43393–43408 di 72802 risultati

Tocco da chef (eLit)

Sono passati molti anni dalla loro breve liaison, ma nessuno dei due ha dimenticato quanto la loro intesa fosse perfetta. Ora Jamie è un famoso e richiestissimo chef, mentre la carriera di Ethan è stata più lenta, anche se piena di soddisfazioni, visto che gli ha consentito di lavorare in un raffinato ristorante di Seattle che spera un giorno di poter rilevare. Alla sua felicità però manca qualcosa… qualcosa che solo Jamie, con il suo tocco sensuale e sapiente, è capace di dargli…

(source: Bol.com)

Toccalossi e l’impicciona. La nuova indagine del giudice Toccalossi

Impegni, lavoro, scadenze, obiettivi da raggiungere. Chi di noi non ci è cascato? Una vita di corsa, sempre sul filo del rasoio. Poi un giorno qualcosa si rompe: un incidente, un lutto, una forte delusione o anche – perché no? – la gioia di un innamoramento. Da quel momento tutto cambia. Di noi, di quello che eravamo un tempo, non rimane più nulla, neanche il ricordo, nemmeno il solco di una lacrima. Un Toccalossi sempre più esistenzialista e stanco, costretto suo malgrado a seguire un’indagine fitta di misteri: il caso di un uomo finito sotto il treno, forse per pura disgrazia, forse perché qualcuno ce l’ha spinto. Anche Nerina, la settantanovenne vicina di casa della vittima, vuole fare chiarezza e lo fa a modo suo, ficcando il naso a destra e a sinistra. Si è trattato di un omicidio? E chi sono gli assassini? Poco importa. Con una scrittura fresca, delicata e a tratti commovente, l’autore si diverte a fondere insieme i due schemi classici del noir: quello che vede protagonista un inquirente e quello che affida il caso a un semplice ficcanaso curioso. Entrambi possono arrivare a una plausibile soluzione del mistero che non sempre però corrisponde alla verità. Un’altra grana per Toccalossi: il magistrato/filosofo a cui è difficile non affezionarsi, da sempre interessato più ai casi umani che a quelli giudiziari.
(source: Bol.com)

Toccalossi e il fascicolo del ’44

E’ appena passato Natale. Il Procuratore Toccalossi e gli uomini del capitano Maugeri potrebbero godersi un po’ di riposo e prepararsi alle vacanze di capodanno. Ma in Darsena una costosa barca viene incendiata la notte del 27 dicembre. Un’inchiesta fiacca che stenta a partire e che potrebbe non portare a nulla. Come l’altro caso a cui Toccalossi sta lavorando: un omicidio avvenuto nel 1944, alla fine della guerra. Un sergente della Divisione San Marco ha sparato a un soldato del suo reggimento, con una raffica di mitra. Il fascicolo, per una serie di meccanismi burocratici, è giunto sul suo tavolo sessant’anni dopo il fatto. Cos’è successo veramente quel 12 agosto del 1944? Perché nessuno ha indagato prima? E, soprattutto, dove passerà lui, l’ultimo dell’anno? Assalito dal ricordo di un amore giovanile e tampinato dalla sua assistente Erminia, invaghitasi di lui, Toccalossi dedica anima e corpo alla soluzione dei due casi con una salda convinzione: l’inquirente ha una sola strada preclusa ed è quella del pregiudizio. Dentro ogni fascicolo c’è la vita delle persone. Un magistrato non ha o non dovrebbe avere nemici da combattere, ma verità da far emergere, piccole o grandi che siano.
(source: Bol.com)

Toccalossi e il boss Cardellino

Ferragosto: quale giorno migliore per iniziare a stilare una complessa requisitoria su un traffico di immigrati cinesi clandestini?
L’ennesimo espediente di Toccalossi per procrastinare la partenza per le tanto detestate vacanze.
Il maresciallo Centofanti, suo aiutante, non si tira indietro e resta a fargli compagnia, fotocopiando migliaia di fogli. Ma, a sera, la carta per le fotocopie è esaurita. Centofanti inizia a rovistare ovunque per trovarne un po’. In un cassetto rinviene per caso una foto che ritrae Toccalossi giovane: una foto del 1977 alla quale è pinzata una lettera, una missiva che inequivocabilmente sancisce la fine di una storia d’amore. Centofanti, incuriosito, cerca di saperne di più. Toccalossi lo accontenta raccontando con nostalgia la storia di quello scatto. Nella sua prima indagine si occupò di dare la caccia al boss Vito Cardella, in arte Cardellino, uno spaccone di periferia ambizioso e spregiudicato, desideroso di unirsi al clan dei marsigliesi per importare in Italia la droga. Un agosto insolito, passato in ufficio, tra ricordi, lavoro e imprevisti che fanno spostare ulteriormente (e con gioia) la data delle tanto bistrattate ferie.
(source: Bol.com)

