42865–42880 di 69633 risultati

La grande truffa

Gli studenti Mark, Todd e Zola si sono iscritti alla scuola di legge di Washington con le migliori intenzioni e il sogno di cambiare il mondo una volta ottenuta la sospirata laurea. Dopo essersi coperti di debiti per poter pagare le rette salatissime di una mediocre scuola privata, i tre amici si rendono conto di essere oggetto di una grande truffa. Il loro istituto, infatti, insieme a molti altri, è nelle mani di un potente e losco investitore newyorchese, che è anche socio di una banca specializzata nella concessione di prestiti agli studenti.
Dopo anni di sacrifici e false promesse di un lavoro sicuro, Mark, Todd e Zola capiscono che con ogni probabilità non riusciranno mai a passare l’esame di avvocato. Ma forse c’è una via d’uscita: l’obiettivo è farla franca con i grossi debiti accumulati e vendicarsi del torto subito. E per fare tutto ciò i tre devono lasciare subito gli studi, fingere di avere i titoli per praticare la professione di avvocato, eleggendo il Rooster Bar, dove si incontrano abitualmente, a loro quartier generale. È un’idea completamente folle, o no?
John Grisham, con piglio brillante ed efficace, affronta un argomento di grande attualità non solo in America, mettendo a nudo gli interessi e i profitti che vengono maturati nel grande business delle scuole private.
**
### Sinossi
Gli studenti Mark, Todd e Zola si sono iscritti alla scuola di legge di Washington con le migliori intenzioni e il sogno di cambiare il mondo una volta ottenuta la sospirata laurea. Dopo essersi coperti di debiti per poter pagare le rette salatissime di una mediocre scuola privata, i tre amici si rendono conto di essere oggetto di una grande truffa. Il loro istituto, infatti, insieme a molti altri, è nelle mani di un potente e losco investitore newyorchese, che è anche socio di una banca specializzata nella concessione di prestiti agli studenti.
Dopo anni di sacrifici e false promesse di un lavoro sicuro, Mark, Todd e Zola capiscono che con ogni probabilità non riusciranno mai a passare l’esame di avvocato. Ma forse c’è una via d’uscita: l’obiettivo è farla franca con i grossi debiti accumulati e vendicarsi del torto subito. E per fare tutto ciò i tre devono lasciare subito gli studi, fingere di avere i titoli per praticare la professione di avvocato, eleggendo il Rooster Bar, dove si incontrano abitualmente, a loro quartier generale. È un’idea completamente folle, o no?
John Grisham, con piglio brillante ed efficace, affronta un argomento di grande attualità non solo in America, mettendo a nudo gli interessi e i profitti che vengono maturati nel grande business delle scuole private.

Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali

Il nesso tra cultura e politica, indissolubile fin dalle origini dell’Italia unita, in questi decenni è stato polverizzato. Ne è derivato il “grande silenzio” – è un’espressione di Garin -, il vuoto del pensiero critico, travolto dalla “civiltà montante”. Intervistato da Simonetta Fiori, Asor Rosa, uno degli studiosi che più hanno riflettuto sulla nostra storia culturale, racconta un Novecento disincantato e a tratti sorprendente e indaga il complesso rapporto tra cultura e politica nella storia italiana, soffermandosi sulla sinistra intellettuale della seconda metà del Novecento. Pagine affollate di personaggi celebri – da Pasolini a Calvino, da Fortini a Eco, da Togliatti a Berlinguer, da Tronti a don Milani – e di riflessioni inattese disegnano l’illusione del ceto colto di poter intervenire sulla realtà e il suo sgretolarsi nella stagione del terrorismo. **

Grande seno, fianchi larghi

Un commovente omaggio alla propria madre e alle proprie radici e insieme, uno sguardo che attraversa la storia travagliata della Cina. Dalla società feudale degli anni Trenta all’odierno capitalismo di stato, passando attraverso sussulti e rivolgimenti dell’era maoista, figli e nipoti degli Shangguan affrontano gioie e dolori dispensati da una terra estrema, primordiale. Nessuno meglio di Mo Yan sa rendere l’anima senza tempo della civiltà e della cultura cinesi, attraverso le sue mille evoluzioni e sfaccettature. Con questo romanzo, censurato in patria per l’esplicita crudezza delle testimonianze che riporta e i suoi toni corrosivi e grotteschi, Mo Yan torna al grande affresco rurale e mitologico che aveva reso celebre Sorgo rosso.

