417–432 di 65579 risultati

Mr Mercedes

All’alba di un giorno qualsiasi, davanti alla Fiera del Lavoro di una cittadina americana colpita dalla crisi economica, centinaia di giovani, donne, uomini sono in attesa nella speranza di trovare un impiego. Invece, emergendo all’improvviso dalla nebbia, piomba su di loro una rombante Mercedes grigia, che spazza via decine di persone per poi sparire alle prime luci del giorno. Il killer non sarà mai trovato. Un anno dopo William Hodges, un poliziotto da poco in pensione, riceve il beffardo messaggio di Mr. Mercedes, che lo sfida a trovarlo prima che compia la prossima strage. Nella disperata corsa contro il tempo e contro il killer, il vecchio Hodges può contare solo sull’intelligenza e l’esperienza per fermare il suo sadico nemico. Inizia quindi un’incalzante caccia all’uomo, una partita a scacchi tra bene e male, costruita da uno Stephen King maestro della suspense.

Morte sospetta

**«Un thriller che ti incolla alla lettura ben oltre l’ora di andare a letto.» Library Journal
Autrice del bestseller *Dimmi il tuo segreto*
Tutti pensano sia stato un tragico incidente.
Solo lei conosce la verità…**
Quando la giovane artista Marianne Glass muore, i giornali parlano di un tragico incidente. Ma Rowan Winter, che un tempo è stata la sua migliore amica, sente che qualcosa non va. Marianne e tutti i Glass, infatti, sono stati per Rowan una seconda famiglia. E la loro casa piena di affetto, stimoli intellettuali e incoraggiamento è stata un rifugio sicuro. Almeno finché la sua amicizia con Marianne non si è raffreddata. Sono passati dieci anni da quando i loro rapporti si sono allentati e tutto quello che Rowan sa di Marianne l’ha appreso dai giornali: la brillante ascesa nel mondo dell’arte londinese, la relazione contrastata con il suo gallerista… Ma adesso Rowan non si dà pace. Vuole a tutti i costi scoprire la verità sulla sua morte. E ci sono alcune domande che le tolgono il sonno: qualcuno ha fatto irruzione in casa dei Glass? Chi è l’uomo che ogni notte si intravede dietro il vetro della finestra di fronte? Più scava a fondo e più si convince che c’è qualcosa che non va. Ma è vero che alcuni segreti dovrebbero rimanere sepolti…
**Bestseller internazionale
Tradotto in 14 Paesi
Ai primi posti delle classifiche inglesi**
«Una lettura emozionante che trascina verso un finale intenso.»
**Publishers Weekly**
«Una storia avvincente e intelligente che ti entra nella testa e resta lì. Davvero terrificante.»
**Heat**
«Un thriller è riuscito se, dopo aver letto l’ultima pagina, si ha voglia di tornare immediatamente alla prima, per controllare tutti gli indizi che abbiamo ignorato. In questo caso si è spinti a farlo grazie a una trama elegante, una brillante caratterizzazione dei personaggi e un colpo di scena sorprendente.»
**The Sunday Mirror**
**Lucie Whitehouse**
è nata nel 1975 e cresciuta nel Warwickshire, in Inghilterra. Ha compiuto studi classici alla Oxford University e ha cominciato a lavorare nell’editoria, dedicando ogni singolo momento libero alla scrittura. Attualmente vive a New York. Collabora con importanti testate, tra cui «Times», «Sunday Times», «Independent» ed «Elle». La Newton Compton ha già pubblicato *Dimmi il tuo segreto*. **
### Sinossi
**«Un thriller che ti incolla alla lettura ben oltre l’ora di andare a letto.» Library Journal
Autrice del bestseller *Dimmi il tuo segreto*
Tutti pensano sia stato un tragico incidente.
Solo lei conosce la verità…**
Quando la giovane artista Marianne Glass muore, i giornali parlano di un tragico incidente. Ma Rowan Winter, che un tempo è stata la sua migliore amica, sente che qualcosa non va. Marianne e tutti i Glass, infatti, sono stati per Rowan una seconda famiglia. E la loro casa piena di affetto, stimoli intellettuali e incoraggiamento è stata un rifugio sicuro. Almeno finché la sua amicizia con Marianne non si è raffreddata. Sono passati dieci anni da quando i loro rapporti si sono allentati e tutto quello che Rowan sa di Marianne l’ha appreso dai giornali: la brillante ascesa nel mondo dell’arte londinese, la relazione contrastata con il suo gallerista… Ma adesso Rowan non si dà pace. Vuole a tutti i costi scoprire la verità sulla sua morte. E ci sono alcune domande che le tolgono il sonno: qualcuno ha fatto irruzione in casa dei Glass? Chi è l’uomo che ogni notte si intravede dietro il vetro della finestra di fronte? Più scava a fondo e più si convince che c’è qualcosa che non va. Ma è vero che alcuni segreti dovrebbero rimanere sepolti…
**Bestseller internazionale
Tradotto in 14 Paesi
Ai primi posti delle classifiche inglesi**
«Una lettura emozionante che trascina verso un finale intenso.»
**Publishers Weekly**
«Una storia avvincente e intelligente che ti entra nella testa e resta lì. Davvero terrificante.»
**Heat**
«Un thriller è riuscito se, dopo aver letto l’ultima pagina, si ha voglia di tornare immediatamente alla prima, per controllare tutti gli indizi che abbiamo ignorato. In questo caso si è spinti a farlo grazie a una trama elegante, una brillante caratterizzazione dei personaggi e un colpo di scena sorprendente.»
**The Sunday Mirror**
**Lucie Whitehouse**
è nata nel 1975 e cresciuta nel Warwickshire, in Inghilterra. Ha compiuto studi classici alla Oxford University e ha cominciato a lavorare nell’editoria, dedicando ogni singolo momento libero alla scrittura. Attualmente vive a New York. Collabora con importanti testate, tra cui «Times», «Sunday Times», «Independent» ed «Elle». La Newton Compton ha già pubblicato *Dimmi il tuo segreto*.