Toccalossi cerca casa

“Il mio erede sarà chi il tesoro troverà”.
Questa la curiosa disposizione testamentaria lasciata ai suoi quattro nipoti dal ricco imprenditore Alberto Chilli. Lo zio, dopo una vita di successo, ha deciso di ritirarsi dagli affari e di lasciarsi morire. Ha venduto tutti i suoi beni, chiuso le aziende e dettato al notaio le sue ultime volontà. Ma quale sarà questo tesoro che i nipoti dovranno trovare? Lo zio era sano di mente o qualcuno ha influito sulla sua capacità d’intendere e di volere? C’entra qualcosa il suo contabile Aurelio Cortellesi? Potrebbe trattarsi di un semplice caso di circonvenzione d’incapace ma l’ex Procuratore della Repubblica di Savona, Lorenzo Toccalossi, da poco trasferito a Genova a dirigere la Procura Antimafia, messo in allerta dal suo vicino di casa, il notaio che ha redatto il testamento, decide di dargli una mano. Non è più lui deputato a svolgere indagini ma vuole vederci chiaro e decide di occuparsi ufficiosamente di questa vicenda. Nel frattempo sta cercando casa, aiutato da una sempre più audace Erminia, la sua ex assistente, ormai completamente innamorata di lui. Un’indagine condotta nell’ombra, da cui emergerà una vicenda tenuta nascosta per mezzo secolo.
(source: Bol.com)

Tocca l’acqua, tocca il vento

Nel 1939, mentre i tedeschi avanzano in Polonia, Elisha Pomerantz, piccolo orologiaio ebreo con la passione della matematica e della musica, scappa nella foresta, lasciandosi dietro la bella e intelligente moglie Stefa. Stefa non si rende conto del pericolo, ma quando la situazione precipita, si chiude in casa, poi viene travolta anche lei dalla tempesta della guerra. Elisha, dopo aver errato per i boschi europei, arriva prima in Grecia e poi in Israele, dove trova rifugio in un piccolo kibbutz, e silenziosamente si rimette a riparare gli orologi, a cercare la musica nella matematica e la matematica nella musica. Stefa, invece, deportata in Unione Sovietica, è costretta a diventare una spia staliniana. E sognano di rivedersi. Tocca l’acqua, tocca il vento è un romanzo insolito per Amos Oz. Venato di realismo magico, ricco di simboli e di speculazioni filosofiche, a tratti misterioso, con momenti di grande dolcezza, racconta la fuga degli ebrei dallo sterminio europeo.

Il tizio della tomba accanto

Desirée si reca regolarmente alla tomba del marito, che ha avuto il cattivo gusto di morire troppo giovane. Bibliotecaria e cittadina, vive in un appartamento tutto bianco, con mobili di design, pieno di libri. Al cimitero incontra spesso un tipo che si prende cura della tomba accanto, realizzata con cattivo gusto, piena di angeli e decorazioni in marmo e circondata da una vegetazione strabordante. Il tipo si chiama Benny, il quale, dopo la morte della madre, vive solo nella fattoria di famiglia con ventiquattro mucche da latte e cerca di cavarsela come può, aiutato dal buonsenso paesano e da una gran dose di autoironia. Ogni volta che la incontra, è esasperato dalla vicina di cimitero, con quel berretto di feltro in testa e il piccolo taccuino di poesie sempre dietro. Un giorno però, un sorriso appare contemporaneamente sulle loro labbra, lasciandoli piuttosto turbati. È solo l’inizio di una passione bizzarra e sfrenata… Con romanticismo e humour, questo romanzo d’amore affronta una questione molto seria: cosa succede quando due culture completamente diverse si incontrano?

