42705–42720 di 63547 risultati

Il colpevole – Verdetto finale

Jason Kolarich aveva tutto: una brillante carriera di avvocato, una moglie splendida e una figlia adorabile. Poi non gli è rimasto niente. Mentre lui vinceva in aula il caso più eclatante degli ultimi anni, un tragico incidente gli strappava via la famiglia, trascinandolo in una spirale di sensi di colpa e rimpianti. In poco tempo, la gloria e la fama hanno quindi lasciato il posto all’anonimato e alla mediocrità. In una situazione del genere, sarebbe da pazzi rifiutare una cifra da capogiro – 150.000 dollari – per assumere la difesa in un caso di omicidio. Ma ci sono molti punti oscuri: i soldi gli sono stati offerti da un certo Mr Smith, un uomo misterioso dal cognome fin troppo comune; l’imputato è Sammy Cutler, un suo vecchio amico d’infanzia, che non ha mai avuto un soldo in tasca e con il quale ha un conto in sospeso; e, soprattutto, le prove in mano all’accusa sono schiaccianti. Sammy, infatti, si è vendicato dell’uomo che, molti anni prima, era stato sospettato di aver rapito e fatto sparire la sua sorellina. Perché allora ingaggiare proprio lui? E chi ha interesse a salvare Sammy dalla pena di morte? Jason scoprirà presto che quel caso nasconde molti segreti e che la verità, a volte, è meglio che rimanga sepolta, per sempre…

La colpa

Una serie di eventi terrificanti si verificano in rapida successione in un quartiere di lusso di Los Angeles. La ristrutturazione di un cortile porta alla luce il corpo di un bambino, sepolto sessant’anni prima. Subito dopo, un’altra macabra scoperta di ossa vicino al corpo di una donna uccisa spinge il detective Milo Sturgis a richiedere l’aiuto dello psicologo Alex Delaware. Ma sembra che neanche la sua vasta esperienza sia sufficiente a disseppellire la disturbante verità legata ai ritrovamenti. L’indagine dovrà scavare nel passato, nella storia d’amore tra un’infermiera e un medico in un ospedale dalla cattiva fama. Ma non solo. Arriverà a irrompere nel mondo privilegiato e protetto delle celebrità hollywoodiane, che sotto la sua superficie scintillante e frivola nasconde riti violenti e sinistri. Alex e Milo stanno per confrontarsi con una delle menti più depravate e pericolose con cui abbiano mai avuto a che fare, in una storia di morte e follia, sognatori e predatori, innocenza assoluta e colpa profonda.
**

Il colore del desiderio

Da poco stabilitasi a New York, l’inquieta e fascinosa Summer sembra finalmente godersi la vita, suonando il suo amato violino in una vera orchestra. Sotto l’occhio attento di Simón, l’attraente direttore venezuelano, la carriera di Summer sta per prendere il volo.
Ma le seduzioni di quella metropoli tentacolare, e il successo appena assaporato, portano fatalmente anche nuove tentazioni, e non passa molto tempo prima che Summer si senta di nuovo attratta da quel mondo di eccitazione e desiderio che pensava di essersi lasciata alle spalle.
Nel frattempo, anche Dominik si è trasferito nella Grande Mela, per inseguire la donna senza la quale non è più capace di vivere. Ma se da un lato Dominik crede ancora di poter proteggere Summer da se stessa, dall’altro non si rende conto che è proprio la sua passione a risultare più distruttiva per entrambi.
Il legame che li unisce è vicino al punto di rottura, e tutto minaccia di far separare le loro strade…