Morte all’Acropoli: Le indagini di Apollofane

Atene, IV secolo a.C. È una notte di plenilunio. Il Partenone, che svetta sulla cima dell’Acropoli, è circondato da una luce argentea. In una brulla radura un uomo giace morto accanto a un antico altare. Sul corpo profonde lacerazioni. Un attacco che sembra più opera di una bestia che di un essere umano. Per questo tutta la città punta il dito contro Eurifemo, che da sempre viene accusato di essere un licantropo. C’è solo una persona che è pronta a difenderlo contro tutto e tutti: Apollofane, un mercante di umili origini che ha creato la sua fortuna grazie alle sue capacità e al suo ingegno. Lui sa che è innocente. E finalmente può dare seguito a quella vecchia promessa che unisce i loro destini. Ma affrontare gli abili avvocati ateniesi per dimostrare che Eurifemo non è il colpevole non è impresa facile. L’unica in grado di aiutarlo è l’etera Filossena, dagli occhi verdi come lo smeraldo più puro. Una delle poche donne di Atene che ha potuto studiare conquistando la sua indipendenza. Saggia e di grande fascino, è una filosofa stimata al pari di un uomo. Le indagini proseguono difficoltose mentre tutta la città è sconvolta per il furto del Tesoro dell’Acropoli. Proprio ora che c’è bisogno di denaro per finanziare il lungo e sanguinoso assedio alla fortezza degli odiati nemici: i macedoni. Nel caos generale, Apollofane e Filossena fanno domande, cercano indizi. Eppure tutto è più pericoloso di quanto immaginassero. Qualcuno vuole metterli a tacere attentando alla loro vita. Hanno poco tempo per ricostruire l’intricato puzzle. Un puzzle dove nemmeno il più piccolo particolare deve sfuggire. Quando capiscono che la verità può far tremare le fondamenta dell’intera Atene, non possono più fermarsi. L’omicidio dev’essere punito. Andrea Maggi è un grande appassionato di storia. Morte all’Acropoli è il suo primo romanzo, un giallo storico ambientato nell’antica Grecia. Un esordio entusiasmante. Suspense, tensione, intrigo. Due protagonisti coraggiosi, affascinanti, astuti. E sullo sfondo la mitica Atene antica, le sue divinità, i suoi traffici, le sue piazze, la sua sete di vendetta. Il thriller incontra la storia, la letteratura ha scoperto un nuovo talento. **
### Sinossi
Atene, IV secolo a.C. È una notte di plenilunio. Il Partenone, che svetta sulla cima dell’Acropoli, è circondato da una luce argentea. In una brulla radura un uomo giace morto accanto a un antico altare. Sul corpo profonde lacerazioni. Un attacco che sembra più opera di una bestia che di un essere umano. Per questo tutta la città punta il dito contro Eurifemo, che da sempre viene accusato di essere un licantropo. C’è solo una persona che è pronta a difenderlo contro tutto e tutti: Apollofane, un mercante di umili origini che ha creato la sua fortuna grazie alle sue capacità e al suo ingegno. Lui sa che è innocente. E finalmente può dare seguito a quella vecchia promessa che unisce i loro destini. Ma affrontare gli abili avvocati ateniesi per dimostrare che Eurifemo non è il colpevole non è impresa facile. L’unica in grado di aiutarlo è l’etera Filossena, dagli occhi verdi come lo smeraldo più puro. Una delle poche donne di Atene che ha potuto studiare conquistando la sua indipendenza. Saggia e di grande fascino, è una filosofa stimata al pari di un uomo. Le indagini proseguono difficoltose mentre tutta la città è sconvolta per il furto del Tesoro dell’Acropoli. Proprio ora che c’è bisogno di denaro per finanziare il lungo e sanguinoso assedio alla fortezza degli odiati nemici: i macedoni. Nel caos generale, Apollofane e Filossena fanno domande, cercano indizi. Eppure tutto è più pericoloso di quanto immaginassero. Qualcuno vuole metterli a tacere attentando alla loro vita. Hanno poco tempo per ricostruire l’intricato puzzle. Un puzzle dove nemmeno il più piccolo particolare deve sfuggire. Quando capiscono che la verità può far tremare le fondamenta dell’intera Atene, non possono più fermarsi. L’omicidio dev’essere punito. Andrea Maggi è un grande appassionato di storia. Morte all’Acropoli è il suo primo romanzo, un giallo storico ambientato nell’antica Grecia. Un esordio entusiasmante. Suspense, tensione, intrigo. Due protagonisti coraggiosi, affascinanti, astuti. E sullo sfondo la mitica Atene antica, le sue divinità, i suoi traffici, le sue piazze, la sua sete di vendetta. Il thriller incontra la storia, la letteratura ha scoperto un nuovo talento.

