un grande scienziato. Oggi è un venticinquenne ricco, annoiato, orfano dei genitori, accudito da un fedele maggiordomo, perennemente attaccato alle serie tv, alla Playstation e all’adorato cane Stephen Hawking, un white terrier con un collare elettronico che dovrebbe interpretarne gli stati d’animo e tradurli in frasi del vero Stephen Hawking.
Il fatto è che, dopo aver scoperto il tradimento della fidanzata, Walter è ricaduto nella sua ossessione: l’amore immaginario per l’ex pornostar Sasha Grey. Non vuole incontrarla, ormai conosce il confine tra illusione e disillusione, si limita a fantasticare e a seguirla sui social network, si accontenta di soffrire di un amore non corrisposto ma proprio per questo incontaminato. E però, con la complicità del suo gruppo di amici nerd, si ritrova dove neppure lui avrebbe mai creduto di poter arrivare: a indossare i panni di un supereroe, con una serie di improbabili vendette da mettere in atto.
Esilarante, grottesco, irriverente, ritorna Massimiliano Parente con la sua verve inconfondibile, le sue situazioni paradossali, la sua comicità amara, e assurda solo per chi non è in grado di vedere veramente quale mondo ci circonda.
*L’amore ai tempi di Batman* è un meccanismo narrativo che non concede tregua, e pagina dopo pagina ci induce a fare i conti con le aporie dei sentimenti e le contraddizioni della vita. Lasciandoci però una speranza: chiunque, con un po’ di fortuna, può diventare realmente un supereroe. Impresa più difficile, invece, è costringere chi non ci ama ad amarci. D’altra parte qual è il confine tra un amore reale e uno immaginario? In fondo ogni amore non è sempre, almeno in parte, immaginario?
**
### Recensione
**Vivere come Batman per dare scacco alla tragedia dell’universo**
*Piersandro Pallavicini*, Tuttolibri – La Stampa
C’è una specie di mantra che Walter Moschino ripete per non cadere nel baratro quando l’assale l’angoscia: «L’universo ha tredici miliardi e mezzo di anni – Principio di indeterminazione di Heisenberg – Hiroshima – Nagasaki – Auschwitz – Relatività generale di Einstein». L’idea è: cosa possiamo fare quando la frustrazione, l’insoddisfazione, il dramma connessi al nostro mero stare al mondo ci assalgono? Cosa, se non pensare all’irrilevanza dell’angoscia e dei sentimenti di fronte alla cieca potenza dell’universo? Una cieca potenza che si dispiega nella complessa perfezione portata alla luce dalla scienza (la relatività, la meccanica quantistica) o nella titanica capacità dell’universo di macinare e distruggere, attraverso l’uomo («Auschwitz», «Nagasaki») o prescindendone («Buchi neri», «Nascere sordi», «Distrofia muscolare»).
Va subito detto, prima di dare l’impressione sbagliata su questo libro, che si tratta di un romanzo esilarante e che Walter è un bambinone di venticinque anni, talmente proiettato all’estremo dell’egoismo, dell’infantilismo e dell’ingenuità da risultare, per questo, puro e dunque irresistibile. Poi, per mettere un po’ d’ordine, va detto anche che Walter è stato protagonista in una serie televisiva italiana di grande successo, «Quella strana famiglia», in cui interpretava un bambino prodigio che voleva diventare scienziato, poi ha perso i genitori in un incidente e ha perso anche la testa, ha smesso di recitare, e solo dopo anni è uscito dall’autoreclusione e dall’apatia. I lettori lo ritrovano venticinquenne, nullafacente perché più che benestante, il patrimonio gestito da un maggiordomo (Ernesto), e innamorato a distanza dell’ex-pornoattrice Sasha Grey, ma convivente con una infida ragazza dell’est (Jasmine) di cui ha appena scoperto il tradimento con un produttore cinematografico (Marco Amadori) che avrebbe dovuto coinvolgerlo in un nuovo film.
Walter è una persona ultra-pop: ha visto ogni serie tv, gioca allo sfinimento con la PS4, colleziona action figures, ha una Porsche, abusa di Xanax e Valium, ma di tutto questo (TV, farmaci, giochi, auto) non gli importa assolutamente nulla. Sono mantra di un differente livello, attrezzi per sopravvivere senza pensare a quello che ci aspetta, cioè il ritorno alla separazione dei nostri atomi da quella forma ordinata che chiamiamo vita, e cioè ancora il nostro assecondare il secondo principio della termodinamica, contribuendo, alla fine, nel nostro piccolo, solo a un modesto aumento dell’entropia dell’universo. Walter ne è consapevole e traccheggia nella vita stufo marcio dei luoghi comuni sentimentali, della religione, del perbenismo a base di «non si può dire» e «non si può pensare», pronto invece a dire proprio tutto, grazie a un **Massimiliano Parente** che si avvale fino in fondo del lasciapassare rilasciato dalla scrittura per aprire squarci sul disperato fastidio, rancore, disprezzo che si annida nel cuore probabilmente di ognuno di noi.
Nell’*Amore ai tempi di Batman* si ride molto, in ogni pagina c’è una raffica di irriverenze, di ribaltamenti di luoghi comuni, di gag e battute, per molti probabilmente indigeste perché nient’affatto banali e dirette con insidia contro i capisaldi di ogni progressista o anche semplicemente di ogni moderato. Ma non è Walter Moschino che ne ride, l’umorismo è dell’autore, non del suo personaggio. Che infatti si deve aggrappare ai suoi mantra, salvo diventare Batman. È ciò che gli succede per una sequenza di eventi rocamboleschi, è ciò che gli farà smettere di recitare «Principio di indeterminazione di Heisenberg – Buchi neri – Hiroshima», ed è ciò che darà una svolta alla sua vita, verso l’unica soluzione per lui praticabile: vivere come un eroe della propria infanzia, divertirsi come un matto, così da non pensare alla morte e all’entropia, e intanto, chiuso dentro un mondo falso ma perfetto, proteggere i propri miti dalla realtà. Come, per Walter Moschino, quello di Sasha Gray.
BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
### Sinossi
Come è finito Walter a lanciarsi dal quinto piano vestito da Batman, uscendone per di più miracolosamente illeso, e anzi sventando, in modo del tutto fortuito, l’aggressione a una ragazza?
Non lo ricorda più nessuno, ma Walter Moschino era “il piccolo Walter” della famosa sit-com *Quella strana famiglia*, un bambino prodigio che voleva diventare un grande scienziato. Oggi è un venticinquenne ricco, annoiato, orfano dei genitori, accudito da un fedele maggiordomo, perennemente attaccato alle serie tv, alla Playstation e all’adorato cane Stephen Hawking, un white terrier con un collare elettronico che dovrebbe interpretarne gli stati d’animo e tradurli in frasi del vero Stephen Hawking.
Il fatto è che, dopo aver scoperto il tradimento della fidanzata, Walter è ricaduto nella sua ossessione: l’amore immaginario per l’ex pornostar Sasha Grey. Non vuole incontrarla, ormai conosce il confine tra illusione e disillusione, si limita a fantasticare e a seguirla sui social network, si accontenta di soffrire di un amore non corrisposto ma proprio per questo incontaminato. E però, con la complicità del suo gruppo di amici nerd, si ritrova dove neppure lui avrebbe mai creduto di poter arrivare: a indossare i panni di un supereroe, con una serie di improbabili vendette da mettere in atto.
Esilarante, grottesco, irriverente, ritorna Massimiliano Parente con la sua verve inconfondibile, le sue situazioni paradossali, la sua comicità amara, e assurda solo per chi non è in grado di vedere veramente quale mondo ci circonda.
*L’amore ai tempi di Batman* è un meccanismo narrativo che non concede tregua, e pagina dopo pagina ci induce a fare i conti con le aporie dei sentimenti e le contraddizioni della vita. Lasciandoci però una speranza: chiunque, con un po’ di fortuna, può diventare realmente un supereroe. Impresa più difficile, invece, è costringere chi non ci ama ad amarci. D’altra parte qual è il confine tra un amore reale e uno immaginario? In fondo ogni amore non è sempre, almeno in parte, immaginario?

