43905–43920 di 65579 risultati

Il fiore del desiderio

Le giornate di Jennifer dovrebbero avere 25 ore! Da quando lavora come segretaria, è sempre in giro da clienti per una relazione o una lettera da scrivere al volo! Lettera dopo lettera, arriverà nella tenuta di Bigspure, regno incontrastato dei fratelli Culhane, burberi e un po’ idealisti. A Jennifer basterà uno sguardo dell’affascinante Everett per capire che potrebbe doversi occupare anche del suo cuore.
(source: Bol.com)

Fiore d’arabia

Medio Oriente, 1820 – Il tenebroso sceicco Jamil al-Nazarri governa senza problemi il proprio regno, eppure non riesce a educare la figlia, la ribelle Linah. Esasperato, assume dunque una governante inglese, nella speranza che le infonda la tanto desiderata e necessaria disciplina. Ma Lady Cassandra Armstrong si rivela la più inconsueta istitutrice che Jamil abbia mai incontrato: con un corpo da sirena e un’istintiva passionalità, Cassie è infatti al contempo seduttrice innocente e tentazione proibita. E mette a dura prova l’incrollabile senso dell’onore dell’austero principe.
**
### Sinossi
Medio Oriente, 1820 – Il tenebroso sceicco Jamil al-Nazarri governa senza problemi il proprio regno, eppure non riesce a educare la figlia, la ribelle Linah. Esasperato, assume dunque una governante inglese, nella speranza che le infonda la tanto desiderata e necessaria disciplina. Ma Lady Cassandra Armstrong si rivela la più inconsueta istitutrice che Jamil abbia mai incontrato: con un corpo da sirena e un’istintiva passionalità, Cassie è infatti al contempo seduttrice innocente e tentazione proibita. E mette a dura prova l’incrollabile senso dell’onore dell’austero principe.

La finta fidanzata del capo

Un finto fidanzamento col suo capo? Perché no?
Aleksi Kolovsky, noto milionario playboy, lascia di stucco il mondo intero con l’annuncio del suo fidanzamento ufficiale. Nessuno sa che l’anello al dito della promessa sposa, però, non significa necessariamente per sempre. Aleksi deve a tutti i costi entrare in possesso dei beni della Maison Kolovski, così suggerisce alla bella Kate, sua assistente personale, di considerare il loro fidanzamento di facciata come una sorta di promozione, con tutti i benefici che ne conseguono. Compreso quelli meno evidenti, che lei non aveva considerato, come per esempio scoprire di persona se la straordinaria reputazione di Aleksi sia fondata. E la parola straordinario acquista di colpo un significato del tutto nuovo per lei.
**
### Sinossi
Un finto fidanzamento col suo capo? Perché no?
Aleksi Kolovsky, noto milionario playboy, lascia di stucco il mondo intero con l’annuncio del suo fidanzamento ufficiale. Nessuno sa che l’anello al dito della promessa sposa, però, non significa necessariamente per sempre. Aleksi deve a tutti i costi entrare in possesso dei beni della Maison Kolovski, così suggerisce alla bella Kate, sua assistente personale, di considerare il loro fidanzamento di facciata come una sorta di promozione, con tutti i benefici che ne conseguono. Compreso quelli meno evidenti, che lei non aveva considerato, come per esempio scoprire di persona se la straordinaria reputazione di Aleksi sia fondata. E la parola straordinario acquista di colpo un significato del tutto nuovo per lei.

Fino alla fine del mondo

‘Non innamorarti di lui… non ancora…’. È passato un anno dalla notte tempestosa in cui Benjamin Carter è ripiombato nella vita di Caterina, giurandole amore eterno, per poi andarsene di nuovo, con la promessa di tornare da lei un giorno. Andare avanti non è stato facile, ma non ha avuto altra scelta se non quella di rimboccarsi le maniche e guardare al futuro, un futuro dolce e semplice che solo il bell’avvocato Julian Steinfield sembra essere in grado di offrirle. Ma il destino sembra non volersi arrendere e, ogni volta che Caterina pensa di essere guarita e immune al fascino del suo grande amore perduto, lui rispunta dal nulla, pronto a rimescolare le carte in tavola. Complice un concerto a New York City e un matrimonio al quale non può mancare, i due si ritroveranno l’uno davanti all’altra per la resa dei conti. Questa volta non basteranno promesse vuote e muri invalicabili per difendersi: quando si troveranno davanti al bivio più importante della loro vita, dovranno decidere da che parte andare consapevoli che, una volta imboccata una strada, non si potrà più tornare indietro.