La grande rapina al treno

‘Michael Crichton sa rendere credibile l’incredibile.’
Washington Post

‘Il suo vero talento consiste nel fare entrare il lettore nel suo immaginario estremo, senza che egli se ne renda conto.’
la Repubblica

‘Amo qualsiasi cosa scriva Michael Crichton.’
Stephen King

Londra, 1855. Dodicimila sterline in lingotti d’oro, destinate all’esercito britannico impegnato nella guerra di Crimea, vengono caricate sul sorvegliatissimo espresso Londra-Parigi. Quando però il treno giunge a destinazione, nonostante i sigilli siano ancora intatti, si scopre che le casseforti contengono soltanto pallini da caccia. L’incredibile storia del più audace colpo del secolo e del suo geniale ideatore, il ladro gentiluomo Edward Pierce.

(source: Bol.com)

Il grande nulla

Los Angeles, anni Cinquanta. Tre personaggi diabolici vogliono far tornare i conti a tutti i costi: Mal Considine andando a caccia di comunisti, veri e presunti; Danny Upshaw dannandosi l’anima per catturare il maniaco che sta facendo strage di omosessuali; Buzz Meeks vendendo a caro prezzo informazioni molto, molto particolari… Tre uomini che, nel breve tempo del loro incontro, riescono ad arroventare l”intera città. James Ellroy alle prese con una Los Angeles magnifica, tenera e dannata.
**

Il grande libro delle ricette per la dieta dei gruppi sanguigni

L’appartenenza a uno specifico gruppo sanguigno influenza la nostra suscettibilità nei confronti di certe malattie ed è una sorta di impronta genetica che stabilisce chi siamo e le scelte alimentari e lo stile di vita che più ci si addicono. La dieta dei gruppi sanguigni, sviluppata negli Stati Uniti dal lavoro del dottor D’Adamo, è stata introdotta in Italia dal dottor Mozzi che, grazie a una fortunata trasmissione televisiva e alle sue conferenze sull’argomento, l’ha fatta conoscere a un pubblico sempre più vasto. Essa prescrive, per tutti, la drastica riduzione, se non l’eliminazione, di cereali che contengono glutine, latte vaccino e derivati, di salumi e carne di suino. Per ogni singolo gruppo aggiunge poi delle prescrizioni specifiche: ad esempio lo Zero e l’A devono evitare le patate, l’A e il B i pomodori, il B e l’AB il pollo. A beneficio di tutte le persone che hanno deciso di seguire questo nuovo regime alimentare, ma trovano difficoltà di carattere pratico ad abbandonare quello tradizionale, Marilena D’Onofrio ha raccolto in questo libro 101 ricette. I menu che propone spaziano dall’antipasto al dolce, offrendo numerose e appetitose varianti. Sono inoltre di realizzazione semplice, alla portata di tutti, anche di chi ha poca dimestichezza coi fornelli.
(source: Bol.com)

Il grande impostore

In Africa, alla vigilia della prima guerra mondiale, la spia tedesca Leopold von Ragastein conosce il baronetto Everard Dominey, che gli somiglia come una goccia d’acqua. La spia concepisce subito un piano semplice e letale: uccidere il suo sosia e prenderne il posto per introdursi nell’alta società britannica. Quando Dominey torna a Londra, comportandosi in modo decisamente inconsueto, il complotto internazionale si confonde con il suo oscuro passato, e i misteri cominciano a moltiplicarsi.
**