L’amore ai tempi della rivoluzione

Quando l’Ayatollah Khomeini salì al potere nel 1979, promise ai suoi cittadini la libertà dopo la tirannia dello Shah. Ma la sua promessa era destinata a infrangersi nel terrore e nella repressione. In Iran lo hanno dovuto imparare in tanti, a costo di indicibili sofferenze. Come Yadi Sharifirad, pilota nella Guerra tra Iran e Iraq negli anni ’90, sfuggito miracolosamente alla morte e tornato da eroe in patria. La fama e il successo però durarono poco. Accusato di essere una spia americana, Sharifirad subì il carcere e la tortura, e soltanto dopo anni di disperati tentativi riuscì, con l’aiuto di un contrabbandiere, a oltrepassare il pericolosissimo confine con la Turchia e a raggiungere la sua famiglia in Canada…
**

L’amore ai tempi del colera

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per “cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese”. Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d’amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un’affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell’assolato Caribe e della sua gente.

L’amore a colpi di Champagne

Veronica è amante del vino, del cibo, del tacco 12, del Vecchio Continente, della libertà e di Christian, l’AD della società per cui lavora, con una ingombrante situazione alle spalle. Christian adora sorprenderla e le regala momenti romantici all’insegna di vino, arte, amore e sesso in luoghi magici: Dresda, Parigi, la Normandia ed è qui, dove vivono la madre di Christian e le eclettiche zie, che il loro rapporto cambia.
Veronica non è più sicura che il loro rapporto sia perfetto, perché per lei era perfetto, almeno finché il destino decide di mettere in discussione il suo modo di vedere la vita.
Riuscirà Christian ad adeguarsi e a liberarsi del suo ingombrante passato? E Veronica riuscirà a realizzare il suo sogno d’amore? Quali inattese sorprese le riserverà il destino?
L’amore a colpi di Champagne: ironico, romantico, emozionante ed erotico.