(source: Bol.com)

Fino all’ultimo passo

Due ragazzi segnati dal dolore. Due anime in cerca della verità.
Charlie non riesce a dimenticare il passato. La sua vita è stata segnata da terribili incidenti di percorso. La danza è da sempre il suo porto sicuro.
Paul non vuole essere ricordato per le sue azioni trascorse. Lotta con tutto se stesso per liberarsi dalle catene di una vita sregolata, all’insegna degli eccessi, dei soldi facili e delle compagnie sbagliate.
Entrambi lottano per qualcosa. Entrambi vogliono voltare le spalle al passato e abbracciare un futuro diverso. Nessuno dei due, però, desidera instaurare un rapporto con l’altro/a.
Charlie disprezza Paul per il suo passato; Paul non crede nei sentimenti e nelle relazioni monogame. Alle volte, però, non si ha altra scelta che guadare la realtà con lenti diverse, dimenticando le proprie abitudini e abbracciando una nuova visione del mondo.
Paul sa bene cosa significa cambiare vita, ma non sa che chi scherza troppo con il fuoco, prima o poi si brucia…

La fine della storia

**IL RITORNO AL ROMANZO DI UN AUTORE DA
7 MILIONI DI COPIE IN ITALIA**
Juan Belmonte, dopo aver combattuto tante battaglie – prima fra tutte quella al fianco di Salvador Allende – da anni ha deposto le armi e vive tranquillo in una casa sul mare nell’estremo sud del Cile, insieme alla sua compagna Verónica, che non si è mai completamente ripresa dopo le torture subite all’epoca della dittatura. Belmonte è un uomo stanco, disilluso, restio a scendere in campo. Ma il passato torna a bussare alla sua porta. I servizi segreti russi, che conoscono bene il suo curriculum di esperto di guerra sotterranea e infallibile cecchino, hanno bisogno di lui. Sul fronte opposto, c’è il piano ordito da un gruppo di nostalgici di stirpe cosacca, decisi a liberare dal carcere Miguel Krassnoff, discendente diretto dell’ultimo atamano, la cui famiglia riuscì a riparare in Cile dopo la Seconda guerra mondiale. Krassnoff, ufficiale dell’esercito cileno durante la dittatura militare, al momento sta scontando numerose condanne per crimini contro l’umanità. E Belmonte ha un ottimo motivo per odiare «il cosacco», un motivo strettamente personale… Dalla Russia di Trockij al Cile di Pinochet, dalla Germania di Hitler alla Patagonia di oggi, il nuovo romanzo di Luis Sepúlveda attraversa la storia del Novecento, raccontandone grandezze e miserie, per giungere infine alle pagine drammatiche in cui Belmonte gioca la sua partita finale.
**
### Sinossi
**IL RITORNO AL ROMANZO DI UN AUTORE DA
7 MILIONI DI COPIE IN ITALIA**
Juan Belmonte, dopo aver combattuto tante battaglie – prima fra tutte quella al fianco di Salvador Allende – da anni ha deposto le armi e vive tranquillo in una casa sul mare nell’estremo sud del Cile, insieme alla sua compagna Verónica, che non si è mai completamente ripresa dopo le torture subite all’epoca della dittatura. Belmonte è un uomo stanco, disilluso, restio a scendere in campo. Ma il passato torna a bussare alla sua porta. I servizi segreti russi, che conoscono bene il suo curriculum di esperto di guerra sotterranea e infallibile cecchino, hanno bisogno di lui. Sul fronte opposto, c’è il piano ordito da un gruppo di nostalgici di stirpe cosacca, decisi a liberare dal carcere Miguel Krassnoff, discendente diretto dell’ultimo atamano, la cui famiglia riuscì a riparare in Cile dopo la Seconda guerra mondiale. Krassnoff, ufficiale dell’esercito cileno durante la dittatura militare, al momento sta scontando numerose condanne per crimini contro l’umanità. E Belmonte ha un ottimo motivo per odiare «il cosacco», un motivo strettamente personale… Dalla Russia di Trockij al Cile di Pinochet, dalla Germania di Hitler alla Patagonia di oggi, il nuovo romanzo di Luis Sepúlveda attraversa la storia del Novecento, raccontandone grandezze e miserie, per giungere infine alle pagine drammatiche in cui Belmonte gioca la sua partita finale.