Mia Per Sempre

Ho combattuto contro il destino, e ho vinto. Ho stretto un patto con il diavolo per tenerla.
Doveva essere finita. Dovevamo essere felici.
Peccato che i miei nemici avessero altri piani.
Nota: Questa è la conclusione della storia di Peter & Sara. Si consiglia vivamente di leggere le trilogie *Strapazzami* e *Catturami* , prima di iniziare questo libro, poiché ci saranno importanti spoiler per quelle serie. **
### Sinossi
Ho combattuto contro il destino, e ho vinto. Ho stretto un patto con il diavolo per tenerla.
Doveva essere finita. Dovevamo essere felici.
Peccato che i miei nemici avessero altri piani.
Nota: Questa è la conclusione della storia di Peter & Sara. Si consiglia vivamente di leggere le trilogie *Strapazzami* e *Catturami* , prima di iniziare questo libro, poiché ci saranno importanti spoiler per quelle serie.

Mi Facevi Sentire Dostoevskij

**Un libro che racconta che cos’è e come funziona un ufficio stampa editoriale. **
**Un vivo racconto di ricordi, incontri, momenti eccezionali di un mestiere unico.**
**Un volume imperdibile per chiunque voglia avvicinarsi al mondo dell’editoria.**
Oltre vent’anni alla guida dell’ufficio stampa di un grande gruppo editoriale sono un’avventura unica. Valentina Fortichiari l’ha vissuta fino in fondo e ha scelto di raccogliere in questo libro ricordi, incontri memorabili, aneddoti, ma anche riflessioni approfondite, esempi concreti e indicazioni pratiche su come funziona, o dovrebbe funzionare, un ufficio stampa e come si crea e si mantiene nel tempo un rapporto di fiducia e collaborazione con gli autori, da un lato, e con i giornalisti e tutti gli altri operatori della cultura, dall’altro. Nonostante le incessanti novità tecnologiche, in un lavoro simile, la chiave decisiva è ancora il tratto umano della persona, che trova la sua espressione ultima in tre momenti fondamentali: l’educazione, il carattere, lo stile. Ed ecco perché accanto ai capitoli «teorici» si affianca una galleria di grandi personaggi: editori, autori, uomini di cultura, da Mario Spagnol a Vikram Seth, da Jostein Gaarder a Dirk Bogarde (cui è dedicato un commosso ritratto) a Ildefonso Falcones (che firma anche un’affettuosa prefazione).
Forte della sua esperienza, Valentina Fortichiari descrive e illumina ogni angolo di questo avamposto della comunicazione che, al centro della rete culturale di un Paese, ne segue l’evoluzione del costume, le mode, i dibattiti, si mantiene costantemente aggiornato sulle nuove idee e sui nuovi protagonisti, e tutto traduce con determinazione e pazienza in azione quotidiana.
**Con la prefazione di Ildefonso Falcones**