Collusi

Da oltre vent’anni Nino Di Matteo è in prima linea nella lotta a Cosa nostra. Titolare di un’inchiesta che fa paura a tanti – quella sulla trattativa Stato-mafia, che si sviluppa nel solco del lavoro di Chinnici, Falcone e Borsellino – è lui il magistrato più a rischio del nostro Paese. Le indagini che ha diretto e continua a dirigere, ritenute scomode persino da alcuni uomini delle istituzioni, lo hanno reso il bersaglio numero uno dei boss più influenti: Totò Riina e Matteo Messina Denaro. Le parole del pm, raccolte dal giornalista Salvo Palazzolo, offrono una testimonianza diretta e autorevole sulle strade più efficaci per contrastare lo strapotere dei clan. E lanciano un grido d’allarme: Cosa nostra non è sconfitta, ha solo cambiato faccia. È passata dal tritolo alle frequentazioni nei salotti buoni, facendosi più insidiosa che mai; anche se le bombe tacciono, il dialogo continua: tra politica, lobby, imprenditoria e logge massoniche si moltiplicano i luoghi franchi in cui lo Stato è assente. Con una semplicità unica, Di Matteo condivide con il lettore la propria profonda comprensione del fenomeno mafioso di oggi. Così, tra denunce e proposte, questo libro permette di gettare uno sguardo ai meccanismi con cui Cosa nostra si è insinuata nelle logiche economiche, sociali e politiche del nostro Paese. Un’opera che si rivolge a tutti, perché è dalle azioni di ciascuno che deve partire il contrasto alla criminalità. Per non arrenderci a un futuro in cui mafia e sistema-Paese siano una cosa sola.
(source: Bol.com)

Il collezionista

Un impiegato, collezionista di farfalle, si innamora di una ragazza vista per caso e la tiene prigioniera osservandola e ammirandola come farebbe con una farfalla. Romanzo a due voci, in cui quella del collezionista-sequestratore si alterna a quella della sua vittima.
**

Il collezionista di ossa. La prima indagine di Lincoln Rhyme

Rhyme, criminologo forense divenuto tetraplegico in seguito a un incidente legato a un’indagine, viene incaricato di scovare il serial killer che rapisce persone appena arrivata a New York e poi le uccide asportandone dei pezzi. Il killer lascia indizi criptici che, se decifrati in tempo, possono portare alla vittima successiva. Affiancato da Amelia, la poliziotta che sostituisce le sue braccia e le sue gambe inerti, Rhyme lavora per deduzioni logiche e capisce che l’assassino è convinto di essere “il Collezionista di ossa”, uno psicopatico degli inizi del secolo. Nella caccia all’uomo in lotta contro il tempo per salvare le vittime designate, Rhyme capisce che il killer in realtà vuole colpire proprio lui.
**

Il collezionista delle piccole cose

In una ventosa mattina d’aprile del 1845, il giovane Eliot Saxby, collezionista di piccole cose – uova di uccelli introvabili, animali estinti e altri reperti del passato –, si imbarca sull’Amethyst, un brigantino a tre alberi all’ancora nel porto di Liverpool. La nave è diretta all’Artico, dove Saxby conta di entrare in possesso di qualche resto – un becco, una zampa o qualsiasi altra cosa da serbare in una teca – di alca impenne, un uccello di notevole dimensione inabile al volo e probabilmente estinto da quando i cacciatori hanno preso stabile dimora nelle terre del Nord.
La ciurma carica le scorte, molla gli ormeggi e, nell’istante in cui l’Amethyst abbandona la banchina del porto di Liverpool, Eliot Saxby avverte un brivido gelido corrergli lungo la schiena. Col senno di poi, si chiederà se quello sia stato il primo avvertimento, la premonizione di un viaggio maledetto e fatale.
L’equipaggio e i passeggeri sono stranamente assortiti e non tardano a svelare la loro natura. Il capitano Sykes, basso e grassoccio, con una giubba pesante abbottonata fino al collo e due ciuffi di capelli biondi e ispidi ai lati della testa, ha l’aria di un furbo, enigmatico vagabondo. Il signor French, il suo secondo, schiena diritta, colletto rigido e portamento perennemente impettito, è troppo cerimonioso per riuscire a fugare i dubbi sulla sua persona. Edward Bletchey, il giovane dandy che si aggira sul ponte coi suoi abiti sgargianti e i capelli lucidi di un biondo rossiccio acconciati alla moda in lunghi boccoli, ha modi impeccabili, ma un bagliore fugace e furtivo negli occhi. E, infine, sua cugina, la bella, eterea Clara, elegante nei suoi abiti di broccato di seta color oro, sfugge troppo gli sguardi degli altri passeggeri per non suggerire il disagio di trovarsi, lì, su quel brigantino. La ciurma è nervosa, una donna a bordo, benché delicata e attraente, è chiaro auspicio di sventura. Eliot Saxby, invece, osserva la giovane e gli sembra di riconoscere in lei una persona incontrata molti anni prima.
I fantasmi del passato si accalcano sull’Amethyst, come clandestini silenziosi che reclamano spazio e voce. Quanto più la nave si addentra tra i ghiacciai dell’Artico, dove i confini del mondo noto sembrano svanire e le regole della civiltà non avere più senso, tanto più i destini dei singoli passeggeri si mostrano uniti da sorprendenti, inaspettati legami.