Tito Andronico

Il vittorioso generale romano Tito Andronico conduce con sé come bottino di guerra la regina dei Goti Tamora e i suoi tre figli, dei quali il più anziano viene sacrificato da uno dei figli di Tito. L’imperatore Saturnino e suo fratello Bassiano chiedono entrambi la mano di Lavinia, figlia di Tito. Saturnino sposa però Tamora, che assieme all’amante Aronne il Moro decide di vendicarsi su Tito per la morte del figlio. I due figli che le sono rimasti uccidono Bassiano e rapiscono Lavinia, tagliandole mani e lingua. I due figli di Tito vengono accusati dell’omicidio di Bassiano e Aronne dice a Tito che saranno perdonati solo se lui si taglierà una mano. Ma, invece di liberarli, il Moro rimanda a Tito la sua mano e le teste dei suoi figli. Tito impazzisce e uccide i figli di Tamora, e glieli serve come banchetto. Quindi uccide Lavinia, il suo figlio più giovane e l’imperatrice Tamora. Viene a sua volta ucciso da Saturnino, che muore per mano dell’ultimo figlio di Tito, Lucio, che diverrà il nuovo imperatore e condannerà a una morte atroce, sepolto vivo nella terra, Aronne.

Titanic. La vera storia

Quello di Walter Lord è il resoconto più fedele e toccante del più grande disastro marittimo del Novecento. A *Titanic. La vera storia* fanno infatti riferimento tutte le ricostruzioni anche cinematografiche – dal film di Kenneth More *Titanic, latitudine 41 nord* del 1958, al colossal pluripremiato di James Cameron del 1997 – che rievocano la notte del 14 aprile 1912, e le interminabili ore trascorse tra l’urto contro l’iceberg, alle 23,40, e la mattina seguente, quando i superstiti vennero soccorsi.
Quella tragedia continua a commuovere il mondo intero: delle 2207 persone a bordo di quella nave «inaffondabile» se ne salvarono solo 705.
Intervistando i superstiti con la spregiudicatezza e lo scrupolo del grande giornalista, ricostruendo i fatti con la precisione dello storico, Walter Lord racconta in presa diretta l’affondamento del Titanic. Illustra i risvolti tecnici, chiarisce dubbi e misteri; e soprattutto dà la parola a chi ha vissuto quell’evento in prima persona: milionari ed emigranti, ufficiali e marinai, donne e bambini.
Pubblicato per la prima volta nel 1955 e immediatamente accolto con enorme successo, *Titanic. La vera storia* è la ricostruzione scrupolosa di quello che accadde nel gelido mare tranquillo, sotto un cielo stellato, in quella terribile notte.

Tiro Al Bersaglio

«*Il commissario Lucchesi possiede il fiuto, quell’istinto animale che lo porta a cogliere il dettaglio diabolico della verità. È il suo mestiere, il suo senso di stare a questo mondo*»
**Corriere della sera**
Una mattina, all’alba, lo squillo del telefono tira giù dal letto il commissario Lucchesi: c’è stata una rapina al quartiere milanese QT8 ai danni di un vecchio droghiere, rimasto ucciso da un colpo di fucile a canne mozze. Poche ore dopo, la Omicidi è di nuovo chiamata in gioco al gran completo: in un appartamento del centro un uomo è stato trovato morto, la testa spaccata da un colpo di martello.
In entrambi i casi, le piste si moltiplicano: dietro l’apparente normalità delle due vittime, infatti, gli inquirenti scoprono verità torbide, una fitta rete di tradimenti e bugie, ricatti e sotterfugi, traffici illeciti e sporchi inganni… Per stilare una lista dei sospetti, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il commissario Lucchesi, pur amando muoversi da solo, questa volta sa che dovrà avvalersi della collaborazione di tutta la squadra. Nel frattempo, un dramma personale travolge la sua compagna, Lucia Anticoli, e tra loro nulla potrà più essere come prima…
È una Milano amara e violenta la protagonista di questo nuovo romanzo di Gianni Simoni, dove tra i muri delle case si consumano in silenzio delitti squallidi, terribili, prodotti da una triste combinazione di solitudine, povertà e delinquenza spicciola.

**Gianni Simoni**, ex magistrato, ha condotto quale giudice istruttore indagini in materia di criminalità organizzata, di eversione nera e di terrorismo. Presso Garzanti ha pubblicato * *Il caffè di Sindona* *, in collaborazione con Giuliano Turone. * *Tiro al bersaglio* * è la sesta delle indagini del commissario Andrea Lucchesi, pubblicate dalla TEA insieme alla serie dedicata ai casi di Petri e Miceli.