Messaggio per un’aquila che si crede un pollo

La lettura di queste pagine offre l’incontro con i concetti più alti della spiritualità attraverso storielle ed aneddoti, a volte autentiche barzellette. Il volume è quindi un libro di spiritualità, ma pensato e scritto in modo da essere per tutti, persone colte e meno colte, giovani ed adulti, credenti e non.

Mediterraneo in Guerra

Il generale «insolito», la «voce fuori dal coro» della saggistica geopolitica italiana traccia il profilo del Mediterraneo mettendo a fuoco nell’ottica della potenza militare le terre che lo circondano e i popoli che ci vivono. Il risultato è tutt’altro che scontato e rassicurante.
In quarantatre anni di servizio militare Fabio Mini è venuto a contatto diretto con tutti gli apparati di sicurezza del mondo. Ha avuto il Mediterraneo come area di responsabilità quando è stato capo di stato maggiore della Nato del sud Europa, ha percorso i luoghi della sicurezza cinese e del suo «mediterraneo », ha comandato un corpo internazionale di pace nei Balcani. Avrebbe potuto raccontare il Mediterraneo con un memoriale, oppure con un saggio storico-politico. Si sarebbe forse compiaciuto nel ricordare il passato ma non sarebbe stato stimolato a capire il futuro. In questo libro ha utilizzato perciò la propria esperienza per scoprire qualcosa che chi scrive di geopolitica in genere trascura: l’influenza della guerra, dei mezzi della guerra, della storia della guerra sulle vicende dei popoli e delle terre in cui vivono. La scoperta è banale e sorprendente al tempo stesso: il Mediterraneo non è un mare e non ha una frontiera liquida che si può espandere a piacimento. È un insieme di terre, popoli e culture diverse impregnati di sentimenti e atti di guerra. Basta guardarsi intorno per vedere i segni indelebili delle guerre, da quelle puniche a quella post-nucleare. È sorprendente perché unendo l’ottica militare a quella socio-politica si scoprono le ragioni delle infinite guerre mediterranee e i possibili sviluppi di quelle a cui stiamo assistendo.

Matematica facile: 33 trucchi dal mondo della matemagia

La matematica può essere molto divertente, sia voi abbiate 18 anni o ne abbiate 80! In questo piccolo libro elettronico ho raccolto per voi 33 trucchi dal mondo della matemagia. Per la maggior parte queste “magie” sono relativamente facili, però allo stesso tempo sono in grado di lasciare voi e i vostri amici a bocca aperta. Ho volutamente rinunciato a lunghi preamboli e spiegazioni perché i trucchi in questo E – book non devono annoiare ma divertire, affascinare e svegliare la curiosità e l’interesse per la matematica. **
### Sinossi
La matematica può essere molto divertente, sia voi abbiate 18 anni o ne abbiate 80! In questo piccolo libro elettronico ho raccolto per voi 33 trucchi dal mondo della matemagia. Per la maggior parte queste “magie” sono relativamente facili, però allo stesso tempo sono in grado di lasciare voi e i vostri amici a bocca aperta. Ho volutamente rinunciato a lunghi preamboli e spiegazioni perché i trucchi in questo E – book non devono annoiare ma divertire, affascinare e svegliare la curiosità e l’interesse per la matematica.