Colibrì

Anna Fekete è una giovane detective di origine ungaro-serba che svolge la sua professione in una cittadina costiera della Finlandia settentrionale. Le sue origini non le impediscono di essere a proprio agio con la cultura finlandese, ciononostante nel nuovo paese si sente un’estranea, forse soprattutto a se stessa. La situazione non è resa migliore dal collega con cui fa coppia: Esko è un uomo di mezza età che non si preoccupa affatto di nascondere i suoi pregiudizi razziali. Anna è entrata da poco in servizio e già si trova a dover condurre l’indagine per un omicidio che ha sconvolto l’intero paese. Una giovane donna viene uccisa mentre fa jogging e sul suo corpo viene ritrovato un ciondolo raffigurante la divinità azteca Huitzilopochtli. Il mito rammenta la sua prodigiosa nascita da una donna fecondata da piume di colibrì. Poco tempo dopo, si verifica un altro omicidio simile. Tutto lascia pensare a un serial killer. Riuscirà Anna a catturare il ”Colibrì” prima che mieta altre vittime? C’è poi anche il caso di Dijar, una giovane donna curda che ha contattato la Polizia per paura di finire vittima di un delitto d’onore. Ma durante gli interrogatori la ragazza ritratta, ha paura di parlare, costringendo Anna a cercare altrove le prove di cui ha bisogno.
(source: Bol.com)

Le coincidenze significative. Da Lovecraft a Jung, da Mussolini a Moro, la sincronicità e la politica

Partendo da un concetto definito da Jung nel 1950, quello di sincronicità, Giorgio Galli propone un’analisi della realtà politica italiana e internazionale dell’ultimo secolo, attraverso l’individuazione di “coincidenze significative” fra gli eventi della storia. Esse, secondo lo psicoanalista svizzero, riguarderebbero fatti non vincolati da un rapporto di causa ed effetto (l’uno non è la conseguenza dell’altro) ma caratterizzati appunto da sincronicità (avvengono nello stesso tempo), e che presenterebbero un’evidente comunanza di significato. Muovendo dalla suggestiva intuizione junghiana, Galli individua nelle coincidenze significative il prodotto di un “gruppo di eventi schierati attorno a un centro”, la cui decifrazione coincide con il tentativo di mettere ordine in una realtà sempre più difficile da decodificare secondo i canoni tradizionali della causalità. La storia e la cronaca offrono numerosi e sorprendenti esempi di “coincidenze” – quelle che legano Matteotti, Mussolini e Moro, ma anche la strage di piazza Fontana, gli Ufo e il caso Calvi; oppure quelle che caratterizzano la politica estera statunitense da Reagan a Obama, passando per l’attacco alle Twin Towers -, che l’occhio esperto di Galli individua facendo emergere relazioni inattese e “misteriose”, ma proprio per questo intriganti. Al lettore l’invito e la sfida a coglierne altre.
**