Il grande freddo

Anna North è vicina a realizzare il proprio sogno di diventare una scrittrice di successo, quando riceve la lettera di una giovane ammiratrice. Tutto normale? Sì, se non fosse che Anna North è in realtà Harlow Grail e si nasconde da ventitré anni, per evitare che i rapitori che l’avevano sequestrata da ragazzina possano tornare e vendicarsi della sua fuga. Anna risponde alla lettera usando la carta intestata del negozio di fiori dove lavora. Da qui, sarà uno scherzetto riuscire a rintracciarla. Inizia così un effetto domino: una persona a lei vicina scompare, donne che le assomigliano vengono assassinate e Anna si trova sola a combattere contro l’ignoto. Nemmeno l’affascinante detective di polizia Quentin Malone, a cui si è rivolta per fare chiarezza sul caso, sembra credere alle sue fantasie persecutorie. Ma si dovrà presto ricredere.

La grande frattura

C’è un’enorme frattura che divide il mondo di oggi: quella che separa l’1 per cento ricco dal restante 99 per cento. Un baratro nelle cui profondità si annidano le cause di molti fenomeni politici e sociali che agitano il presente. In queste pagine il premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz affronta, in modo chiaro e accessibile, le dimensioni e l’urgenza della disuguaglianza; le sue cause e le sue conseguenze. Ci mostra gli effetti di scelte economiche irresponsabili che negli ultimi trent’anni, in nome della libertà del mercato, hanno acuito il divario tra ricchi e poveri arrivando a minare le basi su cui si fonda il ceto medio. E propone delle soluzioni. Perché la scelta tra crescita e giustizia non è inevitabile; possiamo immaginare di costruire un futuro che sia piú prospero e insieme piú giusto.
(source: Bol.com)

Il grande fiume del cielo

In un lontano futuro, in una galassia ormai quasi completamente esplorata, l’esistenza dell’intera umanità viene messa in pericolo dai feroci Mechs, organismi meccanici privi di sentimenti e animati unicamente dal desiderio di distruggere tutte le forme di vita organica e, per la prima volta nella sua storia millenaria, l’uomo da cacciatore diventa preda in una lotta senza esclusione di colpi. assomiglia sempre di più a un racconto di Mc Inerney e sempre meno a un romanzo di Carlo Levi. incolpare Cesare, ma i due etologi non ne sono affatto convinti.
**

Il grande crollo

In un discorso pronunciato nel dicembre del 1928, il presidente degli Stati Uniti Coolidge affermò che il Paese poteva “considerare il presente con soddisfazione e il futuro con ottimismo”: la Borsa andava a gonfie vele, le azioni crescevano e il denaro correva a fiumi. Eppure pochi mesi dopo una crisi economica senza precedenti travolse e gettò sul lastrico milioni di persone. In un’opera diventata un classico, il grande economista John Kenneth Galbraith ricostruisce le cause che portarono al piû grande crollo finanziario del Novecento: dalle disuguaglianze nella distribuzione del reddito alle falle del sistema bancario, fino alla chimera della crescita infinita che illuse investitori e comuni cittadini, l’analisi di Galbraith rivela inquietanti analogie con la realtà attuale e ci permette di comprendere in prospettiva perché le bolle speculative che ancora distorcono la nostra economia scoppiano spesso senza allarmi, con conseguenze devastanti per tutti noi.

La grande clessidra

La prima macchina del tempo – quella costruita da H. G. Welis nel 1895 – era un rozzo trabiccolo che il viaggiatore temporale inforcava come una specie di bicicletta. Poi, coi progressi della fantascienza, questo tipo di macchina si è enormemente diffuso e notevolmente perfezionato; non c’è fantautore, si può dire, che non ne abbia presentato uno o più modelli di sua invenzione. Ma chi fino a oggi aveva mai pensato a una macchina del tempo cinica e strafottente, che discutesse di Aristotele o Giovanna d’Arco con un ghigno sarcastico sulle labbra e i piedi sulla scrivania? Ma attenzione, nota bene, achtung! Prima di assegnare senz’altro a Ron Goulart l’Oscar per la migliore “time machine” si legga anche il racconto che pubblichiamo in appendice al romanzo: anche lì c’è una macchina del tempo; e il racconto è firmato Woody Allen.
Copertina di: Karel Thole