Matematica e Logica per i Test

Questo manuale di matematica e logica nasce dall’esperienza di vari anni di lezioni destinati alla preparazione di giovanissimi studenti ai test di ammissione per qualunque corso di laurea a numero programmato. Si trovano centinaia di esempi svolti e commentati, scelti secondo un progetto didattico preciso: accompagnare e introdurre lo studente alla risoluzione dei test attraverso esempi progressivamente sempre più complessi e sempre più simili ai test. Benché il libro si propone come Manuale sono offerti a compendio oltre 2000 test suddivisi per argomento, in parte elaborati e in parte scelti tra i test ufficiali proposti negli anni precedenti.

Mappe Mentali: Ecco Come Ricordare Tutto Quello Che Impariamo (Apprendimento Veloce, Tecniche Di Memoria, Mappe Concettuali)

Mappe mentali: Ecco come ricordare tutto quello che impariamo
OGGI IMPARERAI… Come ricordarti tutto quello che hai imparato!
Hai mai provato a creare delle mappe mentali per determinare i risultati delle tue azioni? Una volta che si impara il concetto di mind mapping, ogni situazione difficile, ogni sfida… si semplicherà!
E tu arriverai ad ottenere il miglior risultato possibile. Sarai in grado di determinare le possibili conseguenze di una determinata azione, i vari legami con le altre cose, e riuscirai a trovare sempre la soluzione vincente in poco tempo.
È possibile usufruire della mappatura mentale, soprattutto se non si è dotati di pensiero innovativo.
Questo perché le mappe mentali sono in grado di stimolare le capacità che sono associate con l’immaginazione, la flessibilità, l’organizzazione, e la creatività.
Sulla base di numerose ricerche a riguardo, il mind mapping promuove i quattro elementi del pensiero creativo tra cui l’utilizzo di colori, delle forme, delle dimensioni e di elementi insoliti. Il pensiero creativo consente di rispondere agli avvenimenti in maniera regolare e tramite una posizione concettuali.
Questo libro fornisce informazioni vitali sulle mappe mentali e sul potere che avrai grazie al mind mapping. Inoltre scoprirai com’è possibile sfruttare le migliori potenzialità del tuo cervello, per l’apprendimento e il ricordo di informazioni in maniera efficiente.
In più, questo libro fornisce una guida su come creare la propria mappa mentale nel modo più semplice ed efficiente possibile.
**Vorresti saperne di più?**
Scarica ora e impara…
Le nozioni di base sulle mappe mentali
Il potere del Mind Mapping
Suggerimenti per la creazione delle mappe mentali
E molto altro ancora!
**Scarica ora!**
Tags: apprendimento veloce, tecniche di memoria, mappe concettuali, mappe mentali, mappa concettuale, metodi di studio,metodo di studio