Le coincidenze dell’amore

Meglio una verità che lascia senza speranza o continuare a credere nelle bugie? Sky non ha mai provato il vero amore: ogni volta che ha baciato qualcuno, ha solo sentito il desiderio di annullarsi, nessuna emozione, nessuna dolcezza. Ma quando Sky incontra Holder, ne è subito affascinata e spaventata insieme. C’è qualcosa in lui che fa riemergere quello che lei aveva spinto nel profondo della sua anima, il ricordo di un passato doloroso che torna a turbarla. Sebbene sia determinata a starne lontano, il modo in cui Holder riesce a toccare corde del suo cuore, corde che nessuno riesce neppure a sfiorare, fa crollare le difese di Sky. Il loro legame diventa sempre più intenso, ma anche Holder nasconde un segreto, che una volta rivelato cambierà la vita di Sky per sempre. Soltanto affrontando coraggiosamente la verità, senza rinunciare all’amore e alla fiducia che provano l’uno per l’altra, Holder e Sky possono sperare di curare le loro ferite emotive e vivere fino in fondo il loro rapporto. Un romanzo toccante e intenso come solo il primo amore può essere.

(source: Bol.com)

Cogito ergo sum

Le frasi celebri di alcuni filosofi vengono impiegate anche dall’uomo della strada. Magari senza neppure sapere da chi sono state dette. Non crediate che sia un male. Il meglio di un filosofo spesso non sono le migliaia di pagine che ha riempito, ma quelle cinque o sei parole che racchiudono in una sentenza il suo pensiero più originale. Talora si tratta di un’esortazione: conosci te stesso! Altre volte di un criterio: la virtù sta nel giusto mezzo. Può anche essere una semplice constatazione: tutto scorre. Un libro sui detti dei filosofi può costituire quindi un accesso privilegiato a secoli di storia del pensiero”. L’autore racconta la storia della filosofia partendo dalle formule dei filosofi, cioè dalla massima sintesi del loro pensiero, per spiegare le teorie, l’ambiente e l’epoca in cui sono nate. Ne risulta un’opera agile, un modo di spiegare la filosofia chiaro, appassionante, spesso divertente, capace di allontanare definitivamente l’idea che si tratti di una materia incomprensibile, avulsa dalla realtà quotidiana. Un saggio completo e di grande leggibilità, un approccio originale e approfondito, nella tradizione delle opere di divulgazione Salani, come Breve storia del mondo di Sir E. Gombrich e Storia dell’umanità di Van Loon.
(source: Bol.com)

Cogan

Una bisca clandestina rapinata una notte probabilmente da qualcuno fuori dal giro. Pesci piccoli che pensavano di sfangarla, invece si ritrovano alle calcagna Jackie Cogan. Un gangster in giaccone di camoscio spelacchiato e Chevrolet con le fiamme sulle fiancate, cui toccherà mettere in chiaro, tra scrocconi, criminali e avanzi di galera, chi sia a far le regole della malavita a Boston. Un crime magistrale, entrato nella storia per il suo stile precursore del migliore Tarantino, ora portato sullo schermo da Brad Pitt.
***
‘Uno stile di crime story unico, fatto di dialoghi incalzanti e divaganti, tutto fatto di cose, di tira e molla sul costo delle armi, di minacce, di fiumi di parolacce e di alcol, di luoghi comuni del mondo del piccolo crimine’.
**Irene Bignardi**
***
‘Higgins è il mio maestro di stile. Tutto quel che so di crime novel l’ho imparato da lui’.
**Elmore Leonard**
***
‘Higgins è uno dei grandi innovatori del crime e merita di stare a fianco di Chandler e Hammett’.
**Scott Turow**
(source: Bol.com)