La fine della cultura. Saggio su un secolo in crisi di identità

Qual è il destino della nostra cultura ora che il mondo in cui è nata non esiste più? Eric Hobsbawm ha dedicato ampio spazio ai mutamenti, profondi e irreversibili, che hanno costellato la storia sociale e culturale del Novecento. Questi saggi, in gran parte inediti e qui per la prima volta raccolti in volume, tracciano la storia tutt’altro che lineare della nostra cultura per metterne in luce le tortuosità, le involuzioni, ed esplorarne le prospettive. Lo fanno spaziando da quel poderoso carico di credenze e valori che è stata la civiltà borghese mitteleuropea al mito americano del cowboy, da Paul Klee a Vivienne Westwood, fino alla straordinaria ondata di produzione creativa degli ultimi anni. Materiali, idee, storie personali e collettive che del secolo breve, ma interminato, echeggiano tutta la complessità, le interferenze, gli attriti.

La fine dell’eternità

In un futuro ancora molto lontano l’uomo ha imparato a viaggiare nel tempo, spostandosi con disinvoltura da un secolo all’altro e organizzando traffici commerciali tra ere diverse. Il viaggio nel tempo permette anche di tenere l’umanità sotto rigido controllo, modificando tutto ciò che potrebbe provocare gravi turbamenti nella storia. A effettuare i cambiamenti sono delegati gli analisti e i tecnici della chiusa casta degli Eterni, gli unici in grado di manipolare passato e futuro. Un giorno però Andrew Harlan, un giovane Eterno, si trova di fronte a una scelta atroce: salvare l’eternità o il suo amore, e non avrà dubbi. Uno dei più brillanti romanzi di Isaac Asimov, una sconcertante epopea che si pone come alternativa possibile all’universo dei robot, dell’Impero Galattico e della Fondazione.
**

La fine del mondo

Ogni cultura ha predetto inutilmente la sua fine, noi stessi siamo figli di catastrofi altrui. Estinzioni di massa e colossali ecatombi del passato hanno infatti più volte segnato un nuovo inizio per altre forme di vita. La “catastrofe”, intesa come resa dei conti finale con la storia, ci affascina da sempre perché soddisfa bisogni psicologici e vincoli cognitivi, magnificamente rappresentati dall’immaginario classico della fine del mondo interpretata come catarsi risolutiva, punizione, vendetta. Il 21 dicembre 2012 – presunto compiersi di un ciclo di calendario dei maya – segna ancora una volta l’avvicinarsi di una fine imminente. Telmo Pievani ci accompagna in un viaggio fino alla fine del mondo guidandoci attraverso le parole chiave dell’attesa: apocalisse, disastro, nemesi, estinzione. Tra scienza, filosofia e letteratura, un messaggio di umiltà evoluzionistica e di accettazione della contingenza della vita sulla Terra, per decidere che cosa fare quando anche questa volta il mondo non sarà finito.
**

La fine del gioco

E’ il quinto e ultimo volume della Saga dei Belgariad. La caccia all’Occhio di Aldur si è conclusa, ma Garion, che da contadino è diventato re di Riva, deve ancora affrontare e sconfiggere il maligno Torak, deciso a tutto pur di ottenere la sua vendetta. Un ultimo viaggio attende Garion e lo scontro finale con il dio Torak nella Città della Notte. Così la profezia sarà compiuta; Garion potrà tornare a Riva a vegliare sull’occhio, sposerà la principessa Ce’ Nedra e i loro successori regneranno nei secoli.
**

La fine del dominio

Jan Dorvin, che un tempo aveva osato sfidare il dominio dei Signori dell’Aria, gigantesche e invincibili aeronavi che dominano la Terra del futuro distrutta dalle Guerre Genetiche, è ora prigioniera e Shangri La, il fantastico habitat costruito nell’Antartide dagli Eloi, esseri umani modificati geneticamente. Intanto nei cieli lo scontro tra le potenti aeronavi continua, mentre Ashley, un imprevedibile programma di computer, si unisce ancora una volta alle oscure macchinazioni dell’ineffabile Milo Haze. Ma nel frattempo, qualcuno dalle profondità dello spazio riesce dopo molti anni a mettersi in contatto con la Terra e una nuova inattesa variabile entra in gioco… Si conclude in uno spettacolare crescendo la trilogia dei “Signori dell’Aria”.