Maometto e il suo Allah: Ovvero, l’invenzione del Corano

In questo libro Maometto racconta la vita di Maometto.
Magdi Allam scrive un racconto sconvolgente rivolto a una maggioranza, anche di musulmani, che non sa nulla del fondatore dell’islam o ne ha un’immagine mistificata. I fatti descritti sono conformi a quanto è riportato nei testi ufficiali e, proprio perché i fatti corrispondono a quelli che sarebbero accaduti secondo Maometto, non sono da considerarsi veritieri di per sé. Non è pertanto un testo oggettivo sulla vita di Maometto, bensì la rappresentazione della vita di Maometto secondo Maometto. Ci sono fatti realmente accaduti che si sovrappongono alla visione di una realtà inverosimile, talvolta sognata e inventata, spesso manipolata spregiudicatamente per accreditare la sua superiorità sull’insieme dell’umanità quale “Messaggero di Allah”.
Nel suo insieme sembra di leggere un romanzo, eppure è questa la realtà in cui credono i musulmani, che sostanzia la loro fede, che ispira la loro spiritualità, che forgia la loro mente, che determina la loro azione. Di conseguenza, è questa la realtà che condiziona la vita di tutti noi, costretti a subire il terrorismo islamico dei tagliagole, di coloro che sgozzano, decapitano, massacrano e si fanno esplodere; il terrorismo del lavaggio del cervello che trasforma i musulmani in robot dell’odio.
I terroristi e i predicatori islamici si sentono investiti della missione di sottomettere l’intera umanità all’islam, perché determinati a ottemperare letteralmente e integralmente a ciò che Allah prescrive nel Corano e a ciò che ha detto e fatto Maometto.
Ecco perché è corretto affermare che l’islam si fonda anzitutto su Maometto, in quanto l’Allah del Corano è conseguente a Maometto. L’Allah coranico è una creatura di Maometto, non c’era prima di Maometto, non c’è laddove non si creda in Maometto, e cesserà nel momento in cui non si crederà più allo stesso Maometto che lo ha inventato. **
### Sinossi
In questo libro Maometto racconta la vita di Maometto.
Magdi Allam scrive un racconto sconvolgente rivolto a una maggioranza, anche di musulmani, che non sa nulla del fondatore dell’islam o ne ha un’immagine mistificata. I fatti descritti sono conformi a quanto è riportato nei testi ufficiali e, proprio perché i fatti corrispondono a quelli che sarebbero accaduti secondo Maometto, non sono da considerarsi veritieri di per sé. Non è pertanto un testo oggettivo sulla vita di Maometto, bensì la rappresentazione della vita di Maometto secondo Maometto. Ci sono fatti realmente accaduti che si sovrappongono alla visione di una realtà inverosimile, talvolta sognata e inventata, spesso manipolata spregiudicatamente per accreditare la sua superiorità sull’insieme dell’umanità quale “Messaggero di Allah”.
Nel suo insieme sembra di leggere un romanzo, eppure è questa la realtà in cui credono i musulmani, che sostanzia la loro fede, che ispira la loro spiritualità, che forgia la loro mente, che determina la loro azione. Di conseguenza, è questa la realtà che condiziona la vita di tutti noi, costretti a subire il terrorismo islamico dei tagliagole, di coloro che sgozzano, decapitano, massacrano e si fanno esplodere; il terrorismo del lavaggio del cervello che trasforma i musulmani in robot dell’odio.
I terroristi e i predicatori islamici si sentono investiti della missione di sottomettere l’intera umanità all’islam, perché determinati a ottemperare letteralmente e integralmente a ciò che Allah prescrive nel Corano e a ciò che ha detto e fatto Maometto.
Ecco perché è corretto affermare che l’islam si fonda anzitutto su Maometto, in quanto l’Allah del Corano è conseguente a Maometto. L’Allah coranico è una creatura di Maometto, non c’era prima di Maometto, non c’è laddove non si creda in Maometto, e cesserà nel momento in cui non si crederà più allo stesso Maometto che lo ha inventato.

Mani: Viaggi nel Peloponneso

Patrick Leigh Fermor è la massima approssimazione all’archetipo del viaggiatore di cui disponga il nostro mondo. Lo ha dimostrato fin dal 1933, quando, con un leggero zaino, si è lanciato in una traversata a piedi dell’Europa, da Londra a Istanbul, che ancora oggi non ha finito di raccontare. Ma il suo libro esemplare è dedicato a un luogo, il Mani – ultima propaggine del Peloponneso, magnifica e strana, che si distacca dal resto della Grecia per la sua natura aspra e allucinatoria e per la sua storica inaccessibilità. Quasi sempre a piedi, e per anni (come il suo grande amico, Bruce Chatwin), Leigh Fermor ha percorso la parte estrema del Peloponneso, descrivendone i paesaggi fascinosi, quasi lunari – e insieme segnati dalla più intensa mediterraneità –, facendone rivivere, con vena felice di narratore, storie, leggende e personaggi, e insegnandoci a viaggiare simultaneamente nello spazio e nel tempo. Che entri in una torre costruita per respingere i pirati turchi, chiarisca a quali nuovi usi si pieghino le icone custodite nelle centinaia di minuscole chiese che punteggiano le montagne, o semplicemente disegni la rosa dei venti che le spazzano, Leigh Fermor riesce in poche righe a farci vedere quello che ha visto e sentire quello che ha sentito, trasmettendo istantaneamente al lettore un germe benefico: quello del nomadismo. **
### Sinossi
Patrick Leigh Fermor è la massima approssimazione all’archetipo del viaggiatore di cui disponga il nostro mondo. Lo ha dimostrato fin dal 1933, quando, con un leggero zaino, si è lanciato in una traversata a piedi dell’Europa, da Londra a Istanbul, che ancora oggi non ha finito di raccontare. Ma il suo libro esemplare è dedicato a un luogo, il Mani – ultima propaggine del Peloponneso, magnifica e strana, che si distacca dal resto della Grecia per la sua natura aspra e allucinatoria e per la sua storica inaccessibilità. Quasi sempre a piedi, e per anni (come il suo grande amico, Bruce Chatwin), Leigh Fermor ha percorso la parte estrema del Peloponneso, descrivendone i paesaggi fascinosi, quasi lunari – e insieme segnati dalla più intensa mediterraneità –, facendone rivivere, con vena felice di narratore, storie, leggende e personaggi, e insegnandoci a viaggiare simultaneamente nello spazio e nel tempo. Che entri in una torre costruita per respingere i pirati turchi, chiarisca a quali nuovi usi si pieghino le icone custodite nelle centinaia di minuscole chiese che punteggiano le montagne, o semplicemente disegni la rosa dei venti che le spazzano, Leigh Fermor riesce in poche righe a farci vedere quello che ha visto e sentire quello che ha sentito, trasmettendo istantaneamente al lettore un germe benefico: quello del nomadismo.