Grande città violenta

In questa città devi guardarti le spalle. Qui tutto può succedere in qualsiasi momento e in qualsiasi posto. E non occorre essere un detective per sentire nel vento l’odore del male. La città è immensa, ostile spietata. Sul giornale compare il viso grazioso di una ragazza morta che giace scomposta vicino ad una panchina di Grover Park, a meno di sette isolati dalla sede dell’87 distretto. Intanto i telegiornali della notte riferiscono degli ultimi successi di Cookie Boy, un abilissimo topo d’appartamenti che firma ogni colpo con una scatola di biscotti al cioccolato. Mentre i detective Carella e Brown si mettono al lavoro e scoprono che la ragazza assassinata nel parco non è una delle tante assassinate ma una donna dall’insospettabile passato…

La grande caccia. La ruota del tempo

Nel corso dei secoli i menestrelli hanno cantato la storia del Corno di Valere, capace di ridestare dal sonno eterno gli eroi dell’Epoca Leggendaria. Ora il Corno è stato ritrovato, solo per essere di nuovo smarrito assieme al pugnale di Shadar Logoth, da cui dipende la vita di Mat, il fedele amico di Rand al’Thor. E da Rand dipende l’impresa colossale del ritrovamento del Corno, dal coraggio di un giovane pastore consapevole che affrontare la Caccia vuol dire tessere un destino che mai si vorrebbe veder realizzato. La Grande Caccia al Corno di Valere è solo l’inizio di un lungo viaggio di scoperta, mentre la Ruota del Tempo gira e le Epoche si susseguono, e il Disegno esige un Drago.

Grammatica della fantasia

Sinossi
«Un sasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche che si allargano sulla sua superficie, coinvolgendo nel loro moto, a distanze diverse, con diversi effetti, la ninfea e la canna, la barchetta di carta e il galleggiante del pescatore… Non diversamente una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagi ni, analogie e ricordi, significati e sogni…» Sono parole di Gianni Rodari, che chiariscono in modo esemplare la vocazione di questo libro diventato ormai un classico: parlare dei processi della fantasia e delle regole della creazione per renderne l’uso accessibile a tutti. Partendo dall’esame dei congegni che muovono l’immaginazione, l’autore non ci consegna, però, un ricettario per costruire storie, ma ci offre “materia prima”, idee, occasioni di riflessioni fantastiche utilissime per superare la muraglia della routine scolastica e per riconoscere il ruolo della creatività all’interno del processo educativo.
“Lo que estoy haciendo es buscar las constantes de los mecanismos fantásticos, las leyes todavía no profundizadas de la invención, para volver accesible a todos, su uso. Insisto en esto porque pese a que el romanticismo la ha rodeado de misterio y ha creado en torno suyo una especie de culto, el proceso creativo está implícito en la naturaleza humana y, por lo tanto, la felicidad que significa expresarse y jugar con las fantasías se halla al alcance de todos”. De esta investigación que Gianni Rodari llevará adelante durante muchos años, ha nacido gramática de la fantasía, una propuesta concreta para que chicos y grandes inventen sus propias historias.

Graffio sull’anima

*Quando il gioco si fa duro…*
Il momento che Faythe temeva è giunto, la guerra tra clan è scoppiata e i nemici della sua famiglia, giocando più sporco che mai, hanno coinvolto nel conflitto una nuova, pericolosa specie di mutaforma. Come se non bastasse, la tensione tra Marc e Jace è alle stelle, e lei sa che prima o poi dovrà prendere una decisione. E che non sarà facile. Tanto più che per salvare il clan centromeridionale dalla nuova minaccia Faythe avrà bisogno dell’appoggio di entrambi.