Finché suocera non ci separi!

Finché suocera non ci separi!
è secondo libro della serie Cara, ti odio!, dopo Cara cognata, ti odio!
“Cara suocera, ti odio!
Con quella tua faccina cadente e raggrinzita da sessantacinquenne, mi sorridi dolcemente, quando dentro di te stai pensando alla prossima frecciatina per farmi sentire inutile, insulsa, instabile, inadeguata, insipida, incompleta, inerme, inadempiente, insoddisfatta… tutta una serie di aggettivi che iniziano per IN che ti piacciono tanto, per potermi dominare e annientare.” (cit.)
Può una suocera essere così invadente, arrogante e prepotente da distruggere una famiglia? O essere così perfida da ingiuriare e calpestare l’onestà di una nuora per screditarla agli occhi del proprio marito e del mondo?
Può essere così infida da minare la sua autostima e annichilirla fino a farne la propria bambolina di giochi perversi? O essere così subdola e diabolica da raggirare e triangolare, per creare zizzania all’interno della coppia?
Clarissa può! Infatti si presenta a casa di Daphne e Andrea, al ritorno dal loro viaggio di nozze, e non se ne va mai più. Quella che doveva essere una visita di piacere, diventa un incubo per Daphne che, anche questa volta, sarà costretta ad andare in terapia per ritrovare la propria identità e la propria famiglia.
“Finché suocera non ci separi!” è il secondo libro della serie “Cara, ti odio!”, dopo “Cara cognata, ti odio!”
Questa serie vuole raccontare con ironia e sarcasmo tutta una gamma di relazioni problematiche di personaggi, caricature di se stessi, con cui quotidianamente ci scontriamo, spesso portate al limite del paradosso, del buonsenso e della comprensione.
Entrambi i libri sono autoconclusivi, sebbene nel secondo vi siano rimandi al primo.
**
### Sinossi
Finché suocera non ci separi!
è secondo libro della serie Cara, ti odio!, dopo Cara cognata, ti odio!
“Cara suocera, ti odio!
Con quella tua faccina cadente e raggrinzita da sessantacinquenne, mi sorridi dolcemente, quando dentro di te stai pensando alla prossima frecciatina per farmi sentire inutile, insulsa, instabile, inadeguata, insipida, incompleta, inerme, inadempiente, insoddisfatta… tutta una serie di aggettivi che iniziano per IN che ti piacciono tanto, per potermi dominare e annientare.” (cit.)
Può una suocera essere così invadente, arrogante e prepotente da distruggere una famiglia? O essere così perfida da ingiuriare e calpestare l’onestà di una nuora per screditarla agli occhi del proprio marito e del mondo?
Può essere così infida da minare la sua autostima e annichilirla fino a farne la propria bambolina di giochi perversi? O essere così subdola e diabolica da raggirare e triangolare, per creare zizzania all’interno della coppia?
Clarissa può! Infatti si presenta a casa di Daphne e Andrea, al ritorno dal loro viaggio di nozze, e non se ne va mai più. Quella che doveva essere una visita di piacere, diventa un incubo per Daphne che, anche questa volta, sarà costretta ad andare in terapia per ritrovare la propria identità e la propria famiglia.
“Finché suocera non ci separi!” è il secondo libro della serie “Cara, ti odio!”, dopo “Cara cognata, ti odio!”
Questa serie vuole raccontare con ironia e sarcasmo tutta una gamma di relazioni problematiche di personaggi, caricature di se stessi, con cui quotidianamente ci scontriamo, spesso portate al limite del paradosso, del buonsenso e della comprensione.
Entrambi i libri sono autoconclusivi, sebbene nel secondo vi siano rimandi al primo.