Cofanetto (5 Libri): Il Mio Principe Azzurro (La Collezione Completa)

Risparmia €7.50!!! Offerta a tempo limitato!!!
ATTENZIONE: Non acquistare questo libro se non sei un adulto. Al suo interno contiene materiale erotico, come nell’esempio seguente. Riservato al pubblico adulto!!
** *Peter era un po’ più alto di me, e quel abbraccio mi fece appoggiare la testa sul suo collo, permettendomi di sentire il suo profumo, di colonia e sapone.
Senza pensarci su più di tanto, alzai il mio viso verso di lui, lo baciai dolcemente, facendo poi scivolare la mia lingua sulla sua. Senza rendermene quasi conto,
eravamo appoggiati alla porta d’entrata, stretti in un bacio appassionato.
Mentre le nostre bocche erano l’una addosso all’altra, le mani di Peter correvano sul mio corpo, accarezzandolo, in una sensazione eccitante, che avevo già provato prima.
Mi ricordai di come Peter mi avesse fatto soffrire e quel ricordo mi fece tornare con i piedi per terra. Non potevo lasciarmi andare in quel modo, arrendermi così.
Mi staccai piano dal bacio di Peter.
“Buona notte, Peter”, dissi mettendo la mano sul pomello. “A presto”. * **
Lesley Leonard è un avvocato di 26, ma di successo.
La sua vita amorosa è davvero carente.
Ha cercato di trovare il ragazzo giusto in tutte le maniere, dalle conoscenze più importanti agli incontri online.
Non ha mai provato un appuntamento alla cieca su consiglio di un’amica.
Una sera, dopo qualche bicchiere di troppo, Lesley decide di accettare questa sfida.
Quando vede per la prima volta il ragazzo dell’appuntamento si accorge di conoscerlo già.
Peter Ryan era all’ultimo anno di college quando lei era solo una matricola.
A quei tempi era una persona completamente diversa, completamente stregata dal suo fascino, a lui era uno di quelli che se la tirano parecchio, quindi finì col farsi del male.
Appena capì che Peter non si ricordava di lei, decise di ripagarlo con la stessa moneta.
Decide di vendicarsi per quello che le aveva fatto al college: farlo sentire una nullità, come lui aveva fatto sentire lei.
Riuscirà a vendicarsi?
O
Resterà di nuovo ammaliata dal suo fascino?
Troverà il principe dei suoi sogni?

Il codice Provenzano

Oggi che i padrini corleonesi sono stati arrestati, nella zona grigia restano i veri segreti di una lunga stagione di affari e di complicità. Decifrare i pizzini di Provenzano significa risolvere un giallo fitto di crimini e connivenze. In questo libro tutti gli elementi indiziari più preziosi.L’arresto di Bernardo Provenzano ha segnato un momento cruciale nella lotta alla mafia corleonese, che ha scandito una lunghissima stagione di sangue in Sicilia, e non solo, a partire dal 1978. Anche l’ultimo dei grandi capi in latitanza è finito in manette. Così, dal punto di vista delle statistiche, un’epoca è stata chiusa. Ma nella lunga stagione dei corleonesi, restano ancora troppi elenchi senza nomi. Quelli dei favoreggiatori a volto coperto, dei complici eccellenti e dei mandanti ‘altri’ dei delitti politico-mafiosi. Il libro-documento che ha fatto conoscere la filosofia e gli affari della nuova mafia propone nuovi indizi per decifrare il fitto mistero del suo codice.Del Codice Provenzano hanno detto:«Firmate dal pm che coordinò le indagini per arrivare al boss e al suo archivio, e dal giornalista Salvo Palazzolo, trecento pagine per capire il contenuto di ciò che s’è scoperto e quello che c’è ancora da scoprire.»Giovanni Bianconi, Corriere della Sera«Quella che era partita come un’inchiesta giudiziaria è diventata un libro che tenta di spiegare il potere di un capo avvolto nel mistero per quasi mezzo secolo. Il titolo anticipa tutto il resto: Il codice Provenzano. Un codice che è come una via che ha attraversato la Sicilia. Con lui, il Padrino, sul ponte di comando.»Attilio Bolzoni, la Repubblica