Tira la bomba

Giuliano, Mirko, Stefano. Un’amicizia lunga cinquant’anni. Tre ragazzini persi nei loro giochi, accomunati da vite semplici vissute nel perimetro dello stesso rione, scoprono una bomba rimasta inesplosa nel corso della Seconda guerra mondiale. È pericolosa ma anche molto affascinante, un talismano, un segreto che li unisce e che dà forma al loro legame: la bomba diventa il loro alibi, il loro scudo, l’oggetto magico a cui ricorrere tutte le volte che si sentono insicuri o in difficoltà.

Timescape

1998: a causa di un’inarrestabile catastrofe ecologica, la Terra lentamente sta morendo. Ogni sforzo è vano: l’inquinamento degli oceani ha prodotto un plancton letale che uccide ogni forma di vita marina e minaccia di attaccare anche la terraferma. In un mondo sull’orlo della disperazione, un piccolo gruppo di scienziati dell’Università di Cambridge studia le possibili applicazioni di alcune avanzate conoscenze sui tachioni (ovvero particelle subatomiche in grado di viaggiare ad una velocità superiore a quella della luce e quindi, secondo la teoria della relatività, a ritroso nel tempo). Il loro piano è pazzesco: inviare un messaggio nel punto dello spazio occupato dalla Terra pochi decenni prima e avvertire così le precedenti generazioni perché tentino di scongiurare il disastro a cui stanno per andare incontro…
1962: nel clima di grande euforia scientifica che si respira in California, Gordon Bernstein, un giovane professore di fisica, è alle prese con alcuni esperimenti vanificati da misteriose interferenze. Ma quando comincia ad intuire la verità, e cioè che qualcuno sta cercando di comunicare dal futuro, capisce anche che lo attende un compito immane: convincere il resto del mondo di ciò che sta avvenendo. E dovrà essere una corsa disperata perché solo decifrando rapidamente il messaggio sarà possibile per l’umanità salvarsi da un futuro…già accaduto.

Tifone

«Di tempeste ne aveva incontrate, naturalmente. Era stato bagnato fino all’osso, sbattuto, travagliato… Ma non aveva mai intravisto la forza incommensurabile e la collera smodata, la collera che passa e si esaurisce senza mai placarsi – la collera e la furia del mare irritato. Egli sapeva che ciò esiste, come sappiamo che esiste il delitto e l’odio; ne aveva udito parlare come un pacifico cittadino sente di battaglie, carestie, inondazioni, senza che ne conosca il significato… Il capitano MacWhirr aveva navigato sulla distesa degli oceani cosí come tanti uomini scivolano sugli anni dell’esistenza per scendere dolcemente in una placida tomba…» (Dal libro)

Tienimi con te

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI NON CAMBIARE MAI The Secret Series Un fenomeno editoriale Dall’autrice del bestseller Non lasciarmi andare 2 milioni di lettori Una storia romantica e passionale Un amore forte e travolgente Un legame impossibile da spezzare Ella e Micha hanno affrontato il dolore, la perdita, la disperazione. E hanno finalmente conosciuto l’amore. Quando erano insieme tutto sembrava possibile, ma ora a dividerli ci sono centinaia di chilometri. Ella è tornata a scuola, alla vita “normale” che ha saputo costruirsi, e cerca di non pensare ai segreti dolorosi del passato e alla struggente nostalgia per Micha. Lui le manca da morire, ma Ella sa che, se lo ama davvero, deve dargli la possibilità di seguire i propri sogni. Micha trascorre le giornate in viaggio con la sua band, ma stare lontano da Ella è più difficile di quanto immaginasse. Il suo cuore e il suo corpo vorrebbero starle accanto, sempre. Micha però sa che non sarebbe giusto chiederle di lasciare il college.. I pochi momenti che i due ragazzi riescono a passare insieme sono intensi e carichi di passione. Ma non sono sufficienti a saziare il bisogno che hanno l’uno dell’altra. E come se non bastasse, un nuovo dramma minaccia di sconvolgere il loro già fragile mondo, dividendoli per sempre… Un clamoroso caso editoriale in vetta alle classifiche italiane «The secret series è stato il caso editoriale americano dell’anno. Il primo volume è già in classifica e si avvia a diventare il nuovo Cinquanta sfumature.» Vanity Fair «Il segreto del successo è la passione, unita a un segreto doloroso che ha allontanato Ella e Micha, migliori amici trasformati in qualcosa di più.» Panorama.it I commenti delle lettrici italiane: «Questo libro è veramente struggente! Uno di quei libri che ti creano una confusione interna, quelli che vorresti leggere d’un fiato ma che al tempo stesso hai paura di finire troppo presto perché lo adori. Splendido!» Viola «Bellissima la storia e bellissimi loro. Leggere il libro è stato vivere insieme a loro ogni momento. Consigliatissimo.» Vanessa «Questo libro mi ha emozionato come pochi. L’ho letto in un giorno e mezzo: non riuscivo a fermarmi.» Claudia «Mi è piaciuto un sacco questo libro!!! Non vedevo l’ora di tornare a casa dal lavoro per leggerlo!! Ti tiene in trepidazione fino alla fine!» AliceJessica SorensenVive con il marito e i tre figli tra le montagne innevate del Wyoming. I suoi romanzi sono casi editoriali nati dal self-publishing che hanno scalato in breve tempo le classifiche internazionali. La Newton Compton ha già pubblicato i primi capitoli di The Secret Series, che hanno conquistato centinaia di migliaia di lettori anche in Italia.