Mal di merito

Roma, 1990: uno stanzone traboccante di plichi e scatoloni è l’archivio raccomandazioni del sottosegretariato alla Difesa. Quindici anni dopo, nel 2005, si scopre che le Poste hanno un database il quale, oltre alle richieste di assunzioni e promozioni, contiene anche le lettere di risposta – tra i destinatari, persino due cardinali. La “spintarella” è il sistema più usato in Italia per far muovere i lavoratori da un posto all’altro. Ma è anche il modo più sicuro di immobilizzare il Paese intero. Perché livella ogni merito, azzera qualunque formazione, blocca la ricerca. Dal settore della sanità a quello universitario, dagli scambi di poltrone del grande capitalismo al micro-nepotismo della piccola impresa, questa inchiesta ironica e incalzante racconta il colossale spreco delle menti migliori di generazioni di italiani. Il genio della sperimentazione sulle staminali che fugge all’estero perché qui deve “aspettare il suo turno” per essere promosso; il brillante fi sico costretto a comprare meteoriti su eBay e analizzarli nel tinello; il barone che con una telefonata “fa fuori” da un concorso un promettente cardiologo e molti altri.
Attingendo alla propria esperienza, Floris rivaluta l’individualismo meritocratico degli anni Ottanta e analizza il Sessantotto cogliendone, oltre ai meriti, alcuni inediti demeriti. Rievoca le avventure di un giovane giornalista e dei suoi coetanei in un’Italia medioevale, fatta di caste, castelli e feudi inespugnabili.
Diagnostica senza pietà la malattia degenerativa che distrugge le migliori cellule della società, una progressiva paralisi che minaccia il futuro di tutti e che la classe dirigente del Paese non può o non vuole curare. Ma, tra Steve Jobs e Alberto Sordi, Floris individua anche esempi di resistenza e possibilità di ripresa. Ci vorrà una cura da cavallo, ma l’Italia dal mal di merito può ancora guarire.

Mai Sentita Così Bene

Parigi, una sera di fine estate. Una cena fra donne: è tornata Lucia, l’amica timida e imbranata scomparsa per mesi senza lasciare traccia. L’occasione è tale che basta poco a scatenare la festa, che qui però diventa soprattutto una vera e propria festa della parola. Ci si dice, ci si confessa, ci si butta là come battute di commedia, ci si piange e ci si ride addosso. Sembrerebbero un po’ sbandate queste italiane all’estero, tutte invischiate in storie di amori e tradimenti consumati con allegria e determinazione, fra mille casini e qualche leggero senso di colpa. Ma cosa vogliono veramente? Dove vanno? Da che parte stanno? Rossana Campo non ce lo dice. Una sola cosa è chiara: vivere scantonando oltre la norma, le regole, le etichette, scommettere sul desiderio e il piacere.
Perché, come cantava Cindy Lauper, “le ragazze vogliono divertirsi”. E lo fanno.

Maddalena resta a casa

Roma, 1938. Dopo la morte della mamma, Maddalena e suo padre Marco, giornalista, si trasferiscono in una nuova casa. Sono gli anni che precedono la seconda guerra mondiale e in tutta Italia cresce la tensione tra fascisti e antifascisti. Accusato di complottare contro il regime, Marco viene arrestato e Maddalena si trova improvvisamente sola. Chi si prenderà cura di lei? Un’amica del padre si offre di aiutarla, ma la ragazzina, all’insaputa di tutti e con l’aiuto del suo nuovo amico Nino, decide di cavarsela da sola… Età di lettura: da 9 anni. **