Codice Nomad

**«Impossibile staccarsi. Un libro imperdibile.»
Wilbur Smith
Il thriller più esplosivo che leggerete quest’anno
Marc Dane è un agente speciale dei servizi segreti britannici che lavora come tecnico dietro lo schermo di un computer. **La sua squadra, cui è stato dato il nome in codice “Nomad”, ha una missione delicata: presso il porto di Dunkerque tiene d’occhio una nave, al cui interno è nascosta un’arma che potrebbe mettere in pericolo il mondo intero. Il passo successivo per i compagni di Marc è salire su quella nave, scovare l’obiettivo, sottrarlo dalle mani di chi lo possiede e tornare sani e salvi a terra. Ma in un istante cambia tutto. Un’esplosione investe il gruppo. A molte miglia di distanza, un’altra bomba era già scoppiata a Barcellona, distruggendo una stazione della polizia. Dane, unico sopravvissuto della sua squadra, viene accusato di essere un traditore. Inizierà per lui una corsa contro il tempo e in giro per il mondo per provare la sua innocenza e soprattutto per fermare i responsabili di quelle stragi prima che entrino di nuovo in azione…
**Bestseller in Inghilterra**
«Impossibile staccarsi. Un libro imperdibile.»
**Wilbur Smith**
«Un thriller sensazionale.»
**The Sun**
«Un thriller che tiene in tensione dall’inizio alla fine.»
**The Closer**
**James Swallow**
È un autore e sceneggiatore britannico. Ha scritto romanzi brevi, racconti e numerosi drammi radiofonici. Ha collaborato, tra le altre, alle serie TV* Star Trek*, *Doctor Who*, *Stargate*. Nel 2013 ha ottenuto una nomination dalla British Academy of Film and Television Arts (BAFTA). Vive e lavora a Londra.
**
### Sinossi
**«Impossibile staccarsi. Un libro imperdibile.»
Wilbur Smith
Il thriller più esplosivo che leggerete quest’anno
Marc Dane è un agente speciale dei servizi segreti britannici che lavora come tecnico dietro lo schermo di un computer. **La sua squadra, cui è stato dato il nome in codice “Nomad”, ha una missione delicata: presso il porto di Dunkerque tiene d’occhio una nave, al cui interno è nascosta un’arma che potrebbe mettere in pericolo il mondo intero. Il passo successivo per i compagni di Marc è salire su quella nave, scovare l’obiettivo, sottrarlo dalle mani di chi lo possiede e tornare sani e salvi a terra. Ma in un istante cambia tutto. Un’esplosione investe il gruppo. A molte miglia di distanza, un’altra bomba era già scoppiata a Barcellona, distruggendo una stazione della polizia. Dane, unico sopravvissuto della sua squadra, viene accusato di essere un traditore. Inizierà per lui una corsa contro il tempo e in giro per il mondo per provare la sua innocenza e soprattutto per fermare i responsabili di quelle stragi prima che entrino di nuovo in azione…
**Bestseller in Inghilterra**
«Impossibile staccarsi. Un libro imperdibile.»
**Wilbur Smith**
«Un thriller sensazionale.»
**The Sun**
«Un thriller che tiene in tensione dall’inizio alla fine.»
**The Closer**
**James Swallow**
È un autore e sceneggiatore britannico. Ha scritto romanzi brevi, racconti e numerosi drammi radiofonici. Ha collaborato, tra le altre, alle serie TV* Star Trek*, *Doctor Who*, *Stargate*. Nel 2013 ha ottenuto una nomination dalla British Academy of Film and Television Arts (BAFTA). Vive e lavora a Londra.