Finché non sei arrivato tu… (eLit)

Chi di voi non ha sognato di imbattersi, ad anni di distanza, nell’uomo che le ha spezzato il cuore scagli la prima pietra. Magari in una serata in cui siete in forma smagliante, al braccio del vostro fidanzato bellissimo, stupendo e super innamorato che non riesce a tenere le mani a posto nemmeno in pubblico. Non riesce a non accarezzarvi, a non posarvi un bacio sul collo o a mascherare la propria felicità. E a un tratto… no, non può essere lui, l’uomo che ha trattato il vostro cuore come uno staccio, ci si è pulito i piedi e lo ha buttato in un bidone. Oh, ma gli anni non sono stati clementi, con lui, poverino…
Peccato che a Posey Osterhagen non sia successo esattamente così. La divisa da cameriera del ristorante di famiglia, con quei nanetti ricamati e i collant verdi, non ha proprio l’effetto di esaltare la sua bellezza, quando Liam Declan Murphy fa il suo ingresso. Ancora bello e affascinante come un tempo, porta scritta in faccia la parola guai.
**
### Sinossi
Chi di voi non ha sognato di imbattersi, ad anni di distanza, nell’uomo che le ha spezzato il cuore scagli la prima pietra. Magari in una serata in cui siete in forma smagliante, al braccio del vostro fidanzato bellissimo, stupendo e super innamorato che non riesce a tenere le mani a posto nemmeno in pubblico. Non riesce a non accarezzarvi, a non posarvi un bacio sul collo o a mascherare la propria felicità. E a un tratto… no, non può essere lui, l’uomo che ha trattato il vostro cuore come uno staccio, ci si è pulito i piedi e lo ha buttato in un bidone. Oh, ma gli anni non sono stati clementi, con lui, poverino…
Peccato che a Posey Osterhagen non sia successo esattamente così. La divisa da cameriera del ristorante di famiglia, con quei nanetti ricamati e i collant verdi, non ha proprio l’effetto di esaltare la sua bellezza, quando Liam Declan Murphy fa il suo ingresso. Ancora bello e affascinante come un tempo, porta scritta in faccia la parola guai.

Finché non cala il buio

Sookie Stockhouse fa la cameriera in una piccola cittadina della Louisiana. È una persona tranquilla e riservata, che se ne sta per i fatti suoi e non ha amici con cui uscire… non perché non sia graziosa, no, anzi. Il problema è solo che… ecco, Sookie soffre di quella che considera una sorta di “infermità”: è in grado di leggere nella mente della gente, e questo non la rende un soggetto facile con cui avere una relazione. E poi arriva Bill. È alto, bruno, avvenente… inoltre Sookie non riesce a sentire una sola parola di quello che lui sta pensando. Esattamente il genere di uomo che ha aspettato per tutta la vita. Però anche Bill ha un problema: è un vampiro che gode di una cattiva reputazione e frequenta tipi strani, perfino sospettati di efferati delitti. E quando uno dei colleghi di lavoro di Sookie viene ucciso, lei comincia a temere di poter essere la prossima vittima…
(source: Bol.com)

Finché morte non ci separi

In una notte di giugno, qualcuno uccide il commissario di polizia David Lindholm nel suo letto: un colpo alla testa e uno al ventre. La moglie Julia è in stato di shock, il figlio di quattro anni scomparso. E su Julia che si concentrano tutti i sospetti, sembra trattarsi di una vendetta per gelosia. Ma è davvero così? E davvero David Lindholm era un poliziotto esemplare come tutti sostengono? Annika Bengtzon, sopravvissuta all’incendio della propria casa e rientrata a pieno ritmo alla redazione della Stampa della sera, è convinta che le indagini abbiano seguito una pista sbagliata. Ma deve lei stessa capire quali siano i motivi che la spingono a cercare con tanto accanimento la verità. È la sua passione per la giustizia, o forse sta solo identificandosi con il destino di una donna tradita? La sua nuova inchiesta la porta all’interno del corpo di polizia e nel cuore del sistema giudiziario, costringendola a un confronto con se stessa e a rimettere ordine nella sua vita, così sconvolta dalla gelosia.
**