Ti vengo a cercare

New York. La città dove si sente a casa anche chi non appartiene a nessun luogo. È qui che Ethan Whitaker, cogliendo con una lucidità priva di scrupoli le occasioni che la vita gli ha regalato, ha saputo costruirsi una strepitosa carriera coronata dal successo e dalla fama. Ora Ethan è uno psicanalista ricco e affermato, popolarissimo grazie ai programmi TV a cui partecipa regolarmente. Ma quale prezzo ha pagato per arrivare fin qui? Un giorno ormai molto lontano, Ethan ha scelto di rinnegare d’un tratto il suo passato e la sua identità, abbandonando senza preavviso quanti gli volevano bene per voltare pagina e provare a conquistare la sua parte di sogno americano. E oggi, una mattina come tante, il passato ha deciso di presentargli il conto. Al suo arrivo in studio, Ethan trova ad attenderlo Jessie, una misteriosa ragazzina che dopo avergli rivolto una disperata richiesta d’aiuto si toglie la vita davanti ai suoi occhi. Più tardi, uno strano tassista conduce un attonito Ethan al matrimonio di Celine, l’unico amore della sua vita, la donna che tanti anni prima lui aveva crudelmente tradito sparendo senza spiegazioni. Solo adesso Ethan capisce che, forse, il destino gli sta offrendo un’altra possibilità, l’occasione di rimediare ai suoi errori e riconquistare se stesso, Celine, la felicità. Sempre che non sia troppo tardi.
**

Ti vedo per la prima volta

Josephine ha grandi occhi verdi e un sorriso contagioso, nonostante la vita l’abbia presto messa alla prova costringendola a convivere con una malattia che le rende difficili anche le azioni più semplici, e che lei esorcizza tramite la fotografia, grazie a una vecchia polaroid appartenuta a sua madre. Anche se lei, in realtà, sua madre non l’ha mai conosciuta. Anzi, l’ha creduta morta per anni e, quando ha scoperto la verità, ormai era troppo tardi. In compenso però ha trovato una nuova famiglia: tre fratellastri di cui non ha mai sospettato l’esistenza. Carlotta, Emilia e Lorenzo. Arrivata a Roma per scoprire qualcosa di più del suo passato e del suo inaspettato presente, Josephine è subito stregata dal romanticismo della città eterna. Abituata a guardarne le immagini in televisione o al cinema o sui libri, vedere dal vivo tanta meraviglia le dà quasi alla testa. Così, mentre il suo cicerone d’eccezione, Lorenzo, la guida attraverso i luoghi preferiti dalla madre e alla scoperta di incantevoli angoli nascosti, Josephine deve ammettere a se stessa che è pressoché inevitabile innamorarsi di Roma, così come di quel ragazzo dagli occhi gentili… Mentre il suo libro d’esordio, Il primo caffè del mattino, si prepara a diventare presto un film, Diego Galdino torna in libreria con un nuovo romanzo che porta con sé gli speciali ingredienti del suo primo successo: una dolcissima storia d’amore e tutta la magia di Roma.